Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 VOTI INTIMIDATORI...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
AutoreMessaggio
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 6:32 pm

Nella bolgia delle deliranti teorie educative degli ultimi anni, ua mostruosa rete chiamata "scuole senza zaino" propone la seguente allucinante teoria."il voto a scuola disturba la crescita, rovina l autostima e la considerazione di sé e degli altri. Valutare ed imporre competizione tra ragazzi è una forma di intimidazione, ognuno deve fare quel che può."
Cioè nulla.
QUESTI NON LI FERMA NESSUNO.
considero queste teorie crimini contro l umanità, ne più ne meno.
Il tentativo di trasformare un intera generazione in ebeti inetti analfabeti facilmente manipolabili, schiavizzabili e sostituibili con masse di immigrati è un tentativo di annientare la civiltà italiana ed europea in genere
.hanno sempre più spazio.nessuno li ferma...
Tornare in alto Andare in basso
laub



Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 11.08.12

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 6:39 pm

Ultimamente mi sono interrogata spesso sulla questione "didattica tradizionale vs nuove tendenze pedagogiche", soprattutto leggendo questa sezione del forum che mi appassiona da anni anche se non sono mai intervenuta. Forse si esagera un po' a bollare come allucinanti queste teorie. Forse tendiamo a santificare la didattica selettiva e improntata alle conoscenze. E se la scuola senza zaino e senza voti funzionasse davvero alla primaria, per esempio? Non mi pare che gli attuali alunni delle superiori abbiano tratto grande giovamento dal passaggio da giudizi a voti alla primaria.
Tornare in alto Andare in basso
Cloretta



Messaggi : 345
Data d'iscrizione : 23.06.15

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 6:57 pm

laub ha scritto:
Non mi pare che gli attuali alunni delle superiori abbiano tratto grande giovamento dal passaggio da giudizi a voti alla primaria.

Figuriamoci allora dal passaggio a niente del tutto...
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15791
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 7:04 pm

laub ha scritto:
Ultimamente mi sono interrogata spesso sulla questione "didattica tradizionale vs nuove tendenze pedagogiche", soprattutto leggendo questa sezione del forum che mi appassiona da anni anche se non sono mai intervenuta. Forse si esagera un po' a bollare come allucinanti queste teorie. Forse tendiamo a santificare la didattica selettiva e improntata alle conoscenze. E se la scuola senza zaino e senza voti funzionasse davvero alla primaria, per esempio? Non mi pare che gli attuali alunni delle superiori abbiano tratto grande giovamento dal passaggio da giudizi a voti alla primaria.
Nessuno dei tradizionalisti ha mai detto che i giudizi erano l'unico problema della primaria, nessuno dei tradizionalisti ha mai detto che solo passando da parole a numeri le cose sarebbero cambiate completamente.

Il problema della primaria è l'approccio ludico e sfaticato alla vita scolastica.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa



Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 7:36 pm

Il problema della primaria è la mancanza di chiarezza a livello di obiettivi (vedi le schizofreniche e ireniche indicazioni nazionali), la confusione metodologica e organizzativa e l'estrema variabilità da maestra a maestra; più in generale risente della deriva che tende all'infantilizzazione e alla deresponsabilizzazione della popolazione scolastica e non.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6140
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 8:21 pm

laub ha scritto:
Non mi pare che gli attuali alunni delle superiori abbiano tratto grande giovamento dal passaggio da giudizi a voti alla primaria.

Non avevano tratto nessun giovamento nemmeno dal passaggio da voti a giudizi, quasi 40 anni fa.

Io sono nata nel 1970, ho fatto in tempo a fare un anno o due di scuola elementare con i voti numerici, poi si passò ai giudizi, che mi sono beccata per qualche anno, diciamo dalla terza elementare fino a tutte le scuole medie. Ricordo con la massima lucidità che i cosiddetti "giudizi" (specialmente alle medie) erano considerati una pura e semplice trascrizione dei voti tradizionali in un'altra lingua, ma sempre come voti venivano percepiti. Sufficiente vale 6, insufficiente vale 5, gravemente insufficiente vale 4, discreto vale 7, buono vale 8, e così via. Esisteva perfino la media aritmetica tra i giudizi, nel senso che tutti erano convinti che "la media tra sufficiente e buono facesse discreto", e via dicendo.

Ricordo benissimo che mio padre (che NON ha mai lavorato nella scuola, ma che è una persona intelligente e che a 75 anni è ancora in buona salute e in ottimo stato di memoria, quindi gli posso tranquillamente chiedere conferma), all'epoca diceva: "vedrai che questa cosa durerà più o meno per 20 o 30 anni e che, quando tu avrai figli che andranno a scuola, saranno tornati i voti".

Diamogli torto??????

Poi, magari, quando sarò nonna io saranno ritornati i giudizi, e quando sarà nonna mia figlia saranno ritornati di nuovo i voti, mica mi stupirei di nulla...

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15791
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 9:03 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Poi, magari, quando sarò nonna io saranno ritornati i giudizi, e quando sarà nonna mia figlia saranno ritornati di nuovo i voti, mica mi stupirei di nulla...
Mi stupirei che tu riuscissi a stupirti; vuoi vedere andare a scuola la nipote di tua figlia ? La vogliamo fare fallire quest' INPS ?
Tornare in alto Andare in basso
Online
alege76



Messaggi : 918
Data d'iscrizione : 09.07.12

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 9:20 pm

paniscus_2.0 ha scritto:

Ricordo benissimo che mio padre (che NON ha mai lavorato nella scuola, ma che è una persona intelligente e che a 75 anni è ancora in buona salute e in ottimo stato di memoria, quindi gli posso tranquillamente chiedere conferma), all'epoca diceva: "vedrai che questa cosa durerà più o meno per 20 o 30 anni e che, quando tu avrai figli che andranno a scuola, saranno tornati i voti".

Diamogli torto??????

Poi, magari, quando sarò nonna io saranno ritornati i giudizi, e quando sarà nonna mia figlia saranno ritornati di nuovo i voti, mica mi stupirei di nulla...

L.

Per allora l'ItaGlia sarà provincia cinese, e con loro le pedominchiate staranno a zero...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6140
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 9:21 pm

avidodinformazioni ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Poi, magari, quando sarò nonna io saranno ritornati i giudizi, e quando sarà nonna mia figlia saranno ritornati di nuovo i voti, mica mi stupirei di nulla...
Mi stupirei che tu riuscissi a stupirti; vuoi vedere andare a scuola la nipote di tua figlia ? La vogliamo fare fallire quest' INPS ?

La mia nonna materna è ancora in vita a 96 anni e ha 6 bisnipoti che vanno a scuola, quella paterna è morta a 95 quando io ero prossima ai 40 e avevo già due figli, una delle mie bisnonne è morta a 91 anni quando io ne avevo 12 ed ero già alle scuole medie (ed era stata pure maestra, quindi in grado di commentare i cambiamenti graduali della scuola nel frattempo)...

...considerando che nessuna di noi si è riprodotta molto giovane, a meno di non beccarmi incidenti improvvisi o malattie cazzutissime di cui non ci sono precedenti in famiglia, potrei pensare che i presupposti genetici ci siano : - )
Tornare in alto Andare in basso
Online
laub



Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 11.08.12

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 9:53 pm

ushikawa ha scritto:
Il problema della primaria è la mancanza di chiarezza a livello di obiettivi (vedi le schizofreniche e ireniche indicazioni nazionali), la confusione metodologica e organizzativa e l'estrema variabilità da maestra a maestra; più in generale risente della deriva che tende all'infantilizzazione e alla deresponsabilizzazione della popolazione scolastica e non.

Ecco secondo me prendersela con "l'infantilizzazione" non sempre è produttivo: nella scuola primaria gli alunni sono ancora bambini e non comprendono il significato del voto numerico. La mia esperienza alle medie è molto ridotta, un solo anno, ma ricordo che tutti erano abituati ai 9 e 10 della primaria e che le griglie di valutazione partivano dal 4. Se si fosse in grado di responsabilizzare e abituare all'autovalutazione fin dall'inizio della carriera scolastica arrivati al secondo grado gli studenti avrebbero più dimestichezza con le griglie di valutazione e prenderebbero i voti numerici per quello che sono. Invece al primo anno di liceo di solito sono spaesati e poco consapevoli dei propri limiti e delle eventuali strategie per migliorare.
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 574
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 10:15 pm

Tuttavia con la filosofia della "scuola senza zaino" nemmeno i giudizi ci sarebbero, sarebbero solo apprezzamenti verbali tipo "Bravo" e simili, o sbaglio?
Tornare in alto Andare in basso
Online
laub



Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 11.08.12

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 10:30 pm

1. l ’autonomia degli alunni che genera competenze
2. il problem – solving che alimenta la costruzione del sapere

3. l’attenzione ai sensi e al corpo che sviluppa la persona intera

4. la diversificazione dell'insegnamento che ospita le intelligenze, le potenzialità, le differenze

5. la co-progettazione che rende responsabili docenti e alunni

6. la cooperazione tra docenti che alimenta la formazione continua e la comunità di pratiche

7. i diversi strumenti didattici che stimolano vari stili e metodi di insegnament

8. l’attenzione agli spazi che rende autonomi gli alunni

9. la partecipazione dei genitori che sostiene l'impegno della scuola

10. la valutazione autentica che incoraggia i progressi

Ho dato un'occhiata al loro sito e questa è l'idea di curricolo che vogliono promuovere. Un progetto ambizioso che punta a un totale rinnovamento anche degli arredi scolastici e che sembra francamente utopico però...sarà che una ex collega ne parla molto bene (lei ha figli alla primaria) sarà che le preoccupazioni con cui Felipeto ha aperto il topic mi sembrano davvero esagerate...non me la sento di dire che, sempre e solo in relazione al primo ciclo, sia un'idea di didattica tanto scellerata. Ripeto che la "didattica tradizionale" ci restituisce alunni adolescenti poco consapevoli, nonostante il gelminiano ritorno al voto in decimi.
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 574
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 11:06 pm

La mia risposta è queste teorie didattiche si riassume in una sola parola:NO. Ma voglio motivare il mio rifiuto, non sono uno che rifiuta così a prescindere. Tuttavia io SEMPRE, sino alla fine, sosterrò la didattica tradizionale, anche se tutte le scuole d'Italia diventassero così, io non sarò mai d'accordo.
Spiego il motivo riallacciandomi ai punti sopra esposti.
1) L'autonomia degli alunni che genera competenze.
Sì, come no, competenze, e le conoscenze dove le mettiamo? Dove le mettiamo il SAPERE, quello che viene trasmesso attraverso la FIDUCIA che intere generazioni del passato hanno avuto verso i loro maestri, quella FIDUCIA ha prodotto CULTURA, perché vogliamo distruggere secoli di sapere? Le competenze di cui parla il progetto si sviluppano in maniera decisamente casuale, per tentativi ed errori, e ciò per me non dà sistematicità al sapere e lo destruttura gravemente.......
2) Il problem-solving che alimenta la costruzione del sapere.
Si può sviluppare anche nella didattica tradizionale,e soprattutto bisogna prima fornire dei contenuti su cui il problem-solving può innestarsi: senza i contenuti la capacità di risolvere problemi è anch'essa casuale, fragile, labile.
3)L'attenzione ai sensi e al corpo.
Il corpo non pensa,è istinto, è preferibile per me sviluppare la mente, questione di punti di vista, anzi, è necessario stabilire autocontrollo sul corpo stesso.
4)La diversificazione dell'insegnamento.
Si può fare anche nella scuola tradizionale, e poi si tradurrebbe in un chiedere troppo poco a chi si ritiene inadeguato.
5) La co-progettazione tra docenti e alunni.
NO, chi l'ha detto che bisogna co-progettare? Ma stabilisca tutto il docente, dall'alto della sua autorità, e gli alunni si FIDINO, perché è dall'obbedienza al docente che scaturisce il sapere sistematico, è stato così per secoli e non ha prodotto cretini o analfabeti, anzi, ha prodotto gente colta, perchè buttare tutto nel WC?
7) I diversi strumenti didattici.
NO, e sempre NO: è l'insegnante l'unico vero strumento, anzi, anche il libro di testo in sé è meno importante del docente, e se l'alunno si FIDA del docente può imparare tantissimo anche senza libri.
L'attenzione agli spazi che rende autonomi gli alunni.
Mi vien da ridere, ma quali spazi? Non sono gli spazi a rendere autonomi, un alunno può essere autonomo anche in un'aula tradizionale.
9) La valutazione autentica.
Il punto peggiore, ma chi diamine stabilisce che le valutazioni che dò ai miei alunni non sono autentiche? Chi? NESSUNO! Io valuto gli alunni in maniera autentica e loro accettano le mie valutazioni, io credo che tutta questa si FUFFA assoluta.
Concludo dicendo che IO apprezzo il sistema scolastico giapponese in cui l'autorità del docente è TUTTO, in cui gli alunni sono spinti all'obbedienza, perché io credo che attraverso la fiducia verso l'adulto si costruisca la cultura, è sempre stato così dagli albori della civiltà, si è dato autorità ai maestri, ai saggi, perché adesso tutto questo deve essere distrutto?.........
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6140
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 11:12 pm

Ma qualcuno mi spiegherebbe pazientemente cosa ci sarebbe di tanto innovativo e di tanto rivoluzionario in questo mitico "problem-solving", che si faceva tranquillamente anche 40 anni fa, solo che non si chiamava così?????
Tornare in alto Andare in basso
Online
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mar Apr 05, 2016 11:15 pm

Scuola 70, è lapalissiano ciò che dici.confutare quella marea di stronzate studiate a tavolino con il.preciso intento di distruggere l istruzione e creare masse informi di ignoranti,è inutile. Tutti sanno quale progresso, ricchezza di economia e tecnologia nonché altissimi scienziati abbiano creato ieri la scuola italiana della bacchetta o quella sovietica Dell impegno, della competizione e della dignità della cultura.e quanto oggi crescano quei paesi orientali dove la scuola è RIGIDA, SEVERA,DISCIPLINANTE che è l unica scuola possibile..
Tornare in alto Andare in basso
laub



Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 11.08.12

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mer Apr 06, 2016 12:11 am

Ma alle elementari? La rigidità? La severità? La scuola giapponese selettiva fin dall'asilo? Io comincio a pensare che la didattica tradizionale (che personalmente apprezzo e applico) non risponda più alle esigenze dei bambini di oggi, che sono figli della mia generazione e di quella precedente, cresciute a "stessa storia dallo stesso libro con le stesse parole da quarant'anni". Eppure non mi sembra che l'analfabetismo o il disprezzo per la cultura non appartengano alla fascia di età trentacinque/cinquanta. Il problem solving è sempre esistito, certo, ma forse gli alunni di oggi hanno bisogno di nuovi modi per imparare, anche a risolvere problemi, proprio perché vivono in contesti familiari e culturali completamente diversi. Onestamente pensare che lo sfascio dei valori e della cultura o addirittura un progetto di sistematizzazione dell'ignoranza siano imputabili a quelli della " scuola senza zaino" mi sembra eccessivo. Poi liberi di pensare che sia tutta fuffa/stronzate ma questa fuffa ha lo scopo di migliorare l'istruzione, non di affossarla. Che poi sia totalmente inapplicabile nelle condizioni attuali è un'altra storia.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6140
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mer Apr 06, 2016 12:18 am

laub ha scritto:
Poi liberi di pensare che sia tutta fuffa/stronzate ma questa fuffa ha lo scopo di migliorare l'istruzione, non di affossarla.

Nessuno ha detto che abbia lo SCOPO deliberato di affossare l'istruzione.

Semmai si è detto che ha l'EFFETTO di affossare l'istruzione, anche se in buona fede lo scopo inziale era un altro.

E se si constata che l'effetto è fallimentare, è perfettamente inutile continuare a insistere con tale modalità, solo perché si pensa in buona fede che l'intenzione iniziale fosse buona, no? Se un metodo non funziona, si prende atto che non funziona e lo si abbandona, non è che si continua a sostenerlo perché si pensa che idealmente fosse buono...
Tornare in alto Andare in basso
Online
Romado72



Messaggi : 3516
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mer Apr 06, 2016 12:28 am

Ma poi, se gli alunni seguissero questo programma della scuola "senza zaino" all'università troveranno il programma "senza libretto e senza camicia"?
Mah!! Roba da matti.
Tornare in alto Andare in basso
laub



Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 11.08.12

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mer Apr 06, 2016 12:31 am

Secondo il post iniziale si tratta del "tentativo di creare una intera generazione di inetti analfabeti ebeti" e chi più ne ha più ne metta. Secondo me non sarebbe male insegnare un po' di consapevolezza agli alunni della primaria e delle medie anche abolendo il tanto decantato voto numerico. Non "bravo" in tutti i casi ma "guarda in questo compito hai sbagliato gli apostrofi e le doppie qui qui e qui, quindi non è sufficiente, ripassa questi argomenti". Ma forse un docente della primaria potrebbe intervenire in modo più competente di me, che semplicemente sto cercando di capire se in queste teorie c'è del buono. Possibile che dopo 8 anni di voti numerici arrivino completamente incapaci di autovalutarsi?
Tornare in alto Andare in basso
laub



Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 11.08.12

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mer Apr 06, 2016 12:32 am

Tra la primaria e l'Università c'è tutto il tempo per inserire zaini, voti, competizione, formalità e severità, no?
Tornare in alto Andare in basso
Romado72



Messaggi : 3516
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mer Apr 06, 2016 12:43 am

Guarda, quello che ti posso dire è che mio figlio, ora in terza elementare, l'anno scorso produceva certi sfondoni e orrori ortografici da far crescere i capelli ad un calvo. Quando capitava, ti posso garantire che sui quadernoni non trovavo alcun "bravo", ma compiti di potenziamento extra sugli orrori prodotti e segnacci rossi e punti esclamativi o interrogativi a iosa. Quest'anno, che è migliorato molto, quando prende bravo/bravissimo ha gli occhi che gli fanno "pupipupi". Lo comprende eccome il valore della valutazione, lui, e penso, tanti altri bambini!
Tornare in alto Andare in basso
laub



Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 11.08.12

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mer Apr 06, 2016 12:58 am

Ma io sto dicendo esattamente questo: tuo figlio ha capito i segnacci rossi e i compiti di potenziamento, non un ipotetico numero. Sbaglio a pensare che questi "fuffari" non hanno tutti i torti a voler incrementare la valutazione autentica? Comunque gli occhi che fanno "pupipupi" è bellissimo
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15791
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mer Apr 06, 2016 1:13 am

paniscus_2.0 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Poi, magari, quando sarò nonna io saranno ritornati i giudizi, e quando sarà nonna mia figlia saranno ritornati di nuovo i voti, mica mi stupirei di nulla...
Mi stupirei che tu riuscissi a stupirti; vuoi vedere andare a scuola la nipote di tua figlia ? La vogliamo fare fallire quest' INPS ?

La mia nonna materna è ancora in vita a 96 anni e ha 6 bisnipoti che vanno a scuola, quella paterna è morta a 95 quando io ero prossima ai 40 e avevo già due figli, una delle mie bisnonne è morta a 91 anni quando io ne avevo 12 ed ero già alle scuole medie (ed era stata pure maestra, quindi in grado di commentare i cambiamenti graduali della scuola nel frattempo)...

...considerando che nessuna di noi si è riprodotta molto giovane, a meno di non beccarmi incidenti improvvisi o malattie cazzutissime di cui non ci sono precedenti in famiglia, potrei pensare che i presupposti genetici ci siano : - )

Hai gettato ire nello sconforto.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Romado72



Messaggi : 3516
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mer Apr 06, 2016 1:17 am

Penso che i segnacci rossi li capisce benissimo e li quantifica con un bel 3! Cioè li traduce in numero:):)
PS: gli occhi che fanno pupipupi: il grande Andrea Camilleri docet...
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1866
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: VOTI INTIMIDATORI...   Mer Apr 06, 2016 6:51 am

L'elenco postato da Laub è un elenco di parole fatue e inconsistenti nell'insopportabile gergo didattico-costruttivista.

Le metodologie didattiche, innovative o meno, se ben applicate spostano pochissimo in termini di risultati (leggi Calvani, Come fare una lezione efficace); diventano invece un vero e proprio problema se si traducono in una babele di stili di insegnamento-apprendimento applicati in maniera incoerente e senza rendicontazione e feedback, aggiungo io.

Si parla tantissimo dei metodi didattici, sui quali c'è una amplissima letteratura, e molto poco dei risultati che questi metodi didattici garantirebbero; piano piano si sta insinuando la convinzione, sia tra gli esperti del MIUR che tra i docenti più catechizzati, che un buon insegnante sia quello che usi una didattica alternativa, quindi un certo metodo, e non quello che riesce a ottenere buoni risultati di apprendimento. Personalmente mi rendo conto che ci sono classi in cui è proponibile una didattica meno convenzionale, altre in cui solo la lezione frontale funziona.

Il solo fatto che esistano delle scuole che si gettano in quello che è diventato il mercato della scuola vantando chissà quali metodi innovativi e iniziative d'effetto "carine e coccolose" di fatto delegittima tutte le scuole e gli insegnanti, magari ottime le prime e bravissime i secondi, che non li usino.

Quello che veramente fa la differenza nell'apprendimento è la motivazione, non tanto quella del docente ma piuttosto quella del discente; la motivazione è in continuo calo sia perché l'istruzione non riesce più a garantire alcuna reale inclusione sociale da adulti, sia perché la scuola viene continuamente delegittimata, anche da iniziative di questo tipo.

Riguardo all'infantilizzazione essa non riguarda solo la scuola primaria, ma tutta la società, bambini, ragazzi, giovani ed adulti, che sempre più vengono spinti a non assumersi le proprie responsabilità. Oggi si ritiene impensabile, quasi una forma di tortura, che un figlio possa fare una noiosa pagina di cornicette in prima elementare, subire un rimprovero o prendere un brutto voto, studiare un paio d'ore in prima media, rinunciare al videogames o allo smartphone con whatsapp e snapchat, stare seduto al banco, ascoltare una lezione senza fiatare e magari prendendo appunti, fare i compiti a casa da soli, studiare su un libro estraendo autonomamente i concetti chiave e così via; con l'introduzione della legge 170 e le successive circolari ad estensione si è creato tutto un mondo, quello dei BES, ulteriormente coccolato e protetto dal rischio della fatica e dell'insuccesso.  Allo stesso modo si ritiene un inutile crudeltà che un figlio vada via di casa a 20-25 anni, che si faccia una vita propria con il proprio lavoro e i propri soldi, che metta su famiglia o decida di godersi le gioie del single libero/a battitore/trice. I bambini, come gli adulti, vengono sempre più trattati da rimbecilliti poco autonomi, incapaci di svolgere la minima fatica, di fare qualche sacrificio, di assumersi delle responsabilità.
Tornare in alto Andare in basso
 
VOTI INTIMIDATORI...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 8Andare alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: