Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
» Gravidanza e scuola infanzia
Oggi alle 9:04 am Da 79dona

» Supplenze (NON concorso) In Canton Ticino
Oggi alle 8:59 am Da angela16

» GRADUATORIE III FASCIA X NON ABILITATI
Oggi alle 8:50 am Da milla 2

» itp con riserva II fascia: convocazioni
Oggi alle 8:45 am Da Cosenza76

» Maternità e ferie non godute
Oggi alle 8:43 am Da milla 2

» L'insegnante non ha sporto denuncia
Oggi alle 8:34 am Da Masaniello

» Assistenza carta docente
Oggi alle 8:32 am Da willie

» Ma che fine ha fatto?
Oggi alle 8:19 am Da udl

» alunno DSA
Oggi alle 8:04 am Da Ire

Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
ushikawa

avatar

Messaggi : 3631
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Ven Ott 28, 2016 9:34 pm

Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 11:49 am

ushikawa ha scritto:
un-lucido-attacco-alla-liberta-dinsegnamento-sul-piano-di-formazione-obbligatoria-dei-docenti-italiani/

E' veramente terribile. Che fine ha fatto l'art. 33 della Costituzione? Che soluzione ci può essere?
Ma perché quelli del MIUR non sentono cosa disse il prof. Giorgio Israel (che ha partecipato pure alla stesura delle Indicazioni Nazionali dei Licei) qui
?
Nella scuola si fa sempre di meno, tra i problemi dei disabili veri, i problemi dei DSA, i problemi dei BES, cosa rimane a un insegnante della didattica ordinaria, quando poi deve affrontare tutti questi casi, deve riempire centinaia di scartafacci, deve fare dei rapporti, gli vengono dati dei questionari da compilare...ma cosa fa? Qual è lo spazio rimasto per fare la didattica ordinaria? E' una cosa drammatica e grave che sta accadendo. Una scuola trasformata sempre più in un ospedale, che però ha una struttura di tipo diverso. C'è l'idea di venire incontro al disagio sociale usando la scuola. La scuola non può essere questo, non può essere ridotta a questo. La scuola non può venire incontro a ogni tipo di problema. La formazione del cittadino dovrebbe vedere la partecipazione di molti soggetti: uno centrale è la famiglia, che non solo non va deresponsabilizzata, ma ad essa bisogna chiedere che si assuma la sua funzione nella formazione del ragazzo. La scuola deve avere come centro quello di formare un cittadino libero in quanto dotato di conoscenze autonome. Nella scuola l'insegnante dovrebbe essere un maestro, non un mero esecutore di circolari che arrivano dall'alto, non una sorta di assistente sociale. Altrimenti la scuola rischia di essere ridotta al nulla. Siamo a un bivio: o si riesce a fermare questo processo di scuola come centro sociale e lasciare alla scuola la sua funzione primaria, conoscitiva, disciplinare, in cui non sparisca tutto, non si riduca a un frammento lo studio delle discipline o altrimenti si andrà avanti nella direzione dello sfascio della società: non solo declino della scuola, ma anche della società.

La scuola dovrebbe essere fondata sulla conoscenza e sul sapere, non sulla burocrazia e sui progettini. La socializzazione, la convivenza civile, la collaborazione tra pari, ecc... dovrebbero essere affidate a persone specializzate in quei settori, o anche al prof di educazione fisica, o a centri di socializzazione opportuni. Un meccanico non è un dentista. Non si va dal meccanico a chiedere di riparare un dente cariato, dal meccanico va uno che vuole la riparazione della sua automobile. Un docente che ha passato anni e anni della sua giovinezza sui libri non è un assistente sociale. Da lui dovete andare se volete le conoscenze disciplinari, non la socializzazione e company.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 12:10 pm

ushikawa ha scritto:
un-lucido-attacco-alla-liberta-dinsegnamento-sul-piano-di-formazione-obbligatoria-dei-docenti-italiani/

Nell'articolo citato da ushikawa c'è scritto: "Un documento la cui pericolosità sta nell’annullare in via definitiva la libertà d’insegnamento ancora garantita dalla Costituzione [...] l’intero bagaglio culturale professionale guadagnato dai docenti in servizio in decenni di carriera viene considerato inservibile rispetto alle presunte nuove finalità dell’istruzione."

Se fosse vero, la situazione è davvero terribile. Ma allora a cosa è servito studiare, laurearsi, abilitarsi e vincere un concorso a cattedra? Se davvero le conoscenze disciplinari sono inservibili alle presunte nuove finalità della Buona Scuola di Renzi e Giannini, io al referendum voto no.
Tornare in alto Andare in basso
Daria16



Messaggi : 301
Data d'iscrizione : 29.02.16

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 12:27 pm

non vedo altro modo che il boicottaggio totale da parte di chi ha buon senso, qualunque posto egli occupi (DS compresi).
Ovviamente il problema è che si dà mano libera ai peggiori, cosa che prima era quantomeno limitata.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20232
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 4:20 pm

ushikawa ha scritto:
http://www.roars.it/online/un-lucido-attacco-alla-liberta-dinsegnamento-sul-piano-di-formazione-obbligatoria-dei-docenti-italiani/
E' curioso come lo stesso documento io lo legga come "cumulo di fuffa", destinato all'oblio, ed altri lo considerino "la Caporetto della libera docenza".

1) Il documento sostiene la didattica per competenze; è un'imposizione ? Per esserlo la didattica per competenze dovrebbe esistere e quindi dovrebbe essere perseguibile; non è così.
Le competenze sono la sintesi di conoscenze, abilità e capacità personali; con il poco tempo che abbiano non superiamo mai il gradino delle abilità, quindi alle competenze non ci si arriva mai, ammesso che abbia senso integrarle nella didattica.
Quel che non è possibile non deve spaventare.

2)"l’intero bagaglio culturale professionale guadagnato dai docenti in servizio in decenni di carriera viene considerato inservibile rispetto alle presunte nuove finalità dell’istruzione. Il documento stabilisce infatti diverse aree di intervento"
Qui l'articolista è malfidente, individuare le "9 aree" significa individuare delle priorità, non gettare alle ortiche il resto. E' quello che facciamo noi tutti i giorni, ad un ragazzo di prima superiore non insegni le lettere, insegni cosa ha scritto Manzoni; non getti via tutto quello che ha imparato, semplicemente rilevi cosa non ha imparato ancora e ti concentri su quello.

3)"Tali inserimenti vanno accompagnati da una specifica attenzione formativa, che vada oltre le conoscenze disciplinari e che sia orientata alla preparazione di figure di docenti con particolari funzioni che sono correlate a “profili professionali”
Significa che le conoscenze disciplinari non sono tutto, non che non sono niente.
In questo periodo si sostiene che il docente debba integrarsi col mondo scuola e non debba semplicemente chiudersi in aula a far lezione; non si tratta quindi di svalutare la didattica disciplinare ma di assegnare al docente compiti ulteriori, che non essendo previsti a contratto il docente potrà ignorare se vuole.
Parliamo di ASL, di RAV, di rapporti evoluti con i genitori (social) e delle innumerevoli puttanate che il MIUR sponsorizza. Non sono minimamente preoccupato di questi desiderata.

4)Questo è il motivo per cui il concetto di «formazione» viene esplicitamente opposto a quello di «aggiornamento»
«Il senso e la cura della propria formazione in servizio, come previsto dalla legge 107/2015, non possono essere interpretati come una generica e ripetitiva “partecipazione a corsi di aggiornamento”, spesso caratterizzata solamente da iniziative frontali, talvolta anche non connessi con le pratiche scolastiche».
E grazie che se ne sono resi conto che i corsini e corsetti a pagamento sono merda puntificia ! E grazie che se ne sono accorti che sono avulsi dalla didattica.
Questo periodo apre alla formazione interna, alla formazione tra pari, alla lettura di un libro o alla visione di un documento video reperito su WEB; apre alla sperimentazione, ad esempio si potrà provare a mettere in pratica qualche minchiata fuffodidattica con i ragazzi (la flipped ?) rilevare che fa schifo e dire: "fa schifo, non la faccio più". Anche questa è formazione, anche questa è avanzamento della cultura didattica.
Ancora una volta l'articolista prende fischi per fiaschi.

5) sostiene che l’utilizzo del mezzo informatico sia più importante degli stessi contenuti disciplinari, destinato a cambiare il paradigma della comunicazione pedagogica
"«L’informatica, quindi, non sarà una materia a sé stante, ma integrata negli insegnamenti e che riguarderà tutti gli insegnanti»"
Nuovamente non capisce nulla: sta dicendo "se pensate che assumeremo docenti di informatica scordatevelo, noi facciamo le nozze con i fichi secchi e ci aspettiamo che gli alunni imparino l'informatica usando il PC nelle vostre lezioni; buon lavoro !"
In cosa il pirlazzone trovi una scala d'importanza solo lui lo sa.

6) Devo dire che mi annoia leggere il documento originale pieno di fuffa e l'articolo che lo critica, pieno di stupidaggini, quindi mi fermo, concludendo solo con una domanda: in quale passo del documento originale c'è scritto che saremo controllati nella messa in pratica delle cazzate fuffodidattiche che ci propinano ?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8760
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 5:23 pm

A proposito, ecco le ultime che mi sono passate sotto gli occhi:

http://www.notrap.it/chi-siamo/

http://www.kivaprogram.net/it/cosa-e-il-programma-kiva-e-come-funziona

GIURO che mi prudono le mani e che mi verrebbe la tentazione seria di bulleggiare di brutto chi ha partorito queste surreali fantasie, e soprattutto chi insiste perché le scuole vi aderiscano in massa.

A questo punto siamo ben oltre lo stadio della pura e semplice fuffa: questa è manipolazione propagandistica pura e semplice, a livelli criminali.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20232
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 7:39 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
A proposito, ecco le ultime che mi sono passate sotto gli occhi:

http://www.notrap.it/chi-siamo/

http://www.kivaprogram.net/it/cosa-e-il-programma-kiva-e-come-funziona

GIURO che mi prudono le mani e che mi verrebbe la tentazione seria di bulleggiare di brutto chi ha partorito queste surreali fantasie, e soprattutto chi insiste perché le scuole vi aderiscano in massa.

A questo punto siamo ben oltre lo stadio della pura e semplice fuffa: questa è manipolazione propagandistica pura e semplice, a livelli criminali.
Questa è vendita di un proprio prodotto.

Mi ricordo di una pubblicità della FIAT per la Duna che chiudeva con "e poi la Duna è bella !"

Nulla di nuovo sotto il sole.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3534
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 7:42 pm

Ma c è scritto che è validata scientificamente. ...
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3534
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 7:45 pm

Cos è sto razzismo verso la Duna? Era una Uno trevolumi. .e comunque era spaziosa ed economica come diceva la pubblicità. .
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 20232
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 8:51 pm

Masaniello ha scritto:
Cos  è sto razzismo verso la Duna? Era una Uno trevolumi. .e comunque era spaziosa ed economica come diceva la pubblicità. .
Nulla da dire sulla convenienza ed abitabilità.

L'estetica ....

Le donne belle sono per gli uomini senza fantasia; le auto pure, viva la Duna !
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8760
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 9:02 pm

Visto che si trattava degli anni in cui la Fiat aveva cominciato a mettere su le fabbriche nei paesi dell'est europeo, ero convinta che qualche creativo (si fa per dire) si fosse inventato il nome ispirandosi al Danubio, che si chiama "Duna" in ungherese. Invece manco quello, era stata commissionata integralmente alle fabbriche dislocate in Sudamerica....
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3534
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 9:14 pm

La brasiliana Uno CS era irrobustita per adattarsi alle strade sterrate del Brasile. .
Oggi è il contrario. Fanno auto apposta per le strade di merda italiane...
Forse panisvus si riferisce alla ALFA Arna di quegli anni, più sfortunata della Duna e nata dalla infelice joint venture con la Nissan
(Arna=Alfa Romeo Nissan Automobiles )
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 8760
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 9:27 pm

No, se ho fatto l'associazione di idee con il nome del Danubio, vuol dire che avevo in mente davvero la Duna. Quella per la quale la gloriosa rivista CUORE aveva organizzato i raduni con tornei e sfilate di bellezza : -)
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 5685
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Nov 09, 2016 9:28 pm

Tra i Roarsiani e gli invalsiani ... non mi schiero. Vedo due fazioni che non credono nella buona fede altrui e interpretano liberamente le posizioni altrui. Magari i roarsiani hanno ragione, ma mi sembrano speculari, come atteggiamento, a quelli che criticano. E lo penso da un bel po' (leggo i loro interventi da anni).
Tornare in alto Andare in basso
serpina



Messaggi : 508
Data d'iscrizione : 21.02.13

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Gio Nov 10, 2016 9:58 am

concordo. c'è molta ideologia preconcetta in questo commento, e c'è la convinzione che davvero la scuola nella sua totalità possa (rischi?) di cambiare nel giro di poco tempo. stando nella scuola mi sembra che si possa invece vedere bene come la sua elefantiasi le impedisca (per fortuna?) cambiamenti veloci (ma anche cambiamenti tout court).
quello che nella scuola è cambiato negli ultimi quindici anni, e non è poco, è cambiato, credo, a causa di un profondo cambiamento della società, non della pedagogia.

(detto questo ho sempre sognato di partecipare al dunaraduno)
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Lug 05, 2017 5:51 pm

serpina ha scritto:

quello che nella scuola è cambiato negli ultimi quindici anni, e non è poco, è cambiato, credo, a causa di un profondo cambiamento della società, non della pedagogia.

Forse hai ragione, la società è cambiata ed è cambiata pure la scuola; ma c'è da chiedersi: società e scuola sono cambiate in meglio? O erano meglio la scuola e la società di un tempo? E c'è ancora da chiedersi: perché la società è cambiata rispetto al passato? Colpa delle nuove tecnologie? Colpa dei mass media? Chissà...però la libertà di insegnamento è un principio costituzionale che i sindacati farebbero bene a tutelare e a difendere dagli assalti degli psicodidapedagogisti di turno.
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1475
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Lug 05, 2017 11:01 pm

Allo stato attuale la libertà d'insegnamento,che non e' quella di insegnare l'astrologia al posto dell'astronomia, e' garantita non solo dall'articolo 33 della costituzione e dall'articolo 13 della Carta dei diritti dell' UE, ma anche da alcuni articoli di leggi ordinarie risalenti al 1994 e al 2001.Persino la famigerata 107 non attacca frontalmente la libertà didattica.Certo,un prof che alza un voto su pressione del Capo,difficilmente difenderà' la sua sacrosanta libertà didattica.
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 1571
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Gio Lug 06, 2017 6:17 pm

balanzoneXXI ha scritto:
Allo stato attuale la libertà d'insegnamento,che non e' quella di insegnare l'astrologia al posto dell'astronomia, e' garantita non solo dall'articolo 33 della costituzione e dall'articolo 13 della Carta dei diritti dell' UE, ma anche da alcuni articoli di leggi ordinarie risalenti al 1994 e al 2001.Persino la famigerata 107 non attacca frontalmente la libertà didattica.Certo,un prof che alza un voto su pressione del Capo,difficilmente difenderà' la sua sacrosanta libertà didattica.

Nessuna legge può disattendere in maniera esplicita un principio sancito dall'articolo 33 della Costituzione.

Esistono però metodi indiretti per mettere in discussione la libertà di insegnamento.

Il Rav, per esempio, non viene compilato in maniera autonoma sulla base della sensibilità culturale dei docenti e del DS, ma deve rispondere a dei parametri stabiliti in maniera arbitraria e discrezionale dal Miur.

Esempio:

"Nella vostra scuola si svolgono prove autentiche per classi parallele?"

Se la risposta è NO, nel piano di miglioramento bisogna inserire l'impegno a svolgere le prove autentiche per classi parallele.

Ma per quale motivo prevedere questo tipo di prove dovrebbe costituire un miglioramento della didattica?
Chi lo ha deciso?

Prendiamo poi l'Invalsi.
Questo Istituto decide in maniera autoreferenziale quali contenuti di insegnamento privilegiare e quale visione della disciplina bisogna portare avanti.
Se l'Invalsi si fosse limitato a fare analisi statistiche a titolo privato, l'avremmo lasciato ragliare per i fatti suoi. L'Invalsi però pretende di valutare il servizio scolastico e addirittura di misurare (sic) le competenze degli studenti.
Questo costringe gli insegnanti ad adeguare la didattica in funzione di ciò che l'Invalsi reputa utile e importante, senza che si riesca a comprendere chi ha dato all'Invalsi l'autorità culturale per svolgere questo ruolo.
La libertà di insegnamento pertanto viene intaccati da leggi e norme varie che promuovono il pensiero unico in campo didattico.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20232
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Gio Lug 06, 2017 6:29 pm

comp_xt ha scritto:

"Nella vostra scuola si svolgono prove autentiche per classi parallele?"

Se la risposta è NO, nel piano di miglioramento bisogna inserire l'impegno a svolgere le prove autentiche per classi parallele.

Ma per quale motivo prevedere questo tipo di prove dovrebbe costituire un miglioramento della didattica?
Chi lo ha deciso?
Non credo ci sia questo automatismo, non credo che avendo dichiarato di non farle sia obbligatorio dichiarare di intendere farle, si possono individuare altri azioni.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Lug 26, 2017 8:14 am

avidodinformazioni ha scritto:
Mi ricordo di una pubblicità della FIAT per la Duna che chiudeva con "e poi la Duna è bella !"

Nulla di nuovo sotto il sole.

A proposito della FIAT, è interessante quello che dice un illustre docente universitario ferrarese in questo video dal minuto 7:53 :
"So che la FIAT, quando si era messa a fare la promozione dell'arte contemporanea, stava andando nel baratro; quando è ritornata a fare le macchine si è ripresa".
L'intervento del professore (che è anche uno dei maggiori storici della sua disciplina in Italia) è davvero interessante e si collega al discorso del lucido attacco alla libertà di insegnamento, che a quanto pare è stato tentato anche a livello universitario.
Il prof dice che
"L'università medievale era una società di docenti e di discenti, questo è il punto fondamentale, questo deve rimanere l'università, non trasformarsi in qualcosa di generico, in un servizio sociale indistinto"

L'intervento del professore va dal minuto 4:45 al minuto 8:22, sono meno di 4 minuti, ve li consiglio.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mar Ott 17, 2017 1:08 pm

Ospite ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Mi ricordo di una pubblicità della FIAT per la Duna che chiudeva con "e poi la Duna è bella !"

Nulla di nuovo sotto il sole.

A proposito della FIAT, è interessante quello che dice un illustre docente universitario ferrarese in questo video dal minuto 7:53 :
"So che la FIAT, quando si era messa a fare la promozione dell'arte contemporanea, stava andando nel baratro; quando è ritornata a fare le macchine si è ripresa".
L'intervento del professore (che è anche uno dei maggiori storici della sua disciplina in Italia) è davvero interessante e si collega al discorso del lucido attacco alla libertà di insegnamento, che a quanto pare è stato tentato anche a livello universitario.
Il prof dice che
"L'università medievale era una società di docenti e di discenti, questo è il punto fondamentale, questo deve rimanere l'università, non trasformarsi in qualcosa di generico, in un servizio sociale indistinto"

L'intervento del professore va dal minuto 4:45 al minuto 8:22, sono meno di 4 minuti, ve li consiglio.

Grande!
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 3631
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mar Ott 17, 2017 2:52 pm

certo davvero originale "ospite" come nick
Tornare in alto Andare in basso
Online
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 57742
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Ott 18, 2017 6:49 pm

Non si è ancora capito che non è un nick, ma la scritta che appare quando un utente cancella il suo account?
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 3631
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Mer Ott 18, 2017 11:00 pm

e stavo a fà 'na battuta
Tornare in alto Andare in basso
Online
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 57742
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioTitolo: Re: Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars   Ieri alle 12:44 am

Ok, allora sono io che non l'avevo capita. Questa tua versione romanesca è inquietante:-)
Tornare in alto Andare in basso
 
Un lucido attacco alla libertà di insegnamento. La formazione obbligatoria secondo Roars
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Milano - seminario "Dalla dipendenza affettiva alla libertà in amore"
» PIANO D'ATTACCO-L'ACCIAIO SI STRIDE MA NON SI SPEZZA
» Scimpanzè all’attacco!
» e continuerò per sempre a dire grazie alla vita
» oggi eco alla 10 + 0...meraviglia!!!!!

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: