Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Novità, forse serie, sulla dislessia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 17959
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Novità, forse serie, sulla dislessia   Ven Dic 23, 2016 5:15 pm

Promemoria primo messaggio :

http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/biotech/2016/12/21/trovate-nel-cervello-le-radici-della-dislessia-_7281c315-642f-4a1c-bc59-e8749e75b3bc.html

"questo problema compare precocemente quando si impara a leggere e non è il risultato di diverse esperienze di apprendimento"
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
ushikawa

avatar

Messaggi : 2762
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 2:24 pm

Cioè in definitiva, e ribadisco il concetto, è il consiglio di classe che, sulla base delle certificazioni diagnostiche e di considerazioni pedagogiche e didattiche, decide i contenuti del piano didattico personalizzato, cioè le misure dispensative e gli strumenti compensativi (e non i medici né i referenti di istituto né le prassi né, tanto meno, i suggerimenti a titolo esemplificativo contenuti nelle varie norme). In sede di esame può decidere se confermare gli strumenti informatici e le apparecchiature se adottati durante l'anno, e può decidere altre misure compensative e dispensative, come l'aumento del tempo a disposizione.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9090
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 2:25 pm

avidodinformazioni ha scritto:
ushikawa ha scritto:
vi state inventando una marea di inesattezze da tutte e due le parti.
La legge parla chiaro e va letta completamente: sono i docenti gli unici titolati a decidere nel merito degli strumenti compensativi e delle misure dispensative nelle varie situazioni, dalle verifiche alle interrogazioni, dai quadrimestri all'esame finale. Non c'è né obbligo né divieto di nulla che non sia deciso dal consiglio di classe.
Sì, però abbiamo sentenze del TAR che crocifiggono cdc che non hanno tenuto conto di dichiarazioni di logopedisti o psicologi o semplicemente di comportamenti anomali; non la fare così semplice.


perchè magari il TAR riconosce l'obbligatorietà?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 9090
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 2:26 pm

Citazione :
Cioè in definitiva, e ribadisco il concetto, è il consiglio di classe che, sulla base delle certificazioni diagnostiche e di considerazioni pedagogiche e didattiche, decide i contenuti del piano didattico personalizzato, cioè le misure dispensative e gli strumenti compensativi (e non i medici né i referenti di istituto né le prassi né, tanto meno, i suggerimenti a titolo esemplificativo contenuti nelle varie norme). In sede di esame può decidere se confermare gli strumenti informatici e le apparecchiature se adottati durante l'anno, e può decidere altre misure compensative e dispensative, come l'aumento del tempo a disposizione.


ma cosa stai dicendo?

Dove leggi queste cose?

In sede di esame può decidere di cambiare le carte in tavola?  Di applicare misure diverse?

boh.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
ushikawa

avatar

Messaggi : 2762
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 2:30 pm

Ire ha scritto:
ushikawa ha scritto:
vi state inventando una marea di inesattezze da tutte e due le parti.
La legge parla chiaro e va letta completamente: sono i docenti gli unici titolati a decidere nel merito degli strumenti compensativi e delle misure dispensative nelle varie situazioni, dalle verifiche alle interrogazioni, dai quadrimestri all'esame finale. Non c'è né obbligo né divieto di nulla che non sia deciso dal consiglio di classe.

Sei tu quello che inventi.

Ushikawa   è obbligatorio farlo.


Il cdc lo decide per i bes.

Certo, non è obbligatorio concedere ad un discalculico il sintetizzatore vocale, visto che probabilmente non ne ha bisogno,  ma la clacolatrice sì perchè ne ha bisogno. Non lo decide il consiglio di classe, eventualmetne decide lui se ne ha bisogno o meno.

Inoltre è bene cominciare a prendere confidenza con le caratteristiche trasversali dei dsa che comportano "problemi di memoria" e necessità di schemi anche per un discalculico.

Sono "concessioni" obbligatorie  nel senso che devono essere concesse obbligatoriamente

Ti sbagli Ire, la legge non dice questo.
Il PDP è obbligatorio nel caso di certificazione per i quattro DSA riconosciuti dalla 170 (dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia), mentre non lo è in caso di diagnosi per altri disturbi.
Anche se la redazione del PDP è obbligatoria, i contenuti sono di stretta pertinenza del consiglio di classe. Cioè se il consiglio di classe ha piena facoltà di riconoscere o non riconoscere la necessità dell'utilizzo della calcolatrice, indipendentemente dalle "indicazioni" fornite abusivamente dallo specialista. Il motivo per cui alcune sentenze hanno accolto ricorsi di genitori di alunni con DSA è nel fatto che spesso nei verbali del cdc mancano le motivazioni dell'atto amministrativo, cosa che lo rende di fatto nullo.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 2762
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 2:30 pm

Ire ha scritto:
Citazione :
Cioè in definitiva, e ribadisco il concetto, è il consiglio di classe che, sulla base delle certificazioni diagnostiche e di considerazioni pedagogiche e didattiche, decide i contenuti del piano didattico personalizzato, cioè le misure dispensative e gli strumenti compensativi (e non i medici né i referenti di istituto né le prassi né, tanto meno, i suggerimenti a titolo esemplificativo contenuti nelle varie norme). In sede di esame può decidere se confermare gli strumenti informatici e le apparecchiature se adottati durante l'anno, e può decidere altre misure compensative e dispensative, come l'aumento del tempo a disposizione.


ma cosa stai dicendo?

Dove leggi queste cose?

In sede di esame può decidere di cambiare le carte in tavola?  Di applicare misure diverse?

boh.

No, in sede di esame se ha sempre usato la calcolatrice l'alunno continuerà a farlo.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 17959
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 2:31 pm

Ire ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
ushikawa ha scritto:
vi state inventando una marea di inesattezze da tutte e due le parti.
La legge parla chiaro e va letta completamente: sono i docenti gli unici titolati a decidere nel merito degli strumenti compensativi e delle misure dispensative nelle varie situazioni, dalle verifiche alle interrogazioni, dai quadrimestri all'esame finale. Non c'è né obbligo né divieto di nulla che non sia deciso dal consiglio di classe.
Sì, però abbiamo sentenze del TAR che crocifiggono cdc che non hanno tenuto conto di dichiarazioni di logopedisti o psicologi o semplicemente di comportamenti anomali; non la fare così semplice.


perchè magari il TAR riconosce l'obbligatorietà?
Sì, con un abuso riconosce l'obbligatorietà.

Ti ricordo che la didattica è giudicabile solo da chi la conosce quindi dai docenti ed è personalizzata quindi da cucire sul ragazzo e non desumibile da dichiarazioni di chi non sa nulla di didattica (logopedisti, psicologi, genitori, legislatori ecc)
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 2762
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 2:34 pm

Che poi almeno ci prendessero, gli specialisti... quando "suggeriscono" strumenti e misure, cosa che non competerebbe loro a nessun titolo, mettono sempre qualcosa di troppo per non sbagliare, come ad esempio la calcolatrice al disgrafico che non ne ha bisogno...
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 5225
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 2:39 pm

Ire ha scritto:
Citazione :
Cioè in definitiva, e ribadisco il concetto, è il consiglio di classe che, sulla base delle certificazioni diagnostiche e di considerazioni pedagogiche e didattiche, decide i contenuti del piano didattico personalizzato, cioè le misure dispensative e gli strumenti compensativi (e non i medici né i referenti di istituto né le prassi né, tanto meno, i suggerimenti a titolo esemplificativo contenuti nelle varie norme). In sede di esame può decidere se confermare gli strumenti informatici e le apparecchiature se adottati durante l'anno, e può decidere altre misure compensative e dispensative, come l'aumento del tempo a disposizione.


ma cosa stai dicendo?

Dove leggi queste cose?


ecco la circolare sui BES del 12 dicembre del 2012

1.5 Adozione di strategie di intervento per i BES Dalle considerazioni sopra esposte  si evidenzia, in particolare, la necessità di elaborare un percorso individualizzato e personalizzato per alunni e studenti con bisogni educativi speciali, anche attraverso la redazione di un Piano Didattico Personalizzato, individuale o anche riferito a tutti i bambini della classe con BES, ma articolato, che serva come strumento di lavoro in itinere per gli insegnanti ed abbia la funzione di documentare alle famiglie le strategie di intervento programmate. Le scuole – con determinazioni assunte dai Consigli di classe, risultanti dall’esame della documentazione clinica presentata dalle famiglie e sulla base di considerazioni di carattere psicopedagogico e didattico – possono avvalersi per tutti gli alunni con bisogni educativi speciali degli strumenti compensativi e delle misure dispensative previste dalle disposizioni attuative della Legge 170/2010 (DM 5669/2011), meglio descritte nelle allegate Linee guida.

cmq, l' aveva già postata Ushikawa e io la vedo solo ora :-)


Ultima modifica di rita 76 il Lun Dic 26, 2016 2:45 pm, modificato 3 volte
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9090
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 2:45 pm

cosa c'entra questo con la 170?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 7824
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 2:46 pm

ushikawa ha scritto:
Ire ha scritto:
La legge dice che durante le interrogazioni i dsa possono tenere gli schemi.

Non dice che debbano studiare sugli schemi.

Facciamo chiarezza: la legge non dice affatto che i dsa possano tenere gli schemi durante le interrogazioni, ma dice che il consiglio di classe può valutare l'opportunità di far tenere gli schemi in tali circostanze. La differenza sembra sottile, ma è enorme.

Ecco.

Vediamo di ritornare alla realtà dei fatti, prima di lanciarsi in interpretazioni velleitarie.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 9090
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 2:52 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Ire ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
ushikawa ha scritto:
vi state inventando una marea di inesattezze da tutte e due le parti.
La legge parla chiaro e va letta completamente: sono i docenti gli unici titolati a decidere nel merito degli strumenti compensativi e delle misure dispensative nelle varie situazioni, dalle verifiche alle interrogazioni, dai quadrimestri all'esame finale. Non c'è né obbligo né divieto di nulla che non sia deciso dal consiglio di classe.
Sì, però abbiamo sentenze del TAR che crocifiggono cdc che non hanno tenuto conto di dichiarazioni di logopedisti o psicologi o semplicemente di comportamenti anomali; non la fare così semplice.


perchè magari il TAR riconosce l'obbligatorietà?
Sì, con un abuso riconosce l'obbligatorietà.

Ti ricordo che la didattica è giudicabile solo da chi la conosce quindi dai docenti ed è personalizzata quindi da cucire sul ragazzo e non desumibile da dichiarazioni di chi non sa nulla di didattica (logopedisti, psicologi, genitori, legislatori ecc)


L'obbligatorietà e l'abuso sono purtroppo necessari in presenza di "perle" quali quelle che si sono sentite qui.  (non tue, non oggi).

Vero è che la didattica è giudicabile solo da chi...
(strumenti compensativi e dispensativi sono didattica?)

E' anche vero che non è obbligatorio fare quello ma è obbligatorio fare

se avendo valutato ciò che è stato suggerito il docente ha voglia e capacità di suggerire e applicare cose diverse che funzionano,  se fatto questo non ci sono problemi e il ragazzo riesce, nessuno chiamerà il tar per dire che non è stato fatto nulla...

la domanda è:  il docente ha capacità  (e soprattutto voglia)?

la domanda successiva è:   come può un docente pensare che dopo cinque anni in cui l'apprendimento è avvenuto in un dato modo con dati strumenti all'esame ci sia la possibilità di cambiargli le modalità?

quante domande  ti potrei fare, avido, prima di poterti dare ragione sull'ingerenza di un tar o di un qualsiasi professionista nella didattica?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
rita 76

avatar

Messaggi : 5225
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 2:57 pm

Ire ha scritto:
cosa c'entra questo con la 170?

le modalità dell' attuazione dei PDP, obbligatori per i DSA e facoltativi per i BES, sono le stesse e cioè sarà il cdc a stabilire gli (eventuali) strumenti compensativi e le (eventuali)misure dispensative dopo aver sentito le varie equipe, ecc.

le due leggi (quella sui DSA e quella sui BES) si riconducono l' una all' altra
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 2762
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 3:01 pm

1) la 170 (ottobre 2010) riconosce i quattro disturbi specifici dell'apprendimento, dichiara le finalità che la stessa legge vuole raggiungere, cioè il diritto all'istruzione, anche attraverso "misure didattiche di supporto" e "forme di verifica e valutazione" ad hoc (peraltro parla anche di percorsi didattici riabilitativi, che sono rimasti lettera morta...). La 170 inoltre rimanda la regolamentazione di dettaglio a un apposito decreto attuativo
2) il DM 5669/2010 è il decreto attuativo anticipato dalla 170, che si sviluppa nelle linee guida allegate
3) Le Linee Guida stabiliscono operativamente cosa fare con gli alunni con DSA, e sancisce il diritto a misure dispensative e strumenti compensativi, che definisce (aggiungendo anche che non devono costituire percorsi immotivatamente facilitati). Assegna a ciascun attore un ruolo, compreso ai docenti (art. 6 comma 4)
4) la circolare sui Bes del 27/12/12 chiarisce ulteriormente alcuni aspetti operativi e nel brano citato assegna ai docenti la scelta degli strumenti e delle misure di cui avvalersi, sulla base della documentazione clinica e di considerazioni di carattere psicopedagogico e didattico.
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 5225
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 3:05 pm

ushikawa ha scritto:
1) la 170 (ottobre 2010) riconosce i quattro disturbi specifici dell'apprendimento, dichiara le finalità che la stessa legge vuole raggiungere, cioè il diritto all'istruzione, anche attraverso "misure didattiche di supporto" e "forme di verifica e valutazione" ad hoc (peraltro parla anche di percorsi didattici riabilitativi, che sono rimasti lettera morta...). La 170 inoltre rimanda la regolamentazione di dettaglio a un apposito decreto attuativo
2) il DM 5669/2010 è il decreto attuativo anticipato dalla 170, che si sviluppa nelle linee guida allegate
3) Le Linee Guida stabiliscono operativamente cosa fare con gli alunni con DSA, e sancisce il diritto a misure dispensative e strumenti compensativi, che definisce (aggiungendo anche che non devono costituire percorsi immotivatamente facilitati). Assegna a ciascun attore un ruolo, compreso ai docenti (art. 6 comma 4)
4) la circolare sui Bes del 27/12/12 chiarisce ulteriormente alcuni aspetti operativi e nel brano citato assegna ai docenti la scelta degli strumenti e delle misure di cui avvalersi, sulla base della documentazione clinica e di considerazioni di carattere psicopedagogico e didattico.

grazie mille!!! spiegato perfettamente!!! :-)
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 5225
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 3:10 pm

Ire ha scritto:
rita 76 ha scritto:
Ire ha scritto:
ushikawa ha scritto:
Ire ha scritto:

questo intendevo anche io.  Testo/audio/video  è da dsa


gli studenti con dsa possono inserirsi tranquillamente tra i migliori studenti.


Nessuna necessità di studio Bignami se non lo vogliono
Nessuna necessità di essere studenti di m




La differenza tra un dsa e un non dsa è che per il dsa quello schema è importante nel momento dell'interrogazione per organizzare la memoria e il discorso da fare.


La legge dice che durante le interrogazioni i dsa possono tenere gli schemi.


Non dice che debbano studiare sugli schemi.

Facciamo chiarezza: la legge non dice affatto che i dsa possano tenere gli schemi durante le interrogazioni, ma dice che il consiglio di classe può valutare l'opportunità di far tenere gli schemi in tali circostanze. La differenza sembra sottile, ma è enorme.
Anche io, studiando, ho bisogno di un approccio integrato testo/audio/video. Quindi o sono dsa anche io, oppure io sono normale e gli alunni con dsa non sono tanto diversi dal normale per quanto riguarda l'apprendimento.
Non esageriamo nel "non sapere", ushikawa.

Stralcio delle linee guida del 12.07.2011

Nel rispetto degli obiettivi gen
erali e specifici di apprendimento, la didattica
personalizzata si sostanzia attraverso l’impiego di
una varietà di metodologie e strategie didattiche,
tali da promuovere le potenzialità e il successo fo
rmativo in ogni alunno: l’uso dei mediatori
didattici (schemi, mappe concettuali, etc.), l’atte
nzione agli stili di apprendimento, la calibrazione
degli interventi sulla base dei livelli raggiunti,
nell’ottica di promuovere un apprendimento
significativo.
La sinergia fra didattica individualizzata e person
alizzata determina dunque, per l’alunno e lo
studente con DSA, le condizioni più favorevoli per
il raggiungimento degli obiettivi di
apprendimento.
La Legge 170/2010 richiama inoltre le istituzioni s
colastiche all’obbligo di garantire
«l’introduzione di strumenti compensativi, compresi
i mezzi di apprendimento alternativi e le
tecnologie informatiche, nonché misure dispensative
da alcune prestazioni non essenziali ai fini
della qualità dei concetti da apprendere».
Gli
strumenti compensativi
sono strumenti didattici e tecnologici che sostitu
iscono o facilitano
la prestazione richiesta nell’abilità deficitaria.
Fra i più noti indichiamo:

la sintesi vocale, che trasforma un compito di lett
ura in un compito di ascolto;

il registratore, che consente all’alunno o allo stu
dente di non scrivere gli appunti della
lezione;

i programmi di video scrittura con correttore ortog
rafico, che permettono la produzione di
testi sufficientemente corretti senza l’affaticamen
to della rilettura e della contestuale
correzione degli errori;

la calcolatrice, che facilita le operazioni di calc
olo;

altri strumenti tecnologicamente meno evoluti quali
tabelle, formulari, mappe concettuali,
etc.
Tali strumenti sollevano l’alunno o lo studente con
DSA da una prestazione resa difficoltosa
dal disturbo, senza peraltro facilitargli il compit
o dal punto di vista cognitivo. L’utilizzo di tali
strumenti non è immediato e i docenti - anche sulla
base delle indicazioni del referente

l' uso dei "mediatori didattici" (mappe, schemi, ecc.) è previsto e consentito per la didattica funzionale all' apprendimento e non per l' interrogazione funzionale alla verifica


Mi trovi il punto della legge o delle linee guida o di qualsiasi altro documento dove sia data questa indicazione?

linee guida sui DSA al 4.3.1

"Per lo studente dislessico è inoltre più appropriata la proposta di nuovi contenuti attraverso il canale orale piuttosto che attraverso lo scritto, consentendo anche la registrazione delle lezioni. Per facilitare l’apprendimento, soprattutto negli studenti con difficoltà linguistiche, può essere opportuno semplificare il testo di studio, attraverso la riduzione della complessità lessicale e sintattica. Si raccomanda, inoltre, l’impiego di mappe concettuali, di schemi, e di altri mediatori didattici che possono sia facilitare la comprensione sia supportare la memorizzazione e/o il recupero delle informazioni"
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 17959
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 3:11 pm

Ire ha scritto:
la domanda successiva è:   come può un docente pensare che dopo cinque anni in cui l'apprendimento è avvenuto in un dato modo con dati strumenti all'esame ci sia la possibilità di cambiargli le modalità?
Non si può applicare a quel che apprendimento non è le dinamiche dell'apprendimento. L'esame di stato non è apprendimento.

Quando interrogo e ricevo risposte sbagliate do sempre la risposta giusta, anche a costo di sforare nell'intervallo; quando faccio esami di stato se sono di fretta rispondo "no" e vado avanti; lì non devo istruire, lì posso lasciare nell'ignoranza.

Che dire dei concorsi ? Nei concorsi non ci vogliamo tutti bene come nelle verifiche o negli esami di stato, dove tutti possono uscire con 100 e lode; nei concorsi ci sono 10 che vincono e 100 che sa la pigliano in culo. Io dovrei accettare di prenderla in culo perchè un DSA aveva le mappe che l'hanno messo in situazione più comoda della mia ?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 7824
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 3:12 pm

Ire ha scritto:
ushikawa ha scritto:
vi state inventando una marea di inesattezze da tutte e due le parti.
La legge parla chiaro e va letta completamente: sono i docenti gli unici titolati a decidere nel merito degli strumenti compensativi e delle misure dispensative nelle varie situazioni, dalle verifiche alle interrogazioni, dai quadrimestri all'esame finale. Non c'è né obbligo né divieto di nulla che non sia deciso dal consiglio di classe.
Inoltre è bene cominciare a prendere confidenza con le caratteristiche trasversali dei dsa che comportano "problemi di memoria" e necessità di schemi anche per un discalculico.

Il bello è che non ti rendi neanche conto della portata devastante di questa affermazione sulla credibilità di tutte le tue certezze e di tutte le tue rivendicazioni esposte finora.

Di fatto, stai sostenendo (TU lo stai sostenendo, non certo i cattivi detrattori negazionisti) che i disturbi SPECIFICI di apprendimento non esistono, ma che debbano essere tutti equiparati in massa in un unico calderone di disturbi GENERALIZZATI di apprendimento, ossia l'esatto opposto della parola "specifici", in cui tutti devono avere in massa tutti gli stessi strumenti di ausiilio possibili, perché tanto vale dargli un aiutino in più piuttosto che uno in meno, perché di sicuro ne ha bisogno lo stesso, tanto i dsa sono tutti uguali, alla faccia del mito della personalizzazione.

Certo che, con difensori del genere, la causa dei paladini dei dsa non ha bisogno di avversari...
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa

avatar

Messaggi : 2762
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 3:12 pm

Faccio un esempio concreto.
Nel caso di alunni discalculici alla primaria, è il team docenti, dopo aver letto la documentazione diagnostica, a dover decidere, caso per caso, bambino per bambino, se sia giusto o meno concedere l'utilizzo della calcolatrice.
Va ricordato che tra gli "esperti" di disturbi specifici non c'è l'unanimità sull'effettiva utilità di questo strumento, anzi, qualcuno la ritiene anche controproducente. Del resto, come è stato ricordato mille volte su queste pagine, la calcolatrice non è affatto uno strumento compensativo che permette all'alunno di ottenere le stesse prestazioni in altro modo, ma si configura più come misura dispensativa che esonera di fatto l'alunno dall'acquisizione di alcune capacità di calcolo (perché il problema non è arrivare al risultato per cui 3x4 fa 12, ma saper fare il calcolo)
Quindi è a mio avviso da considerare nulla la parte della certificazione o della diagnosi che "consiglia" le misure didattiche da adottare, essendo di pertinenza dei docenti, e il consiglio di classe o il team docenti deve rimanere libero di decidere se adottare o no la calcolatrice.
Ho tra i miei alunni alunni discalculici che non sono stati dispensati dal calcolo alle elementari attraverso l'uso della calcolatrice: e se riescono in qualche modo a seguire il programma di matematica lo si deve a quella decisione presa a suo tempo dal loro team docenti della primaria.
Tornare in alto Andare in basso
carla75

avatar

Messaggi : 4573
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 3:17 pm

Ire ha scritto:
Citazione :
1) si parte da un testo/audio/video e acquisendolo di producono schemi che poi serviranno per ripassare; è la tecnica che in vario modo usano tutti i migliori studenti e porta al 30/30




questo intendevo anche io.  Testo/audio/video  è da dsa


gli studenti con dsa possono inserirsi tranquillamente tra i migliori studenti.


Nessuna necessità di studio Bignami se non lo vogliono
Nessuna necessità di essere studenti di m




La differenza tra un dsa e un non dsa è che per il dsa quello schema è importante nel momento dell'interrogazione per organizzare la memoria e il discorso da fare.


La legge dice che durante le interrogazioni i dsa possono tenere gli schemi.


Non dice che debbano studiare sugli schemi.
anche all'università?
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 2762
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 3:22 pm

In tutto ciò devo far notare che l'unica norma con una vera consistenza di legge è la 170; il resto sono circolari, molto discorsive, e persino le stesse linee guide allegate al dm 5669 del 2011 non sempre hanno i requisiti, cioè la cogenza prescrittiva, che dovrebbe avere anche un semplice regolamento. Molte delle cose che ci sono scritte rimangono nel campo delle "raccomandazioni": del resto come si può trasformare in norma un ragionamento del tipo di quello riportato da Rita del punto 4.3.1? Si consiglia... si potrebbe... il canale orale...

Quindi ad oggi la scelta delle misure e degli strumenti sono lasciati al buon senso degli insegnanti, che contrariamente a quanto qualcuno possa immaginare hanno a cuore il successo formativo di ogni alunno, talmente a cuore che in molti casi non sono disposti a certificare un successo formativo fasullo. Tutti gli insegnanti, per convinzione o per costrizione, bene o male, predispongono e attuano le misure compensative e gli strumenti dispensativi e tutti gli insegnanti sono molto disponibili al dialogo con le famiglie. A fronte di ciò, alcuni genitori e alunni adottano un approccio rivendicativo (io ho diritto a questo e me lo prendo) che spesso impedisce loro di discutere serenamente con i docenti le misure da adottare nell'interesse esclusivo del figlio. Per dirla tutta, alcuni genitori sono contenti se il figlio non fa nulla, purché sia promosso.

In questo senso trovo forzata, inconsistente e pericolosa una interpretazione della normativa per cui i docenti sarebbero in qualche modo tenuti, se non costretti, ad adottare le misure e gli strumenti suggeriti dal versante famiglia/medici.

Con ciò spero di aver chiarito che non è affatto vero che "la legge dice che durante l'interrogazione gli alunni con dsa possono tenere gli schemi".
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9090
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 3:52 pm

se è per questo, nemmeno la legge 170 ha cogenza prescrittiva:  non essendoci alcun provvedimento sanzionatorio verso chi non la applica tutto sommato rimangono ancora ampissimi spazi per fregarsene altamente.

(non siete certo solo voi tre o quattro o cento che siate a farmi sostenere questo)

Detto quello che è stato detto qui, credo che sia davvero stato detto tutto:

ci si ritrova in tribunale, se chi deve tutelarsi ha i soldi e la capacità per farlo.

Diversamente: .....   ognuno lo interpreti come crede.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 7824
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 4:02 pm

Ire ha scritto:
se è per questo, nemmeno la legge 170 ha cogenza prescrittiva:  non essendoci alcun provvedimento sanzionatorio verso chi non la applica tutto sommato rimangono ancora ampissimi spazi per fregarsene altamente.

Stai confondendo due questioni completamente diverse.

Una cosa è dire che la legge prevede chiaramente certi obblighi, ma che "purtroppo non include provvedimenti sanzionatori verso chi non li applica".

Un'altra è dire che la legge NON PREVEDE AFFATTO tali obblighi, che è quello che stiamo cercando di spiegarti da un pezzo.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa

avatar

Messaggi : 2762
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 4:59 pm

Ire la legge la conosce, non capisco perché affermi delle cose che non sono previste.
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 5225
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 5:14 pm

Ire ha scritto:
se è per questo, nemmeno la legge 170 ha cogenza prescrittiva:  non essendoci alcun provvedimento sanzionatorio verso chi non la applica tutto sommato rimangono ancora ampissimi spazi per fregarsene altamente.

(non siete certo solo voi tre o quattro o cento che siate a farmi sostenere questo)

Detto quello che è stato detto qui, credo che sia davvero stato detto tutto:

ci si ritrova in tribunale, se chi deve tutelarsi ha i soldi e la capacità per farlo.

Diversamente: .....   ognuno lo interpreti come crede.

non è questione di "fregarsene"; è questione di adattarsi alla realtà che ci si trova davanti.

non sempre si hanno a disposizione gli strumenti compensativi necessari al fabbisogno del momento; quando si somministra una verifica al DSA e nella verifica si vuole mettere anche una produzione, le possibilità sono due:

1) il ragazzo ha il computer con il programma di video-scrittura (STRUMENTO COMPENSATIVO) e, quindi, non ha nessun problema a svolgere la produzione

2) il ragazzo NON ha il computer con il programma di video-scrittura. a quel punto si DISPENSA il ragazzo dalla produzione e lui ha lo stesso tempo della classe ma con un minor numero di esercizi da svolgere

quindi, la legge serve IN GENERALE ma la stessa legge deve essere applicata nella realtà nel modo che si ritiene più opportuno. in altre parole, il ragazzo si deve affidare al BUON SENSO e alla PROFESSIONALITA' dell' insegnante
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 7824
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 6:10 pm

Rita, guarda che si stava parlando di tutt'altro.

NON di strumenti compensativi che "si vorrebbero dare ma purtroppo non si hanno a disposizione", bensì di strumenti che proprio non si vogliono dare perché il consiglio di classe ritiene che non siano utili o che addirittura siano controproducenti per quel singolo ragazzo in quella specifica situazione.

Non sapevi che esistesse anche questa possibilità?
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
Novità, forse serie, sulla dislessia
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 5 di 8Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
 Argomenti simili
-
» Paleoantropologia - novità
» Vi segnalo questo interessante articolo sulla salute delle donne (aborto, legge 40 e chi più ne ha più ne metta)
» Ragazze ricordate lo speciale sulla fecondazione che era in onda su Sky?
» fatta eco.... forse ce la faccio!
» Giudizio sulla scuola...

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: