Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Violenze in famiglia ruolo della scuola

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5  Seguente
AutoreMessaggio
yunola



Messaggi : 255
Data d'iscrizione : 29.07.12

MessaggioOggetto: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 3:53 pm

Ciao a tutti! Cerco di sintetizzare il fatto. A scuola un'alunna ha raccontato ad alcune docenti, e fra queste ci sono anche io, di subire da parte delle madre delle percosse in conseguenza di svariate azioni: litigate con il fratello, note scolastiche o comunque fatti relativi all'andamento scolastico e, in ultimo da oggi, perché accusata di far fare ritardo alla famiglia che doveva recarsi in un posto. La ragazzina ha parlato di calci, pugni, graffi, una piastra per capelli usata come corpo contundente. Ha anche riferito che nel corso di una di queste occasioni ha sbattuto, per effetto delle percosse, la testa contro il muro riportando un livido. Per completezza aggiungo, non che la cosa voglia dir niente, che non mi sono stati mostrati segni sulla pelle, ma a me ha parlato in due occasioni, una delle quali oggi. La prima collega che ha ricevuto le confidenze ce ne ha parlato durante un consiglio di classe e credo che sia stato verbalizzato qualcosa su questo. In seguito la ragazzina ha parlato anche con me e con un'altra collega. Abbiamo atteso sulle prime, cercando di capire se la cosa si reiterasse e speravamo che la madre venisse ai colloqui per cercare, senza dire niente di diretto, di capire qualcosa di più. Io ne ho parlato con la vicepreside che mi ha detto tutto il male possibile sui servizi sociali e sui rischi di fare una segnalazione e su questo sono anche d'accordo. Siccome non è l'unico caso nel quale mi sembra di capire che, pur di non coinvolgere i servizi sociali, in questa scuola si fa finta di niente di fronte a situazioni che sarebbero palesemente da segnalare, mi chiedo: che dovrei fare? Cosa sarebbe giusto fare? Che fareste? Oggi ho provato a parlarne con una collega anziana la quale in pratica mi ha detto che se la cosa non si compie sotto i miei occhi io posso, come dire, non fare niente. Perché se vado dalla preside dovrei scrivere una relazione e poi sarei chiamata da chi di dovere a rispondere delle cose scritte. Insomma tante grane... Mi ha consigliato di evitare il problema, io credo di non poterlo fare anche perché siamo o non siamo pubblici ufficiali? Io ci tengo innanzitutto a non fare mosse che potrebbero danneggiare la ragazzina sia in caso sia tutto vero sia in caso contrario. Non mi sembra che tacere a priori sia una grande idea. Comoda sì, ma non quella giusta. D'altra parte non vorrei creare un cataclisma a una famiglia attenzionata per niente. È vero che non ci sono step intermedi? La scuola non può fare qualcosa senza attivare procedure così forti come la segnalazione ai servizi sociali?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8347
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 4:01 pm

Tu sei un pubblico ufficiale e nell'esercizio delle tue funzioni sei stata messa al corrente di un presunto reato.
Hai l'obbligo di segnalarlo.

Per consigli di questo tipo c'è sempre l'196 96 del telefono azzurro che è in grado di darti indicazioni su come muoverti.

Se segnali (e lo devi fare) l'unica cosa che ti capiterà è che sarai chiamata a testimoniare non su quanto avviene perchè non lo sai ma su quello che ti ha riferito la ragazza.

Tieni presente che è molto rischioso fare domande anche molto accorte ai genitori. Se ipotizzano che le domande siano mirate a sondare la situazione e pensano che sia stata la figlia a parlarne potrebbero anche arrabbiarsi molto con lei e aggravare le violenze.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8347
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 4:07 pm

vedila anche così: se la segnalazione dovesse essere fasulla sarebbe questo già di per sè un motivo per guardarci dentro.

Una ragazza che dice della mamma una cosa del genere e non è vera è comunque una ragazza che ha bisogno di aiuto.

E' vero che alle volte i servizi sociali combinano danni ma sono loro che devono prendersi carico di queste situazioni e non esiste che un pubblico ufficiale o una istituzione si assuma la responsabilità di dre: non segnalo perchè è peggio. Non è così che deve andare. La scuola è un servizio dello Stato e allo Stato si deve rivolgere in caso di problemi. Questo tipo di problemi sono a carico dei servizi sociali.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 4:18 pm

Partiamo con la caccia alle streghe in quarta..
Calci pugni e percosse..possibile che la ragazzina non mostri alcun segno visibile? Quanti anni ha?
Le adolescenti sono fatte di burro
Un trauma da percosse lascia il segno. Sei una donna, chiedi alla ragazza se è disponibile a mostrarti un segno, livido, taglio. Se è candida e perfetta come una bambola ricordale che la diffamazione è o era,un reato. Tempo due secondi e abbiamo già mandato in galera una madre? Bravi colleghi! Attenziibe che, come la cronaca talvolta dimostra , i servizi sociali possono fare danni terribili.
Tornare in alto Andare in basso
yunola



Messaggi : 255
Data d'iscrizione : 29.07.12

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 4:20 pm

Ok, grazie. Ci tengo a precisare che al colloquio non avrei mai parlato alla madre delle cose riferite dalla figlia, ma avrei cercato di capire qualcosa di più sulla famiglia. Come faccio a muovermi in una scuola dove tutti guardano a queste situazioni come a una cosa da evitare? Come se stessi mandando a rovina la vita di una persona? Lo so che non dovrei farmi condizionare, ma davvero non mi sembra una cosa semplice.
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 4:22 pm

Yunola, ma tu hai presente una piastra per capelli usata come corpo contundente.e su una ragazzina che effetti avrebbe? E invece da come dici è intonsa.. Fai la prof che il tribunale Dell inquisizione l hanno chiuso
Tornare in alto Andare in basso
yunola



Messaggi : 255
Data d'iscrizione : 29.07.12

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 4:28 pm

Ecco, Felipeto rappresenta qui esattamente il punto di vista di cui parlavo e con il quale devo confrontarmi. Sinceramente non mi sento molto a mio agio a chiedere a una ragazzina (11 anni) di mostrarmi eventuali lividi nascosti, per un mucchio di buone ragioni. Fra l'altro se io vedessi un livido questo non sarebbe prova del fatto che sia tutto vero (potrebbe essersi fatta male in altro modo) così come il fatto di non avere segni non indica che la ragazzina non sia picchiata. Sono d'accordo sul fatto che i servizi sociali possono fare danni, ma questo non vuol dire che non chiamarli mai per nessun motivo non faccia altrettanti guai. Ad esempio, come accade in questa scuola, nel caso di ragazzini che perdono ripetutamente l'anno scolastico perché non sono mandati a scuola dalle famiglie. Questa è un'altra vicenda, ma le ragioni che mi sono state presentate sono le medesime.
Tornare in alto Andare in basso
yunola



Messaggi : 255
Data d'iscrizione : 29.07.12

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 4:38 pm

Bè sinceramente no, Felipeto: non ho idea di quali segni debba lasciare una piastra per capelli se usata così, anche perché immagino che possa essere usata con più o meno forza. Comunque è utile sentire il punto di vista anche di una voce che ridimensiona la vicenda, non credere che sia una cosa divertente sentirsi raccontare cose simili. Preferisco fare la prof. Però se la prof mette una comunicazione sul diario, come è capitato a me, solo per avvisare che la ragazzina era impreparata e che sarebbe stata interrogata la volta successiva e lei scoppia a piangere e racconta questo genere di cose, che si deve fare? Mettere le note che deve rischiando di farla picchiare ancora? Questo solo per dire che fare finta di nulla non è possibile anche se si volesse continuare a fare il solito lavoro. Oggi per la cronaca il racconto me l'ha fatto in un momento di massima tranquillità, non c'era di mezzo nessuna sanzione e si è avvicinata lei per raccontare l'accaduto
Tornare in alto Andare in basso
udl



Messaggi : 1860
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 4:41 pm

Yunola, in questi casi segnala immediatamente la cosa al DS che ha l'obbligo di fare una segnalazione in procura. Se il DS non fa niente, fai tu la segnalazione in procura, altrimenti puoi andare incontro a guai seri nel caso (non infrequente) in cui si arrivi davanti ad un giudice. Sono certo di questo, ho famigliari che lavorano nel settore
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1792
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 5:36 pm

Io ho avuto il problema inverso, ragazzina con lividi evidenti sulle braccia, ma che non accusava nessuno. Per coscienza mi sono comunque accertato che quei lividi erano l'effetto della sua attività di kickboxing.
Tornare in alto Andare in basso
yunola



Messaggi : 255
Data d'iscrizione : 29.07.12

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 5:41 pm

E voi che fareste, visto che la ragazzina ha parlato con tre docenti? Mi faccio avanti per la segnalazione, propongo e scriviamo in tre? Se le colleghe sono reticenti faccio da sola? Prima parlo con la preside e poi scrivo o scrivo direttamente? È opportuno che io parli di nuovo con la ragazzina per avere più chiaro il fatto? Tanto per cambiare sono nel pallone.
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 5:52 pm

Non ti senti a tuo agio a farti mostrare un livido, ma a mandare nei guai una madre per una possibile vigliaccata di una figlia vendicativa si..
Tornare in alto Andare in basso
udl



Messaggi : 1860
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 5:53 pm

Tu proponi di fare la segnalazione congiunta, se non accettano fregatene, sono loro che rischiano parecchie grane. La segnalazione basta che tu la faccia molto generica, del tipo" la studentessa x segnala i seguenti fatti: ....". Bastano quattro righe, tu sei a posto e puoi contribuire a non far incancrenire una situazione potenzialmente devastante. Ovviamente ti auguro, a te e alla ragazza, che la situazione non degeneri, ma in questo caso mi permetto di ribadire il mio consiglio di segnalare la cosa, la legge su certe cose e' molto, molto severa.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8347
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 5:59 pm

Felipeto ha scritto:
Partiamo con la caccia alle streghe in quarta..
Calci pugni e percosse..possibile che la ragazzina non mostri alcun segno visibile? Quanti anni ha?
Le adolescenti sono fatte di burro
Un trauma da percosse lascia il segno. Sei una donna, chiedi alla ragazza se è disponibile a mostrarti un segno, livido, taglio. Se è candida e perfetta come una bambola ricordale che la diffamazione è o era,un reato. Tempo due secondi e abbiamo già mandato in galera una madre? Bravi colleghi! Attenziibe che, come la cronaca talvolta dimostra , i servizi sociali possono fare danni terribili.

Non farlo, non ne hai facoltà e potresti equivocare.

A te tocca solo la segnalazione.

Se nessuno fa nulla fallo tu, e segnala comunque che hai notizia che la ragazza aveva parlato anche con altri.

Si incavoleranno un po' ma potrebbero essere in possesso di informazioni che non ti hanno comunicato e che invece sarebbero utili a chi di dovere per acquisire maggiori elementi di valutazione.

Non si scherza, Felipeto, con queste cose non si scherza. E se la ragazza diffama, ne subirà lei le conseguenze e sarà giusto così. Ti rendi conto, minimamente conto, di cosa significhi per una ragazzina vittima di violenza che trova il coraggio di parlare incontrare qualcuno che invece di aiutarla la accusa?

No, non te ne rendi conto.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
udl



Messaggi : 1860
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 6:03 pm

Questo è un thread serio, non uno dei molti in cui si fa la gara a chi le spara più grosse... qualcuno sembra non averlo capito


Ultima modifica di udl il Mar Apr 26, 2016 6:05 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1917
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 6:04 pm

Non sono convinto che sia giusto che la scuola si occupi questo genere di incombenze; in ogni caso prima di prendere qualsiasi genere di iniziativa ti consiglio di farti un'idea il più possibile precisa sul contesto nel quale avverrebbero le violenze. Sono episodiche o continuative? Esistono situazioni problematiche chiaramente delineate e documentate (separazioni, nuove nascite, disoccupazione, depressioni ecc.)? Che impressione fa la presunta aguzzina ai colloqui?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8347
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 6:07 pm

non sei convinto che un pubblico ufficiale debba segnalare un reato? Ancora?

Con quale competenza, e con quale serenità yunola può valutare la situazione ed essere certa di averla valutata bene?

Una aguzzina ai colloqui si presenta da aguzzina? No, ushikawa, difficilmente succede che da fuori appaia qualcosa, molto, molto difficilmente.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
udl



Messaggi : 1860
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 6:10 pm

ushikawa ha scritto:
Non sono convinto che sia giusto che la scuola si occupi questo genere di incombenze; in ogni caso prima di prendere qualsiasi genere di iniziativa ti consiglio di farti un'idea il più possibile precisa sul contesto nel quale avverrebbero le violenze. Sono episodiche o continuative? Esistono situazioni problematiche chiaramente delineate e documentate (separazioni, nuove nascite, disoccupazione, depressioni ecc.)? Che impressione fa la presunta aguzzina ai colloqui?

Queste sono valutazioni che spettano agli organi competenti. Dovere di un pubblico ufficiale è segnalare ogni situazione strana di cui viene a conoscenza, le valutazioni le faranno poi gli organi deputati a questo. Chiudo qui, buona serata a tutti
Tornare in alto Andare in basso
yunola



Messaggi : 255
Data d'iscrizione : 29.07.12

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 6:11 pm

Ma, Felipeto, abbi pazienza. Io qui ho chiesto e chiedo consigli su cosa un docente deve fare in una determinata situazione che mi trovo fra le mani. Ci sarà una sorta di protocollo da seguire, mi sono detta. Perché, quando ho chiesto alle colleghe le ragioni del "no", ho scoperto che queste si basavano su ragioni di opportunità personale (sono grane) o sulla paura dei danni che eventualmente potrebbero fare i servizi sociali. Ma non mi hanno dato un'alternativa: o si fa una denuncia che cambia la vita di quella famiglia o si fa finta di nulla. La legge sembrerebbe obbligarmi a segnalare. Tu cosa faresti? Niente di niente? Se la ragazzina è impreparata, tu comunque faresti una comunicazione a casa anche se rischia di essere picchiata per questo? Perché io mi trovo con colleghe che propongono di non fare niente per non coinvolgere i servizi sociali, ma che contemporaneamente mi hanno detto che non è il caso di sanzionare la ragazzina perché, cito testualmente, "la mamma la mena". Allora delle due una: o pensi che siano scemenze e vai avanti come se non le avessi sentite, oppure ti muovi e fai qualcosa, o no? Io non avrei mai voluto ricevere queste confidenze e mi auguro che siano scemenze inventate dalla ragazzina, ma di fatto non lo so e non sono in grado di capirlo da sola. Poniamo che io superi le mie resistenze e chieda alla ragazzina di mostrarmi i segni. A parte l'umiliazione che io avrei provato se fossi nei panni della ragazzina (l'insegnante non mi crede...) e i problemi tecnici (che dovrei fare? Me la porto in bagno e le faccio alzare la maglia per vedere la schiena dove dice di prendere i calci?!?), che tipo di informazioni ne ricavo? Se ha un livido non è detto che sia stata la mamma, oppure sì? Fammi capire meglio il tuo punto di vista per favore, fammi capire dove sbaglio.
Tornare in alto Andare in basso
enricat



Messaggi : 1754
Data d'iscrizione : 27.11.10

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 6:12 pm

Non seguire il consiglio di chi ti dice di mostrare i lividi. Se ti lanciano una piastra contro e questa non ti colpisce o ti colpisce e non ti lascia il segno la cosa non è meno grave.
NOn credere a una denuncia di violenza significa fare vittimizzazione secondaria, cioè rendere il soggetto vittima una seconda volta, dal punto di vista emotivo e psicologico, non riconoscendo la violenza subita da questa.
Cosa ne pensa la ragazzina di una eventuale segnalazione? Ne avete parlato con lei? naturalmente con modi e linguaggi adeguati all'età. Serve non solo per riconoscerle autodeterminazione ma anche per assicurarsi che una segnalazione non la metta in situazione di rischio.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8347
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 6:14 pm

udl ha scritto:
ushikawa ha scritto:
Non sono convinto che sia giusto che la scuola si occupi questo genere di incombenze; in ogni caso prima di prendere qualsiasi genere di iniziativa ti consiglio di farti un'idea il più possibile precisa sul contesto nel quale avverrebbero le violenze. Sono episodiche o continuative? Esistono situazioni problematiche chiaramente delineate e documentate (separazioni, nuove nascite, disoccupazione, depressioni ecc.)? Che impressione fa la presunta aguzzina ai colloqui?

Queste sono valutazioni che spettano agli organi competenti. Dovere di un pubblico ufficiale è segnalare ogni situazione strana di cui viene a conoscenza, le valutazioni le faranno poi gli organi deputati a questo. Chiudo qui, buona serata a tutti


sì, chiudo anche io.

Yunola, ti ho suggerito una strada percorribile che è quella di chiedere una consulenza telefonica a chi si occupa istituzionalmente di queste cose. Mi spaventa che tu chieda a Felipeto.

Spero che saprai agire nell'interesse della ragazza.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
ushikawa



Messaggi : 1917
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 6:16 pm

Se ti dico che in questo momento avidodinformazioni mi sta rapinando, riterresti che sia il caso di denunciarlo? Se faccio una denuncia senza una ragionevole certezza che il crimine sia stato effettivamente consumato rischio anche di essere a mia volta denunciato per calunnia.

Nella nostra scuola c'è un genitore che "molto verosimilmente", anche a detta del figlio, fuma marijuana -e chissà che non la spacci pure!. Secondo il tuo ragionamento dovrei denunciarlo. Magari, invece, mi consulto con i colleghi e si decide insieme dell'opportunità di allertare i servizi sociali che, curiosamente, in questo caso avrebbero anche qualche altro motivo di intervenire.

Ci sono anche alunni particolarmente abili nella manipolazioni, che sono capaci di inventarsi le storie più assurde pur di attirare dell'attenzione su di sé. Data l'età l'assurdità è abbastanza evidente, ma se avessimo di fronte alunni più abili a mentire?

L'unico consiglio sensato mi sembra quello di consultarsi con il telefono azzurro, i cui operatori hanno sicuramente un'esperienza maggiore per capire in base a quali parametri credere o dubitare della ricostruzione fornita.


Ultima modifica di ushikawa il Mar Apr 26, 2016 6:20 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
yunola



Messaggi : 255
Data d'iscrizione : 29.07.12

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 6:20 pm

Io ho parlato solo in un'occasione con la mamma. Separata, vive con due figli che oggi scopro essere in realtà una sua (la mia alunna) e uno del compagno. La bambina ha poi un altro fratello da parte del padre, ma non lo vede mai. Parlando con la madre sembrava che il padre non esistesse, mentre la ragazzina oggi mi ha detto che il padre lo vede (come nel fine settimana appena trascorso) e che, quando stava insieme alla madre, lui la difendeva dalle botte. Gli episodi sono legati ad arrabbiature per singoli episodi, come quelli che ho descritto nel primo post. All'altra collega la ragazzina ha raccontato che la madre l'ha minacciata di mandarla in collegio se a causa sua dovesse essere lasciata dal compagno (non so se quello vecchio o uno nuovo). Non mi sembrò in grado di giudicare una persona da una conoscenza così superficiale: potrebbe sembrarmi un'ottima persona e non esserlo o viceversa. Le colleghe credo non l'abbiano mai vista perché io l'avevo convocata appositamente e non mi risulta che sia mani venuta a colloqui o altre occasioni di incontro, su questo domani chiederò meglio alle colleghe.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1917
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 6:25 pm

A me sembra che la ragazzina si stia facendo un  film e che ci abbia creduto tanto da provare a convincere anche qualcun altro.

Elementi per dirlo: il racconto di una madre cattiva, che addirittura minaccia il collegio, e di un padre salvatore.

Probabilmente la ragazza vive male la situazione di separazione tra i genitori e la sua separazione dal padre, e ricama su episodi realmente accaduti, ma riportati in maniera un po' enfatica. Oppure c'è un problema con il patrigno, ma siccome è indicibile viene messa davanti la figura della madre e mitizzata quella del padre.

E' anche probabile che la madre si senta molto inadeguata ad educare, da sola, la propria figlia e che il compagno non le dia un adeguato sostegno.

In ogni caso trovo assolutamente inopportuno andare a sindacare su un ceffone da incazzatura vero o presunto in mancanza di qualche riscontro.

Se la ragazza mostra segni di disagio di altro tipo (es. calo del rendimento scolastico, sintomi di depressione, tendenza alle fantasticherie o ad inventarsi storie) allora è il caso di allertare psicologi e servizi sociali più che di fare una denuncia.


Ultima modifica di ushikawa il Mar Apr 26, 2016 6:27 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Violenze in famiglia ruolo della scuola   Mar Apr 26, 2016 6:26 pm

ushikawa ha scritto:
Non sono convinto che sia giusto che la scuola si occupi questo genere di incombenze; in ogni caso prima di prendere qualsiasi genere di iniziativa ti consiglio di farti un'idea il più possibile precisa sul contesto nel quale avverrebbero le violenze. Sono episodiche o continuative? Esistono situazioni problematiche chiaramente delineate e documentate (separazioni, nuove nascite, disoccupazione, depressioni ecc.)? Che impressione fa la presunta aguzzina ai colloqui?



La scuola ha l'obbligo di segnalare invece. Capisco i timori, ma il nostro è un lavoro di grande responsabilità proprio perché ci tocca gestire situazioni del genere.
Spetta a noi la tutela dei minori e da pubblici ufficiali non possiamo esimerci dal segnalare una notizia di reato laddove ci venga riferita. Non ci spetta invece l'istruttoria: fare domande potrebbe confondere il quadro piuttosto che chiarirlo. Quella verrà fatta da altri con maggiori competenze.
Io consiglierei un relazione scritta al Dirigente, intanto e tempestivamente.
Tornare in alto Andare in basso
 
Violenze in famiglia ruolo della scuola
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 5Andare alla pagina : 1, 2, 3, 4, 5  Seguente
 Argomenti simili
-
» Contratti sul sito della scuola
» richiesta 3 giorni di vacanza a discrezione della scuola
» colloqui individuali con i genitori
» nomina coatta alla gestione del sitoweb della scuola
» LA BCE ORDINA LA PRIVATIZZAZIONE DELLA SCUOLA

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: