Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Didattica sulle apparizioni

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Didattica sulle apparizioni   Lun Ott 03, 2016 2:02 pm

Promemoria primo messaggio :

Potrebbe essere interessante un lavoro interdisciplinare, che coinvolga in particolare insegnanti di scienze, religione e storia, su quella categoria di fenomeni noti come apparizioni mariane. Purtroppo in rete ne girano di tutti i colori, e sarebbe bello se qualcuno fosse in grado di smascherare i ciarlatani. Ho pensato di aprire questo thread, che potrebbe raccogliere i contributi di vari utenti del forum, che hanno differenti competenze, in particolare dei docenti di scienze, religione e storia. Se qualcuno può fornire un contributo per smascherare chi diffonde menzogne, farà senza dubbio un'opera buona. Di seguito vorrei citare qualche esempio di apparizioni, nella speranza che qualcuno possa far emergere almeno una parte della verità.

Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 3:46 pm

Giuliano Ferrara è un grande, gli atei dovrebbero prenderlo ad esempio!
Ne 2008 si candidò con la lista "Aborto? No grazie." Peccato non abbia vinto quelle elezioni, forse la storia d'Italia sarebbe andata diversamente se avesse vinto lui (non avremmo avuto le feste di Arcore, il caso Ruby, e forse anche l'ascesa di Monti, Letta e Renzi). Vi consiglio la visione di questi video se volete farvi 2 risate:




Ultima modifica di Rosario Ditore il Mer Ott 05, 2016 5:15 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 3:59 pm

Paolo Santaniello ha scritto:
Ecco, questo thread dimostra il perchè non si deve mai portare a scuola tutto ciò che ha a che fare con il sacro, i miracoli, le religioni, gli dèi (e come corollario non dovrebbe esistere l'ora di religione cattolica): si rischia di scoprire che sono tutte bufale... anche perchè qualsiasi approccio a questi eventi diverso dallo "smascherare la bufala" sarebbe altamente diseducativo...

La crocifissione, morte e risurrezione di Gesù non sono affatto una bufala. A scuola non farebbero bene, farebbero benissimo a portare il sacro, i miracoli, la religione cristiana e l'unico Dio, Gesù Cristo. Altro che bufala. In Italia abbiamo circa 8000 comuni, e in ognuno di essi c'è almeno una chiesa nelle vicinanze. Un motivo ci sarà se buona parte del patrimonio artistico italiano è fatto di chiese. La religione cristiana è anche cultura, una cultura plurimillenaria che vale di più di tanti progetti che vengono proposti oggigiorno nelle scuole. E comunque molti miracoli e fenomeni soprannaturali sono avvenuti davvero; l'avverarsi delle profezie dello tsunami e della sostituzione papale, le tante guarigioni inspiegabili, costituiscono tanti indizi dietro i quali c'è davvero del soprannaturale. Se ciò non fosse vero, dimostratelo. I ciarlatani ci sono pure, ma non sono tutti così. Ci sono anche i mistici veri, quelli che hanno avuto veramente le stigmate. Se nessuno è riuscito a far fuori la religione cristiana in 2000 anni storia, un motivo ci sarà. Nel Vangelo di Matteo c'è scritto: "E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli".
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 4:19 pm

precario_acciaio. ha scritto:
Se ammetti questo non replico più nulla, sei coerente e la coerenza è sempre apprezzata; il punto è però il seguente: se Satana è in grado di intervenire nel mondo, non viene forse inficiata definitivamente la capacità predittiva della scienza?
Se tu lasci cascare un oggetto sei certa al 100 % che questo cadrà, tuttavia la stessa cosa non può più essere detta se ammetti l'esistenza di un essere in grado di agire sul mondo infrangendone le regole... in teoria a quel punto tutto potrebbe accadere e non potremmo usufruire di nulla che si basa sulle leggi di natura... spero di essermi spiegato.

Innanzitutto mi chiedo: perché citare il diavolo? Non potresti fare la domanda in modo più generale così:
"Se esistono entità soprannaturali (Dio, Madonna, santi, angeli, demoni, ufi) in grado di intervenire nel mondo, non viene forse inficiata definitivamente la capacità predittiva della scienza?"

Risposta: La scienza può predire i fenomeni naturali e ordinari, per cui ha certamente un senso, tenendo presente che usualmente certe cose vanno in un certo modo, seguendo le leggi di natura. Ma a volte possono verificarsi fenomeni soprannaturali, che vanno al di là della natura e delle sue leggi ordinarie, per cui è vero che tutto potrebbe accadere, anche che il vettore forza di gravità acquisisse intensità nulla e che gli uomini galleggiassero in aria, se Dio lo volesse. D'altra parte è Dio che ha creato la natura e le sue leggi, se vuole può modificarle. Le tue considerazioni si possono collegare alla famosa questione del tacchino di Russell:

"Fin dal primo giorno questo tacchino osservò che, nell'allevamento in cui era stato portato, gli veniva dato il cibo alle 9 del mattino. E da buon induttivista non fu precipitoso nel trarre conclusioni dalle sue osservazioni e ne eseguì altre in una vasta gamma di circostanze: di mercoledì e di giovedì, nei giorni caldi e nei giorni freddi, sia che piovesse sia che splendesse il sole. Così arricchiva ogni giorno il suo elenco di una proposizione osservativa in condizioni più disparate. Finché la sua coscienza induttivista non fu soddisfatta ed elaborò un'inferenza induttiva come questa: "Mi danno il cibo alle 9 del mattino". Questa concezione si rivelò incontestabilmente falsa alla vigilia di Natale, quando, invece di venir nutrito, fu sgozzato."

Mi vengono in mente le parole del Vangelo di Matteo, capitolo 24:

"Come fu ai giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell'uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e marito, fino a quando Noè entrò nell'arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e inghiottì tutti, così sarà anche alla venuta del Figlio dell'uomo."

Nessuno avrebbe mai pensato che Giuseppe Auricchia, onesto contadino e nonno felice, all'età di 74 anni sarebbe diventato uno dei più grandi e longevi veggenti del panorama internazionale.
Nella prima visione avvenuta il 24 luglio 1990 nel suo appezzamento di terreno a Mammanelli (Avola, in Sicilia) la Madonna appare su di un pino, la quale, prima ancora di dettare i suoi accorati messaggi, lo invita a pregare e a far pregare: "Ancora non ti ho detto chi sono: Io sono la Madre di Dio. Pregate, recitate il mio Rosario".
Soltanto dieci anni dopo Gesù spiega al veggente come mai l'abbia chiamato, seppure in tarda età, a una così difficile missione. Dice Gesù: "Con Noè, un vecchio, Io rinnovai il mondo, con te, che annunzi le Nostre parole, rinnoverò (ancora) il mondo, perché avverrà tutto quello che la Mia SS.ma Madre ha detto a Lucia di Fatima"
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 4:33 pm

Paolo Santaniello ha scritto:
Io sono più drastico: la fede cresce nell'ignoranza e compito della scuola è piuttosto quello di tirar fuori le persone dall'ignoranza; quindi fede e scuola meglio che stiano quanto più lontane è possibile.

La fede può crescere anche nella ricerca della Verità, quindi fede e scuola, come fides et ratio, come fede e scienza, farebbero bene ad avvicinarsi. D'altra parte, oltre a Pascal, c'è un altro grande uomo che ha fornito tanti contributi alla materia che insegni tu in Campania e che era un fervente credente. Senza i suoi contributi l'analisi non sarebbe la stessa.


Ultima modifica di Rosario Ditore il Mer Ott 05, 2016 5:20 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 4:39 pm

Paolo Santaniello ha scritto:
Io sono più drastico: la fede cresce nell'ignoranza e compito della scuola è piuttosto quello di tirar fuori le persone dall'ignoranza; quindi fede e scuola meglio che stiano quanto più lontane è possibile.

Dello scienziato che ha fornito contributi importanti nella materia che insegni in Campania è scritto pure:

"Having remained fully alert, in complete control of his mental powers, until 3.30 a.m., my father suddenly uttered the blessed names of Jesus, Mary and Joseph. For the first time, he seemed to be aware of the gravity of his condition. At about four o'clock, his soul went to God. He met his death with such calm that made us ashamed of our unhappiness."

Quell'uomo ha fornito contributi grandissimi alla tua disciplina, eppure fu accusato di bigottismo tanto era credente! Il controesempio di quell'uomo smentisce la tua proposizione "la fede cresce nell'ignoranza". Questa proposizione è falsa, in quanto quell'uomo credente conosceva molto bene la materia che insegni ai ragazzi in Campania e non era ignorante, anzi, è famoso per il rigore che aveva nelle dimostrazioni. Un teorema che porta il suo nome lo trovi su tutti i libri di analisi.
Tornare in alto Andare in basso
Danilo83



Messaggi : 60
Data d'iscrizione : 24.05.11

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 5:34 pm

Io ho addirittura un collega che insegna matematica che crede negli ufo.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 5:59 pm

chicca70 ha scritto:
Sei tu, Rosario, a dover dimostrare che le apparizioni sono vere. Però, scusa se te lo dico, chi termina ogni intervento con w Gesù w  Maria non può essere preso sul serio. A me viene solo da ridere. Conosco tanti credenti (io non lo sono) ma nessuno di essi  proferirebbe espressioni da tifo calcistico in relazione a figure ritenute sacre. W Gesù  come w Totti.

Sbagli a non essere credente. E sebbene molti credenti non abbiano una dimostrazione rigorosa della veridicità delle apparizioni, molti fenomeni soprannaturali dovrebbero far pendere la bilancia più verso il credere che verso il non credere. Io davvero ho letto con anticipo la profezia dello tsunami nel 2004, e anche altri l'avevano letta. Ne parlai in anticipo con un conoscente, e gli dissi: "Attenzione che a Natale ho letto che succederà qualcosa di brutto!" . Dopo che si verificò lo tsunami, quella persona venne da me e mi disse "D'ora in poi crederò a quello che mi dirai". In realtà non doveva credere a me, che semplicemente avevo letto quel messaggio su internet, doveva credere in Gesù e Maria e nelle apparizioni soprannaturali al veggente siciliano Auricchia. Sbagli a non prendere sul serio chi termina ogni intervento con w Gesù e w Maria. Il fatto che tu citi Totti mi fa pensare alla cultura odierna di molti, che considerano i calciatori come degli eroi gladiatori da osannare, che meritano miliardi di soldi. Ti sei mai chiesta perché 2 secoli fa il calcio non era diffuso come ai nostri giorni? Ti sei mai chiesta chi ha inventato il calcio e per quali motivi ha favorito la sua diffusione, facendo costruire stadi in quasi tutti i paesi italiani? Interrogatevi sempre sul perché delle cose, chiedetevi da dove hanno origine certi fenomeni da baraccone che in poco tempo acquisiscono successo, anche a livello politico. Il potere dei mass media è enorme. Il filosofo Bertrand Russel così si esprimeva nel suo celebre trattato "La conoscenza umana":
"Studiando la psicologia dell'opinione, coloro che hanno il controllo della propaganda, col tempo, saranno in grado di fare in modo che chiunque venga a credere qualunque cosa. Allora lo stato totalitario diventerà invincibile."
Il veggente Auricchia pare abbia ricevuto questo messaggio da Gesù: "Saranno in grado di manipolarvi e di farvi vedere immagini. Di farvi credere tutto ciò che vorranno!"
Se volete un consiglio, domenica prossima andate a messa e recitate il rosario tutti i giorni. Diventate anche voi come san Pio di Pietrelcina, che arrivò a recitare 50 rosari in un giorno!
Concludendo, i fatti riportati in questo topic sono realmente accaduti, e se siete in grado di dimostrarne la falsità, fatelo, altrimenti ammettete agnosticamente di non sapere, e magari scommettere in modo pascaliano sull'ipotesi divina non vi farebbe male, seguendo il rasoio di Ockham.
w Gesù e Maria! (i quali valgono molto di più del quarantenne Totti, a cui tanti rivolgono degli evviva Totti, senza rendersi conto che il calcio è un gioco creato dall'uomo, a differenza della Vergine Maria, che è stata creata da Dio) w la verità, w la misericordia, w Gesù, w Maria
Tornare in alto Andare in basso
geo&geo



Messaggi : 678
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 6:17 pm

Rosario Ditore ha scritto:
Guarda che il termine "brutalate" l'ha usato la tizia del video che hai postato tu ad agosto.

https://www.youtube.com/watch?v=aRfMHwPAhkM
No no, dice proprio "son tutte puttanate", e si riferisce alla paccottiglia antiscientifica di tante trasmissioni televisive e siti web.

Sulle verità ultime non ho nessun titolo per pronunciarmi, ma sulla precisione della documentazione sono un po' fissato :-)))
Tornare in alto Andare in basso
Danilo83



Messaggi : 60
Data d'iscrizione : 24.05.11

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 6:46 pm

geo&geo ha scritto:
Sulle verità ultime non ho nessun titolo per pronunciarmi,
Nessuno può farlo, dato che non esiste alcun titolo visto che non esiste nessuna disciplina che riguardi argomenti irrazionali. Pretendere di avere titolo e autorevolezza su argomenti riguardanti le verità ultime, solo perchè si è teologi, è come pretendere di essere preso sul serio su argomenti inerenti le fate, asserendo di essere uno studioso di fatologia.
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 6:50 pm

geo&geo ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
precario_acciaio. ha scritto:
Se ammetti questo non replico più nulla, sei coerente e la coerenza è sempre apprezzata; il punto è però il seguente: se Satana è in grado di intervenire nel mondo, non viene forse inficiata definitivamente la capacità predittiva della scienza?
Se tu lasci cascare un oggetto sei certa al 100 % che questo cadrà, tuttavia la stessa cosa non può più essere detta se ammetti l'esistenza di un essere in grado di agire sul mondo infrangendone le regole... in teoria a quel punto tutto potrebbe accadere e non potremmo usufruire di nulla che si basa sulle leggi di natura... spero di essermi spiegato.
spiegato perfettamente; Einstein diceva "sottile è il Signore ma non maligno", intendendo che avrà anche posto le regole ma poi fa sì che vengano seguite sempre, e questo agevola il lavoro degli scienziati; Satana invece è maligno; la sua esistenza collide col concetto stesso di scienza; non si può essere scienziati e credere all'esistenza di Satana (e quindi di Dio).

1) Il cattolico crede (se è cattolico) ad una serie di cose, dettagliatamente descritte nel "Credo", del quale si possono leggere le due versioni qui: http://www.maranatha.it/PDApregh/06credo.htm
2) Poi ci sono una serie di "dogmi" della chiesa, alcuni vistosamente "antiscientifici", ma stiamo parlando di fede, non della Accademia delle Scienze, eh.
3) Poi ci sono la tradizione, le interpretazioni di passi oscuri della bibbia, un sacco di Padri della Chiesa, biblioteche intere di riflessioni, idee ecc. ecc. sulle quali non c'è obbligo di fede, anche se ovviamente i preti ti diranno che è meglio crederci per non rischiare :-)

Satana si trova solo nel punto 3, e anche lì ci stanno ancora discutendo.
Voglio dire: uno scienziato cattolico può fare i suoi esperimenti senza temere che l'intervento di satana glieli mandi a ramengo (al più, il diavoletto di Maxwell)

No, Satana per la Chiesa Cattolica è reale, lo hanno confermato con certezza assoluta gli ultimi tre papi e lo conferma il fatto che la Chiesa mantiene parte del suo personale dedicato all'esorcismo.
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 6:53 pm

Francesca4 ha scritto:
precario_acciaio. ha scritto:
Se ammetti questo non replico più nulla, sei coerente e la coerenza è sempre apprezzata; il punto è però il seguente: se Satana è in grado di intervenire nel mondo, non viene forse inficiata definitivamente la capacità predittiva della scienza?
Se tu lasci cascare un oggetto sei certa al 100 % che questo cadrà, tuttavia la stessa cosa non può più essere detta se ammetti l'esistenza di un essere in grado di agire sul mondo infrangendone le regole... in teoria a quel punto tutto potrebbe accadere e non potremmo usufruire di nulla che si basa sulle leggi di natura... spero di essermi spiegato.
La fede e la scienza operano su piani differenti, anche se incidono profondamente sul nostro modo di vivere. E mi spiego:non intendo negare valore alla scienza,giammai, ma le cose più belle che sperimentiamo ci riconducono al mondo dei sentimenti, anzi al più potente di tutti , l'amore. Ma non si tratta di un'entità misurabile secondo i parametri della scienza, eppure esiste. Ebbene la fede, estrinsecandosi nell'amore per Dio, sfugge alle classificazioni degli uomini di scienza.

La fede e la scienza hanno alcuni argomenti in comune e quindi i piani non possono essere confusi: tramite una legge scientifica si afferma che un determinato evento si manifesterà in un determinato modo fino alla falsificazione degli asserti base che la compongono, la fede afferma che tramite i miracoli ci possono essere eccezioni a qualunque regolaritàò della natura: la fede quindi nega sia il principio di induzione che di deduzione rendendoli assolutamente gratuiti e sottoposti al capriccio del creatore.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6188
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 7:03 pm

Danilo83 ha scritto:
geo&geo ha scritto:
Sulle verità ultime non ho nessun titolo per pronunciarmi,
Nessuno può farlo, dato che non esiste alcun titolo visto che non esiste nessuna disciplina che riguardi argomenti irrazionali. Pretendere di avere titolo e autorevolezza su argomenti riguardanti le verità ultime, solo perchè si è teologi, è come pretendere di essere preso sul serio su argomenti inerenti le fate, asserendo di essere uno studioso di fatologia.

"Il filosofo è quello che di notte, a occhi bendati, in una stanza completamente buia, cerca un gatto nero che non c'è.

Il teologo è quello che riesce pure a trovarlo."
: - )
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 7:07 pm

Ospite, chiunque tu sia, non sono riuscito a mantenere la concentrazione nella lettura dei tuoi interventi; sulla profezia però è facile risponderti: ci sono moltissimi sedicenti veggenti e i loro vaticini si sprecano... è semplice poi per la chiesa riutilizzare quelli indovinati e scartare gli altri, non dando ad essi visibilità.
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 7:07 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Danilo83 ha scritto:
geo&geo ha scritto:
Sulle verità ultime non ho nessun titolo per pronunciarmi,
Nessuno può farlo, dato che non esiste alcun titolo visto che non esiste nessuna disciplina che riguardi argomenti irrazionali. Pretendere di avere titolo e autorevolezza su argomenti riguardanti le verità ultime, solo perchè si è teologi, è come pretendere di essere preso sul serio su argomenti inerenti le fate, asserendo di essere uno studioso di fatologia.

"Il filosofo è quello che di notte, a occhi bendati, in una stanza completamente buia, cerca un gatto nero che non c'è.

Il teologo è quello che riesce pure a trovarlo."
  : - )

Oddio bellissima!!! Ma di chi è?
Tornare in alto Andare in basso
Danilo83



Messaggi : 60
Data d'iscrizione : 24.05.11

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 7:11 pm

Per non parlare dell'ostinazione con cui la chiesa ha difeso il sistema geocentrico, imprigionando o mandando al rogo, come nel caso di Giordano Bruno, degli innocenti. E adesso fa lo stesso col creazionismo, utilizzando la propria influenza soprattutto negli Stati Uniti per insegnarlo nelle classi di scienze, nonostante le regolamentazioni legali contro di esso. Altro che piani diversi!
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 7:19 pm

Danilo83 ha scritto:
Per non parlare dell'ostinazione con cui la chiesa ha difeso il sistema geocentrico, imprigionando o mandando al rogo, come nel caso di Giordano Bruno, degli innocenti. E adesso fa lo stesso col creazionismo, utilizzando la propria influenza soprattutto negli Stati Uniti per insegnarlo nelle classi di scienze, nonostante le regolamentazioni legali contro di esso. Altro che piani diversi!

Quoto. A questo servono la Storia e la Filosofia nelle scuole: per non dimenticare.
Tornare in alto Andare in basso
Danilo83



Messaggi : 60
Data d'iscrizione : 24.05.11

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 7:22 pm

Per quanto riguarda i veggenti, essi fanno predizioni estremamente generiche, senza alcun riferimento temporale o geografico, o comunque molto vaghi (cioè, a priori, non si capisce cosa dovrebbe succedere, né dove, né quando). Poi, nel momento in cui si verifica qualche catastrofe naturale o qualche guerra, tali previsioni vengono interpretate ad hoc . Poi, se questo Giuseppe Auricchia aveva previsto che l'11 settembre 2011 a New York le Twin Towers sarebbero state distrutte da due aerei dirottati da terroristi di Al Qaeda, giuro che andrò a messa ogni domenica.
Tornare in alto Andare in basso
geo&geo



Messaggi : 678
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 7:42 pm

Danilo83 ha scritto:
Per non parlare dell'ostinazione con cui la chiesa ha difeso il sistema geocentrico, imprigionando o mandando al rogo, come nel caso di Giordano Bruno, degli innocenti. E adesso fa lo stesso col creazionismo, utilizzando la propria influenza soprattutto negli Stati Uniti per insegnarlo nelle classi di scienze, nonostante le regolamentazioni legali contro di esso. Altro che piani diversi!

Concorso a premi, proibito  googlare:
Chi l'ha scritto?

[...]Secondo la tesi scientifica più accreditata, 15 miliardi di anni fa l’universo ha conosciuto un’esplosione che va sotto il nome di Big Bang, e da allora continua a espandersi e a raffreddarsi. Successivamente sono andate verificandosi le condizioni necessarie per la formazione degli atomi e, in epoca ancora successiva, si è avuta la condensazione delle galassie e delle stelle, seguita circa 10 miliardi di anni più tardi dalla formazione dei pianeti. Nel nostro sistema solare e sulla Terra (formatasi circa 4,5 miliardi di anni fa) si sono create le condizioni favorevoli all’apparizione della vita. Se, da un lato, gli scienziati sono divisi sulla spiegazione da dare all’origine di questa prima vita microscopica, la maggior parte di essi è invece concorde nell’asserire che il primo organismo ha abitato questo pianeta circa 3,5-4 miliardi di anni fa. Poiché è stato dimostrato che tutti gli organismi viventi della Terra sono geneticamente connessi tra loro, è praticamente certo che essi discendono tutti da questo primo organismo. I risultati convergenti di numerosi studi nelle scienze fisiche e biologiche inducono sempre più a ricorrere a una qualche teoria dell’evoluzione per spiegare lo sviluppo e la diversificazione della vita sulla Terra, mentre ci sono ancora divergenze di opinione in merito ai tempi e ai meccanismi dell’evoluzione. Certo, la storia delle origini umane è complessa e passibile di revisioni, ma l’antropologia fisica e la biologia molecolare fanno entrambe ritenere che l’origine della specie umana vada ricercata in Africa circa 150.000 anni fa in una popolazione umanoide di comune ascendenza genetica. Qualunque ne sia la spiegazione, il fattore decisivo nelle origini dell’uomo è stato il continuo aumento delle dimensioni del cervello, che ha condotto infine all’homo sapiens. Con lo sviluppo del cervello umano, la natura e la velocità dell’evoluzione sono state alterate per sempre: con l’introduzione di fattori unicamente umani quali la coscienza, l’intenzionalità, la libertà e la creatività, l’evoluzione biologica ha assunto la nuova veste di un’evoluzione di tipo sociale e culturale.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1791
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 8:09 pm

Ospite ha scritto:

La crocifissione, morte e risurrezione di Gesù non sono affatto una bufala.
Guarda alla crocifissione e morte ci si può pure credere. E' la "risurrezione" che è una bufala evidente.
Ah, a proposito, pure mio nonno è risorto, tre volte.

Sul patrimonio culturale e storico sono pienamente d'accordo. Quello infatti si studia nell'ora di storia e di storia dell'arte. E' il soprannaturale che non ce lo vedo a scuola: miracoli, dèi, e cose del genere sono esattamente il contrario della cultura. Sono l'ignoranza.

Purtroppo millenni di cristianesimo hanno visto convivere le due cose (l'aspetto artistico e quello soprannaturale) per cui ora molti li percepiscono come un fenomeno unico. Solo che a un certo punto il progresso scientifico è venuto a render chiaro a tutti che certi "miracoli" sono bufale, non per questo buttiamo via le splendide opere d'arte che nel frattempo l'umanità ha prodotto con l'ispirazione del soprannaturale.
Crescere non vuol dire abbandonare o negare il proprio passato, ma superarlo.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15845
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 8:51 pm

geo&geo ha scritto:
Concorso a premi, proibito  googlare:
Chi l'ha scritto?
Piero Angela ?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15845
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 8:54 pm

Ho googlato, no, non è stato Piero Angela.
Tornare in alto Andare in basso
retrocomputer



Messaggi : 507
Data d'iscrizione : 12.07.14

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 9:05 pm

Una domanda mi sorge spontanea, visto chi partecipa alla conversazione: come mai gli argomenti a sfondo religioso sembrano interessare più ai non credenti (agli atei, in particolare) che ai credenti?
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 9:18 pm

retrocomputer ha scritto:
Una domanda mi sorge spontanea, visto chi partecipa alla conversazione: come mai gli argomenti a sfondo religioso sembrano interessare più ai non credenti (agli atei, in particolare) che ai credenti?

E' una questione di numeri a mio avviso: i credenti interessati a difendere la propria fede sono pochissimi, perchè comunque la fede resta una posizione insostenibile e imbarazzante (consapevolmente imbarazzante: si pensi allo "scandalo" della croce).
Tornare in alto Andare in basso
retrocomputer



Messaggi : 507
Data d'iscrizione : 12.07.14

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 9:31 pm

Sì, insomma, magari su questi temi spirituali direi che non esista una posizione sostenibile, nemmeno quella atea, tuttavia credo che questo spieghi, almeno in parte, il disinteresse dei credenti per le discussioni religiose con i non credenti.
Ma non spiega il notevole interesse dei non credenti... Alla fine, a me non credente, cosa dovrebbe interessare se qualcuno crede alle favole?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Didattica sulle apparizioni   Mer Ott 05, 2016 9:35 pm

retrocomputer ha scritto:
Una domanda mi sorge spontanea, visto chi partecipa alla conversazione: come mai gli argomenti a sfondo religioso sembrano interessare più ai non credenti (agli atei, in particolare) che ai credenti?


perché la fede non ha bisogno di essere argomentata. Altrimenti che fede sarebbe!
Tornare in alto Andare in basso
 
Didattica sulle apparizioni
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 7Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
 Argomenti simili
-
» Speranza,sto' sulle spine.......
» Difformità vangeli su resurrezione,apparizioni e ascensione
» Apparizioni Mariane: Potrebbero essere frutto di tecnologia aliena?
» Prete tenta di camminare sulle acque e muore
» Apparizioni, visioni, allucinazioni

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: