Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 licenziamenti dipendenti pubblici

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3
AutoreMessaggio
sorel1968



Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 05.07.12

MessaggioOggetto: licenziamenti dipendenti pubblici   Mar Lug 26, 2016 11:32 am

Promemoria primo messaggio :

Io non commento, mi limito a riportare "il top secret" del ministro Madia sul nuovo contratto. Secondo me. è l'altro lato della "Buona scuola" che mancava. Perché assumere più docenti per il potenziamento? La scuola se li può permettere? No. Ma chi se ne frega se poi licenziamo quelli in più? Almeno non andiamo contro le direttive europee...

"Il posto fisso

La fine del posto fisso arriva alla pagina 72 del decreto elaborato dai tecnici del governo, la norma attuativa più attesa fra quelle legate alla riforma della pubblica amministrazione approvata un anno fa. Ogni anno, dice il documento, tutte le amministrazioni devono comunicare al ministero le «eccedenze di personale» rispetto alle «esigenze funzionali o alla situazione finanziaria». Detto brutalmente, i dipendenti che non servono o che la situazione di bilancio non consente di tenere in carico. Le «eccedenze» possono essere subito spostate in un altro ufficio, nel raggio di 50 chilometri da quello di provenienza con la mobilità obbligatoria. Altrimenti vengono messe in «disponibilità»: non lavorano e prendono l’80% dello stipendio con relativi contributi per la pensione. Ma se entro due anni non riescono a trovare un altro posto, anche accettando un inquadramento più basso con relativo taglio dello stipendio, il loro «rapporto di lavoro si intende definitivamente risolto». Licenziati. In teoria un meccanismo simile c’è già adesso. Ma agli uffici che non comunicano le eccedenze non succede nulla e infatti tutti si guardano bene dal farlo. Con le nuove regole, invece, ci sarà lo stop alle assunzioni e il procedimento disciplinare per il dirigente. Una differenza non da poco."


Ultima modifica di sorel1968 il Mar Lug 26, 2016 1:44 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 11:33 am

sorel1968 ha scritto:
sarebbe meglio che tornasse il vecchio modello di preparazione aumentando magari gli esami di storia e filosofia o filologia romanza per esempio, cioè argomenti inerenti le proprie materie.
Di tutto lo scibile umano ci sono solo due cose che non conosco: la filologia romanza e tutto il resto, però per la filologia romanza non sono preoccupato.
Tornare in alto Andare in basso
royalstefano



Messaggi : 4264
Data d'iscrizione : 12.09.11

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 11:36 am

avidodinformazioni ha scritto:
royalstefano ha scritto:
Robert Bruce ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Ripeto, è per tutto il settore pubblico, non per la scuola in particolare.

Ovviamente, è per tutto il settore pubblico. Anzi, io credo che la norma non sia stata pensata per la scuola, ma per ben altri settori pubblici. Poi, da lì, potrebbe essere applicata anche in altri comparti. tra cui la scuola.

avidodinformazioni ha scritto:
Mi preoccupano di più gli scatti di anzianità, che evidentemente non erano una "provocazione" come aveva vigliaccamente sostenuto la iena ridens.

Si, altro grosso problema.

L'unica cosa su cui sono d'accordo con la riforma è l'obbligo dell'inglese in tutti i concorsi pubblici.

Ma è una fissa 'sto inglese! Sono fuori dall'UE, introduciamo il croato o il portoghese.
Non si studia l'inglese perchè l'Inghilterra è nell'UE ma perchè gli USA hanno di fatto imposto la loro lingua diventando egemoni economicamente e militarmente; forse non è una cosa elegante e giusta, ma è così, e comunque una lingua franca serviva e l'inglese è una lingua semplice.

Il latino è stata la lingua franca per secoli, eppure i romani sono usciti dall'UE prima del medioevo.

Prega che l'egemonia dell'inglese non venga sostituita dall'egemonia del cinese !
Chiaramente la mia era una battuta.
Tornare in alto Andare in basso
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 11:58 am

condor2000 ha scritto:

Però se si tratta di mantenere a 200000 euro dei lavoratori alla Rai per non fare niente, allora la regola non vale! Ma di che parliamo?

Non è che un assurdità ne lavi altre eh...
Tornare in alto Andare in basso
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 12:03 pm

Babbeus ha scritto:

1) Le eccedenze non sono posti che "non servono" sono posti che il decisore politico ha scelto di non voler utilizzare
2) Si possono ricollocare invece di licenziare
3) Con questo sistema "sacrosanto" il decisore politico può a un certo punto dire: non voglio più erogare il servizio pubblico X (che può essere una rete di scuole o di ospedali) o voglio erogarne il 30% in meno in modo da risparmiare su tutti gli stipendi e mandare a casa 10'000 dipendenti (magari anche vicini alla pensione). Immagino che in quel caso tu ti guarderesti bene dal protestare se dovessi rientrare trai 10'000 e prenderesti mestamente atto della tua sopraggiunta inutilità.

1) generalizzi, va valutato caso per caso
2) già è previsto, il raggio di 50 km non mi pare un dramma
3) torniamo al punto 1)
Tornare in alto Andare in basso
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 12:05 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Associato ad una sana politica delle assunzioni, ad una sana politica della definizione degli organici (OF che diventa OD) ed ad un perpetuo diritto al reintegro appena se ne creassero nuovamente le condizioni.

Assolutamente sì!
Tornare in alto Andare in basso
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 12:06 pm

avidodinformazioni ha scritto:
E non dimentichiamo i contratti di solidarietà del privato, quando c'è un esubero temporaneo tutti riducono orario e stipendio e nessuno viene licenziato.

Di nuovo assolutamente sì, i lavoratori siano solidali fra loro!
Tornare in alto Andare in basso
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 12:10 pm

sorel1968 ha scritto:


Francamente in un momento di crisi mantenere il posto di lavoro è un minimo sindacale. Per quanto riguarda l'offesa molti sopravvivrebbero tranquillamente. Per me non dovrebbe valere nemmeno per il privato (in cui ho lavorato), figuriamoci per il pubblico. Comprendo se un datore di lavoro ragiona così poiché i suoi interessi sono spesso oggettivamente opposti a quelli dei dipendenti. Ma un dipendente, magari che ha come una fonte di reddito il suo stipendio, non può nemmeno contemplare una simile possibilità.

PS: dove sta l'utilità sociale di molti datori di lavoro?

Concordo, ma vige il capitalismo, per quanto mi concerne gli sfruttatori dei lavoratori, come li chiami tu i datori, li farei lavorare come tutti gli altri! Il lavoro è una necessità sociale e quanto rende degni gli esseri umani, non una regalia del borghese di turno, di cui in una società meglio organizzata non ci sarebbe alcun bisogno.
Tornare in alto Andare in basso
alessandrapier74



Messaggi : 576
Data d'iscrizione : 17.02.15

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 12:13 pm

condor2000 ha scritto:
Dulcamara ha scritto:
sorel1968 ha scritto:
Io non commento, mi limito a riportare "il top secret" del ministro Madia sul nuovo contratto. Secondo me. è l'altro lato della "Buona scuola" che mancava. Perché assumere più docenti per il potenziamento? La scuola se li può permettere? No. Ma chi se ne frega se poi licenziamo quelli in più? Almeno non andiamo contro le direttive europee...

"Il posto fisso

La fine del posto fisso arriva alla pagina 72 del decreto elaborato dai tecnici del governo, la norma attuativa più attesa fra quelle legate alla riforma della pubblica amministrazione approvata un anno fa. Ogni anno, dice il documento, tutte le amministrazioni devono comunicare al ministero le «eccedenze di personale» rispetto alle «esigenze funzionali o alla situazione finanziaria». Detto brutalmente, i dipendenti che non servono o che la situazione di bilancio non consente di tenere in carico. Le «eccedenze» possono essere subito spostate in un altro ufficio, nel raggio di 50 chilometri da quello di provenienza con la mobilità obbligatoria. Altrimenti vengono messe in «disponibilità»: non lavorano e prendono l’80% dello stipendio con relativi contributi per la pensione. Ma se entro due anni non riescono a trovare un altro posto, anche accettando un inquadramento più basso con relativo taglio dello stipendio, il loro «rapporto di lavoro si intende definitivamente risolto». Licenziati. In teoria un meccanismo simile c’è già adesso. Ma agli uffici che non comunicano le eccedenze non succede nulla e infatti tutti si guardano bene dal farlo. Con le nuove regole, invece, ci sarà lo stop alle assunzioni e il procedimento disciplinare per il dirigente. Una differenza non da poco."

Francamente lo trovo sacrosanto! Dovevano applicarlo prima. Non per gli scatti ma per le eccedenze di personale eccome! Ma come si può pretendere di mantenere un posto di lavoro che non serve, è semplicemente indegno, in primo luogo da parte del lavoratore. Un insulto al lavoro in sé che deve essere socialmente utile!
Però se si tratta di mantenere a 200000 euro dei lavoratori alla Rai per non fare niente, allora la regola non vale! Ma di che parliamo?

Bravo!!! Hai ragione...sembra che l'onestà nel lavoro debba valere solo per i poveretti!!! ...perché di quelli parliamo, di poveretti come noi e come tutti i dipendenti pubblici che non guadagnano più di 1500 euro al mese...vi sembra moralmente accettabile che uno prenda 200 mila euro l'anno per non fare nulla??? e poi ci riempiono la testa con i furbetti del cartellino...e pensare che la paghiamo noi la tv di stato!!!
Tornare in alto Andare in basso
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 12:30 pm

alessandrapier74 ha scritto:

Bravo!!! Hai ragione...sembra che l'onestà nel lavoro debba valere solo per i poveretti!!! ...perché di quelli parliamo, di poveretti come noi e come tutti i dipendenti pubblici che non guadagnano più di 1500 euro al mese...vi sembra moralmente accettabile che uno prenda 200 mila euro l'anno per non fare nulla??? e poi ci riempiono la testa con i furbetti del cartellino...e pensare che la paghiamo noi la tv di stato!!!

Non è moralmente accettabile e soprattutto illogico, che chiunque riceva qualsivoglia salario per non fare nulla. Lo ripeto, un'assurdità non le lava un'altra.
Tornare in alto Andare in basso
sorel1968



Messaggi : 65
Data d'iscrizione : 05.07.12

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 12:38 pm

Vorrei aggiungere una piccola news agrodolce. Ho letto il Corriere della Sera che non smentisce, anzi rincara. Il giornalista conferma tutto quanto e aggiunge qualcosa sul telelavoro. Il 10% dei dipendenti pubblici potrebbe fare il dopo il telelavoro e chiedere il part time. Il succo è, riguardo ai licenziamenti, che dice le stesse cose. Sapete qualcosa di più?
Tornare in alto Andare in basso
Babbeus



Messaggi : 1683
Data d'iscrizione : 17.03.15

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 1:02 pm

Dulcamara ha scritto:
Babbeus ha scritto:

1) Le eccedenze non sono posti che "non servono" sono posti che il decisore politico ha scelto di non voler utilizzare
2) Si possono ricollocare invece di licenziare
3) Con questo sistema "sacrosanto" il decisore politico può a un certo punto dire: non voglio più erogare il servizio pubblico X (che può essere una rete di scuole o di ospedali) o voglio erogarne il 30% in meno in modo da risparmiare su tutti gli stipendi e mandare a casa 10'000 dipendenti (magari anche vicini alla pensione). Immagino che in quel caso tu ti guarderesti bene dal protestare se dovessi rientrare trai 10'000 e prenderesti mestamente atto della tua sopraggiunta inutilità.

1) generalizzi, va valutato caso per caso
2) già è previsto, il raggio di 50 km non mi pare un dramma
3) torniamo al punto 1)

1) la mia definizione "eccedenze=posti che il decisore politico ha scelto di non voler utilizzare" è valida in generale, tu al contrario hai generalizzato: hai detto che è "sacrosanto" licenziare le eccedenze (in generale, la legge non fa distinzioni) in quanto lavoratori che "non servono"
2) già previsto un par di ciufoli: la legge prevede licenziamento dopo 2 anni, cosa evitabile con ricollocamento
3) quindi ritratteresti la tua posizione di favore alla legge se tu dovessi rientrare nelle 10'000 "eccedenze"?
Tornare in alto Andare in basso
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 1:46 pm

Babbeus ha scritto:

1) la mia definizione "eccedenze=posti che il decisore politico ha scelto di non voler utilizzare" è valida in generale, tu al contrario hai generalizzato: hai detto che è "sacrosanto" licenziare le eccedenze (in generale, la legge non fa distinzioni) in quanto lavoratori che "non servono"
2) già previsto un par di ciufoli: la legge prevede licenziamento dopo 2 anni, cosa evitabile con ricollocamento
3) quindi ritratteresti la tua posizione di favore alla legge se tu dovessi rientrare nelle 10'000 "eccedenze"?

1) Fornivo un controesempio. Le eccedenze possono essere strumentali, come evidenzi tu, o reali, come evidenziavo io. Va valutato caso per caso e bisogna mobilitarsi ove si commettano reali illeciti (lavoratori utili che vengono licenziati usando una norma a mo' di scusa). La norma in sé mi pare logica, va contestato, nel caso, il suo abuso.
2) Entro i due anni se non ci si è ricolllocati o se si sono rifiutati trasferimenti.
3) No, non la ritratterei, ho comunque scelto oculatamente il mio lavoro, proprio per scongiurare tale possibilità, (matematica e scienze alle medie, nello specifico, quando avrei preferito lavorare alle superiori, avendo vinto l'accesso ad ambedue i corsi abilitanti).
Tornare in alto Andare in basso
Babbeus



Messaggi : 1683
Data d'iscrizione : 17.03.15

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 2:59 pm

Dulcamara ha scritto:
Babbeus ha scritto:

1) la mia definizione "eccedenze=posti che il decisore politico ha scelto di non voler utilizzare" è valida in generale, tu al contrario hai generalizzato: hai detto che è "sacrosanto" licenziare le eccedenze (in generale, la legge non fa distinzioni) in quanto lavoratori che "non servono"
2) già previsto un par di ciufoli: la legge prevede licenziamento dopo 2 anni, cosa evitabile con ricollocamento
3) quindi ritratteresti la tua posizione di favore alla legge se tu dovessi rientrare nelle 10'000 "eccedenze"?

1) Fornivo un controesempio. Le eccedenze possono essere strumentali, come evidenzi tu, o reali, come evidenziavo io. Va valutato caso per caso e bisogna mobilitarsi ove si commettano reali illeciti (lavoratori utili che vengono licenziati usando una norma a mo' di scusa). La norma in sé mi pare logica, va contestato, nel caso, il suo abuso.
2) Entro i due anni se non ci si è ricolllocati o se si sono rifiutati trasferimenti.
3) No, non la ritratterei, ho comunque scelto oculatamente il mio lavoro, proprio per scongiurare tale possibilità, (matematica e scienze alle medie, nello specifico, quando avrei preferito lavorare alle superiori, avendo vinto l'accesso ad ambedue i corsi abilitanti).

1) Non esiste il concetto di eccedenze "reali" perchè non esiste un concetto oggettivo di "utilità" o di quantificazione esatta del numero di lavoratori utili. Tu hai un medico già assunto e lo puoi utilizzare in un ospedale, oppure puoi decidere che non lo vuoi utilizzare: è sempre e comunque una tua scelta, non c'è nulla di "reale" nella decisione che quel medico sia "di troppo".
2) Esatto, e invece di licenziarli potrebbero ricollocarli anche al di fuori di quello che è l'organico previsto (dubito che se un ufficio pubblico avesse 5 sportelli attivi anzichè 4 come voleva il governo la cosa possa essere così deplorevole)
3) Ok, prendiamo atto che se un giorno - per decisioni politiche di ristrutturazione di organici o scuole o ambiti territoriali dovute a crisi varie - dovessi diventare in esubero sarai il primo ad applaudire per il tuo licenziamento. (Interessante la precisazione - assolutamente non necessaria ai fini della discussione - sull'oculatezza delle tue scelte, come a sottolineare che una volta messo al riparo il proprio orticello gli altri possono pure prendersela in saccoccia, ottima mentalità)
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5367
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 5:03 pm

sorel1968 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Robert Bruce ha scritto:

L'unica cosa su cui sono d'accordo con la riforma è l'obbligo dell'inglese in tutti i concorsi pubblici.



fondamentale

Secondo me, invece è una follia. A cosa serve ad un professore di Italiano l'inglese se non per pubblicazioni universitarie se e solo se fa dei dottorati. Diciamo invece che è una moda e che sarebbe meglio che tornasse il vecchio modello di preparazione aumentando magari gli esami di storia e filosofia o filologia romanza per esempio, cioè argomenti inerenti le proprie materie.


E certo che lo è. Voleva essere ironico, speravo fosse chiaro...
Tornare in alto Andare in basso
sconcertato_1



Messaggi : 397
Data d'iscrizione : 14.12.15

MessaggioOggetto: Re: licenziamenti dipendenti pubblici   Mer Lug 27, 2016 5:05 pm

Senza polemiche ma sappiamo tutti che sono stati assunti un sacco di persone che nessuno aveva chiesto, spesso neanche attinenti al percorso di studi (vedi docenti di storia dell'arte nei professionali ad indirizzo tecnico).

Nonostante alcune cdc abbiano visto incrementare i posti (praticamente abbiamo 1 potenziamento a019 per ogni scuola), anche a scapito di tutte le altre cdc che sono rimaste a bocca asciutta (specie quelle scientifiche), ci sono ancora degli esuberi.

Non è quindi una volontà politica ma la realtà delle cose, ci sono posti che nella scuola non servono.
Tornare in alto Andare in basso
 
licenziamenti dipendenti pubblici
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3
 Argomenti simili
-
» Testimoni di Geova - trasferimenti di sangue
» Fondo assicurativo per dipendenti studi professionali
» Chi difende l'intoccabile casta dei farmacisti?
» Età limite centri italiani
» Discorsi dei Testimoni di Geova

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: