Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Pedagogia della "manipolazione"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
hypernova



Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 26.05.14

MessaggioOggetto: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 9:21 pm

Fra le strategie educative più accreditate oggi, c'è una pedagogia molto affine alle tecniche di seduzione e manipolazione. Non risulta tanto importante cosa si comunica agli alunni, ma come lo si trasmette. Viene detto dal MIUR che il docente ha il compito di rendere interessante la materia e se l'alunno non apprende è perché il docente non ha il giusto approccio con la classe.
Questo modo di porsi insegna allo studente:

1) a rispettare solo chi si pone in sintonia con il proprio modo di essere;

2) non aiuta a discernere i contenuti positivi e negativi in cui si imbatte;

3) insegna a ottenere ciò che desidera non attraverso l'impegno personale, ma attraverso la manipolazione del prossimo;

4) sottintende che chi non ha capacità seduttive e manipolative è un perdente.


Cosa ne pensate colleghi?
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 573
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 9:33 pm

Niente di più ERRATO ed odioso. E' una pedagogia che offende la ragione, e fa appello alla componente emotiva dell'uomo, la stessa componente che abbiamo in comune con gli animali!
La pedagogia della seduzione porta le persone a ragionare in modo FALSO, nel seguente modo: "Se questa persona mi dà sensazioni di piacere e coinvolgimento, allora è buona, positiva, utile" e la mente in questo modo diventa condizionata dall'altro e non ragiona più, ma semplicemente viene trascinata da un impulso, come una specie di pedina. Già nell'antica Grecia si era diffusa questa pedagogia, era caldeggiata dai filosofi sofisti, che ritenevano che la verità non esistesse e che quindi l'educatore doveva solo persuadere con belle parole, manipolando con il suo carisma l'alunno: non a caso la sofistica si fonda sul relativismo morale, che è una caratteristica principe della nostra epoca, ciò che sembra nuovo è solo un male antichissimo.
Io credo che è la razionalità ciò che ci rende liberi e ci differenzia dagli animali, il carisma offende la ragione in quanto fa appello agli istinti gregari ed è veleno per il senso critico: per me l'insegnante idolatrato dagli studenti nell'Attimo Fuggente è detestabile, in quanto gli alunni lo seguivano in tutto come burattini privi di pensiero, solo perché ammaliati dal suo carisma.
Addirittura, all'opposto, io credo che sia giusto educare ad essere persino freddi, a ragionare prescindendo dall'emotività che sovente spinge le persone in una direzione sbagliata, poiché tanto più siamo coinvolti dalle nostre sensazioni tanto più la mente non vede quegli aspetti della realtà che non si accordano con ciò che proviamo, come quando corriamo a comprare il prodotto pubblicizzato in quanto spinti da una sensazione che che lo fa vedere come perfetto.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 9:39 pm

hypernova ha scritto:
Fra le strategie educative più accreditate oggi, c'è una pedagogia molto affine alle tecniche di seduzione e manipolazione. Non risulta tanto importante cosa si comunica agli alunni, ma come lo si trasmette. Viene detto dal MIUR che il docente ha il compito di rendere interessante la materia e se l'alunno non apprende è perché il docente non ha il giusto approccio con la classe.
Questo modo di porsi insegna allo studente:

1) a rispettare solo chi si pone in sintonia con il proprio modo di essere;

2) non aiuta a discernere i contenuti positivi e negativi in cui si imbatte;

3) insegna a ottenere ciò che desidera non attraverso l'impegno personale, ma attraverso la manipolazione del prossimo;

4) sottintende che chi non ha capacità seduttive e manipolative è un perdente.


Cosa ne pensate colleghi?
Mi preoccuperei se non fosse tutta fuffa.

A me piace la patata, pensi che con un'azione pedagogica ben congeniata tu possa indurmi ad interessarmi al cetriolo ?

I pedagogisti sono palloni gonfiati, non manipolatori.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Scuola70



Messaggi : 573
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 9:41 pm

Quindi caro Avido saresti disposto anche a manipolare se questo ti portasse ad un utile per te?
Tornare in alto Andare in basso
La Tortuga



Messaggi : 87
Data d'iscrizione : 13.10.16

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 9:47 pm

Mai dire mai.avido. un pedagolologo potrebbe farti scoprire l insalata patate e cetrioli ;))
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4692
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 9:49 pm

hypernova ha scritto:
Fra le strategie educative più accreditate oggi, c'è una pedagogia molto affine alle tecniche di seduzione e manipolazione. Non risulta tanto importante cosa si comunica agli alunni, ma come lo si trasmette. Viene detto dal MIUR che il docente ha il compito di rendere interessante la materia e se l'alunno non apprende è perché il docente non ha il giusto approccio con la classe.

Qual è questa pedagogia? Chi la propone?
"Viene detto dal MIUR": dove? Numero di circolare, protocollo, data di pubblicazione?



hypernova ha scritto:

Cosa ne pensate colleghi?

Penso che dire che è più interessante ascoltare una persona capace di parlare in pubblico piuttosto che una persona noiosa è la scoperta dell'acqua a temperatura ambiente.
Tornare in alto Andare in basso
hypernova



Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 26.05.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 9:51 pm

Scuola70 ha scritto:
è una caratteristica principe della nostra epoca, ciò che sembra nuovo è solo un male antichissimo.

Scuola70 ha scritto:
il carisma offende la ragione in quanto fa appello agli istinti gregari ed è veleno per il senso critico

Sono pienamente d'accordo Scuola70, infatti la comunicazione pubblicitaria più subdola, solitamente fa leva proprio sulla parte del cervello che viene definita "old brain" o "cervello arcaico", in modo da scavalcare la parte razionale della persona. Nel momento che ci rivolgiamo a bambini e adolescenti questa tecnica risulta ancora più efficace, ma estremamente dannosa.
Tornare in alto Andare in basso
hypernova



Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 26.05.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 9:56 pm

mac67 ha scritto:
Qual è questa pedagogia? Chi la propone?
"Viene detto dal MIUR": dove? Numero di circolare, protocollo, data di pubblicazione?

Il mio discorso è generale e non si riferisce ad un autore specifico, ad ogni modo ti posso citare il blog della Prof.ssa Milani, per quanto riguarda gli esperti in rete e i corsi TFA del MIUR che ho sostenuto all'Università di Bologna. Molti ricercatori che lavorano per il ministero vanno in questa direzione.

avidodinformazioni ha scritto:
I pedagogisti sono palloni gonfiati, non manipolatori.

Molti lo sono di certo, ma tra quelli che hanno utilizzato queste tecniche di manipolazione ci sono stati anche personaggi come Mussolini...


Ultima modifica di hypernova il Gio Ott 20, 2016 10:00 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 10:00 pm

hypernova ha scritto:
mac67 ha scritto:
Qual è questa pedagogia? Chi la propone?
"Viene detto dal MIUR": dove? Numero di circolare, protocollo, data di pubblicazione?

Il mio discorso è generale e non si riferisce ad un autore specifico, ad ogni modo ti posso citare il blog della Prof.ssa Milani, per quanto riguarda gli esperti in rete e i corsi TFA del MIUR che ho sostenuto all'Università di Bologna. Molti ricercatori che lavorano per il ministero vanno in questa direzione.
Ricercatori ?
Ah sì, si chiamano ricercatori tutti quelli che lavorano all'università ... anche nella facoltà di filosofia ci sono i ricercatori.

Perdonami, per me i ricercatori sono fisici, chimici, biologi, ingegneri e truffatori.
Tornare in alto Andare in basso
Online
La Tortuga



Messaggi : 87
Data d'iscrizione : 13.10.16

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 10:02 pm

Ricercatore di "filosofia del diritto " l assassino di Marta Russo..vecchio post.
Ricercatore parola stra inflazionata. .serve per ottenere sovvenzioni. ..lavoro comodo...
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 573
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 10:09 pm

Queste tecniche di manipolazione sono state usate da tutti i dittatori, quando Mussolini parlava la gente diceva di sentire CALORE, di amarlo addirittura, di considerarlo un Dio (parole testuali).
Il Fuhrer idem, aveva ingaggiato un manipolatore geniale per la propaganda, Joseph Goebbels, che affermava come una bugia se ripetuta mille volte diventa una verità, poiché la mente umana si basa sull'idea (falsa) che una frase ripetuta sia importante e abbia valore solo per l'insistenza con cui l'interlocutore la pronuncia. Goebbels riuscì a convincere la gente che le idee terribili espresse da lui fossero vere e il suo carisma fu distruttivo.
Joseph Goebbels diceva che era necessario parlare al "cuore" della gente, peccato che il cuore può essere ingannevole come non mai: la parte emozionale ha un nome, si chiama SISTEMA LIMBICO, se idealmente si fosse potuto fare una TAC al cervello delle masse sedotte da Goebbels si poteva notare come fossero attivate in quei momenti solo le aree limbiche con pochissimo coinvolgimento della neocorteccia.
Ora, è chiaro che un docente carismatico non farà danni come i personaggi sopra esposti, ma se abitua la mente a dare valore ai contenuti esposti in base a mere sensazioni in realtà impedisce agli studenti di padroneggiare con la ragione la realtà e li rende prigionieri di meccanismi mentali falsi e arcaici. Anche se è più difficile e richiede molto sforzo, io preferirò sempre che i miei studenti arrivino a comprendere il valore del mio sapere con il ragionamento, con l'analisi critica: la seduzione, per quanto possa essere una comoda soluzione, è una scorciatoia che io non userò MAI, perché è contraria alla mia idea secondo cui la parte razionale della persona è quella più evoluta e migliore.
Tornare in alto Andare in basso
hypernova



Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 26.05.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 10:37 pm

Scuola70 ha scritto:
... Il Fuhrer idem, aveva ingaggiato un manipolatore geniale per la propaganda, Joseph Goebbels, che affermava come una bugia se ripetuta mille volte diventa una verità, poiché la mente umana si basa sull'idea (falsa) che una frase ripetuta sia importante e abbia valore solo per l'insistenza con cui l'interlocutore la pronuncia. Goebbels riuscì a convincere la gente che le idee terribili espresse da lui fossero vere e il suo carisma fu distruttivo.

La stessa tecnica che viene utilizzata dalle campagne pubblicitarie di marketing aggressivo, in cui si mette in atto un vero e proprio lavaggio del cervello basato sulla continua ripetizione di certi messaggi.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4692
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 11:31 pm

hypernova ha scritto:
mac67 ha scritto:
Qual è questa pedagogia? Chi la propone?
"Viene detto dal MIUR": dove? Numero di circolare, protocollo, data di pubblicazione?

Il mio discorso è generale e non si riferisce ad un autore specifico, ad ogni modo ti posso citare il blog della Prof.ssa Milani, per quanto riguarda gli esperti in rete e i corsi TFA del MIUR che ho sostenuto all'Università di Bologna. Molti ricercatori che lavorano per il ministero vanno in questa direzione.

Aridagli coi "molti". Nomi, fatti. Grazie.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1856
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 5:14 am

La Tortuga ha scritto:
Ricercatore di "filosofia del diritto " l assassino di Marta Russo..vecchio post.
Ricercatore parola stra inflazionata. .serve per ottenere sovvenzioni. ..lavoro comodo...

questi fannulloni dei ricercatori stanno a spese nostre negli alberghi a cinque stelle con cellulari da centinaia di euro! E' una vergogna! Mandiamoli a casa!

(ma veramente pensi quello che hai scritto? Ma all'università non ci sei stato neanche per laurearti???)
Tornare in alto Andare in basso
La Tortuga



Messaggi : 87
Data d'iscrizione : 13.10.16

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 8:54 am

Usi sempre lo stesso,patetico jolly dei finti profughi. Si lo penso. A fronte di oche eccellenze, il miur mantiene a spese collettive ricercatori di non si sa bene cosa in improbabili facoltà. Già ai tempi di Marta russo mi chiesi cosa fa otto ore al giorno un ricercatore di filosofia del diritto
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1856
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 8:56 am

fai di tutta l'erba un fascio.
Tornare in alto Andare in basso
La Tortuga



Messaggi : 87
Data d'iscrizione : 13.10.16

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 10:10 am

No.nel fascio va individuatal erba secca. Liberandola da ogni vincolo contrattuale. A casa. Un ricercatore deve trovare qualcosa prima o poi. Ottenere risultati concreti e tangibili. Nei centri ricerca delle aziende PRIVATE si monitorato i risultati.se non si trova un interessante gancio per industrializzare quel tipo di ricerca si chiude.
Nella università di stato qualsiasi bizzarra fantasia umana è meritevole di interesse. E di finanziamenti.e di stipendi
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 10:17 am

Citazione :
1) a rispettare solo chi si pone in sintonia con il proprio modo di essere;

onestamente non vedo affatto cosa c'entri il principio del rispetto con l'invito del miur.

Il miur suggerisce, magari proprio scoprendo l'acqua, che sia necessario, ai fini del buon esito del lavoro, impegnarsi a trasmettere i contenuti tenendo conto dell'importante stimolo all'apprendimento determinato dalla "cattivazione" esercitata da un particolare argomento.

Cosa c'entra questo con il rispetto?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Scuola70



Messaggi : 573
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 10:33 am

Ire, lo so che tu sei a favore della pedagogia seduttiva e accattivante, ma alla fine questa non ti insegna a padroneggiare la realtà con le capacità di analisi. Ti insegna a dare importanza nei messaggi solo o quasi a fattori come il tono di voce, le sensazioni, ma non al contenuto; l'adulto carismatico può anche in questo modo esporre o subdolamente suggerire idee discutibili o del tutto false e l'alunno, spinto dal fascino del docente (e se è piccolo dalla sua ingenuità infantile...), aderirà istintivamente alla visione delle cose proposta.
Inoltre, non è assolutamente detto che la scelta di seguire una disciplina suggerita dal fascino del docente sia la scelta migliore soprattutto a lungo termine: mettiamo che una persona, portata per le materie letterarie, si metta ad impegnarsi in matematica solo perché il docente lo affascina, se non è portato potrebbe avere fatto un enorme sforzo sprecando le sue energie, non trovi?
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8316
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 10:45 am

non sono d'accordo ma non è quello di cui parlavo io.

Mi chiedevo cosa c'entrasse il discorso che facendo così si insegna a rispettare solo chi si "adegua" al proprio modo di essere.

Secondo me, al massimo, facendo così si insegna ad essere capaci di apprendere solo da chi sa trasmettere le cose nel modo corrispondente al proprio modo di essere.

Ma questo non c'è bisogno di insegnarlo: fa parte della natura.
Si apprende meglio da ciò che riesce a catturare la nostra attenzione
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Scuola70



Messaggi : 573
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 10:49 am

Il fatto che si insegna a rispettare solo chi si adegua al proprio modo di essere deriva dalla constatazione che l'uomo, naturalmente, è portato a provare simpatia per chi è simile a sé.
Se io, per entrare in sintonia, tendo a imitare gli atteggiamenti e il modo di essere dell'altro, non faccio altro che assecondare l'egocentrismo ed insegno in modo indiretto a provare appunto predilezione per chi è simile a me spingendo all'indifferenza o anche all'antipatia per chi è diverso. Esiste non a caso un modo di approccio all'altro teorizzato da alcuni psicologi, si chiama PNL (programmazione neuro-linguistica) ed è teso ad ottenere un certo comportamento dall'altro imitandone astutamente gli atteggiamenti, anche nei minimi dettagli (modo di parlare, di sorridere, di gesticolare. ecc.).
Comunque, perché non sei d'accordo con quanto da me sopra esposto? Neghi la possibilità che si possa fare una scelta sbagliata (negli studi o nella vita) obbedendo al fascino di una persona?
Tornare in alto Andare in basso
hypernova



Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 26.05.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 5:25 pm

mac67 ha scritto:
Aridagli coi "molti". Nomi, fatti. Grazie.

Percepisco da parte tua mac67 una nota "leggermente" polemica, sbaglio?

Ire ha scritto:
Mi chiedevo cosa c'entrasse il discorso che facendo così si insegna a rispettare solo chi si "adegua" al proprio modo di essere.

Perché eliminando il più possibile le frustrazioni e i problemi, si abitua gli studenti a fare poca fatica e ad accettare come valido solo quello che richiede poco sforzo e che è simile a loro. Senza frustrazioni si rimane immaturi e viziati. Problema che oggi non è solo degli adolescenti, ma anche di molti adulti cresciuti nel boom economico e oltre. Si rimane degli eterni bambini.

Scuola70 ha scritto:
Se io, per entrare in sintonia, tendo a imitare gli atteggiamenti e il modo di essere dell'altro, non faccio altro che assecondare l'egocentrismo ed insegno in modo indiretto a provare appunto predilezione per chi è simile a me spingendo all'indifferenza o anche all'antipatia per chi è diverso.

Esattamente quello che intendevo dire.
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 573
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 5:27 pm

Comunque hypernova, siamo solo io e te come vedi a condividere un approccio razionale all'educazione, anche quando parlo con i miei colleghi essi ritengono che il carisma e la forza emotiva siano le cose più importanti, addirittura alcuni sostengono che dobbiamo usare le stesse tecniche dei pubblicitari e trattare il sapere come un prodotto da vendere ai nostri "clienti" alunni! Far ragionare del resto richiede sforzo, quindi per loro è meglio semplicemente condizionare e determinare con l'istinto il comportamento degli altri, proprio come si educano i cani! Inoltre, se vuoi approfondire, puoi notare come le tecniche manipolative siano molto vicine al condizionamento che Pavlov applicò appunto con i cani, perché sono basate sul rapporto istintivo tra stimolo e risposta: il docente dà all'alunno una serie di stimoli emotivi che ne determinano una risposta, ma in questo modo si è succubi della realtà esterna e non la si analizza con la ragione.
Tornare in alto Andare in basso
hypernova



Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 26.05.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 5:32 pm

Si, infatti questo modo di vedere l'insegnamento in senso "pubblicitario" mi rendo conto che va per la maggiore. Penso che nel breve termine possa ottenere anche dei buoni risultati, ma nel lungo termine l'insegnante con approccio razionale è vincente. Ripensando ai miei insegnanti del liceo, quelli più simpatici alla fine sono proprio quelli che mi hanno insegnato meno.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4692
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 5:48 pm

hypernova ha scritto:
Si, infatti questo modo di vedere l'insegnamento in senso "pubblicitario" mi rendo conto che va per la maggiore. Penso che nel breve termine possa ottenere anche dei buoni risultati, ma nel lungo termine l'insegnante con approccio razionale è vincente. Ripensando ai miei insegnanti del liceo, quelli più simpatici alla fine sono proprio quelli che mi hanno insegnato meno.

Ah, perché sapere fare lezione in modo interessante significa essere simpatici? Ossignur.
Tornare in alto Andare in basso
 
Pedagogia della "manipolazione"
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Le 10 Strategie di Manipolazione Mediatica
» Corriere della Sera del 6/10/2010 - COLPO ALLA LEGGE 40
» 8 maggio .... festa della mamma e non solo ...
» La settimana della passione (parlamentare)
» Armonia della Perfezione

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: