Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Rifiuto di accettare incarico interno

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
Dott_Khan



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 24.03.16

MessaggioOggetto: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 5:45 pm

Salve a tutti, avrei un dubbio che spero di fugare su questo forum che mi pare davvero molto organizzato; questo e' il mio primo topic, ho infatti scoperto questo sito solo da pochi giorni.

La domanda e' molto semplice, e' la risposta che e' terribilmente confusionaria dato che i pareri che ho sentito sono molto contrastanti. In sostanza: puo' un dirigente scolastico obbligare un docente ad assumersi un incarico anche se il docente non vuole?

Nella scuola media statale dove insegno io, siamo circa una cinquantina di insegnanti e abbiamo un preside che ha l'abitudine di assegnare incarichi a destra e sinistra, in molte riunioni poi alle quale dovrebbe partecipare lui, al suo posto vengono spediti docenti in sua vece; un ulteriore problema e' che molti docenti si rifiutano di accettare incarichi quando gli vengono proposti (ho famiglia, ho i figli piccoli, devo stirare le maglie al marito, .....) e quindi sono sempre i soliti "Fantozzi" a doversi sorbire tutto.

Tanto per dire io sono il responsabile del POF, sono referente dei DSA, sono il responsabile dell'INVALSI e recentemente mi e' pure stato chiesto di entrare a far parte del consiglio d'istituto e a quest'ultima cosa ho risposto seccamente di no attirandomi le solite frasi retoriche del preside che mi chiedeva di essere piu' collaborativo, dimenticandosi pero' degli altri docenti, moltissimi dei quali di incarichi non ne hanno nemmeno uno !!!

A questo punto, non solo mi rifiutero' di assumere altri incarichi ma voglio anche dare le dimissioni da quelli che ho e qui la domanda: puo' il preside obbligarmi a mantenerli o addirittura a sua discrezione assegnarmene altri? Dice qualcosa la legge in proposito?

Grazie a chi potra' rispondermi, ho gia' chiesto dappertutto ma una risposta definitiva e sicura non l'ho purtroppo ancora ottenuta.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 5:49 pm

Gli incarichi sono su base volontaria, nel senso che il DS non ti può obbligare ad assumere un incarico se tu non vuoi. Il DS ti può fare la proposta, ma tu sei liberissimo di rifiutare
Tornare in alto Andare in basso
Dott_Khan



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 24.03.16

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 5:55 pm

Gentile Giovanna, grazie per la risposta; in effetti questo che mi dici e' quello che ho sentito dire in giro da molti; altri pero' mi hanno anche detto che (ipotesi assurda) se non ci fosse nessuno ma proprio nessuno che voglia assumersi un determinato incarico, il preside puo' precettare l'insegnante che vuole e "costringerlo" ad accettare.

Quello che mi piacerebbe e' poter vedere cosa la legge prevede a proposito, mi sembra strano che non esista alcuna disposizione a riguardo, anche perche' se davvero il mio preside si inventasse un icarico e nessuno volesse svolgerlo che si fa?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 7:11 pm

nel vostro ccnl sono indicate le attività obbligatorie e quelle facoltative.

Se nessuno lo vuole svolgere semplicemente non si svolge
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 7:12 pm

Dott_Khan ha scritto:
Gentile Giovanna, grazie per la risposta; in effetti questo che mi dici e' quello che ho sentito dire in giro da molti; altri pero' mi hanno anche detto che (ipotesi assurda) se non ci fosse nessuno ma proprio nessuno che voglia assumersi un determinato incarico, il preside puo' precettare l'insegnante che vuole e "costringerlo" ad accettare.

Quello che mi piacerebbe e' poter vedere cosa la legge prevede a proposito, mi sembra strano che non esista alcuna disposizione a riguardo, anche perche' se davvero il mio preside si inventasse un icarico e nessuno volesse svolgerlo che si fa?
La risposta è complessa perché la normativa non definisce obblighi individuali specifici, bensì obblighi per l'istituzione scolastica nel complesso, demandando al dirigente scolastico una generica facoltà di organizzare la gestione delle risorse umane. Al tempo stesso, il CCNL definisce esplicitamente gli obblighi individuali a cui sono soggetti i docenti.

In definitiva la quasi totalità degli incarichi aggiuntivi è affidata al volontariato. Il dirigente scolastico non ha potere di "precettazione", ma è tenuto a adoperarsi affinché una serie di adempimenti a cui l'istituzione è obbligata ad assolvere siano comunque assolti.
Ciascun dirigente scolastico si adopera perciò secondo le sue propensioni per ottenere il risultato voluto. C'è chi ricorre alla motivazione, all'incentivazione, alla richiesta di collaborazione, percorrendo la via della sostenibilità. C'è chi ricorre a pressioni di varia natura, anche al limite del mobbing, del ricatto, dell'abuso, spesso forte del fatto che, alla fine, una buona quota di insegnanti non conosce le norme e i contratti o, al più, preferisce accettare, magari a denti stretti, per quieto vivere.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 7:20 pm

C'è un principio giuridico importante che governa queste cose: se due persone hanno lo stesso stipendio non puoi pretendere che una faccia più cose e l'altra meno.

Lo stipendio degli insegnanti è tabellato, non c'è motivo per cui un altro insegnante con la tua anzianità debba prendere lo stesso stipendio tuo facendo solo docenza e tu sia costretto a smazzarti ad esempio l'INVALSI.

La prova che ci si può rifiutare te la danno ogni giorno i tuoi colleghi che non hanno incarichi.

In Calabria si dice che "nel terreno molle si zappa profondo", o in alternativa che "con l'erba morbida ci si puliscono il culo tutti" (proverbio nato quando non c'era la carta igienica); scegli tu se preferisci considerarti terreno o erba, ma sta di fatto che il tuo DS ha capito da chi andare senza essere mandato a fanbiiiip.

Se nessuno accetta il lavoro extra non si fa, oppure si stanziano soldi del FIS ed a quel punto qualcuno si propone.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 7:28 pm

Ire ha scritto:
nel vostro ccnl sono indicate le attività obbligatorie e quelle facoltative.

Se nessuno lo vuole svolgere semplicemente non si svolge
In realtà c'è una via di mezzo che si rivela più deleteria per tutti. L'espletamento di molti obblighi a cui le scuole devono rispondere è di natura collegiale. L'individuazione di un responsabile, di un incaricato, di un coordinatore, semplifica le procedure collegiali e fa comodo a tutti.
Ad esempio, senza il coordinatore di classe - figura non contemplata nella normativa - le riunioni dei consigli di classi sarebbero più frequenti e più lunghe e praticamente tutti arriverebbero al famoso monte orario di 40 ore. Con il coordinatore in ogni classe le procedure si fanno più semplici e ciascuno, invece di farsi 40 ore di consigli, se ne farà 15-20 in tutto. Compresi i vari coordinatori.
È chiaro che in tutto questo contesto, c'è chi riesce a svicolare facendo il minimo sindacale e chi, invece, si sorbirà un po' di lavoro in più, pur di risparmiarsene una parte facendone risparmiare di più a qualcun altro.

Ci sono tre categorie di DS:
1) Un DS incapace, per evidenti limiti relazionali e manageriali, obbliga tizio caio e sempronio a fare i coordinatori di classe, magari ricorrendo anche a pratiche coercitive. È evidentemente un abuso, che molto spesso passa indenne perché noi insegnanti abbiamo l'innata vocazione dello zerbino.
2) Un DS con buone doti relazionali e manageriali chiederà a tizio caio e sempronio di fare i coordinatori, magari con lusinghe e con una buona dose di cortesia, fino a convincerli ad accettare. Non abusa del suo potere, ma esprime comunque una buona capacità di gestione delle risorse umane.
3) Un DS asettico nelle doti relazionali ma con le palle sotto l'aspetto manageriale, chiede a tizio caio e sempronio se vogliono fare i coordinatori e se gli rispondono picche se ne frega. Convocherà a manetta i consigli di classe imponendo l'assolvimento degli obblighi di competenza collegiale. Che poi a farlo siano due o tre o tutto il consiglio, non importa, non sono affari suoi. È una sua facoltà e un suo potere. Della serie, pedala anche se non hai voluto la bicicletta.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 7:35 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
Ire ha scritto:
nel vostro ccnl sono indicate le attività obbligatorie e quelle facoltative.

Se nessuno lo vuole svolgere semplicemente non si svolge
In realtà c'è una via di mezzo che si rivela più deleteria per tutti. L'espletamento di molti obblighi a cui le scuole devono rispondere è di natura collegiale. L'individuazione di un responsabile, di un incaricato, di un coordinatore, semplifica le procedure collegiali e fa comodo a tutti.
Ad esempio, senza il coordinatore di classe - figura non contemplata nella normativa - le riunioni dei consigli di classi sarebbero più frequenti e più lunghe e praticamente tutti arriverebbero al famoso monte orario di 40 ore. Con il coordinatore in ogni classe le procedure si fanno più semplici e ciascuno, invece di farsi 40 ore di consigli, se ne farà 15-20 in tutto. Compresi i vari coordinatori.
È chiaro che in tutto questo contesto, c'è chi riesce a svicolare facendo il minimo sindacale e chi, invece, si sorbirà un po' di lavoro in più, pur di risparmiarsene una parte facendone risparmiare di più a qualcun altro.

cut

Indubbiamente giancarlo. Sono funzioni utili per tutti (almeno la maggior parte delle funzioni)

arrivo a dire che se nessuno le vuol fare non le si fa perchè non ammetto per principio l'arroganza dell'imposizione di qualcosa che imponibile non è

Con il modo dovuto e soprattutto con il dovuto compenso si trova sicuramente chi lo svolge se non proprio con piacere almeno non con dispetto


/devo anche dire che, per principio, faccio fatica ad ammettere anche che ci sia qualcuno che non conosce almeno un po' il proprio contratto di lavoro,
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Dott_Khan



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 24.03.16

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 8:10 pm

Intanto grazie a tutti per le esaurienti risposte, volevo comunque solo dire che questi incarichi non sono a titolo gratuito da noi (ci mancherebbe altro) come probabilmente deve aver pensato qualcuno che ha scritto poco sopra, ma vengono pagati; che poi il "guadagno" sia buono o medio o scarso e' un altro paio di maniche.

E' proprio la modalita' che da' fastidio, molto spesso infatti, alcuni di noi si ritrovano con un incarico senza che lo stesso sia stato proposto (ebbene si' .....) e se per caso durante il collegio docenti a qualcuno magari sfugge o non sente il proprio nome assegnato all'incarico in questione, il preside ci viene poi in seguito a dire: "avevi solo da ascoltare bene la lista, ora il collegio ha deliberato e l'incarico e' tuo". Anche su questo mi piacerebbe sapere quanto la cosa sia legale.

Potrete forse pensare che stia esagerando ma avviene davvero cosi' da noi.

In ogni caso, riepilogando, posso quindi dimettermi dagli incarichi che ho secondo voi, magari anche chiedendo che non me ne vengano assegnati altri? Alla fine e' proprio solo questo che mi interessa e leggendovi mi pare di aver capito che la risposta sia si'.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 8:39 pm

Ire ha scritto:
/devo anche dire che, per principio, faccio fatica ad ammettere anche che ci sia qualcuno che non conosce almeno un po' il proprio contratto di lavoro,  
Ci sono, ci sono. Questo forum ne è un esempio.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 8:40 pm

Dott_Khan ha scritto:
In ogni caso, riepilogando, posso quindi dimettermi dagli incarichi che ho secondo voi, magari anche chiedendo che non me ne vengano assegnati altri? Alla fine e' proprio solo questo che mi interessa e leggendovi mi pare di aver capito che la risposta sia si'.
Hai capito bene.
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 8:43 pm

Non puoi parlare al ds, con ragionevolezza senza aprire il conflitto? "senta, dirigente eccellentissimo, come Ella ben sa mi sono sempre comportato im modo collaborativo non fuggendo agli incarichi che Ella mi ha assegnato nella sua immensa bontà.
Tuttavia la scuola è come una famiglia, e in famiglia ognuno fa qualcosa....
Tornare in alto Andare in basso
Dott_Khan



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 24.03.16

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 8:50 pm

Parole sante Felipeto, il problema pero' e' che il mio preside appartiene alla categoria 1 della lista di presidi che poco sopra ha scritto l'amico Giancarlo Dessi' :-)))

Comunque ancora un immenso grazie a tutti ;-)
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6156
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 10:12 pm

Dott_Khan ha scritto:
un ulteriore problema e' che molti docenti si rifiutano di accettare incarichi quando gli vengono proposti (ho famiglia, ho i figli piccoli, devo stirare le maglie al marito, .....) e quindi sono sempre i soliti "Fantozzi" a doversi sorbire tutto.

Scusa la banalità, ma... se questi tuoi colleghi di cui parli POSSONO rifiutarsi, per quale motivo non puoi farlo anche tu?
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6156
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 10:25 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:

Ad esempio, senza il coordinatore di classe - figura non contemplata nella normativa - le riunioni dei consigli di classi sarebbero più frequenti e più lunghe e praticamente tutti arriverebbero al famoso monte orario di 40 ore. Con il coordinatore in ogni classe le procedure si fanno più semplici e ciascuno, invece di farsi 40 ore di consigli, se ne farà 15-20 in tutto.

Mi permetto anche di sfatare questo mito, visto che da diversi anni mi capita di fare la coordinatrice (e in qualche caso anche delle classi quinte) e che non mi è mai capitato di viverlo come un impegno eccezionalmente gravoso. Al massimo ci si beccano i colloqui con le famiglie in misura un po' più fitta della media, e un po' di responsabilità in più di revisione e di aggiustamento personale di documenti che comunque vengono prodotti in sede collegiale, ma tutta questa mole immensa di lavoro delicatissimo e certosino in più, da fare da sola, non l'ho mai vista.

Anzi, posso affermare con certezza che qualche anno fa (quando ci fu la ribellione di massa contro tutte le attività aggiuntive non obbligatorie, a seguito della minaccia del governo Monti di aumentare l'orario di servizio settimanale), io ero coordinatrice di una quinta, mi dimisi a novembre, non ritirai mai le dimissioni per tutto l'anno, non fui mai sostituita...

...e tutti gli adempimenti obbligatori del consiglio di classe, compreso il documento di presentazione agli esami, furono felicemente portati a termine lo stesso, a livello collegiale, senza aver mai fatto nemmeno una riunione in più del necessario, e senza che nessuno si lamentasse di aver dovuto fare chissà quale lavoro in più.

E specifico anche che all'epoca non c'era nemmeno il registro elettronico (c'era solo per gli scrutini, ma per la gestione ordinaria no) e quindi un sacco di cose in più rispetto a oggi si scrivevano a mano. Ci si dividevano, e non si è mai visto nessun problema insormontabile.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Gio Mar 24, 2016 11:03 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:

Ad esempio, senza il coordinatore di classe - figura non contemplata nella normativa - le riunioni dei consigli di classi sarebbero più frequenti e più lunghe e praticamente tutti arriverebbero al famoso monte orario di 40 ore. Con il coordinatore in ogni classe le procedure si fanno più semplici e ciascuno, invece di farsi 40 ore di consigli, se ne farà 15-20 in tutto.

Mi permetto anche di sfatare questo mito, visto che da diversi anni mi capita di fare la coordinatrice (e in qualche caso anche delle classi quinte) e che non mi è mai capitato di viverlo come un impegno eccezionalmente gravoso. Al massimo ci si beccano i colloqui con le famiglie in misura un po' più fitta della media, e un po' di responsabilità in più di revisione e di aggiustamento personale di documenti che comunque vengono prodotti in sede collegiale, ma tutta questa mole immensa di lavoro delicatissimo e certosino in più, da fare da sola, non l'ho mai vista.

Anzi, posso affermare con certezza che qualche anno fa (quando ci fu la ribellione di massa contro tutte le attività aggiuntive non obbligatorie, a seguito della minaccia del governo Monti di aumentare l'orario di servizio settimanale), io ero coordinatrice di una quinta, mi dimisi a novembre, non ritirai mai le dimissioni per tutto l'anno, non fui mai sostituita...

...e tutti gli adempimenti obbligatori del consiglio di classe, compreso il documento di presentazione agli esami, furono felicemente portati a termine lo stesso, a livello collegiale, senza aver mai fatto nemmeno una riunione in più del necessario, e senza che nessuno si lamentasse di aver dovuto fare chissà quale lavoro in più.

E specifico anche che all'epoca non c'era nemmeno il registro elettronico (c'era solo per gli scrutini, ma per la gestione ordinaria no) e quindi un sacco di cose in più rispetto a oggi si scrivevano a mano. Ci si dividevano, e non si è mai visto nessun problema insormontabile.

Ogni classe è una storia.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Ven Mar 25, 2016 9:01 am

C'è comunque da far notare che, anche grazie alla 107, il numero di incarichi, figure e responsabilità burocratico-amministrative per i docenti è in perenne aumento, mentre i fondi rimangono invariati.

La scuola ormai fa conto stabilmente da un lato sulle donazioni "volontarie" di denaro e altre utilità da parte dei genitori, dall'altro su un lavoro sempre più volontaristico da parte degli insegnanti, senza che l'impiego superiore di tempo venga remunerato.

Persino i mitici e spesso inutili "progettini", organizzati spesso solo per avere un'integrazione di stipendio, stanno cedendo il passo e ormai si lavora più per il "prestigio" che per altro.

In tutto ciò ministero e dirigenti continuano a comportarsi come se potessero contare comunque su una adesione entusiastica da parte dei docenti; un caso che mi riguarda è quello dell'animatore digitale, per il quale sarei stato cooptato, e che non si capisce cosa debba dare e prendere, tranne frequentare un "utilissimo" corso di molte ore.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1784
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Ven Mar 25, 2016 9:31 am

Dici che gli incarichi sono retribuiti. Allora è facile: si tratta sostanzialmente di lavoro straordinario; come tale è sempre volontario, per cui chi è interessato a quella paga lo fa, chi non lo è non lo fa. Non c'è bisogno di accampare scuse di alcun genere.
Io personalmente, ad esempio, di fronte a incarichi di questo tipo rifiuto sempre, nè sento in dovere di dare spiegazioni. Se me lo chiedono esplicitamente rispondo che ho già 20 ore di cattedra, e lo stipendio mi basta, quindi lascio questa opportunità di guadagno ad altri che ne abbiano bisogno... "lavorare meno, lavorare tutti" (ma mai gratis!)
Tornare in alto Andare in basso
Dott_Khan



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 24.03.16

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Ven Mar 25, 2016 2:46 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Dott_Khan ha scritto:
un ulteriore problema e' che molti docenti si rifiutano di accettare incarichi quando gli vengono proposti (ho famiglia, ho i figli piccoli, devo stirare le maglie al marito, .....) e quindi sono sempre i soliti "Fantozzi" a doversi sorbire tutto.

Scusa la banalità, ma... se questi tuoi colleghi di cui parli POSSONO rifiutarsi, per quale motivo non puoi farlo anche tu?

Domanda piu' che legittima, ti dico subito: in sostanza ci sono molti che non accettano incarichi e fanno leva sul fatto che il nostro preside e' di una incompetenza assurda, infatti chiede sempre consiglio ai docenti piu' "vecchi" quando c'e' da prendere una decisione su di un argomento qualunque; in una sola cosa e' bravo ..... a delegare ad altri lavori, alcuni dei quali addirittura dovrebbe fare lui.

La mia "paura" e' una sola e cioe' che esista una qualche legge (leggendovi pero' mi pare di aver capito che non esista) per cui si possa essere obbligati ad accettare questi maledetti incarichi; e' vero che il nostro preside e' un incompetente ma non e' stupido per cui, se magari nell'ipotesi piu' assurda che le dimissioni dai vari incarichi continuassero, potrebbe informarsi su internet, da un sindacato, da un collega preside, da un amico, dalla donna dele pulizie e magari scoprire che potrebbe avere una qualche arma per costringerci a fare come dice.

L'arma non dovrebbe necessariamente essere la legge, potrebbe anche essere altro anche se non so proprio come potrebbe, ammetto la mia ignoranza in materia.

Per il momento comunque, questi miei colleghi senza incarichi si sono sempre salvati solo per il fatto che tutto sommato si e' sempre andati avanti e gli incarichi sono sempre stati coperti, anche se sempre e solo dai soliti, ma se il preside venisse tirato per i capelli che succederebbe? Se per ipotesi assurda ci dimettessimo tutti che succederebbe? Una figura indispensabile come l'addetto alla sicurezza (tanto per dire), se si dimettesse che succederebbe visto che e' obbligatoria? Magari la legge non lo aiuta ma potrebbe inventarsi qualcosa?

E' questo che io e gli altri miei colleghi ci chiediamo da tanto tempo.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Ven Mar 25, 2016 2:57 pm

Dott_Khan ha scritto:
potrebbe informarsi su internet, da un sindacato, da un collega preside, da un amico, dalla donna dele pulizie e magari scoprire che potrebbe avere una qualche arma per costringerci a fare come dice.
La soluzione è semplicissima: il preside arriva e dice "vorrei che lei facesse .....", tu rispondi "no", lui dice "lei deve", tu rispondi "se devo allora mi faccia un ordine di servizio scritto"; a questo punto lui desiste, se non desiste ti fa l'ordine di servizio, a cui tu rispondi per iscritto "Io penso che il suo sia un ordine di servizio illegittimo, tuttavia mi potrei sbagliare, per il momento rifiuto, ma se lei dovesse reiterarlo io mi sottometterò malvolentieri; le faccio però presente fin da ora che mentre svolgerò l'incarico con la massima diligenza, contemporaneamente impugnerò il suo ordine di servizio, e se dovessi uscirne vincitore pretenderò un congruo pagamento per le ore che nel frattempo sarò stato costretto a lavorare, anticipandole fin d'ora che il mio onorario sarà di 100 € / h".

Secondo te a quel punto non se ne andrà a fanculo ?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Ven Mar 25, 2016 3:03 pm

Citazione :
Magari la legge non lo aiuta ma potrebbe inventarsi qualcosa?


Non esiste limite all'umana fantasia.

Ma visto che c'è la legge, si inventi un po' ciò che vuole.
Al massimo comunque arriverete al punto in cui dirà: riprendi l'incarico o...

in quel frangente deciderete cosa fare.

Non è che vi spara seduta stante.

Fate in modo che tutto quanto comunicate sia documentabile così come fate in modo di ottenere sempre ordine di servizio per quanto vi impone. Del tipo: voi non accettate l'incarico perchè è nel vostro diritto non accettarlo, lui ve lo impone: che lo faccia in modo ufficiale.

Con una persona del genere, tra l'altro, ogni colloquio dovrebbe avvenire con lo smartphone in modalità rec on
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Dott_Khan



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 24.03.16

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Ven Mar 25, 2016 5:12 pm

Ahahahah bell'idea quella di Avidodinformazioni eheheh

Riguardo invece all'ordine di servizio, beh .... forse e' proprio quella l'arma che potrebbe usare, pero' e' anche vero che trattandosi di un incarico in cui il compenso andrebbe (credo) concordato, uno potrebbe chiedere cio' che vuole, anche la villa a Pechino come compenso :-)))

Vero anche che l'ordine potrebbe essere impugnato ..... bravi, mi avete dato un sacco di spunti di riflessione:-)
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Ven Mar 25, 2016 5:28 pm

A mio avviso l'hai presa nel modo sbagliato:

l'ordine di servizio non è l'arma che potrebbe usare ma l'arma che dovreste fargli usare tutte le volte che vi assegna un incarico diverso.


avido ti ha già spiegato il perchè (a parte il discorso del compenso il cui importo non credo sia stabilito in sede di contrattazione privata)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Ven Mar 25, 2016 5:52 pm

Ire ha scritto:
A mio avviso l'hai presa nel modo sbagliato:

l'ordine di servizio non è l'arma che potrebbe usare ma l'arma che dovreste fargli usare tutte le volte che vi assegna un incarico diverso.


avido ti ha già spiegato il perchè  (a parte il discorso del compenso il cui importo non credo sia stabilito in sede di contrattazione privata)
Se l'incarico è su base volontaria lui ha il diritto di proporre un prezzo (anche 1 €/ora) e se non ti sta bene rifiuti, se non è su base volontaria lui ordina e tu fai gratis.

I 100 €/h (cifra alta ma non faziosa) sono il tuo prezzo, che avresti preteso se trattativa ci fosse stata; assegnarti l'incarico è "comportamento concludente" che ti conferisce il diritto a riscuotere.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Rifiuto di accettare incarico interno   Ven Mar 25, 2016 6:03 pm

non lo so. Credevo che si facessero i conti sui soldi destinabili e si decidesse una cifra non contrattabile.

Prendere o lasciare (e rifiutare nel caso l'incarico)

Mi sembrava fosse questa la regola, ma non lo so con sicurezza
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
 
Rifiuto di accettare incarico interno
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» accettare di non poter essere madre
» Conseguenze Rifiuto Supplenza da GI
» L'onicofagia e i relativi trattamenti
» ci sono cascata....
» Il Dio degli Eserciti...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: