Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 piano nazionale scuola digitale

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
alessioweb



Messaggi : 215
Data d'iscrizione : 08.08.14

MessaggioOggetto: piano nazionale scuola digitale   Sab Ott 29, 2016 5:28 pm

Promemoria primo messaggio :

Ciao a tutti

cerco consiglio da collega/ghi competente (che magari abbia già frequentato i corsi previsti dal PNSD gli anni scorsi). Mi sono iscritto tramite la scuola di servizio al PNSD sull'onda della legge 107/2015. Vorrei sapere quante ore di formazione in presenza (poche spero!) e quante on-line (tante spero!).
Grazie
Tripod
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
vinz



Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 21.08.10

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Dom Ott 30, 2016 9:41 pm

[quote="ushikawa"]
vinz ha scritto:

Il vecchio caro libro non sarebbe abbastanza attraente, a quanto pare. Ma davvero qualcuno pensa che passando dalla carta a uno schermo si risolvano magicamente tutti i problemi, senza che non se ne presenti nessuno di nuovo?

No, non c'è nessuno che lo pensa. A parte, ripeto, qualche cretino.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Dom Ott 30, 2016 9:45 pm

vinz ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
vinz ha scritto:
Infine dalle mie parti l'e-lerning è stato quasi totalmente assente: ci hanno propinato la "solita fuffa" (sto imparando il linguaggio figo del forum!) a base di slides leggiucchiate distrattamente, alle due e mezza del pomeriggio, da un relatore che, visibilmente, avrebbe voluto essere altrove. E io ho fatto il corso per animatori, che era più "robusto" e in qualche modo meglio organizzato. Quello per i docenti del team è stato una pagliacciata pura e semplice.
Un buon corso, per nulla fuffologico, dovrebbe cominciare con la seguente affermazione:

"abbiamo fatto un'indagine statistica su 100 scuole ed abbiamo propinato la solita solfa in formato tradizionale, somministrando questo test abbiamo ottenuto i soliti risultati; poi in 100 scuole del tutto equivalenti abbiamo svolto una didattica innovativa; offrendo lo stesso test abbiamo ottenuto questi altri risultati, evidentemente migliori.
Se volete riprodurre i nostri successi vi consigliamo di utilizzare i nostri stessi strumenti .... che sono questi ............"

Invece i didattofuffologi suggeriscono sempre nuove sperimentazioni, alle quali dovremmo partecipare (da sperimentatori) e sulle quali non c'è mai una raccolta dati.

Questo differenzia la fuffa dalla ricerca scientifica; questo differenzia la falsa scienza dell'educazione dalla vera scienza di noi maleducati.


Oh, finalmente hai detto una cosa che condivido! Anche se, attribuendoti la "vera scienza" decisamente ti sopravvaluti. Sulla maleducazione invece sono abbastanza d'accordo.
Non vorrei essere frainteso, non intendevo dire che io sono l'unico depositario della vere scienza, intendevo dire che io sono uno dei tanti dilettanti della vera scienza, mentre a scienza dell'educazione non sanno cosa sia.

Anche per la maleducazione, sono ben quotato, ma non primeggio.
Tornare in alto Andare in basso
vinz



Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 21.08.10

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Dom Ott 30, 2016 9:54 pm

comp_xt ha scritto:
vinz ha scritto:
Paolo Santaniello ha scritto:
L'animatore digitale è colui che dovrà costringere i colleghi a usare il computer anche se non vogliono.

Manca solo la parola "fuffa", con cui spesso in questo forum si battezza qualunque pratica, indirizzo, suggerimento vada anche soltanto un millimetro più in là delle proprie consolidate e indiscutibili abitudini didattiche, e il quadro è completo.

I colleghi che "non usano" il computer e "devono essere costretti a farlo" farebbero meglio a cambiare mestiere. Perché nella mia scuola (soltanto nella mia naturalmente, nel resto del mondo si usano ancora, com'è noto, le tavolette di cera!) il registro è on line da anni, da anni ci sono le lim in classe, da anni le programmazioni si stendono e si consegnano digitalmente, da anni bisogna accedere ad un certo stramaledetto sito per poter superare felicemente l'anno di prova, da anni si adottano libri di testo che offrono materiali aggiuntivi  e supporti per i DSA di carattere digitale, da anni si ricevono circolari e comunicazioni istituzionali sulla casella di posta elettronica, da anni insomma senza il pc è impossibile portare a termine il lavoro che un anno di scuola comporta.


Carissimo,
Si chiama libertà di insegnamento ed è garantita dall'articolo 33 della Costituzione Italiana.
E se qualche animatore digitale mi dice che devo fare diversamente, lo mando a quel paese senza problemi e con coscienza serena.

Ma chi ha mai sostenuto il contrario? L'animatore digitale non ha il compito di dirti cosa fare. E se lo fa, fai bene a mandarlo a quel paese. Ha invece il compito di creare, o di contribuire a creare, un ambiente adeguato perché chi lo desidera, chi lo ritiene utile possa integrare la propria didattica con soluzioni digitali.
Tuttavia, mi pare di non sbagliare troppo se dico che non si può considerare libertà di insegnamento quella del docente, sparo a caso, che non carica le programmazioni sul registro elettronico o non annota le assenze perché non sa farlo e non vuole imparare a farlo. Non è libertà di insegnamento, si chiama mancanza di professionalità.
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 926
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Dom Ott 30, 2016 10:14 pm

vinz ha scritto:
comp_xt ha scritto:
vinz ha scritto:
Paolo Santaniello ha scritto:
L'animatore digitale è colui che dovrà costringere i colleghi a usare il computer anche se non vogliono.

Manca solo la parola "fuffa", con cui spesso in questo forum si battezza qualunque pratica, indirizzo, suggerimento vada anche soltanto un millimetro più in là delle proprie consolidate e indiscutibili abitudini didattiche, e il quadro è completo.

I colleghi che "non usano" il computer e "devono essere costretti a farlo" farebbero meglio a cambiare mestiere. Perché nella mia scuola (soltanto nella mia naturalmente, nel resto del mondo si usano ancora, com'è noto, le tavolette di cera!) il registro è on line da anni, da anni ci sono le lim in classe, da anni le programmazioni si stendono e si consegnano digitalmente, da anni bisogna accedere ad un certo stramaledetto sito per poter superare felicemente l'anno di prova, da anni si adottano libri di testo che offrono materiali aggiuntivi  e supporti per i DSA di carattere digitale, da anni si ricevono circolari e comunicazioni istituzionali sulla casella di posta elettronica, da anni insomma senza il pc è impossibile portare a termine il lavoro che un anno di scuola comporta.


Carissimo,
Si chiama libertà di insegnamento ed è garantita dall'articolo 33 della Costituzione Italiana.
E se qualche animatore digitale mi dice che devo fare diversamente, lo mando a quel paese senza problemi e con coscienza serena.

Ma chi ha mai sostenuto il contrario? L'animatore digitale non ha il compito di dirti cosa fare. E se lo fa, fai bene a mandarlo a quel paese. Ha invece il compito di creare, o di contribuire a creare, un ambiente adeguato perché chi lo desidera, chi lo ritiene utile possa integrare la propria didattica con soluzioni digitali.
Tuttavia, mi pare di non sbagliare troppo se dico che non si può considerare libertà di insegnamento quella del docente, sparo a caso, che non carica le programmazioni sul registro elettronico o non annota le assenze perché non sa farlo e non vuole imparare a farlo. Non è libertà di insegnamento, si chiama mancanza di professionalità.

Formazione obbligatoria, chiamata diretta dei docenti, ptof, atti di indirizzo del dirigente scolastico, valutazione delle scuole, bonus per il merito...
Non possono dire esplicitamente che vogliono cancellare la libertà di insegnamento perché essa è un principio costituzionale, ma di fatto ci sono pressioni molto forti per orientare la didattica in un certo modo.
Non ci vuole molto a capire che un pessimo insegnante che però utilizza la didattica digitale e che, come si usa dire oggi, possiede "competenze certificate in merito", rischia di essere preferito a un eccellente insegnante che ritiene opportuno spiegare con gesso e lavagna.
I docenti che non sanno accendere un PC sono un fenomeno residuale, finiamola con questa retorica sul presunto analfabetismo digitale dei docenti italiani, si tratta di una falsità costruita ad hoc per imbastire questa squallida baracca.
Riguardo al registro elettronico, compilarlo rientra senz'altro fra gli obblighi professionali, ogni giorno però mi chiedo perché debbo impiegare 10 minuti per svolgere un'attività che col cartaceo richiedeva 30 secondi. Solo perché così i genitori hanno la telecronaca minuto per minuto di quello che facciamo a scuola? Sinceramente, qualcuno pensa che grazie a ciò la scuola italiana sia migliorata in maniera percettibile?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6144
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Dom Ott 30, 2016 10:22 pm

Ma secondo te la cosiddetta animazione digitale significa "insegnare a usare il registro elettronico a chi non ci riesce"? A me non risulta, per la formazione sull'uso del registro elettronico vengono chiamati dei dipendenti della ditta privata che produce il software, e in uno o due incontri finisce lì. E francamente, di colleghi che "non sanno usare la posta elettronica" o che non sanno scrivere un verbale in formato digitale, o che non sanno come far vedere un video ai ragazzi su una lim, non ne conosco nemmeno uno.

Gli animatori digitali, per quello che ho potuto vedere finora, non fanno altro che quello che è stato descritto sopra, ovvero tampinare i colleghi per convincerli a usare qualcosa che a loro non piace o non interessa (e tengo a precisare, NON qualcosa che loro ancora non conoscono e che potrebbero essere illuminati a conoscere, ma quasi sempre qualcosa che loro conoscono già, che hanno già provato a usare, e che proprio non li sconfiffera per niente...)


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Lun Ott 31, 2016 7:32 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
vinz



Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 21.08.10

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Dom Ott 30, 2016 10:47 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ma secondo te la cosiddetta animazione digitale significa "insegnare a usare il registro elettronico a chi non ci riesce"?  

Ma certo che no!
Non so cosa facciano i colleghi; se può interessarti, ti dico di cosa mi sono occupato o mi sto occupando io.

1) Ho sbrigato tutta la complessa documentazione per partecipare ai pon, grazie ai quali abbiamo potenziato la rete.
2) Ho condotto delle sperimentazioni nell'aula 3.0, e ne ho condiviso i risultati con chi lo desiderava.
2) Ho creato un blog sul quale gli alunni pubblicano i loro lavori.
3) Ho prodotto, su richiesta del dipartimento di lettere, materiali digitali per l'alfabetizzazione degli stranieri e per un alunno audioleso.
4) Ho rinnovato nella grafica e nei contenuti il sito della scuola.
5) Ho messo a punto, in collaborazione con l'assistente tecnico e su richiesta dei colleghi di scienze, un sistema che consente di usare il pc della lim senza cavi.
6) Sto digitalizzando una parte della modulistica della scuola, su richiesta della segreteria e in collaborazione con il team.
7) Ho creato delle cartine digitali interattive, che mi erano utili per geografia, e adesso le usano le scuole di mezza provincia, senza che io abbia fatto un solo secondo di proselitismo, semplicemente linkandole sul blog.

La visione dell'animatore digitale come di un tizio che va a rompere le palle ai colleghi per obbligarli a usare qualche diavoleria elettronica è davvero caricaturale. Ma può darsi che siate stati semplicemente sfortunati.


Ultima modifica di vinz il Lun Ott 31, 2016 7:24 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Dom Ott 30, 2016 11:29 pm

No, anch'io in due scuole, l'anno scorso e quest'anno non ho avuto alcuna pressione; l'animatore di quest'anno tifa per moodle, io ho costruito siti miei, moodle non lo sto usando e lui non mi sta creando alcun problema.

Non ne faccio una questione di libertà, ma di utilità; considero le didattiche alternative troppo banalizzanti; vedo le nuove tecnologie come uno strumento aggiuntivo e non sostitutivo.

Chi, ad esempio, sponsorizza la flipped o propende per le verifiche formative con smartphone, vuole una didattica che secondo me aumenta l'ignoranza media.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6144
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Dom Ott 30, 2016 11:58 pm

Comunque, per la flipped non mi starei a preoccupare troppo, è una moda "virtuale" (nel senso che se ne parla tanto, ma che poi non viene messa in pratica quasi da nessuno) destinata a durare pochissimo. Semplicemente, perché (a differenza di altre mode didattiche altrettanto insignificanti e/o controproducenti, che incontrano demagogicamente il favore dell'opinione pubblica) questa è propagandata solo sugli insegnanti, ma sarebbe comunque destinata a fallire clamorosamente nelle eventuali reazioni dell'utenza.

Visto che adesso la nuova frontiera delle rivendicazioni delle famiglie è soprattutto quella di pretendere che si venga riempiti di scienza infusa direttamente in classe e che sia abolita completamente qualsiasi forma di studio individuale a casa... come si fa a pensare che sia proponibile una situazione in cui non solo si deve studiare a casa, ma addirittura si deve studiare a casa qualcosa che "non è stato ancora spiegato in classe"?

Le mamme petalose che inondano il web di petizioni strappalacrime contro i compiti, imbraccerebbero il lanciafiamme!
Tornare in alto Andare in basso
crotone



Messaggi : 1886
Data d'iscrizione : 29.09.09

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 12:40 am

ho scelto io di essere formato perchè voglio crescere. Non lo fanno i più addormentati, forse i più motivati e meno vagabondi.
Tornare in alto Andare in basso
vinz



Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 21.08.10

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 6:56 am

avidodinformazioni ha scritto:


Chi, ad esempio, sponsorizza la flipped o propende per le verifiche formative con smartphone, vuole una didattica che secondo me aumenta l'ignoranza media.

Devo preoccuparmi: un'altra cosa che condivido interamente.  

Ma preciso che lo svolgimento delle verifiche tramite smartphone è una pratica per la quale nessuno ha mai preteso di "formarmi" e che personalmente non ho mai osservato. Credo che la totalità dei sostenitori della didattica digitale la sconsigli. Per quanto ne so, l'approccio "integrativo" e non "esclusivo" che Avido trova congeniale è largamente predominante. Di più: è l'unico che mi è stato "suggerito" nei famigerati corsi.

Quella delle verifiche con lo smartphone deve perciò essere una isolata bizzarria o un caso di furente estremismo ideologico. Ma non escludo che possa prendere piede, perché asseconda la naturale pigrizia del docente (gli esercizi digitali si trovano già pronti su internet e spesso si autocorreggono). Dopo di che si urlerà con scandalo alla decadenza dei costumi e alla fine del mondo causati dalla didattica digitale. Ignorando che trattasi di pratica che gli esperti di didattica digitale hanno sempre sconsigliato.

Lascio qui il dibattito (non vorrei continuare un infinito e inutile ping pong di osservazioni contrapposte). Ho detto come la vedo, ho capito come la vedete: per quanto mi riguarda, de hoc satis. . Grazie a tutti per l'interessante discussione.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1778
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 7:20 am

ok, diciamo che la mia "provocazione" mi ha dato l'informazione che cercavo.
Ovvero che non sono il solo, a quanto pare, a provare fastidio quando l'animatore digitale sollecita l'uso della tecnologia. Non perchè non la so usare, anzi quando glielo faccio notare mi risponde che "nooo ma mica ti devo insegnare a usare questo e quello, qua si tratta di un MODO NUOVO DI FARE SCUOLA CHE ORMAI DOBBIAMO IMPARARE".
In realtà non lo dobbiamo "imparare" qualcosa di nuovo, ma adattare l'insegnamento alla necessità del mercato di vendere prodotti tecnologici.


Ultima modifica di Paolo Santaniello il Lun Ott 31, 2016 8:18 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 926
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 7:28 am

Vinz,

il problema è che per i docente il digitale è uno strumento, per il ministero un fine.
Io non ho alcun dubbio sulla bontà delle tue intenzioni, ma allo stesso tempo ho la percezione chiara e distinta di quello che il Miur vuole fare e, nel contesto normativo della legge 107, ciò significa una cosa ben precisa.

Riguardo all'aggiornamento professionale, siamo in tanti a volerlo.
Quello che non capisco (o meglio, lo capisco benissimo) è per quale motivo i corsi di didattica digitale, di didattica per competenze, di inclusione e bes e tutta la baracca politicamente corretta, vengono stanziati milioni di euro.
I corsi attinenti la didattica specifica della nostra disciplina (da attuare in una forma che non sia necessariamente digitale) sono invece praticamente introvabili. Forse perché sono gli unici corsi che possono essere tenuti da veri esperti e non da chiacchieroni formati a una certa ideologia psico-pedagogica e che però non sanno nulla né delle discipline, né del loro insegnamento?
In questo forum puoi trovare, ad esempio, una discussione sulla seconda prova di fisica al liceo scientifico, dalla quale emergono, oltre che critiche al ministero, anche perplessità, timori e dichiarazioni di inadeguatezza dei docenti.
Io però non ho mai visto un corso, aperto ai docenti e finanziato dal Miur, di didattica della relatività, di didattica della fisica, di preparazione di esperienze didattiche nel laboratorio di fisica e così via.
Al contrario, ogni giorno leggo di corsi gratuiti (finanziati dal miur) di didattica digitale, di didattica per competenze,  di didattica per i dsa e per i bes.
Ti sei mai chiesto il perché di tutto ciò?
Io si, e francamente la risposta mi sembra ovvia.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 7:33 am

vinz ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Ma secondo te la cosiddetta animazione digitale significa "insegnare a usare il registro elettronico a chi non ci riesce"?  

Ma certo che no!
Non so cosa facciano i colleghi; se può interessarti, ti dico di cosa mi sono occupato o mi sto occupando io.

1) Ho sbrigato tutta la complessa documentazione per partecipare ai pon, grazie ai quali abbiamo potenziato la rete.
2) Ho condotto delle sperimentazioni nell'aula 3.0, e ne ho condiviso i risultati con chi lo desiderava.
2) Ho creato un blog sul quale gli alunni pubblicano i loro lavori.
3) Ho prodotto, su richiesta del dipartimento di lettere, materiali digitali per l'alfabetizzazione degli stranieri e per un alunno audioleso.
4) Ho rinnovato nella grafica e nei contenuti il sito della scuola.
5) Ho messo a punto, in collaborazione con l'assistente tecnico e su richiesta dei colleghi di scienze, un sistema che consente di usare il pc della lim senza cavi.
6) Sto digitalizzando una parte della modulistica della scuola, su richiesta della segreteria e in collaborazione con il team.
7) Ho creato delle cartine digitali interattive, che mi erano utili per geografia, e adesso le usano le scuole di mezza provincia, senza che io abbia fatto un solo secondo di proselitismo, semplicemente linkandole sul blog.

La visione dell'animatore digitale che va a rompere le palle ai colleghi per obbligarli a usare qualche diavoleria elettronica è davvero caricaturale. Ma può darsi che siate stati semplicemente sfortunati.

La maggior parte delle cose che elenchi o di equivalenti io le ho fatte: si è trattato per lo più di lavoro extra, poco o nulla retribuito, che ho svolto per il bene della scuola, nel quale includo il possesso di una adeguata dotazione informatica. Ma le ho fatte per quel minimo che già mastico di informatica e per il quale non serve affatto alcun corso; al contrario io credo che il corso, oltre a portare via un mucchio di ore che personalmente ritengo importanti per la mia vita, sia una sorta di indottrinamento.

Ad esempio, pur essendo parecchio "informatico", ritengo il registro elettronico una pessima idea: fa perdere tempo, parecchio tempo, in classe oppure a casa per l'inserimento dei dati, specie con il wireless ballerino, vincola l'insegnante in sede di valutazione e di fatto sostituisce quella comunicazione reale, non virtuale, tra scuola-docente-studente e famiglia, che si basa sulla fiducia reciproca. Infatti la possibilità per le famiglie di vedere a monitor, in tempo reale e senza alcun tramite, le assenze, i ritardi, i voti e le note disciplinari del figlio è a mio avviso profondamente diseducativa, come lo è la consultazione dei compiti o degli avvisi che ciascun alunno dovrebbe prendersi la briga di scrivere sul proprio diario. Guardando un voto di sufficienza sul registro elettronico i genitori possono pensare che vada tutto bene, senza sapere che tipo di sufficienza è, come è stato messo quel voto; i colloqui con le famiglie, che a mio avviso alle medie sono utilissimi tanto per i docenti quanto per le famiglie, saranno molto diradati; aumenterà il contenzioso, perché la valutazione in itinere non sempre lascia presagire quella finale e perché il mancato dialogo viso a viso porterà a moltissimi malintesi, come è ormai chiaro avvenga in tutta la comunicazione via web.

L'animatore digitale quindi non può ritenersi solo un facilitatore della infrastrutturazione informatica della scuola, perché gli oggetti che contribuirà ad acquistare ed installare non sono affatto neutri, ma portatori di una precisa visione ideale, come qualsiasi altro prodotto; una volta realizzata l'infrastruttura è evidente che avrà problemi chi si dichiarasse restio ad usarla, chi non vorrà usare il registro elettronico, o la meravigliosa LIM, o non vorrà sfruttare il wireless potenziato per consentire agli alunni di fare ricerche con il proprio dispositivo.

Peraltro sono molto, molto preoccupato per i pericoli della progressiva sostituzione della vita reale con la vita virtuale, che è poi il fine ideologico dell'enorme spinta per la digitalizzazione.

Concordo al 100% con la visione di comp_xt: il digitale deve essere uno strumento, un mezzo, non un fine ideologico. E di ideologia sul digitale ce n'è tantissima.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1778
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 8:54 am

...infatti si chiama "animatore" e non facilitatore... non deve spiegarti come fare col digitale quello di cui hai bisogno, ma piuttosto spiegarti che devi fare col digitale quel che vorresti fare senza!
E anche il "piano" si chiama piano appunto perchè è una manovra con uno scopo preciso, quello di digitalizzare la scuola, che quindi si pone appunto come fine piuttosto che come mezzo.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 9:00 am

comp_xt ha scritto:

In questo forum puoi trovare, ad esempio, una discussione sulla seconda prova di fisica al liceo scientifico, dalla quale emergono, oltre che critiche al ministero, anche perplessità, timori e dichiarazioni di inadeguatezza dei docenti.
Io però non ho mai visto un corso, aperto ai docenti e finanziato dal Miur, di didattica della relatività, di didattica della fisica, di preparazione di esperienze didattiche nel laboratorio di fisica e così via.

Quelle prove sono frutto del progetto LS-OSA, da cui parte anche un corso di aggiornamento di fisica moderna ("solo" 120 euro, organizzato da Roma 3). Alcuni miei colleghi si sono iscritti. Per curiosità, ho chiesto di farmi vedere che cosa c'è. Per farla breve: mezzo corso di laurea in fisica (meccanica quantistica, relatività, ottica quantistica, materia condensata, particelle elementari, astrofisica e cosmologia). Ma didattica, zero.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 11:17 am

mac67 ha scritto:
comp_xt ha scritto:

In questo forum puoi trovare, ad esempio, una discussione sulla seconda prova di fisica al liceo scientifico, dalla quale emergono, oltre che critiche al ministero, anche perplessità, timori e dichiarazioni di inadeguatezza dei docenti.
Io però non ho mai visto un corso, aperto ai docenti e finanziato dal Miur, di didattica della relatività, di didattica della fisica, di preparazione di esperienze didattiche nel laboratorio di fisica e così via.

Quelle prove sono frutto del progetto LS-OSA, da cui parte anche un corso di aggiornamento di fisica moderna ("solo" 120 euro, organizzato da Roma 3). Alcuni miei colleghi si sono iscritti. Per curiosità, ho chiesto di farmi vedere che cosa c'è. Per farla breve: mezzo corso di laurea in fisica (meccanica quantistica, relatività, ottica quantistica, materia condensata, particelle elementari, astrofisica e cosmologia). Ma didattica, zero.
Direi che sia giusto così; quel corso ha uno scopo: offrire conoscenze disciplinari a chi non le ha.

Io sono ingegnere ed insegno fisica, in vita mia non ho mai studiato la relatività generale ed ho avuto solo qualche accenno a quella ristretta; necessito di formazione a riguardo.
Posso ragionevolmente immaginare che lo stesso problema ce l'abbiano tutti i laureati in matematica ovvero il 50 % (o più) di coloro che insegnano fisica.

Poi, dopo aver imparato quello che dobbiamo insegnare, cercheremo di imparare come insegnarlo, ma sarà un secondo passo.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 11:28 am

avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
comp_xt ha scritto:

In questo forum puoi trovare, ad esempio, una discussione sulla seconda prova di fisica al liceo scientifico, dalla quale emergono, oltre che critiche al ministero, anche perplessità, timori e dichiarazioni di inadeguatezza dei docenti.
Io però non ho mai visto un corso, aperto ai docenti e finanziato dal Miur, di didattica della relatività, di didattica della fisica, di preparazione di esperienze didattiche nel laboratorio di fisica e così via.

Quelle prove sono frutto del progetto LS-OSA, da cui parte anche un corso di aggiornamento di fisica moderna ("solo" 120 euro, organizzato da Roma 3). Alcuni miei colleghi si sono iscritti. Per curiosità, ho chiesto di farmi vedere che cosa c'è. Per farla breve: mezzo corso di laurea in fisica (meccanica quantistica, relatività, ottica quantistica, materia condensata, particelle elementari, astrofisica e cosmologia). Ma didattica, zero.
Direi che sia giusto così; quel corso ha uno scopo: offrire conoscenze disciplinari a chi non le ha.

Io sono ingegnere ed insegno fisica, in vita mia non ho mai studiato la relatività generale ed ho avuto solo qualche accenno a quella ristretta; necessito di formazione a riguardo.
Posso ragionevolmente immaginare che lo stesso problema ce l'abbiano tutti i laureati in matematica ovvero il 50 % (o più) di coloro che insegnano fisica.

Poi, dopo aver imparato quello che dobbiamo insegnare, cercheremo di imparare come insegnarlo, ma sarà un secondo passo.

La formazione del docente, se limitata al contenuto disciplinare, serve a ben poco, e quella del corso è decisamente esagerata.

Molto meglio un corso limitato ai contenuti del liceo, ma a forte contenuto didattico (come presentare gli argomenti? In che ordine? ecc.)
Tornare in alto Andare in basso
Logaritmo



Messaggi : 19
Data d'iscrizione : 30.10.14

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 11:45 am

mac67 ha scritto:
La formazione del docente, se limitata al contenuto disciplinare, serve a ben poco, e quella del corso è decisamente esagerata.

Molto meglio un corso limitato ai contenuti del liceo, ma a forte contenuto didattico (come presentare gli argomenti? In che ordine? ecc.)

Concordo. Confesso anche che ero interessato al corso LS-OSA, ma dopo quanto scritto più sopra, mi è passata la voglia.
E' un po' il problema che si è manifestato con alcuni corsi del TFA in alcune università: zero didattica, tutta disciplina (nella maggior parte dei casi non spendibile in classe in alcun modo).
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 12:09 pm

Logaritmo ha scritto:
mac67 ha scritto:
La formazione del docente, se limitata al contenuto disciplinare, serve a ben poco, e quella del corso è decisamente esagerata.

Molto meglio un corso limitato ai contenuti del liceo, ma a forte contenuto didattico (come presentare gli argomenti? In che ordine? ecc.)

Concordo. Confesso anche che ero interessato al corso LS-OSA, ma dopo quanto scritto più sopra, mi è passata la voglia.
E' un po' il problema che si è manifestato con alcuni corsi del TFA in alcune università: zero didattica, tutta disciplina (nella maggior parte dei casi non spendibile in classe in alcun modo).
Perchè li pensate come inutile doppione di quel che già sapete; in questo caso è rivolto a gente che non "già sa" ma che ancora non sa; io ho delle valide alternative gratuite altrimenti quel corso lo prenderei in seria considerazione.

Dopo quel corso si passa da "non lo so e non lo so insegnare" a "non lo so insegnare" ed è già un miglioramento (direi il 90 % del percorso).

Poi parliamoci chiaro, pensate che qualche docente universitario sia in grado di insegnarci come insegnare agli adolescenti ? Magari anche ai BES e DSA ? Magari anche con collegamenti interdisciplinari ? Magari anche a progettare attività di recupero ?
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1778
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 1:10 pm

Per rendersi conto di che cos'è questo "piano nazionale di digitalizzazione" basta provare a dire che di questa fuffa digitale se ne fa volentieri a meno... e poi osservare la reazione di presidi, vicepresidi, ministri e animatori vari.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 1:11 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Perchè li pensate come inutile doppione di quel che già sapete; in questo caso è rivolto a gente che non "già sa" ma che ancora non sa; io ho delle valide alternative gratuite altrimenti quel corso lo prenderei in seria considerazione.

Dopo quel corso si passa da "non lo so e non lo so insegnare" a "non lo so insegnare" ed è già un miglioramento (direi il 90 % del percorso).

Poi parliamoci chiaro, pensate che qualche docente universitario sia in grado di insegnarci come insegnare agli adolescenti ? Magari anche ai BES e DSA ? Magari anche con collegamenti interdisciplinari ? Magari anche a progettare attività di recupero ?

No, perché li pensiamo come un'inutile quantità di cose (al 90%) per insegnare.

Poi ti ricordo che ci sono all'università docenti che si occupano di didattica della fisica, didattica della matematica, ...
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 2:03 pm

mac67 ha scritto:
Poi ti ricordo che ci sono all'università docenti che si occupano di didattica della fisica, didattica della matematica, ...
Ne hai mai visto uno gironzolare per i licei a sperimentare ? Ne hai mai visto uno sostituirsi ad un docente vero (di liceo) in una lezione vera ?

Vuoi che ti insegni come si insegna il latino ? Posso farlo sai ! Non garantisco il risultato, ma posso farlo.
Tornare in alto Andare in basso
alessioweb



Messaggi : 215
Data d'iscrizione : 08.08.14

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 4:35 pm

Va be, grazie. Dal momento che nella "mia" scuola hanno scritto nel PTOF a fine ottobre che sarebbe andata bene anche l'autoformazione riconosciuta dal MIUR hanno come al solito propinato un tiro mancino a chi ha sempre "sgobbato" molto e "leccato" assai poco (per un fatto probabilmente genetico).
Chiaramente il prox anno non mi vedranno più.
Credo che il corso servirà a poco nell'immediato, magari utile per prendersi una certificazione che può valere per la mobilità volontaria.
Credo che nella mia scuola il BONUS hai meritevoli sia previsto...l'ho visto scritto da qualche parte
Spero almeno non ci sia nulla da studiare o da approfondire...
Tripod
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 926
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Lun Ott 31, 2016 4:47 pm

alessioweb ha scritto:

Credo che il corso servirà a poco nell'immediato, magari utile per prendersi una certificazione che può valere per la mobilità volontaria.

Ci stiamo arrivando, finalmente.

Il Miur organizza e finanza questi corsi per portare avanti una precisa visione ideologica della scuola.

I docenti frequentano questi corsi per "fare curriculum".

Secondo te, se il contesto è questo, può venir fuori davvero qualcosa di utile e di dignitoso per la scuola?


Tornare in alto Andare in basso
alessioweb



Messaggi : 215
Data d'iscrizione : 08.08.14

MessaggioOggetto: Re: piano nazionale scuola digitale   Mar Nov 01, 2016 11:51 am

Salve a tutti.

Avendoci ragionato sopra non mi interessa più di tanto partecipare alla formazione dei "docenti digitali". S'inquadra poco con la mia didattica..in più perderei pomeriggi preziosi.

Secondo voi una lettera di rinuncia al DS per sopraggiunti motivi personali mi metterebbe in cattiva luce? Il DS potrebbe chiedermi le motivazioni per iscritto?

Grazie
Tripod
Tornare in alto Andare in basso
 
piano nazionale scuola digitale
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» Presentata alla Camera la terza giornata nazionale dello sbattezzo
» Religione nella scuola materna
» lettera scuola materna
» Giudizio sulla scuola...
» guardia nazionale italiana?????

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: