Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Scuole Sovietiche

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Scuole Sovietiche   Dom Set 25, 2016 9:09 pm

Promemoria primo messaggio :

Nel video un esempio di rispetto assoluto verso il Docente ,figura autorevole e rispettata, dagli archivi del Cremlino.
Siamo nella URSS degli anni 70....o forse no?
Condoglianze agli immessi in ruolo in professionali e itis ad altissima percentuale maschile...
http://aldodomenicoficara.blogspot.it/2016/09/la-scuola-aggressiva.html?m=1
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
donadoni



Messaggi : 402
Data d'iscrizione : 21.04.16

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 3:21 pm

questi video andrebbero raccolti e inviati al miur, per far vedere le condizioni in cui molti di noi si trovano a dover lavorare. Io propongo di trasformare i professionali in percorsi di alternanza scuola lavoro in un sistema duale, primo quadrimestre lezioni preparatorie al lavoro, secondo quadrimestre solo lavoro, no diploma di scuola superiore.
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 951
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 3:26 pm

Francesca4 ha scritto:

Rimane il problema dei problemi:ossia quale possa essere la migliore modalità d'approccio a classi del genere, ed ammetto, senza alcuna reticenza, di non avere esperienza al riguardo, perciò mi avvarrei sicuramente dei consigli dei colleghi con più anzianità di servizio.

Sai qual è l'unica strategia efficace con questo genere di classi?
Incenerirli con lo sguardo oppure trattarli come pezze per i piedi.
Il problema è che non tutti i docenti hanno lo sguardo che incenerisce o se la sentono di trattare da merda umana un ragazzino, questi però sono gli unici metodi che funzionano con questo genere di classi, il resto sono sciocchezze che possono andare bene solo nei film stile "L'attimo fuggente".
Il problema è che dovremmo smetterla di pensare che il comportamento di ragazzi di 16-17-18-19 e, in qualche caso, anche 20 anni possa dipendere dall'approccio o dalla metodologia didattica del docente.
Perché nessuno defeca in mezzo a una piazza?
Perché nessuno urina dentro un negozio?
Perché nessuno rutta davanti agli sconosciuti che si incontra per strada?
Quali strategie vengono adottate per fare in modo che si rispettino queste norme di civiltà?
Per quale motivo allora il modo di comportarsi a scuola dovrebbe essere un problema legato alle strategie che i docenti debbono utilizzare?
Chi si comporta come i soggetti di questi video andrebbe espulso dalla scuola con coscienza serena. Punto.
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 5:41 pm

Mustang ha scritto:
Francesca4 ha scritto:


Rispetto a questi video, mi sfugge un dettaglio essenziale: le scene riprese sono di ordinaria e quotidiana amministrazione, o invece si tratta di eccezioni rispetto al normale andamento delle lezioni?
Insomma la villania e la maleducazione oltre ai casi di vere e proprie ingiurie, sono all'ordine del giorno?
Sì, lo confesso, sono davvero turbata, anche se non non impaurita, perché i ragazzi ripresi generano in me una grande pena ed una pari grande rabbia per le occasioni che nella vita perderanno continuando ad agire in questo modo, oltre al fatto di trascinare nella loro spirale di violenza anche i compagni più moderati, agli occhi dei quali si mettono in mostra; infatti penso sia chiaro che non si tratti soltanto di mancanza di freni inibitori nei confronti del docente di turno, ma di una recita che si mette in scena per riscuotere l'interesse e l'attenzione dei compagni, è infatti evidente il tentativo di coinvolgerli cercando la loro approvazione.
Chiaramente questi ragazzi hanno bisogno di aiuto, ma questo non può dispensare il docente dal segnalare la situazione e documentarla a loro ed a sua tutela. Rimane il problema dei problemi:ossia quale possa essere la migliore modalità d'approccio a classi del genere, ed ammetto, senza alcuna reticenza, di non avere esperienza al riguardo, perciò mi avvarrei sicuramente dei consigli dei colleghi con più anzianità di servizio.

sono cose eccezionali.
Normalmente i ragazzi concordano tra di loro che uno farà la scenata proprio per essere ripreso.

Concordo. Non a caso tutti ne rimaniamo colpiti: semplicemente perchè costiutiscono casi unici e la media della scuola è differentissima e non parlo solo dei licei, ma anche dei professionali.
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 5:44 pm

P.s. Comunque non vorrei tornare nuovamente su una questione secondaria, ma quella ragazza non mi sembra possa essere un'insegnante, mi sembra giovanissima. Comunque non diminuirebbe la gravità della situazione, sia chiaro.
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 1002
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 5:58 pm

Precario, il video è un po' sfuocato e l'insegnante è molto giovane, ma il comportamento è correttamente da insegnante.
La prima volta che sono entrata in una classe una delle studentesse mi ha detto: "Che cosa ci fai qui, va in classe tua!", scambiandomi per una compagna di quinta.
E quando siamo andati in gita a Firenze, davanti alla cassa degli Uffizi, la bigliettaia stava spiegando come si doveva muovere il gruppo all'interno del Museo. L'ho interrotta per chiedere una spiegazione e lei mi ha intimato di stare zitta, che stava spiegando tutto alla professoressa. Solo che la prof. ero io e quella con cui stava parlando era una mia studentessa...
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 6:06 pm

@melia ha scritto:
Precario, il video è un po' sfuocato e l'insegnante è molto giovane, ma il comportamento è correttamente da insegnante.
La prima volta che sono entrata in una classe una delle studentesse mi ha detto: "Che cosa ci fai qui, va in classe tua!", scambiandomi per una compagna di quinta.
E quando siamo andati in gita a Firenze, davanti alla cassa degli Uffizi, la bigliettaia stava spiegando come si doveva muovere il gruppo all'interno del Museo. L'ho interrotta per chiedere una spiegazione e lei mi ha intimato di stare zitta, che stava spiegando tutto alla professoressa. Solo che la prof. ero io e quella con cui stava parlando era una mia studentessa...

In effetti potrebbe anche essere, potrebbe avere 25 anni o giù di lì...
Tornare in alto Andare in basso
frankenstin



Messaggi : 213
Data d'iscrizione : 13.09.13

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 6:10 pm

Alcuni docenti pensano d'essere dei mastini, invece sono soltanto dei rompicoglioni invadenti che non sanno adattarsi perchè non capiscono con chi hanno a che fare. Così, quando maleducazione giovanile e docente cane si incontrano, nasce lo scandalo.
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 7:17 pm

Il giorno che finirò in scuole di merda malfrequentate come queste dei video, semplicemente cambierei lavoro.
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 7:46 pm

Gli episodi eclatanti testimoniati dai video linkati in questo thread sono tutt'altro che eccezionali. Lo standard comportamentale dei professionali è più o meno quello che si deduce dalla visione di questi filmati.

Come correggere la situazione? Non si può finché ci si ostina a propinare a questi ragazzi un modello scolastico basato sul liceo classico. Chi si iscrive al professionale vuole imparare un mestiere, non studiare Dante o impratichirsi nel calcolo differenziale.

I professionali statali, fino a 20 - 30 anni fa, hanno funzionato in maniera discreta proprio perché facevano quello che promettevano: tante ore di pratica condite con un'infarinatura teorica, una qualifica dopo tre anni per chi voleva andare subito a lavorare e, per gli altri, un percorso un po' più duro finalizzato ad avere un diplomino con cui qualcuno è riuscito anche a laurearsi.

A partire dal progetto 92 le cose sono andate via via peggiorando. Non a caso in contesti come, ad esempio, quello Lombardo, dove i CFP regionali funzionano secondo il modello seguito dai professionali statali di un tempo, l'istruzione professionale di stato è alla canna del gas per mancanza di iscritti mentre i CFP regionali devono contingentare le iscrizioni.
Tornare in alto Andare in basso
donadoni



Messaggi : 402
Data d'iscrizione : 21.04.16

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 7:50 pm

ESATTO LENAR, CONCORDO CON TE
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 9:03 pm

Davide ha scritto:
Oltre ai filmati dei casi estremi la vostra esperienza di docenti delle superiori è molto interessante. Tali avvenimenti sono all'ordine del giorno nei professionali o in altri indirizzi scolastici o NON sono usuali? Dateci le vostre esperienze, anche di altre classi con altri colleghi. Lo scontro dipende dal docente che non è in grado di far fronte alla situazione? Oppure tali scontri (con tali studenti) accadrebbero a prescindere con qualsiasi docente? Grazie.

io non lavoro alle superiori, ma posso riferire che una mia amica educatrice (praticamente fa sostegno in classe) in corsi professionali regionali (sono corsi per chi è buttato fuori dagli ex ipsia, oltre l'ultima spiaggia), mi ha raccontato situazioni simili al filmato. Si trova in una zona periferica di grande città. Teniamo anche conto di questo ordine di scuola: i corsi professionali comunali/regionali.
La mia esperienza è che all'ITIS non studiano ma sono più normali; quelle cose le vedi all'IPSIA e solo dai ragazzi peggiori, peccato che in ogni classe ce ne siano un paio; i professori più a rischio sono quelli che pretendono di più, quelli che vogliono insegnare ad ogni costo.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 9:18 pm

Felipeto ha scritto:
Il giorno che finirò in scuole di merda malfrequentate come queste dei video, semplicemente cambierei lavoro.
Facile a dirsi, più entri nella docenza più ti deproffessionalizzi e più ne rimani dipendente; poi si finisce così

https://www.youtube.com/watch?v=yQwSQkCOh1Y

L'unica è non farsi coinvolgere, non porsi obiettivi irraggiungibili.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 9:19 pm

Lenar ha scritto:
Gli episodi eclatanti testimoniati dai video linkati in questo thread sono tutt'altro che eccezionali. Lo standard comportamentale dei professionali è più o meno quello che si deduce dalla visione di questi filmati.

Come correggere la situazione? Non si può finché ci si ostina a propinare a questi ragazzi un modello scolastico basato sul liceo classico. Chi si iscrive al professionale vuole imparare un mestiere, non studiare Dante o impratichirsi nel calcolo differenziale.

I professionali statali, fino a 20 - 30 anni fa, hanno funzionato in maniera discreta proprio perché facevano quello che promettevano: tante ore di pratica condite con un'infarinatura teorica, una qualifica dopo tre anni per chi voleva andare subito a lavorare e, per gli altri, un percorso un po' più duro finalizzato ad avere un diplomino con cui qualcuno è riuscito anche a laurearsi.

A partire dal progetto 92 le cose sono andate via via peggiorando. Non a caso in contesti come, ad esempio, quello Lombardo, dove i CFP regionali funzionano secondo il modello seguito dai professionali statali di un tempo, l'istruzione professionale di stato è alla canna del gas per mancanza di iscritti mentre i CFP regionali devono contingentare le iscrizioni.
Tieni anche conto che una volta ai professionali non ci andavano cani e porci, i ragazzi peggiori non si iscrivevano alle superiori.
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 9:21 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Felipeto ha scritto:
Il giorno che finirò in scuole di merda malfrequentate come queste dei video, semplicemente cambierei lavoro.
Facile a dirsi, più entri nella docenza più ti deproffessionalizzi e più ne rimani dipendente; poi si finisce così

https://www.youtube.com/watch?v=yQwSQkCOh1Y

L'unica è non farsi coinvolgere, non porsi obiettivi irraggiungibili.

Tremendo...
Ho avuto una collega così e mi dispiaceva infinitamente.
Tornare in alto Andare in basso
Davide



Messaggi : 3372
Data d'iscrizione : 26.03.11

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 9:36 pm

Povero...
Con tutta la sua veracità napoletana.
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Lun Set 26, 2016 9:41 pm

Comunque, penso sia norma di igiene non guardare su youtube questi video, o ci deprimeremo... ce ne sono alcuni davvero tristi, dove gli alunni combinano prese in giro a tavolino ...
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Mar Set 27, 2016 8:36 am

Avidotiodio
Quel video non lo volevo vedere... . Nnnnooooo proprio nnnnooooo
Ora avrò gli incubi per mesi.
Povero collega...
Mi ero persa questa discussione...
Proprio non capisco però perché parlare solo di superiori.
Lavoro alle medie... Ho avuto casi di alunni simili.
Anche in prima media (lì a volte ma non sempre... Cambia solo la stazza dell'energumeno. In terza media a 15, 16 anni son già esattamente come i gioiellini dei professionali).
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Mar Set 27, 2016 9:43 am

avidodinformazioni ha scritto:
Lenar ha scritto:
Gli episodi eclatanti testimoniati dai video linkati in questo thread sono tutt'altro che eccezionali. Lo standard comportamentale dei professionali è più o meno quello che si deduce dalla visione di questi filmati.

Come correggere la situazione? Non si può finché ci si ostina a propinare a questi ragazzi un modello scolastico basato sul liceo classico. Chi si iscrive al professionale vuole imparare un mestiere, non studiare Dante o impratichirsi nel calcolo differenziale.

I professionali statali, fino a 20 - 30 anni fa, hanno funzionato in maniera discreta proprio perché facevano quello che promettevano: tante ore di pratica condite con un'infarinatura teorica, una qualifica dopo tre anni per chi voleva andare subito a lavorare e, per gli altri, un percorso un po' più duro finalizzato ad avere un diplomino con cui qualcuno è riuscito anche a laurearsi.

A partire dal progetto 92 le cose sono andate via via peggiorando. Non a caso in contesti come, ad esempio, quello Lombardo, dove i CFP regionali funzionano secondo il modello seguito dai professionali statali di un tempo, l'istruzione professionale di stato è alla canna del gas per mancanza di iscritti mentre i CFP regionali devono contingentare le iscrizioni.
Tieni anche conto che una volta ai professionali non ci andavano cani e porci, i ragazzi peggiori non si iscrivevano alle superiori.

Il fatto che l'utenza sia ora più debole di quanto non lo fosse 30 anni fa mi pare una ragione in più per criticare l'idea che i professionali debbano seguire il modello dei licei.

Il tipo di scuola pensato dagli estensori del "progetto 92" è fallito miseramente. I CFP regionali sono li a mostrarne l'assurdità.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Mar Set 27, 2016 1:10 pm

Lenar ha scritto:
Il fatto che l'utenza sia ora più debole di quanto non lo fosse 30 anni fa mi pare una ragione in più per criticare l'idea che i professionali debbano seguire il modello dei licei.

Il tipo di scuola pensato dagli estensori del "progetto 92" è fallito miseramente. I CFP regionali sono li a mostrarne l'assurdità.
Si, concordo.

Lo sapete che in alcune regioni (il Piemonte ad esempio) per iscriversi ad un CFP bisogna prima farsi bocciare in una scuola ?

Oddio, la regola non è che bisogna farsi bocciare, è che bisogna iscriversi, però capite che uno che vuole fare il CFP e che si deve iscrivere, poi quando frequenterà lo farà in assoluta rilassatezza, si godrà l'anno di ferie fregandosene di qualsiasi azione degli insegnanti.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6184
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Mar Set 27, 2016 3:49 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Lo sapete che in alcune regioni (il Piemonte ad esempio) per iscriversi ad un CFP bisogna prima farsi bocciare in una scuola ?

Oddio, la regola non è che bisogna farsi bocciare, è che bisogna iscriversi, però capite che uno che vuole fare il CFP e che si deve iscrivere, poi quando frequenterà lo farà in assoluta rilassatezza, si godrà l'anno di ferie fregandosene di qualsiasi azione degli insegnanti.

Anche in Toscana è stato così per molti anni, perchè ovviamente era considerato un provvedimento PROGRESSISTA e socialmente benefico, quello di "offrire più opportunità di istruzione" anche a chi proveniva dagli ambienti sociali più svantaggiati. Anzi, gli anni di rilassatezza libera diventavano addirittura due, perchè era obbligatorio essere iscritti a una vera e propria scuola fino al compimento dell'obbligo scolastico, e si poteva andare al CFP solo dopo i 16 anni compiuti.

Nessuno si era fatto venire in mente che un provvedimento del genere,  in realtà, non avrebbe significato "offrire più istruzione a chi era così sfortunato da non poterla avere", ma avrebbe significato "costringere ad andare a scuola anche chi non vuole più saperne", laddove per "andare a scuola" ovviamente non si intende affatto "studiare" e quindi "accedere davvero a un'istruzione migliore", ma si intende esclusivamente marcare la presenza tra i banchi per aumentare le statistiche sul livello di istruzione medio della popolazione, ma non seguendo le lezioni, non studiando, quindi annoiandosi a morte, sentendosi frustrato a morte, e quindi provando a compensare facendo il buffone, il bullo o il disturbatore dell'attività degli altri, e rendendo invivibili tutte le classi prime dei professionali e dei tecnici.

La cosa più paradossale è che erano previste delle deroghe solo per casi di gravissima marginalità sociale, ossia PROPRIO per quei pochi che avevano veramente dei gravi problemi di accessibilità dell'istruzione, a causa della mentalità della famiglia, o di storie personali completamente aliene rispetto a quelle nostre ordinarie. Ovviamente, quasi tutti stranieri, ma solo di quelli eccezionalmente sfigati anche rispetto alla media degli stranieri, tipo i ragazzi dei campi rom, oppure quelli ospitati in una casa famiglia dopo essere stati raccolti da un barcone di migranti clandestini, in cui avevano viaggiato da soli senza nessun parente adulto... Il risultato, quindi, è che venivano esentati dall'obbligo di iscriversi a scuola e indirizzati direttamente al CFP solo quei pochi che potevano davvero rientrare nella categoria sociale di chi "non ha accesso all'istruzione perché è sfortunato", mentre venivano costretti in massa ad andare a scuola tutti quelli che l'accesso all'istruzione ce l'avrebbero avuto comunque, ma non gliene importava niente.

E questo era considerata una conquista sociale positiva.

Hai presente quelle regioni che "sono così all'avanguardia" da offrire nel prontuario sanitario anche le cure omeopatiche, cioè le cure che non funzionano e che non hanno alcun fondamento scientifico? Ecco, una roba simile.

Il risultato è che questi ragazzi, dopo un paio di bocciature (e magari dopo aver tentato di migrare tra due o tre scuole diverse, con gli stessi risultati), finiscono al CFP lo stesso, con l'unica differenza che ci finiscono dopo aver fatto in tempo a maturare un rancore accecante contro la scuola, e un disprezzo forsennato per tutto ciò che abbia a che fare con lo studio e la cultura, che magari prima non avevano, ma si limitavano al semplice disinteresse personale.

Negli ultimi anni c'è stato un po' di ripensamento, ed è stato consentito ad acuni istituti professionali di avviare dei percorsi "misti", in cui ci si può iscrivere direttamente dopo la terza media a un corso di formazione prevalentemente pratica, ma con una certa facilità di cambiare scelta e di passare alle classi strettamente scolastiche del professionale, se si cambia idea in corso d'opera.

http://gruppodifirenze.blogspot.it/2016/06/una-revisione-necessaria-e-urgente_97.html

E si è deciso di farlo proprio perché ci si è resi conto delle incongruenze di cui sopra....
Tornare in alto Andare in basso
Online
retrocomputer



Messaggi : 507
Data d'iscrizione : 12.07.14

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Mar Set 27, 2016 5:16 pm

tellina ha scritto:

Povero collega...
Mi ero persa questa discussione...

Quest'uomo ha la depressione (una malattia), il suo lavoro accentua probabilmente i sintomi ma non ne è la causa.

Domanda di servizio: solo io oggi il forum lo vedo malissimo? Mancano tante icone, mi pare...
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Mar Set 27, 2016 5:34 pm

risposta di servizio: io vi vedo bene.
mah...dare una diagnosi di depressione tramite video mi pare esagerato...
sta male e su questo non ci piove.
Tornare in alto Andare in basso
retrocomputer



Messaggi : 507
Data d'iscrizione : 12.07.14

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Mar Set 27, 2016 5:41 pm

Se preferisci rimango più sul vago: ha l'esaurimento nervoso.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Mar Set 27, 2016 5:49 pm

tellina ha scritto:
risposta di servizio: io vi vedo bene.
mah...dare una diagnosi di depressione tramite video mi pare esagerato...
sta male e su questo non ci piove.
Soprattutto è difficile dire quale ne sia la causa; perchè non potrebbe essere il lavorare senza alcuna soddisfazione, anzi, nella convinzione di essere inadeguati ?

Noi dobbiamo smettere di pretendere risultati da noi stessi, dobbiamo prendere ad esempio i medici: loro devono applicare le procedure corrette, difronte alla dichiarazione di alcuni sintomi devono richiedere precisi esami, valutarli nel modo normato, proporre cure in armonia con le indicazioni dell'OMS e se il paziente muore lo stesso ... fanculo ! Avanti un altro.

Abbiamo iniziato a spiegare ? Abbiamo richiesto il silenzio ? Abbiamo rispiegato ? Abbiamo proposto esercizi ? Abbiamo chiesto se sono stati fatti e ci siamo offerti per spiegazioni ? Abbiamo presentato verifiche congrue ? Abbiamo messo voti in linea con le direttive del POF ? Continuano ad essere ignoranti ? Fanculo ! Oggi è il 27 e questa è l'unica cosa veramente importante; non si può insegnare a chi non è interessato ad imparare ! Non si può interessare chi ha disprezzo per la cultura in ogni sua forma ! Le veline ed i calciatori hanno vinto ! Possiamo continuare a combatterli e perire o arrenderci e tirare a campare.

Comunque consiglio di cambiare scuola; al liceo si sta da DIo !
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6184
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Scuole Sovietiche   Mar Set 27, 2016 5:55 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Comunque consiglio di cambiare scuola; al liceo si sta da DIo !

Non è detto: è vero che ci sono meno bulli, meno bestioni e meno casi di turbolenze estreme, ma ci sono anche genitori più pretenziosi e asfissianti, colleghi molto più mammisti e stucchevoli, e presidi molto ma MOOOLTOOOOOOOOOO più inclini ad accontentare i genitori su qualsiasi capriccio questi esprimano, anche i più assurdi e irragionevoli. Se sono queste le cose alle quali si è davvero insofferenti, al liceo si sta PEGGIO che a un tecnico o a un professionale, in cui il fenomeno del "controtransfert" da parte delle colleghesse buoniste che si identificano appassionatamente negli studenti e nelle loro famiglie è molto limitato, e in cui i bestioni vengono bocciati senza troppe cerimonie...
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
Scuole Sovietiche
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» METODI PER INSEGNARE GEOGRAFIA NELLE SCUOLE MEDIE
» Scelta scuole: grandi e centrali o medio/piccole e periferiche???
» codici meccanografici scuole per AP
» Scuole comunali
» Vigilanza alunni uscita scuole medie

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: