Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 telecamere in classe

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
rita2



Messaggi : 2039
Data d'iscrizione : 04.07.11

MessaggioOggetto: telecamere in classe   Mer Ott 19, 2016 7:11 pm

Promemoria primo messaggio :

Sulle telecamere in classe , come su miliardi di altre cose, ognuno la pensa a modo suo
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
comp_xt



Messaggi : 935
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 7:27 pm

rita 76 ha scritto:

dovere del datore di lavoro porre le condizioni affinché nessun lavoratore si ammali? giusto! ma quante volte succede, nella realtà, il contrario e cioè che il lavoratore si ammali a causa di determinate situazioni che vi sono nell' ambiente di lavoro?

Succede troppo spesso, ma non dovrebbe succedere.
E come al solito ci ostiniamo a voler agire sull'effetto (mettendo le telecamere) anziché sulla causa.
Tornare in alto Andare in basso
retrocomputer



Messaggi : 507
Data d'iscrizione : 12.07.14

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 7:28 pm

Ireeee... Ho già consigliato a paniscus un sacco da pugilato per sfogarsi e ora lo consiglio anche a te ;-)
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 7:40 pm

non ne ho bisogno, retrocomputer.

Non metto in giro voci false, non dico parolacce, non arrivo con approcci aggressivi nei confronti di alcuno.

Dico che paniscus è una imbecille perchè ha scelto di colpirmi sulla celiachia di mio figlio.

A lui anche una ombra omeopatica di farina fa molto male.

Sono cose che non si fanno retrocomputer. Un colpo basso che la rende felice. Buon pro le faccia.

Io sono proprio molto serena. E ho ripreso subito il discorso della telecamera riportandolo al topic.

Dove ci sono persone che sanno rivendicare il proprio diritto le telecamere sono superflue.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
retrocomputer



Messaggi : 507
Data d'iscrizione : 12.07.14

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 7:44 pm

Ire ha scritto:

Dico che paniscus è una imbecille perchè ha scelto di colpirmi sulla celiachia di mio figlio.

Scusa, non lo sapevo.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 7:49 pm

retrocomputer ha scritto:
Ireeee... Ho già consigliato a paniscus un sacco da pugilato per sfogarsi e ora lo consiglio anche a te ;-)

comunque grazie : - )
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 8:05 pm

Ma che servano o non servano, qualcuno ne ha paura ? A me basta che non mi chiedano di comprarla a spese mie (in qualche scuola succederà).
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6161
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 8:15 pm

Ire ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Ire ha scritto:
chissà forse perchè uno sputacchino in un panino non fa tanto male come uno schiaffo ad un anziano fermo a letto?


Seehhhhh, aspetta che qualche ombra omeopatica di farina ordinaria finisca nel panino destinato a un celiaco, e poi vediamo quanto sei tollerante e conciliante.

Sei disgustosa.

Direi che quando arriviamo al punto di deridere chi ha problemi (l'ombra omeopatica sa tanto di derisione) il limite dell'imbecillità è superato.

Io non ho deriso chi ha problemi.

Semmai ho deriso chi è tanto patologicamente concentrato solo sul proprio ombelico da trovare naturale contraddirsi ogni oltre soglia di buon senso e di senso del ridicolo, a seconda che la cosa la tocchi di persona oppure no.

Finché il panino con lo sputacchio è solo un'ipotesi teorica che non ti riguarda, allora che vuoi che sia, non è grave.

Se ti si fa notare che la contaminazione del panino potrebbe anche creare dei problemi veri con i quali tu o qualche persona vicina a te avete familiarità diretta, allora l'argomentazione diventa "disgustosa", ma ovviamente il disgusto non sta nella cosa in sé, ma solo nella colpa di chi te l'ha fatto notare...

Quanto al riferimento all'omeopatia, non capisco cosa ci sia di oltraggioso.

A meno che tu non sia coinvolta personalmente anche su quello, tipo avere qualche familiare o qualche amico stretto che esercita tale pratica o che vende relativi prodotti, allora si spiegherebbe nel solito modo: "guai a chi mi tocca qualcosa che gira intorno al mio personale universo privato"...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 9:03 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Ma che servano o non servano, qualcuno ne ha paura ? A me basta che non mi chiedano di comprarla a spese mie (in qualche scuola succederà).

il problema è proprio lì.

Si possono mettere.

In quanto a chi le paga...
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
rita2



Messaggi : 2039
Data d'iscrizione : 04.07.11

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 9:39 pm

comp_xt ha scritto:
Ieri ho visto le riprese video di una maestra elementare sospesa dal servizio per aver malmenato e insultato in continuazione i suoi alunni.
A me è parsa una donna con seri problemi.
Non c'è bisogno che Ire o chi per lei mi ricordi che quella donna ha commesso dei crimini, ci arrivo da solo.
Quei problemi però sono solitamente causati dalla situazione lavorativa.
Il docente è un lavoratore e, come tutti i lavoratori,  ha il DIRITTO di non ammalarsi andando a lavorare.
Ed è un dovere del datore di lavoro porre le condizioni affinché nessuno si ammali a causa del suo lavoro.
Una scuola che sdogana la maleducazione e l'arroganza di alunni e genitori, lasciando i docenti soli a fare da domatori, è una scuola che fa ammalare.
Vogliamo far finta di non vedere questo aspetto, pensando che basti mettere le telecamere?

la maestra elementare che hai visto nel video ti è sembrata una " con seri problemi"?
ci credo! e penso anche che ci sia veramente tanta gente "con seri problemi"
Tornare in alto Andare in basso
rita2



Messaggi : 2039
Data d'iscrizione : 04.07.11

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 9:44 pm

comp_xt ha scritto:
Ieri ho visto le riprese video di una maestra elementare sospesa dal servizio per aver malmenato e insultato in continuazione i suoi alunni.
A me è parsa una donna con seri problemi.
Non c'è bisogno che Ire o chi per lei mi ricordi che quella donna ha commesso dei crimini, ci arrivo da solo.
Quei problemi però sono solitamente causati dalla situazione lavorativa.
Il docente è un lavoratore e, come tutti i lavoratori,  ha il DIRITTO di non ammalarsi andando a lavorare.
Ed è un dovere del datore di lavoro porre le condizioni affinché nessuno si ammali a causa del suo lavoro.
Una scuola che sdogana la maleducazione e l'arroganza di alunni e genitori, lasciando i docenti soli a fare da domatori, è una scuola che fa ammalare.
Vogliamo far finta di non vedere questo aspetto, pensando che basti mettere le telecamere?

probabilmente le telecamere non bastano; ci vuole ben altro. purtroppo la gente non si rende conto di avere "seri problemi" e già questo è un 'serio problema'. se, poi, si tratta di gente che gestisce (nel piccolo o nel grande) è un 'problema ancora più serio'
Tornare in alto Andare in basso
Mairu



Messaggi : 159
Data d'iscrizione : 14.03.16

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 10:01 pm

Io insegno alla scuola dell'infanzia e il discorso delle telecamere mi tocca da vicino.
Non mi sono fatta un'idea definitiva sulle telecamere. Idealmente sarei favorevole, perché non ho nulla da nascondere sul mio operato, tuttavia mi chiedo se una telecamera non possa a volte mistificare un po' la realtà, visto che immagino già che non si riuscirà a riprendere tutti gli spazi di tutta la scuola da tutte le angolature e quindi in realtà non si vede che cosa accade davvero, ed è poi difficile dimostrare se uno viene accusato ingiustamente o meno.
Alla scuola dell'infanzia è inevitabile bloccare un bambino, trascinarlo per un braccio, tenerlo fisicamente fermo perché cerca di scappare, di alzarsi, di picchiare un compagno. Non parlo solo dei casi di handicap gravi e dei bambini con disturbi del comportamento, ma anche dei classici bambini vivaci che ci sono sempre stati e sempre ci saranno, o dei classici bambini maleducati che oggi stanno diventando la norma, piuttosto che l'eccezione, per cui le parole non bastano più, ma le cose devi fargliele fisicamente fare, altrimenti ti ridono in faccia e pensano che con te possono fare come vogliono, forse perché fanno così a casa anche coi genitori.
Probabilmente sono solo delle mie paranoie, non si creeranno fraintendimenti simili e potrò stare tranquilla anche con 100 telecamere puntate addosso a me, visto che so come mi comporto, tuttavia ogni tanto ci rifletto e mi sento un po' in soggezione.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 10:13 pm

@ Mairu credo che sia normale e comprensibile che tu ti senta un po' in soggezione. Non credo sia piacevole, almeno inzialmente, sapere che c'è l'occhio.

Credo anche sia comprensibile il tuo timore.

Direi però, ma tu lo sai meglio di me, che i bambini sono forti e non subiscono l'una tantum di cui tra l'altro comprendono la ragione.

Lo strattone, il placcaggio, il rimprovero, fatti con gentilezza, recuperati subito dopo dalla ripristinata normalità... non provocano danni nei bambini.

Le riprese che noi vediamo sui telegiornali e sui social sono un unico episodio dei tanti che sono stati rilevati. Le sorveglianze durano mesi per dare all'autorità la possibilità di comprendere se ci sia abuso e maltrattamento.

Secondo me puoi stare tranquilla.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
comp_xt



Messaggi : 935
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Ven Ott 21, 2016 10:47 pm

Mairu ha scritto:
Io insegno alla scuola dell'infanzia e il discorso delle telecamere mi tocca da vicino.
Non mi sono fatta un'idea definitiva sulle telecamere. Idealmente sarei favorevole, perché non ho nulla da nascondere sul mio operato, tuttavia mi chiedo se una telecamera non possa a volte mistificare un po' la realtà, visto che immagino già che non si riuscirà a riprendere tutti gli spazi di tutta la scuola da tutte le angolature e quindi in realtà non si vede che cosa accade davvero, ed è poi difficile dimostrare se uno viene accusato ingiustamente o meno.
Alla scuola dell'infanzia è inevitabile bloccare un bambino, trascinarlo per un braccio, tenerlo fisicamente fermo perché cerca di scappare, di alzarsi, di picchiare un compagno. Non parlo solo dei casi di handicap gravi e dei bambini con disturbi del comportamento, ma anche dei classici bambini vivaci che ci sono sempre stati e sempre ci saranno, o dei classici bambini maleducati che oggi stanno diventando la norma, piuttosto che l'eccezione, per cui le parole non bastano più, ma le cose devi fargliele fisicamente fare, altrimenti ti ridono in faccia e pensano che con te possono fare come vogliono, forse perché fanno così a casa anche coi genitori.
Probabilmente sono solo delle mie paranoie, non si creeranno fraintendimenti simili e potrò stare tranquilla anche con 100 telecamere puntate addosso a me, visto che so come mi comporto, tuttavia ogni tanto ci rifletto e mi sento un po' in soggezione.

Non sono paranoie, hai centrato perfettamente il problema.
In tanti, compresi tanti colleghi insegnanti, non vogliono capirlo. In questo modo la maestra di scuola dell'infanzia che al momento del pranzo forza il bambino capriccioso a mangiare, potrebbe facilmente diventare il mostro che usa violenza con i più deboli.
Tornare in alto Andare in basso
Mairu



Messaggi : 159
Data d'iscrizione : 14.03.16

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Sab Ott 22, 2016 12:10 am

In realtà sul mangiare non forzo nessuno, al limite insisto un po', perché il mangiare è una questione molto personale e che a mio parere non deve mai essere coercitiva, anche nel caso del bambino capriccioso.
Il problema si pone invece quando si devono far rispettare le regole, e lì la "coercizione fisica" è obbligatoria, per quei bambini che ovviamente si oppongono. Perché è chiaro che se tutti stanno raccogliendo i giochi non posso permettere a quello capriccioso di bighellonare in giro, così come non posso permettere che quello capriccioso picchi il compagno che gli ha preso un gioco o si alzi a piacimento quando si fa un'attività tutti insieme seduti, o esca dalla sezione per andare in salone a giocare quando gli altri stanno dentro, ecc. Poi è ovvio che i bambini non sono soldatini e che una certa flessibilità è d'obbligo anche con i duri d'orecchio, così come è chiaro che prima si parte sempre con le spiegazioni e i richiami verbali, per convincere un bambino a rispettare le regole.
Io so benissimo che quando trascino un bambino per il polso per riportarlo in sezione non uso alcuna violenza, così come secondo me lo vedono le mie colleghe, le collaboratrici, anche gli stessi genitori che potrebbero trovarsi a scuola in quel momento. Da una telecamera si vede lo stesso? Si deducono le stesse cose? Non è la telecamera a farmi venire dei dubbi, è quello che si vede e si sente attraverso la telecamera che mi lascia un po' più perplessa, perché non so se può essere interpretato in maniera diversa da quello che effettivamente avviene.
Ire ha ragione quando dice che i bambini sono categorie più deboli e non possono difendersi, ma qualcuno mette le telecamere in una casa come deterrente per i genitori violenti? Eppure la violenza domestica nei confronti dei minori è molto ma molto più diffusa di quella scolastica.
Non so, non riesco a farmi un'idea chiara nei confronti di un reale vantaggio di queste telecamere, in termini di effettiva prevenzione e di un'eventuale punizione per chi davvero commette questi reati, a fronte invece di una certissima spesa da sostenere per installare le telecamere, che dovranno per forza essere molte per poter riprendere una porzione significativa degli spazi scolastici. Toglieranno poi i soldi alle scuole per metterle, riducendo ancora di più le supplenze del personale assente, i materiali per lavorare, i giochi per i bambini? Chiederanno i soldi ai genitori, che già storcono il naso quando noi maestre chiediamo 10 euro per un'uscita didattica?
Tornare in alto Andare in basso
rita2



Messaggi : 2039
Data d'iscrizione : 04.07.11

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Sab Ott 22, 2016 12:26 am

comp_xt ha scritto:
Ieri ho visto le riprese video di una maestra elementare sospesa dal servizio per aver malmenato e insultato in continuazione i suoi alunni.
A me è parsa una donna con seri problemi.
Non c'è bisogno che Ire o chi per lei mi ricordi che quella donna ha commesso dei crimini, ci arrivo da solo.
Quei problemi però sono solitamente causati dalla situazione lavorativa.
Il docente è un lavoratore e, come tutti i lavoratori,  ha il DIRITTO di non ammalarsi andando a lavorare.
Ed è un dovere del datore di lavoro porre le condizioni affinché nessuno si ammali a causa del suo lavoro.
Una scuola che sdogana la maleducazione e l'arroganza di alunni e genitori, lasciando i docenti soli a fare da domatori, è una scuola che fa ammalare.
Vogliamo far finta di non vedere questo aspetto, pensando che basti mettere le telecamere?

sono pienamente d'accordo sul fatto che i docenti non debbano essere lasciati soli perché potrebbero demotivarsi e poi, come riuscirebbero a motivare gli alunni? ci vuole una figura che metta il lavoratore nelle condizioni di dare il massimo e che, quindi, lo tuteli in tutto e per tutto e, cioè, anche nel benessere psico-fisico
Tornare in alto Andare in basso
rita2



Messaggi : 2039
Data d'iscrizione : 04.07.11

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Sab Ott 22, 2016 12:35 am

comp_xt ha scritto:
Ieri ho visto le riprese video di una maestra elementare sospesa dal servizio per aver malmenato e insultato in continuazione i suoi alunni.
A me è parsa una donna con seri problemi.
Non c'è bisogno che Ire o chi per lei mi ricordi che quella donna ha commesso dei crimini, ci arrivo da solo.
Quei problemi però sono solitamente causati dalla situazione lavorativa.
Il docente è un lavoratore e, come tutti i lavoratori,  ha il DIRITTO di non ammalarsi andando a lavorare.
Ed è un dovere del datore di lavoro porre le condizioni affinché nessuno si ammali a causa del suo lavoro.
Una scuola che sdogana la maleducazione e l'arroganza di alunni e genitori, lasciando i docenti soli a fare da domatori, è una scuola che fa ammalare.
Vogliamo far finta di non vedere questo aspetto, pensando che basti mettere le telecamere?

una volta, in un plesso, una scuola staccata dalla sede centrale, c' era una delegata
di plesso con problemi molto seri di cui era completamente inconsapevole. quella delegata ha fatto ammalare delle persone e questo, non solo lasciandole sole, ma andando anche contro oltre che non ha affatto funzionato (la DS sapeva benissimo tutto ma non poteva mettersela contro e magari, se ci fossero state le telecamere, la DS avrebbe saputo molto di più).  io mi chiedo come questa persona con seri problemi si relazionasse con gli alunni.


Ultima modifica di rita 76 il Sab Ott 22, 2016 12:40 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Mairu



Messaggi : 159
Data d'iscrizione : 14.03.16

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Sab Ott 22, 2016 12:36 am

Ire ha scritto:
@ Mairu credo che sia normale e comprensibile che tu ti senta un po' in soggezione.  Non credo sia piacevole, almeno inzialmente, sapere che c'è l'occhio.

Credo anche sia comprensibile il tuo timore.

Direi però, ma tu lo sai meglio di me, che i bambini sono forti e non subiscono l'una tantum di cui tra l'altro comprendono la ragione.

Lo strattone, il placcaggio, il rimprovero, fatti con gentilezza, recuperati subito dopo dalla ripristinata normalità...  non provocano danni nei bambini.

Le riprese che noi vediamo sui telegiornali e sui social sono un unico episodio dei tanti che sono stati rilevati.   Le sorveglianze durano mesi per dare all'autorità la possibilità di comprendere se ci sia abuso e maltrattamento.

Secondo me puoi stare tranquilla.

Ire, infatti i bambini che ci sono a scuola sono tranquillissimi con me e con tutte le mie colleghe, perché secondo me è un ambiente sereno e ci porterei a occhi chiusi un figlio, se ce l'avessi.
Tuttavia, non so cosa intendi per gentilezza, ma per me è impossibile trascinare un bambino con gentilezza se si oppone e non vuole venire in sezione. A volte li devo tenere così forte e tirare così tanto (specialmente se sono bambini dell'ultimo anno e di stazza un po' robusta), che mi fanno male le braccia e a loro rimangono dei segni rossi sui polsi per una decina di minuti. Ma se non rientrano in sezione ho un altro modo per riportarceli? Non uso certo alcuna gentilezza, altrimenti mi sfuggirebbero dalle mani, ma non uso neanche violenza. Magari nel frattempo questi bambini piangono e strillano. Dalla telecamera cosa si vede, cosa si deduce?
Questo non toglie che passati quei dieci minuti il bambino torna da me tranquillo e sta volentieri con me.

In alcuni casi, poi, le immagini delle riprese sono inequivocabili, ma in molte altre no. Alcune delle riprese che ho visto io ai telegiornali, invece, a volte mi hanno lasciato perplessa, perché sembrava che i bambini o gli anziani venissero maltrattati, ma dalle pure immagini non mi ci sarei giocata la testa.
Ricordo di una ripresa in cui un'infermiera picchiava un anziano in una casa di riposo, ma si vedeva solo l'infermiera da dietro che faceva qualcosa al vecchio e il vecchio che gridava aiuto, non che lo picchiasse. Le immagini erano sfocatissime, e per me poteva pure trattarsi di un'infermiera che cambiava un vecchio ormai uscito un po' di sennò che urlava aiuto. Eppure al tg le chiamavano le immagini dell'orrore, come se si vedesse chiaramente la violenza, che io invece non ho visto, ma che ho desunto dal contesto e dall'interpretazione che ne dava il giornalista.
E inoltre, visto che le sorveglianze durano comunque dei mesi e le telecamere vengono già installate per smascherare dei reati, non vedo l'utilità di tenerle lì sempre e comunque, prendendo le immagini solo quando però scatta la denuncia. Mettiamo le telecamere per far sì che i carabinieri abbiano già due o tre riprese da visionare e possano risparmiare un mese di tempo? Il vantaggio effettivo rispetto al costo qual è?
Non è l'occhio che mi incute timore, ma il cervello che elabora l'immagine catturata dall'occhio.
Tornare in alto Andare in basso
Bequadro



Messaggi : 216
Data d'iscrizione : 18.12.12

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Sab Ott 22, 2016 1:02 am

Hai ragione, Mairu. Hai proprio ragione. Sono anch'io un'insegnante di scuola dell'infanzia, e l'idea che persone totalmente estranee al contesto e senza alcuna esperienza possano interpretare ciò che vedono in modo errato, risultando negativamente determinanti per me e per tutte le altre maestre, mi inquieta e mi indigna.
Non temo di essere giudicata o valutata, temo la superficialità e la demagogia della decisione di usare le telecamere, la fondamentale assurdità di questo metodo, l'idea che esso veicola, che le maestre siano potenzialmente tutte delle squilibrate.
E legittima l'errore educativo imperante, cioè che sia vietato e sanzionabile anche bloccare un bambino che sta picchiando un compagno, perché "rispettare" il bambino significa fargli fare quello che vuole, mentre non si deve più "rispettare" l'insegnante che fa rispettare le regole.

Chiunque lavori in una scuola sa perfettamente chi sono gli insegnanti che hanno dei problemi. Dunque, si smetta di coprire queste persone, per il loro bene e per quello altrui, altro che telecamere...
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Sab Ott 22, 2016 4:55 am

Bequadro ha scritto:
Hai ragione, Mairu. Hai proprio ragione. Sono anch'io un'insegnante di scuola dell'infanzia, e l'idea che persone totalmente estranee al contesto e senza alcuna esperienza possano interpretare ciò che vedono in modo errato, risultando negativamente determinanti per me e per tutte le altre maestre, mi inquieta e mi indigna.
Non temo di essere giudicata o valutata, temo la superficialità e la demagogia della decisione di usare le telecamere, la fondamentale assurdità di questo metodo, l'idea che esso veicola, che le maestre siano potenzialmente tutte delle squilibrate.
E legittima l'errore educativo imperante, cioè che sia vietato e sanzionabile anche bloccare un bambino che sta picchiando un compagno, perché "rispettare" il bambino significa fargli fare quello che vuole, mentre non si deve più "rispettare" l'insegnante che fa rispettare le regole.

Chiunque lavori in una scuola sa perfettamente chi sono gli insegnanti che hanno dei problemi. Dunque, si smetta di coprire queste persone, per il loro bene e per quello altrui, altro che telecamere...

Perfettamente d'accordo con bequadro e mairu

Purtroppo la manipolazione che il pubblico subisce assistendo a certe scene è fortissima e FB è pieno di commenti "di pancia" all'insegna del "giù le mani dai bambini!" "pena di morte per le maestre-mostro!" "lo so io che gli farei a quelle schifose" e così via.

In questo contesto di forte emotività indotta un ragionamento pacato e dubitante come quelli di mairu e bequadro è molto meno allettante di chi dice: "ci pensiamo NOI a sistemare le maestre cattive! Mettiamo le telecamere in tutte le scuole d'infanzia e materne d'Italia! Perché noi siamo qui per controllare ogni cosa per il vostro bene!". Con lo stesso criterio, visto che esiste il cosiddetto "femminicidio", si dovrebbero installare telecamere in ogni casa italiana, perché ovunque potrebbe potenzialmente esserci un maschio violento; ma in questa ipotesi puramente teorica sarebbe molto più facile che venga messo alla berlina l'oppositore politico che ha alzato la voce con la compagna, piuttosto che il violento che davvero le fa quotidianamente del male. A casa mia questo si chiama controllo e repressione su scala generalizzata.

Pochi riflettono sul fatto che quando al telegiornale assistiamo a quelle immagini di violenza su bambini e vecchi che tanto ci indignano, è perché il caso è già risolto e già c'è stata la segnalazione degli abusi e un'indagine delle forze dell'ordine, con tanto di telecamere nascoste installate; e che già oggi moltissime mamme "tolgono" i loro figli da asili e materne quando a casa si accorgono di qualcosa che non va nel comportamento del bambino.

Il meccanismo di protezione dei deboli già oggi esiste e bene o male funziona; per renderlo ancora più efficace basterebbe organizzare un servizio di ispezione, che però magari qualcuno non vorrebbe per altri motivi. Per esempio, nelle strutture private in cui 90 (se non 99) volte su 100 si verificano gli abusi, sono frequentissime violazioni meno eclatanti, ma molto più diffuse e dannose, che le telecamere non sarebbero in grado di vedere, come quelle fiscali, sindacali o igieniche. Molti si buttano ad aprire asili nido o case di riposo senza averne minimamente la vocazione e le competenze richieste, assumono personale con l'obiettivo primario del risparmio piuttosto che della qualità del servizio, della preparazione o del carattere, e cercano in ogni modo di massimizzare i profitti e di ridurre i costi.

L'omertà che caratterizza le situazioni più gravi si sviluppa perché certe cose "non si devono sapere", perché molto prima che arrivino i carabinieri arrivano le voci, che se si diffondono rischiano di lasciare la struttura senza clienti; perché i lavoratori sono sotto ricatto economico e denunciando il collega sanno che i guai maggiori li passeranno loro, che perderanno di sicuro il lavoro; perché le condizioni lavorative sono quelle che sono, perché i lavoratori sono sfruttati frustrati e malpagati, cosa che non aiuta certo il mantenimento dell'autocontrollo in persone di per sé instabili.

Già noi insegnanti pubblici, che siamo persone libere e abbiamo la possibilità di esprimerci senza la paura di perdere il posto, facciamo fatica a denunciare anche su un forum situazioni controverse in cui siano coinvolti colleghi; figuriamoci l'addetta della società di refezione che vede tutti i giorni l'educatrice imboccare a forza e con violenza i bambini.

Insomma, credo che le persone ci vedano molto meglio delle telecamere in classe, e che oltre ai controlli dall'alto ci sarebbe da riattivare quel meccanismo di controllo reciproco, molto più efficace di qualunque telecamera, che si inceppa per questioni anche, se non soprattutto, economiche.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Sab Ott 22, 2016 8:42 am

credo che l'esigenza delle telecamere sia nata proprio dal fatto che chi vede non parla.

E non potete dire di no visto che ciò risulta evidente dalle indagini nei casi incresciosi di cui siamo a conoscenza e visto che anche qui, almeno una volta a settimana ci si accanisce sul docente che chiede come intervenire in un caso increscioso.

Gli si dice: fatti i cavoli tuoi.

Quelli che dicono fatti i cavoli tuoi sono quelli che poi tacciono.


Vi racconto un aneddoto:

una mia sorella in un momento di crisi si rivolse ad uno psicologo per avere aiuto.
tra le tante cose gli disse che le dava fastidio che la zia presso la quale abitava per ragioni di studio
le impedisse praticamente ogni cosa senza costringerla con mezzi fisici ma standole sempre addosso con osservazioni di ogni tipo

mia sorella voleva che la zia la smettesse

Lo specialista le rispose:

io non posso lavorare su tua zia così come non lo puoi fare tu, noi siamo responsabili ed in grado di agire solo sulle nostre azioni non su quelle degli altri

l'unica cosa che possiamo fare insieme è trovare il modo di non farsi colpire così tanto dalle intrusioni della zia.


Noi non possiamo picchiare in via preventiva chi non parla, se non parla non sappiamo nulla prima che le cose precipitino

Noi possiamo solo fare in modo di cercare di controllare la situazione a prescindere dal fatto che la gente parli o meno.

Non è il massimo, ma è davvero l'unica cosa che nell'immediato si può fare.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Sab Ott 22, 2016 8:50 am

Citazione :
Ire, infatti i bambini che ci sono a scuola sono tranquillissimi con me e con tutte le mie colleghe, perché secondo me è un ambiente sereno e ci porterei a occhi chiusi un figlio, se ce l'avessi.
Tuttavia, non so cosa intendi per gentilezza, ma per me è impossibile trascinare un bambino con gentilezza se si oppone e non vuole venire in sezione. A volte li devo tenere così forte e tirare così tanto (specialmente se sono bambini dell'ultimo anno e di stazza un po' robusta), che mi fanno male le braccia e a loro rimangono dei segni rossi sui polsi per una decina di minuti. Ma se non rientrano in sezione ho un altro modo per riportarceli? Non uso certo alcuna gentilezza, altrimenti mi sfuggirebbero dalle mani, ma non uso neanche violenza. Magari nel frattempo questi bambini piangono e strillano. Dalla telecamera cosa si vede, cosa si deduce?
Questo non toglie che passati quei dieci minuti il bambino torna da me tranquillo e sta volentieri con me.

Con gentilezza intendo con la normalità negli occhi. Con il sorriso nel cuore.
So perfettamente che ti può capitare di dover intervenire in modo deciso, ma se dentro sei serena, se sai che sono cose normali quelle che fanno i bambini, se non sei schizzata, se non li odi, il tuo comportamento, pur deciso, trasmetterà il messaggio di sicurezza ai bimbi.

Hai ragione, le telecamere non hanno empatia. Ma le riprese che, ripeto, sono prolungate nel tempo, non si interrompono nel momento in cui strattoni. Continuano nella giornata e sono in grado di cogliere il tuo successivo comportamento e soprattutto il successivo normale comportamento dei bimbi.

E' un rischio, certo, ci possono essere fraintendimenti.
Ma è peggio lasciare i bimbi in balia dei pazzi

Fino a quando si dirà a chi desidera segnalare: fatti i cavoli tuoi.

Non è colpa delle telecamere è colpa del nostro menefreghismo e della nostra idiozia.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
ushikawa



Messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Sab Ott 22, 2016 9:17 am

Ire ha scritto:
Citazione :
Ire, infatti i bambini che ci sono a scuola sono tranquillissimi con me e con tutte le mie colleghe, perché secondo me è un ambiente sereno e ci porterei a occhi chiusi un figlio, se ce l'avessi.
Tuttavia, non so cosa intendi per gentilezza, ma per me è impossibile trascinare un bambino con gentilezza se si oppone e non vuole venire in sezione. A volte li devo tenere così forte e tirare così tanto (specialmente se sono bambini dell'ultimo anno e di stazza un po' robusta), che mi fanno male le braccia e a loro rimangono dei segni rossi sui polsi per una decina di minuti. Ma se non rientrano in sezione ho un altro modo per riportarceli? Non uso certo alcuna gentilezza, altrimenti mi sfuggirebbero dalle mani, ma non uso neanche violenza. Magari nel frattempo questi bambini piangono e strillano. Dalla telecamera cosa si vede, cosa si deduce?
Questo non toglie che passati quei dieci minuti il bambino torna da me tranquillo e sta volentieri con me.

Con gentilezza intendo con la normalità negli occhi.  Con il sorriso nel cuore.
So perfettamente che ti può capitare di dover intervenire in modo deciso, ma se dentro sei serena, se sai che sono cose normali quelle che fanno i bambini, se non sei schizzata,  se non li odi, il tuo comportamento, pur deciso, trasmetterà il messaggio di sicurezza ai bimbi.

Hai ragione, le telecamere non hanno empatia.  Ma le riprese che, ripeto, sono prolungate nel tempo, non si interrompono nel momento in cui strattoni.  Continuano nella giornata e sono in grado di cogliere il tuo successivo comportamento e soprattutto il successivo normale comportamento dei bimbi.  

E' un rischio, certo, ci possono essere fraintendimenti.
Ma è peggio lasciare i bimbi in balia dei pazzi

Fino a quando si dirà a chi desidera segnalare: fatti i cavoli tuoi.

Non è colpa delle telecamere è colpa del nostro menefreghismo e della nostra idiozia.

Scusa Ire ma non concordo sulla visione di fondo.

Il mezzo tecnologico non è mai davvero neutrale, non lo è uno smartphone e non lo è una telecamera.

Qualcuno qui dentro pensa davvero che la saggia telecamera da sola decida quando accendersi o spegnersi e cosa riprendere? Ci sarà sempre qualcuno che la attiva e la disattiva e che deciderà se considerare più importante lo strattone dato dalla educatrice esasperata in un momento oppure il comportamento premuroso e irreprensibile in tutto il resto dell'anno. Anche perché ci deve essere qualcuno che guarda le immagini riprese: non hanno ancora inventato un rilevatore automatico di violenza (per fortuna).

E' come quando un fotoreporter d'assalto fotografa la spazzatura da pochi passi usando un grandangolo: la città sembrerà invasa dai rifiuti, quando invece, magari, non lo è; la maestra dello strattone sembrerà un mostro, anche se è una maestra eccezionale. Il mezzo tecnologico al massimo facilita, qualche volta addirittura peggiora le cose, ma non risolve mai i problemi. Se la maestra violenta vuole dare un ceffone al bambino riottoso lo farà nel corridoio nello spazio non coperto da telecamere, non davanti l'obiettivo. Per non parlare del fatto che esistono forme di violenza fisica e psicologica impossibili da riprendere per una telecamera. E i colleghi saranno ancora meno incentivati a denunciare i comportamenti violenti o scorretti e penseranno ancora di più a farsi i cavoli propri: tanto c'è la telecamera.

Poi magari con la telecamera invece di punire la maestra violenta si punirà quella che lascia i bambini cinque minuti con una collega, per poter andare a fumarsi una sigaretta.

La tecnologia raramente responsabilizza, anzi in genere deresponsabilizza.
La telecamera nelle aule, sia pure delle scuole dell'infanzia e materna, è il simbolo di una società atomizzata -che a te, lo so, piace tanto- in cui la sfiducia e la paura prevalgono sulla responsabilità e la collaborazione. In cui l'insegnante è una potenziale minaccia, non la persona cui si affida il benessere e la crescita dei propri figli; lo stesso vale per i genitori, credi che le telecamere in classe aiuteranno i rapporti tra educatrici e famiglia?
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Sab Ott 22, 2016 9:26 am

La stessa cosa vale per il registro elettronico: i genitori dicono "è tanto comodo", ma siamo sicuri che affidare alla tecnologia i rapporti tra scuola e famiglia sia una buona idea? Non insegnare più ai ragazzi a scriversi i compiti sul diario, ma consegnare ai genitori il potere di leggerli da internet (visto che spesso li fanno direttamente loro)? Sicuri che sia una buona idea scrivere le note non più sul diario, ma sul registro elettronico? Affidare la comunicazione dell'andamento scolastico di un alunno a un monitor e non più a un colloquio UMANO tra insegnante e genitore? Casualmente gli insegnanti favorevoli all'utilizzo estensivo del registro elettronico sono proprio quelli più infervorati per l'installazione dell'occhio elettronico nelle classi, anche per la scuola primaria e per i due gradi della secondaria.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Sab Ott 22, 2016 9:33 am

Cosa altro proponi?

Proponi che la gente si metta una mano sul cuore e faccia il proprio dovere di cittadino a beneficio di tutti anche quando nessuno vede?

Mi piace.

Si può fare?Come si fa?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
ushikawa



Messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: telecamere in classe   Sab Ott 22, 2016 9:41 am

E' impossibile scardinare la superstizione.
Tornare in alto Andare in basso
 
telecamere in classe
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» TELECAMERE A TUTELA DELL'EDUCAZIONE
» Embrioni classe b
» Su facebook foto scattate in classe
» Elezione rappresentante di classe
» Non ci spero ma voglio capire

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: