Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 pdp per alunni bes

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
AutoreMessaggio
forza
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: pdp per alunni bes   Ven Ott 14, 2016 7:11 pm

Promemoria primo messaggio :

escludiamo i dsa per cui il pdp è obbligatorio, per i bes lo è o è a discrezione del consiglio? dipende dal fatto che abbiano una relazione dell'asl o della scuola dell'ordine precedente?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 5:16 pm

lucetta10 ha scritto:
carla75 ha scritto:
certo che no, ma io personalmente non ritengo tollerabile nemmeno il contrario. forse anche di più. e vedrai che se questo e' l'andazzo pian piano si formeranno classi differenziate.
ora, in soldoni mi spieghi come fa un docente di matematica che ha tre ore alla settimana a rinforzare i ragazzi in difficoltà senza ritardare il programma? se ho metà classe certificata (e' il caso della classe in cui sto quest'anno) io docente devo per forza fermarmi ogni due per tre per riformulare i concetti, dimezzando la programmazione. e' giusto secondo te? ecco a cosa servivano i docenti di sostegno. in molti l'hanno capito solo ora.


non dovresti avere metà classe certificata, il problema è di chi l'ha formata così.
E' evidente che in questa situazione non si può operare in nessun modo, né agevolare nessuno
se sette ragazzi scelgono un indirizzo che e' c'e' un'unica sezione, cosa fa un DS? l'unica speranza che un paio di quello bravi, scelga un altro corso. sennò lì dentro muoiono.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 5:20 pm

ushikawa ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
carla75 ha scritto:
certo che no, ma io personalmente non ritengo tollerabile nemmeno il contrario. forse anche di più. e vedrai che se questo e' l'andazzo pian piano si formeranno classi differenziate.
ora, in soldoni mi spieghi come fa un docente di matematica che ha tre ore alla settimana a rinforzare i ragazzi in difficoltà senza ritardare il programma? se ho metà classe certificata (e' il caso della classe in cui sto quest'anno) io docente devo per forza fermarmi ogni due per tre per riformulare i concetti, dimezzando la programmazione. e' giusto secondo te? ecco a cosa servivano i docenti di sostegno. in molti l'hanno capito solo ora.


non dovresti avere metà classe certificata, il problema è di chi l'ha formata così.
E' evidente che in questa situazione non si può operare in nessun modo, né agevolare nessuno

Per un assurdo vincolo sulla lingua prescelta mi trovo quest'anno con una classe con la metà degli alunni certificati. Caso piuttosto insolito, questi alunni hanno davvero delle difficoltà e, soprattutto, sono abituati al fatto che la scuola con loro fosse decisamente poco esigente rispetto a quanto chiesto a tutti i compagni. Le due cose sono ovviamente collegate.
Morale della favola: quest'anno noi professori di quella classe saremo costretti ad andare piano piano con tutti, con molta pazienza... per lo meno sono abbastanza educati.

So benissimo che queste cose succedono e che i miracoli non li sa far nessuno. Nella mia scuola ci sono classi inzeppate perfino di alunni con disabilità, che ci prediligono e si accontentano ance se li inseriamo in classe con altri disabili.
Succede spesso perché, nonostante sia previsto, gli alunni certificati non si respingono mai al momento dell'iscrizione per timore di ricorsi, e per il fatto che le scuole non vogliono perdere iscrizioni, quali che siano, qualunque siano gli spazi, qualunque siano le classi, non sia mai che si vada sotto soglie a rischio dimensionamento!
Quello che non capisco però è perché in questi casi le famiglie, soprattutto quelle degli alunni certificati, non protestino e non facciano valere il loro sacrosanto diritto a un ambiente formativo idoneo per i figli. Basterebbe poco: queste classi vengono fatte in barba ai regolamenti che le scuole stesse si danno per la composizione delle classi oltre che alle direttive del MIUR
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 5:22 pm

carla75 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
carla75 ha scritto:
certo che no, ma io personalmente non ritengo tollerabile nemmeno il contrario. forse anche di più. e vedrai che se questo e' l'andazzo pian piano si formeranno classi differenziate.
ora, in soldoni mi spieghi come fa un docente di matematica che ha tre ore alla settimana a rinforzare i ragazzi in difficoltà senza ritardare il programma? se ho metà classe certificata (e' il caso della classe in cui sto quest'anno) io docente devo per forza fermarmi ogni due per tre per riformulare i concetti, dimezzando la programmazione. e' giusto secondo te? ecco a cosa servivano i docenti di sostegno. in molti l'hanno capito solo ora.


non dovresti avere metà classe certificata, il problema è di chi l'ha formata così.
E' evidente che in questa situazione non si può operare in nessun modo, né agevolare nessuno
se sette ragazzi scelgono un indirizzo che e' c'e' un'unica sezione, cosa fa un DS? l'unica speranza che un paio di quello bravi, scelga un altro corso. sennò lì dentro muoiono.


il DS non manda indietro nessuno, certo, ma non certo per salvaguardare la didattica: l'indirizzo così non si fa comunque e si fa la classe differenziale in cui muoiono anche i docenti però! Ma le reti non erano state fatte anche per distribuire l'utenza in modo razionale?
Tornare in alto Andare in basso
Online
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 5:24 pm

lucetta10 ha scritto:
carla75 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
carla75 ha scritto:
certo che no, ma io personalmente non ritengo tollerabile nemmeno il contrario. forse anche di più. e vedrai che se questo e' l'andazzo pian piano si formeranno classi differenziate.
ora, in soldoni mi spieghi come fa un docente di matematica che ha tre ore alla settimana a rinforzare i ragazzi in difficoltà senza ritardare il programma? se ho metà classe certificata (e' il caso della classe in cui sto quest'anno) io docente devo per forza fermarmi ogni due per tre per riformulare i concetti, dimezzando la programmazione. e' giusto secondo te? ecco a cosa servivano i docenti di sostegno. in molti l'hanno capito solo ora.


non dovresti avere metà classe certificata, il problema è di chi l'ha formata così.
E' evidente che in questa situazione non si può operare in nessun modo, né agevolare nessuno
se sette ragazzi scelgono un indirizzo fatto da un'unica sezione, cosa fa un DS? l'unica speranza che un paio di quello bravi, scelga un altro corso. sennò lì dentro muoiono.


il DS non manda indietro nessuno, certo, ma non certo per salvaguardare la didattica: l'indirizzo così non si fa comunque e si fa la classe differenziale in cui muoiono anche i docenti però! Ma le reti non erano state fatte anche per distribuire l'utenza in modo razionale?
cosa vuoi che ti dica? a me dispiace per i ragazzi dotati che fanno compiti di matematica con espressioni di prima media. del resto nelle altre classi prime non va meglio. e siamo in un tecnico.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6149
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 5:28 pm

ushikawa ha scritto:
Il problema è, semmai, quando si chiede la calcolatrici per diagnosi generiche di ansia, oppure di disgrafia che non c'appizza nulla, o ancora nel caso di quelle diagnosi farlocche che coprono un lieve deficit cognitivo con una serie di imperscrutabili F80 F81 ecc.,

Ma francamente, in casi come quelli, la calcolatrice è il minimo dei problemi: la famiglia la vuole, lo specialista dice che ci vuole, tu gliela lasci usare, il ragazzo sbaglia il compito lo stesso PROPRIO perché non è vero che per lui la calcolatrice sia un aiuto valido, e tu sei a posto sia con la legge che con la coscienza. Poi, dopo che hanno cominciato a fioccare le insufficienze "nonostante la calcolatrice", forse i genitori capiscono...


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Dom Ott 16, 2016 5:31 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 5:30 pm

mio nipote e' un tipetto molto brillante, soprattutto nelle materie scientifiche. le materie letterarie le snobba perchè richiedono tempo e studio noioso a suo dire. ho sempre pensato che avrebbe fatto il tecnico. adesso, a costo di calci nel sedere, si fa lo scientifico senza fiatare.
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 5:32 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
ushikawa ha scritto:
Il problema è, semmai, quando si chiede la calcolatrici per diagnosi generiche di ansia, oppure di disgrafia che non c'appizza nulla, o ancora nel caso di quelle diagnosi farlocche che coprono un lieve deficit cognitivo con una serie di imperscrutabili F80 F81 ecc.,

Ma francamente, in casi come quelli, la calcolatrice è il minimo dei problemi: la famiglia la vuole, lo specialista dice che ci vuole, tu gliela lasci usare, il ragazzo sbaglia il compito lo stesso PROPRIO perché non è vero che la calcolatrice sia valida come strumento di ausilio per lui, e tu sei a posto sia con la legge che con la coscienza. Poi, dopo che hanno cominciato a fioccare le insufficienze "nonostante la calcolatrice", forse i genitori capiscono...
esatto.
Tornare in alto Andare in basso
retrocomputer



Messaggi : 507
Data d'iscrizione : 12.07.14

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 5:37 pm

avidodinformazioni ha scritto:

E' sempre il solito discorso, per chi lavoriamo ?

1) per i ragazzi ?
2) per le famiglie ?
3) per la nazione ?
4) per il MIUR ?
5) per noi stessi ?


Per i ragazzi.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 5:52 pm

carla75 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
carla75 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
carla75 ha scritto:
certo che no, ma io personalmente non ritengo tollerabile nemmeno il contrario. forse anche di più. e vedrai che se questo e' l'andazzo pian piano si formeranno classi differenziate.
ora, in soldoni mi spieghi come fa un docente di matematica che ha tre ore alla settimana a rinforzare i ragazzi in difficoltà senza ritardare il programma? se ho metà classe certificata (e' il caso della classe in cui sto quest'anno) io docente devo per forza fermarmi ogni due per tre per riformulare i concetti, dimezzando la programmazione. e' giusto secondo te? ecco a cosa servivano i docenti di sostegno. in molti l'hanno capito solo ora.


non dovresti avere metà classe certificata, il problema è di chi l'ha formata così.
E' evidente che in questa situazione non si può operare in nessun modo, né agevolare nessuno
se sette ragazzi scelgono un indirizzo fatto da un'unica sezione, cosa fa un DS? l'unica speranza che un paio di quello bravi, scelga un altro corso. sennò lì dentro muoiono.


il DS non manda indietro nessuno, certo, ma non certo per salvaguardare la didattica: l'indirizzo così non si fa comunque e si fa la classe differenziale in cui muoiono anche i docenti però! Ma le reti non erano state fatte anche per distribuire l'utenza in modo razionale?
cosa vuoi che ti dica? a me dispiace per i ragazzi dotati che fanno compiti di matematica con espressioni di prima media. del resto nelle altre classi prime non va meglio. e siamo in un tecnico.

Ah niente! Ci piangiamo sulla spalla e aspettiamo che il cadavere del nostro nemico passi, non è che ci rimanga molto altro.
Incassa una magra solidarietà
Tornare in alto Andare in basso
Online
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 5:52 pm

retrocomputer ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:

E' sempre il solito discorso, per chi lavoriamo ?

1) per i ragazzi ?
2) per le famiglie ?
3) per la nazione ?
4) per il MIUR ?
5) per noi stessi ?


Per i ragazzi.
alle superiori non solo. anzi!
infatti noi certifichiamo competenze conferendo titoli. Titoli che a loro volta consentono l'iscrizione all'università e l'accesso a pubblici concorsi. a tutela non dei ragazzi, ma della nazione.
quando un ragazzo prende un diploma noi certifichiamo alla collettività che quella persona ha una preparazione minima per accedere all'istruzione superiore o per accedere ad un posto pubblico, che potrebbe essere anche per soli titoli ad esempio. vi rammento che, per cucinare nelle mense ospedaliere o scolastiche , quindi ai vostri figli, occorre la qualifica di cuoco.
ti ricordo collega inoltre che, nell'esercizio delle tue funzioni, anche certificative, tu sei un pubblico ufficiale.

e da ultimo : Articolo 98 Costituzione
I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 5:58 pm

carla75 ha scritto:
retrocomputer ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:

E' sempre il solito discorso, per chi lavoriamo ?

1) per i ragazzi ?
2) per le famiglie ?
3) per la nazione ?
4) per il MIUR ?
5) per noi stessi ?


Per i ragazzi.
alle superiori non solo. anzi!
infatti noi certifichiamo competenze conferendo titoli. Titoli che a loro volta consentono l'iscrizione all'università e l'accesso a pubblici concorsi. a tutela non dei ragazzi, ma della nazione.
quando un ragazzo prende un diploma noi certifichiamo alla collettività che quella persona ha una preparazione minima per accedere all'istruzione superiore o per accedere ad un posto pubblico, che potrebbe essere anche per soli titoli ad esempio. vi rammento che, per cucinare nelle mense ospedaliere o scolastiche , quindi ai vostri figli, occorre la qualifica di cuoco.
ti ricordo collega inoltre che, nell'esercizio delle tue funzioni, anche certificative, tu sei un pubblico ufficiale.

Le competenze si certificano e i titoli con valore legale si elargiscono anche nei gradi inferiori, gli accessi ai pubblici uffici ci sono anche con la terza media, senza titolo di scuola primaria non  si accede alla scuola secondaria: quello che dici per le superiori vale per tutti gli esami di stato, oltre che per il passaggio alla scuola secondaria, dove ci sono sempre pubblici ufficiali


Ultima modifica di lucetta10 il Dom Ott 16, 2016 6:23 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6149
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 6:05 pm

Appunto: quindi finiamola con il proclama missionario e commovente secondo cui "lavoriamo solo per i ragazzi", come se la scuola fosse un servizio individuale alla persona rivolto solo a chi ne sta usufruendo in quel momento. Lavoriamo per tutta la società a livello collettivo e a lungo termine, perché una società complessivamente più istruita è un bene per tutti, anche per chi non sta andando a scuola adesso, o chi non ha figli che ci vanno.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa



Messaggi : 1876
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 6:14 pm

Sbaglierò, ma per come la vedo io un docente, pure un docentucolo sfigato come lo siamo noi delle medie, dovrebbe essere consapevole che sta lavorando non per i ragazzi, non per la famiglia, non per la Nazione, non per il MIUR e non per sé stesso, ma per la società; più precisamente per un'idea di società, quella che traspare tra le righe della costituzione. Per intenderci, quella delle pari opportunità ma anche quella dei capaci e dei meritevoli, dell'arte e la scienza libere e del libero insegnamento.

Ovviamente un lavoro così importante richiede una giusta retribuzione, quindi lavoro anche per me stesso; ovviamente il MIUR mi paga ed emana direttive vincolanti, quindi lavoro anche per il MIUR; ovviamente la Nazione è l'istituzione che rappresenta la sovranità politica di una società, quindi anche per la nazione; ovviamente le famiglie e i ragazzi avranno vantaggio, sul medio-lungo periodo, ad avere figli istruiti e formati, quindi anche per le famiglie e per i ragazzi.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 6:27 pm

ushikawa ha scritto:
Sbaglierò, ma per come la vedo io un docente, pure un docentucolo sfigato come lo siamo noi delle medie, dovrebbe essere consapevole che sta lavorando non per i ragazzi, non per la famiglia, non per la Nazione, non per il MIUR e non per sé stesso, ma per la società; più precisamente per un'idea di società, quella che traspare tra le righe della costituzione. Per intenderci, quella delle pari opportunità ma anche quella dei capaci e dei meritevoli, dell'arte e la scienza libere e del libero insegnamento.

Ovviamente un lavoro così importante richiede una giusta retribuzione, quindi lavoro anche per me stesso; ovviamente il MIUR mi paga ed emana direttive vincolanti, quindi lavoro anche per il MIUR; ovviamente la Nazione è l'istituzione che rappresenta la sovranità politica di una società, quindi anche per la nazione; ovviamente le famiglie e i ragazzi avranno vantaggio, sul medio-lungo periodo, ad avere figli istruiti e formati, quindi anche per le famiglie e per i ragazzi.


Assolutamente d'accordo su tutto, salvo il fatto che anche il MIUR dovrebbe rappresentare una emanazione della società, attualizzare debitamente le sue indicazioni, rendere praticabili gli obiettivi della Costituzione e rendere operativi gli indirizzi generale in merito all'istruzione pubblica, non ci lavora mica soltanto il ministro del momento...

Il problema del lavorare per il futuro della società va allora anche considerato in virtù delle nuove indicazioni che dalla società provengono e che cambiano come è naturale: bene dunque il faro della Costituzione, ma la scuola cambia e è cambiata a partire da nuovi bisogni (come quelli che stiamo dibattendo)
Tornare in alto Andare in basso
Online
retrocomputer



Messaggi : 507
Data d'iscrizione : 12.07.14

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 6:35 pm

ushikawa ha scritto:

Ovviamente un lavoro così importante richiede una giusta retribuzione, quindi lavoro anche per me stesso; ovviamente il MIUR mi paga ed emana direttive vincolanti, quindi lavoro anche per il MIUR; ovviamente la Nazione è l'istituzione che rappresenta la sovranità politica di una società, quindi anche per la nazione; ovviamente le famiglie e i ragazzi avranno vantaggio, sul medio-lungo periodo, ad avere figli istruiti e formati, quindi anche per le famiglie e per i ragazzi.

Hai scordato l'universo, lavoriamo per salvare l'universo dalle forze del male :-)
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1876
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 6:35 pm

i bisogni se ci sono c'erano anche cinquant'anni fa e anche cinquant'anni fa in qualche modo li si trattava, magari peggio di adesso (ma forse si sarebbero potuti trattare anche meglio, ma su diverse basi). Il problema è ancora una volta ideologico: una volta si pensava che dovesse essere il discente-individuo, più o meno bisognoso, più o meno speciale, cittadino come tutti, a doversi adattare alla scuola e, più in generale, alla società di cui la scuola è una parte; adesso si pensa che debba avvenire il contrario, cioè che sia l'istituzione a doversi adeguare all'individuo ma questo mina l'unicità e l'universalità dell'istruzione e, sul lungo periodo, i diritti all'istruzione, a un giusto lavoro, a una esistenza libera di tutti. Detto in parole più povere, per come la vedo io autonomia e personalizzazione sono stati due colpi mortali per la scuola pubblica.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 6:35 pm

retrocomputer ha scritto:
ushikawa ha scritto:

Ovviamente un lavoro così importante richiede una giusta retribuzione, quindi lavoro anche per me stesso; ovviamente il MIUR mi paga ed emana direttive vincolanti, quindi lavoro anche per il MIUR; ovviamente la Nazione è l'istituzione che rappresenta la sovranità politica di una società, quindi anche per la nazione; ovviamente le famiglie e i ragazzi avranno vantaggio, sul medio-lungo periodo, ad avere figli istruiti e formati, quindi anche per le famiglie e per i ragazzi.

Hai scordato l'universo, lavoriamo per salvare l'universo dalle forze del male :-)


allora mi sa che abbiamo perso...
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa



Messaggi : 1876
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 6:36 pm

retrocomputer ha scritto:
ushikawa ha scritto:

Ovviamente un lavoro così importante richiede una giusta retribuzione, quindi lavoro anche per me stesso; ovviamente il MIUR mi paga ed emana direttive vincolanti, quindi lavoro anche per il MIUR; ovviamente la Nazione è l'istituzione che rappresenta la sovranità politica di una società, quindi anche per la nazione; ovviamente le famiglie e i ragazzi avranno vantaggio, sul medio-lungo periodo, ad avere figli istruiti e formati, quindi anche per le famiglie e per i ragazzi.

Hai scordato l'universo, lavoriamo per salvare l'universo dalle forze del male :-)

Con uno che dice di lavorare "per i ragazzi" non ho molto da discutere.
Poi se mi volete prendere in giro perché credo di svolgere un lavoro socialmente molto importante... accomodatevi pure. Non sono certo annoverabile tra i missionari o quelli che lavorano "per passione", due categorie molto deleterie nel mondo della scuola.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5360
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 6:47 pm

ushikawa ha scritto:
i bisogni se ci sono c'erano anche cinquant'anni fa e anche cinquant'anni fa in qualche modo li si trattava, magari peggio di adesso (ma forse si sarebbero potuti trattare anche meglio, ma su diverse basi). Il problema è ancora una volta ideologico: una volta si pensava che dovesse essere il discente-individuo, più o meno bisognoso, più o meno speciale, cittadino come tutti, a doversi adattare alla scuola e, più in generale, alla società di cui la scuola è una parte; adesso si pensa che debba avvenire il contrario, cioè che sia l'istituzione a doversi adeguare all'individuo ma questo mina l'unicità e l'universalità dell'istruzione e, sul lungo periodo, i diritti all'istruzione, a un giusto lavoro, a una esistenza libera di tutti. Detto in parole più povere, per come la vedo io autonomia e personalizzazione sono stati due colpi mortali per la scuola pubblica.


La società è cambiata troppo per fare generalizzazioni, per esempio ora non ci sono più soltanto i "cittadini" nelle nostre aule e il concetto stesso di cittadinanza non è più lo stesso.
Di difendere la scuola degli anni '50/'60/'70 francamente proprio non me la sentonemmeno nelle sue premesse teoriche, anche se lo sfascio attuale ci fa sospirare per i tempi che furono. Pasolini voleva abolirla e aveva tanti buoni motivi.
Autonomia e personalizzazione sono due temi completamente diversi: la prima non ha a che vedere con la gestione della didattica e andrebbe avanti anche senza personalizzazione, come va ipocritamente avanti (indietro?) senza i soldi che richiederebbe; la seconda è stata seguita con troppo entusiasmo in primo luogo dai docenti, molti entusiasti della prima ora. Se anche qualche aspetto, va riconosciuto, è condivisibile è stato reso insopportabile soprattutto dalla pratica quotidiana... e siamo arrivati agli strumenti compensativi sulla certificazione.
Tutte e due le cose hanno sicuramente in comune che non sono state dotate di quello di cui avrebbero avuto bisogno: più soldi l'autonomia, più insegnanti la personalizzazione (siamo tutti bravi a parlare di personalizzare e contemporaneamente abolire le compresenza e ridurre il sostegno!)
Tornare in alto Andare in basso
Online
retrocomputer



Messaggi : 507
Data d'iscrizione : 12.07.14

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 6:49 pm

ushikawa ha scritto:

Con uno che dice di lavorare "per i ragazzi" non ho molto da discutere.
Poi se mi volete prendere in giro perché credo di svolgere un lavoro socialmente molto importante... accomodatevi pure. Non sono certo annoverabile tra i missionari o quelli che lavorano "per passione", due categorie molto deleterie nel mondo della scuola.

Cosa c'entrano i missionari? Veramente avrei parlato di lavorare ;-)

E comunque sì, lavorare a scuola mi appassiona, ammetto la grave colpa...
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 6:53 pm

retrocomputer ha scritto:
ushikawa ha scritto:

Con uno che dice di lavorare "per i ragazzi" non ho molto da discutere.
Poi se mi volete prendere in giro perché credo di svolgere un lavoro socialmente molto importante... accomodatevi pure. Non sono certo annoverabile tra i missionari o quelli che lavorano "per passione", due categorie molto deleterie nel mondo della scuola.

Cosa c'entrano i missionari? Veramente avrei parlato di lavorare ;-)

E comunque sì, lavorare a scuola mi appassiona, ammetto la grave colpa...
anche a me appassiona lavorare con i ragazzi, consapevole pero' del mio ruolo
Tornare in alto Andare in basso
retrocomputer



Messaggi : 507
Data d'iscrizione : 12.07.14

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 8:59 pm

carla75 ha scritto:
anche a me appassiona lavorare con i ragazzi, consapevole pero' del mio ruolo

Il proprio ruolo lo sanno anche le scarpe. Preferisco la parte in cui dici della tua passione ;-)
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 9:16 pm

ushikawa ha scritto:
Sbaglierò, ma per come la vedo io un docente, pure un docentucolo sfigato come lo siamo noi delle medie, dovrebbe essere consapevole che sta lavorando non per i ragazzi, non per la famiglia, non per la Nazione, non per il MIUR e non per sé stesso, ma per la società; più precisamente per un'idea di società, quella che traspare tra le righe della costituzione. Per intenderci, quella delle pari opportunità ma anche quella dei capaci e dei meritevoli, dell'arte e la scienza libere e del libero insegnamento.

Ovviamente un lavoro così importante richiede una giusta retribuzione, quindi lavoro anche per me stesso; ovviamente il MIUR mi paga ed emana direttive vincolanti, quindi lavoro anche per il MIUR; ovviamente la Nazione è l'istituzione che rappresenta la sovranità politica di una società, quindi anche per la nazione; ovviamente le famiglie e i ragazzi avranno vantaggio, sul medio-lungo periodo, ad avere figli istruiti e formati, quindi anche per le famiglie e per i ragazzi.
Il ragazzo vuole studiare poco, anche in classe, ed avere buoni voti; devi quindi regalarglieli.
I genitori vogliono buoni voti, ma vogliono anche che i ragazzi studino, soprattutto in classe, quindi devi interessarli (ai polinomi).
Il MIUR vuole mantenere bassi i costi quindi devi promuovere tutti, ma pretende competenze in uscita (diversamente dai ragazzi)
La società (nazione è sinonimo) vuole meritocrazia.
Il docente vuole guadagnarsi onestamente lo stipendio (niente falso in atto pubblico), conservare la dignità (non fare il buffone davanti alle capre) e lavorare serenamente (no burnout) un numero di ore adeguato allo stipendio da operaio che prende, conservando un po' di tempo ed energie per la propria famiglia (figli compresi).

Tu riesci ad accontentare tutti ?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 9:19 pm

lucetta10 ha scritto:
Assolutamente d'accordo su tutto, salvo il fatto che anche il MIUR dovrebbe rappresentare una emanazione della società, attualizzare debitamente le sue indicazioni, rendere praticabili gli obiettivi della Costituzione e rendere operativi gli indirizzi generale in merito all'istruzione pubblica, non ci lavora mica soltanto il ministro del momento...
Al MIUR lavorano il ministro del momento, i sottosegretari del momento, i funzionari nominati dal ministro del momento e dai ministri passati.

Tu pensi che al MIUR ci sia molta gente non politicizzata, a parte gli uscieri ?
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1876
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: pdp per alunni bes   Dom Ott 16, 2016 9:31 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Il ragazzo vuole studiare poco, anche in classe, ed avere buoni voti; devi quindi regalarglieli.
I genitori vogliono buoni voti, ma vogliono anche che i ragazzi studino, soprattutto in classe, quindi devi interessarli (ai polinomi).
Il MIUR vuole mantenere bassi i costi quindi devi promuovere tutti, ma pretende competenze in uscita (diversamente dai ragazzi)
La società (nazione è sinonimo) vuole meritocrazia.
Il docente vuole guadagnarsi onestamente lo stipendio (niente falso in atto pubblico), conservare la dignità (non fare il buffone davanti alle capre) e lavorare serenamente (no burnout) un numero di ore adeguato allo stipendio da operaio che prende, conservando un po' di tempo ed energie per la propria famiglia (figli compresi).

Tu riesci ad accontentare tutti ?

Del ragazzo me ne frega il giusto, della famiglia niente; del MIUR purtroppo non posso disinteressarmi, perché crea il contesto in cui lavoro; della meritocrazia non mi interessa, perché meritocrazia è parola vuota che assume significati diversi in base a chi detiene il potere. L'unica cosa che mi interessa è l'ultimo punto, cioè guadagnarmi onestamente lo stipendio con tutti gli annessi e connessi. Solo che per me "onestamente" ha un significato abbastanza ampio.
Tornare in alto Andare in basso
 
pdp per alunni bes
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 5Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
 Argomenti simili
-
» Presentazione dei Professori e degli alunni.
» Qual è il giusto atteggiamento da tenere con gli alunni?
» alunni in difficoltà economiche
» Vigilanza alunni uscita scuole medie
» alunni con BES

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: