Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Presunzione di colpevolezza.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 15813
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Presunzione di colpevolezza.   Ven Nov 04, 2016 9:29 pm

http://www.orizzontescuola.it/docente-picchiato-in-classe-dal-padre-di-unalunna/

"C’è l’esigenza di lavorare sull’educazione alla genitorialità – ha commentato l’assessore alle Politiche scolastice del Comune, Valeria Troia -. La buona scuola non è solo quella fatta dai dirigenti ma anche i genitori non possono permettersi di fare queste cose, a prescindere dall’eventuale ragione."

Era assolutamente necessario prendere in considerazione la più che probabile eventualità che anche il docente avesse le sue colpe.

"Noi genitori siamo i primi educatori e ci dobbiamo interrogare sulle modalità con cui ci approcciamo, siamo l’esempio per i nostri figli e non può essere istigare alla violenza, ancor di più all’interno di una scuola”.

Questo è il vero problema, non certo che il docente si sia beccato un pugno.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 271
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioOggetto: Re: Presunzione di colpevolezza.   Ven Nov 04, 2016 9:36 pm

Sarebbe interessante sapere come e se questo papino subira 'effettive conseguenze penali o risarcira il docente
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6161
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Presunzione di colpevolezza.   Ven Nov 04, 2016 10:27 pm

Intanto, bisognerebbe che il docente denunciasse il picchiatore, ma che lo facesse di propria iniziativa personale, senza passare attraverso la mediazione di nessuno, e senza sognarsi di chiedere prima il permesso al preside o l'approvazione del consiglio di classe.

E se qualcuno nella scuola si permettesse di dire una parola contro questa denuncia, beh, allora, denunciare direttamente anche TUTTI quelli che hanno avuto il sia pur minimo ruolo di contorno: dai custodi che hanno consentito all'esagitato di entrare in classe senza permesso, a qualsiasi collega o preside che avesse ipoteticamente provato a scoraggiare la denuncia stessa.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15813
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Presunzione di colpevolezza.   Ven Nov 04, 2016 10:46 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Intanto, bisognerebbe che il docente denunciasse il picchiatore, ma che lo facesse di propria iniziativa personale, senza passare attraverso la mediazione di nessuno, e senza sognarsi di chiedere prima il permesso al preside o l'approvazione del consiglio di classe.

E se qualcuno nella scuola si permettesse di dire una parola contro questa denuncia, beh, allora, denunciare direttamente anche TUTTI quelli che hanno avuto il sia pur minimo ruolo di contorno: dai custodi che hanno consentito all'esagitato di entrare in classe senza permesso, a qualsiasi collega o preside che avesse ipoteticamente provato a scoraggiare la denuncia stessa.
diciamo ai bidelli che non hanno chiamato la polizia mentre l'energumeno saliva in classe.

I bidelli non sono buttafuori.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Presunzione di colpevolezza.   Ven Nov 04, 2016 10:59 pm

Come al solito penso che la questione morale debba essere al centro di qualsiasi approccio formativo che, volente o nolente, non possa vedere latitante né la famiglia né la scuola.
E' perfettamente inutile girarci intorno,perché prima della necessaria denuncia rispetto a certi comportamenti intollerabili, c'è una ferita più grande da rimarginare per i ragazzi: l'esempio di un'arroganza e di un senso di onnipotenza oltre ogni ragionevole limite che una eventuale impunità non farebbe altro che alimentare.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6161
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Presunzione di colpevolezza.   Ven Nov 04, 2016 11:12 pm

No, Francesca... il discorso che fai tu è valido solo per chi è GIA' abituato a vivere tutti i giorni in una situazione in cui l'illegalità è la regola, ed è il primo a immedesimarsi in una situazione del genere, e la trova sostanzialmente "normale".

Se capitasse una cosa del genere a me, che sono abituata a criteri di convivenza civile in cui è semplicemente inimmaginabile che una persona normale usi il pestaggio come mezzo di relazione sociale ordinaria... PRIMA c'è la denuncia senza se e senza ma, e poi, eventualmente solo POI, c'è il tentativo di "rimarginare la ferita" preoccupandomi di missioni sociali e psicologiche che non spettano a me.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Presunzione di colpevolezza.   Sab Nov 05, 2016 8:33 am

paniscus_2.0 ha scritto:
No, Francesca... il discorso che fai tu è valido solo per chi è GIA' abituato a vivere tutti i giorni in una situazione in cui l'illegalità è la regola, ed è il primo a immedesimarsi in una situazione del genere, e la trova sostanzialmente "normale".

Se capitasse una cosa del genere a me, che sono abituata a criteri di convivenza civile in cui è semplicemente inimmaginabile che una persona normale usi il pestaggio come mezzo di relazione sociale ordinaria... PRIMA c'è la denuncia senza se e senza ma, e poi, eventualmente solo POI, c'è il tentativo di "rimarginare la ferita" preoccupandomi di missioni sociali e psicologiche che non spettano a me.

Cercherò di essere più chiara: la denuncia deve essere posta in essere, si tratta dell'applicazione delle norme giuridiche che tutelano i cittadini.
Il mio discorso era improntato agli obblighi morali che sono strettamente connessi all'educazione ed alla istruzione dei ragazzi. Non c'è un prima o un poi perché spesso, come in questo caso, la norma giuridica traduce e recepisce la norma morale rendendola obbligatoria.
In effetti l'obbligatorietà della norma giuridica supplisce il mancato rispetto di quella morale.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15813
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Presunzione di colpevolezza.   Sab Nov 05, 2016 2:20 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
No, Francesca... il discorso che fai tu è valido solo per chi è GIA' abituato a vivere tutti i giorni in una situazione in cui l'illegalità è la regola, ed è il primo a immedesimarsi in una situazione del genere, e la trova sostanzialmente "normale".

Se capitasse una cosa del genere a me, che sono abituata a criteri di convivenza civile in cui è semplicemente inimmaginabile che una persona normale usi il pestaggio come mezzo di relazione sociale ordinaria... PRIMA c'è la denuncia senza se e senza ma, e poi, eventualmente solo POI, c'è il tentativo di "rimarginare la ferita" preoccupandomi di missioni sociali e psicologiche che non spettano a me.
Aggiungo, se un delinquente entra in una classe di bravi ragazzi e picchia il docente, non accade nulla di diseducativo; i ragazzi vivono un'ingiustizia e la riconoscono come tale, non cambia il loro pensiero, non diventeranno delinquenti per questo.

Se il fatto avviene in un contesto più degradato allora i ragazzi in bilico tra onestà e delinquenzialità possono trarre ispirazione, specialmente se il delinquente rimane impunito..

Quindi denuncia, denuncia, denuncia; e chi se ne frega che è un papà.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Presunzione di colpevolezza.   Sab Nov 05, 2016 2:24 pm

Francesca ti chiedo scusa ma proprio non ho capito cosa vuoi dire.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15813
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Presunzione di colpevolezza.   Sab Nov 05, 2016 2:45 pm

Ire ha scritto:
Francesca ti chiedo scusa ma proprio non ho capito cosa vuoi dire.
Ha scritto "necessaria denuncia" quindi ritiene necessario denunciare.

Perchè denunciare ? "prima del comportamento ..... c'è la ferita più grande"; quindi in una scala di importanza motivazionale la denuncia si fa soprattutto per motivi educativi (e come sottoprodotto per rivalsa del docente).

Il punto è che qualora il diritto di rivalsa fosse in contrasto con l'attività educativa, questa prevarrebbe ed il docente .... si attacca al cazzo.

Su questo non sono d'accordo; finita l'ora di lezione il docente diventa cittadino, se ne fotte degli alunni e va a denunciare, anche se la denuncia fosse (e non lo è) diseducativa.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Presunzione di colpevolezza.   Sab Nov 05, 2016 3:23 pm

Anche denuncia è educazione
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Presunzione di colpevolezza.   Sab Nov 05, 2016 3:24 pm

Ire ha scritto:
Anche denuncia è educazione

dirò di più


solo denuncia è educazione
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47821
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Presunzione di colpevolezza.   Sab Nov 05, 2016 5:57 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
Presunzione di colpevolezza.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» che presunzione!
» L'onere della prova

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: