Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Politici, allarmismi e grado di istruzione..

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Mer Ago 31, 2016 10:55 am

Promemoria primo messaggio :

L intero sistema di istruzione italiano è ormai in mano a personale controllato dalle famiglie,le quali richiedono sempre più pezzi di carta facili e considerano lo studio inutile e preferibili altre strade più comode,come la politica e le buone amicizie..
A livello politico il grado di istruzione è altresì carente, o quasi esclusivamente di tipo umanistico ,motivo ulteriore per l affossamento delle materie scientifiche e tecnico laboratoriali.
Non solo ignoranti o "diversamente competenti" si permettono di interferire nelle metodologie di insegnamento tradizionali erodendole, ma si arrogano il diritto di parlare,criticare,dare consigli e protestare su cose di cui non hanno nessuna competenza. Il succo è : sei un politico ? Fai il tuo lavoro,cioè nulla o chiacchiere. Lascia lavorare chi ha competenze..
L articolo che segue mi ricorda quei pensionati che assistono ai lavori nei cantieri e dicono la loro pur non sapendo nulla. La cosa grave qui è che il popolo bue analfabeta si fa subito coinvolgere da questi parolieri .
http://brescia.corriere.it/notizie/cronaca/16_agosto_29/treno-contromano-carico-gpl-paura-pendolari-c547d16a-6e15-11e6-8bf4-ee6b05dcd2d0.shtml

Se qualcuno è interessato alla lettura, invito a riflettere sulla risposta di trenitalia.
Un vagone cisterna non esplode da solo così dal nulla. ,per lo più fermo.
Il transito sul "binario illegale " è una procedura prevista da regolamento e normative ferroviarie in casi particolari,il macchinista non ha compiuto alcun illecito.
La rete ferroviaria in zona è gestita dal scmt, sistema controllo marcia treno,cioè un sistema elettronico di gestione della circolazione a prova di errore umano.
Non si "rompono le ruote" ,ma le boccole. E non in un treno fermo,e statisticamente in rarissime occasioni come Viareggio.
INSISTETE,COLLEGHI,NELLA FORMAZIONE TECNICA E SCIENTIFICA..IL POPOLO NON PUÒ CREDERE ALLE STREGHE COME NEL MEDIOEVO!combattiamo l ignoranza e i parolai..
Caro leghista,continua a bere l acqua del Po a pian del Re e ad incantare i vecchietti con bassa demagogia..ma prima di parlare di "tReno contromano",prenditi un diploma!!!!!
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
paniscus_2.0



Messaggi : 6149
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 12:23 am

Alevar8 ha scritto:
Grazie a Dio nelle aule delle scuole dove ho insegnato c'è sempre stato e anche in quella di mio figlio. Spero in tutte le scuole tornino ad esserci qui a Padova ce n'è. La tradizione italiana è cattolica questo è innegabile. Poi il fatto che voi di sx cerchiate di negarlo è un'altra storia ...

Scusa, ma tu non hai dichiarato poche ore fa di essere LEGHISTA?

Ovvero, seguace di quelli che fino a pochissimi anni fa si compiacevano di dichiararsi fieramente anticlericali, di sposarsi col rito celtico, e di mettere in scena rituali neopagani apposta per vantare opposizione energica CONTRO il conformismo cattolico?

E deciditi, almeno, eh...

Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6149
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 12:30 am

Alevar8 ha scritto:
Fa parte della nostra cultura e il docente di religione nella scuola statale è essenziale

E certo, come no?

Altrimenti chi altro gliela fa fare un'ora di caXXeggio libero a parlare del più e del meno, senza studio, senza compiti, senza interrogazioni e senza impegni?

Per fortuna alle superiori si rendono conto che possono farsi la stessa identica cosa anche da soli, fuori dall'aula, e senza insegnante, e scelgono quella : - )
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 8:21 am

Ciò che i docenti di irc fanno a scuola è sotto gli occhi di tutti..ma onestamente gli scienziati delle scienze motorie non fanno molto di più. .
Tornando in tema:il mister padano ci illustra anche che gpl significa Gas Propano Liquido :FALSO!!
COme direbbe Sgarbi,STUDIA STUDIA STUDIA, CAP...CAP..A!!!!!!@
QUESTA è la gente che lega,cinque stelle,quattro lune,e un Po tutti foraggiano. ..
IGNORANTI, IMPROVVISATI,ADESCATORI DI POPOLINO CON FINTE POLEMICHE E PROTESTE.
Dove sono gli statisti di una volta?Spadolini, torna tra noi!!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6149
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 9:06 am

Felipeto ha scritto:
Ciò che i docenti di irc fanno a scuola è sotto gli occhi di tutti..ma onestamente gli scienziati delle scienze motorie non fanno molto di più.

Almeno quelli sono abilitati e assunti secondo regolari procedure interne alla pubblica amministrazione, come tutti gli altri, non sono piazzati lì arbitrariamente da un'istituzione del tutto esterna alla scuola pubblica e allo stato.

Credo i averlo detto più volte, ma non mi stancherò ai di ripeterlo: il motivo principale per cui io sono contrariissima all'irc NON E' la "paura dell'indottrinamento" (che non esiste, perché lo sappiamo benissimo tutti, che in quelle ore fanno qualsiasi cosa tranne che parlare di religione), ma è il fatto di trovare inaccettabile che la scuola pubblica debba prestarsi a fare da ufficio di collocamento per raccomandati delle curie vescovili, senza poter avere la minima voce in capitolo sulle loro modalità di assunione, ma dovendosi limitare a pagarli.

Mi sembra un motivo più che sufficiente per essere contrari, indipendemente che si sia credenti o no (e infatti conosco diverse persone che la pensano esattamente così, pur essendo cattoliche praticanti).
Tornare in alto Andare in basso
Alevar8



Messaggi : 180
Data d'iscrizione : 04.08.16
Località : Veneto, tra la terra e il cielo

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 9:10 am

Mai sentito parlare dei Patti lateranensi?...la Lega che tu descrivi è quella di 20 anni fa!
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 10:02 am

Però almeno non organizzano tornei sportivi delle palle in orario di lezione. Dal punto di vista didattico fanno più danni quelli con la tuta. Che giustamente valorizzano le doti sportive dei ragazzi..e infatti tra i calciatori di serie A NON C È PIÙ UNO CHE SIA UNO ITALIANo fra un po '..tutti fanno sport,tutti campioni di sta cippa. Ma nessuno emerge.
Tornare in alto Andare in basso
Alevar8



Messaggi : 180
Data d'iscrizione : 04.08.16
Località : Veneto, tra la terra e il cielo

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 10:16 am

Che poi non diciamo fesserie io i docenti di irc bravi li ho trovati e non si cazzeggia come dici tu, si parla dellE religionI e della loro storia
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4697
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 11:59 am

Alevar8 ha scritto:
Non sono favorevole, sono favorevolissimo; la nostra tradizione è cattolica e va accettato. Il crocifisso non è altro, visto dal punto di vista laico, che la rappresentazione di un uomo che ha sacrificato la vita per le sue idee...gli insegnanti di IRC li cacciamo tutti?

Gesù è un uomo che ha sacrificato la sua vita per le sue idee? Ossignur. Chiarisciti le idee con un prete a tua scelta.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Alevar8



Messaggi : 180
Data d'iscrizione : 04.08.16
Località : Veneto, tra la terra e il cielo

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 12:15 pm

Affrontato da un punto di vista laico allora cos'è? Se poi vuoi che ne parliamo dal punto di vista cattolico è un'altra cosa, leggi bene ciò che ho scritto!
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 1:58 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ma che problema c'è se qualcuno rispetta le proprie tradizioni di testa sua e per i fatti suoi, senza imporle agli altri?

Se una donna vuole indossare il burkini, che cavolo di fastidio dà agli altri?

Se io vado in spiaggia vestendomi liberamente come mi pare, e con il grado di copertura che mi pare, dovrei sentirmi offesa perché la mia vicina di ombrellone è più coperta di me?

Mica c'è nessuno che costringe me a mettermi il burkini... e neanche a mettermi in topless o in nudo integrale!

Ma se si facesse semplicemente che ognuno può vestirsi come cavolo vuole, purché la faccia sia riconoscibile, non staremmo meglio tutti?


Quindi anche l'infibulazione va bene se lo faccio a mia figlia?

Sono per l'assoluto rispetto di tutti, ma non mi sogno nemmeno di dire che il velo è l'espressione di una cultura da difendere e espressione di una libera scelta, quello delle islamiche come quello delle suore.
In entrambi i casi il solo e unico significato è inferiorità della donna, sua particolare sottomissione a Dio, e scabrosità nell'esposizione del suo corpo, che purtroppo molte donne hanno introiettato.

Chi vuole lo indossi e si sottometta a questi simboli, ma mi auguro che la secolarizzazione spazzi via certi retaggi. La cosa più odiosa dei divieti è proprio quella di ostacolare questi processi inevitabili


Ultima modifica di lucetta10 il Gio Set 01, 2016 2:04 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 2:03 pm

Alevar8 ha scritto:
Che poi non diciamo fesserie io i docenti di irc bravi li ho trovati e non si cazzeggia come dici tu, si parla dellE religionI e della loro storia


E allora perché chiamarla Insegnamento della Religione Cattolica?
Questa st*** ta che si è diffusa ultimamente secondo cui anche alla scuola materna, dove si fanno DUE ORE di religione si farebbe storia delle religioni è veramente una bufala insopportabile.
Mi piace solo perché tradisce un disagio: la casa vacilla se c'è bisogno di camuffarsi
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6149
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 2:48 pm

lucetta10 ha scritto:

Sono per l'assoluto rispetto di tutti, ma non mi sogno nemmeno di dire che il velo è l'espressione di una cultura da difendere e espressione di una libera scelta, quello delle islamiche come quello delle suore.
In entrambi i casi il solo e unico significato è inferiorità della donna, sua particolare sottomissione a Dio, e scabrosità nell'esposizione del suo corpo, che purtroppo molte donne hanno introiettato.

Chi vuole lo indossi e si sottometta a questi simboli, ma mi auguro che la secolarizzazione spazzi via certi retaggi. La cosa più odiosa dei divieti è proprio quella di ostacolare questi processi inevitabili

Abbi pazienza, ma a me sembra parecchio arrogante la pretesa di sapere meglio dei diretti interessati che cosa rappresenta PER LORO un certo simbolo che loro conoscono bene e con cui hanno una lunga consuetudine sociale, mentre per noi è completamente estraneo e lo conosciamo solo da un punto di vista esterno. Poi, chiunque può dire tranquillamente che non gli piace o che non lo approva, ma la pretesa di leggere nel pensiero degli altri, o di non prendere sul serio la loro intelligenza e consapevolezza, è tutt'altro.

Io personalmente non sopporterei che qualcuno pontificasse su una mia decisione, una mia abitudine di vita o un mio comportamento, perché assume a priori che "non può essere vero che lo faccio per scelta", ma che devo per forza essere stata costretta da qualcun altro, e che qualunque perfetto sconosciuto lo sa sicuramente meglio di me. Il che vuol dire due cose: o si accusa la persona di mentire, senza prove, oppure la si descrive come una minorata mentale, che crede di aver fatto una cosa per scelta, ma è talmente deficiente che nemmeno si rende conto che è stata costretta, e deve spiegarglielo pazientemente qualcun altro perché da sola non ci arriva.

Mi sembra una forma di paternalismo spocchioso, tanto insidiosa quanto le discriminazioni arcaiche e tradizionali.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6149
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 3:02 pm

lucetta10 ha scritto:
Alevar8 ha scritto:
Che poi non diciamo fesserie io i docenti di irc bravi li ho trovati e non si cazzeggia come dici tu, si parla dellE religionI e della loro storia


E allora perché chiamarla Insegnamento della Religione Cattolica?

E soprattutto, se fosse davvero così, perché mai farla svolgere solo da personale di dichiarata fede cattolica, abilitato dalle curie vescovili e non da istituzioni pubbliche, e scelto per decisione arbitraria del vescovo e non per concorsi e graduatorie pubbliche, e tenuto a rappresentare esplicitamente il punto di vista confessionale della chiesa cattolica?

Se fosse davvero un corso di storia di tutte le religioni da un punto di vista culturale e non confessionale, potrebbe tranquillamente insegnarlo anche un musulmano, un buddista o un ateo, purché abbia una laurea in storia, in filosofia o in antropologia con indirizzo opportuno. Perché ci vuole per forza un cattolico, con l'approvazione personale del vescovo?

E' interessante, invece, l'obiezione di lucetta sul PERCHE' si sia diffusa a macchia d'olio questa bufala. O è davvero la chiesa cattolica ad agire deliberatamente per farlo credere, per arginare il progressivo calo di iscrizioni all'irc... oppure, un sacco di gente si è sinceramente convinta che sia così, proprio perché in quel corso si parla talmente POCO di religione cattolica, che gli alunni non si rendono nemmeno più conto di star seguendo un corso di religione cattolica!
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 3:05 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:

Sono per l'assoluto rispetto di tutti, ma non mi sogno nemmeno di dire che il velo è l'espressione di una cultura da difendere e espressione di una libera scelta, quello delle islamiche come quello delle suore.
In entrambi i casi il solo e unico significato è inferiorità della donna, sua particolare sottomissione a Dio, e scabrosità nell'esposizione del suo corpo, che purtroppo molte donne hanno introiettato.

Chi vuole lo indossi e si sottometta a questi simboli, ma mi auguro che la secolarizzazione spazzi via certi retaggi. La cosa più odiosa dei divieti è proprio quella di ostacolare questi processi inevitabili

Abbi pazienza, ma a me sembra parecchio arrogante la pretesa di sapere meglio dei diretti interessati che cosa rappresenta PER LORO un certo simbolo che loro conoscono bene e con cui hanno una lunga consuetudine sociale, mentre per noi è completamente estraneo e lo conosciamo solo da un punto di vista esterno. Poi, chiunque può dire tranquillamente che non gli piace o che non lo approva, ma la pretesa di leggere nel pensiero degli altri, o di non prendere sul serio la loro intelligenza e consapevolezza, è tutt'altro.

Io personalmente non sopporterei che qualcuno pontificasse su una mia decisione, una mia abitudine di vita o un mio comportamento, perché assume a priori che "non può essere vero che lo faccio per scelta", ma che devo per forza essere stata costretta da qualcun altro, e che qualunque perfetto sconosciuto lo sa sicuramente meglio di me.  Il che vuol dire due cose: o si accusa la persona di mentire, senza prove, oppure la si descrive come una minorata mentale, che crede di aver fatto una cosa per scelta, ma è talmente deficiente che nemmeno si rende conto che è stata costretta, e deve spiegarglielo pazientemente qualcun altro perché da sola non ci arriva.

Mi sembra una forma di paternalismo spocchioso, tanto insidiosa quanto le discriminazioni arcaiche e tradizionali.


quindi alla fine della fiera e dell'alto sdegno (faccio notare che anche chi vuole l'insegnamento della religione lo fa in nome di una difesa della propria tradizione), per le stesse va bene anche l'infibulazione? Perché ti faccio notare che molte don e infibulate difendono la scelta e sono proprio loro a difenderla per le figlie come libera scelta.
Peggio del paternalismo c'è il razzismo di difendere a prescindere le culture altrui, e il difendere nelle culture altrui aspetti che si censurano nella propria. Spiegami, perché non ci arrivo: qual è l'alto valore culturale del velo alla donna? Ci abbiamo costruito la storia delle donne sull'introiezione di una sottomissione!
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 3:25 pm

paniscus_2.0 ha scritto:

E' interessante, invece, l'obiezione di lucetta sul PERCHE' si sia diffusa a macchia d'olio questa bufala. O è davvero la chiesa cattolica ad agire deliberatamente per farlo credere, per arginare il progressivo calo di iscrizioni all'irc... oppure, un sacco di gente si è sinceramente convinta che sia così, proprio perché in quel corso si parla talmente POCO di religione cattolica, che gli alunni non si rendono nemmeno più conto di star seguendo un corso di religione cattolica!


Alle scuole superiori, forse.
Alla materna e alla primaria non c'è molta differenza con il catechismo, e di sicuro nessuno fa fare ai bambini i cartelloni per lo Yom kippur o il Ramadan
Tornare in alto Andare in basso
Ilariagala



Messaggi : 121
Data d'iscrizione : 11.09.15

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 3:48 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Alevar8 ha scritto:
Che poi non diciamo fesserie io i docenti di irc bravi li ho trovati e non si cazzeggia come dici tu, si parla dellE religionI e della loro storia


E allora perché chiamarla Insegnamento della Religione Cattofatto attca?

E soprattutto, se fosse davvero così, perché mai farla svolgere solo da personale di dichiarata fede cattolica, abilitato dalle curie vescovili e non da istituzioni pubbliche, e scelto per decisione arbitraria del vescovo e non per concorsi e graduatorie pubbliche, e  tenuto a rappresentare esplicitamente il punto di vista confessionale della chiesa cattolica?

Se fosse davvero un corso di storia di tutte le religioni da un punto di vista culturale e non confessionale, potrebbe tranquillamente insegnarlo anche un musulmano, un buddista o un ateo, purché abbia una laurea in storia, in filosofia o in antropologia con indirizzo opportuno. Perché ci vuole per forza un cattolico, con l'approvazione personale del vescovo?

Faccio notare anche un altro particolare: i costi che lo Stato deve affrontare per copprire le ore di attività alternativa per coloro che "non si avvalgono" dell'irc, e il lavoro aggiuntivo che comporta per chi deve incastrare anche questa attività nell'orario.
Tornare in alto Andare in basso
Alevar8



Messaggi : 180
Data d'iscrizione : 04.08.16
Località : Veneto, tra la terra e il cielo

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 4:14 pm

Infatti la renderei obbligatoria! Comunque è difficile portare avanti questa discussione credo di essere un credente contro mille atei e permettetemelo anche un po' di sinistra...ma non mollo!!!!!!
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 4:28 pm

Alevar8 ha scritto:
Infatti la renderei obbligatoria! Comunque è difficile portare avanti questa discussione credo di essere un credente contro mille atei e permettetemelo anche un po' di sinistra...ma non mollo!!!!!!


E chi ti dice che sia atea?
Un credente deve necessariamente imporre la propria religione obbligatoria a scuola per i non credenti?
Tornare in alto Andare in basso
Alevar8



Messaggi : 180
Data d'iscrizione : 04.08.16
Località : Veneto, tra la terra e il cielo

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 4:37 pm

Ma nemmeno volerla eliminare anche per i credenti!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6149
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 4:41 pm

lucetta10 ha scritto:

quindi alla fine della fiera e dell'alto sdegno (faccio notare che anche chi vuole l'insegnamento della religione lo fa in nome di una difesa della propria tradizione), per le stesse va bene anche l'infibulazione?

Il paragone con l'infibulazione ce l'hai messo tu, e non c'entra niente.

Mi sembra che sia completamente privo di senso, il mettere sullo stesso piano una grave mutilazione fisica permanente, oltretutto imposta nell'infanzia, con il diritto di una persona adulta a vestirsi come si vuole (nei limiti della decenza minima, dell'igiene e della riconoscibilità della faccia, ossia di leggi generali che esistono già), o comunque a dover rendere conto a qualcun altro del perché lo fa.

Ti ricordo che si stava parlando di donne adulte, che se ne stavano pacificamente in spiaggia per i fatti propri senza dare fastidio a nessuno, e senza criticare l'abbigliamento (molto più succinto) delle altre... e che si sono trovate davanti un agente delle forze armate che, in nome di non si sa quale norma, ha ordinato loro di TOGLIERSI una parte dei vestiti che avevano addosso, perché il fatto di essere "troppo" coperte offenderebbe il pubblico decoro, quando invece non esiste nessuna legge che regolamenti il come si debba essere vestite in spiaggia, e chiunque altro è libero di coprirsi o scoprirsi come gli pare!!!!

Ma ti rendi conto di cosa si sta parlando?

Ma sul serio, se tu fossi nei panni di un agente di polizia o vigile urbano, lo troveresti dignitoso e civile, il lavoro di andare a minacciare una sfigata che non ha fatto niente di male a nessuno, intimando: "togliti i vestiti e abbi il coraggio di mostrare le cosce come tutte le altre, svergognata!". Non so tu, ma io veramente mi vergognerei di brutto, ma di brutto!

Non so, immagina che ti fermino per strada mentre vai al lavoro o vai fare la spesa e vengano a chiederti con arroganza di toglierti il cappuccio per la pioggia, o di toglierti gli orecchini, in base al principio che "lo facciamo per il tuo bene, perché sicuramente non sei libera di portarli ma sei stata costretta"! Ti inq*zzeresti come una iena, e denunceresti la violazione dei tuoi diritti personali, o no?
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 663
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 4:46 pm

"Ma se si facesse che ognuno puo' vestirsi come cavolo vuole...."

Cioe' come vogliono il padre, il marito, l' imam?

Va bene, d' altra parte in Italia non esistono leggi che proibiscano il velo.

Quanto tempo passera' prima che nelle nostre strade branchi  di barbuti fermino  le donne in minigonna ,  esortandole  ad avere un abbigliamento e un contegno piu' "modesto", secondo i dettami del profeta?Non oso pensare al passo successivo
Gia' qualcosa del genere sta succedendo altrove ( tipo Wuppertal)
La recrudescenza islamista  non e' affatto un "retaggio", ma un fenomeno tanto moderno  quanto.micidiale.Lasciamoli stare  i latrati leghisti sulla tradizione cattolica, su "casa nostra -casa loro" o " moschea a Torino si'-chiesa a  Ryad no"..Tutte corbellerie per i gonzi, pero' la faccenda e' brutta assai.
Cio'che qualcuno chiama "spocchioso paternalismo" qualcun altro potrebbe chiamarlo universalismo, quello che abbiamo studiato a scuola e che attualmente pare un po' ribasso, essendo la borghesia sempre pronta a gettare nel fango la bandiera deile " liberta" democratiche".Ebbene si', essendo vintage mi ostino ad usare il termine " borghesia".


Ultima modifica di balanzoneXXI il Gio Set 01, 2016 5:08 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6149
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 4:46 pm

Ilariagala ha scritto:

Faccio notare anche un altro particolare: i costi che lo Stato deve affrontare per copprire le ore di attività alternativa per coloro che "non si avvalgono" dell'irc, e il lavoro aggiuntivo che comporta per chi deve incastrare anche questa attività nell'orario.

Non capisco perché mai i costi dell'attività alternativa dovrebbero essere considerati uno spreco inutile, mentre quelli dell'IRC invece no.

L'attività alternativa esiste solo per mettere una pezza sul fatto INACCETTABILE che esista l'ora di religione cattolica nelle modalità in cui è organizzata adesso, e per limitare (in misura minima indispensabile) i danni della plateale discriminazione che questa rappresenta.

Basterebbe abolire l'ora di religione cattolica, e non ci sarebbe più nessun bisogno nemmeno dell'attività alternativa, quindi si risparmierebbe doppiamente su entrambe.

Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6149
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 5:02 pm

Alevar8 ha scritto:
Ma nemmeno volerla eliminare anche per i credenti!

Ma i credenti non hanno la più ampia possibilità di praticare la propria religione e di approfondire la conoscenza della propria religione nelle chiese, negli oratori, nei corsi di catechismo e nelle associazioni cattoliche?

Non mi sembra che in Italia ci sia penuria di parrocchie o di organizzazioni religiose!

Che bisogno hanno che ci pensi ANCHE la scuola statale?


Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 663
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 5:06 pm

Mi sa che la Fiorentina vincera' il suo terzo scudetto prima che l' irc venga abolita.Roba da calende greche.E' piu' facile che l' ora di religione venga di nuovo resa obbligatoria, salvo esonero.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Politici, allarmismi e grado di istruzione..   Gio Set 01, 2016 5:24 pm

Alevar8 ha scritto:
La tradizione italiana è cattolica questo è innegabile.
La tradizione italiana ed ancor più europea è laica; da oltre 150  anni, ovvero da quando il papa è stato preso a calci nel culo.

Oserei dire che la tradizione è laica da quando il papa ha smesso di annunciare crociate perchè pochi erano così scemi da parteciparvi.

Forse intendevi dire che la tradizione non è mussulmana, non è ebraica, non è atea e non è induista o altro, su questo ti do ragione; gli italiani se ne fottono di tutto, anche della religione, e questo è l'essenza del laicismo.
Tornare in alto Andare in basso
 
Politici, allarmismi e grado di istruzione..
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» Sentenza civile di 1°grado definitiva e inappellabile
» RIATTIVAZIONE CASELLA POSTA @ISTRUZIONE.IT
» diploma di II grado congiunto?
» Sono tutti corrotti perchè i politici sono corrotti e fanno leggi per tutelare i corrotti!
» NUMERO EMBRIONI CRIOCONSERVATI

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: