Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 E ci risiamo...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
AutoreMessaggio
paniscus_2.0



Messaggi : 6126
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 11:48 am

Promemoria primo messaggio :

http://bologna.repubblica.it/cronaca/2016/05/13/news/_scuole_aperte_un_mese_in_piu_la_petizione_delle_mamme_emiliane_al_ministro_giannini-139668891/

Ecco la solita rivendicazione del diritto alla scuola-ludoteca, alla scuola-babysitter, alla scuola-centroestivo, alla scuola-villaggioturistico, alla scuola-parcheggio.

Ma ci fosse mai nessuno che auspica un allungamento del calendario scolastico, sì, ma per continuare a fare SCUOLA...
Tornare in alto Andare in basso
Online

AutoreMessaggio
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 8:53 pm

Ire ha scritto:

Il discorso della temperatura è un buon discorso. Dovrebbe senza dubbio essere qualcosa da tenere in considerazione.

Il che dovrebbe chiudere la discussione, a eccezione delle scuole sopra i 2000 metri di quota.

Ire ha scritto:


Credo nessuno ti chieda di smettere di insegnare francese per fare la babysitter.

Ah no? L'articolo da cui parte questa discussione contiene le seguenti frasi:

"Ma tu in estate come fai?" (con i figli, si intende)

"Da una parte le famiglie, che si trovano a dover “coprire” i tre mesi estivi, dai primi di giugno a metà settembre, con nonni e centri estivi"

"Mi rendo conto delle difficoltà che può incontrare la mia richiesta, ma il mondo è cambiato e le famiglie hanno necessità di avere una scuola aperta in estate"

Motivazioni didattiche = zero. L'unico punto che interessa è: chi mi tiene il bambino?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6126
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 8:59 pm

Ire ha scritto:

Non vedo perchè ad esempio non si potrebbero lasciare per l'estate i laboratori, lo studio di uno strumento musicale....... evitando ad esempio di sottrarre ore curricolari per queste attività che volenti o nolenti sono nei pof o ptof.


La richiesta NON E' quella.

La richiesta NON E' quella di utilizzare i giorni di giugno e luglio per fare attività didattiche che "sono nei pof".

La richeista è solo quella di offrire un servizio facoltativo e gratis a chi ha bisogno di "piazzare" i figli da qualche parte durante il proprio orario di lavoro, indipendentemente da cosa si faccia realmente in quelle giornate.

Se per ipotesi venissero dedicate allo studio di uno strumento musicale, dovrebbero andarci quelli realmente interessati allo strumento musicale, e bendisposti a impararlo davvero, con impegno uguale a quello delle materie scolastiche obbligatorie.

Invece, finirebbero con l'andarci solo quelli che hanno la famiglia che ha bisogno della baby sitter gratis, anche se non hanno la MINIMA voglia di applicarsi allo studio dello strumento musicale, e se in tal modo rovinerebbero l'apprendimento dello strumento musicale da parte di quelli che sono interessati davvero e che ci vanno per quello.

In definitiva, decidiamoci: si vuole l'attività didattica, o si vuole solo il parcheggio custodito?

Se si vuole l'attività didattica (anche se facoltativa), si accetti una programmazione rigorosa, un impegno obbligatorio e una valutazione.

Se si vuole solo il parcheggio custodito, lo si richieda ad ALTRI e non alla scuola.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 9:01 pm

ed è uno scandalo avere la preoccupazione di dove mettere il bambino?

Chiedere che sia la scuola ad offrire un posto dove andare e qualcosa da fare non è già chiedere che comunque questi bimbi non siano lasciati a far niente ma siano impegnati in attività interessanti e formative?

La scuola non nella figura dei docenti che prestano servizio durante l'anno scolastico tradizionale, ma nella figura di una Istituzione dello Stato che può accogliere bambini e ragazzini perchè ha la struttura idonea (temperatura a parte)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 9:06 pm

E se fosse facoltativa che male ci sarebbe? E se finissero per andarci solo quelli che hanno bisogno di babysitter, e sono i più, che male ci sarebbe?

Quanti bambini sono appoggiati di qua e di là in estate? Andrebbero a scuola impegnati in attività interessanti che potrebbero ad esempio scegliere tra un ventaglio di proposte.

Per quanto riguarda il gratuitamente: ti ricordo che tutti paghiamo le tasse e se con le tasse riusciamo ad avere questo servizio non vedo cosa ci rimetti tu.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6126
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 9:08 pm

Ire ha scritto:
E se fosse facoltativa che male ci sarebbe?  E se finissero per andarci solo quelli che hanno bisogno di babysitter, e sono i più, che male ci sarebbe? 

Che lo scopo istitutivo della scuola NON E' quello di offrire un servizio di baby sitter.
Tornare in alto Andare in basso
Online
zshiraz



Messaggi : 129
Data d'iscrizione : 10.11.14

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 9:26 pm

Lo stato mettesse a norma le scuole e le impiegasse pure come vuole: non credo che nessuno troverebbe da ridire. Un docente, al di fuori di ciò che è (ancora) previsto dal contratto, se non c'è attività didattica non è tenuto a fare alcunché, perché non gli compete.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 9:31 pm

zshiraz ha scritto:
Lo stato mettesse a norma le scuole e le impiegasse pure come vuole: non credo che nessuno troverebbe da ridire. Un docente, al di fuori di ciò che è (ancora) previsto dal contratto, se non c'è attività didattica non è tenuto a fare alcunché, perché non gli compete.

sembra che non sia vero che nessuno troverebbe da ridire.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 9:34 pm

Ire la scuola come edificio può essere usata dallo stato per fare qualsiasi cosa, anche il bungee jumping, ma gli insegnanti in servizio durante l'anno devono essere impiegati solo ed esclusivamente per la loro classe di concorso, cioè per quello per cui hanno studiato, sono competenti e sono stati assunti.
Lo stato vuol fornire un servizio sociale utilizzando gli edifici scolastici per proporre ai ragazzi un corso di teatro in sardo? Prego! Ma che non chiedano a me di farlo! Io faccio l'insegnante di francese e PRETENDO di insegnare solo quello perché solo in quello sono competente. Scusate se è poco.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 9:38 pm

Valerie ha scritto:
Ire la scuola come edificio può essere usata dallo stato per fare qualsiasi cosa, anche il bungee jumping, ma gli insegnanti in servizio durante l'anno devono essere impiegati solo ed esclusivamente per la loro classe di concorso, cioè per quello per cui hanno studiato, sono competenti e sono stati assunti.
Lo stato vuol fornire un servizio sociale utilizzando gli edifici scolastici per proporre ai ragazzi un corso di teatro in sardo? Prego! Ma che non chiedano a me di farlo! Io faccio l'insegnante di francese e PRETENDO di insegnare solo quello perché solo in quello sono competente. Scusate se è poco.

Troppo poco, troppo poco ...

Lavativa! Fannullona!
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 9:38 pm

Perché vedi, Ire, la questione che è stata posta è diversa da ciò che intendi tu.
Nell'articolo citato non si chiede di consentire l'uso degli edifici scolastici per attività ricreative e formative finanziate dallo stato e portate avanti da personale apposito. No, no.
Lì Si chiede di far andare a scuola i bambini un mese in più con le LORO MAESTRE, che però non devono fare lezione, ma dedicarsi all'animazione e all'intrattenimento.
È diverso da quello che chiedi tu.

@mac
Eh eh, di' la verità, sei invidioso, eh!?
:-))))
Tornare in alto Andare in basso
zshiraz



Messaggi : 129
Data d'iscrizione : 10.11.14

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 9:41 pm

In Germania, il comune o chi gestisce la scuola concede i locali alla Volkshochschule, al coro, ai bambini che fanno judo il pomeriggio, al doposcuola, a chi si prepara al DELF, a chi lo chiede. Nessuna di queste attività è di pertinenza dei docenti, che, se vogliono, e finché la scuola è aperta, possono starsene a studiare e lavorare in sala docenti alla loro scrivania, e che ovviamente non hanno nulla da ridire perché la scuola è una struttura pubblica e tutti possono, nei limiti della normativa, usufruirne. Il problema è che qui si chiede a me, docente, di animare il doposcuola, il coro e il corso di cucina.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6126
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 9:47 pm

Valerie ha scritto:
Perché vedi, Ire, la questione che è stata posta è diversa da ciò che intendi tu.
Nell'articolo citato non si chiede di consentire l'uso degli edifici scolastici per attività ricreative e formative finanziate dallo stato e portate avanti da personale apposito.

Il che in parte esiste GIA', e nessun insegnante si lamenta.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 9:48 pm

zshiraz ha scritto:
?.. la scuola è una struttura pubblica e tutti possono, nei limiti della normativa, usufruirne. Il problema è che qui si chiede a me, docente, di animare il doposcuola, il coro e il corso di cucina.
Infatti!!!
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 9:50 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Valerie ha scritto:
Perché vedi, Ire, la questione che è stata posta è diversa da ciò che intendi tu.
Nell'articolo citato non si chiede di consentire l'uso degli edifici scolastici per attività ricreative e formative finanziate dallo stato e portate avanti da personale apposito.
Il che in parte esiste GIA', e nessun insegnante si lamenta.
Infatti!
:-))))
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 10:11 pm

Ma Valerie.... quello che si chiede deve incontrare quello che può essere offerto.

E' evidente che non è possibile chiedere a te di fare qualcosa di diverso dall'insegnare francese perchè quella è la prestazione oggetto del tuo contratto di lavoro.

Discorso diverso è se ti si chiede di lavorare per più tempo, ma ho chiesto a paniscus se fosse questa la sua preoccupazione e ha detto di no anche perchè sarebbe favorevole o almeno prenderebbe in considerazione chi chiedesse una attività didattica prolungata (l'ha detto lei).

La richiesta è quella di avere un posto dove mandare i figli in estate, un posto a prezzo equo (immagino andrebbe con isee) e attraente dal punto di vista della sicurezza e della offerta formativa in modo da dare qualcosa di più ai ragazzi. l'offerta può essere quella di un posto così, sicuro (almeno nell'immaginario) garantito dallo stato in quanto a contenuti e personale che però non dovrebbe essere quello curricolare.

Una cosa così non sarebbe accettabile?

Le scuole aperte sempre sono una ottima opportunità sotto tanti aspetti. Bisogna fare in modo di incastrare tutto quello che va incastrato.


So che non è questo che dice l'articolo (un po' i giornalisti vanno veloci, un po' a quelle mamme interessa il problema contingente) ma le obiezioni che sono state fatte qui erano sul fatto che lo scopo della scuola non è quello di offrire un servizio di baby sitter. Questa obiezione messa così non ha senso.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giobbe



Messaggi : 3568
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 10:17 pm

Ire non confondere l'assistenza sociale con l'insegnamento: a ognuno il suo compito.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 10:31 pm

Di chi dovrebbe essere l'assistenza sociale e l'insegnamento pubblico se non dello stato?

Non mi sembra di aver confuso,

Assistenza sociale e asili nido: non mi sembra ci sia qualcuno che si lamenta eppure sono strutture statali che servono per accogliere i bambini soprattutto di quelle famiglie che non hanno modo di tenerli durante la giornata

Dopo....... lo Stato li abbandona e invece potrebbe fare tanto- Senza toccare gli insegnanti che non volessero essere toccati e davvero offrendo un servizio utile per una società meno bestia di quello che è.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6126
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 10:33 pm

Ire ha scritto:

La richiesta è quella di avere un posto dove mandare i figli in estate, un posto a prezzo equo (immagino andrebbe con isee) e attraente dal punto di vista della sicurezza e della offerta formativa in modo da dare qualcosa di più ai ragazzi. l'offerta può essere quella di un posto così, sicuro (almeno nell'immaginario)  garantito dallo stato in quanto a contenuti e personale che però non dovrebbe essere quello curricolare.

Una cosa così non sarebbe accettabile?

Esiste già.

Si chiama "centro estivo", gestito dal Comune, che non è gratis ma che comunque costa di meno di quello che costerebbe in un contesto esclusivamente privato e che appunto dipende dall'isee... e che nella maggior parte dei casi ha come base di lavoro proprio gli stessi edifici scolastici in cui i ragazzini vanno già durante l'anno (poi non è che stiano sempre lì tutti i giorni, vengono portati anche a fare escursioni, a nuotare in piscina, a vedere spettacoli, a visitare parchi, zoo e musei, ma comunque la base di lavoro è nella scuola, ma il personale non è quello curricolare della scuola).

Tutto questo è GIA' esistente e consolidato da decenni.

Non dico di esserci andata personalmente io, ma ho un vago ricordo del fatto che ci fosse andato mio fratello, che è un po' più giovane di me ma comunque è prossimo ai 40 anni ed è padre di famiglia, quindi non deve essere proprio un'innovazione rivoluzionaria  : - )

Quindi, de che stamo a parlà?????
Tornare in alto Andare in basso
Online
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 10:36 pm

Ire ha scritto:
Ma Valerie....  quello che si chiede deve incontrare quello che può essere offerto.
Mettiamola così: io mi incazzo proprio perché la logopedista-mamma citata nell'articolo chiede qualcosa che NON può essere offerto!
Ire ha scritto:
E' evidente che non è possibile chiedere a te di fare qualcosa di diverso dall'insegnare francese perchè quella è la prestazione oggetto del tuo contratto di lavoro.
Infatti. Ma la logopedista-mamma e chi ha firmato con lei la pensa diversamente!
Ire ha scritto:
Discorso diverso è se ti si chiede di lavorare per più tempo, ma ho chiesto a paniscus se fosse questa la sua preoccupazione e ha detto di no anche perchè sarebbe favorevole o almeno prenderebbe in considerazione chi chiedesse una attività didattica prolungata  (l'ha detto lei).
Anche io sono disponibile, ma solo per fare francese con test e valutazioni.
Ire ha scritto:
La richiesta è quella di avere un posto dove mandare i figli in estate, un posto a prezzo equo (immagino andrebbe con isee) e attraente dal punto di vista della sicurezza e della offerta formativa in modo da dare qualcosa di più ai ragazzi. l'offerta può essere quella di un posto così, sicuro (almeno nell'immaginario)  garantito dallo stato in quanto a contenuti e personale che però non dovrebbe essere quello curricolare.
Una cosa così sarebbe accettabilissima, ma non sarebbe scuola. Sarebbe un centro formativo ricreativo. E, ripeto, non è quello di cui parla la logopedista-mamma che invece fa diretto e esplicito riferimento alle maestre curricolari.
Ire ha scritto:
So che non è questo che dice l'articolo  (un po' i giornalisti vanno veloci, un po' a quelle mamme interessa il problema contingente)  ma le obiezioni che sono state fatte qui erano sul fatto che lo scopo della scuola non è quello di offrire un servizio di baby sitter.  Questa obiezione messa così non ha senso.
No Ire, l'articolo è chiarissimo. Le suddette mamme non chiedono di utilizzare i locali dell'edificio scolastico per fare attività ricreative con personale extra curricolare, ma chiedono chiaramente che le maestre curricolari si trasformino in baby sitter/guardiani che sorveglino i bambini mentre giocano liberamente senza essere costretti ad attività scolastiche. Si parla infatti di andare a scuola un mese in più, di fare meno vacanze, si mettono sul tavolo i giorni di ferie dei docenti, si chiede una scuola senza test e valutazioni.
Ma hai letto?


Ultima modifica di Valerie il Ven Mag 13, 2016 10:45 pm, modificato 3 volte
Tornare in alto Andare in basso
Laura70



Messaggi : 3220
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 10:39 pm

Nelle vostre scuole come si pensano di organizzare quei giorni in cui dal prossimo anno non ci saranno più i cosiddetti "ponti"?
per es. ponte dell'Immaccolata o i giorni di carnevale (2) che ora non saranno più concessi?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6126
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 10:50 pm

Il punto è che questo tipo di gente NON VUOLE l'attività strutturata che crea un minimo di impegno e di corresponsabilità anche alle famiglie.

Come ho già detto, tali attività (che utilizzano gli edifici scolastici con personale esterno che fa svolgere attività diverse da quelle scolastiche) ESISTONO GIA', e sono ampiamente collaudate e consolidate, proprio con le modalità di partecipazione di cui sopra (ossia, non sono gratis, ma sono a prezzi decenti, con scaglioni tariffari dipendenti dall'isee, e quant'altro). Solo che, per iscrivere il figlio al centro estivo, bisogna fare lo sforzo di programmare la cosa un paio di mesi prima, scegliere le settimane che interessano e la sede che interessa, telefonare o mandare un email all'ufficio apposito, e accettare il fatto di non poter cambiare prenotazione all'ultimissimo momento.

Invece 'sta gente vorrebbe che la scuola fosse aperta liberamente tutti i giorni come un parco giochi (però sorvegliato da qualcun altro e senza la necessità di accompagnamento da parte di un adulto), a partecipazione libera estemporanea, senza nessun impegno di iscrizione o di prenotazione precedente, ossia giorno per giorno chi ha voglia ci va e chi non ha voglia no, perché tanto c'è sempre qualcuno a disposizione per affidargli il bambino, gratis e senza nessun impegno da parte della famiglia edel bambino stesso. E vorrebbe pure che questo "qualcuno" fossero gli stessi insegnanti che durante l'anno hanno provato (senza speranza) a insegnare al ragazzino i valori della puntualità, del rispetto degi impegni, e della continuità del percorso educativo.

Tornare in alto Andare in basso
Online
zshiraz



Messaggi : 129
Data d'iscrizione : 10.11.14

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 10:51 pm

Laura70 ha scritto:
Nelle vostre scuole come si pensano di organizzare quei giorni in cui dal prossimo anno non ci saranno più i cosiddetti "ponti"?
per es. ponte dell'Immaccolata o i giorni di carnevale (2) che ora non saranno più concessi?

Non mi ricordo se l'8 dicembre ci sia stato un ponte, so per certo che martedì grasso abbiamo fatto lezione regolarmente. Cos'altro si potrebbe fare?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6126
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 10:56 pm

Laura70 ha scritto:
Nelle vostre scuole come si pensano di organizzare quei giorni in cui dal prossimo anno non ci saranno più i cosiddetti "ponti"?
per es. ponte dell'Immaccolata o i giorni di carnevale (2) che ora non saranno più concessi?

E questa notizia da dove arriva?

Ossia, dove sta scritto che "non saranno più concessi i ponti", e chi l'ha deciso?

Non è che io sia particolarmente favorevole ai ponti, quindi la cosa mi lascia abbastanza indifferente, ma mi risulta che la determinazione del calendario scolastico spetti alle singole regioni (e che quindi lo stesso ponte concesso in Lombardia non sia necessariamente atticvato anche in Toscana, e viceversa) e che comunque anche le singole scuole abbiano un certo margine di manovra su come distribuire un certo numero di giorni di sospensione didattica, purché il totale di giorni di lezione durante l'anno rimanga lo stesso.

Non mi risulta che questa norma sia stata abolita, né tantomeno che sia stato imposto un calendario scolastico identico per tutta Italia
Tornare in alto Andare in basso
Online
Laura70



Messaggi : 3220
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 11:01 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Laura70 ha scritto:
Nelle vostre scuole come si pensano di organizzare quei giorni in cui dal prossimo anno non ci saranno più i cosiddetti "ponti"?
per es. ponte dell'Immaccolata o i giorni di carnevale (2) che ora non saranno più concessi?

E questa notizia da dove arriva?

Ossia, dove sta scritto che "non saranno più concessi i ponti", e chi l'ha deciso?

Non è che io sia particolarmente favorevole ai ponti, quindi la cosa mi lascia abbastanza indifferente, ma mi risulta che la determinazione del calendario scolastico spetti alle singole regioni (e che quindi lo stesso ponte concesso in Lombardia non sia necessariamente atticvato anche in Toscana, e viceversa)  e che comunque anche le singole scuole abbiano un certo margine di manovra su come distribuire un certo numero di giorni di sospensione didattica, purché il totale di giorni di lezione durante l'anno rimanga lo stesso.

Non mi risulta che questa norma sia stata abolita, né tantomeno che sia stato imposto un calendario scolastico identico per tutta Italia

pare siano le nuove disposizioni del ministero.
Es. il prossimo 8 dicembre cadrà di giovedì, le scuole dovranno rimanere aperte il 9 che è un venerdì.
Ecco si tratta proprio di quei giorni di sospensione didattica, mi sembra siano 6 giorni che nel prossimo a.s. non verranno più concessi
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1854
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: E ci risiamo...    Ven Mag 13, 2016 11:12 pm

certo che sennò i ragazzi nei ponti senza scuola cadono nella droga

Intrattenitori, ecco cosa dobbiamo essere. Intrattenitori con quel quid di culturale che fa stare a posto le coscienze e le mamme ansiose. Così pensano quelli come Ire. Mi chiedo come abbia potuto un'intera categoria cadere così in basso.
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
E ci risiamo...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 5Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
 Argomenti simili
-
» Ci risiamo...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: