Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
udl



Messaggi : 2007
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioTitolo: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 11:15 am

Apro questo thread su un argomento che a me sembra ovvio, ma per qualche collega non lo è.
Come da titolo, a me non passa per l’anticamera del cervello di interrogare uno studente sull’argomento spiegato l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente, e, trovato questo studente impreparato, affibbiargli 4.
Per qualche collega non è così ovvio, perché dice che avrebbe dovuto informarsi sul registro elettronico ecc. ecc.
A mio avviso esistono anche gli estremi per la nullità del voto, in caso di contestazione: qualcuno conosce qualche riferimento normativo sull’argomento?
Grazie
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2894
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 11:23 am

Tu rispieghi in toto un argomento ogni volta che l'alunno è assente? Io no. Posso chiedergli se ha qualche domanda ma la cosa finisce lì. A quel punto, interrogarlo la volta successiva o dopo due volte non fa molta differenza. L' unica cosa che non farei è interrogarlo il giorno successivo all'assenza su argomenti svolti il giorno precedente. Se invece sono passati un paio di giorni, sì.
Tornare in alto Andare in basso
udl



Messaggi : 2007
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 11:58 am

Fare però domande esclusivamente su quanto spiegato 3 giorni prima quando, appunto, quello studente era assente, mi sembra un po' eccessivo. E' per questo che chiedevo se qualcuno conosce della normativa al riguardo, anche se lo so che basterebbe il buon senso
Tornare in alto Andare in basso
seasparrow



Messaggi : 2393
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 58
Località : Venezia

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 11:58 am

ovviamente tutto dipende dal tipo di scuola dal tipo di classe e dal rendimento medio dello studente
Tornare in alto Andare in basso
Online
seasparrow



Messaggi : 2393
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 58
Località : Venezia

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 12:02 pm

seasparrow ha scritto:
ovviamente tutto dipende dal tipo di scuola dal tipo di classe e dal rendimento medio dello studente
e da come si segue il libro di testo per spiegare
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 3:22 pm

seasparrow ha scritto:
ovviamente tutto dipende dal tipo di scuola dal tipo di classe e dal rendimento medio dello studente
Perchè mai ? Le leggi dipendono da chi le deve rispettare ?
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 3:29 pm

chicca70 ha scritto:
Tu rispieghi in toto un argomento ogni volta che l'alunno è assente? Io no. Posso chiedergli se ha qualche domanda ma la cosa finisce lì. A quel punto, interrogarlo la volta successiva o dopo due volte non fa molta differenza. L' unica cosa che non farei è interrogarlo il giorno successivo all'assenza su argomenti svolti il giorno precedente. Se invece sono passati un paio di giorni, sì.
Non lo rispiego in toto nè lo rispiego in parte; lo studente ha il dovere di informarsi e studiare autonomamente; come sono cavoli suoi.

Qui però non si parla del come ma del quando; la volta dopo (anche fosse la settimana dopo) secondo me è eccessivo; non ho però riferimenti normativi e non credo ce ne siano.

Ragioniamo però col buon senso: lo studente ha il dovere di avere amici a scuola a cui chiedere ? Secondo me no. Se gli eventuali amici non sono in grado di dire per bene cosa si è fatto è lo studente a doverne pagare le conseguenze perchè avere amici pirla è di per sè reato ? Io direi di no.

Il registro elettronico è consultabile da tutti ? Tutti hanno il dovere di mettersi in condizione di consultare il registro elettronico ? Direi di no, ed anche se fosse un sì, sul registro elettronico c'è perfettamente tutto scritto o più probabilmente c'è un accenno sintetico a quanto si è fatto ?.

La volta dopo (anche a fine lezione) lo studente ha il dovere di chiedere tutto quello che non sa al docente, se non lo fa (e non lo fa) si può presumere che se la sia cavata e solo a quel punto (due volte dopo) lo si può torchiare.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Paolo Santaniello



Messaggi : 2401
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 3:38 pm

interrogo un altro sullo stesso argomento e gli dico di stare attento, così può recuperare la lezione perduta. Se non ha capito qualcosa glielo rispiego o glielo faccio spiegare da chi ha capito.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8543
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 5:06 pm

Io trovo del tutto assurdo interrogare sulla lezione del giorno prima, in generale, indipendentemente che lo studente sia stato presente o no.

Perché significa usare l'interrogazione solo come strumento di controllo per vedere se lo studente ha fatto i compiti a casa per quel singolo giorno o no, cosa che non ha certo un significato valutativo serio.

L'interrogazione è una verifica formale che ha lo scopo di accertare il grado di preparazione complessiva dello studente, e rendersi conto di quanto abbia o non abbia padroneggiato i concetti importanti di un intero argomento, che normalmente richiede parecchi giorni o settimane per essere sviscerato e compreso davvero. Non è fatta per dare all'insegnante la soddisfazione di beccare lo studente in castagna giorno per giorno. Un voto assegnato solo sulla singola lezione del giorno prima non può essere un voto significativo, sia che vada bene, sia che vada male...
Tornare in alto Andare in basso
Online
boston



Messaggi : 844
Data d'iscrizione : 16.09.10

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 5:18 pm

Nessuna norma lo vieta, il prof bello bastardo dentro può interrogare anche chi non era presente alla spiegazione, per carità scelta sua. A me sa un po' di bastardata. Io non lo farei.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 5:45 pm

boston ha scritto:
Nessuna norma lo vieta, il prof bello bastardo dentro può interrogare anche chi non era presente alla spiegazione, per carità scelta sua. A me sa un po' di bastardata. Io non lo farei.

secondo me non è questione di "bastardaggine" ma di fiscalità. l' alunno è tenuto a studiare e ad essere preparato ogni giorno.

io adesso, col passare degli anni, non interrogo sull' argomento del giorno prima ma alcuni anni fa ad uno che mi aveva detto di non aver studiato perché assente alla spiegazione, ho risposto: "esiste il telefono". loro spesso non fanno neanche i compiti con la scusa (vera) di essere stati assenti la lezione prima e questo anche senza interrogazione. insomma, loro dovrebbero informarsi su quanto svolto in classe e se non lo fanno è un problema loro.

più volte mi è capitato di sentirmi chiedere di rispiegare la lezione da uno assente e io ovviamente, mi sono rifiutata perché non è giusto che ogni volta che manca uno l'
insegnante deve rifare tutto.

in ogni caso ora sono cambiata ed anch'io non interrogo la lezione successiva ma, come qualcun altro, faccio ripetere l' argomento da qualche compagno.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 5:54 pm

avidodinformazioni ha scritto:
chicca70 ha scritto:
Tu rispieghi in toto un argomento ogni volta che l'alunno è assente? Io no. Posso chiedergli se ha qualche domanda ma la cosa finisce lì. A quel punto, interrogarlo la volta successiva o dopo due volte non fa molta differenza. L' unica cosa che non farei è interrogarlo il giorno successivo all'assenza su argomenti svolti il giorno precedente. Se invece sono passati un paio di giorni, sì.
Non lo rispiego in toto nè lo rispiego in parte; lo studente ha il dovere di informarsi e studiare autonomamente; come sono cavoli suoi.

Qui però non si parla del come ma del quando; la volta dopo (anche fosse la settimana dopo) secondo me è eccessivo; non ho però riferimenti normativi e non credo ce ne siano.

Ragioniamo però col buon senso: lo studente ha il dovere di avere amici a scuola a cui chiedere ? Secondo me no. Se gli eventuali amici non sono in grado di dire per bene cosa si è fatto è lo studente a doverne pagare le conseguenze perchè avere
amici pirla è di per sè reato ? Io direi di no.

Il registro elettronico è consultabile da tutti ? Tutti hanno il dovere di mettersi in condizione di consultare il registro elettronico ? Direi di no, ed anche se fosse un sì, sul registro elettronico c'è perfettamente tutto scritto o più probabilmente c'è un accenno sintetico a quanto si è fatto ?.

La volta dopo (anche a fine lezione) lo studente ha il dovere di chiedere tutto quello che non sa al docente, se non lo fa (e non lo fa) si può presumere che se la sia cavata e solo a quel punto (due volte dopo) lo si può torchiare.

è vero che lo studente non ha il dovere di avere amici ma ce li ha. e allora, ce li ha solo quando gli fa comodo? visto che si sentono per le stupidaggini, perché non si devono sentire (al telefono, ecc) anche per le cose importanti?

tra l'altro quasi tutti hanno un compagno che abita nelle vicinanze e, quindi, qual' è il problema di informarsi sui compiti?

che poi, noi non interroghiamo subito dopo, è un altro discorso perché usiamo il buon senso; tuttavia resto del parere che lui, anche se non ha il dovere di avere amici, ha il dovere di venire a scuola con i compiti fatti
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 6:01 pm

E con tutti i compiti dell'anno scolastico, pur volendo fare il bastardo, devo andargli a chiedere gli ultimi ?

Se è uno che di solito non fa i compiti gli chiedo il quaderno e gli metto cinque due per le cinque volte che non li ha fatti; se è uno che di solito li fa e non li ha fatti solo l'ultima volta non gli metto nessun 2, e se mi risponde "pressò, non ci rompa il cazzo, la ragazza ha deciso di darmela, me se sono fatte 6 e una l'ho fatta pensando a lei" gli metto 10 e lode.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 6:04 pm

avidodinformazioni ha scritto:
E con tutti i compiti dell'anno scolastico, pur volendo fare il bastardo, devo andargli a chiedere gli ultimi ?

Se è uno che di solito non fa i compiti gli chiedo il quaderno e gli metto cinque due per le cinque volte che non li ha fatti; se è uno che di solito li fa e non li ha fatti solo l'ultima volta non gli metto nessun 2, e se mi risponde "pressò, non ci rompa il cazzo, la ragazza ha deciso di darmela, me se sono fatte 6 e una l'ho fatta pensando a lei" gli metto 10 e lode.

non devo essere io a chiedere gli "ultimi" compiti (io infatti, non chiedo niente) ma non voglio neanche sentirmi dire : "non ho fatto i compiti perché ero assente". questa è una SCUSA che mi provoca molto fastidio
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8543
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 11:00 pm

Guarda, a me non frega niente se i ragazzi abbiano "fatto i compiti" o no... a me importa se sono preparati o no sui quei contenuti e quelle competenze che sono veicolati ANCHE dai compiti a casa, ma di sicuro non solo da quelli.

Capisco che ci sia una grossa differenza di approccio a seconda dell'età dei ragazzi, ma alle superiori (e specialmente al triennio delle superiori) io vedo l'interrogazione come una sorta di modellino, in piccolo, di esame universitario.

Ossia, il concetto è: poche interrogazioni, ma massicce e su parecchi argomenti diversi.

Io fisso solo scadenze generali per tutti, alla singola persona lascio tutto il tempo che le pare per prepararsi come meglio crede... ma poi, una volta che la interrogo, le chiedo TUTTO quello che è stato fatto almeno dall'ultima verifica, o anche un po' più indietro.

Se vogliono programmarsi dei turni autonomamente FRA DI LORO, lo facciano pure, basta che non riguardino me. Io mi rifiuto categoricamente di essere coinvolta nella preparazione di liste programmate, ma se ci sono i volontari li accetto tranquillamente.

Se i volontari ci sono perché l'hanno deciso individualmente lì per lì, o perché invece si sono messi d'accordo una settimana prima, io non voglio nemmeno saperlo, basta che ci siano.

Se poi sapevano perfettamente che quel giorno si doveva interrogare, ma i volontari non ci sono, allora chiamo io, senza dovermi giustificare con nessuno di quali criteri di scelta ho usato.

Ma interrogare la gente a sorpresa (o addirittura tirando a sorte) solo per controllare se ricordano a memoria l'ultimo enunciato del giorno prima, o se hanno fatto il compitino per casa del giorno prima medesimo, lo trovo di una tristezza e di una INUTILITA' paurose...
Tornare in alto Andare in basso
Online
boston



Messaggi : 844
Data d'iscrizione : 16.09.10

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 11:42 pm

avidodinformazioni ha scritto:
E con tutti i compiti dell'anno scolastico, pur volendo fare il bastardo, devo andargli a chiedere gli ultimi ?

Se è uno che di solito non fa i compiti gli chiedo il quaderno e gli metto cinque due per le cinque volte che non li ha fatti; se è uno che di solito li fa e non li ha fatti solo l'ultima volta non gli metto nessun 2, e se mi risponde "pressò, non ci rompa il cazzo, la ragazza ha deciso di darmela, me se sono fatte 6 e una l'ho fatta pensando a lei" gli metto 10 e lode.

Spero che per par condicio tu faccia lo stesso con un'alunna. Professore non rompa i coglioni, ho passato il pomeriggio a fare sesso con il mio ragazzo e NON ho fatto i compiti. Avevo ben altro a cui pensare.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 11:50 pm

boston ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
E con tutti i compiti dell'anno scolastico, pur volendo fare il bastardo, devo andargli a chiedere gli ultimi ?

Se è uno che di solito non fa i compiti gli chiedo il quaderno e gli metto cinque due per le cinque volte che non li ha fatti; se è uno che di solito li fa e non li ha fatti solo l'ultima volta non gli metto nessun 2, e se mi risponde "pressò, non ci rompa il cazzo, la ragazza ha deciso di darmela, me se sono fatte 6 e una l'ho fatta pensando a lei" gli metto 10 e lode.

Spero che per par condicio tu faccia lo stesso con un'alunna. Professore non rompa i coglioni, ho passato il pomeriggio a fare sesso con il mio ragazzo e NON ho fatto i compiti. Avevo ben altro a cui pensare.
Certamente; sono maschio e mi viene d'istinto pensare al maschile, ma questo non significa che non accetti equivalenti pensieri al femminile.
Tornare in alto Andare in basso
Online
boston



Messaggi : 844
Data d'iscrizione : 16.09.10

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Mer Dic 14, 2016 11:57 pm

Ah ok!!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Gio Dic 15, 2016 3:19 am

paniscus_2.0 ha scritto:
Guarda, a me non frega niente se i ragazzi abbiano "fatto i compiti" o no... a me importa se sono preparati o no sui quei contenuti e quelle competenze che sono veicolati ANCHE dai compiti a casa, ma di sicuro non solo da quelli.

Capisco che ci sia una grossa differenza di approccio a seconda dell'età dei ragazzi, ma alle superiori (e specialmente al triennio delle superiori) io vedo l'interrogazione come una sorta di modellino, in piccolo, di esame universitario.

Ossia, il concetto è: poche interrogazioni, ma massicce e su parecchi argomenti diversi.

Io fisso solo scadenze generali per tutti, alla singola persona lascio tutto il tempo che le pare per prepararsi come meglio crede... ma poi, una volta che la interrogo, le chiedo TUTTO quello che è stato fatto almeno dall'ultima verifica, o anche un po' più indietro.

Se vogliono programmarsi dei turni autonomamente FRA DI LORO, lo facciano pure, basta che non riguardino me. Io mi rifiuto categoricamente di essere coinvolta nella preparazione di liste programmate, ma se ci sono i volontari li accetto tranquillamente.

Se i volontari ci sono perché l'hanno deciso individualmente lì per lì, o perché invece si sono messi d'accordo una settimana prima, io non voglio nemmeno saperlo, basta che ci siano.

Se poi sapevano perfettamente che quel giorno si doveva interrogare, ma i volontari non ci sono, allora chiamo io, senza dovermi giustificare con nessuno di quali criteri di scelta ho usato.

Ma interrogare la gente a sorpresa (o addirittura tirando a sorte) solo per controllare se ricordano a memoria l'ultimo enunciato del giorno prima, o se hanno fatto il compitino per casa del giorno prima medesimo, lo trovo di una tristezza e di una INUTILITA' paurose...

allora, quando ho detto che i ragazzi hanno il dovere di venire a scuola con i compiti fatti l' ho detto perchè come noi abbiamo il dovere di progettare le lezioni, loro hanno il dovere di svolgere i compiti a casa; in altre parole questo, e cioè,  il fatto di venire a scuola per imparare (che implica varie cose tra cui quella di fare i compiti) è il loro attuale lavoro/dovere. detto questo, andiamo avanti.


secondo me, voi alle superiori avete un diverso modo (ed in molti casi, tipo questo, MIGLIORE) del nostro delle medie di approcciarvi agli alunni. mi spiego meglio: come tu hai affermato, voi (parlo in generale) non andate a guardare se hanno svolto i compiti oppure no ma semplicemente a voi interessa che siano preparati e questo lo capisco perchè magari avete classi più numerose, un piano di lavoro (l' ex programmazione) molto più corposo del nostro delle medie, ecc.


Noi , alle medie, (PARLO IN GENERALE), siamo più fiscali da tanti punti di vista tra cui quello venire a scuola con i compiti svolti. Ci sono, infatti, colleghi che mettono una crocetta ogni volta che uno studente abbia dimenticato a casa il materiale o che non abbia svolto i compiti ed alla terza crocetta mettono la nota.  


Io non sono assolutamente d' accordo (e, quindi, non metto MAI crocette) tanto che quando dimenticano a casa il quaderno, li faccio scrivere su un foglio che poi devono incollare sul quaderno. In altre parole a me, come anche a te, interessa che i ragazzi apprendano e non vado a contare quante volte i ragazzi non hanno fatto i compiti. ma al contrario tuo (se non ho capito male) e di altri che non badate affatto (o, cmq, non più di tanto) a questo discorso, se la cosa si protrae nel tempo e, cioè, se sono recidivi, io avviso la famiglia. E questo perchè, anche se non assegno tanti compiti per casa e tengo molto di più al lavoro in classe, vorrei che quei 'pochi' che assegno li facessero sia perchè si devono abituare a studiare e sia perchè vorrei che memorizzassero e fissassero meglio i concetti appresi in classe. Cmq, non vado mai a controllare se abbiano fatto i compiti o meno perchè avendo poche ore alla settimana, se lo 'perdo' in queste cose non vado più avanti. se, poi, mi accorgo che mezza classe (dico per dire) non ha fatto i compiti, allora metto la nota a tutti quelli che non li hanno fatti.


a volte mi capita che alcuni segnino i compiti per casa a matita sul diario o non li scrivano affatto, soprattutto quando si tratta di studiare un argomento che poi mi devono ripetere all' interrogazione; in questo caso 'perdo' tempo ad accertarmi che li abbiano scritti sul diario e questo anche perchè devono capire che NON VA VENE il fatto che vogliono prendere il docente per i fondelli. Infatti in un altro intervento ho scritto che non chiedo loro i compiti (perchè mi interessa che imparino) ma che non voglio neanche sentirmi dire "non ho fatto i compiti perchè ero assente"; in altre parole non voglio passare per stupida.


per quanto riguarda la verifica a sorpresa generalmente non la faccio neanche io; loro sanno benissimo prima quando si fa e, quindi, non hanno SCUSE anche se, come ho detto, in altri interventi, loro hanno il dovere di studiare ogni giorno. Se qualche volta capita che faccio qualche interrogazione a sorpresa è perchè il ragazzo chiacchiera tanto e io gli dico: "hai tanta voglia di parlare? e allora vieni a parlare in lingua". in ogni caso questo capita raramente
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8543
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Gio Dic 15, 2016 3:41 pm

Forse non mi sono spiegata bene: io non metto in discussione il fatto di "controllare se hanno fatto i compiti o no". Io personalmente non lo faccio quasi mai, ma non ho niente da ridire contro chi invece preferisce farlo.

Quello che non condivido è il fatto di trattare tale operazione di controllo come se fosse una verifica, ossia usarla direttamente per mettere un voto formale, sulla base di quello. E non perchè sia troppo severo o troppo crudele, ma semplicemente perché penso che sia un voto che non è significativo.

Se si interroga a bruciapelo solo sulla lezione del giorno prima, o sugli esercizi assegnati per casa il giorno prima, vuol dire che non si mette il voto alla preparazione generale dello studente, né tantomeno alla sua capacità di rielaborazione personale (che richiede più tempo e più possibilità di mettere in correlazione argomenti diversi, svolti in più giorni diversi)...

...ma si mette il voto solo al comportamento casualmente tenuto dallo studente il giorno prima, il che mi sa tanto di giudizio personale di ordine morale e non didattico: tu Paolino sei stato tanto virtuoso perché hai ottemperato letteralmente alle richieste e quindi devi essere premiato PER QUELLO, tu invece Peppino sei stato lazzarone perchè hai disobbedito agli ordini, e quindi devi essere punito per l'insubordinazione.

Quando magari, se tutti e due avessero avuto una settimana in più per studiare davvero a fondo l'argomento, sarebbe anche potuto venire fuori che Peppino ha capito tutto e l'ha rielaborato in maniera originale, solo che l'ha fatto qualche giorno dopo, magari dopo aver avuto a disposizione altre informazioni utili provenienti dalle lezioni successive... mentre Paolino, giorno per giorno, ha svolto scrupolosamente ogni pezzettino di consegna quotidiana senza aver capito niente del messaggio complessivo.

Ho spiegato meglio?
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Gio Dic 15, 2016 4:12 pm

Sì, ora va molto meglio ma forse ero io a non aver capito molto bene :-)

anch'io, da una parte, non condivido il mettere un voto sui compiti  e non solo a quelli fatti un giorno prima ma in generale SOLO sui compiti. per me lo svolgimento dei compiti è uno dei tanti fattori da tenere in considerazione nel momento della valutazione finale ma tra i vari fattori è tra quelli meno importanti. devo precisare, però, che in questo caso mi sto riferendo agli esercizi da svolgere a casa.

faccio questa precisazione perché qualche volta capita che chiedo di ripetere a parole proprie in lingua un argomento di civiltà. in quel caso, metto il voto anche su un singolo argomento perché mi rendo conto che obiettivamente chiederei troppo ad un ragazzo se chiedessi più argomenti di civiltà.

mi spiego meglio: leggiamo un brano in lingua sulla prima guerra mondiale e lo analizziamo. la volta successiva chiedo di ripetermelo a parole proprie e metto il voto. siccome so che non sono mai abituati dagli anni precedenti a questo tipo di lavoro e so anche che se interrogassi su più di un brano alla volta sarebbero sempre impreparati, mi 'accontento' di un brano sul quale metto il voto, voto che ha un peso minore in quanto è solo su un argomento di civiltà ma che mi serve da stimolo per far apprendere ai ragazzi un nuovo metodo di studio e per far sì che i ragazzi aporendano anche qualcosa di diverso (termini specifici, ecc) che in una semplice lezione di 'lingua' senza civiltà  non imparerebbbero. ovviamente, quando faccio le interrogazioni di lingua (grammatica, lessico e funzioni) chiedo tutto il programma svolto fino a quel momento

in generale, per me, i voti delle verifiche (scritte ed orali che siano) sono dei punti di partenza e non di arrivo in quanto oltre a questi tengo conto di altri fattori tipo le risposte corrette date in classe, ecc.
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2894
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Gio Dic 15, 2016 4:57 pm

Penso che molto dipenda dall'età e dalla materia e perfino dalla specifica parte del programma. Se insegno latino al biennio, devo controllare le versioni date per casa, altrimenti nessuno le svolgerebbe e alla verifica fioccherebbero i 2. Questo non significa che io dia un voto sui compiti. Nelle classi del triennio, con prevalenza della letteratura, non controllo nulla. Dopo aver terminato un autore c'è la verifica, scritta od orale. Lo stesso per italiano o storia (sia biennio sia triennio).
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8543
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Gio Dic 15, 2016 6:15 pm

chicca70 ha scritto:
Penso che molto dipenda dall'età e dalla materia e perfino dalla specifica parte del programma. Se insegno latino al biennio, devo controllare le versioni date per casa, altrimenti nessuno le svolgerebbe e alla verifica fioccherebbero i 2.
Scusa il cinismo, ma se (almeno per la prima volta)... si aspettasse davvero di veder fioccare i 2, e poi, solo POI, si chiedesse di mostrare le esercitazioni fatte a casa, e venisse fuori (guarda caso) che quelli che hanno preso 2 sono proprio gli stessi che le esercitazioni a casa non le facevano quasi mai?

Non sarebbe una terapia d'urto più efficace, purché arrivi abbastanza presto e non si sia lasciato passare troppo tempo, con il ragazzo che rimane davvero troppo indietro?

Io, per esempio, non chiedo quasi mai di mostrare i quaderni, ma ogni santo giorno, appena entro in classe, prima di iniziare qualsiasi altra attività di lezione, la prima cosa che faccio è chiedere: "Ci sono dei dubbi sugli esercizi dati per casa? C'è qualcuno che ha bisogno che si rifaccia in classe qualche esercizio che non gli è riuscito?" Ovviamente, a intervenire e a fare le domande sono solo quei quattro gatti che gli esercizi li fanno davvero sempre, e che addirittura li fanno con tanta cura da ricordarsi quale è riuscito e quale no, e da essere interessati a capire perché non è riuscito.

Quelli che stanno sempre zitti... se poi, alla verifica, i risultati buoni ce li hanno lo stesso, non ho niente da dire. Ma se alla verifica vanno male, allora si controlla il resto, e viene fuori eccome, che i compiti a casa non li facevano, o li facevano incompleti, o li facevano raffazzonati, o li facevano copiati. E questo mi sembra un messaggio educativo molto più incisivo, rispetto al far passare il messaggio che "tanto ci pensiamo noi giorno per giorno a controllare se avete fatto i compiti o no"?
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Gio Dic 15, 2016 8:08 pm

chicca70 ha scritto:
Penso che molto dipenda dall'età e dalla materia e perfino dalla specifica parte del programma. Se insegno latino al biennio, devo controllare le versioni date per casa, altrimenti nessuno le svolgerebbe e alla verifica fioccherebbero i 2. .

non è detto che uno che non svolge le versioni o qualsiasi altro compito assegnato per casa debba prendere 2 per forza di cose; può prendere anche 3 o 4 (ogni tanto qualche battuta ci vuole)

a parte gli scherzi, ci sono pure i ragazzi che hanno un' attitudine particolare per la disciplina a cui basta l' attenzione in classe per raggiungere la sufficienza oppure ci sono quelli che non fanno i compiti ogni giorno ma QUANDO HANNO VOGLIA e in qualche modo riescono a salvarsi.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente   Gio Dic 15, 2016 8:17 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
chicca70 ha scritto:
Penso che molto dipenda dall'età e dalla materia e perfino dalla specifica parte del programma. Se insegno latino al biennio, devo controllare le versioni date per casa, altrimenti nessuno le svolgerebbe e alla verifica fioccherebbero i 2.
Scusa il cinismo, ma se (almeno per la prima volta)... si aspettasse davvero di veder fioccare i 2, e poi, solo POI, si chiedesse di mostrare le esercitazioni fatte a casa, e venisse fuori (guarda caso) che quelli che hanno preso 2 sono proprio gli stessi che le esercitazioni a casa non le facevano quasi mai?

io non chiedo di mostrarmi i quaderni neanche quando prendono 4 (che corrisponde al vostro 2) nella verifica.

se le verifiche in cui prendono 4 sono varie, vado a monitorare altri fattori e mi accerto in altri modi tipo ulteriori interrogazioni, esercitazioni varie, ecc.

insomma: mi devono dimostrare IN CLASSE che hanno acquisito le competenze minime necessarie richieste per raggiungere il 6.

a che serve controllare i quaderni? tanto se di solito li fanno a casa o non li fanno, lo so ugualmente. e se anche eseguissero i compiti a casa ma poi non mi sapessero rispondere alle domande poste in classe, a cosa servirebbe? io mi regolo così anche perché alle medie in cui quanto richiesto non è particolarmente impegnativo , spesso capita che se li facciano fare dai genitori, ecc.
Tornare in alto Andare in basso
 
Interrogare uno studente su argomenti spiegati l’ultima lezione, quando lo stesso studente era assente
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» argomenti per un dibattito Ateo-Religioso, dal punto di vista storico.
» tra poco terza e ultima ecografia
» Argomenti del cazzo
» L'ultima intervista a Mussolini
» Un'ultima cosa

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: