Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Pedagogia della "manipolazione"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
hypernova



Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 26.05.14

MessaggioOggetto: Pedagogia della "manipolazione"   Gio Ott 20, 2016 9:21 pm

Promemoria primo messaggio :

Fra le strategie educative più accreditate oggi, c'è una pedagogia molto affine alle tecniche di seduzione e manipolazione. Non risulta tanto importante cosa si comunica agli alunni, ma come lo si trasmette. Viene detto dal MIUR che il docente ha il compito di rendere interessante la materia e se l'alunno non apprende è perché il docente non ha il giusto approccio con la classe.
Questo modo di porsi insegna allo studente:

1) a rispettare solo chi si pone in sintonia con il proprio modo di essere;

2) non aiuta a discernere i contenuti positivi e negativi in cui si imbatte;

3) insegna a ottenere ciò che desidera non attraverso l'impegno personale, ma attraverso la manipolazione del prossimo;

4) sottintende che chi non ha capacità seduttive e manipolative è un perdente.


Cosa ne pensate colleghi?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
ushikawa



Messaggi : 1896
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 5:50 pm

discutiamo dell'ovvio: (per un uomo) è meglio una donna bella o una donna intelligente? Ovviamente una sia bella che intelligente. E' meglio un insegnante capace o un insegnante comunicativo? Ovviamente uno che possegga entrambe le qualità. Certo, se non è né comunicativo né preparato... sono problemi.
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 577
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 6:04 pm

Io rimango della mia idea che sia giusto educare la mente a superare le sensazioni e a guardare il contenuto dei messaggi. Il carisma, ripeto, ti porta a ragionare in maniera falsa e a dire: "Se questa cosa mi piace, allora è positiva", ripeto, ma chi l'ha detto? Avete presente la scena in cui l'insegnante dell'"Attimo fuggente" fa strappare agli alunni i libri di poesia? Ecco, quella scena per me fotografa tutti i rischi di un approccio basato sulla seduzione, gli alunni obbediscono spinti dall'istinto senza riflettere, e nessuno si chiede: "Perché strappare quei libri? Solo perché è lui a dirlo? Forse così gettiamo con l'acqua sporca anche il bambino!". Un insegnante seduttivo non è mai messo in discussione, riceve quasi solo dei SI acritici, invece a me, sinceramente, mi fa piacere quando un alunno senza intento provocatorio mette anche in discussione la verità di ciò che dico, perché vuol dire che è in grado di ragionare autonomamente e non dipende da me! La fiducia incondizionata nell'altro impedisce sovente il pensiero autonomo, perché porta appunto a dipendere. E poi in che senso insegnante comunicativo? La comunicazione vera non ti porta ad agire d'istinto, ti conserva la capacità di dubitare, invece l'essere comunicativi, nell'accezione comune, significa sostanzialmente influenzare, condizionare, e quindi ridurre quella capacità critica che è necessaria per la libertà. Allo stesso modo i politici "comunicativi" solo quelli che manipolano di più le masse, che le portano ad assistere estasiate ai loro comizi, ma tanto più è forte la carica emotiva tanto meno si ragiona, tanto più sfuggono alla mente le criticità di ciò che viene proposto e detto, quindi la comunicatività spesso è manipolazione pura.
Tornare in alto Andare in basso
retrocomputer



Messaggi : 507
Data d'iscrizione : 12.07.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 6:10 pm

mac67 ha scritto:
Aridagli coi "molti". Nomi, fatti. Grazie.

hypernova ha scritto:

Percepisco da parte tua mac67 una nota "leggermente" polemica, sbaglio?

Il tono è sicuramente polemico, ma ha ragione. E' inutile discutere finché non mostri chiaramente dove il MIUR sostiene ciò che dici. Esibisci un documento ufficiale del MIUR oppure ammetti che non esiste. A seconda di ciò che fai, la discussione cambia notevolmente.
Tornare in alto Andare in basso
giorgio_d



Messaggi : 95
Data d'iscrizione : 02.09.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 6:27 pm

Ma sì, questa è l'epoca della scuola-grande fratello, dove gli insegnanti sono nominati da casa con il televoto di mamme compiacenti che misurano le capacità dei docenti in base al grado di "empatia" con gli alunni; è la scuola di Maria de Filippi, dove insegnanti in pelliccetta sintetica condividono su facebook con i propri studenti stati d'animo da prima ora di lezione (non è ironia, ma quel che vedo fare ad alcune mie colleghe, col beneplacito di alunni e parenti)....
Temo che la scuola (pubblica!) dei nostri tempi sia irriformabile, se l'insegnante si trasforma in un esperto di marketing e strategie di comunicazione per "vendere" un po' di conoscenza...
Mala tempora currunt?!


Scuola70 ha scritto:
Il fatto che si insegna a rispettare solo chi si adegua al proprio modo di essere deriva dalla constatazione che l'uomo, naturalmente, è portato a provare simpatia per chi è simile a sé.
Se io, per entrare in sintonia, tendo a imitare gli atteggiamenti e il modo di essere dell'altro, non faccio altro che assecondare l'egocentrismo ed insegno in modo indiretto a provare appunto predilezione per chi è simile a me spingendo all'indifferenza o anche all'antipatia per chi è diverso. Esiste non a caso un modo di approccio all'altro teorizzato da alcuni psicologi, si chiama PNL (programmazione neuro-linguistica) ed è teso ad ottenere un certo comportamento dall'altro imitandone astutamente gli atteggiamenti, anche nei minimi dettagli (modo di parlare, di sorridere, di gesticolare. ecc.).
Comunque, perché non sei d'accordo con quanto da me sopra esposto? Neghi la possibilità che si possa fare una scelta sbagliata (negli studi o nella vita) obbedendo al fascino di una persona?
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 6:32 pm

hypernova ha scritto:
mac67 ha scritto:
Aridagli coi "molti". Nomi, fatti. Grazie.

Percepisco da parte tua mac67 una nota "leggermente" polemica, sbaglio?


Ti chiedo di non essere vaga. "C'è una pedagogia": quale? Ha un nome specifico? Chi la propone? "Non importa cosa si trasmette, ma come": affermazione piuttosto forte, che non ho mai letto da nessuna parte, nemmeno da parte del pedagogista più inutile: davvero qualcuno dice questo? Chi è? "Viene detto dal MIUR": dove? Hai un documento del MIUR da citare a sostegno della tua affermazione? Vorrei discutere su qualcosa di concreto e su notizie di prima mano, altrimenti è la solita aria fritta.

Infatti già si confonde "interessante" con "simpatico" e "carismatico".
Tornare in alto Andare in basso
hypernova



Messaggi : 267
Data d'iscrizione : 26.05.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 8:28 pm

mac67 ha scritto:
Ah, perché sapere fare lezione in modo interessante significa essere simpatici? Ossignur.

Si, significa entrare in sintonia con lo studente, non per nulla alcuni professori possono piacere ad alcuni e ad altri no. A me personalmente non interessa che la lezione sia fatta in modo interessante ma che il contenuto della lezione sia interessante.

Quoto in pieno scuola70, anche a me quella scena dell'Attimo Fuggente in cui si stracciano i libri, ha sempre destato parecchie perplessità. Sottolineo anche che quel film ce lo fecero vedere a scuola...


Ultima modifica di hypernova il Ven Ott 21, 2016 10:19 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6181
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Pedagogia della "manipolazione"   Ven Ott 21, 2016 10:13 pm

Quel film ha ROVINATO diffusamente il concetto di insegnamento e la fiducia nella scuola, per generazioni intere di ragazzi e di relativi genitori. Per mia fortuna l'ho visto solo in età adulta, essendo già ampiamente vaccinata contro quel genere di fuffa.

Oltretutto, se proprio vogliamo andare a fondo, il bello è che il senso PRINCIPALE di quel film, ossia la riflessione puramente filosofica su certi concetti molto particolari di estetismo artistico che interessano a quattro gatti che non rispecchiano affatto la media della popolazione, è stato completamente rimosso. L'unico messaggio che è passato è quello "contro la scuola tradizionale" e su quanto sia meraviglioso l'insegnante alternativo che affascina gli allievi saltando sul banco e stracciando i libri.
Tornare in alto Andare in basso
 
Pedagogia della "manipolazione"
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» Le 10 Strategie di Manipolazione Mediatica
» Corriere della Sera del 6/10/2010 - COLPO ALLA LEGGE 40
» 8 maggio .... festa della mamma e non solo ...
» La settimana della passione (parlamentare)
» Armonia della Perfezione

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: