Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Potenziamento e ore a disposizione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
AutoreMessaggio
Alexandrine



Messaggi : 1
Data d'iscrizione : 13.09.16

MessaggioOggetto: Potenziamento e ore a disposizione   Mar Set 13, 2016 7:36 pm

Promemoria primo messaggio :

Cari colleghi,
il DS in base alla L. 107 può farmi fare un tot numero di ore *a disposizione* (NON potenziamento!) a discrezionalità sua?

Mi spiego meglio: pur non essendoci contrazione oraria, e quindi necessità di completare le ore effettive con ore a disposizione, si può legittimamente formare una cattedra del genere in base alla legislazione vigente?
L'alternativa non è solo classi/potenziamento? O è anche classi/potenziamento/disposizione-tappabuchi?

Grazie in anticipo a chi saprà aiutarmi.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
giobbe



Messaggi : 3569
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Gio Set 15, 2016 10:39 pm

serpina ha scritto:
@ Giobbe: per quel che puó importare sono in ruolo ante 2014 e non parlo pro domo mea. Sono titolare su scuola ed ho alcune ore di potenziamento, come molti miei colleghi. Nella 107 non trovo nulla che autorizzi a credere che il potenziamento dell'offerta formativa debba essere solo a carico dei neoassunti che peraltro hanno il mio stesso contratto.
infatti sono docenti come te ed hanno lo stesso contratto. Ma sono docenti entrati sul potenziamento, come gli altri docenti entrano sul sostegno. Le ore curriculari e le relative cattedre sono di pertinenza del Miur, a livello nazionale. Il potenziamento e conseguenza del PTOF delle singole scuole ed ha durata triennale, quindi ha vita effimera. Quando in una scuola mancherà un posto di potenziamento dovrebbe rimanere in soprannumero chi è entrato nella scuola grazie al potenziamento.
Sono del l'avviso che giuridicamente parlando ho i miei buoni motivi.







Tornare in alto Andare in basso
MWM



Messaggi : 435
Data d'iscrizione : 30.07.15

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Ven Set 16, 2016 7:50 am

Il problema si genera perché la l. 107/2015 parla di "posti" comuni e di potenziamento, mentre le note del MIUR fanno riferimento alle "ore" curricolari e di potenziamento, con cattedre (di fatto equivalenti a "posti") di 18 ore che possono essere dunque formate in vario modo: esclusivamente di ore curricolari (posto comune), esclusivamente di ore di potenziamento (posto di potenziamento) o miste (fattispecie non esplicitamente contemplata, ma nemmeno esclusa, dalla legge). La dotazione organica indica quanti "posti" ha a disposizione l'istituto, ovvero quanti docenti, quante ore curricurali e quante ore di potenziamento. Il DS poi decide che tipo di cattedre formare con quelle ore e come assegnarle ai docenti. Prima che il DS decida come formarle ed assegnare (secondo la procedura canonica) nessun docente ha concretamente una cattedra e dunque non può "cedere" ore. Dopo che il DS ha costruito e assegnato le cattedre i docenti comunque non possono "cedere" ore, perché non sono nella loro disponibilità (non lo sono mai). Quindi, l'idea stessa che un docente si trovi mai nella condizione di poter "cedere" o meno le ore che gli sono state assegnate è priva di senso.

Più in generale, il problema nasce - almeno nella mia esperienza - dalla mancanza di una programmazione che usi efficacemente le risorse a disposizione e da una certa passività (in parte fisiologica) delle dirigenze di fronte al nuovo assetto introdotto in modo piuttosto brusco dalla l. 107/2015.
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 3569
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Ven Set 16, 2016 11:56 am

MWM ha scritto:
Il problema si genera perché la l. 107/2015 parla di "posti" comuni e di potenziamento, mentre le note del MIUR fanno riferimento alle "ore" curricolari e di potenziamento, con cattedre (di fatto equivalenti a "posti") di 18 ore che possono essere dunque formate in vario modo: esclusivamente di ore curricolari (posto comune), esclusivamente di ore di potenziamento (posto di potenziamento) o miste (fattispecie non esplicitamente contemplata, ma nemmeno esclusa, dalla legge).
Il refrain che si ripete sia nella legge 107 che nelle varie note del MIUR è proprio questa distinzione tra curriculare, potenziamento e sostegno. Come tu dici non è scritto da nessuno parte che si possono costituire cattedre miste, né sta scritto da nessuna parte che non si possono creare.
Il tutto è relegato, quindi, all'interpretazione "personale" più o meno suffragata da principi giuridici.
Faccio l'esempio di un insegnante curriculare titolare in una scuola da 10 anni. Grazie al PTOF a quella scuola viene assegnato un docente di potenziamento della stessa classe di concorso del docente titolare. Il PTOF ha un suo progetto di durata triennale ed è per far fronte a quel progetto che viene nominato l'insegnante di potenziamento. Dopo tre anni, se il progetto non viene ripresentato e/o approvato dall'USP di competenza, chi risulterà soprannumerario in quella scuola?
Giuridicamengte parlando dovrebbe risultare suprannumerario il docente nominato sul potenziamento (PTOF) e non già il docente già titolare nella scuola sul curriculare.
Allo stesso modo una volta richiesto un docente per far fronte al PTOF non si può dirottare questi dove meglio si crede...a meno che, all'origine, il PTOF già si prevedeva la redistribuzione delle ore tra docenti curriculari e quelli di potenziamento. Questo tenendo presente che il PTOF, come specificato nel punto 4 del comma 14 della legge 107/2015, viene elaborato dal collegio dei docenti, sulla base  degli indirizzi per le attività della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione definiti dal dirigente  scolastico, e che l’approvazione del Ptof spetta al consiglio d’istituto.
Il problema nasce dal fatto che le immissioni in ruolo sono state fatte senza specificare il tipo di posto. Secondo me non perché non c'era una diferenza ma per la ristrettezza dei tempi per poterla fare.
Se ben ricordi, quando uscirono gli organici, tutti si lamentavano perché non si conoscevano quali erano i posti di potenziamento e quali quelli curriculari. Questa mancata distinzione sta portando tutti sulla logica del siamo tutti uguali.
Siamo tutti uguali, si, nel senso che siamo tutti docenti e abbiamo tutti gli stessi doveri e gli stessi diritti. Ma, come la vedo io, ognuno nel suo ruolo di competenza: docenti di potenziamento, docenti curriculari e docenti di sostegno.
Tornare in alto Andare in basso
serpina



Messaggi : 504
Data d'iscrizione : 21.02.13

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Ven Set 16, 2016 12:50 pm


personalmente credo che la direzione che la scuola sta prendendo sia quella di annullare la distinzione tra curricolare e potenziamento, come anche quella di titolarità su scuola e su ambito (nel senso che passeremo tutti nel giro di qualche anno alla titolarità su ambito). quindi non credo che la presunta confusione tra posti di potenziamento e curricolari sia tale.
detto questo il potenziamento è evidentemente un'altra cosa rispetto al sostegno (che richiede una specializzazione ed è specificamente normato): è uno strumento dato alla scuola, ovvero al collegio dei docenti, affinchè possa sviluppare dei progetti autonomamente, in base alla proprie esigenze e preferenze. non è che le competenze per far questo le abbiano i docenti "potenziati" più di quelli curricolari (che poi sono quelli che hanno elaborato il ptof e scelto i progetti), e non vedo quindi perchè questa dimensione progettuale dovrebbe essere affidata solo ed esclusivamente a docenti di nuova nomina anzichè a chi conosce la scuola da anni e ha -magari- voglia di spendersi -come spesso faceva già prima ma magari senza quello sgravio orario, totale o parziale, che adesso è possibile avere.
(la preoccupazione circa le precedenze in caso di soprannumerarietà è legittima e su questo si attende ancora un chiarimento).
Tornare in alto Andare in basso
MWM



Messaggi : 435
Data d'iscrizione : 30.07.15

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Ven Set 16, 2016 2:58 pm

giobbe ha scritto:
Il refrain che si ripete sia nella legge 107 che nelle varie note del MIUR è proprio questa distinzione tra curriculare, potenziamento e sostegno. Come tu dici non è scritto da nessuno parte che si possono costituire cattedre miste, né sta scritto da nessuna parte che non si possono creare.
Il tutto è relegato, quindi, all'interpretazione "personale" più o meno suffragata da principi giuridici.
Faccio l'esempio di un insegnante curriculare titolare in una scuola da 10 anni. Grazie al PTOF a quella scuola viene assegnato un docente di potenziamento della stessa classe di concorso del docente titolare. Il PTOF ha un suo progetto di durata triennale ed è per far fronte a quel progetto che viene nominato l'insegnante di potenziamento. Dopo tre anni, se il progetto non viene ripresentato e/o approvato dall'USP di competenza, chi risulterà soprannumerario in quella scuola?
Giuridicamengte parlando dovrebbe risultare suprannumerario il docente nominato sul potenziamento (PTOF) e non già il docente già titolare nella scuola sul curriculare.
Allo stesso modo una volta richiesto un docente per far fronte al PTOF non si può dirottare questi dove meglio si crede...a meno che, all'origine, il PTOF già si prevedeva la redistribuzione delle ore tra docenti curriculari e quelli di potenziamento. Questo tenendo presente che il PTOF, come specificato nel punto 4 del comma 14 della legge 107/2015, viene elaborato dal collegio dei docenti, sulla base  degli indirizzi per le attività della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione definiti dal dirigente  scolastico, e che l’approvazione del Ptof spetta al consiglio d’istituto.
Il problema nasce dal fatto che le immissioni in ruolo sono state fatte senza specificare il tipo di posto. Secondo me non perché non c'era una diferenza ma per la ristrettezza dei tempi per poterla fare.
Se ben ricordi, quando uscirono gli organici, tutti si lamentavano perché non si conoscevano quali erano i posti di potenziamento e quali quelli curriculari. Questa mancata distinzione sta portando tutti sulla logica del siamo tutti uguali.
Siamo tutti uguali, si, nel senso che siamo tutti docenti e abbiamo tutti gli stessi doveri e gli stessi diritti. Ma, come la vedo io, ognuno nel suo ruolo di competenza: docenti di potenziamento, docenti curriculari e docenti di sostegno.

Nell'ipotesi ideale che i docenti vengano assegnati agli istituti in base alle effettive richieste (sappiamo che non è così, ma il tuo ragionamento mi sembra si ponga in questa prospettiva), si potrebbe forse meglio dire che "è per far fronte al progetto triennale contenuto nel PTOF che viene assegnato un nuovo docente di una determinata cdc" senza che ciò implichi che sarà il nuovo docente a doversi occupare di quel progetto. In effetti, magari sarà uno dei vecchi docenti che l'hanno progettato a volersene occupare in modo prioritario oppure il progetto può prevedere che se ne occupino in modo eguale tutti i docenti di una certa cdc. Insomma, l'identificazione tra nuovo docente e docente di potenziamento mi pare del tutto spuria.

Come ho appena accennato, un'altra ragione per cui si presenta il problema è che o gli istituti non hanno previsto progetti di potenziamento specifici oppure i docenti che sono stati assegnati agli istituti non hanno le competenze disciplinari per portarli avanti (hanno abilitazioni su cdc diverse da quelle richieste). È chiaro che in questi casi il DS si trova di fronte un nuovo docente, di fatto non richiesto, a cui non si sa bene cos'altro far fare se non le sostituzioni. In questi casi sta anche al nuovo docente essere propositivo e cercare di far approvare al CD un nuovo progetto che lo veda coinvolto (per tutte o per parte delle sue ore) da inserire nel PTOF.

Quel che accade in caso di cessazione del progetto ed eventuale conseguente soprannumerarietà mi pare poi questione ulteriore, che evidentemente dovrà trovare una soluzione normativa adeguata che attualmente non c'è. Si noti tuttavia che la cessazione di un progetto non porta necessariamente alla suprannumerarietà perché il progetto cessato potrà essere sostitutivo da un progetto che prevede l'impiego per 18 ore di docenti della stessa cdc rispetto a quanto prevedeva il progetto cessato.
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 3569
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Ven Set 16, 2016 3:38 pm

MWM ha scritto:
giobbe ha scritto:
Il refrain che si ripete sia nella legge 107 che nelle varie note del MIUR è proprio questa distinzione tra curriculare, potenziamento e sostegno. Come tu dici non è scritto da nessuno parte che si possono costituire cattedre miste, né sta scritto da nessuna parte che non si possono creare.
Il tutto è relegato, quindi, all'interpretazione "personale" più o meno suffragata da principi giuridici.
Faccio l'esempio di un insegnante curriculare titolare in una scuola da 10 anni. Grazie al PTOF a quella scuola viene assegnato un docente di potenziamento della stessa classe di concorso del docente titolare. Il PTOF ha un suo progetto di durata triennale ed è per far fronte a quel progetto che viene nominato l'insegnante di potenziamento. Dopo tre anni, se il progetto non viene ripresentato e/o approvato dall'USP di competenza, chi risulterà soprannumerario in quella scuola?
Giuridicamengte parlando dovrebbe risultare suprannumerario il docente nominato sul potenziamento (PTOF) e non già il docente già titolare nella scuola sul curriculare.
Allo stesso modo una volta richiesto un docente per far fronte al PTOF non si può dirottare questi dove meglio si crede...a meno che, all'origine, il PTOF già si prevedeva la redistribuzione delle ore tra docenti curriculari e quelli di potenziamento. Questo tenendo presente che il PTOF, come specificato nel punto 4 del comma 14 della legge 107/2015, viene elaborato dal collegio dei docenti, sulla base  degli indirizzi per le attività della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione definiti dal dirigente  scolastico, e che l’approvazione del Ptof spetta al consiglio d’istituto.
Il problema nasce dal fatto che le immissioni in ruolo sono state fatte senza specificare il tipo di posto. Secondo me non perché non c'era una diferenza ma per la ristrettezza dei tempi per poterla fare.
Se ben ricordi, quando uscirono gli organici, tutti si lamentavano perché non si conoscevano quali erano i posti di potenziamento e quali quelli curriculari. Questa mancata distinzione sta portando tutti sulla logica del siamo tutti uguali.
Siamo tutti uguali, si, nel senso che siamo tutti docenti e abbiamo tutti gli stessi doveri e gli stessi diritti. Ma, come la vedo io, ognuno nel suo ruolo di competenza: docenti di potenziamento, docenti curriculari e docenti di sostegno.

Nell'ipotesi ideale che i docenti vengano assegnati agli istituti in base alle effettive richieste (sappiamo che non è così, ma il tuo ragionamento mi sembra si ponga in questa prospettiva), si potrebbe forse meglio dire che "è per far fronte al progetto triennale contenuto nel PTOF che viene assegnato un nuovo docente di una determinata cdc" senza che ciò implichi che sarà il nuovo docente a doversi occupare di quel progetto. In effetti, magari sarà uno dei vecchi docenti che l'hanno progettato a volersene occupare in modo prioritario oppure il progetto può prevedere che se ne occupino in modo eguale tutti i docenti di una certa cdc. Insomma, l'identificazione tra nuovo docente e docente di potenziamento mi pare del tutto spuria.

Quel che accade in caso di cessazione del progetto ed eventuale conseguente soprannumerarietà mi pare poi questione ulteriore, che evidentemente dovrà trovare una soluzione normativa adeguata che attualmente non c'è. Si noti tuttavia che la cessazione di un progetto non porta necessariamente alla suprannumerarietà perché il progetto cessato potrà essere sostitutivo da un progetto che prevede l'impiego per 18 ore di docenti della stessa cdc rispetto a quanto prevedeva il progetto cessato.
Perfetto, hai capito esattamente le mie osservazioni, che riassumo:
1. Il docente nominato in una scuola in base al PTOF ha in quella scuola un incarico triennale, rinnovabile ogni tre anni (questa è una posizione giuridica DIFFERENTE rispetto ai titolari).
2. Gli OO.CC. possono stabilire di ripartire le ore del PTOF tra i docenti già titolari nella scuola e docenti assunti grazie al PTOF (io avrei preferito con l'assenso dei titolari sul curriculare).
3. In caso di contrazione di ore nella stessa scuola, e quindi in caso di soprannumerarietà, gli assunti sul PTOF precedono i titolari della scuola.

Il punto 3 è già stato considerato dallo stesso MIUR,  che con la nota n. 11729 del 29 aprile 2016, ha trasmesso lo schema di decreto interministeriale relativo alle dotazioni organiche del personale docente per il triennio 2016-19, dove stabilisce che i posti di potenziamento devono essere coperti prima dai sovrannumerari.
Leggendo le varie note ministeriali è chiara la distinzione tra posti comuni e posti di potenziamento. E non potrebbe essere diversamente visto che i posti comuni sono soggetti ad una normativa diversa dai posti di potenziamento.
Il dire che tali posti (comune, potenziamento e sostegno) fanno parte dell'organico dell'autonomia non vuol dire che essi si fondono. Ergo: in caso di soprannumerarietà nella scuola il docente titolare ha ben diritto di reclamare a sé le ore di potenziamento per conservare la titolarità nella scuola. Altrimenti il paradosso è evidente: un docente entrato su un progetto triennale farebbbe fuori un docente già titolare sulla scuola.

La lettura di questo link chiarisce meglio le idee.
http://www.orizzontescuola.it/organici-potenziamento-201617-si-rispetteranno-richieste-delle-scuole-garantendo-potenziamento/

P.S. La confusione creata dalla 107, entrata in vigore in fretta e furia, sta generando una serie di note chiarificatrici il cui unico effetto è quello di creare ulteriore confusione.
Tornare in alto Andare in basso
bimbumbam



Messaggi : 273
Data d'iscrizione : 28.12.10

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Ven Set 16, 2016 4:21 pm

serpina ha scritto:

personalmente credo che la direzione che la scuola sta prendendo sia quella di annullare la distinzione tra curricolare e potenziamento, come anche quella di titolarità su scuola e su ambito (nel senso che passeremo tutti nel giro di qualche anno alla titolarità su ambito). quindi non credo che la presunta confusione tra posti di potenziamento e curricolari sia tale.
detto questo il potenziamento è evidentemente un'altra cosa rispetto al sostegno (che richiede una specializzazione ed è specificamente normato): è uno strumento dato alla scuola, ovvero al collegio dei docenti, affinchè possa sviluppare dei progetti autonomamente, in base alla proprie esigenze e preferenze. non è che le competenze per far questo le abbiano i docenti "potenziati" più di quelli curricolari (che poi sono quelli che hanno elaborato il ptof e scelto i progetti), e non vedo quindi perchè questa dimensione progettuale dovrebbe essere affidata solo ed esclusivamente a docenti di nuova nomina anzichè a chi conosce la scuola da anni e ha -magari- voglia di spendersi -come spesso faceva già prima ma magari senza quello sgravio orario, totale o parziale, che adesso è possibile avere.
(la preoccupazione circa le precedenze in caso di soprannumerarietà è legittima e su questo si attende ancora un chiarimento).
Io condivido ogni tua parola. Infatti il mio ds ha deciso di fare due cattedre "miste" con la collega che insegna la mia stessa materia (dando a me alcune classi). Vorrei far notare che spesso si associa "potenziamento" e docenti entrati in ruolo nell'ultimo anno; io invece sono di ruolo ante 107 e non sono stata assegnata su ambito ma sono titolare nella scuola al pari della collega. Inoltre nella domanda di mobilità non era scritto da nessuna parte che si potesse optare per un posto "tradizionale" o di "potenziamento" semplicemente perchè non c'è nessuna distinzione giuridica. Ora mi chiedo: se dovevo essere considerata di "altra serie", ma che mi sono trasferita a fare? Potevano almeno dirmi "ciccia, guarda che se accetti la sede X nel tuo comune di ricongiungimento ti diamo un posto di potenziamento, accetti o preferisci restare con la cattedra spezzatino a rischio di perdere il posto ma sapendo che avrai 4 scuole in cui sarai considerata "tradizionale"...di serie A?" No questo l'usp non l'ha mica fatto! Poi dalle varie discussioni sul forum mi sembra che si stiano giudicando alcuni docenti approdati sul potenziamento come me, al pari di ladroni che stanno "rubando" ore ai "tradizionali-curricolari-veterani". Non potrebbe essere invece che si stia cercando di cucire una nuova professionalità al docente, valorizzando la progettualità e le competenze, forse anche "mettendo in gioco" i docenti, per stimolarli anche creando situazioni di collaborazione e confronto? Io mi sto indubbiamente svegliando da un certo sonno di "rilassatezza" dovuto al "tanto ormai sono di ruolo e faccio il minimo indispensabile".. Se i dirigenti sono intelligenti fanno buon uso delle loro risorse.
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 3569
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Ven Set 16, 2016 7:51 pm

bimbumbam ha scritto:
serpina ha scritto:

personalmente credo che la direzione che la scuola sta prendendo sia quella di annullare la distinzione tra curricolare e potenziamento, come anche quella di titolarità su scuola e su ambito (nel senso che passeremo tutti nel giro di qualche anno alla titolarità su ambito). quindi non credo che la presunta confusione tra posti di potenziamento e curricolari sia tale.
detto questo il potenziamento è evidentemente un'altra cosa rispetto al sostegno (che richiede una specializzazione ed è specificamente normato): è uno strumento dato alla scuola, ovvero al collegio dei docenti, affinchè possa sviluppare dei progetti autonomamente, in base alla proprie esigenze e preferenze. non è che le competenze per far questo le abbiano i docenti "potenziati" più di quelli curricolari (che poi sono quelli che hanno elaborato il ptof e scelto i progetti), e non vedo quindi perchè questa dimensione progettuale dovrebbe essere affidata solo ed esclusivamente a docenti di nuova nomina anzichè a chi conosce la scuola da anni e ha -magari- voglia di spendersi -come spesso faceva già prima ma magari senza quello sgravio orario, totale o parziale, che adesso è possibile avere.
(la preoccupazione circa le precedenze in caso di soprannumerarietà è legittima e su questo si attende ancora un chiarimento).
Io condivido ogni tua parola. Infatti il mio ds ha deciso di fare due cattedre "miste" con la collega che insegna la mia stessa materia (dando a me alcune classi). Vorrei far notare che spesso si associa "potenziamento" e docenti  entrati in ruolo nell'ultimo anno; io invece sono di ruolo ante 107 e non sono stata assegnata su ambito ma sono titolare nella scuola al pari della collega. Inoltre nella domanda di mobilità non era scritto da nessuna parte che si potesse optare per un posto "tradizionale" o di "potenziamento" semplicemente perchè  non c'è nessuna distinzione giuridica. Ora mi chiedo: se dovevo essere considerata di "altra serie", ma che mi sono trasferita a fare? Potevano almeno dirmi "ciccia, guarda che se accetti la sede X nel tuo comune di ricongiungimento ti diamo un posto di potenziamento, accetti o preferisci restare con la cattedra spezzatino a rischio di perdere il posto ma sapendo che avrai 4 scuole in cui sarai considerata "tradizionale"...di serie A?" No questo l'usp non l'ha mica fatto! Poi dalle varie discussioni sul forum mi sembra che si stiano giudicando alcuni docenti approdati sul potenziamento come me, al pari di ladroni che stanno "rubando" ore ai "tradizionali-curricolari-veterani".  Non potrebbe essere invece che si stia cercando di cucire una nuova professionalità al docente, valorizzando la progettualità e le competenze, forse anche "mettendo in gioco" i docenti, per stimolarli anche creando situazioni di collaborazione e confronto? Io mi sto indubbiamente svegliando da un certo sonno di "rilassatezza" dovuto al "tanto ormai sono di ruolo e faccio il minimo indispensabile".. Se i dirigenti sono intelligenti fanno buon uso delle loro risorse.
Se condividi ogni parola di serpina vuol dire che condividi anche il fatto che in caso di soprannumerarieta' il primo a perdere il posto dovrebbe essere quello arrivato a scuola grazie al PTOF...
Per il resto mi pare che l'aspetto giuridico da me prospettato non lo consideri proprio, almeno per il momento perché la cosa, ORA, ti va bene così...
Tornare in alto Andare in basso
bimbumbam



Messaggi : 273
Data d'iscrizione : 28.12.10

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Ven Set 16, 2016 8:25 pm

Ma scusa Giobbe, come fa tra tre anni il ds a decidere il sovrannumero? Dovrebbe eliminare la mia materia (impossibile), oppure la scuola dovrebbe estinguersi (impossibile). Oppure non ho colto qualcosa?
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 3569
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Ven Set 16, 2016 9:42 pm

bimbumbam ha scritto:
Ma scusa Giobbe, come fa tra tre anni il ds a decidere il sovrannumero? Dovrebbe eliminare la mia materia (impossibile), oppure la scuola dovrebbe estinguersi (impossibile). Oppure non ho colto qualcosa?
Diciamo che tra tre anni si perde una cattedra nella scuola primaria. Tra un docente già titolare in quella scuola è uno arrivato quest'anno sul PTOF chi diventa soprannumerario?
Tornare in alto Andare in basso
bog



Messaggi : 1708
Data d'iscrizione : 26.02.15

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Sab Set 17, 2016 9:00 am

giobbe ha scritto:
serpina ha scritto:
@ Giobbe: per quel che puó importare sono in ruolo ante 2014 e non parlo pro domo mea. Sono titolare su scuola ed ho alcune ore di potenziamento, come molti miei colleghi. Nella 107 non trovo nulla che autorizzi a credere che il potenziamento dell'offerta formativa debba essere solo a carico dei neoassunti che peraltro hanno il mio stesso contratto.
infatti sono docenti come te ed hanno lo stesso contratto. Ma sono docenti entrati sul potenziamento, come gli altri docenti entrano sul sostegno. Le ore curriculari e le relative cattedre sono di pertinenza del Miur, a livello nazionale. Il potenziamento e conseguenza del PTOF delle singole scuole ed ha durata triennale, quindi ha vita effimera. Quando in una scuola mancherà un posto di potenziamento dovrebbe rimanere in soprannumero chi è entrato nella scuola grazie al potenziamento.
Sono del l'avviso che giuridicamente parlando ho i miei buoni motivi.
cosa significa vita effimera esattamente?






cosa vuol dire che ha una vita effimera?


Ultima modifica di bog il Dom Set 18, 2016 11:59 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
bog



Messaggi : 1708
Data d'iscrizione : 26.02.15

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Sab Set 17, 2016 9:09 am

bimbumbam ha scritto:
serpina ha scritto:

personalmente credo che la direzione che la scuola sta prendendo sia quella di annullare la distinzione tra curricolare e potenziamento, come anche quella di titolarità su scuola e su ambito (nel senso che passeremo tutti nel giro di qualche anno alla titolarità su ambito). quindi non credo che la presunta confusione tra posti di potenziamento e curricolari sia tale.
detto questo il potenziamento è evidentemente un'altra cosa rispetto al sostegno (che richiede una specializzazione ed è specificamente normato): è uno strumento dato alla scuola, ovvero al collegio dei docenti, affinchè possa sviluppare dei progetti autonomamente, in base alla proprie esigenze e preferenze. non è che le competenze per far questo le abbiano i docenti "potenziati" più di quelli curricolari (che poi sono quelli che hanno elaborato il ptof e scelto i progetti), e non vedo quindi perchè questa dimensione progettuale dovrebbe essere affidata solo ed esclusivamente a docenti di nuova nomina anzichè a chi conosce la scuola da anni e ha -magari- voglia di spendersi -come spesso faceva già prima ma magari senza quello sgravio orario, totale o parziale, che adesso è possibile avere.
(la preoccupazione circa le precedenze in caso di soprannumerarietà è legittima e su questo si attende ancora un chiarimento).
Io condivido ogni tua parola. Infatti il mio ds ha deciso di fare due cattedre "miste" con la collega che insegna la mia stessa materia (dando a me alcune classi). Vorrei far notare che spesso si associa "potenziamento" e docenti  entrati in ruolo nell'ultimo anno; io invece sono di ruolo ante 107 e non sono stata assegnata su ambito ma sono titolare nella scuola al pari della collega. Inoltre nella domanda di mobilità non era scritto da nessuna parte che si potesse optare per un posto "tradizionale" o di "potenziamento" semplicemente perchè  non c'è nessuna distinzione giuridica. Ora mi chiedo: se dovevo essere considerata di "altra serie", ma che mi sono trasferita a fare? Potevano almeno dirmi "ciccia, guarda che se accetti la sede X nel tuo comune di ricongiungimento ti diamo un posto di potenziamento, accetti o preferisci restare con la cattedra spezzatino a rischio di perdere il posto ma sapendo che avrai 4 scuole in cui sarai considerata "tradizionale"...di serie A?" No questo l'usp non l'ha mica fatto! Poi dalle varie discussioni sul forum mi sembra che si stiano giudicando alcuni docenti approdati sul potenziamento come me, al pari di ladroni che stanno "rubando" ore ai "tradizionali-curricolari-veterani".  Non potrebbe essere invece che si stia cercando di cucire una nuova professionalità al docente, valorizzando la progettualità e le competenze, forse anche "mettendo in gioco" i docenti, per stimolarli anche creando situazioni di collaborazione e confronto? Io mi sto indubbiamente svegliando da un certo sonno di "rilassatezza" dovuto al "tanto ormai sono di ruolo e faccio il minimo indispensabile".. Se i dirigenti sono intelligenti fanno buon uso delle loro risorse.
collaborazione?.....ahahaha non mi pare proprio tutti incavolati e infastiditi per le assunzioni della Buona Scuola in altre parole un vero schifo!
Tornare in alto Andare in basso
LivioIUS



Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 12.09.16

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Sab Set 17, 2016 4:36 pm

giobbe ha scritto:
bimbumbam ha scritto:
Ma scusa Giobbe, come fa tra tre anni il ds a decidere il sovrannumero? Dovrebbe eliminare la mia materia (impossibile), oppure la scuola dovrebbe estinguersi (impossibile). Oppure non ho colto qualcosa?
Diciamo che tra tre anni si perde una cattedra nella scuola primaria. Tra un docente già titolare in quella scuola è uno arrivato quest'anno sul PTOF chi diventa soprannumerario?
Tra tre anni
se il docente arrivato grazie alla cattedra di potenziamento creata è titolare su scuola (trasferito assunto ante "buona sola") farà parte della graduatoria di isitituto e andrà va il docente con meno punti seppur in servizio in quella scuola da più anni.
se il docente arrivato è titolare su ambito sarà lui ad andare via
Tornare in alto Andare in basso
LivioIUS



Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 12.09.16

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Sab Set 17, 2016 4:45 pm

[quote="bog"]
bimbumbam ha scritto:
serpina ha scritto:

Poi dalle varie discussioni sul forum mi sembra che si stiano giudicando alcuni docenti approdati sul potenziamento come me, al pari di ladroni che stanno "rubando" ore ai "tradizionali-curricolari-veterani".  Non potrebbe essere invece che si stia cercando di cucire una nuova professionalità al docente, valorizzando la progettualità e le competenze, forse anche "mettendo in gioco" i docenti, per stimolarli anche creando situazioni di collaborazione e confronto? Io mi sto indubbiamente svegliando da un certo sonno di "rilassatezza" dovuto al "tanto ormai sono di ruolo e faccio il minimo indispensabile".. Se i dirigenti sono intelligenti fanno buon uso delle loro risorse.
collaborazione?.....ahahaha non mi pare proprio tutti incavolati e infastiditi per le assunzioni della Buona Scuola in altre parole un vero schifo!
La buona scuola, ha disegnato una pessima scuola.
Ha assunto chi non serviva e chi non aveva diritto (idonei non vincitori) anche in classi di concorso in esubero (es diritto). Poi ha creato potenziamenti ovunque senza molto senso e non sempre rispondendo alle richieste del PTOF... nel caso dei docenti di diritto sono stati spediti ovunque (anche nei licei e nelle scuole medie e primarie) senza però incidere minimamente sul curricolo di quegli indirizzi (basterebbe far insegnare cittadinanza e costituzione ai più titolati, per questo insegnamento, docenti di diritto anzichè a quelli di lettere ed introdurre 2 ore di diritto anche al biennio dei licei... d'altronde la formazione di un liceale se ne avvantaggerebbe e se non erro al biennio fanno un orario ridotto rispetto alle 30 ore del triennio) .
Io di ruolo da più di un ventennio non ero affatto rilassato, lavoravo con professionalità ed impegno... i miei alunni mi stimavano. A causa di un trasferimento sono finito in un liceo nel quale faccio supplenze e un insieme di incombenze burocratiche da personale di segreteria. Forse in tutto l'anno farò solo 8 ore di formazione giuridica per le classi che faranno alternanza scuola lavoro. Ora si che sto iniziando ad intorpidirmi... e rischio davvero il burnout, perchè dopo anni di studi, perfezionamenti, aggiornamenti, specializzazioni orientati ad insegnare non insegnerò più (la mia classe di concorso è già in sovrannumero su ambito nella mia città... ovvero i neo assunti sono troppi anche per le classi di potenziamento create a casaccio)... e se accadrà Renzi mi pagherà lo psichiata?
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 3569
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Sab Set 17, 2016 6:55 pm

LivioIUS ha scritto:
A causa di un trasferimento sono finito in un liceo nel quale faccio supplenze e un insieme di incombenze burocratiche da personale di segreteria. Forse in tutto l'anno farò solo 8 ore di formazione giuridica per le classi che faranno alternanza scuola lavoro. Ora si che sto iniziando ad intorpidirmi... e rischio davvero il burnout, perchè dopo anni di studi, perfezionamenti, aggiornamenti, specializzazioni orientati ad insegnare non insegnerò più (la mia classe di concorso è già in sovrannumero su ambito nella mia città... ovvero i neo assunti sono troppi anche per le classi di potenziamento create a casaccio)... e se accadrà Renzi mi pagherà lo psichiata?
E' quello che sto dicendo da un pezzo in OS ma i docenti entrati nella scuola grazie al potenziamento dicono che va bene così...Io, sinceramente, avrei lasciato tutto come era prima della legge 107.
Tornare in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 911
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Sab Set 17, 2016 10:13 pm

giobbe ha scritto:
LivioIUS ha scritto:
A causa di un trasferimento sono finito in un liceo nel quale faccio supplenze e un insieme di incombenze burocratiche da personale di segreteria. Forse in tutto l'anno farò solo 8 ore di formazione giuridica per le classi che faranno alternanza scuola lavoro. Ora si che sto iniziando ad intorpidirmi... e rischio davvero il burnout, perchè dopo anni di studi, perfezionamenti, aggiornamenti, specializzazioni orientati ad insegnare non insegnerò più (la mia classe di concorso è già in sovrannumero su ambito nella mia città... ovvero i neo assunti sono troppi anche per le classi di potenziamento create a casaccio)... e se accadrà Renzi mi pagherà lo psichiata?
E' quello che sto dicendo da un pezzo in OS ma i docenti entrati nella scuola grazie al potenziamento dicono che va bene così...Io, sinceramente, avrei lasciato tutto come era prima della legge 107.
La verità è che con la carota dell'assunzione dei "100.000" hanno tirato fuori il bastone del "ghe pensi mi" e del "qui comando io e questa è casa mia" ed ora tutti DS, grazie al lecchinaggio dei neo-immessi, fanno il brutto ed il cattivo tempo. Ma, of course, i sindacati (rappresentatativi di chi?) non si sono minimamente sognati di difendere i diritti di chi nella scuola ha già speso un vita: guai a dire che l'assunzione dei "100.000" è uno spreco di denaro pubblico ed a perdere i soldi delle loro iscrizioni dopo essersi resi loro paladini! Eppure quei soldi sarebbero bastati ed avanzati per mandare in pensione un sacco di gente e per aumentare gli stipendi bloccati da anni! Meditate gente, meditate!
Tornare in alto Andare in basso
Piperita56



Messaggi : 22
Data d'iscrizione : 09.09.16

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Sab Set 17, 2016 10:14 pm

18 ore di potenzialmente costituiscono la mia cattedra di titolarità, assegnatami in fase A , poichè in esubero in altra scuola. Ancora il mio compito non è stato precisato, di sicuro non mancheranno ore per supplenze. il ds sta cercando qualcuno che si occupi dell'alternanza, può essere assegnato al docente di potenziamento?
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 3569
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Dom Set 18, 2016 10:32 am

Piperita56 ha scritto:
18 ore di potenzialmente costituiscono la mia cattedra di titolarità, assegnatami in fase A , poichè in esubero in altra scuola. Ancora il mio compito non è stato precisato, di sicuro non mancheranno ore per supplenze. il ds sta cercando qualcuno che si occupi dell'alternanza, può essere assegnato al docente di potenziamento?
una volta eri una VERA docente, che seppure in soprannumero, venivi trasferita ed utilizzata SEMPRE come docente curricolare. Oggi, grazie alla Buona S(cu)ola, puoi fare tutto. Estremizzando, anche la collaboratrice scolastica, all'occasione.
Tutte queste mortificazioni sono state completamente e volutamente non considerate da chi doveva entrare nella scuola: "Franza o Spagna purché se magna".
Non considerate non più di tanto nemmeno dagli insegnanti di ruolo ante 2014. Questo perché la legge faceva intravedere all'inizio una loro tutela, tutela che è andata via via scemando.
Adesso gli ante 2014 si leccano le ferite e gli assunti grazie al potenziamento godono al pensiero "male comune mezzo gaudio".
Tornare in alto Andare in basso
bog



Messaggi : 1708
Data d'iscrizione : 26.02.15

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Dom Set 18, 2016 11:36 am

giobbe ha scritto:
LivioIUS ha scritto:
A causa di un trasferimento sono finito in un liceo nel quale faccio supplenze e un insieme di incombenze burocratiche da personale di segreteria. Forse in tutto l'anno farò solo 8 ore di formazione giuridica per le classi che faranno alternanza scuola lavoro. Ora si che sto iniziando ad intorpidirmi... e rischio davvero il burnout, perchè dopo anni di studi, perfezionamenti, aggiornamenti, specializzazioni orientati ad insegnare non insegnerò più (la mia classe di concorso è già in sovrannumero su ambito nella mia città... ovvero i neo assunti sono troppi anche per le classi di potenziamento create a casaccio)... e se accadrà Renzi mi pagherà lo psichiata?
E' quello che sto dicendo da un pezzo in OS ma i docenti entrati nella scuola grazie al potenziamento dicono che va bene così...Io, sinceramente, avrei lasciato tutto come era prima della legge 107.
no non va bene così anzi eravamo in piazza a scioperare contro la buona scuola perchè noi da GAE volevamo solo le assunzioni dato che i posti c'erano visto le supplenze e i pensionamenti ma comunque ci saranno altri pensionamenti ma a me quello che stupisce è cosa fanno i sindacati per tutelare questi docenti?..al momento non fanno nulla pare che alcuni siano pure complici come ci organizziamo?
Tornare in alto Andare in basso
bog



Messaggi : 1708
Data d'iscrizione : 26.02.15

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Dom Set 18, 2016 11:46 am

Procopio ha scritto:
giobbe ha scritto:
LivioIUS ha scritto:
A causa di un trasferimento sono finito in un liceo nel quale faccio supplenze e un insieme di incombenze burocratiche da personale di segreteria. Forse in tutto l'anno farò solo 8 ore di formazione giuridica per le classi che faranno alternanza scuola lavoro. Ora si che sto iniziando ad intorpidirmi... e rischio davvero il burnout, perchè dopo anni di studi, perfezionamenti, aggiornamenti, specializzazioni orientati ad insegnare non insegnerò più (la mia classe di concorso è già in sovrannumero su ambito nella mia città... ovvero i neo assunti sono troppi anche per le classi di potenziamento create a casaccio)... e se accadrà Renzi mi pagherà lo psichiata?
E' quello che sto dicendo da un pezzo in OS ma i docenti entrati nella scuola grazie al potenziamento dicono che va bene così...Io, sinceramente, avrei lasciato tutto come era prima della legge 107.
La verità è che con la carota dell'assunzione dei "100.000" hanno tirato fuori il bastone del "ghe pensi mi" e del "qui comando io e questa è casa mia" ed ora tutti DS, grazie al lecchinaggio dei neo-immessi, fanno il brutto ed il cattivo tempo. Ma, of course, i sindacati (rappresentatativi di chi?) non si sono minimamente sognati di difendere i diritti di chi nella scuola ha già speso un vita: guai a dire che l'assunzione dei "100.000" è uno spreco di denaro pubblico ed a perdere i soldi delle loro iscrizioni dopo essersi resi loro paladini! Eppure quei soldi sarebbero bastati ed avanzati per mandare in pensione un sacco di gente e per aumentare gli stipendi bloccati da anni! Meditate gente, meditate!
....ecco perchè si è creato artrito tra i vecchi immessi e i nuovi perchè non trovano giusto le assunzioni dato che hanno lo stipendio bloccato ma bisogna gridare a gran voce che i nuovi immessi in ruolo sono precari da 10, 20, 30 e 40 anni e che lavoravano già nella scuola pubblica e sempre con uno stipendio da precari (vorrei vedere loro) in attesa di stabilizzazione per potersi assicurare appunto una vita sicura (andare pure dal dentista) ma tanto loro non lo capiranno mai perchè nel frattempo che i vecchi immessi in ruolo avevano uno stipendio sicuro per 20, 30 anni noi precari abbiamo fatto la fame quindi sono giuste le assunzioni della Buona Scuola ma certamente non il degrado del loro utilizzo che lede comunque la dignità professionale degli insegnanti e mo basta si cade prorprio nel ridicolo.
Tornare in alto Andare in basso
bog



Messaggi : 1708
Data d'iscrizione : 26.02.15

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Dom Set 18, 2016 11:54 am

giobbe ha scritto:
Piperita56 ha scritto:
18 ore di potenzialmente costituiscono la mia cattedra di titolarità, assegnatami in fase A , poichè in esubero in altra scuola. Ancora il mio compito non è stato precisato, di sicuro non mancheranno ore per supplenze. il ds sta cercando qualcuno che si occupi dell'alternanza, può essere assegnato al docente di potenziamento?
una volta eri una VERA docente, che seppure in soprannumero, venivi trasferita ed utilizzata SEMPRE come docente curricolare. Oggi, grazie alla Buona S(cu)ola, puoi fare tutto. Estremizzando, anche la collaboratrice scolastica, all'occasione.
Tutte queste mortificazioni sono state completamente e volutamente non considerate da chi doveva entrare nella scuola: "Franza o Spagna purché se magna".
Non considerate non più di tanto nemmeno dagli insegnanti di ruolo ante 2014. Questo perché la legge faceva intravedere all'inizio una loro tutela, tutela che è andata via via scemando.
Adesso gli ante 2014 si leccano le ferite e gli assunti grazie al potenziamento godono al pensiero "male comune mezzo gaudio".
Giobbe non è così le ferite se le leccano pure gli assunti in fase C su potenziamento perchè non credere che ci stanno a questo utilizzo innaturale e comunque bisogna unire tutta la categoria basta con le differenze fanno schifo bisogna lottare per gli aumenti di stipendio per tutti e titolarità su scuola per tutti
Tornare in alto Andare in basso
LivioIUS



Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 12.09.16

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Dom Set 18, 2016 12:06 pm

Piperita56 ha scritto:
18 ore di potenzialmente costituiscono la mia cattedra di titolarità, assegnatami in fase A , poichè in esubero in altra scuola. Ancora il mio compito non è stato precisato, di sicuro non mancheranno ore per supplenze. il ds sta cercando qualcuno che si occupi dell'alternanza, può essere assegnato al docente di potenziamento?
si che può assegnarla a te.
A me ha assegnato il tutoraggio di 12 classi (perchè i docenti del consiglio non vogliono questa rogna e non vogliono che l'alternanza intacchi minimamente le ore di mattina, indi tutti gl incontri il pomeriggio o il weekend) e pretenderebbe (aspetto l'ordine di servizio s questo punto) che li accompagni nei luoghi di alternanza pure durante le vacanze di Natale e a luglio salvo i 32 gg di ferie da prendere soprattutto ad agosto.
E ancora la formazione per le 12 classi per l'alternanza.
E in aggiunta:
Responsabile comitato elettorale, PTOF/RAV, Responsabile commissione progetti, commissione viaggi (tutto compreso nelle 18 ore secondo lui, ah tra una supplenza e l'altra).

Tutto a me perchè tanto io non ho le classi (nb TUTOR su 12 classi significa fare tutti i consigli), mentre agli altri potenziatori ha dato qualche ora in classe, sgravando i curriculari storici di 2/3 ore ciascuno, inoltre gli stessi possono offrire lezioni di recupero , quindi potenziamento sulla disciplina.
Tornare in alto Andare in basso
LivioIUS



Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 12.09.16

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Dom Set 18, 2016 12:09 pm

[quote="bog"]
giobbe ha scritto:
Piperita56 ha scritto:
grazie al potenziamento godono al pensiero "male comune mezzo gaudio".[/b]
Giobbe non è così le ferite se le leccano pure gli assunti in fase C su potenziamento perchè non credere che ci stanno a questo utilizzo innaturale e comunque bisogna unire tutta la categoria basta con le differenze fanno schifo bisogna lottare per gli aumenti di stipendio per tutti e titolarità su scuola per tutti
No mi spiace. Non siamo nello stesso piano.
Soprattutto se tra qualche tempo ai sensi della riforma Madia ci saranno esuberi e licenziamenti.
Sarebbe una truffa per noi anziani.
Soprattutto per classi di concorso già in esubero. Voi siete stati assunti sapendo che sareste stati titolari su ambito... lo avete accettato e a dire il vero avete accettato anche di vagare per l'Italia. So benissimo che è stato un ricatto ma molti con punteggi altissimi hanno scelto di non accettare il ricatto.
Scusa il sano egoismo... la buona scuola mi ha rovinato la vita lavorativa!
Tornare in alto Andare in basso
LivioIUS



Messaggi : 20
Data d'iscrizione : 12.09.16

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Dom Set 18, 2016 12:14 pm

[quote="bog"][quote="Procopio"][quote="giobbe"]
LivioIUS ha scritto:
i nuovi immessi in ruolo sono precari da 10, 20, 30 e 40 anni e che lavoravano già nella scuola pubblica e sempre con uno stipendio da precari (vorrei vedere loro) in attesa di stabilizzazione per potersi assicurare appunto una vita sicura (andare pure dal dentista) ma tanto loro non lo capiranno mai perchè nel frattempo che i vecchi immessi in ruolo avevano uno stipendio sicuro per 20, 30 anni noi precari abbiamo fatto la fame quindi sono giuste le assunzioni della Buona Scuola ma certamente non il degrado del loro utilizzo che lede comunque la dignità professionale degli insegnanti e mo basta si cade prorprio nel ridicolo.
Su diritto non c'erano così tanti precari.
Era una classe in esubero e hanno assunto il mondo... e in questo mondo una marea di persone che mai aveva insegnato Tutti colore che avevano fatto l'ultimo concorso e non l'hanno vinto. Perchè quel concorso non garantiva l'assunzione agli idonei quando è stato bandito... motivo per cui molti precari storici non vi hanno partecipato.
Tornare in alto Andare in basso
bog



Messaggi : 1708
Data d'iscrizione : 26.02.15

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento e ore a disposizione   Dom Set 18, 2016 12:54 pm

LivioIUS ha scritto:
bog ha scritto:
giobbe ha scritto:
Piperita56 ha scritto:
grazie al potenziamento godono al pensiero "male comune mezzo gaudio".[/b]
Giobbe non è così le ferite se le leccano pure gli assunti in fase C su potenziamento perchè non credere che ci stanno a questo utilizzo innaturale e comunque bisogna unire tutta la categoria basta con le differenze fanno schifo bisogna lottare per gli aumenti di stipendio per tutti e titolarità su scuola per tutti
No mi spiace. Non siamo nello stesso piano.
Soprattutto se tra qualche tempo ai sensi della riforma Madia ci saranno esuberi e licenziamenti.
Sarebbe una truffa per noi anziani.
Soprattutto per classi di concorso già in esubero. Voi siete stati assunti sapendo che sareste stati titolari su ambito... lo avete accettato e a dire il vero avete accettato anche di vagare per l'Italia. So benissimo che è stato un ricatto ma molti con punteggi altissimi hanno scelto di non accettare il ricatto.
Scusa il sano egoismo... la buona scuola mi ha rovinato la vita lavorativa!
LivioIUS" scusa ma sei di ruolo?...da come parli sembra che tu non lo sia e se tu non lo sei allora renditi presto conto che presto la stessa identica situazione capiterà anche a te non essere sicuro che assumeranno e vi faranno fare più le supplenze ti ricordo che in vigore c'è il limite dei 36 mesi quindi è l'unione di tutta la categoria che può far migliorare la situazione di tutti attuale e futura ma quando lo capirete?
Tornare in alto Andare in basso
 
Potenziamento e ore a disposizione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 7Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
 Argomenti simili
-
» Messa a disposizione
» URGENTE!: SEDE FITTIZIA E CONTRATTO DA INSERIRE NEL SIDI
» sostegno senza abilitazione
» Utilizzazione a disposizione
» Un consiglio spassionato sulla mia situazione.

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: