Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Novità, forse serie, sulla dislessia

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 19935
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Novità, forse serie, sulla dislessia   Ven Dic 23, 2016 5:15 pm

Promemoria primo messaggio :

http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/biotech/2016/12/21/trovate-nel-cervello-le-radici-della-dislessia-_7281c315-642f-4a1c-bc59-e8749e75b3bc.html

"questo problema compare precocemente quando si impara a leggere e non è il risultato di diverse esperienze di apprendimento"
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
cha



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 21.07.11

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 6:14 pm

Ire ha scritto:
esame scritto di econometria [...] Risultato, come dicevo, 30 e lode.

riparto da quest’esempio: tu, Ire, sai che al primo giro il figliolo furbetto di turno non aveva studiato ed hai aspettato serenamente di veder passare il suo cadavere sul fiume; al secondo giro, e DOPO AVER STUDIATO E TANTO, il furbetto di turno è passato. All’università succede: open book and closed mouth diceva il mio prof americano di statistica

all’università ci sono, per legge, non meno di 5 appelli l’anno, che diventano raramente più di 7/8 e se l’alunno fa il furbetto, serenamente viene fatto accomodare… accumula ritardo, ma non compromette l’anno, perché l’anno non esiste

alla secondaria, soprattutto superiore, l’anno invece esiste…

mi piacerebbe molto poter dire all’alunna che non sa calcolare la percentuale di un numero: accomodati, torna a studiare, usa pure tutti gli schemi che vuoi, mettici il tempo che occorre: elabora il TUO modo di apprendere (con gli schemi, con le orecchie, con le parole…) ma non tornare finchè non sai risolvere il problema che ti propongo…

ma non posso

ed allora abbiamo alunni quindicenni che non sanno calcolare le percentuali di un numero, sedicenni che estraggono le radici di discriminanti negativi o che se trovano sqrt(-26) vanno in panico non perché il numero è negativo ma perché non è un quadrato perfetto! o maturandi che si stupiscono dei risultati delle divisioni o che non sanno riconoscere che y=x^2 è una funzione con un’asse di simmetria

e ritorniamo a bomba: questi alunni, serenamente, NON SANNO mentre tu stessa spieghi che, con la giusta dose di lavoro i tuoi figli hanno imparato

e allora, come posso io prof. pignolo, serenamente bocciarli perché non sanno? tuo figlio è stato bocciato e non è morto. anzi, ne ha appreso una bella lezione, se non altro, di metodo

se mi si toglie la possibilità di segnalare ANCHE CON UNA BOCCIATURA che la lezione non è stata imparata, viene vanificato non solo il mio lavoro ma si mina tutta l’impalcatura scolastica (che è quello che tutti abbiamo sott’occhi)
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 6:28 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Rita, guarda che si stava parlando di tutt'altro.

NON di strumenti compensativi che "si vorrebbero dare ma purtroppo non si hanno a disposizione", bensì di strumenti che proprio non si vogliono dare perché il consiglio di classe ritiene che non siano utili o che addirittura siano controproducenti per quel singolo ragazzo in quella specifica situazione.

Non sapevi che esistesse anche questa possibilità?

Sì, lo so che si stava parlando di altro.

Io ho portato quell' esempio per dire ad Irene che non sempre di può seguire la legge.

E so anche che esiste anche questa possibilità e in altre parole e' quello che ho detto io e cioè che tutto dipende dal ragazzino e dalla situazione che sta vivendo in quel momento/periodo.

La legge e le linee guida tracciano delle linee generali; poi saranno i vari docenti (nei cdc) a stabilire se determinati strumenti compensativi che in generale possono essere utili per ragazzi con quel disturbo , possono essere utili o 'dannosi' per quel ragazzo specifico.

cmq grazie per la specificazione :-)
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9810
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 6:30 pm

chi ti toglie la bocciatura?

davvero:  dopo aver fatto sul serio ciò che devi fare,  chi ti impedisce di bocciare?

Lo so chi te lo impedisce, ma sbaglia.

e se è il tribunale ad impedirtelo, qualcosa che non ha funzionato c'è- come minimo non sei in grado di dimostrare di aver fatto quello che dovevi.  Col tribunale si ottiene la revisione solo in questo caso, mai sul merito, lo sai anche tu.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 9810
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 6:35 pm

Citazione :
all’università ci sono, per legge, non meno di 5 appelli l’anno, che diventano raramente più di 7/8 e se l’alunno fa il furbetto, serenamente viene fatto accomodare… accumula ritardo, ma non compromette l’anno, perché l’anno non esiste


Non esiste l'anno ma intanto devi pagare per ogni anno fuori corso e in alcuni atenei, tra cui Bologna, le contribuzioni sono maggiori quando si "sfora".

Dici che non è una compromissione sufficiente, questa?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 6:37 pm

Ire ha scritto:
chi ti toglie la bocciatura?

davvero:  dopo aver fatto sul serio ciò che devi fare,  chi ti impedisce di bocciare?

Lo so chi te lo impedisce, ma sbaglia.

e se è il tribunale ad impedirtelo, qualcosa che non ha funzionato c'è- come minimo non sei in grado di dimostrare di aver fatto quello che dovevi.  Col tribunale si ottiene la revisione solo in questo caso, mai sul merito, lo sai anche tu.

Bocciare non è così facile sembra

Niente è facile come sembra :-)


Ultima modifica di rita 76 il Lun Dic 26, 2016 6:39 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
cha



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 21.07.11

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 6:38 pm

Ire ha scritto:
Citazione :
all’università ci sono, per legge, non meno di 5 appelli l’anno, che diventano raramente più di 7/8 e se l’alunno fa il furbetto, serenamente viene fatto accomodare… accumula ritardo, ma non compromette l’anno, perché l’anno non esiste


Non esiste l'anno ma intanto devi pagare per ogni anno fuori corso e in alcuni atenei, tra cui Bologna, le contribuzioni sono maggiori quando si "sfora".

Dici che non è una compromissione sufficiente, questa?

scusa, ma non ho capito il nesso con la didattica
volevo solo sottolineare come all'università c'è tutto il tempo che si vuole per affrontare ogni esame preparati al meglio
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9810
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 6:41 pm

dicevi che si può serenamente accumulare ritardo tanto l'anno non esiste.

Ti portavo qualcosa che quel "serenamente" lo elimina.

Sono cavoli dello studente universitario se non studia, esattamente come sono cavoli dello studente della secondaria se non studia.

Se tu permetti orecchie, testa all'ingiù e strumenti vari e lui non impara tu puoi bocciare


(a meno che il tuo ds non dica di no  - ma questa non è colpa mia  ; - )  )
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 6:48 pm

Ire ha scritto:
dicevi che si può serenamente accumulare ritardo tanto l'anno non esiste.

Ti portavo qualcosa che quel "serenamente" lo elimina.

Sono cavoli dello studente universitario se non studia, esattamente come sono cavoli dello studente della secondaria se non studia.

Se tu permetti orecchie, testa all'ingiù e strumenti vari e lui non impara tu puoi bocciare


(a meno che il tuo ds non dica di no  - ma questa non è colpa mia  ; - )  )

brava, Ire, stai entrando nella nostra 'logica'. mi hai fatto morire dalle risate!!!
Tornare in alto Andare in basso
cha



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 21.07.11

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 6:51 pm

Ire ha scritto:
Sono cavoli dello studente universitario se non studia, esattamente come sono cavoli dello studente della secondaria se non studia.

correttissimo, anzi, persino ovvio...
adesso però provoco (lo dico prima)
ma non l'ha mica scritto il dottore di studiare, nè alle superiori, nè, tantomeno all'università...

conosco di personapersonalmente splendidi adolescenti che, una volta assolto l'obbligo scolastico hanno trovato una propria strada lontana dalla scuola e che sono rinati...

se lo studio fa ammalare (come mi pare stesse succedendo ai tuoi figli), serenamente, che si faccia altro
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 6:57 pm

cha ha scritto:
Ire ha scritto:
Sono cavoli dello studente universitario se non studia, esattamente come sono cavoli dello studente della secondaria se non studia.

ma non l'ha mica scritto il dottore di studiare, nè alle superiori, nè, tantomeno all'università...


in compenso, in alcuni casi, lo 'scrivono' (trad. it. = impongono) i genitori
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9810
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 6:59 pm

Citazione :
se lo studio fa ammalare (come mi pare stesse succedendo ai tuoi figli), serenamente, che si faccia altro



Facciamo anche qui distinzione tra obbligo scolastico e anni successivi, come prima osservazione.

Durante l'obbligo scolastico il tuo discorso non vale.

Poi facciamo la distinzione in base al desiderio della persona, parlando dei miei figli così proseguiamo il discorso:

loro desideravano avere la possibilità di raggiungere una certa posizione, raggiungibile solo con una laurea.  Ne avevano (è evidentissimo ora) tutte le capacità.
Sarebbe stato giusto fare qualcosa di diverso da quello che è stato fatto?

Se non ne avessero avuto voglia, sarebbe andato benissimo anche terminare prima e darsi alla raccolta dei rifiuti.  Contenti loro, serena io.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 8588
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:04 pm

per cha: 

credo che alla base ci sia la convinzione radicata (e sbagliata) secondo cui il titolo di studio sia un diritto universale automatico, e il negarlo a qualcuno sia un oltraggio inammissibile, come negargli il diritto di voto o il diritto alla carta di identità...
Tornare in alto Andare in basso
Online
cha



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 21.07.11

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:08 pm

Ire ha scritto:
Poi facciamo la distinzione in base al desiderio della persona

infatti i tuoi figli hanno IMPARATO (con i loro percorsi, le loro capacità, le loro disavventure...)
quindi, tutto ok

ma qui sembra quasi che basti il desiderio: provo con un esempio iperbolico
sono un ippopotamo che vuole ballare sulle punte: o mi faccio il culo e nonostante l'ippopotaggine divento brava da poter entrare in un balletto e salire sul palco o vado a fare altro... non cerco una certificazione che dispensa per ippopotami col tutù nè le quote rosa perchè io ballo (apprendo) in un altro modo...

non basta il desiderio (come, invece, sembra trapelare da quanto viviamo noi insegnanti): non mi basta desiderare di perdere 10 kg per perderli... e la ragazzina si eserciti sulle percentuali, che ha più probabilità lei di impararle che io di mettermi un tutù per magri
Tornare in alto Andare in basso
cha



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 21.07.11

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:10 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
per cha: 

credo che alla base ci sia la convinzione radicata (e sbagliata) secondo cui il titolo di studio sia un diritto universale automatico, e il negarlo a qualcuno sia un oltraggio inammissibile, come negargli il diritto di voto o il diritto alla carta di identità...

hai drammaticamente vero: spero di non incontrare mai un discalculico che debba diluire farmaci in fisiologica secondo percentuali appropriate...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8588
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:13 pm

Ire ha scritto:
Citazione :
all’università ci sono, per legge, non meno di 5 appelli l’anno, che diventano raramente più di 7/8 e se l’alunno fa il furbetto, serenamente viene fatto accomodare… accumula ritardo, ma non compromette l’anno, perché l’anno non esiste


Non esiste l'anno ma intanto devi pagare per ogni anno fuori corso e in alcuni atenei, tra cui Bologna, le contribuzioni sono maggiori quando si "sfora".

Dici che non è una compromissione sufficiente, questa?

La differenza è che all'università non frega niente a nessuno di chiudere un occhio e di agevolare il povero cucciolo, trasformandogli le insufficienze in sufficienze e regalandogli esami superati anche se in realtà è andato male, "perchè bisogna essere comprensivi altrimenti la famiglia dovrebbe pagare un anno di tasse accademiche in più".
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:13 pm

cha ha scritto:
Ire ha scritto:
Poi facciamo la distinzione in base al desiderio della persona

non mi basta desiderare di perdere 10 kg per perderli...

magari bastasse il desiderio per perdere 10 kg!!! se così fosse tutti i dietologi e i nutrizionisti resterebbero senza lavoro!!!
Tornare in alto Andare in basso
cha



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 21.07.11

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:14 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
per cha: 

credo che alla base ci sia la convinzione radicata (e sbagliata) secondo cui il titolo di studio sia un diritto universale automatico, e il negarlo a qualcuno sia un oltraggio inammissibile, come negargli il diritto di voto o il diritto alla carta di identità...

e aggiungo: credo alla forza di mamma Ire e credo che lei non pensi proprio quanto invece sta malignamente balenando in testa a me

non solo compensazioni e dispense, ma anche agevolazioni fiscali all'università nonchè assunzioni agevolate

di fatto, gli strumenti elaborati per sostenere la disabilità...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9810
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:14 pm

cha ha scritto:
Ire ha scritto:
Poi facciamo la distinzione in base al desiderio della persona

infatti i tuoi figli hanno IMPARATO (con i loro percorsi, le loro capacità, le loro disavventure...)
quindi, tutto ok

ma qui sembra quasi che basti il desiderio: provo con un esempio iperbolico
sono un ippopotamo che vuole ballare sulle punte: o mi faccio il culo e nonostante l'ippopotaggine divento brava da poter entrare in un balletto e salire sul palco o vado a fare altro... non cerco una certificazione che dispensa per ippopotami col tutù nè le quote rosa perchè io ballo (apprendo) in un altro modo...

non basta il desiderio (come, invece, sembra trapelare da quanto viviamo noi insegnanti): non mi basta desiderare di perdere 10 kg per perderli... e la ragazzina si eserciti sulle percentuali, che ha più probabilità lei di impararle che io di mettermi un tutù per magri

"qui"  dove?

perchè?

dove sta scritto?

Se ad un dsa si concede quello che dicevamo ci sono forti possibilità che facendosi il sedere quadrato (come gli altri o anche più) ce la faccia ad arrivare dove desidera. Perchè non ci sono seri impedimenti non superabili.

Se non glielo si concede non ha nemmeno la possibilità di provarci.

Se non ha voglia di studiare   che faccia altro.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 9810
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:16 pm

rita 76 ha scritto:
cha ha scritto:
Ire ha scritto:
Poi facciamo la distinzione in base al desiderio della persona

non mi basta desiderare di perdere 10 kg per perderli...

magari bastasse il desiderio per perdere 10 kg!!! se così fosse tutti i dietologi e i nutrizionisti resterebbero senza lavoro!!!
Il desiderio non basta di sicuro,  ma senza desiderio non ti ci metti nemmeno a provarci e senza desiderio non vai nemmeno dal dietologo.

Quindi........... il desiderio è fondamentale : - )
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
cha



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 21.07.11

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:17 pm

Ire ha scritto:
Quindi........... il desiderio è fondamentale : - )

necessario, ma non sufficiente (se, allora e non se e solo se)
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9810
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:17 pm

cha ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
per cha: 

credo che alla base ci sia la convinzione radicata (e sbagliata) secondo cui il titolo di studio sia un diritto universale automatico, e il negarlo a qualcuno sia un oltraggio inammissibile, come negargli il diritto di voto o il diritto alla carta di identità...

e aggiungo: credo alla forza di mamma Ire e credo che lei non pensi proprio quanto invece sta malignamente balenando in testa a me

non solo compensazioni e dispense, ma anche agevolazioni fiscali all'università nonchè assunzioni agevolate

di fatto, gli strumenti elaborati per sostenere la disabilità...
non sono sicura di aver capito.

In ogni caso con la 170 non hai nulla di tutto ciò
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 8588
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:18 pm

Ire ha scritto:
Citazione :
se lo studio fa ammalare (come mi pare stesse succedendo ai tuoi figli), serenamente, che si faccia altro



Facciamo anche qui distinzione tra obbligo scolastico e anni successivi, come prima osservazione.

Durante l'obbligo scolastico il tuo discorso non vale.

L'obbligo scolastico non c'entra niente con l'obbligo di promozione.

Anche durante l'obbligo scolastico si può essere bocciati, se non si sono raggiunti i livelli minimi richiesti per passare alla classe successiva.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 9810
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:19 pm

cha ha scritto:
Ire ha scritto:
Quindi........... il desiderio è fondamentale : - )

necessario, ma non sufficiente (se, allora e non se e solo se)


mi sembra di averlo detto e ripetuto : - )
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:19 pm

Ire ha scritto:
rita 76 ha scritto:
cha ha scritto:
Ire ha scritto:
Poi facciamo la distinzione in base al desiderio della persona

non mi basta desiderare di perdere 10 kg per perderli...

magari bastasse il desiderio per perdere 10 kg!!! se così fosse tutti i dietologi e i nutrizionisti resterebbero senza lavoro!!!
Il desiderio non basta di sicuro,  ma senza desiderio non ti ci metti nemmeno a provarci e senza desiderio non vai nemmeno dal dietologo.

Quindi........... il desiderio è fondamentale : - )

questo è vero: senza desiderio si smetterebbe tutto subito o nel giro di poco tempo, specialmente la dieta :-)
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9810
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Novità, forse serie, sulla dislessia   Lun Dic 26, 2016 7:20 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ire ha scritto:
Citazione :
se lo studio fa ammalare (come mi pare stesse succedendo ai tuoi figli), serenamente, che si faccia altro



Facciamo anche qui distinzione tra obbligo scolastico e anni successivi, come prima osservazione.

Durante l'obbligo scolastico il tuo discorso non vale.

L'obbligo scolastico non c'entra niente con l'obbligo di promozione.

Anche durante l'obbligo scolastico si può essere bocciati, se non si sono raggiunti i livelli minimi richiesti per passare alla classe successiva.


cha diceva che non è obbligatorio studiare e che si può fare altro.

Non si può fare niente altro in epoca di obbligo scolastico

mai parlato di obbligo di promozione
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
 
Novità, forse serie, sulla dislessia
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 6 di 8Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
 Argomenti simili
-
» Paleoantropologia - novità
» Vi segnalo questo interessante articolo sulla salute delle donne (aborto, legge 40 e chi più ne ha più ne metta)
» Ragazze ricordate lo speciale sulla fecondazione che era in onda su Sky?
» fatta eco.... forse ce la faccio!
» Giudizio sulla scuola...

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: