Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 se la supplente è incapace

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente
AutoreMessaggio
ushikawa



Messaggi : 1896
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: se la supplente è incapace   Lun Ott 10, 2016 4:03 pm

Promemoria primo messaggio :

Ciao a tutti
nella mia scuola si sta verificando questa situazione: causa 107 siamo senza una cattedra in una delle materie fondamentali e la docente supplente che è stata nominata è priva di esperienza e semplicemente incapace di fare lezione, anzi, invece di fare lezione fa altre cose più leggere per lei e più gradite alla classe, in un clima di lassismo e confusione totale, altro che consolidare le basi della disciplina. Preciso che si tratta di classi normali o buone, non di quel genere di classi allo sbando che impediscono ai docenti di lavorare, e che la docente in questione più che una sprovveduta piena di buona volontà sembra essere del tipo "ora mi faccio questo paio di mesi di supplenza a scuola e prendo i soldi, poi torno ai miei impegni abituali".
Noi colleghi dei cdc stiamo assistendo finora in silenzio: cosa potremmo fare? Come potremmo richiamare la collega a una maggiore professionalità?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
ushikawa



Messaggi : 1896
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 11:54 am

Platone84 ha scritto:
Io continuo a rimanere sinceramente perplesso dalla maggior parte degli interventi.
Risposte del tipo "fatti i cazzi tuoi", "non spetta a te", "limitati a fare lezione durante le tue ore" mi paiono fuori da ogni logica e non aderenti alla deontologia professionale.
Mi rattrista sinceramente leggere di tanti colleghi fermi su questo atteggiamento che non riesco a non considerare omertoso.

Qui non si stanno mettendo in discussione le capacità didattiche di una collega (che sarebbe argomento molto più delicato), ma, se non ho frainteso il post di ushikawa, di una collega che potrebbe essere anche la docente più capace di tutto lo Stivale, ma che "semplicemente" non lavora crogiolandosi del fatto di essere una supplente.
Potrei, come scritto nel mio precedente post, accettare l'obiezione "ma come fate ad essere sicuri al 100% che questa collega non faccia nulla"; ma, premesso che sono abbastanza persuaso del fatto che in molti di questi casi la cosa risulti lampante, ciò giustificherebbe risposte del tipo "premesso che sia davvero così allora... ", "purtroppo è difficile stabilire quello che dici con certezza ma...", e così via..
Ma, ripeto, espressioni del tipo "fatti i cazzi tuoi" o "limitati a fare lezione durante le tue ore" sono assolutamente inaccettabili.

Qualcuno ha anche scritto "la Stato ci paga solo per fare lezione" (o qualcosa del genere, ora non ricordo con esattezza e non fatemi rileggere quattro pagine di forum). Non credo proprio questo sia vero! Lo Stato ci paga per insegnare, formare ed educare i ragazzi.
In questo processo di formazione ed educazione siamo (come docenti e come scuola) tutti coinvolti. La responsabilità della riuscita e dell'efficienza del sistema-scuola e collettiva e singola (ognuno certamente con le proprie specificità e il proprio ruolo).
Quindi direi che sono proprio cazzi nostri (di noi docenti). E, ripeto, non si tratta di qui di mettere il naso nel tipo di didattica di un collega o di prendersi la libertà di valutarne le capacità; qui il punto è che a quanto pare questa collega semplicemente non lavori, creando un danno all'utenza.

Inoltre, anche da un punto di vista "etico", come giustificate questo atteggiamento?
Chi mi sa spiegare quel è la differenza tra il silenzio e l'omertà che molti di voi propongono e l'atteggiamento altrettanto omertoso dell'impiegato che vede il collega timbrare per poi andare a mare e fa finta di non vedere? oppure (per evitare l'obiezione "ma la collega in classe ci va") di chi si siede alla scrivania ma per tutto il tempo gioca a solitario?

Qualcuno ha scritto che questi atteggiamenti sono la rovina della classe docente italiana; io direi che questi atteggiamenti sono alla base del mal funzionamento del sistema Paese.

ps. senza la pretesa e la presunzione di sapere con certezza quale sia la soluzione o il miglior consiglio per il caso esposto da ushikawa, avrei comunque qualche timida idea da suggerire; tuttavia non lo faccio perchè non sono intervenuto in quanto interessato al caso specifico, ma solo perchè "turbato" (passatemi il termine) da molte delle risposte lette.

ecco, anche io la penso così, anche se poiché le cose non sono o bianche o nere è difficile mettere in atto una strategia. Ho pensato che potrebbero intervenire i colleghi del dipartimento.
Tornare in alto Andare in basso
Galadriel



Messaggi : 673
Data d'iscrizione : 27.08.15

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 12:35 pm

Semmai mi riesce difficile capire come intervenire.
Se ushikawa ha ruolo di coordinatore, penso sia più semplice.
Altrimenti, a meno che siano i genitori degli allievi a dire qualcosa, da dove partire, e come?
Penso la strada del dare qualche suggerimento in sala docenti sia già stata tentata. Quindi?
Non voglio provocare, ripeto: credo nelle buone intenzioni di ushikawa. Mi sembra un argomento delicato.
Tornare in alto Andare in basso
Galadriel



Messaggi : 673
Data d'iscrizione : 27.08.15

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 12:37 pm

Comunque, perdonate la considerazione, ma quest'anno c'è un caos pazzesco. Nelle mie due classi non si trovano docenti di matematica... un mese se ne va così.
Anche io sono preoccupata del fatto che non fanno una materia fondamentale (da quanto arriverà il supplente, se ne partiranno in stage e ciao per un altro mese). Mi pare tutto impazzito...
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1896
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 12:47 pm

well done mr renzi and mrs giannini... mission accomplished
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 1:51 pm

ushikawa ha scritto:
well done mr renzi and mrs giannini... mission accomplished
Ma le armi chimiche non costavano meno della 107 ?
Tornare in alto Andare in basso
rita 76



Messaggi : 2073
Data d'iscrizione : 04.07.11

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 2:20 pm

anch' io concordo con Platone: non si tratta di farsi "i cazzi suoi" ma si tratta di farsi "i cazzi di tutti". Ogni scuola è formata da un UNICO corpo docente, da un team costituito da insegnanti che dovrebbero aiutarsi e collaborare e, quindi, anche risolvere i problemi altrui che diventano, anche, propri, se la persona in questione, per motivi vari, non lo fa
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 5367
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 2:46 pm

Ma veramente ragionate in questi termini?????
Ci riempiamo la bocca di una presunta superiorità etica e poi ci comportiamo come una qualsiasi classe di bulli! Non ho parole. Quindi basta nascondersi dal vicepreside per sfangarla!
La scuola è una istituzione pubblica, noi siamo pubblici ufficiali, se ravvisiamo nel comportamento di un collega qualcosa di contrario ai principi della professione (non è che la libertà di insegnamento ci autorizzi a fare tutto!), esiste una gerarchia cui far riferimento, come siamo obbligati a segnalare comportamenti dei nostri alunni.
Non esiterei un solo minuto a andare dal Dirigente, e non dubito che alcuni mi seguirebbero, ma TANTI altri ragionerebbero come leggo qui: non vedo, non sento, non parlo. Preferiamo sempre dubitare di chi vede, tanto siamo tutti ugualmente bravi!
Pensa alla figura che fareste quando i genitori venissero a far notare che durante le lezioni si ascolta il cellulare vietato dal regolamento di istituto: "Ma come? Non avevamo visto niente!"
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5367
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 3:04 pm

Galadriel ha scritto:
Semmai mi riesce difficile capire come intervenire.
Se ushikawa ha ruolo di coordinatore, penso sia più semplice.
Altrimenti, a meno che siano i genitori degli allievi a dire qualcosa, da dove partire, e come?
Penso la strada del dare qualche suggerimento in sala docenti sia già stata tentata. Quindi?
Non voglio provocare, ripeto: credo nelle buone intenzioni di ushikawa. Mi sembra un argomento delicato.


si va dal dirigente a denunciare la situazione, mettendoci la faccia e prendendosi le proprie responsabilità
Tornare in alto Andare in basso
boston



Messaggi : 701
Data d'iscrizione : 16.09.10

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 3:13 pm

rita 76 ha scritto:
anch' io concordo con Platone: non si tratta di farsi "i cazzi suoi" ma si tratta di farsi "i cazzi di tutti". Ogni scuola è formata da un UNICO corpo docente, da un team costituito da insegnanti che dovrebbero aiutarsi e collaborare e, quindi, anche risolvere i problemi altrui che diventano, anche, propri, se la persona in questione, per motivi vari, non lo fa


Solo retorica. L'UNICO corpo docente è formato da cento teste diverse e ognuna si muove autonomamente. Che piaccia o no ognuno in classe fa (o non fa) lezione come vuole. Ci sono e ci saranno sempre degli emeriti ignoranti, incapaci, lavativi, parassiti, fancazzisti ladri di stipendio che ricevono la stessa vile pecunia di chi è bravo, capace, competente, appassionato, serio, professionale. È giusto? Certo che no. Soprattutto per gli studenti.

Ma che l'incompetenza e il fancazzismo di un mio collega debba diventare un mio problema non sono affatto d'accordo, è responsabilità del dirigente scolastico controllare l'operato dei suoi insegnanti, e responsabilità del singolo insegnante saper fare almeno decentemente il proprio lavoro. Si collabora con chi vuol collaborare, non con chi non cerca collaborazione e non ha voglia di fare un un cacchio. Quindi o glielo dici chiaro e tondo in faccia alla fancazzista che è una parassita fancazzista  (con il rischio che sia lei a dirti di farti i caxxi tuoi) o vai dal dirigente e si assume lui la responsabilità di verificare e prendere provvedimenti. 


Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5367
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 3:14 pm

boston ha scritto:
o vai dal dirigente e si assume lui la responsabilità di verificare e prendere provvedimenti. 





la seconda che hai detto... potevi anche dirla prima!
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 3:27 pm

Vabbhè, provo a schiarire alcune menti molto confuse di questi ultimi interventi:

1) Come ho già detto è obbligatorio denunciare i reati, ma qui non si sta parlando di reati.
2) Il singolo docente non è tenuto nè legittimato a giudicare l'operato di altri colleghi.
3) E' importante svolgere il proprio lavoro e non trovare più scuse: non è legittimo perdere tempo di lezione parlando di altri colleghi con i ragazzi, benchè probabilmente molto comodo; nelle ore di lezione si fa lezione.
4) Consiglio inoltre alla cautela su questioni di delazioni/riferimenti ad altri colleghi perchè si può incorrere in una situazione legalmente pericolose; nel caso di reato (lo ripeto per chi fa finta di non capire) siamo invece OBBLIGATI. Naturalmente poi ognuno fa come vuole, a me non riguarda, anche perchè queste situazioni "disperate" non le ho incontrate.


Tornare in alto Andare in basso
Mustang



Messaggi : 3695
Data d'iscrizione : 12.04.16

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 3:30 pm

Platone84 ha scritto:
Io continuo a rimanere sinceramente perplesso dalla maggior parte degli interventi.
Risposte del tipo "fatti i cazzi tuoi", "non spetta a te", "limitati a fare lezione durante le tue ore" mi paiono fuori da ogni logica e non aderenti alla deontologia professionale.
Mi rattrista sinceramente leggere di tanti colleghi fermi su questo atteggiamento che non riesco a non considerare omertoso.

Qui non si stanno mettendo in discussione le capacità didattiche di una collega (che sarebbe argomento molto più delicato), ma, se non ho frainteso il post di ushikawa, di una collega che potrebbe essere anche la docente più capace di tutto lo Stivale, ma che "semplicemente" non lavora crogiolandosi del fatto di essere una supplente.
Potrei, come scritto nel mio precedente post, accettare l'obiezione "ma come fate ad essere sicuri al 100% che questa collega non faccia nulla"; ma, premesso che sono abbastanza persuaso del fatto che in molti di questi casi la cosa risulti lampante, ciò giustificherebbe risposte del tipo "premesso che sia davvero così allora... ", "purtroppo è difficile stabilire quello che dici con certezza ma...", e così via..
Ma, ripeto, espressioni del tipo "fatti i cazzi tuoi" o "limitati a fare lezione durante le tue ore" sono assolutamente inaccettabili.

Qualcuno ha anche scritto "la Stato ci paga solo per fare lezione" (o qualcosa del genere, ora non ricordo con esattezza e non fatemi rileggere quattro pagine di forum). Non credo proprio questo sia vero! Lo Stato ci paga per insegnare, formare ed educare i ragazzi.
In questo processo di formazione ed educazione siamo (come docenti e come scuola) tutti coinvolti. La responsabilità della riuscita e dell'efficienza del sistema-scuola e collettiva e singola (ognuno certamente con le proprie specificità e il proprio ruolo).
Quindi direi che sono proprio cazzi nostri (di noi docenti). E, ripeto, non si tratta di qui di mettere il naso nel tipo di didattica di un collega o di prendersi la libertà di valutarne le capacità; qui il punto è che a quanto pare questa collega semplicemente non lavori, creando un danno all'utenza.

Inoltre, anche da un punto di vista "etico", come giustificate questo atteggiamento?
Chi mi sa spiegare quel è la differenza tra il silenzio e l'omertà che molti di voi propongono e l'atteggiamento altrettanto omertoso dell'impiegato che vede il collega timbrare per poi andare a mare e fa finta di non vedere? oppure (per evitare l'obiezione "ma la collega in classe ci va") di chi si siede alla scrivania ma per tutto il tempo gioca a solitario?

Qualcuno ha scritto che questi atteggiamenti sono la rovina della classe docente italiana; io direi che questi atteggiamenti sono alla base del mal funzionamento del sistema Paese.

ps. senza la pretesa e la presunzione di sapere con certezza quale sia la soluzione o il miglior consiglio per il caso esposto da ushikawa, avrei comunque qualche timida idea da suggerire; tuttavia non lo faccio perchè non sono intervenuto in quanto interessato al caso specifico, ma solo perchè "turbato" (passatemi il termine) da molte delle risposte lette.

scusa ma tu hai letto il titolo e cosa ha scritto nel primo post?
ha parlato di INCAPACITA' della supplente.
chi è lei per giudicare? come fa a saperlo? io questo non capisco, s enon sta in aula con lei, chi le dice che non sa insegnare?

e' convinta di voler salvare il mondo? va dal ds e la denuncia.

Sembri uno dei professionisti dell'antimafia..tutti bravi a parole, poi però al momento di agire vi defilate.
Invece, dicci cosa faresti.
Tornare in alto Andare in basso
Mustang



Messaggi : 3695
Data d'iscrizione : 12.04.16

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 3:32 pm

lucetta10 ha scritto:




la seconda che hai detto... potevi anche dirla prima!

lo diciamo da ieri, ma poichè ormai la supplente è vittima del branco, devono raddrizzarla loro...
poi si porrebbe la domanda del ds: ma lei, come fa a sapere cosa fa la collega nelle sue ore? Non fa lezione per stare ad osservare gli altri?
Tornare in alto Andare in basso
Mustang



Messaggi : 3695
Data d'iscrizione : 12.04.16

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 3:33 pm

rita 76 ha scritto:
anch' io concordo con Platone: non si tratta di farsi "i cazzi suoi" ma si tratta di farsi "i cazzi di tutti". Ogni scuola è formata da un UNICO corpo docente, da un team costituito da insegnanti che dovrebbero aiutarsi e collaborare e, quindi, anche risolvere i problemi altrui che diventano, anche, propri, se la persona in questione, per motivi vari, non lo fa
l'altrui non ha problemi; è questo il fatto.
lei sta facendo il suo lavoro che non piace al gruppo delle anziane...il punto è tutto li.
la supplente è bella tranquilla, non ha chiesto nulla a nessuno.
Tornare in alto Andare in basso
rita 76



Messaggi : 2073
Data d'iscrizione : 04.07.11

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 3:51 pm

Boston, il problema del collega diventa un problema generale nella misura in cui non si riesce a gestire la situazione dall' alto; voglio dire che se il DS non agisce in qualche modo per porre rimedio a questa situazione si rischia che ci si va di mezzo tutti con ulteriori convocazioni di cdc, ecc. Insomma, un problema di uno,, per quanto possa essere un 'suo', poi , in un modo o nell'altro, si ripercuote sull' intera comunità scolastica
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa



Messaggi : 1896
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 4:02 pm

vittima del branco? Ma neanche per sogno.
Ho conosciuto docenti davvero in difficoltà (burn-out) alle quali le colleghe sottobanco davano addosso, tra di loro e con i genitori: in quel caso si può parlare di branco. Qui invece si tratta di una persona alla quale nessuno ha detto o fatto nulla, tranquilla, serena e beata del fatto che fare una supplenza vuol dire non fare un accidente da qui alla fine di ottobre: tanto gli alunni recupereranno in seguito, cosa importa se hanno perso un mese e mezzo degli otto a disposizione?
Comunque sono uomo.
Tornare in alto Andare in basso
rita 76



Messaggi : 2073
Data d'iscrizione : 04.07.11

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 4:15 pm

[quote="ushikawa"]vittima del branco? Ma neanche per sogno.
Ho conosciuto docenti davvero in difficoltà (burn-out) alle quali le colleghe sottobanco davano addosso, tra di loro e con i genitori: in quel caso si può parlare di branco. Qui invece si tratta di una persona alla quale nessuno ha detto o fatto nulla, tranquilla, serena e beata del fatto che fare una supplenza vuol dire non fare un accidente da qui alla fine di ottobre: tanto gli alunni recupereranno in seguito, cosa importa se hanno perso un mese e mezzo degli otto a disposizione?
Comunque sono uomo.[/quote
anch'io sono a conoscenza di casi in scuole dove veramente i colleghi non tollerano situazioni di questo genere e prendono, per quanto in loro 'potere', provvedimenti nei confronti di chi non gestisce la classe. Personalmente non sono d'accordo perché i problemi vanno risolti ma questo non è certamente il modo
Tornare in alto Andare in basso
Online
Platone84



Messaggi : 126
Data d'iscrizione : 17.06.11

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 4:47 pm

Mustang ha scritto:

scusa ma tu hai letto il titolo e cosa ha scritto nel primo post?
ha parlato di INCAPACITA' della supplente.

Ho riletto il primo post: è vero che nell'incipit dice che è incapace di fare lezione, ma immediatamente dopo specifica quello che intende e da quanto scrive, e da quello che ha poi aggiunto negli altri post, io capisco che questa supplente non lavori o che comunque ciò di cui si discute sia questo e non la qualità della sua didattica.

Mustang ha scritto:

Sembri uno dei professionisti dell'antimafia..tutti bravi a parole, poi però al momento di agire vi defilate.
Invece, dicci cosa faresti.

Premesso che non mi piace il tono che traspare in queste tue parole mentre mi chiedi cosa farei e anche se avevo dichiarato di non essere intervenuto sul caso specifico, visto che sono qui a scrivere espongo brevemente la mia posizione.

Se mi dovessi trovare in una situazione simile non riterrei opportuno correre subito dal DS. Soprattutto se "il problema" fosse sollevato anche da altri colleghi, immagino che proverei a parlare con questa supplente, magari cercando di essere ammiccante, facendole intendere che il mio scopo non è criticarla o rimproverarla, ma fare anche il suo interesse.. chessò, dicendole che ho sentito colleghi che si lamentavano e che per evitarsi problemi potrebbe provare a cambiare atteggiamento, oppure mettendola sul versante alunni, raccontandole di come anche io all'inizio la pensavo come lei, comprendendo che è una seccatura dover organizzare l'attività didattica magari solo per pochi giorni, che tanto poi il tempo per recuperare c'è, ma che in realtà negli ultimi anni queste nomine fino ad avente diritto non si sa quando terminano, che con l'alternanza e le varie attività oramai l'anno è più "striminzito" di un tempo, e ho notato che gli studenti, soprattutto quelli più deboli, alla fine non riescono più a recuperare e che anche se è una bella rogna forse farebbe meglio a fargli fare qualcosa, che (compatibilmente con la materia di insegnamento) se vuole e per quel che posso può contare su di me o su altri colleghi, ecc.
Poi bisogna vedere come reagisce alle parole e fare leva su quelle che sul momento sembrano fare più breccia.
In  fondo lo scopo è davvero quello di far funzionare la scuola e non recar danno agli studenti, e non quello di ergersi a paladini o togliersi il "gusto" di bacchettare un collega.
Solo come estrema ratio coinvolgerei anche il DS.
Tornare in alto Andare in basso
Galadriel



Messaggi : 673
Data d'iscrizione : 27.08.15

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 5:29 pm

Mi sfugge in quale punto alcuni di voi leggono che il collega perderebbe tempo in classe a infamare la supplente con gli studenti. Non mi pare ushikawa abbia scritto questo.

Pare anche a me che non sia il caso di rivolgersi in primis al DS. Pensavo che la strada del parlarle (consigli, come ti trovi, certo è sempre difficile programmare quando si sa di rimanere solo pochi giorni...) fosse già stata tentata.
Se non lo è, mi pare la prima e forse l'unica. Magari spiegherà che ha un diverso modo di fare didattica (magari). Oppure si sentirà chiamata in causa, oppure bellamente continuerà a non far nulla.
La rabbia, pur comprensibile, perché c'è chi prende lo stesso stipendio senza far nulla mi pare vada esclusa dal discorso. L'interesse dei ragazzi è altra questione, e mi sembra, quella che sta più a cuore a chi scrive.
Come si fa?
Non lo so. Penso però che chiedere informazioni a lei su come si trova, su come vanno i ragazzi nella sua materia, se ha già preparato le prime verifiche, potrebbe essere un inizio. Magari si scopre che in realtà se bene che fa, oppure che cercava proprio un suggerimento...
Tornare in alto Andare in basso
Mustang



Messaggi : 3695
Data d'iscrizione : 12.04.16

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 5:48 pm

ushikawa ha scritto:
vittima del branco? Ma neanche per sogno.
Ho conosciuto docenti davvero in difficoltà (burn-out) alle quali le colleghe sottobanco davano addosso, tra di loro e con i genitori: in quel caso si può parlare di branco. Qui invece si tratta di una persona alla quale nessuno ha detto o fatto nulla, tranquilla, serena e beata del fatto che fare una supplenza vuol dire non fare un accidente da qui alla fine di ottobre: tanto gli alunni recupereranno in seguito, cosa importa se hanno perso un mese e mezzo degli otto a disposizione?
Comunque sono uomo.
ok, scusami, non lo avevo capito.

Bene, visto che la collega è bella tranquilla e a modo suo sta facendo lezione, (hai detto che i ragazzi non si lamentano, i genitori idem) sembra che gli unici che la osserviate (perchè poi?) siete voi.
Cosa vi interessa?
Se ritieni che non sia capace (ancora non si è capito capace di fare cosa) ditelo al ds.
qual è il problema se siete in buona fede?
Tornare in alto Andare in basso
Mustang



Messaggi : 3695
Data d'iscrizione : 12.04.16

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 5:54 pm

Platone84 ha scritto:


Premesso che non mi piace il tono che traspare in queste tue parole mentre mi chiedi cosa farei e anche se avevo dichiarato di non essere intervenuto sul caso specifico, visto che sono qui a scrivere espongo brevemente la mia posizione.


Mi hai accusato di essere omertoso, non puoi darmi dell'aggressivo...

Platone84 ha scritto:

Se mi dovessi trovare in una situazione simile non riterrei opportuno correre subito dal DS. Soprattutto se "il problema" fosse sollevato anche da altri colleghi, immagino che proverei a parlare con questa supplente, magari cercando di essere ammiccante, facendole intendere che il mio scopo non è criticarla o rimproverarla, ma fare anche il suo interesse.. chessò, dicendole che ho sentito colleghi che si lamentavano e che per evitarsi problemi potrebbe provare a cambiare atteggiamento, oppure mettendola sul versante alunni, raccontandole di come anche io all'inizio la pensavo come lei, comprendendo che è una seccatura dover organizzare l'attività didattica magari solo per pochi giorni, che tanto poi il tempo per recuperare c'è, ma che in realtà negli ultimi anni queste nomine fino ad avente diritto non si sa quando terminano, che con l'alternanza e le varie attività oramai l'anno è più "striminzito" di un tempo, e ho notato che gli studenti, soprattutto quelli più deboli, alla fine non riescono più a recuperare e che anche se è una bella rogna forse farebbe meglio a fargli fare qualcosa, che (compatibilmente con la materia di insegnamento) se vuole e per quel che posso può contare su di me o su altri colleghi, ecc.
Poi bisogna vedere come reagisce alle parole e fare leva su quelle che sul momento sembrano fare più breccia.
In  fondo lo scopo è davvero quello di far funzionare la scuola e non recar danno agli studenti, e non quello di ergersi a paladini o togliersi il "gusto" di bacchettare un collega.
Solo come estrema ratio coinvolgerei anche il DS.

ma scusa, prima accusi tutti di omertà e di farsi i fatti propri e al dunque ti inventi la storiella da dire?
Se si ritiene di essere nel giusto (ancora nessuno mi ha spiegato come si fa a giudicare un metodo didattico rispetto ad un altro) perchè non andare dal DS, unico deputato a controllare l'andamento didattico e il comportamenti dei docenti?

se capitasse a te, come reagiresti?
Io inizierei a chiudere la porta e direi di farsi i fatti propri.
Tornare in alto Andare in basso
Mustang



Messaggi : 3695
Data d'iscrizione : 12.04.16

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 5:57 pm

Galadriel ha scritto:
Mi sfugge in quale punto alcuni di voi leggono che il collega perderebbe tempo in classe a infamare la supplente con gli studenti. Non mi pare ushikawa abbia scritto questo.

Pare anche a me che non sia il caso di rivolgersi in primis al DS. Pensavo che la strada del parlarle (consigli, come ti trovi, certo è sempre difficile programmare quando si sa di rimanere solo pochi giorni...) fosse già stata tentata.
Se non lo è, mi pare la prima e forse l'unica. Magari spiegherà che ha un diverso modo di fare didattica (magari). Oppure si sentirà chiamata in causa, oppure bellamente continuerà a non far nulla.
La rabbia, pur comprensibile, perché c'è chi prende lo stesso stipendio senza far nulla mi pare vada esclusa dal discorso. L'interesse dei ragazzi è altra questione, e mi sembra, quella che sta più a cuore a chi scrive.
Come si fa?
Non lo so. Penso però che chiedere informazioni a lei su come si trova, su come vanno i ragazzi nella sua materia, se ha già preparato le prime verifiche, potrebbe essere un inizio. Magari si scopre che in realtà se bene che fa, oppure che cercava proprio un suggerimento...

Perchè solo gli studenti possono dire che non fanno nulla.
Scusa ma io quando sono in classe, non ho il tempo di seguire cosa fanno gli altri colleghi, anche che fossero la porta accanto o di fronte.
Resta l'alternativa di non fare lezione per "controllare" la supplente; però nel torto poi ci sta chi controlla, non il controllato.

fammi capire, tu vai da una collega, non al primo incarico magari, di altra materia, e le chiedi se ha fatto le verifiche? ma un "non sono cazzi tuoi" , non vuoi che te lo risponda?
scusate ma qui stiamo esagerando.
Poi però tutti a scrivere del coordinatore invadente che vuol sapere le cose...


Ultima modifica di Mustang il Mar Ott 11, 2016 6:05 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 6:03 pm

@ushikawa, quello che penso l'ho già espresso all'inizio e non mi ripeto.

Ragionando sulla situazione e sul perchè mi viene in mente (anche se hai detto che la supplente non è di primo pelo) che faccia così perchè non ha idea di cosa deve fare.

Ha già insegnato in quel tipo di scuola?
Ha idea del programma da svolgere?
Non è che se ne sta lì perchè tutto sommato nessuno le ha detto nulla e lei non osa chiedere?

in base a questo mi viene in mente di suggerirti di approcciarla in questo modo: con molta cortesia chiedetele se qualcuno si sia degnato di dirle cosa deve fare in questo periodo in cui è qui-
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 6:06 pm

In effetti nemmeno a me è chiara la dinamica: come avviene questa raccolta informazione con gli studenti? Si interrompe la lezione per parlare dei colleghi? Si parla a tu per tu con dei ragazzi su dei colleghi? Si telefona a casa dei genitori dei ragazzi?

Qualora nessuna delle ipotesi precedente si verificasse: il docente di sostegno e l'aec di quella scuola hanno il compito di relazionare sui colleghi? Esattamente che ruolo ricoprono? Forse il docente di sostegno è tutor nell'anno di prova della collega? E l'aec quale ruolo ha? In fondo sono gli unici che possono essere in compresenza!

Attendo lumi, la questione è interessante
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 337
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: se la supplente è incapace   Mar Ott 11, 2016 6:07 pm

Ire ha scritto:
@ushikawa, quello che penso l'ho già espresso all'inizio e non mi ripeto.

Ragionando sulla situazione e sul perchè mi viene in mente (anche se hai detto che la supplente non è di primo pelo)  che faccia così perchè non ha idea di cosa deve fare.

Ha già insegnato in quel tipo di scuola?
Ha idea del programma da svolgere?
Non è che se ne sta lì perchè tutto sommato nessuno le ha detto nulla e lei non osa chiedere?

in base a questo mi viene in mente di suggerirti di approcciarla in questo modo: con molta cortesia chiedetele se qualcuno si sia degnato di dirle cosa deve fare in questo periodo in cui è qui-

Questa mi sembra una proposta sensata e rispettosa.
Tornare in alto Andare in basso
 
se la supplente è incapace
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 5 di 9Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente
 Argomenti simili
-
» Rientro del 1°suppl. dopo il 30 aprile....cosa succede al 2° supplente?
» supplente del supplente: chi avrà la proroga?
» pagata dal tesoro, e pagata meno...in che senso???
» maternità anticipata per supplente
» scrutini finali e supplente

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: