Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Tutta colpa di Mendel

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
sono stato bravo?



Messaggi : 124
Data d'iscrizione : 30.06.15

MessaggioOggetto: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 9:03 pm

Mi è successa una situazione assurda. Insegno matematica e scienze alle medie e una ragazza mi ha chiesto come mai se i suoi genitori sono entrambi gruppo 0 lei ha gruppo A e la sorella gruppo B: ho spiegato che la cosa è scientificamente impossibile, perchè gli individui con gruppo 0 possono trasmettere solo l'allele 0 alla discendenza. Ho chiesto più volte alla ragazza se fosse sicura di ciò che diceva e lei ha ribadito di sì, al che io ho detto che l'unica possibilità è che sia stata adottata, perchè scientificamente è impossibile.
Il giorno dopo si presenta tutta la sacra famiglia a scuola a parlare con la dirigente e dicono che io con le mie spiegazioni ho traumatizzato l'alunna.....ribadisco che la domanda me l'ha fatta lei, non sono stato certo io a mettere in mezzo l'argomento, che tra l'altro non è neanche argomento attuale di studio in quanto stiamo trattando l'elettromagnetismo, ma poi quale sarebbe la mia colpa, aver detto la verità? Se fossi stato un medico o un genetista, nessuno mi avrebbe detto niente, siccome sono un docente si spara a zero anche se evidentemente ho ragione io.
Poi la solita minaccia: sono nell'anno di prova e quindi devo badare doppiamente a ciò che faccio e che dico, ma cosa avrei dovuto dire? Preferisco dire la verità.....è inutile dire che quell'inetta della preside dà ragione alla famiglia e si scaglia contro di me, ma questo è un classico ormai.
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 9:12 pm

Hai sbagliato. Se avevi il sospetto, o la certezza, che la ragazzina fosse stata adottata te lo tenevi per te. Ma tu hai idea della delicatezza Dell argomento?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 9:13 pm

Forse però si sarebbe anche potuto chiedere una volta in meno se fosse sicura e nicchiare a un certo punto della discussione, un pelino prima di dirle che probabilmente è un'orfanella.
Non sei né un genetista né un medico, quindi perché insistere nel consulto? Se poi in sede di verifica avesse sostenuto che due gruppi 0 possono trasmettere allene A o B le avresti potuto dare serenamente 4
Tornare in alto Andare in basso
mariposita



Messaggi : 1745
Data d'iscrizione : 14.10.09

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 9:25 pm

sono stato bravo? ha scritto:
Mi è successa una situazione assurda. Insegno matematica e scienze alle medie e una ragazza mi ha chiesto come mai se i suoi genitori sono entrambi gruppo 0 lei ha gruppo A e la sorella gruppo B: ho spiegato che la cosa è scientificamente impossibile, perchè gli individui con gruppo 0 possono trasmettere solo l'allele 0 alla discendenza. Ho chiesto più volte alla ragazza se fosse sicura di ciò che diceva e lei ha ribadito di sì, al che io ho detto che l'unica possibilità è che sia stata adottata, perchè scientificamente è impossibile.
Il giorno dopo si presenta tutta la sacra famiglia a scuola a parlare con la dirigente e dicono che io con le mie spiegazioni ho traumatizzato l'alunna.....ribadisco che la domanda me l'ha fatta lei, non sono stato certo io a mettere in mezzo l'argomento, che tra l'altro non è neanche argomento attuale di studio in quanto stiamo trattando l'elettromagnetismo, ma poi quale sarebbe la mia colpa, aver detto la verità? Se fossi stato un medico o un genetista, nessuno mi avrebbe detto niente, siccome sono un docente si spara a zero anche se evidentemente ho ragione io.
Poi la solita minaccia: sono nell'anno di prova e quindi devo badare doppiamente a ciò che faccio e che dico, ma cosa avrei dovuto dire? Preferisco dire la verità.....è inutile dire che quell'inetta della preside dà ragione alla famiglia e si scaglia contro di me, ma questo è un classico ormai.

è passato un po' da quando ho studiato l'argomento ma: mamma gruppo B, papà 0. io B e mia sorella A. Mia sorella è ndata dal medico, che le ha confermato che è possibile...ti torna?
Tornare in alto Andare in basso
sono stato bravo?



Messaggi : 124
Data d'iscrizione : 30.06.15

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 9:41 pm

No che non mi torna, cmq grazie per la solidarietà.....
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1602
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 9:42 pm

Prima che all'adozione, io avrei pensato ad un evento ben più frequente: l'esistenza di un padre biologico diverso da quello che l'ha legalmente riconosciuta e che crede magari di essere il vero padre.
Tornare in alto Andare in basso
sono stato bravo?



Messaggi : 124
Data d'iscrizione : 30.06.15

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 9:50 pm

E non è la stessa cosa o una cosa molto simile...? Cmq tranquillizzerò la ragazza dicendo che potrebbe trattarsi eventualmente di una mutazione genetica, così salviamo capra e cavoli.....
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 9:50 pm

Sei stato poco accorto. Potevi immaginare dove andava a parare la domanda.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 9:59 pm

Io avrei convocato i genitori mettendoli di fronte ad un ultimatum:
1) persuadere la figlia a non insistere nel cercare risposte dalla biologia
2) dirle la verità
3) accettare che la figlia si prenda un bel due in scienze se insiste nel mettere in dubbio le poche certezze che la genetica ha sancito

Non c'è bisogno di metterla di fronte alla nuda verità, per quello ci sono i genitori. E se non vogliono assumersi la responsabilità che paghino le conseguenze.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 10:00 pm

sono stato bravo? ha scritto:
E non è la stessa cosa o una cosa molto simile...? Cmq tranquillizzerò la ragazza dicendo che potrebbe trattarsi eventualmente di una mutazione genetica, così salviamo capra e cavoli.....

Peggio che andar di notte. Vuoi inculCarle l'idea di essere una mutante!?


Ultima modifica di Giancarlo Dessì il Ven Mag 20, 2016 1:38 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 10:02 pm

chicca70 ha scritto:
Prima che all'adozione,  io avrei pensato ad un evento ben più frequente: l'esistenza di un padre biologico diverso da quello che l'ha legalmente riconosciuta e che crede magari di essere il vero padre.
In effetti, con la burocrazia che c'è, in Italia è molto più facile nascere figli di una cooperativa piuttosto che essere adottati :-)
Tornare in alto Andare in basso
sono stato bravo?



Messaggi : 124
Data d'iscrizione : 30.06.15

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 10:04 pm

Ok, allora non mi resta altro che cospargermi il capo di cenere, chiedere umilmente scusa in ginocchio per aver detto la verità o meglio per aver esposto un'ipotesi plausibile. Mi metterò in malattia fino alla fine dell'anno, tanto i 180 giorni li ho superati abbondantemente....
Tornare in alto Andare in basso
Romado72



Messaggi : 3516
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 10:41 pm

A mio parere, al momento ti è mancato il quid per contare fino a 10 e cantartela e suonartela, pensando che chi si fa i fattacci suoi vive 200 anni, essendo evasivo, e pensando che forse la ragazzina poteva non essere figlia della situazione standard: stasera non c'è niente in tv, che famo?:):); ma invece di: famo o non famo, non ci moltiplichiamo; oppure: stasera sono a cena con un'amica:):)
Certo che dire a bruciapelo ad una ragazzina: secondo me sei stata adottata....beh insomma,.... se ha fatto quella domanda vuol dire che fino a quel momento viveva in una realtà parallela. Sei stato un pó brutale. E al di là dei motivi per i quali la ragazzina era ignara, bisogna pure mettersi nei suoi panni come in quelli dei genitori (ma certo che se non è stata adottata, la mamma dovrà pur dare qualche spiegazione:):))
Ma si impara sempre, anche dagli errori.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6114
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 11:00 pm

Dunque, andiamo per punti:

a) l'ipotesi più plausibile è che la ragazza si sia sbagliata e che abbia riferito in maniera scorretta i gruppi sanguigni della famiglia, tutto lì. Magari un genitore è di gruppo 0 e l'altro è AB, molto banalmente, ma è lei che non ha capito la differenza (e magari nemmeno i genitori stessi)...

b) se invece fosse vero che la ragazza è adottata... beh, mi pare assolutamente impossibile che non lo sappia, visto che oggi l'intenzione di non dire la verità ai figli adottivi è considerata assolutamente inaccettabile e comporta anche l'essere esclusi dall'idoneità all'adozione (senza contare che sono quasi scomparse le adozioni di neonati, e che la maggior parte delle adozioni riguarda bambini che arrivano in famiglia avendo già almeno tre o quattro anni, o anche di più, e che quindi ricordano perfettamente di essere stati adottati).

c) e poi fosse vera la terza ipotesi, ovvero che la ragazza sia frutto di un corno (e a questo punto anche la sorella, non si sa se dello stesso corno o di due corni diversi)... siccome oggi, e anche 20 anni fa, gli esami della determinazione del gruppo sanguigno si fanno immediatamente alla nascita, mi sembra ANCORA più incredibile che i genitori stessi non si fossero accorti dell'incongruenza e che non abbiano pensato a come spiegarla alla figlia. Se poi non fosse un corno vero e proprio, ma magari una fecondazione assistita eterologa, scelta consapevolmente per problemi di sterilità... beh, allora DOPPIAMENTE la famiglia avrebbe dovuto attrezzarsi per spiegarlo ai figli, prima che venissero a scopirlo da soli e a chiedere spiegazioni all'insegnante.

In ogni caso, se è vero che i genitori SANNO di avere gruppi sanguigni incompatibili con quelli dei figli e non si sono posti il problema di come spiegarglielo, sono loro ad essere stati incoscienti, e spetta a loro smazzarsi la situazione, non alla scuola.

Ultimissima ipotesi: è possibile che esistano delle sfumature secondarie di sotto-sotto-gruppi sanguigni che dipendono da più geni diversi e che quindi possono introdurre delle variazioni al di fuori della pura e semplice ereditarietà mendeliana a gene unico? Chiedo lumi ai biologi, perché veramente non lo so.


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Ven Mag 20, 2016 12:33 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15758
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 11:06 pm

sono stato bravo? ha scritto:
Mi è successa una situazione assurda. Insegno matematica e scienze alle medie e una ragazza mi ha chiesto come mai se i suoi genitori sono entrambi gruppo 0 lei ha gruppo A e la sorella gruppo B: ho spiegato che la cosa è scientificamente impossibile, perchè gli individui con gruppo 0 possono trasmettere solo l'allele 0 alla discendenza. Ho chiesto più volte alla ragazza se fosse sicura di ciò che diceva e lei ha ribadito di sì, al che io ho detto che l'unica possibilità è che sia stata adottata, perchè scientificamente è impossibile.
Il giorno dopo si presenta tutta la sacra famiglia a scuola a parlare con la dirigente e dicono che io con le mie spiegazioni ho traumatizzato l'alunna.....ribadisco che la domanda me l'ha fatta lei, non sono stato certo io a mettere in mezzo l'argomento, che tra l'altro non è neanche argomento attuale di studio in quanto stiamo trattando l'elettromagnetismo, ma poi quale sarebbe la mia colpa, aver detto la verità? Se fossi stato un medico o un genetista, nessuno mi avrebbe detto niente, siccome sono un docente si spara a zero anche se evidentemente ho ragione io.
Poi la solita minaccia: sono nell'anno di prova e quindi devo badare doppiamente a ciò che faccio e che dico, ma cosa avrei dovuto dire? Preferisco dire la verità.....è inutile dire che quell'inetta della preside dà ragione alla famiglia e si scaglia contro di me, ma questo è un classico ormai.
Se hai pensato che si sbagliasse ed eri in buona fede non hai nulla da addebitarti; se hai avuto il sospetto che fosse adottata ed hai anteposto la verità scientifica alla serenità dell'alunna allora è meglio che rivedi le tue priorità.

Se avessi pensato all'adulterio gli avresti risposto "sei figlia di puttana" ?
Tornare in alto Andare in basso
Online
balanzoneXXI



Messaggi : 659
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 11:10 pm

Ma guarda che razza di complicazioni puo' presentare il nostro lavoro!la faccenda mi ha fatto venire in mente l'insistenza con cui Edipo chiede a Tiresia di sputare il rospo .In questi casi che cosa e' meglio:passare per un insensibile traumatizzatore di fanciulle o per un incompetente? Un bel dilemma.Se l' aluñno e' insistente anche una risposta evasiva confermerebbe i suoi sospetti.No, se non si vuole far fremere d' orrore le esperte di psicopedagogia moderna, bisogna proprio recitare la parte dell' asino ed essere pure convincenti.
"Che vano desire cercar di scoprire quel mal che trovato meschini ci fa"(Mozart , "Cosi' Fan Tutte", primo atto).
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 11:20 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
sono stato bravo? ha scritto:
E non è la stessa cosa o una cosa molto simile...? Cmq tranquillizzerò la ragazza dicendo che potrebbe trattarsi eventualmente di una mutazione genetica, così salviamo capra e cavoli.....

Peggio che andar di notte. Vuoi incularle l'idea di essere una mutante!?

Hai dimenticato una c, spero ...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6114
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 11:44 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Dunque, andiamo per punti:

a) l'ipotesi più plausibile è che la ragazza si sia sbagliata e che abbia riferito in maniera scorretta i gruppi sanguigni della famiglia, tutto lì. Magari un genitore è di gruppo 0 e l'altro è AB, molto banalmente, ma è lei che non ha capito la differenza (e magari nemmeno i genitori stessi)...

Comunque è impressionante constatare quante persone (anche di livello culturale medio-alto) siano completamente ignare di questioni biologiche e mediche che posono riguardare tutti, e che sono di interpretazione banalissima e accessibile su qualsiasi libro scolastico.

Io ho il fattore Rh negativo (mentre mio fratello no) pur avendo entrambi i genitori con Rh positivo. Niente di strano, evidentemente entrambi i genitori hanno il genotipo misto e uno dei due figli si è beccato l'accoppiata "meno e meno" mentre l'altro si è beccato l'accoppiata "più e più" oppure "più e meno". E in effetti la nonna materna aveva il fattore Rh negativo esattamente come me, quindi vuol dire che il gene in famiglia girava e che si era già manifestato, e nemmeno ad opera di un antenato solo, ma di almeno due.

Bene, assicuro che non c'è mai stato verso di far capire ai miei genitori (entrambi laureati e più informati della media) il meccanismo spicciolo dell'ereditarietà di un fattore dominante o recessivo, nemmeno disegnando la tabellina quadrata. Se invece si taglia corto e si dice che tale caratteristica io "l'ho presa dalla nonna", allora lo capiscono e se la fanno andare bene così, anche se tecnicamente è sbagliato. Ma il perché da due genitori Rh+ può nascere un figlio Rh- , mentre il contrario no... non c'è mai stato verso di farglielo capire.

Altro caso: sono sbalordita a constatare quanto sia diffusa, tra i gemelli identici (ma dico IDENTICI, spiccicati, in fotocopia) la convinzione di essere gemelli fraterni, anche se causalmente molto somiglianti, e di non poter essere monozigoti... solo "perché sono nati in due sacche diverse". E la stessa cosa vale per le loro madri, che pure hanno vissuto un'esperienza biologica piuttosto rara e avrebbero dovuto avere tutto l'interesse e la curiosità di informarsi. Quando invece la quasi totalità dei gemelli (monozigoti compresi) si formano in due sacche diverse, e quei rarissimi casi di sacca amniotica condivisa sono considerati gravidanze ad altissimo rischio, con i bambini che vengono fatti nascere deliberatamente con almeno un mese di anticipo, dopo che la mamma è stata costretta a stare immobile a letto per ulteriori uno o due mesi precedenti, quindi la madre se lo ricorderebbe eccome.

E' vero che i gemelli non identici stanno in due sacche diverse, ma è vero che anche la maggioranza dei gemelli identici stanno in due sacche diverse allo stesso modo, eppure sono identici lo stesso!

Eppure no, gli interessati stessi, e le loro stesse madri, giurano e spergiurano che non possono essere gemelli identici perché sono nati in due sacche diverse, anche se sono, come dice il commissario Montalbano, " 'na stampa e 'na figura".

E magari avevano pure fatto l'amniocentesi, con analisi dei cromosomi...


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Ven Mag 20, 2016 12:35 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 11:52 pm

Penso sia difficile sostituirsi ai genitori che avrebbero la responsabilità di parlare con i propri figli di tutti gli argomenti dei quali chiedono, assumendosene le responsabilità anche in relazione alle modalità di comunicazione. Personalmente amo la verità, ma non a tutti i costi o passando come un carro armato sulle criticità altrui. Su certe domande sarebbe bene glissare perché non può, e non deve, essere responsabilità dell'insegnante dare comunicazioni potenzialmente traumatiche ai ragazzi.
Mi capita di parlare spesso di argomenti "pericolosi" da questo punto di vista. In particolare in riferimento ai modi di acquisizione della cittadinanza alcuni alunni stranieri mi chiedono della loro situazione personale.
Ebbene chiedo loro di approfondire l'argomento a casa, domandando ai genitori, perché non sarebbe giusto informare della situazione personale l'intera classe.
Ebbene sì, penso ancora che la riservatezza nei rapporti personali sia un bene da preservare!
Infatti, in questi casi, all'eventuale trauma personale si aggiungerebbe anche il danno che queste notizie siano di pubblico dominio, con tutte le ulteriori conseguenze facilmente immaginabili: si tratterebbe di dotare i compagni di un'arma che in occasione di un litigio potrebbe essere usata contro di loro.
La dinamica dei rapporti umani è molto complessa, perciò rispetto ad alcuni argomenti bisogna andarci cauti. Naturalmente questo è solo il mio punto di vista.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Gio Mag 19, 2016 11:56 pm

mac67 ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
sono stato bravo? ha scritto:
E non è la stessa cosa o una cosa molto simile...? Cmq tranquillizzerò la ragazza dicendo che potrebbe trattarsi eventualmente di una mutazione genetica, così salviamo capra e cavoli.....

Peggio che andar di notte. Vuoi incularle l'idea di essere una mutante!?

Hai dimenticato una c, spero ...
Ti giuro che l'ho pensato anche io... Ero rimasta così basita... Insomma, fosse stato Avido... Ma Gian!
:-0
;-)))))
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8314
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Ven Mag 20, 2016 7:58 am

magari dire che forse sarebbe stato opportuno chidere ai genitori se quegli esami erano stati eseguiti in un posto serio o che c'era la possibilità che i risultati fossero stati scambiati con quelli di una altra persona (succede spesso)

Sarebbero stati poi i genitori davanti alle domande della ragazza a decidere cosa dirle e cosa comunicarti.

Così di brutto dire sei stata adottata.............

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Ven Mag 20, 2016 8:47 am

Secondo me invece hai fatto bene.
Il compito dell'insegnante è comunicare la scienza, quindi dare la risposta scientificamente esatta non solo è tuo diritto, ma è tuo dovere professionale.

Onde evitare guai la risposta avrebbe dovuto essere ancora più prudente, tipo "se i gruppi sanguigni sono proprio come dici tu, non possono essere i tuoi genitori naturali". Così da non avanzare ipotesi su eventuali adozioni o errori di classificazione dei gruppi sanguigni.

I genitori hanno spiegato come mai hanno il gruppo zero e la figlia no? Se non l'hanno spiegato rispondi che è colpa loro se la figlia rimane traumatizzata... se è adottata o figlia di un altro uomo avrebbero dovuto dirglielo, quello si che è compito loro, e non della scuola.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6114
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Ven Mag 20, 2016 9:17 am

E comunque, mi risulta che da parecchi anni l'accertamento del gruppo sanguigno venga fatto immediatamente a tutti alla nascita, insieme ad altri esami di screening, quindi mi pare davvero implausibile che, se c'è un'incongruenza, i genitori non lo sappiano (e non abbiano già provveduto per i fatti propri ad approfondirne i motivi).

Io ricordo che dovetti sbattagliare non poco, quando aspettavo il secondo figlio, per rifiutare dei trattamenti di profilassi contro l'incompatibilità Rh, che nel mio caso ero sicura che fossero perfettamente inutili perché ha il fattore Rh negativo anche il padre, e di conseguenza anche la prima figlia. Non avendo mai avuto né trasfusioni, né altre gravidanze con altri partner precedenti, ero sicura che non fosse possibile che il mio sangue fosse mai venuto a contatto con eventuali anticorpi Rh+, e che comunque non potesse averceli nemmeno il feto, e che quindi la profilassi non servisse a nulla. I sanitari insistevano che la dovevo fare lo stesso, "perché tanto non costa niente e non ci si rimette niente", ma immagino che il motivo fosse quello di pararsi le chiappe per non essere accusati di negligenza, nel caso che io potessi non dire la verità e che quindi il bambino potesse essere Rh+...
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7488
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Ven Mag 20, 2016 9:21 am

Sonostatobravo rappresenta, per me e in questo racconto, il prototipo del docente preparato nella teoria...ma totalmente carente nella pratica.
Ottimo docente che sa, che spiega, che passa realmente le sue conoscenze... ma non percepisce, nemmeno a pelle, che il contesto, l'interlocutore e l'argomento trattato richiedono ben altro oltre alle sue provate e indubbie competenze.
Alle superiori, meglio se nel triennio, si posson fare discorsi diretti.
Alle medie no! Eccheccaxxo, perdonate il francesismo.
Il lavoro alla scuola media è, per certi versi, molto più complicato che altrove.
I nostri alunni non son più bambini...ma non sono ancora adulti, stanno crescendo e sono fragilissimi.
Dimenticarsene anche solo per un istante...crea danni inimmaginabili.
L'insegnante delle medie cammina sulle uova, sempre.
Glissare spesso è più corretto che spiegare a fondo, dire e non dire è arte che si impara col tempo, sul campo.
E te lo dice una che trovandosi costantemente di fronte ad opere d'arte con messaggi spesso anche forti...ormai con le uova ci fa anche giocoleria!
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Tutta colpa di Mendel   Ven Mag 20, 2016 9:45 am

"ho imparato a scuola che se mamma e papà hanno gruppo 0 io non posso che avere gruppo 0" è una frase che mi fa pensare a una scuola che funziona (e magari la famiglia no).

Capisco la sensibilità e l'empatia, ma di fronte a una domanda DIRETTA e PERTINENTE su una materia scolastica, l'insegnante non può mentire. La bambina (ragazzina) che fa la domanda, probabilmente sa già dove vuole andare a parare, e la domanda la fa proprio per quel motivo. L'insegnante "empatico" che capisce l'imbarazzo e comincia a girarci intorno con reticenze, falsi dubbi,etc. fa solo peggio.
Tornare in alto Andare in basso
 
Tutta colpa di Mendel
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 3Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» I casi di morte per parto e... È sempre tutta colpa della pma
» BAMBINI CAPRICCIOSI? VIZIATI? LA COLPA DI CHI E'???
» Corsi di MICRO PITTURA RAPIDA (tecnica cinese) in tutta ITALIA
» sensi di colpa... aiuto..
» Mia figlia ricoverata per colpa di Radio Maria

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: