Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
DowntonAbbey



Messaggi : 55
Data d'iscrizione : 29.12.12

MessaggioOggetto: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Ven Mag 27, 2016 5:56 pm

Promemoria primo messaggio :

Ciao a tutti,

sono insegnante di sostegno in una scuola media. A metà marzo è arrivata nella nostra classe (prima media) un'alunna straniera di 14 anni compiuti proveniente dall'Ecuador, non alfabetizzata in italiano.
La ragazza è stata inserita nella classe senza sentire il Collegio, diciamo, d'ufficio. Io mi sono stupita perché so che le Linee guida per gli stranieri prevedono che gli alunni stranieri vengano inseriti in base all'età anagrafica o con lo scostamento max di 1 anno.

IL DS non ci ha mai detto nulla in proposito, alcuni colleghi non le hanno fatto fare verifiche o interrogazioni, non l'hanno mai valutata, altri l'hanno valutata con prove della classe o semplificate e hanno cercato di coinvolgerla. I primi sostenevano, non so su che base, che fosse stata inserita come "uditrice" e che avrebbe dovuto comunque ripetere la prima media perché non alfabetizzata in italiano. Ma è possibile inserire un alunno nella scuola statale dell'obbligo come "uditore"?

Qualche giorno fa ne abbiamo discusso in consiglio e alcuni colleghi sostengono che debba essere bocciata perché:

- prima deve imparare l'italiano;
- non ha frequentato il numero di giorni minimo per la validità dell'anno scolastico;
- non è in grado di sostenere le prove degli altri alunni.

Questo gruppo di colleghi considera del tutto trascurabile il fatto che ci siano Linee guida.

Io e altri invece pensiamo che dovrebbe essere portata in seconda perché ha diritto all'inserimento per età anagrafica, ha un pdp (che prevede, però, solo interventi di alfabetizzazione), si è ambientata nella classe e ha fatto anche dei progressi in italiano (almeno a livello di lingua colloquiale) e in due anni avrebbe tempo di recuperare per fare poi gli esami. Inoltre, se dovesse ripetere la prima, si troverebbe a 15 anni con bambini di prima media di 10-11 anni.

Una collega che non l'ha mai valutata adesso vuole somministrarle un test non personalizzato di italiano, che lei ovviamente non sarà in grado di fare.

Come uscire da questa situazione?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 4:37 pm

costanza15 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
quelli adottati non sono bambini stranieri
Quindi ? In che classe va l'italiano di 10 anni analfabeta e magari pluriomicida ?

Attenzione! Non è un bambino analfabeta, ma un bambino alfabetizzato in altra lingua. La scuola italiana deve riconoscere - giustamente - il percorso scolastico precedente all'arrivo in Italia, e questo è il motivo per cui l'alunno va inserito nella classe corrispondente all'età anagrafica.
Leggi bene, si parlava del caso estremo di un bambino soldato che non ha mai fatto un giorno di scuola; se non ti riferisci al linguaggio della violenza, in cui è molto ben alfabetizzato, allora è analfabeta.

Poi immagina un bambino arabo che non conosca le lettere dell'alfabeto europeo, è alfabetizzato ? Allora è alfabetizzato anche un bimbo di 3 anni che si esprime disegnando visto che quello è il suo linguaggio scritto.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 4:41 pm

lucetta10 ha scritto:
No la legge non dice questo... e per fortuna
Quindi ne so quanto basta per esprimere un parere conforme alla mia visione; quest'ultima potrà essere sbagliata, ma tra parole che scrivo ed idee che ho c'è correlazione; non è l'ignoranza della legge a farmi scrivere quello che ho scritto.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 4:42 pm

Il regesto delle norme l'ho già scritto sopra e mi sono più che adoperata per spiegare cosa dica la legge.

La cosa riprovevole non è avere idee diverse (che certo andrebbero meglio supportate considerando le mille implicazioni, i modelli esistenti, le norme di diritto internazionale e anche come va il mondo), ma il fatto che a scuola si possano disattendere le norme vigenti senza che succeda nulla, come dimostra il nostro caso.
E ancora più riprovevole è che per ignoranza delle leggi degli insegnanti e del DS (ammettendo che non ci sia malafede) una minore abbia subito un anno a guardare il muro mentre avrebbe avuto diritto a altro.
E ancora più riprovevole è che se questo fosse successo a un altro alunno in situazione di disagio o come si dice con bisogni educativi speciali, diciamo un DSA per fare un esempio abbastanza chiaro, avremmo orde di associazioni e famiglie incazzate dietro la porta a sbatterci il ricorso in faccia, e quindi ci mettiamo a studiare la normativa sui DSA e ci andiamo con i piedi di piombo. Per chi non ricorre non avvertiamo questa esigenza.
Molti di noi pensano che la normativa sui DSA sia sbagliata, ma si guarda bene dal negare una calcolatrice, c'è poi chi addirittura trema all'idea di bocciare, più realista del re!
Nella migliore delle ipotesi quindi questa storia ci insegna che siamo una categoria di cagasotto
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 4:46 pm

costanza15 ha scritto:
Attenzione! Non è un bambino analfabeta, ma un bambino alfabetizzato in altra lingua. La scuola italiana deve riconoscere - giustamente - il percorso scolastico precedente all'arrivo in Italia, e questo è il motivo per cui l'alunno va inserito nella classe corrispondente all'età anagrafica.
la legge italiana non sembra riconoscere il percorso ma semplicemente l'età; ti risulta che si faccia mandare i certificati delle promozioni ? Ti risulta che verifichi l'equipollenza dei percorsi ? Tiene in conto se ha iniziato la scuola a 5, 6 o 7 anni ?

Inserire nella classe dell'età anagrafica significa dare importanza al fine educativo della scuola e non darne al fine istruttivo; se può andare bene alle elementari, dalle medie comprese in poi questa ideologia è devastante.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 4:51 pm

lucetta10 ha scritto:
La cosa riprovevole non è avere idee diverse (che certo andrebbero meglio supportate considerando le mille implicazioni, i modelli esistenti,I le norme di diritto internazionale e anche come va il mondo), ma il fatto che a scuola si possano disattendere le norme vigenti senza che succeda nulla, come dimostra il nostro caso.
E su questo concordo, io le leggi su queste questioni non le so e faccio decidere agli altri; applico il pdp ed alla fine con la mia proposta di voto dico se ha imparato oppure no e lì mi fermo; quali corsi debba frequentare al pomeriggio lo decidono le funzioni strumentali e le commissioni preposte.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 4:52 pm

A parte tutto questo poi, moltissime famiglie di immigrati usano al scuola come luogo di integrazione (anche linguistica, non vedo cosa ci sia di male) e mandano i figli a scuola per dargli un futuro migliore, proprio come hanno fatto i nostri nonni migranti, che sono stati invece spesso vessati e discriminati.
Pensare che abbiano i soldi per far fare un corso di italiano nei paesi di origine prima di farli arrivare qui è da anime candide.
Considerando come è ridotta la scuola e con quale utenza indigena abbiamo a che fare, sulla considerazione che della scuola hanno le famiglie italiane, inizierei ad avere la vista leggermente più lunga. Possiamo poi parlare di singole cose che non vanno, che ce ne sono, e tante, ma l'impianto andrebbe considerato con più lungimiranza
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 4:53 pm

avidodinformazioni ha scritto:
costanza15 ha scritto:
Attenzione! Non è un bambino analfabeta, ma un bambino alfabetizzato in altra lingua. La scuola italiana deve riconoscere - giustamente - il percorso scolastico precedente all'arrivo in Italia, e questo è il motivo per cui l'alunno va inserito nella classe corrispondente all'età anagrafica.
la legge italiana non sembra riconoscere il percorso ma semplicemente l'età; ti risulta che si faccia mandare i certificati delle promozioni ? Ti risulta che verifichi l'equipollenza dei percorsi ? Tiene in conto se ha iniziato la scuola a 5, 6 o 7 anni ?

Inserire nella classe dell'età anagrafica significa dare importanza al fine educativo della scuola e non darne al fine istruttivo; se può andare bene alle elementari, dalle medie comprese in poi questa ideologia è devastante.


NON E' VERO. La legge riconosce ESPLICITAMENTE la possibilità di spostamenti in virtù di diversi sistemi di istruzione.
I rumeni per esempio sono tutti immessi con un anno in più perché si arriva a scuola a 7 anni. Chi si iscrive porta tutto, altrimenti si potrebbero (e qui certo la scuola non ha i mezzi) chiedere
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 4:56 pm

lucetta10 ha scritto:
A parte tutto questo poi, moltissime famiglie di immigrati usano al scuola come luogo di integrazione (anche linguistica, non vedo cosa ci sia di male) e mandano i figli a scuola per dargli un futuro migliore, proprio come hanno fatto i nostri nonni migranti, che sono stati invece spesso vessati e discriminati.
Pensare che abbiano i soldi per far fare un corso di italiano nei paesi di origine prima di farli arrivare qui è da anime candide.
Considerando come è ridotta la scuola e con quale utenza indigena abbiamo a che fare, sulla considerazione che della scuola hanno le famiglie italiane, inizierei ad avere la vista leggermente più lunga. Possiamo poi parlare di singole cose che non vanno, che ce ne sono, e tante, ma l'impianto andrebbe considerato con più lungimiranza
Forse non sono stato chiaro, io penso che l'Italia debba mandare a proprie spese (a spese dell' Italia) il ragazzo ad un utile corso d'italiano e non a scuola (inutilmente); questo nell'immediato, poi dovrebbe andare a scuola nella classe che gli è utile frequentare (a naso una classe immediatamente inferiore a quella dell'età).

Non penso di essere così xenofobo o egoista, penso semplicemente di avere un'idea più pragmatica d'integrazione.
Tornare in alto Andare in basso
geo&geo



Messaggi : 672
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 7:41 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Forse non sono stato chiaro, io penso che l'Italia debba mandare a proprie spese (a spese dell' Italia) il ragazzo ad un utile corso d'italiano e non a scuola (inutilmente); questo nell'immediato, poi dovrebbe andare a scuola nella classe che gli è utile frequentare (a naso una classe immediatamente inferiore a quella dell'età).

Quindi sei d'accordo anche tu che una ragazzina che l'anno prossimo avrà 15 anni non dovrebbe frequentare la prima media. Perché di questi numeri stiamo parlando: 15 anni lei, 11 anni tutti gli altri. E mi risulta che in Ecuador le scuole esistano... un mio compagno di liceo ci ha fatto il quarto anno di scuola superiore (con tanto di giro delle Galapagos... che invidia!) e non ha avuto problemi l'anno della maturità.

Sono d'accordo con te che un corso di lingua italiana L2 contemporaneo alla frequenza scolastica sarebbe necessario. Magari, con tutti i potenziatori in giro, qualcosa le scuole potrebbero fare (?), senza doversi affidare sempre a gruppi di volontari
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 993
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 8:47 pm

lucetta10 ha scritto:
No la legge non dice questo... e per fortuna
Ma anche un po' purtroppo.

Studentessa ucraina di 16 anni, non sa una parola di italiano, a mala pena conosce il nostro alfabeto. Viene inserita in una prima superiore, con l'accordo che frequenterà il corso di italiano per stranieri che si tiene all'Istituto comprensivo del distretto, per gli stranieri delle scuole superiori. È stata fatta una convenzione in modo da poterli inserire in classi di pari livello utilizzando gli studenti dei diversi istituti di secondo grado del distretto. Frequenta due lezioni, poi non ci va più perché secondo lei vanno troppo lentamente. Dopo ampia discussione, a giugno viene sospesa in due materie, e a settembre promossa nonostante la sua conoscenza della lingua sia quasi regredita durante l'estate che presumibilmente ha passato in Ucraina. È stata bocciata in seconda e poi l'abbiamo persa. Credo che, se la frequenza al corso di Italiano lingua seconda fosse stata obbligatoria, avremmo potuto portarla anche in quinta. La ragazza non era stupida, ma, come molti giovani, aveva troppa fretta ed era superficiale.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 9:42 pm

avidodinformazioni ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
A parte tutto questo poi, moltissime famiglie di immigrati usano al scuola come luogo di integrazione (anche linguistica, non vedo cosa ci sia di male) e mandano i figli a scuola per dargli un futuro migliore, proprio come hanno fatto i nostri nonni migranti, che sono stati invece spesso vessati e discriminati.
Pensare che abbiano i soldi per far fare un corso di italiano nei paesi di origine prima di farli arrivare qui è da anime candide.
Considerando come è ridotta la scuola e con quale utenza indigena abbiamo a che fare, sulla considerazione che della scuola hanno le famiglie italiane, inizierei ad avere la vista leggermente più lunga. Possiamo poi parlare di singole cose che non vanno, che ce ne sono, e tante, ma l'impianto andrebbe considerato con più lungimiranza
Forse non sono stato chiaro, io penso che l'Italia debba mandare a proprie spese (a spese dell' Italia) il ragazzo ad un utile corso d'italiano e non a scuola (inutilmente); questo nell'immediato, poi dovrebbe andare a scuola nella classe che gli è utile frequentare (a naso una classe immediatamente inferiore a quella dell'età).

Non penso di essere così xenofobo o egoista, penso semplicemente di avere un'idea più pragmatica d'integrazione.

Nessuno ha fatto accenni a xenofobia e non c'entra nulla l'egoismo, si parla di efficacia, di pragmatismo appunto.
Io difendo il modello dell'integrazione nella classe, come d'altra parte fanno i nostri studenti italiani e europei quando fanno i loro viaggi studio per imparare le lingue perché permette un apprendimento decisamente più veloce.
Altri paesi, spesso con forte immigrazione, fanno diversamente (anche la civilissima Svezia), e i risultati paiono non essere migliori dei nostri: pretendere che si passi da classi differenziali che sono una babele linguistica non aiuta l'apprendimento linguistico che se ben mediato funziona anche per il rapporto tra pari oltre che per l'insegnamento ex cathedra, il cosiddetto bagno linguistico che tutti consigliamo per imparare l'inglese, non riusciamo a valorizzarlo per imparare l'italiano. Per non parlare del fatto che assistere a lezioni di discipline diverse permette di introdurre molto più velocemente anche la lingua dello studio. Difficile, mi rendo conto, ma fattibile con le risorse e la formazione giusta.
Il modello italiano non è quello dell'abbandono del ragazzo a sé stesso, tutt'altro, il problema sta nel fatto che pochissimo di quello che sta sulla carta viene fatto, sia dai docenti (che nemmeno sanno cosa dovrebbero fare) sia dall'amministrazione, che non garantisce molto di quello che promette sulla carta. Non mi farei tentare dalla solita soluzione di buttar via il bambino con l'acqua sporca.

Ribadisco che o si svegliano le associazioni degli stranieri a botte di ricorsi o nulla si muoverà, finché tutti questi studenti e le loro famiglie (spesso più disinformati dei docenti) rimarranno in silenzio. D'altra parte nella scuola spesso le cose si ottengono solo chiedendole (anche e soprattutto quando spetterebbero), è lo stesso, ad esempio, per l'ora alternativa alla religione cattolica, che tanti DS considerano una loro gentile concessione. In questo caso si continuerà a inventare l'uditorato, a inserire gli alunni nelle classi a caso, magari a superare il tetto di stranieri fissato sempre per legge (sappiamo che esiste?) e poi si avrà anche la faccia tosta di bocciare, tanto nessuno viene a chiederne conto


Ultima modifica di lucetta10 il Dom Giu 26, 2016 9:51 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 9:49 pm

geo&geo ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Forse non sono stato chiaro, io penso che l'Italia debba mandare a proprie spese (a spese dell' Italia) il ragazzo ad un utile corso d'italiano e non a scuola (inutilmente); questo nell'immediato, poi dovrebbe andare a scuola nella classe che gli è utile frequentare (a naso una classe immediatamente inferiore a quella dell'età).

Quindi sei d'accordo anche tu che una ragazzina che l'anno prossimo avrà 15 anni non dovrebbe frequentare la prima media. Perché di questi numeri stiamo parlando: 15 anni lei, 11 anni tutti gli altri. E mi risulta che in Ecuador le scuole esistano... un mio compagno di liceo ci ha fatto il quarto anno di scuola superiore (con tanto di giro delle Galapagos... che invidia!) e non ha avuto problemi l'anno della maturità.

Sono d'accordo con te che un corso di lingua italiana L2 contemporaneo alla frequenza scolastica sarebbe necessario. Magari, con tutti i potenziatori in giro, qualcosa le scuole potrebbero fare (?), senza doversi affidare sempre a gruppi di volontari



I corsi di L2 non sono utili, sono esplicitamente prescritti dalla normativa, che esplicita addirittura il fatto che possono/dovrebbero sostituire le ore dedicate alla seconda lingua e che vanno incentivate col FIS in modo prioritario (se non ci sono risorse interne si paga qualcuno di esterno, altro che volontari!), ma anche lì li consideriamo una nostra gentile concessione
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 9:57 pm

geo&geo ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Forse non sono stato chiaro, io penso che l'Italia debba mandare a proprie spese (a spese dell' Italia) il ragazzo ad un utile corso d'italiano e non a scuola (inutilmente); questo nell'immediato, poi dovrebbe andare a scuola nella classe che gli è utile frequentare (a naso una classe immediatamente inferiore a quella dell'età).

Quindi sei d'accordo anche tu che una ragazzina che l'anno prossimo avrà 15 anni non dovrebbe frequentare la prima media. Perché di questi numeri stiamo parlando: 15 anni lei, 11 anni tutti gli altri. E mi risulta che in Ecuador le scuole esistano... un mio compagno di liceo ci ha fatto il quarto anno di scuola superiore (con tanto di giro delle Galapagos... che invidia!) e non ha avuto problemi l'anno della maturità.

Sono d'accordo con te che un corso di lingua italiana L2 contemporaneo alla frequenza scolastica sarebbe necessario. Magari, con tutti i potenziatori in giro, qualcosa le scuole potrebbero fare (?), senza doversi affidare sempre a gruppi di volontari
Io ho detto full immersion, zero scuola e tutto lingua, poi l'anno dopo scuola come tutti.

Io non vorrei mai sprecare il mio tempo a sentire uno che mi parla della storia della cina in cinese senza prima aver imparato la lingua; tu ?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 9:59 pm

avidodinformazioni ha scritto:
geo&geo ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Forse non sono stato chiaro, io penso che l'Italia debba mandare a proprie spese (a spese dell' Italia) il ragazzo ad un utile corso d'italiano e non a scuola (inutilmente); questo nell'immediato, poi dovrebbe andare a scuola nella classe che gli è utile frequentare (a naso una classe immediatamente inferiore a quella dell'età).

Quindi sei d'accordo anche tu che una ragazzina che l'anno prossimo avrà 15 anni non dovrebbe frequentare la prima media. Perché di questi numeri stiamo parlando: 15 anni lei, 11 anni tutti gli altri. E mi risulta che in Ecuador le scuole esistano... un mio compagno di liceo ci ha fatto il quarto anno di scuola superiore (con tanto di giro delle Galapagos... che invidia!) e non ha avuto problemi l'anno della maturità.

Sono d'accordo con te che un corso di lingua italiana L2 contemporaneo alla frequenza scolastica sarebbe necessario. Magari, con tutti i potenziatori in giro, qualcosa le scuole potrebbero fare (?), senza doversi affidare sempre a gruppi di volontari
Io ho detto full immersion, zero scuola e tutto lingua, poi l'anno dopo scuola come tutti.

Io non vorrei mai sprecare il mio tempo a sentire uno che mi parla della storia della cina in cinese senza prima aver imparato la lingua; tu ?

il contenuto di quello che ascolti non importa se devi imparare la lingua.
Avendo come obiettivo quello dell'inserimento in una scuola, meglio ascoltare una lezione di storia che non un finto dialogo "al bar"
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 10:03 pm

lucetta10 ha scritto:
Io difendo il modello dell'integrazione nella classe, come d'altra parte fanno i nostri studenti italiani e europei quando fanno i loro viaggi studio per imparare le lingue perché permette un apprendimento decisamente più veloce.
Si ma prima devi essere stata "sgrossata" da un corso base, altrimenti non ci capisci niente e sprechi tempo.

Ma santo cielo, se per imparare una lingua bastasse catapultarsi nel paese per 6 mesi tutte le scuole di lingue chiuderebbero.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 10:56 pm

Infatti è difficile che qualcuno frequenti un corso della lingua del paese in cui vive.

Non penserai vero che un corsetto sgrossante per dire il proprio nome e magari usare l'indicativo presente e sei os ette colori sia sufficiente per studiare scienze in italiano?
Non ho assolutamente detto che il corso di lingua non ci debba essere. E' il corsetto di sgrosso "prima" ad essere totalmente inutile, basta farli parallelamente alla classe (come prescrive la norma), con risultati migliori.
Forse stai immaginando uno studente diverso da quello reale. I numeri più alti attualmente sono alla primaria. Te lo immagini un bambino di 7 anni in una classe-ghetto con tanti altri bambini che parlano ognuno un lingua diversa (visto che non lo puoi sottrarre all'obbligo scolastico ce lo devi tenere almeno fino alle 13.30)? Ti pare un ambiente favorevole all'apprendimento linguistico? Non è meglio che ci sia solo lui straniero e altri 20 che già parlando l'italiano e glielo trasmettono, e che lui si faccia qualche ora anche con una maestra che lo aiuta con la lingua? E se poi in classe ci fosse anche il mediatore linguistico... Credi veramente che nel primo caso il bambino Paco impari prima la lingua?


Ultima modifica di lucetta10 il Dom Giu 26, 2016 11:18 pm, modificato 3 volte
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Dom Giu 26, 2016 11:01 pm

Incidentalmente, visto che si è accennato alla xenofobia, qualcuno potrebbe comunicare a chi si applica, nel condominio affianco, alla nobile deprecazione dei vaneggiamenti della casalinga di Voghera che stanno mantenendo ben alto il simpatico thread, che forse meriterebbe meno visibilità?
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Lun Giu 27, 2016 12:29 am

L accuditrice di gatti non conosce nemmeno la parola xenofobia, e la usa come potente amuleto per zittire ogni qualvolta qualcuno di riferisca a doveri degli stranieri in Italia.
Che tenerezza la storia dei poveri emigranti cessati ed emarginati. Mio nonno.invece aveva una gran voglia di lavorare e nessuno lo emargino' lavorando nelle miniere del Montana.
La zitella di Tor Vergata propone servizi ad hoc per ogni studente cileno o malese arrivato il Italia. Ma perché non scuole di italiano gratuite in ogni Stato del mondo? Proponi.
Ps. Non ci ha ancora detto, la fata Turchina, quanti profughi ospita nelle sue stanze.....
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Lun Giu 27, 2016 5:37 am

Trovo un po' improprio paragonare la full-immersion dello studente italiano che va in spagna, francia, inghilterra, germania, portogallo, olanda ecc. rispetto a quella dello studente bulgaro, cinese o filippino che viene in italia. Vale la reciprocità.

Non credo sia una buona idea lasciare per un anno in classe uno studente che viene da una cultura totalmente estranea e che non capisce una parola senza sottoporlo a un corso intensivo di italiano.

Se nel caso posto all'attenzione la scuola ha sbagliato per un quadrimestre sarà opportuno che per il prossimo anno si adegui alla normativa e si organizzi per proporre all'alunna un corso L2 per stranieri.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Lun Giu 27, 2016 7:30 am

@melia ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
No la legge non dice questo... e per fortuna
Ma anche un po' purtroppo.

Studentessa ucraina di 16 anni, non sa una parola di italiano, a mala pena conosce il nostro alfabeto. Viene inserita in una prima superiore, con l'accordo che frequenterà il corso di italiano per stranieri che si tiene all'Istituto comprensivo del distretto, per gli stranieri delle scuole superiori. È stata fatta una convenzione in modo da poterli inserire in classi di pari livello utilizzando gli studenti dei diversi istituti di secondo grado del distretto. Frequenta due lezioni, poi non ci va più perché secondo lei vanno troppo lentamente. Dopo ampia discussione, a giugno viene sospesa in due materie, e a settembre promossa nonostante la sua conoscenza della lingua sia quasi regredita durante l'estate che presumibilmente ha passato in Ucraina. È stata bocciata in seconda e poi l'abbiamo persa. Credo che, se la frequenza al corso di Italiano lingua seconda fosse stata obbligatoria, avremmo potuto portarla anche in quinta. La ragazza non era stupida, ma, come molti giovani, aveva troppa fretta ed era superficiale.


Questo è un buon esempio.
Ma se il corso di lingua fosse stato attivato dalla scuola frequentata dalla ragazza, lei non si sarebbe forse potuta sottrarre e la scuola avrebbe avuto maggiore controllo. Qui la scuola effettivamente si è attivata, e la ragazza ( che in questo caso ha un'età che la rende responsabile delle scelte) non ha rispetto i patti: peggio per lei, va da sé che se a sottrarsi sono i ragazzi non ci possiamo fare molto, come sempre, non voglio mica dire che è tutto semplice e tutto riesce
Tornare in alto Andare in basso
geo&geo



Messaggi : 672
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Lun Giu 27, 2016 7:59 am

lucetta10 ha scritto:
I corsi di L2 non sono utili, sono esplicitamente prescritti dalla normativa, che esplicita addirittura il fatto che possono/dovrebbero sostituire le ore dedicate alla seconda lingua e che vanno incentivate col FIS in modo prioritario (se non ci sono risorse interne si paga qualcuno di esterno, altro che volontari!), ma anche lì li consideriamo una nostra gentile concessione

Nella scuola dove ho fatto supplenza quest'anno i corsi (cominciati a marzo!) li teneva un gruppo di volontari. Poi, girando in rete, avevo trovato questo: http://www.eraldoaffinati.it/pennywirton.asp e mi ero fatto l'idea errata che l'intervento del volontariato fosse la regola.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6144
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Lun Giu 27, 2016 8:14 am

lucetta10 ha scritto:
pretendere che si passi da classi differenziali che sono una babele linguistica non aiuta l'apprendimento linguistico che se ben mediato funziona anche per il rapporto tra pari oltre che per l'insegnamento ex cathedra, il cosiddetto bagno linguistico che tutti consigliamo per imparare l'inglese, non riusciamo a valorizzarlo per imparare l'italiano. Per non parlare del fatto che assistere a lezioni di discipline diverse permette di introdurre molto più velocemente anche la lingua dello studio.

Francamente, penso che ci sia una differenza abissale nell'efficacia del "bagno linguistico" a seconda dell'età dei ragazzi e del loro livello di scolarizzazione precedente. Sono sicurissima che l'immersione immediata in una classe normale di pari età funzioni bene per bambini al di sotto dei 10 anni, ma qua si stava parlando di ragazzi che sono già nella piena adolescenza e che hanno già alle spalle parecchi anni di scuola al loro paese (e magari in un sistema scolastico strutturato in maniera molto diversa dalla nostra). E che oltretutto, difficilmente riusciranno a legare con i compagni con la stessa facilità dei bambini delle elementari, perchè hanno abitudini di vita personale e familiare già impostate, e spesso abbastanza diverse dai coetanei italiani. Non è che non riescano a socializzare perché non sanno la lingua, semmai è il contrario, ossia non riescono a imparare la lingua proprio perché non socializzano...
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Lun Giu 27, 2016 10:42 am

paniscus_2.0 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
 pretendere che si passi da classi differenziali che sono una babele linguistica non aiuta l'apprendimento linguistico che se ben mediato funziona anche per il rapporto tra pari oltre che per l'insegnamento ex cathedra, il cosiddetto bagno linguistico che tutti consigliamo per imparare l'inglese, non riusciamo a valorizzarlo per imparare l'italiano. Per non parlare del fatto che assistere a lezioni di discipline diverse permette di introdurre molto più velocemente anche la lingua dello studio.

Francamente, penso che ci sia una differenza abissale nell'efficacia del "bagno linguistico" a seconda dell'età dei ragazzi e del loro livello di scolarizzazione precedente. Sono sicurissima che l'immersione immediata in una classe normale di pari età funzioni bene per bambini al di sotto dei 10 anni, ma qua si stava parlando di ragazzi che sono già nella piena adolescenza e che hanno già alle spalle parecchi anni di scuola al loro paese (e magari in un sistema scolastico strutturato in maniera molto diversa dalla nostra). E che oltretutto, difficilmente riusciranno a legare con i compagni con la stessa facilità dei bambini delle elementari, perchè hanno abitudini di vita personale e familiare già impostate, e spesso abbastanza diverse dai coetanei italiani. Non è che non riescano a socializzare perché non sanno la lingua, semmai è il contrario, ossia non riescono a imparare la lingua proprio perché non socializzano...


Può darsi, di sicuro per i più grandi è tutto più difficile, i bambini apprendono prima e meglio le lingue, questo va da sé.
Comunque concordo che l'aspetto della socializzazione sia fondamentale per l'apprendimento linguistico, il cosiddetto filtro affettivo, per questo difendo in linea di massima il modello dell'inserimento, che ribadisco è complicata e ha molte criticità che non sto certo nascondendo...
Per chi è più grande potrebbe essere però molto più controproducente anche la classe differenziale/babele, che verrebbe vissuta come un ghetto (anche perché non sarebbe necessariamente strutturata per fascia d'età ma per livello di conoscenza linguistica). Penso proprio per questo che istituire un rapporto con i coetanei sia indispensabile e potenzialmente più efficace (se ben strutturato e sempre affiancato dai corsi di L2). Un grosso contributo potrebbero darlo in questo caso i mediatori linguistici: questi sconosciuti!
Anche qui però ci rendiamo conto che la soluzione/non soluzione adottata nel caso che ci ha sottoposto la collega è assolutamente la peggiore: non c'è stato inserimento, è stata resa complicata la socializzazione per l'eccessivo divario di età con i compagni (e una adolescente ci mette poco a pensare di essere cretina se la mettono insieme a dei bambini), non è stata strutturata una didattica apposita, non si sono attivati i corso di L2. E per il prossimo anno non auspico nulla di meglio.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Lun Giu 27, 2016 10:44 am

geo&geo ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
I corsi di L2 non sono utili, sono esplicitamente prescritti dalla normativa, che esplicita addirittura il fatto che possono/dovrebbero sostituire le ore dedicate alla seconda lingua e che vanno incentivate col FIS in modo prioritario (se non ci sono risorse interne si paga qualcuno di esterno, altro che volontari!), ma anche lì li consideriamo una nostra gentile concessione

Nella scuola dove ho fatto supplenza quest'anno i corsi (cominciati a marzo!) li teneva un gruppo di volontari. Poi, girando in rete, avevo trovato questo: http://www.eraldoaffinati.it/pennywirton.asp e mi ero fatto l'idea errata che l'intervento del volontariato fosse la regola.


Non c'è nulla di male nel volontario, purché sia qualificato. Non vorrei che invece si ricorresse al volontario non qualificato, tanto è gratis!
Il ministero stanzia fondi per pagare la L2, quelli per le aree a rischio e a forte fenomeno migratorio
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?   Lun Giu 27, 2016 12:07 pm

...tanto paga pantalone..
Tanto ci pensa qualcun altro.....
Nulla vieta ai paladini Dell integrazione degli stranieri, quali la collega sopra,di proporsi in sede di primo cd per corsi gratuiti di italiano a NAI. Il bene si fa volentieri, e gratis.. Perché aspettare che siano sempre le istituzioni a farlo? Il vero messaggio d amore verso altre culture arriva dal cuore e si esplica con iniziative no lucro. Sono convinto che.la collega dedicherà parte del proprio tempo libero all integrazione linguistica di giovanissimi studenti esotici..
A settembre ci farà sapere..
Tornare in alto Andare in basso
 
Alunna straniera inserita come "uditrice" e automaticamente bocciata: è possibile?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» medi quiz-Legione straniera, e..........priapismo
» G.R.L.E. - gruppo di rreclutamento legione straniera
» L'allievo supera sempre il maestro
» La straniera si presenta!
» Alzheimer, parlare 2 lingue fa bene

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: