Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
» Precedenza perdenti posto su mobilità volontaria
Oggi alle 12:44 am Da Dec

» Comincia il ritornello. ...3 mesi di ferie
Oggi alle 12:42 am Da Us3R

» Domanda tecnica: aumento ore spezzone ruolo
Oggi alle 12:39 am Da Dec

» Aggiornamento GI III fascia e CFU aggiuntivi
Oggi alle 12:33 am Da Dec

» Punteggio per III fascia
Oggi alle 12:29 am Da Dec

» Primi risultati suppletive: spagnolo Lombardia
Oggi alle 12:23 am Da RafTV

» Chi ha paura dei test?
Oggi alle 12:16 am Da Dec

» rientro a disposizione o in classe?
Oggi alle 12:06 am Da Us3R

» Ferie non di ruolo
Oggi alle 12:00 am Da fradacla

Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
AutoreMessaggio
rita 76

avatar

Messaggi : 5221
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Mer Dic 28, 2016 11:00 am

Promemoria primo messaggio :

http://m.orizzontescuola.it/a-torino-nasce-a-settembre-una-scuola-innovativa-niente-compiti-niente-zaino-niente-voti/
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
ushikawa

avatar

Messaggi : 2762
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 1:34 pm

Comunque si può benissimo cambiare il libro di testo anche per le futuri classi in cui non si insegnerà. Io l'ho fatto un anno in cui sapevo che avrei lasciato la scuola perché il testo prescelto dalla collega che mi aveva preceduto, che peraltro non lo usava, era terribile.
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 5221
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 1:46 pm

ushikawa ha scritto:
Comunque si può benissimo cambiare il libro di testo anche per le futuri classi in cui non si insegnerà. Io l'ho fatto un anno in cui sapevo che avrei lasciato la scuola perché il testo prescelto dalla collega che mi aveva preceduto, che peraltro non lo usava, era terribile.

certo ma personalmente non si guadagna più di tanto. lo si fa perché si pensa e si spera che anche gli alunni di classi altrui si trovino bene con quel libro adottato da chi non avrà più la classe.

nel caso che hai descritto tu l' avrei fatto anch' io.

non condivido che si debba tenere lo stesso libro per un tot di anni; cmq, pazienza...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 7824
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 2:07 pm

Ma perché, ai tempi nostri (mi pare di aver capito che siamo quasi coetanei) si usavano le borsette della tolfa? Per uscire nel tempo libero, forse sì... ma per portare i libri a scuola proprio no!

Magari l'unico ordine di scuole in cui l'aggravio di peso materiale è davvero cambiato sono le elementari, quello è vero, ma già alle medie mi sembra che il numero di libri diversi e di quaderni diversi sia identico a quello di 30 anni fa, comprese le dimensioni ingombranti delle cartelline da disegno e di altri sussidi tecnici... alle elementari la massa totale di roba è aumentata, di sicuro, ma è anche vero che non tutti i libri e tutti i quaderni si usano tutti i giorni, e che quindi potrebbero tranquillamente essere selezionati giorno per giorno (o appunto, lasciati a scuola e portati a casa solo quando servono).

Lo zaino COMPLETO di mio figlio che fa la quarta elementare pesa parecchio, ma appunto viene portato avanti e indietro solo nel fine settimana. E anzi, anche nel fine settimana, si potrebbe benissimo ridurre tale peso, facendogli portare a casa SOLO il materiale che serve per i compiti assegnati quella volta, e non proprio tutto.

Ma certo che poi ci sono le mamme ansiose che non sopportano l'idea di non poter revisionare giorno per giorno tutto quello che il figliolo ha fatto in classe, e che vanno a protestare con la maestra perché "non ha fatto mettere nello zaino anche il quadernone di geografia", anche se per quella settimana non deve essere usato, "e poi io come faccio a controllare che cosa hanno fatto durante la settimana?"... e allora per evitare discussioni si fa buttare tutto dentro   : - )
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 17958
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 2:08 pm

ushikawa ha scritto:
precario_acciaio. ha scritto:
Ho sempre trovata ridicola e pretestuosa la polemica sul peso degli zaini; generazioni di studenti lo hanno sempre portato e non ne hanno mai risentito, dei bambini tenuti troppo nella bambagia non potranno che diventare pretenziosi, lagnosi e inetti.

La trovi ridicola perché non conosci il peso degli zaini di oggi, circa 10kg alle elementari, circa 13-14kg alle medie. Se ci fai caso nessuno usa più gli zainetti invicta o addirittura la tolfa, oggi vanno per la maggiore gli zaini con le rotelle sotto e il manico tipo trolley, che vuoti pesano 3kg, tipo questo

Dunque problema risolto (da noi ingegneri), ora si possono portare a scuola tutti i libri che si vogliono.

Se non basta ne abbiamo una versione 2.0 da 7500€, che quindi fa risparmiare 500 € già al primo anno

https://encrypted-tbn3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcShuYrf_EARkBpKWkuPcwycfhL53tTkN1lSP6x3rPSKI3H75bKh
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 17958
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 2:10 pm

Ma guardate che splendore !

http://www.hdmotori.it/wp-content/uploads/movpack-1-520x276.jpg
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 17958
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 2:13 pm

Per dovere di cronaca, anche se non è paragonabile al precedente

https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQqHnUqGzaH8e9JGh8b947UrM5cFENIbSN_wSZMAMWkoKhX5RT4mg
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 5221
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 3:27 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ma perché, ai tempi nostri (mi pare di aver capito che siamo quasi coetanei) si usavano le borsette della tolfa? Per uscire nel tempo libero, forse sì... ma per portare i libri a scuola proprio no!

Magari l'unico ordine di scuole in cui l'aggravio di peso materiale è davvero cambiato sono le elementari, quello è vero, ma già alle medie mi sembra che il numero di libri diversi e di quaderni diversi sia identico a quello di 30 anni fa, comprese le dimensioni ingombranti delle cartelline da disegno e di altri sussidi tecnici... alle elementari la massa totale di roba è aumentata, di sicuro, ma è anche vero che non tutti i libri e tutti i quaderni si usano tutti i giorni, e che quindi potrebbero tranquillamente essere selezionati giorno per giorno (o appunto, lasciati a scuola e portati a casa solo quando servono).

Lo zaino COMPLETO di mio figlio che fa la quarta elementare pesa parecchio, ma appunto viene portato avanti e indietro solo nel fine settimana. E anzi, anche nel fine settimana, si potrebbe benissimo ridurre tale peso, facendogli portare a casa SOLO
il materiale che serve per i compiti assegnati quella volta, e non proprio tutto.

Ma certo che poi ci sono le mamme ansiose che non sopportano l'idea di non poter revisionare giorno per giorno tutto quello che il figliolo ha fatto in classe, e che vanno a protestare con la maestra perché "non ha fatto mettere nello zaino anche il quadernone di geografia", anche se per quella settimana non deve essere usato, "e poi io come faccio a controllare che cosa hanno fatto durante la settimana?"... e allora per evitare discussioni si fa buttare tutto dentro   : - )

queste mamme ansiose che riempiono gli zaini di materiale inutile sono LA ROVINA dei figli!!!
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 2762
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 3:50 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ma perché, ai tempi nostri (mi pare di aver capito che siamo quasi coetanei) si usavano le borsette della tolfa? Per uscire nel tempo libero, forse sì... ma per portare i libri a scuola proprio no!

Magari l'unico ordine di scuole in cui l'aggravio di peso materiale è davvero cambiato sono le elementari, quello è vero, ma già alle medie mi sembra che il numero di libri diversi e di quaderni diversi sia identico a quello di 30 anni fa, comprese le dimensioni ingombranti delle cartelline da disegno e di altri sussidi tecnici... alle elementari la massa totale di roba è aumentata, di sicuro, ma è anche vero che non tutti i libri e tutti i quaderni si usano tutti i giorni, e che quindi potrebbero tranquillamente essere selezionati giorno per giorno (o appunto, lasciati a scuola e portati a casa solo quando servono).

Lo zaino COMPLETO di mio figlio che fa la quarta elementare pesa parecchio, ma appunto viene portato avanti e indietro solo nel fine settimana. E anzi, anche nel fine settimana, si potrebbe benissimo ridurre tale peso, facendogli portare a casa SOLO il materiale che serve per i compiti assegnati quella volta, e non proprio tutto.

Ma certo che poi ci sono le mamme ansiose che non sopportano l'idea di non poter revisionare giorno per giorno tutto quello che il figliolo ha fatto in classe, e che vanno a protestare con la maestra perché "non ha fatto mettere nello zaino anche il quadernone di geografia", anche se per quella settimana non deve essere usato, "e poi io come faccio a controllare che cosa hanno fatto durante la settimana?"... e allora per evitare discussioni si fa buttare tutto dentro   : - )

Non so: sono del '70 e alle medie andavo con uno zainetto invicta arancione e azzurro da 8-9 lt, i più ricchi avevano l'invicta jolly da 18lt, i contestatari e i finti poveri la tolfa da 4-5 lt; oggi gli alunni portano zaini con trolley da 30 e passa litri, che costano intorno ai 100 euro e fungono anche da status symbol; quelli poveri usano degli eastpak da 24lt, semivuoti. E' incredibile poi che questi bestioni siano pieni, e pesanti: anche se alle medie ci sono sei ore, per cui al massimo nello zaino dovrebbero esserci sei libri, sei quaderni e un astuccio (tralasciando le eventuali cartelline di arte e tecnologie), dentro ci va a finire di tutto. Magari c'è l'ora di geometria e portano anche i libri di matematica e quello di scienze, oppure c'è epica e portano anche grammatica, storia e geografia, forse incoraggiati dai loro insegnanti che pensano di poter decidere di volta in volta.
In qualche modo devono entrarci anche le madri apprensive, quelle che vanno nel panico e stalkerizzano gli altri genitori su whatsapp non avendo insegnato ai propri pargoli a scrivere i compiti sul diario. Immagino che per non fare brutta figura facciano mettere ai propri figli nello zaino anche quello che quel giorno non servirebbe.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 50640
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 4:41 pm

ushikawa ha scritto:
Magari c'è l'ora di geometria e portano anche i libri di matematica e quello di scienze, oppure c'è epica e portano anche grammatica, storia e geografia, forse incoraggiati dai loro insegnanti che pensano di poter decidere di volta in volta.

No, io decido sempre prima, anche se posso cambiare (per esigenze varie) di settimana in settimana, lo dico e mi prendo sempre la briga di scriverlo anche sul registro elettronico, nonostante dovrebbe essere inutile avendolo detto. Però ho sempre qualcuno che mi dice che, dato che non era sicuro di quello che avevo detto (e ovviamente non aveva voglia di controllare), li ha portati tutti lo stesso. Chiaro che io preferisco questo piuttosto che non abbiano i libri e non riescano a seguire, ma declino ogni responsabilità se devono portare troppi libri. Sul fatto che poi i libri possano essere più piccoli (qualche anno fa c'erano stati dei tentativi di dividerli in fascicoli più piccoli, poi si è tornati indietro, probabilmente perché sbagliavano ogni volta ancora più facilmente) o scritti su carta meno pesante posso essere d'accordo con te.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 17958
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 4:52 pm

Sono anni che si dice che i libri pesano troppo; quanti ventenni con la gobba conoscete ?
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 50640
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 5:06 pm

Sono anni che gli studenti non portano i libri dicendo che pesano troppo:-)
Comunque penso anch'io che sia una questione di cui si parla troppo e spesso a vanvera.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa

avatar

Messaggi : 2762
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 5:34 pm

non so, fatevi un giretto nella media dove insegno o alle elementari di mio figlio (che porta a casa lo zaino una volta a settimana, però)
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 50640
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 6:11 pm

Però quello che dice avido è vero: non c'è un'emergenza sanitaria tra i giovani italiani. Evidentemente i genitori hanno trovato delle soluzioni. Altre le potrebbero trovare le case editrici e anche gli insegnanti; nessuno dice di no.
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 5096
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 6:15 pm

Dec ha scritto:
Però quello che dice avido è vero: non c'è un'emergenza sanitaria tra i giovani italiani. Evidentemente i genitori hanno trovato delle soluzioni. Altre le potrebbero trovare le case editrici e anche gli insegnanti; nessuno dice di no.

I problemi li vedi più in là negli anni. Come i problemi di vista dovuti ai cellulari.

E' un fatto però che i libri di oggi pesano molto di più di quelli di 30 anni fa a causa della diversa qualità di carta.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 17958
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 6:36 pm

mac67 ha scritto:
Dec ha scritto:
Però quello che dice avido è vero: non c'è un'emergenza sanitaria tra i giovani italiani. Evidentemente i genitori hanno trovato delle soluzioni. Altre le potrebbero trovare le case editrici e anche gli insegnanti; nessuno dice di no.

I problemi li vedi più in là negli anni. Come i problemi di vista dovuti ai cellulari.

E' un fatto però che i libri di oggi pesano molto di più di quelli di 30 anni fa a causa della diversa qualità di carta.
E' un fatto che oggi i bambini non zappano più ed una volta sì.

Quanti colpi di zappa vale uno zaino di 15 kg trasportato per 30 minuti al giorno ?

I cellulari rovinano l'intelligenza non la vista
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 5221
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 6:50 pm

ushikawa ha scritto:
non so, fatevi un giretto nella media dove insegno o alle elementari di mio figlio (che porta a casa lo zaino una volta a settimana, però)

dove sono io gli zaini dei ragazzi sono veramente pesanti e se li portano a casa ogni giorno
Tornare in alto Andare in basso
tellina

avatar

Messaggi : 8296
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 8:00 pm

Tornando in tema.. . Non posso che concordare con quanto sottolineato da molti:
Questa scuola per ricchi rampolli di ricche famiglie... Che pagheranno sugli ottomila euro per l'iscrizione e che rimarranno a scuola dalle 8 di mattina alle 5 di sera (ma con molte pause per mangiare e muoversi e giocare, giurano gli organizzatori) avranno altre preparazioni extrascolastiche... E alla fine del percorso di studi potranno sfoggiare competenze varie che il mio alunno medio di famiglia media o economicamente e socialmente medio bassa... Se le sogna...
Ma è la conferma, già ora, senza bisogno di vedere i primi diplomati (andranno pian piano ben oltre le elementari) di quanto sia importante una buona scuola pubblica realmente pensata e realizzata per una popolazione normale, con normali (o basse) disponibilità economiche e normali prospettive lavorative e sociali.
A noi "normali" servono i libri, servono i compiti e servono gli zainetti con le rotelle.. .
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 7824
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 8:22 pm

ushikawa ha scritto:
Non so: sono del '70 e alle medie andavo con uno zainetto invicta arancione e azzurro da 8-9 lt, i più ricchi avevano l'invicta jolly da 18lt, i contestatari e i finti poveri la tolfa da 4-5 lt;

Guarda, sono del 1970 anch'io, preciso preciso, quindi anch'io, come te, ho fatto le medie ai primi degli anni ottanta: non mi sembra assolutamente verosimile che nelle scuole medie di 30 o 35 anni fa qualcuno potesse andare in classe con la borsetta da 4 o 5 litri. Un solo libro di testo di una sola materia ne ingombrava già un paio, di litri, calcola che c'erano almeno quattro materie diverse al giorno e a volte anche cinque (e all'epoca ti cazziavano di brutto se i libri non li portavi tutti i giorni, mica passava tutto in cavalleria come adesso), più gli astucci e le agende che erano voluminosi quanto quelli di ora... quindi la storia della borsetta da 5 litri non mi convince per niente. Io alle medie e ai primi anni di liceo avevo zaini assolutamente paragonabili a quello che ha mia figlia adesso... non posso giurare che il peso fosse uguale, ma il volume più o meno sì.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 17958
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Gio Dic 29, 2016 11:37 pm

tellina ha scritto:
Tornando in tema.. .  Non posso che concordare con quanto sottolineato da molti:
Questa scuola per ricchi rampolli di ricche famiglie...  Che pagheranno sugli ottomila euro per l'iscrizione e che rimarranno a scuola dalle 8 di mattina alle 5 di sera (ma con molte pause per mangiare e muoversi e giocare,  giurano gli organizzatori)  avranno altre preparazioni extrascolastiche... E alla fine del percorso di studi potranno sfoggiare competenze varie che il mio alunno medio di famiglia media o economicamente e socialmente medio bassa...  Se le sogna...
Ma è  la conferma,  già  ora, senza bisogno di vedere i primi diplomati (andranno pian piano ben oltre le elementari)  di quanto sia importante una buona scuola pubblica realmente pensata e realizzata per una popolazione normale,  con normali (o basse)  disponibilità economiche e normali prospettive lavorative e sociali.
A noi "normali"  servono i libri,  servono i compiti e servono gli zainetti con le rotelle.. .
Con i compiti, i libri e gli zaini io sono venuto su benissimo; ho anche le spalle larghe (metaforicamente), e se potessi tornare indietro non rischierei di fare un percorso edulcorato con il rischio di rovinarmi la vita.

Non dimentichiamolo mai: la fuffodidattica fa tante promesse ma non ha elementi a loro supporto, bisogna fidarsi e se poi si scopre che era sbagliata non si può tornare indietro; i bambini sono fottuti definitivamente (e mi pare che sia già così).
Tornare in alto Andare in basso
ludmilla72



Messaggi : 549
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Ven Dic 30, 2016 12:31 am

[quote="avidodinformazioni] Con i compiti, i libri e gli zaini io sono venuto su benissimo; ho anche le spalle larghe (metaforicamente), e se potessi tornare indietro non rischierei di fare un percorso edulcorato con il rischio di rovinarmi la vita. [/quote]

Beh, io non sono venuta su tanto bene: mi sono consumata le ginocchia per il peso dei libri... Sai com'è, facevo 45 minuti di strada a piedi all'andata ed altrettanti al ritorno con lo zaino sulle spalle: non avevo "autisti" che mi accompagnassero al portone della scuola, però ricordo quelle camminate con grande piacere, perché mi davano la possibilità di svegliarmi del tutto e di trascorrere un po' di tempo con me stessa prima delle lezioni. Mi aiutavano a concentrarmi ed a ripassare qualcosa a mente.
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 5221
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Ven Dic 30, 2016 8:05 am

ludmilla72 ha scritto:
\"avidodinformazioni ha scritto:
Con i compiti, i libri e gli zaini io sono venuto su benissimo; ho anche le spalle larghe (metaforicamente), e se potessi tornare indietro non rischierei di fare un percorso edulcorato con il rischio di rovinarmi la vita.

Beh, io non sono venuta su tanto bene: mi sono consumata le ginocchia per il peso dei libri... Sai com'è, facevo 45 minuti di strada a piedi all'andata ed altrettanti al ritorno con lo zaino sulle spalle: non avevo "autisti" che mi accompagnassero al portone della scuola, però ricordo quelle camminate con grande piacere, perché mi davano la possibilità di svegliarmi del tutto e di trascorrere un po' di tempo con me stessa prima delle lezioni. Mi aiutavano a concentrarmi ed a ripassare qualcosa a mente.

Io non so come tu abbia fatto perché già io non condivido di portare il fatto di portare quegli zaini pesantissimi neanche per un minuto; figuriamoci tu che te lo sei portato per 45 minuti.
Certo che ti sei rovinata le ginocchia; ci credo! Perché gli zaini pesanti possono avere/hanno degli effetti NOCIVI sulla SALUTE; infatti molti soffrono di schiena a causa dell’ eccessivo peso degli zaini. E spesso capita che le conseguenze, negative o positive che siano, si riscontrano nel tempo, a volte anche dopo anni.
Tornare in alto Andare in basso
tellina

avatar

Messaggi : 8296
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Ven Dic 30, 2016 9:13 am

ludmilla72 ha scritto:
\"avidodinformazioni ha scritto:
Con i compiti, i libri e gli zaini io sono venuto su benissimo; ho anche le spalle larghe (metaforicamente), e se potessi tornare indietro non rischierei di fare un percorso edulcorato con il rischio di rovinarmi la vita.

Beh, io non sono venuta su tanto bene: mi sono consumata le ginocchia per il peso dei libri... Sai com'è, facevo 45 minuti di strada a piedi all'andata ed altrettanti al ritorno con lo zaino sulle spalle: non avevo "autisti" che mi accompagnassero al portone della scuola, però ricordo quelle camminate con grande piacere, perché mi davano la possibilità di svegliarmi del tutto e di trascorrere un po' di tempo con me stessa prima delle lezioni. Mi aiutavano a concentrarmi ed a ripassare qualcosa a mente.
E la neve ludmilla?
La neve, il freddo, la pioggia. .. Non c'erano a farti compagnia lungo il percorso?!
Ehehehe
Mode carogna/on
Probabilmente a 'sti ragazzettiricchi le competenze scolastiche reali manco servono... La famiglia starà tenendo in caldo per loro una bella sedia nel consiglio di amministrazione...
Mode carogna/off
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 17958
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Ven Dic 30, 2016 9:41 am

I posti in consiglio d'amministrazione durano finchè dura l'azienda; gli imbecilli in CdA le aziende le fanno fallire e alla fine sono loro a perderci più di tutti (hanno gli stipendi più alti).
Tornare in alto Andare in basso
ludmilla72



Messaggi : 549
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Ven Dic 30, 2016 9:58 am

tellina ha scritto:

E la neve ludmilla?
La neve,  il freddo,   la pioggia. .. Non c'erano a farti compagnia lungo il percorso?!


Io sono del sud, cara Tellina: niente neve! Pioggia e freddo invece sì, in abbondanza. Ma, visto che non c'erano alternative (mio padre usciva di casa alle 6 del mattino, mia madre non aveva la patente e nella mia città i mezzi pubblici non si è mai capito se passino e a che ora passino), ci si copriva, si metteva lo zaino in spalla e si andava.
Tornare in alto Andare in basso
precario_acciaio.



Messaggi : 767
Data d'iscrizione : 26.08.16

MessaggioOggetto: Re: scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale   Ven Dic 30, 2016 10:58 am

rita 76 ha scritto:
ludmilla72 ha scritto:
\"avidodinformazioni ha scritto:
Con i compiti, i libri e gli zaini io sono venuto su benissimo; ho anche le spalle larghe (metaforicamente), e se potessi tornare indietro non rischierei di fare un percorso edulcorato con il rischio di rovinarmi la vita.

Beh, io non sono venuta su tanto bene: mi sono consumata le ginocchia per il peso dei libri... Sai com'è, facevo 45 minuti di strada a piedi all'andata ed altrettanti al ritorno con lo zaino sulle spalle: non avevo "autisti" che mi accompagnassero al portone della scuola, però ricordo quelle camminate con grande piacere, perché mi davano la possibilità di svegliarmi del tutto e di trascorrere un po' di tempo con me stessa prima delle lezioni. Mi aiutavano a concentrarmi ed a ripassare qualcosa a mente.

Io non so come tu abbia fatto perché già io non condivido di portare il fatto di portare quegli zaini pesantissimi neanche per un minuto; figuriamoci tu che te lo sei portato per 45 minuti.
Certo che ti sei rovinata le ginocchia; ci credo! Perché gli zaini pesanti possono avere/hanno degli effetti NOCIVI sulla SALUTE; infatti molti soffrono di schiena a causa dell’ eccessivo peso degli zaini. E spesso capita che le conseguenze, negative o positive che siano, si riscontrano nel tempo, a volte anche dopo anni.

Ma figurati. Ciò che fa male ai bambini è la mancanza di movimento, restare troppo imbacuccati d'inverno, gli snack, la religione e i cattivi esempi; il peso degli zaini non può che renderli più forti.
Tornare in alto Andare in basso
 
scuola innovativa: niente di niente o, meglio, niente di usuale
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 5Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
 Argomenti simili
-
» mio marito e la sua finta di niente
» Niente pick up
» 8+4 e niente nausea
» L'uranio impoverito non fa niente
» NIENTE E' COME TE e ME INSIEME, due RESPIRI

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: