Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
» La meglio scuola secondo l'asse Lega-M5S
Oggi alle 2:54 am Da Us3R

» Percorsi abilitanti ORDINARI per gli ITP
Oggi alle 1:58 am Da prof2016

» Domanda disoccupazione ed esame di stato
Oggi alle 1:45 am Da BioMolec

» Urgente: errore nella domanda di mobilità
Oggi alle 1:26 am Da Dec

» Sono perdente posto...che fine farò?
Oggi alle 1:25 am Da Dec

» domanda soprannumerari
Oggi alle 1:24 am Da Dec

» II fascia finestra
Oggi alle 1:22 am Da Dec

» Abilitazione sostegno
Oggi alle 1:18 am Da Dec

» Ferie pagate o non pagate?
Oggi alle 1:15 am Da sempreconfusa1

Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Titolarità sulla sede addio. Uno sciopero per abrogare la legge

Andare in basso 
AutoreMessaggio
causaeffetto



Messaggi : 207
Data d'iscrizione : 23.06.16

MessaggioTitolo: Titolarità sulla sede addio. Uno sciopero per abrogare la legge    Ven Lug 01, 2016 11:01 am

"Le contraddizioni che ha creato (e continua a creare) la legge 107 sono tante, troppe e nelle scuole si è ormai determinata una situazione difficile.


Ma i problemi più gravi si vedranno a settembre quando sarà chiaro a tutti che la legge cancella la titolarità sulla sede scolastica, senza neppure fare distinzione fra organico di diritto e organico dell'autonomia. E così anche un insegnante con 20-30 anni di servizio potrebbe trovarsi dall'oggi al domani a fare il "jolly", due settimane in IIIA ad insegnare italiano, un mese nel plesso X per mettere in piedi il laboratorio teatrale e così via.
Intanto ci saranno i neoassunti (65mila in tutto) che verranno assegnati in prima battuta agli albi territoriali e che dovranno recarsi in pellegrinaggio dai dirigenti dell'ambito per ottenere un incarico.
Il bonus premiale andrà a regime e i dirigenti scolastici potranno "valorizzare" i docenti più acquiescenti e disponibili a "collaborare".
Forse si aprirà il tavolo contrattuale ma siccome non ci sono soldi si potrà al massimo firmare un contratto sulla parte normativa, sicuramente peggiorativo rispetto a quello attuale.
Come uscirne?
La strada è una sola: intanto preparare il terreno per vincere la battaglia referendaria (le firme dovrebbero esserci, manca solo il via libera della Corte Costituzionale) e poi organizzarsi per fare ciò che era stato ventilato lo scorso anno ma che non si è realizzato anche per la mancanza di volontà dei sindacati del comparto.
In poche parole: sciopero generale del mondo della scuola già a ottobre con manifestazione nazionale a Roma, possibilmente in prossimità del referendum costituzionale in modo da mandare un segnale chiaro e netto al Governo che proprio a ottobre dovrà iniziare anche a discutere la legge di stabilità per il 2017.
E magari a quel punto il popolo della scuola potrebbe persino riuscire a spuntare modifiche significative alla legge 107."Michelangelo Bocca
Tornare in alto Andare in basso
 
Titolarità sulla sede addio. Uno sciopero per abrogare la legge
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» SEDE DI TITOLARITA' E SEDE DI SERVIZIO
» Vi segnalo questo interessante articolo sulla salute delle donne (aborto, legge 40 e chi più ne ha più ne metta)
» Ragazze ricordate lo speciale sulla fecondazione che era in onda su Sky?
» Dico addio al mio sogno
» Giudizio sulla scuola...

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: