Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 A che serve studiare ?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: A che serve studiare ?   Sab Ago 13, 2016 10:25 am

Promemoria primo messaggio :

Supponiamo che un vostro alunno venga da voi e vi dica:

"Prof, mio cugino ha conseguito il dottorato di ricerca al politecnico di Torino, vanta diverse pubblicazioni, ma si trova a fare un lavoro che non ha nulla a che vedere con i suoi studi; inoltre mi ha detto che molti suoi amici di scuola laureati sono disoccupati; a che serve allora studiare?"

I ragazzi spesso non studiano perché non hanno motivazioni per farlo, e la colpa spesso non è dei loro docenti, ma di chi aveva il compito di formare tali docenti alla SSIS e non ha fornito loro motivazioni adeguate circa l'utilità di insegnare certi argomenti, che potessero far capire a un ragazzo perché è importante studiare.
Vi siete mai chiesti perché è importante che un ragazzo debba studiare certi argomenti?
Perché si vuole che i ragazzi studino?
Perché i programmi ministeriali sono quelli e non altri?
Chi decide i programmi ministeriali e in base a quale criterio viene scelto un argomento invece che un altro?

Mi rivolgo in particolare ad Avido e a Felipeto, che per via dei loro post scientifici ritengo docenti davvero in gamba e preparati; secondo voi, perché è importante che un ragazzo conosca le discipline che insegnate? Le conoscenze che acquisteranno studiando le vostre materie potranno servire loro nella vita? Ad esempio, visto che i ragazzi di oggi amano tanto pc e smartphone, sapreste fare esempi di applicazione concreta di alcune cose che insegnate senza le quali non sarebbe possibile avere pc e smartphone? Saper risolvere espressioni, equazioni, integrali serve a un ingegnere per costruire un pc o un ponte ? Conoscere meccanica, termodinamica, ottica ed elettromagnetismo serve nella costruzione di una radio, di una televisione, di un palazzo, di un automobile, di un computer? Potreste fare esempi concreti di applicazione?

Grazie

Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
seasparrow



Messaggi : 1134
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 57
Località : Venezia

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Dom Ago 14, 2016 1:26 pm

studiare non e' un servizio e' una necessita' dell'animo
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Dom Ago 14, 2016 1:28 pm

dipende dall'animo
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Dom Ago 14, 2016 4:04 pm

Io ho risposto,per dati concreti ,al famoso laureato al politecnico che si dice non trovi lavoro.le lauree non sono tutte uguali,ma quando lo capira' la gente? Chi abbandona e non lavora non ha bisogno di aiuto.i nett non hanno bisogno di aiuto. È gente che ,in virtù del benessere italiano, puo permettersi di non far nulla,ha dietro una famiglia che lo mantiene, anche a 30 anni.chi ha bisogno di soldi lavora o studia,se vuole mangiare. Gli altri hanno dei bei conti in banca,nord sud Italia che sia
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Dom Ago 14, 2016 8:20 pm

avidodinformazioni ha scritto:
comunque immaginiamo la scena:

Un alunno dice "pressò, nun tengo voglia di fà nu cazz ! Devo studiare per forza ?"

Cosa rispondiamo ?

1) è meglio che te la fai venire altrimenti te ne pentirai per il resto della tua vita, vivrai con il freno a mano tirato !

2) non c'è problema, conosco tanti ignoranti che sono felici ed anche tanti friggitori di hamburger che mai vorrebbero diventare dentisti.

Mi è venuto in mente un caso.
C. era un mio alunno al professionale; inguaribile mentitore, buffonesco e privo di interesse per la scuola, disturbava tutte le lezioni facendo cose improponibili e inimmaginabili (salutare ruttando, mettersi platealmente le dita nel naso, emettere flatulenze con il braccio).
Sostanzialmente non era affatto aggressivo e mostrava una notevole sensibilità per le persone in difficoltà; lo sospendemmo più volte e, raggiunto l'obbligo si ritirò.

Dopo 3 mesi tornò per salutare compagni e docenti, si scusò e disse che semplicemente odiava studiare e voleva lavorare (cosa che effettivamente faceva e fa)... di fronte a un caso così a mio avviso bisogna sempre disincentivare lo studio e incoraggiare al lavoro per il bene del ragazzo.
Se fossimo stati in questo a.s. lo si sarebbe potuto indirizzare a un c.f.p, che è un'ottima scelta per chi non intende studiare ma ha comunque una buona predisposizione per il lavoro.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Dom Ago 14, 2016 8:29 pm

Disincentivare alla frequenza (non allo studio) questi ragazzi è doveroso per rispetto agli altri che magari vogliono fare lezione, questo non toglie che la sua scelta con buone probabilità in futuro gli creerà problemi.

Le parrucchiere guadagnavano tanti soldi pur essendo capre, oggi ci sono le parrucchiere cinesi; sicuri che fare la parrucchiera sia ancora una buona idea ?

I muratori rumeni sono bravi quanto e più degli italiani e costano molto meno, persino l'idraulico oggi lo fa chiunque; io ho fatto l'intero bagno di mia madre, proprio confortato dalla convinzione che se ci riuscivano a farlo quei coglioni dei miei alunni di 4 anni fa (professionale ed indirizzo idraulico) ci poteva riuscire chiunque, me compreso; mi sono anche installato 3 condizionatori tutto da solo e per farlo ho comprato attrezzature il cui costo è stato pari a quello di una sola installazione ad opera dei suddetti coglioni.

Andiamoci piano a consigliare i mestieri umili.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Dom Ago 14, 2016 9:01 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Disincentivare alla frequenza (non allo studio) questi ragazzi è doveroso per rispetto agli altri che magari vogliono fare lezione, questo non toglie che la sua scelta con buone probabilità in futuro gli creerà problemi.

Le parrucchiere guadagnavano tanti soldi pur essendo capre, oggi ci sono le parrucchiere cinesi; sicuri che fare la parrucchiera sia ancora una buona idea ?

I muratori rumeni sono bravi quanto e più degli italiani e costano molto meno, persino l'idraulico oggi lo fa chiunque; io ho fatto l'intero bagno di mia madre, proprio confortato dalla convinzione che se ci riuscivano a farlo quei coglioni dei miei alunni di 4 anni fa (professionale ed indirizzo idraulico) ci poteva riuscire chiunque, me compreso; mi sono anche installato 3 condizionatori tutto da solo e per farlo ho comprato attrezzature il cui costo è stato pari a quello di una sola installazione ad opera dei suddetti coglioni.

Andiamoci piano a consigliare i mestieri umili.

Bisogna consigliarli indirizzandoli in percorsi creati appositamente, come i cfp; il bagno che hai realizzato tu non sarà mai lontanamente come quello fatto da un professionista formato per questa ragione.
Non ha senso parlare di concorrenza di parrucchiere cinesi ecc... Nelle nostre classi ci sono anche cinesi e rumeni e non sono una forza estranea rispetto alle nostre classi.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Dom Ago 14, 2016 9:16 pm

precario.acciaio ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Disincentivare alla frequenza (non allo studio) questi ragazzi è doveroso per rispetto agli altri che magari vogliono fare lezione, questo non toglie che la sua scelta con buone probabilità in futuro gli creerà problemi.

Le parrucchiere guadagnavano tanti soldi pur essendo capre, oggi ci sono le parrucchiere cinesi; sicuri che fare la parrucchiera sia ancora una buona idea ?

I muratori rumeni sono bravi quanto e più degli italiani e costano molto meno, persino l'idraulico oggi lo fa chiunque; io ho fatto l'intero bagno di mia madre, proprio confortato dalla convinzione che se ci riuscivano a farlo quei coglioni dei miei alunni di 4 anni fa (professionale ed indirizzo idraulico) ci poteva riuscire chiunque, me compreso; mi sono anche installato 3 condizionatori tutto da solo e per farlo ho comprato attrezzature il cui costo è stato pari a quello di una sola installazione ad opera dei suddetti coglioni.

Andiamoci piano a consigliare i mestieri umili.

Bisogna consigliarli indirizzandoli in percorsi creati appositamente, come i cfp; il bagno che hai realizzato tu non sarà mai lontanamente come quello fatto da un professionista formato per questa ragione.
Non ha senso parlare di concorrenza di parrucchiere cinesi ecc... Nelle nostre classi ci sono anche cinesi e rumeni e non sono una forza estranea rispetto alle nostre classi.
Quando dico parrucchiere cinesi intendo dire parrucchiere che tagliano e piegano per 15 € invece di 50 €; l'etnia non interessa neanche a me, ma quando lavori a 15 € lorde l'ora non diventi più ricca come prima, anzi, se paghi tutte le tasse ed i contributi poi mangi alla Caritas.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Dom Ago 14, 2016 9:19 pm

Aggiungiamone una: quanta cultura serviva per fare il tassista ? Un fesso che non voleva studiare poteva fare il tassista e vivere bene, meglio di un insegnante oserei dire; oggi Uber ha cambiato le cose.

Per fare il salumiere serviva la laurea ? No, ed anche i salumieri guadagnavano più di noi; ora con gli ipermercati diventa sempre più critica.

I lavori per fessi si riducono sempre più.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Dom Ago 14, 2016 9:25 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Aggiungiamone una: quanta cultura serviva per fare il tassista ? Un fesso che non voleva studiare poteva fare il tassista e vivere bene, meglio di un insegnante oserei dire; oggi Uber ha cambiato le cose.

Per fare il salumiere serviva la laurea ? No, ed anche i salumieri guadagnavano più di noi; ora con gli ipermercati diventa sempre più critica.

I lavori per fessi si riducono sempre più.

La soluzione non può essere quella di dire a uno studente che deve studiare per forza perchè il mercato è deregolamentato, la scuola diventerebbe un parcheggio senza scopo.
L'unica soluzione è aumentare i percorsi di formazione - lavoro regionale, ma anche questo non potrà impedire a una parte dell'utenza di smettere di studiare e cercare lavori non qualificati.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1791
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 9:36 am

Risposta breve:

"studiare serve ad avere la possibilità di essere una persona migliore. Con o senza lavoro. Poi scegli tu"
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 1002
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 10:34 am

precario.acciaio ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
... io ho fatto l'intero bagno di mia madre, ...

... il bagno che hai realizzato tu non sarà mai lontanamente come quello fatto da un professionista formato per questa ragione...
Non ne sarei tanto sicura. Quando abbiamo comprato casa ci siamo rifatti l'impianto elettrico, meglio di quello che c'era già. L'unica parte che non siamo riusciti a mettere a posto perché bisognava rompere muri è stata quella che in seguito ci ha creato problemi, per cui abbiamo dovuto rompere il muro e poi abbiamo chiesto l'aiuto di un muratore per risistemarlo.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 11:11 am

@melia ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
... io ho fatto l'intero bagno di mia madre, ...

... il bagno che hai realizzato tu non sarà mai lontanamente come quello fatto da un professionista formato per questa ragione...
Non ne sarei tanto sicura. Quando abbiamo comprato casa ci siamo rifatti l'impianto elettrico, meglio di quello che c'era già. L'unica parte che non siamo riusciti a mettere a posto perché bisognava rompere muri è stata quella che in seguito ci ha creato problemi, per cui abbiamo dovuto rompere il muro e poi abbiamo chiesto l'aiuto di un muratore per risistemarlo.

Ecco, appunto, evitiamo il fai da te
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 11:51 am

Precario per rifare un impianto elettrico bisogna rompere i muri..
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 12:09 pm

precario.acciaio ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Aggiungiamone una: quanta cultura serviva per fare il tassista ? Un fesso che non voleva studiare poteva fare il tassista e vivere bene, meglio di un insegnante oserei dire; oggi Uber ha cambiato le cose.

Per fare il salumiere serviva la laurea ? No, ed anche i salumieri guadagnavano più di noi; ora con gli ipermercati diventa sempre più critica.

I lavori per fessi si riducono sempre più.

La soluzione non può essere quella di dire a uno studente che deve studiare per forza perchè il mercato è deregolamentato, la scuola diventerebbe un parcheggio senza scopo.
L'unica soluzione è aumentare i percorsi di formazione - lavoro regionale, ma anche questo non potrà impedire a una parte dell'utenza di smettere di studiare e cercare lavori non qualificati.
Hai mai insegnato in un CFP ? Io no, ma me ne hanno raccontato di tutti i colori; lì vanno i rifiuti dei professionali ovvero i rifiuti dei rifiuti; ci sarà anche qualcuno che vuole lavorare, ma anche lì ci saranno i rompiballe che unendosi in branchi renderanno difficili le lezioni.

Poi parliamoci chiaro, chi fa il docente dei CFP ? Chi non è riuscito a prendere una cattedra in un ITIS blasonato e non ha una professione che lo assorbe a tempo pieno; un idraulico che lavora a strafottere perchè molto bravo, al CFP non lo trovi.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 12:10 pm

precario.acciaio ha scritto:
@melia ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
... io ho fatto l'intero bagno di mia madre, ...

... il bagno che hai realizzato tu non sarà mai lontanamente come quello fatto da un professionista formato per questa ragione...
Non ne sarei tanto sicura. Quando abbiamo comprato casa ci siamo rifatti l'impianto elettrico, meglio di quello che c'era già. L'unica parte che non siamo riusciti a mettere a posto perché bisognava rompere muri è stata quella che in seguito ci ha creato problemi, per cui abbiamo dovuto rompere il muro e poi abbiamo chiesto l'aiuto di un muratore per risistemarlo.

Ecco, appunto, evitiamo il fai da te
Diciamo che qualcuno lo deve evitare e qualcuno no.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 12:33 pm

Felipeto ha scritto:
Precario  per rifare un impianto elettrico bisogna rompere i muri..

Ma dai, non lo sapevo
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 12:35 pm

avidodinformazioni ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Aggiungiamone una: quanta cultura serviva per fare il tassista ? Un fesso che non voleva studiare poteva fare il tassista e vivere bene, meglio di un insegnante oserei dire; oggi Uber ha cambiato le cose.

Per fare il salumiere serviva la laurea ? No, ed anche i salumieri guadagnavano più di noi; ora con gli ipermercati diventa sempre più critica.

I lavori per fessi si riducono sempre più.

La soluzione non può essere quella di dire a uno studente che deve studiare per forza perchè il mercato è deregolamentato, la scuola diventerebbe un parcheggio senza scopo.
L'unica soluzione è aumentare i percorsi di formazione - lavoro regionale, ma anche questo non potrà impedire a una parte dell'utenza di smettere di studiare e cercare lavori non qualificati.
Hai mai insegnato in un CFP ? Io no, ma me ne hanno raccontato di tutti i colori; lì vanno i rifiuti dei professionali ovvero i rifiuti dei rifiuti; ci sarà anche qualcuno che vuole lavorare, ma anche lì ci saranno i rompiballe che unendosi in branchi renderanno difficili le lezioni.

Poi parliamoci chiaro, chi fa il docente dei CFP ? Chi non è riuscito a prendere una cattedra in un ITIS blasonato e non ha una professione che lo assorbe a tempo pieno; un idraulico che lavora a strafottere perchè molto bravo, al CFP non lo trovi.

Io sì, e quelle che hai sentito sono sciocchezze. I migliori centri di formazione di questo genere sono quelli collegati alle scuole, dove insegnano gli stessi docenti della scuola in percorsi triennali che vanno a qualifica, ma anche tra i regionali ci sono eccellenze.
Per carità, l'utenza difficile c'è, ma anche lì si può bocciare o denunciare.
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 1002
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 1:16 pm

precario.acciaio ha scritto:
@melia ha scritto:
per cui abbiamo dovuto rompere il muro e poi abbiamo chiesto l'aiuto di un muratore per risistemarlo.
Ecco, appunto, evitiamo il fai da te
Per il muro, ma questo lo si sapeva già che non saremmo stati capaci di fare i muratori. L'impianto elettroco, invece, va benissimo da oltre 20 anni.
Tornare in alto Andare in basso
Alevar8



Messaggi : 180
Data d'iscrizione : 04.08.16
Località : Veneto, tra la terra e il cielo

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 7:52 pm

Ho visto scrivere di ricchezza e povertà come se lo stipendio che prende un insegnante lo renda ricco. Grazie a Dio questo lavoro lo faccio per passione e non perché ho bisogno di quelle 4 briciole che dà lo stato (ho un p. Time di 8h) ...lo faccio perché ho considerazione dei miei studenti, anche dei più difficili che non chiamo coglioni...forse il fatto che io non vada lo esclusivamente per quello stipendio di merda che pigliate (passatemi il termine) fa sì che tanti che prima non studiavano con me si siano messi in riga. Nel lontanissimo as 98-99 ebbi un contratto fino al 30/6 in un ipsia inutile dire il casino che c'era, gli dissi chiaro e tondo che io ero lì per impegnarmi e non per soldi perché avrei vissuto bene lo stesso e loro avrebbero dovuto fare la stessa cosa, fu un bellissimo anno (forse perché ero anche più giovane)...forse uno dei migliori!
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 7:59 pm

Alevar8 ha scritto:
Ho visto scrivere di ricchezza e povertà come se lo stipendio che prende un insegnante lo renda ricco. Grazie a Dio questo lavoro lo faccio per passione e non perché ho bisogno di quelle 4 briciole che dà lo stato (ho un p. Time di 8h) ...lo faccio perché ho considerazione dei miei studenti, anche dei più difficili che non chiamo coglioni...forse il fatto che io non vada lo esclusivamente per quello stipendio di merda che pigliate (passatemi il termine) fa sì che tanti che prima non studiavano con me si siano messi in riga. Nel lontanissimo as 98-99 ebbi un contratto fino al 30/6 in un ipsia inutile dire il casino che c'era, gli dissi chiaro e tondo che io ero lì per impegnarmi e non per soldi perché avrei vissuto bene lo stesso e loro avrebbero dovuto fare la stessa cosa, fu un bellissimo anno (forse perché ero anche più giovane)...forse uno dei migliori!
Quindi quegli alunni hanno deciso di punto in bianco che avrebbero dovuto smettere di ridere e scherzare, di inseguire ragazze, di giocare a pallone, e qualsiasi altra attività ludica, perchè dovevano cogliere l'opportunità di un docente che si impegnava.

Fino a quel momento avevano avuto docenti fannulloni e quindi erano finiti all'IPSIA dove facevano casino, da quel momento hanno detto "basta, voglio studiare !".

Complimenti, tu sì che ci sai fare.

PS lo stipendio è basso per un laureato, non è basso in assoluto; è basso per essere l'unico stipendio che prendi, non in relazione alle ore che si devono fare; in ogni caso lavorando in due va bene e se ci metti che è uno stipendio su cui puoi contare sempre, oggi è oro.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 8:00 pm

Dicesi coglione uno che fa cose contrarie al proprio interesse; uno studente che non studia è coglione, anche se io non lo chiamo così.
Tornare in alto Andare in basso
Alevar8



Messaggi : 180
Data d'iscrizione : 04.08.16
Località : Veneto, tra la terra e il cielo

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 8:07 pm

Di certo non hanno smesso di punto in bianco di divertirsi ma ho fatto capire che pur essendo una rottura di balle non erano la per fare un piacere a me o a chissà chi ma per imparare qualcosa...io i risultati li ho visti, la matematica applicata la studiavano (quello che mi interessava) il casino di certo non è sparito ma è notevolmente diminuito (trovami una classe che non fa mai casino). Poi sono entrato di ruolo e non ho più insegnato alle superiori, l'anno prossimo ricomincio, chi vivrà vedrà.
Tornare in alto Andare in basso
Alevar8



Messaggi : 180
Data d'iscrizione : 04.08.16
Località : Veneto, tra la terra e il cielo

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 8:08 pm

Aggiungo che non è la laurea che fa lo stipendio ma le capacità, la voglia, l'onesta' sai quanti insegnanti laureati e vincitori di concorso incapaci che conosco...
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 8:58 pm

Si ma la laurea ti porta via 5 anni di lavoro, se non fosse propedeutica ad uno stipendio più alto ........
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: A che serve studiare ?   Lun Ago 15, 2016 9:57 pm

Per chi vuole lavoro sicuro e stipendio alto c è il DAMS e psicologia
Tornare in alto Andare in basso
 
A che serve studiare ?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» DECAPTETYL 0,1MG...CHI MI SPIEGA A COSA SERVE???
» Per il deltacortene serve la ricetta?
» Cariotipo normale, perchè non serve fare gli approfondimenti per la poliabortività?
» Quanta acqua serve?
» A cosa serve la IUI?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: