Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 votazione in lettere

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
ushikawa



Messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: votazione in lettere   Lun Giu 27, 2016 3:09 pm

http://www.corriere.it/scuola/medie/16_giugno_24/no-scuola-calcolatrice-elementari-medie-tornano-lettere-stop-voti-diseducativi-inutili-94a5d472-3a16-11e6-b0cd-400401d1dfdf.shtml

"La pagella con tutti i voti numerici, a cui i bambini di scuole primarie e ragazzi di scuole medie sono ormai abituati dal 2009, è destinata a sparire. Per lasciare spazio alle più «eque e meno limitanti» lettere: ovvero, A-B-C-D-E, cinque gradi di giudizio per valutare gli studenti e assegnare loro un punteggio qualitativo dopo aver constatato se hanno o meno raggiunto gli obiettivi fissati dal ciclo di studi. La novità è contenuta in uno dei disegni di legge delega che il governo sta preparando sulla base delle indicazioni contenute nella legge 107, la riforma della scuola varata a luglio dello scorso anno. "
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4602
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Lun Giu 27, 2016 3:23 pm

Questa castronata delle lettere era già stata proposta o utilizzata tanti anni fa. Solita americanata.
A parte il fatto che, lettere o numeri, non cambia nulla, se proprio dobbiamo ridurre a 5 gradi, tanto valeva utilizzare le vecchie diciture: insufficiente, sufficiente, buono, distinto, ottimo. Avremmo risparmiato un sacco di soldi e di tempo.
O no?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Lun Giu 27, 2016 4:10 pm

Valerie ha scritto:
Questa castronata delle lettere era già stata proposta o utilizzata tanti anni fa. Solita americanata.
A parte il fatto che, lettere o numeri, non cambia nulla, se proprio dobbiamo ridurre a 5 gradi, tanto valeva utilizzare le vecchie diciture: insufficiente, sufficiente, buono, distinto, ottimo. Avremmo risparmiato un sacco di soldi e di tempo.
O no?
Chiunque può diventare ministro, dopo essere diventato DS quello sarà il passo successivo
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Lun Giu 27, 2016 10:46 pm

Ma quindi è una cosa certa? Al collegio docenti oggi non si parlava di altro (oltre che dei ponti da rubare al calendario scolastico, naturalmente...).
Non ce la posso veramente fare a mettere le lettere... credo che smetterò proprio di valutare così tutto sarà molto più educativo e utile: solo rimbrotti, alzata compiaciuta di sopracciglia e calci nel culo per le insufficienze. Oppure potrei pensare ai like. E perché non valutare coi fagioli come la tombola! Piacerebbero al ministero?
Se passa sta robaccia pretendo 7000 ore di aggiornamento prima di mettere penna su una verifica. Prima non metto piede in classe!
Tornare in alto Andare in basso
JaneEyre



Messaggi : 1257
Data d'iscrizione : 25.11.11

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Lun Giu 27, 2016 11:27 pm

Un saggio provvedimento per eliminare il 6 politico alle elementari.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 5:45 am

http://gruppodifirenze.blogspot.it/2016/06/valutazione-nella-primaria-ci-risiamo.html

Un'analisi interessante e che condivido abbastanza (paniscus ha ragione nella sua osservazione)

Comunque sembrerebbe che il vero "problema" al quale rimediare non sia l'umiliazione che il voto numerico causerebbe alle giovani menti immaginate sempre più fragili, ma semmai quello 0,1% di bocciature nella scuola primaria...
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 8:03 am

Devono solo trovare il coraggio e far sparire la valutazione dalla scuola. Prima o poi ci arrivano. Abbiamo studiato tanto per essere costretti a mortificare la cultura facendo passare agli esami anche le sedie. Quest'anno una collega ha detto che sono stitica di voti perche' ho messo diversi otto e i ragazzi sono bravi. Otto non e' un voto che si mette ad un allievo bravo ma is the new 6. Tutti da 8 e 10 alle medie pure gli analfabeti. E noi sommersi dalla burocrazia, a scrivere cazzate ripetute cinquanta volte su registri, statini, computer... Perche'? Eliminiamo tutto e accettiamo il fatto che la scuola e' diventato un servizio di baby sitting, almeno alle elementari e alle medie.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 8:39 am

Ti pare mai possibile che possa essere lasciato libero di valutare un semplice impiegatino statale sfaticato e poco aggiornato, cioè il modo in cui dai funzionari ministeriali e da qualche docente viene vista la figura dell'insegnante?

Alla fine quello che vogliono è abolire la valutazione, per ottenere il successo garantivo formativo a tutti. Un po' come quando si "elimina" il problema dell'inquinamento aumentando i limiti degli inquinanti previsti dalla legge
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 574
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 1:11 pm

Ma allora che cosa si insegna a fare? Arriverà il momento in cui si constaterà che le nuove generazioni sono ormai troppo ignoranti e si passerà alle contromisure utili?
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 1:38 pm

A una mia considerazione simile a quella di scuola70 una docente della scuola dove sono stata quest'anno ha risposto che devo avere una visione piu' ampia e che si devono valutare le competenze nell'insieme. Anche se un ragazzo non sa scrivere si deve guardare oltre e non escludere di poter attribuire un otto o un nove. Le conoscenze sono superate. Alla mia domanda su come si possa essere competenti di una materia che non si conosce almeno a livello elementare non ho avuto risposta. Siamo la scuola dell'inclusione. Il problema di chi ha materie scritte, invalsi ecc. non viene riconosciuto. Le invalsi si basano sulle conoscenze che nei temi dovrei non considerare. Per non parlare dell'orale. A questo punto l'abolizione dei voti avrebbe senso, ma anche delle verifiche strutturate e dell'invalsi. Altrimenti qualcuno mi spieghi come fare.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 3:19 pm

Il mancato raggiungimento delle competenze o conoscenze di base è un grosso problema per la vita futura di qualsiasi persona; gli insegnanti non possono rassegnarsi o addirittura indulgere, se davvero tengono come dicono ai propri alunni.
Se non insegniamo nulla mi spiegate che cosa ci vanno a fare a scuola docenti e discenti?
Cacciamo pedagogisti e psicologi dalle scuole.
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 3:29 pm

Concordo pienamente. Il problema e' che a dirmi quelle parole e' stata una docente. Non un pedagogista o un sociologo. Concordavano tutti che le conoscenze sono della scuola del passato. Ai corso di formazione poi hanno detto lo stesso.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 3:44 pm

Le conoscenze saranno pure la scuola del passato, ma meno ne hai meno trovi posto nella società reale, attuale o futura, che pure ci si compiace di definire "società della conoscenza" (forse intesa come conoscenza di qualcuno che ti sistema).

Purtroppo il ministero, l'indire, i pedagogisti alla moda, i corsi di formazione autogestiti in cui vengono invitati i sedicenti esperti insistono a dire il contrario e si sta formando una classe di docenti convinti che la scuola non debba trasmettere più conoscenze e che sotto sotto non amano neanche la loro attuale versione, quella cioè delle competenze.

Una scuola che non trasmette conoscenze, che non forma, che non educa, che non istruisce, che non addestra, pone le basi per una società che è l'esatto contrario dell'inclusione di cui nelle scuole ci si riempie la bocca. Il bambino con taaanti problemi sociali, economici, culturali e familiari che è stato "incluso" a livello scolastico, al quale cioè è stato permesso di non fare un tubo negli anni, verrà escluso nella vita reale e, se gli va bene, dovrà accontentarsi di lavorare come commesso al Mc Donald.
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 574
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 4:10 pm

Non solo, l'inglese Daisy Christodoulou in un suo testo che ha fatto discutere in Inghilterra parla di "Sette miti dell'educazione", cioè afferma che la pseudo-scienza dell'educazione ha diffuso in pratica sette falsità che non corrispondono a ciò che l'autore (docente) si è trovato concretamente a sperimentare in classe, causandogli appunto un senso di stupore perché egli all'inizio credeva in queste false verità, che vengono propinate come un autentico lavaggio del cervello che condiziona il giudizio dei docenti.I docenti sarebbero quindi schiavi del condizionamento sociale, ripeti tante volte una falsità ed essa diventerà verità!. I sette miti sono:
A) Sono importanti le competenze, non le nozioni
B) La conoscenza si costruisce in gruppo.
C) La lezione frontale pone il soggetto in una condizione di passività.
D) L'insegnamento non dev'essere trasmissione di conoscenze.
E) L'adulto non deve mai influenzare il ragazzo nel percorso di apprendimento.
F) E' necessario sviluppare la creatività dando massima libertà (sì, anche questo sarebbe sbagliato!)
G) Le valutazioni sono inutili ed inefficaci (punto d'attualità).
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 4:29 pm

Felice di trovare docenti che la pensano così. Quest'anno ho davvero sofferto con colleghi che arrivano a demonizzare la cultura e le conoscenze e con formatori che ci hanno consigliato di non pretendere lo studio della grammatica. Così facciamo il male dei ragazzi, tutti questi 9 e 10 regalati non li preparano alla vita, che è dura da adulti, e da docente non posso rassegnarmi a non trasmettere conoscenze, mi sembra davvero che si stia perdendo di vista l'utilità della scuola. Nella scuola primaria e secondaria di primo grado si ha il dovere di trasmettere dei contenuti culturali di base, altrimenti avremo delle generazioni intere che non sanno esprimersi ed orientarsi nel mondo reale, e questo e' terribile, fa davvero paura.
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 574
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 5:09 pm

Questi docenti che come dici tu demonizzavano la cultura allora che cosa facevano in classe? Ridevano, scherzavano e ballavano? Soprattutto, in che modo giustificavano la loro esaltazione dell'ignoranza?
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 5:27 pm

Scendiamo nel concreto.

Non so se sia un effetto di questa scuola "antitradizionale", mi limito a riferire l'episodio.

Ragazzo di primo liceo artistico, rimandato in matematica. Mi viene chiesto di dargli una mano. Vediamo di che si tratta: operazioni con i numeri, i monomi e i polinomi. Vabbè, poca roba.

Messo davanti a 96:12 mi guarda attonito, allora gli chiedo la tabellina del 12. Panico.

Riassumendo: la tabellina del 2 oltre il 20 è un'esplorazione in un territorio poco familiare, operazioni quali 8+6, 12 per 2 o 20:2 sono difficili. Che i multipli di numeri pari siano necessariamente pari è una novità.

Qualunque sia il modello pedagogico dei docenti che ha avuto alla scuola primaria, io da genitore me li sarei mangiati vivi.
Tornare in alto Andare in basso
iaiataf



Messaggi : 729
Data d'iscrizione : 27.04.14

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 5:51 pm

Non so cosa facessero, il programma a loro dire e' un concetto superato. Fotocopie di approfondimento, cartelloni, attivita' di gruppo. La scuola e' in un contesto socialmente difficile, spesso si cerca di contenere le situazioni a rischio. Io sono arrivata quest'anno e ho trovato ragazzi di 13 anni che scrivono "o male hai piedi" "mi sono persso nel boscho". Ragazzi che non sanno scrivere una data ed esprire le loro idee se non in dialetto. Ragazzi per il quale inclusione vuol dire promozione a tutti i costi, ma che non hanno mai interessato nessuno come persone bisognose di aiuto a tanti livelli. Forse alla fine si sono legati a me proprio perche' non regalavo i voti e cercavo sempre di interessarmi a loro e ai tanti problemi che li affliggono. Per i miei colleghi di quest'anno contano le recite scolastiche, i corsi opzionali, le uscite didattiche. In classe quest'anno sono stata sgridata dal vicepreside per avermi scoperta mentre spiegavo letteratura invece di preparare un cartellone per un evento pomeridiano. In una terza prossima all'esame. Mettiamo tutto via ragazzi, prendiamo i pastelli e coloriamo. Leopardi lo diamo per acquisito. Tanto basta scriverlo sul programma svolto, che non contera' niente ma va consegnato.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: votazione in lettere   Mar Giu 28, 2016 10:38 pm

questi personaggi vanno smontati senza permettere loro di manipolarti o di farti sentire in colpa
Tornare in alto Andare in basso
 
votazione in lettere
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» mi aiutate? ho bisogno di un'idea...
» Disonesta' intellettuale e malafede dei veri "credenti"
» Perché laurearsi in Filosofia? Che pezzo di carta è?
» Spinoza - libero arbitrio ed etica
» Amore, sesso e tenerezza

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: