Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Masaniello



Messaggi : 265
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioOggetto: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Mer 26 Ott 2016 - 22:00

Ho proposto al Collegio un progettino per le quinte scientifico scienze applicate,consistente in cenni di motori elettrici.
Traggo spunto dalla recente tecnologia di trazione ferroviaria, la quale, dopo un primo periodo post vapore tra primi 900 e fine anni 20 con il trifase, è passata al motore a corrente continua a regolazione reostatica, ,poi elettronica tra anni 60 e 70 ed infine,da una 15 na di anni o qualcosa in più, è tornata al motore asincrono trifase con elettronica di potenza,che sfrutta le linee precedenti a cc trasformandola poi in alternata con inverter. L elettronica permette inoltre l adattamento a linee europee in quanto sostanzialmente politensione e polifase, garantendo ai vari pendolino e frecce varie di scorrazzare in Italia ed all'estero senza cambi di trazione.
1) vorrei discutere con i ragazzi della curva di coppia in funzione della velocità retorica, che spiega le peculiarità dell asincrono trifase. Spesso la curva è presentata in funzione dello Scorrimento,che ovviamente va definito come fenomeno necessario per generare coppia.
Posso chiedere ai ragazzi di passare dalla variabile nr giri retorici al secondo,alla variabile s Scorrimento spiegando qualitativamente come il cambio di variabile modifica l 'andamento della coppia? Come collegamento allo studio di funzione? Esiste qualche programmino o simulazione video consigliata per visualizzare la sfasatura geometrica e di fase delle correnti statoriche?
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Mer 26 Ott 2016 - 22:13

Felipe, perché ti ostini a volere fare un corso universitario per ingegneri meccanici in un liceo, per quanto scientifico?
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Mer 26 Ott 2016 - 23:06

mac67 ha scritto:
Felipe, perché ti ostini a volere fare un corso universitario per ingegneri meccanici in un liceo, per quanto scientifico?

Ottima domanda...
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 265
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Mer 26 Ott 2016 - 23:11

Una breve descrizione fisica del motore. Principio di funzionamento, sulla legge di Faraday hanno esercizi molto più complessi sul libro . Una funzione coppia - numero di giri per la quale si descrive un cambio di variabile. Non mi sembra nulla di trascendentale. Niente rotori, integraloni e dettagli. ..
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15789
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Gio 27 Ott 2016 - 0:26

Masaniello ha scritto:
Ho proposto al Collegio un progettino per le quinte scientifico scienze applicate,consistente in cenni di motori elettrici.
Traggo spunto dalla recente tecnologia di trazione ferroviaria, la quale, dopo un primo periodo post vapore tra primi 900 e fine anni 20 con il trifase, è passata al motore a corrente continua a regolazione reostatica, ,poi elettronica tra anni 60 e 70 ed infine,da una 15 na di anni o qualcosa in più, è tornata al motore asincrono trifase con elettronica di potenza,che sfrutta le linee precedenti a cc trasformandola poi in alternata con inverter. L elettronica permette inoltre l adattamento a linee europee in quanto sostanzialmente politensione e polifase, garantendo ai vari pendolino e frecce varie di scorrazzare in Italia ed all'estero senza cambi di trazione.
1) vorrei discutere con i ragazzi della curva di coppia in funzione della velocità retorica, che spiega le peculiarità dell asincrono trifase.  Spesso la curva è presentata in funzione dello Scorrimento,che ovviamente va definito come fenomeno necessario per generare coppia.
Posso chiedere ai ragazzi di passare dalla variabile nr  giri retorici al secondo,alla variabile s Scorrimento spiegando qualitativamente come il cambio di variabile modifica l 'andamento della coppia? Come collegamento allo studio di funzione? Esiste qualche programmino o simulazione video consigliata per visualizzare la sfasatura geometrica e di fase delle correnti statoriche?
Ho il dubbio che tu stia confondendo sincrono con asincrono; se parli di "sfasamento delle correnti statoriche", forse stai pensando al motore sincrono che quando è in fase non produce coppia, poi man mano che lo sfasamento aumenta la coppia aumenta; stai pensando ad una situazione in cui lo sfasamento rimane stazionario se la coppia rimane costante; con l'asincrono non è così.

Nell'asincrono le correnti di statore sono alla frequenza di alimentazione, quelle rotoriche a frequenza molto più bassa, e non avendo la stessa frequenza la fase cambia in continuazione.

Il collegamento tra n ed s lo puoi evidenziare, è sufficiente che al grafico della coppia (coppia asse y ed s asse x) associ un ulteriore asse (-y) tarato in numero di giri; loro leggeranno su -y il valore di n, intercettando il grafico nel quarto quadrante individueranno lo scorrimento sull'asse x e poi intercettando il grafico nel primo quadrante troveranno C.

Concordo che dovrebbero essere preparati sui casini che troveranno alla maturità e non su roba d'ingegneria elettrica (per quanto formativa).
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15789
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Gio 27 Ott 2016 - 0:35

Felipè, cambi nick con la stessa frequenza delle mutande ? Guarda che le mutande si possono rigirare in 4 posizioni diverse, non è necessario cambiarle ogni mese; un nick ti può durare anche 4 mesi !

E se le compri nere le mutande possono durare anche 4 anni, ma questo con il nick non c'entra.
Tornare in alto Andare in basso
seasparrow



Messaggi : 1118
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 57
Località : Venezia

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Gio 27 Ott 2016 - 9:43

Masaniello ha scritto:
velocita' retorica

retorica con la e?

la velocita' retorica e' uno che parla bene e veloce

Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 265
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Gio 27 Ott 2016 - 10:00

Con sei avvolgimenti e tre coppie polari non ci sono 120 ¤ fisici ed elettrici nello statore?
Chiedo ancora per cortesia ai colleghi di confermare i miei ricordi sulla argomento
- nello statore le correnti alternate generano per lo sfasamento delle correnti negli avvolgimenti un campo magnetico rotante.
-questo induce nelle fasi di rotore un campo magnetico indotto sincrono rispetto a quello di statore,rotante con velocità dipendente da f di alimentazione e coppie polari.
La velocità di rotazione del rotore ,nel caso ferroviario collegata a quella delle ruote,sarà inferiore a quella di sincronismo di una quantità che definisce lo scorrimento, necessario per produrre la coppia necessaria.
La coppia prodotta dal motore varia con il valore di scorrimento secondo i grafici di cui sopra (con qualche variazione a seconda della modalità costruttiva del rotore).
La velocità di rotazione del motore,sempre differente dalla velocità di sincronismo dei campi rotanti, può essere variata modificando i collegamenti elettrici degli avvolgimenti nello statore,stella triangolo,come avveniva in passato,oppure in maniera più efficace mediante variazioni di fase e tensione ad opera di un inverter. L uso dell inverter permette di alimentare il motore con corrente continua.
La curva di coppia presenta un ramo stabile,in cui il motore reagisce alle variazioni di coppia resistente, e di un ramo instabile. Il motore asincrono non presenta i problemi di avviamento ed instabilità di funzionamento che può presentare quello sincrono, adatto ad altri utilizzi. .
Chiedo ancora al plurilaureato avidodiraddrizzatori &altri se ho scritto cazzate. .
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15789
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Gio 27 Ott 2016 - 15:02

Masaniello ha scritto:
Con sei avvolgimenti e tre coppie polari non ci sono 120 ¤  fisici ed elettrici nello statore? Non ho capito la domanda, non ho capito cosa hai scritto.
Tre avvolgimenti contribuiscono a formare una coppia polare, ogni avvolgimento è costuito al minimo da 2 conduttori (una spira) quindi 6 conduttori minimo.
Se vuoi 3 coppie polari per girare a circa 1000 giri (50Hz) serve il triplo di tutto quindi 9 avvolgimenti (non 6) e 18 conduttori minimo.
Questi conduttori saranno alloggiati in cave, minimo 18, con sfasamenti fisici di 360/18=20°; il singolo avvolgimento è sfasato elettricamente con gli altri 2 della stessa coppia di poli di 120° ma è in fase con l'omologo dell'altra coppia polare; avvolgimenti omologhi sono sfasati di 120° fisici tra loro


Chiedo ancora per cortesia ai colleghi di confermare i miei ricordi sulla argomento
- nello statore le correnti alternate generano per lo sfasamento delle correnti negli avvolgimenti un campo magnetico rotante. Sì, a causa dello sfasamento elettrico combinato con lo sfasamento meccanico (fisico).

-questo induce nelle fasi di rotore un campo magnetico indotto sincrono rispetto a quello di statore,rotante con velocità dipendente da f di alimentazione e coppie polari.Sì, correnti non sincrone, di bassissima frequenza, producono un campo rotante lento rispetto al rotore, la cui velocità si somma a quella del rotore e risulta sincrona con quella dello statore.

La velocità di rotazione del rotore ,nel caso ferroviario collegata a quella delle ruote,sarà inferiore a quella di sincronismo di una quantità che definisce lo scorrimento, necessario per produrre la coppia necessaria. Si

La coppia prodotta dal motore varia con il valore di scorrimento secondo i grafici di cui sopra (con qualche variazione a seconda della modalità costruttiva del rotore). Nel senso che i grafici non sono tutti uguali presentando maggiori o minori coppie di spunto, crolli più o meno ripidi al sincronismo, ottenuti con valori differenziati di resitenza di rotore o con forme diverse delle cave di rotore.

La velocità di rotazione del motore,sempre differente dalla velocità di sincronismo dei campi rotanti, può essere variata modificando i collegamenti elettrici degli avvolgimenti nello statore,stella triangolo,come avveniva in passato,No, lo stella triangolo serviva per ridurre le correnti di spunto, le velocità di sincronismo non sono legate a questo tipo di collegamento ma al numero di coppie polari.

oppure in maniera più efficace mediante variazioni di fase e tensione ad opera di un inverter. L uso dell inverter  permette di alimentare il motore con corrente continua.

La curva di coppia presenta un ramo stabile,in cui il motore reagisce alle variazioni di coppia resistente, e di un ramo instabile.Si

Il motore asincrono non presenta i problemi di avviamento ed instabilità di funzionamento che può presentare quello sincrono, adatto ad altri utilizzi.Il motore sincrono non parte da fermo, o lo si avvia con un motore asincrono o lo si avvia con un controllo elettronico che inizia ad alimentarlo a frequenza crescente (da zero). In quest'ultimo caso abbiamo un brushless a tutti gli effetti.
La sua stabilità si valuta in altro modo; è stabile per sfasamenti inferiori ai 90° ed instabile per sfasamenti superiori (perdita del sincronismo).

Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 265
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Gio 27 Ott 2016 - 18:09

Perfetto. Molte grazie. ...
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6138
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Gio 27 Ott 2016 - 20:11

Perché non vai a dare il tuo contributo nel thread in cui si sta commentando la surreale simulazione di prova d'esame di fisica che è stata appena diffusa dal ministero?

Casomai si volesse proprio imporre agli studenti di liceo un corso che normalmente si vedrebbe per la prima volta solo al terzo anno di università, mi sa che è meglio buttarsi su quello di "istituzioni di fisica teorica" piuttosto che su quello di "macchine elettriche"...
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15789
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Gio 27 Ott 2016 - 20:39

paniscus_2.0 ha scritto:
Perché non vai a dare il tuo contributo nel thread in cui si sta commentando la surreale simulazione di prova d'esame di fisica che è stata appena diffusa dal ministero?

Casomai si volesse proprio imporre agli studenti di liceo un corso che normalmente si vedrebbe per la prima volta solo al terzo anno di università, mi sa che è meglio buttarsi su quello di "istituzioni di fisica teorica" piuttosto che su quello di "macchine elettriche"...
Anche noi facciamo "istituzioni di fisica teorica": le istituzioni hanno stilato le indicazioni nazionali per l'insegnamento della fisica, che solo in teoria rappresentano il programma di fisica dei licei.
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Gio 27 Ott 2016 - 22:36

il cosfi è l'angolo di sfasamento tra la tensione e la corrente ;-)
pure io so qualcosa!
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6138
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Gio 27 Ott 2016 - 22:44

carla75 ha scritto:
il cosfi è l'angolo di sfasamento tra la tensione e la corrente ;-)
pure io so qualcosa!

Il mitico FATTORE DI POTENZA, che nelle barzellette enigmistiche nerd equivaleva a "un agricoltore della Basilicata"!
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Gio 27 Ott 2016 - 23:01

paniscus_2.0 ha scritto:
carla75 ha scritto:
il cosfi è l'angolo di sfasamento tra la tensione e la corrente ;-)
pure io so qualcosa!

Il mitico FATTORE DI POTENZA, che nelle barzellette enigmistiche nerd equivaleva a "un agricoltore della Basilicata"!
quindi l'unica cosa che so di elettrotecnica è oggetto di barzellette!
Tornare in alto Andare in basso
Online
sconcertato_1



Messaggi : 394
Data d'iscrizione : 14.12.15

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Ven 28 Ott 2016 - 14:51

carla75 ha scritto:
il cosfi è l'angolo di sfasamento tra la tensione e la corrente ;-)
pure io so qualcosa!

Beh, neanche tanto corretta. L'angolo è solo fi, il coseno è un'altra cosa. ;-)
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4282
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Ven 28 Ott 2016 - 23:37

sconcertato_1 ha scritto:
carla75 ha scritto:
il cosfi è l'angolo di sfasamento tra la tensione e la corrente ;-)
pure io so qualcosa!

Beh, neanche tanto corretta. L'angolo è solo fi, il coseno è un'altra cosa. ;-)
bene :-(
Tornare in alto Andare in basso
Online
seasparrow



Messaggi : 1118
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 57
Località : Venezia

MessaggioOggetto: Re: MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)   Sab 29 Ott 2016 - 13:17

carla75 ha scritto:
sconcertato_1 ha scritto:

il coseno e' un'altra cosa ;-)

e il seno e' un'altra favolosa storia :-)
Tornare in alto Andare in basso
 
MOTORI asincroni trifase (x avidodielettroni)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: