Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 L'anno prossimo chi potrà chiedere il trasferimento?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3
AutoreMessaggio
debbie_m



Messaggi : 136
Data d'iscrizione : 02.03.13

MessaggioOggetto: L'anno prossimo chi potrà chiedere il trasferimento?    Mar Set 06, 2016 8:40 pm

Promemoria primo messaggio :

Mi stavo chiedendo chi potrà chiedere il trasferimento l'anno prossimo. Chi è titolare su scuola potrà farlo, o c'è qualche vincolo se ha appena avuto la sede definitiva?
Chi invece è stato assegnato a un ambito, dovrà aspettare 3 anni. Ma i 3 anni riguardano l'ambito oppure anche la scuola? Ossia, sono permessi movimenti all'interno dello stesso ambito in questi 3 anni?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
miky73



Messaggi : 180
Data d'iscrizione : 19.08.16

MessaggioOggetto: Re: L'anno prossimo chi potrà chiedere il trasferimento?    Gio Set 08, 2016 11:02 am

royalstefano ha scritto:
miky73 ha scritto:
gugu ha scritto:
miky73 ha scritto:
Aggiungiamo anche che il problema ambito è diverso per chi vive in regioni con pochi ambiti e chi nelle città metropolitane, a Roma infatti con le decine di ambiti che ci sono, il nuovo sistema porta più vantaggi che svantaggi, anche volendola vedere negativamente a tutti i costi è invariante. Certo se fossi in una regione con 3-4 ambiti e scuole molto distanti tra loro sarebbe altra storia, vedi l'Abruzzo.


Ma guarda, ti ripeto, tu scrivi così perché ti è capitato il liceo.
Se ti fosse capitato il peggior professionale del tuo ambito ora saresti qui a chiedere come cambiare scuola il prossimo anno.

no no e te l'ho scritto diverse volte e tu non mi credi non so che farti. Scrivo così dopo aver analizzato la normativa. Non sono avvocato, ne un profondo conoscitore della normativa della scuola, ma ho una seconda laurea in scienze politiche ed un po' di esperienza di codici amministrativi ne ho, anni or sono lavorai un anno alla semplificazione normativa, ovviamente siccome precario è bello in questa formula hehe : )

Ho fatto domanda di AP perché voglio una scuola sotto casa e molto probabilmente a Roma non avrò problemi ad ottenerla. Non sono stato soddisfatto nella mia prima scelta e questo non mi rende felice, con il traffico un'ora di auto o un'ora e mezza di mezzi  x 2 non è "una vita da sogno". Quindi se potessi fare domanda di mobilità l'anno prossimo certamente la farei. Spero che sia così, spero che anche violando la normativa facciano un accordo sindacale senza modificare la legge o che modifichino la legge.
Poi vista la situazione generale sono stato fortunato e sono rimasto nella mia città, non sono cieco. Il Liceo l'ho avuto, ma anche li è una seconda scelta, la prima era una scuola professionale più vicina, circa 20 minuti in meno di strada, ma che sfortunatamente non ha pubblicato alcuna selezione.
Altra stortura della legge, colleghi non selezionati che per sola fortuna magari si ritrovano la scuola "migliore" per loro. Io ho dovuto accettare la proposta per non rischiare l'istituto con sede distaccata sulla luna!
Da un punto di vista prettamente d'impegno il liceo richiede molto più sforzo rispetto un professionale o un alberghiero e non è detto che tutti asprino a questo sforzo. c'è anche chi preferisce situazioni differenti, ho più di un collega che non verrebbero al liceo neanche legati! ; )
Il meccanismo è una schifezza da qualsiasi parte lo si guardi, vedi il post di Carla, è esattamente la realtà di quanto sta accadendo ed accadrà.
Allora si vede hai bazzicato in professionali decenti. Ne ricordo uno in cui l'obiettivo principale era non farli saltare via dalla finestra 2/3 piano.

La mia risposta è relativa all'affermazione che il "liceo è meglio" e su questo c'è molto da dire, non è una verità e dipende tanto dal contesto della zona dove è posizionata la scuola e dalle preferenze professionali personali. Per me non c'è veramente differenza, in dieci anni mi sono trovato bene ovunque ed in ogni tipo di scuola. Ora come ora l'unica differenza fondamentale per me e dico per me è la vicinanza del lavoro alla mia abitazione. Altri avranno altri parametri e desideri, conoscodocenti che per andare in scuole di livello si taglierebbero le mani ed altri che fanno l'opposto per evitare le scuole di livello. Preferiscono istituti ove i genitori sono quasi assenti o almeno molto meno presenti e con standard molto bassi.
Pertanto generalizzare è impossibile su questo tema, meglio è meglio quello che uno desidera.
Tornare in alto Andare in basso
carla75

avatar

Messaggi : 4531
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: L'anno prossimo chi potrà chiedere il trasferimento?    Gio Set 08, 2016 7:20 pm

se si potrà cambiare ambito allora credo che si potrà cambiare anche scuola. speriamo: non vorrei che qualcuno mi picchiasse.... sono capitata in una scuola a 10 min da casa (senza fare nemmeno il colloquio... ), un tecnico con classi belline, ma mi manca tanto l'alberghiero dove ho lavorato per 5 anni...:-(
Tornare in alto Andare in basso
 
L'anno prossimo chi potrà chiedere il trasferimento?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3
 Argomenti simili
-
» tanti auguri di buon anno a tutte
» Il primo dell anno in ps....
» considerazioni di fine anno
» Storia della Terra in un anno: l'insignificanza dell'uomo
» adesso come posso avere fiducia nel prossimo tentativo(se mai ci sarà)?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Mobilità, utilizzazioni, assegnazioni provvisorie, graduatoria interna istituto-
Andare verso: