Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Tullio De Mauro

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3
AutoreMessaggio
franco71



Messaggi : 1128
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Tullio De Mauro   Gio Gen 05, 2017 2:55 pm

Promemoria primo messaggio :

http://www.huffingtonpost.it/2017/01/05/morte-di-tullio-de-mauro-contro-buona-scuola-e-analfabetizzazione_n_13969510.html

Un intellettuale, a mio modesto parere, che ha contribuito tanto al miglioramento del "pianeta" scuola.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
ushikawa

avatar

Messaggi : 2992
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 5:15 pm

Ma perché, credi che affrontare l'articolo o il saggio breve o la lettera riempiendoli di banalità e scempiaggini sia più istruttivo di un vecchio, banale tema pieno di banalità e scempiaggini?
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 18806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 6:07 pm

ushikawa ha scritto:
Ma perché, credi che affrontare l'articolo o il saggio breve o la lettera riempiendoli di banalità e scempiaggini sia più istruttivo di un vecchio, banale tema pieno di banalità e scempiaggini?
Certo che no, tuttavia per queste cose non ho esperienza.

Sono uscito dalle superiori nel 1985 e ci sono rientrato nel 2007 assistendo all'esame di maturità come commissario esterno (grazie a Dio non di italiano); sono rimasto sconvolto dal libricino che veniva dato come traccia; 7 - 8 pagine, date ad una classe del professionale; quando mai quei ragazzi avevano letto 7 - 8 pagine nella stessa settimana ? E lì lo dovevano fare in un'oretta scarsa e poi cominciare a lavorare.

Una palese violazione dei diritti umani !
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 1412
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 6:26 pm

Vedere l'insegnamento dell'ortografia come "educazione al conformismo" è una presa di posizione semplicemente ridicola.
I docenti di fisica che insegnano il sistema internazionale di unità di misura, stanno educando gli studenti al conformismo verso una convenzione decisa dall'alto?
Mah...
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 2992
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 6:37 pm

ma poi, parliamoci chiaro...
se c'è uno strumento che può aiutare il riscatto sociale è la lingua. Non è che se lo sfigato parla come magna, rifiutando "i modi linguistici delle classi dominanti", per dirla come De Mauro, si riscatti; anzi, è probabile che magari, parlando meglio, abbia qualche possibilità in più. Insomma la visione anni '70, molto ideologizzata, molto anticlassista, si rivela ancora più classista di quella che si proponeva di sostituire. Come del resto è classista tutta la scuola "democratica" nata su quelle idee.
Tornare in alto Andare in basso
Online
comp_xt



Messaggi : 1412
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 6:52 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Sono uscito dalle superiori nel 1985 e ci sono rientrato nel 2007 assistendo all'esame di maturità come commissario esterno (grazie a Dio non di italiano); sono rimasto sconvolto dal libricino che veniva dato come traccia; 7 - 8 pagine, date ad una classe del professionale; quando mai quei ragazzi avevano letto 7 - 8 pagine nella stessa settimana ? E lì lo dovevano fare in un'oretta scarsa e poi cominciare a lavorare.

Una palese violazione dei diritti umani !

Sai perché le tracce sono così corpose?

Perché si vuole mascherare l'ennesima finzione, ossia che l'articolo di giornale, l'analisi del testo e il saggio breve sarebbero delle tipologie testuali vere, mentre il vecchio tema sarebbe solo una finzione scolastica.
Come può essere vera una prova dove vengono forniti dei documenti, anziché costringere lo studente ad attingere solo dai suoi studi e dal suo bagaglio culturale?
Come può definirsi "vera" un'analisi del testo in cui lo studente deve rispondere a delle domande preparate da chi ha predisposto la prova?
Non nego che il tema tradizionale avesse le sue criticità: talvolta venivano proposte tracce insulse, banali o che scavavano indebitamente nel privato dello studente, inoltre la valutazione non sempre era uniforme, infatti alcuni docenti infatti premiavano la sintesi, altri istigavano alla prolissità, alcuni insegnanti preferivano una prosa lineare, altri andavano matti per i periodi ampollosi e spesso si cadeva nell'errore di valutare il merito delle idee.
Tuttavia, pur con tutti i suoi difetti, il vecchio tema rendeva più difficili le arrampicate sugli specchi degli studenti poco preparati e intellettualmente poco curiosi. È risaputo infatti che riassumendo quanto riportato nei documenti allegati e trovando ispirazione dagli stessi, è abbastanza facile arrivare alla sufficienza.
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 1412
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 7:06 pm

lucetta10 ha scritto:
comp_xt ha scritto:
Vedere l'insegnamento dell'ortografia come "educazione al conformismo" è una presa di posizione semplicemente ridicola.
I docenti di fisica che insegnano il sistema internazionale di unità di misura, stanno educando gli studenti al conformismo verso una convenzione decisa dall'alto?
Mah...


Semplicemente ridicolo è questo ridicolo commento.
Bisognerebbe conoscere almeno un po' di linguistica per parlare, ma si sa che su internet non serve. La questione è molto articolata e complessa, dibattuta, e De Mauro è stato un pioniere e una pietra miliare.
Non dico leggersi almeno qualche libro, ma almeno astenersi dal commentare... e noi saremmo insegnanti...

Ma chi vuoi darla a bere con questo fantomatico principio di autorità?
Qualsiasi sia il motivo storico o linguistico per cui si adotta una grafia anziché un'altra, per gli utenti questo diventa una convenzione a cui bisogna attenersi per una questione di convenienza comune, allo stesso modo per cui le masse si misurano in chilogrammi e non in once o in libbre.
E comunque la linguistica non c'entra niente con questa presa di posizione di De Mauro, visto che si tratta del solito rigurgito sessantottino o post-sessantottino contro la fantomatica "autoritaria scuola delle nozioni".
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6089
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 7:09 pm

comp_xt ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
comp_xt ha scritto:
Vedere l'insegnamento dell'ortografia come "educazione al conformismo" è una presa di posizione semplicemente ridicola.
I docenti di fisica che insegnano il sistema internazionale di unità di misura, stanno educando gli studenti al conformismo verso una convenzione decisa dall'alto?
Mah...


Semplicemente ridicolo è questo ridicolo commento.
Bisognerebbe conoscere almeno un po' di linguistica per parlare, ma si sa che su internet non serve. La questione è molto articolata e complessa, dibattuta, e De Mauro è stato un pioniere e una pietra miliare.
Non dico leggersi almeno qualche libro, ma almeno astenersi dal commentare... e noi saremmo insegnanti...

Ma chi vuoi darla a bere con questo fantomatico principio di autorità?
Qualsiasi sia il motivo storico o linguistico per cui si adotta una grafia anziché un'altra, per gli utenti questo diventa una convenzione a cui bisogna attenersi per una questione di convenienza comune, allo stesso modo per cui le masse si misurano in chilogrammi e non in once o in libbre.
E comunque la linguistica non c'entra niente con questa presa di posizione di De Mauro, visto che si tratta del solito rigurgito sessantottino o post-sessantottino contro la fantomatica "autoritaria scuola delle nozioni".


Mi rifiuto di commentare con chi della questione non sa NULLA, ma non ha la decenza di conoscere NULLA della questione ma non si esime.
Commentare (e addirittura polemizzare) quello che non si conoscere e contemporaneamente prendersela con la battaglia contro il principio di autorità sessantottino fa veramente ridere. Veramente non cogli la contraddizione?
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 1412
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 7:24 pm

lucetta10 ha scritto:

Mi rifiuto di commentare con chi della questione non sa NULLA, ma non ha la decenza di conoscere NULLA della questione ma non si esime.
Commentare (e addirittura polemizzare) quello che non si conoscere e contemporaneamente prendersela con la battaglia contro il principio di autorità sessantottino fa veramente ridere. Veramente non cogli la contraddizione?

Sei tu che non rispondi nel merito.
Esistono solo due possibilità: o si insegna allo studente a scrivere utilizzando l'ortografia corretta oppure gli si dice che può scrivere come gli viene perché tanto è la stessa cosa.
Tu da che parte stai?
È inutile che insisti col fare ricorso al principio di autorità secondo cui chi non ha studiato linguistica non avrebbe diritto di parola pur di non riconoscere che De Mauro aveva detto una stupidaggine.
Fra l'altro è evidente che questa posizione non c'entra nulla con la linguistica, ma è una visione di tipo pedagogico, tanto è vero che gli stessi che hanno in odio l'insegnamento dell'ortografia, vorrebbero bandire anche lo studio delle tabelline.
Del resto è evidente che la fabbrica dei dislessici, dei disortografici e dei discalculici andrà pur alimentata, altrimenti viene meno la ragione sociale della ditta.
Quale mezzo migliore che porre le condizioni affinché non si insegni più a scrivere bene o a far di conto?
Ed evita di scomodare la linguistica o la matematica perché non c'entrano niente, questo è solo furore ideologico fomentato da ben individuabili concezioni politiche.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6089
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 7:43 pm

comp_xt ha scritto:
lucetta10 ha scritto:

Mi rifiuto di commentare con chi della questione non sa NULLA, ma non ha la decenza di conoscere NULLA della questione ma non si esime.
Commentare (e addirittura polemizzare) quello che non si conoscere e contemporaneamente prendersela con la battaglia contro il principio di autorità sessantottino fa veramente ridere. Veramente non cogli la contraddizione?

Sei tu che non rispondi nel merito.
Esistono solo due possibilità: o si insegna allo studente a scrivere utilizzando l'ortografia corretta oppure gli si dice che può scrivere come gli viene perché tanto è la stessa cosa.
Tu da che parte stai?
È inutile che insisti col fare ricorso al principio di autorità  secondo cui chi non ha studiato linguistica non avrebbe diritto di parola pur di non riconoscere che De Mauro aveva detto una stupidaggine.
Fra l'altro è evidente che questa posizione non c'entra nulla con la linguistica, ma è una visione di tipo pedagogico, tanto è vero che gli stessi che hanno in odio l'insegnamento dell'ortografia, vorrebbero bandire anche lo studio delle tabelline.
Del resto è evidente che la fabbrica dei dislessici, dei disortografici e dei discalculici andrà pur alimentata, altrimenti viene meno la ragione sociale della ditta.
Quale mezzo migliore che porre le condizioni affinché non si insegni più a scrivere bene o a far di conto?
Ed evita di scomodare la linguistica o la matematica perché non c'entrano niente, questo è solo furore ideologico fomentato da ben individuabili concezioni politiche.

Ma di cosa vuoi discutere nel merito? Non hai le basi per discuterne, e non che io sia una linguista!
Non hai capito nulla di questo, non ne sai niente, non hai letto niente e si tratta di un tema lungo e dibattuto (anche se capisco sia più semplice un "da che parte stai" come nelle tifoserie), ma hai lo stesso la presunzione di metterlo in discussione, di piegarlo alle tue polemicucce (che non c'entrano niente) e di dare dello stupido a De Mauro il cui pensiero NON CONOSCI. E in più, difendi il principio di autorità!
Mi spieghi invece perché i tuoi studenti dovrebbero farsi dire da te le cose e non discutere di fisica estrapolando una frasetta da Internet?
Ve la ricordate questa?
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 1412
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 7:52 pm

lucetta10 ha scritto:


Ma di cosa vuoi discutere nel merito? Non hai le basi per discuterne, e non che io sia una linguista!
Non hai capito nulla di questo, non ne sai niente, non hai letto niente e si tratta di un tema lungo e dibattuto, ma hai lo stesso la presunzione di metterlo in discussione, di piegarlo alle tue polemicucce e di dare dello stupido a De Mauro il cui pensiero NON CONOSCI. E in più, difendi il principio di autorità!
Mi spieghi invece perché i tuoi studenti dovrebbero farsi dire da te le cose e non discutere di fisica estrapolando una frasetta da Internet?

Tu hai un culto morboso per De Mauro e nel corso di questa discussione hai bollato come commenti frutto di ignoranza, pettegolezzi ed estrapolazioni di frasi fuori contesto tutte le critiche che venivano fatte al tuo idolo.
Sono stati fatti (da me e da altri) riferimenti a scritti, interviste e articoli di giornale che smentivano in maniera clamorosa il tuo punto di vista. Questo dovrebbe essere sufficiente a farti sotterrare dalla vergogna, ma ancora insisti a dare dell'ignorante agli altri.
Ma con chi credi di avere a che fare?


Ultima modifica di comp_xt il Mar Gen 10, 2017 7:56 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 18806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 7:55 pm

lucetta10 ha scritto:
comp_xt ha scritto:
lucetta10 ha scritto:

Mi rifiuto di commentare con chi della questione non sa NULLA, ma non ha la decenza di conoscere NULLA della questione ma non si esime.
Commentare (e addirittura polemizzare) quello che non si conoscere e contemporaneamente prendersela con la battaglia contro il principio di autorità sessantottino fa veramente ridere. Veramente non cogli la contraddizione?

Sei tu che non rispondi nel merito.
Esistono solo due possibilità: o si insegna allo studente a scrivere utilizzando l'ortografia corretta oppure gli si dice che può scrivere come gli viene perché tanto è la stessa cosa.
Tu da che parte stai?
È inutile che insisti col fare ricorso al principio di autorità  secondo cui chi non ha studiato linguistica non avrebbe diritto di parola pur di non riconoscere che De Mauro aveva detto una stupidaggine.
Fra l'altro è evidente che questa posizione non c'entra nulla con la linguistica, ma è una visione di tipo pedagogico, tanto è vero che gli stessi che hanno in odio l'insegnamento dell'ortografia, vorrebbero bandire anche lo studio delle tabelline.
Del resto è evidente che la fabbrica dei dislessici, dei disortografici e dei discalculici andrà pur alimentata, altrimenti viene meno la ragione sociale della ditta.
Quale mezzo migliore che porre le condizioni affinché non si insegni più a scrivere bene o a far di conto?
Ed evita di scomodare la linguistica o la matematica perché non c'entrano niente, questo è solo furore ideologico fomentato da ben individuabili concezioni politiche.

Ma di cosa vuoi discutere nel merito? Non hai le basi per discuterne, e non che io sia una linguista!
Non hai capito nulla di questo, non ne sai niente, non hai letto niente e si tratta di un tema lungo e dibattuto (anche se capisco sia più semplice un "da che parte stai" come nelle tifoserie), ma hai lo stesso la presunzione di metterlo in discussione, di piegarlo alle tue polemicucce (che non c'entrano niente) e di dare dello stupido a De Mauro il cui pensiero NON CONOSCI. E in più, difendi il principio di autorità!
Mi spieghi invece perché i tuoi studenti dovrebbero farsi dire da te le cose e non discutere di fisica estrapolando una frasetta da Internet?
Ve la ricordate questa?
non hai previsto un watchdog timer.
Tornare in alto Andare in basso
geo&geo



Messaggi : 949
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 8:11 pm

stiamo parlando di questo?
"Adottare strumenti di misurazione delle capacità lessicali e sintattiche dell'alunno; abituare (e, perché no, abituarsi) alle diversità dell'uso scritto e orale, formale e informale della lingua; creare le condizioni in cui sia utile leggere molto e fissare per iscritto il pensiero; addestrare insomma alla padronanza della lingua in tutti i suoi molteplici usi: questi, anzitutto, i mezzi indiretti, forse più sicuri per dare ai discenti una buona familiarità con gli usi ortografici italiani.
Certamente, sono possibili anche esercizi ortografici appropriati. E non ci sarebbe niente di male se venissero fatti non soltanto nei cicli scolastici inferiori ma, a livello crescente di approfondimento e affinamento di riflessione storico-filologica, anche nei cicli superiori della scuola dell'obbligo e dopo la stessa scuola dell'obbligo. (...)
E tuttavia le precedenti considerazione, se esatte, parrebbero suggerire che i mezzi indiretti miranti ad accrescere la familiarità globale con l'uso scritto della lingua, siano più proficui d'ogni possibile esercizio specifico: quanto meno essi sono la condizione indispensabile perché tali esercizi diano frutti durevoli.
Parafrasando il vecchio detto latino, per mettere nella giusta luce la questione dell'ortografia, si potrebbe dire: verba tene, scripta sequentur. Curate con ogni mezzo e senza piccinerie e pigrizie mentali l'arricchimento del vocabolario e della sintassi, stimolate le letture, abituate a verbalizzare oralmente e per scritto: la correttezza ortografica verrà poi da sé"
Tullio De Mauro, 1977

TDM comincia a piacermi :-)
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6089
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Mar Gen 10, 2017 8:31 pm

comp_xt ha scritto:
lucetta10 ha scritto:


Ma di cosa vuoi discutere nel merito? Non hai le basi per discuterne, e non che io sia una linguista!
Non hai capito nulla di questo, non ne sai niente, non hai letto niente e si tratta di un tema lungo e dibattuto, ma hai lo stesso la presunzione di metterlo in discussione, di piegarlo alle tue polemicucce e di dare dello stupido a De Mauro il cui pensiero NON CONOSCI. E in più, difendi il principio di autorità!
Mi spieghi invece perché i tuoi studenti dovrebbero farsi dire da te le cose e non discutere di fisica estrapolando una frasetta da Internet?

Tu hai un culto morboso per De Mauro e nel corso di questa discussione hai bollato come commenti frutto di ignoranza, pettegolezzi ed estrapolazioni di frasi fuori contesto tutte le critiche che venivano fatte al tuo idolo.
Sono stati fatti (da me e da altri) riferimenti a scritti, interviste e articoli di giornale che smentivano in maniera clamorosa il tuo punto di vista. Questo dovrebbe essere sufficiente a farti sotterrare dalla vergogna, ma ancora insisti a dare dell'ignorante agli altri.
Ma con chi credi di avere a che fare?


Bravo! Continua a documentarti così che la prossima volta discutiamo di Benedetto Croce e la didattica per competenze
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1125
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Gio Gen 12, 2017 12:47 pm

kirserk ha scritto:
http://gruppodifirenze.blogspot.it/2017/01/doverose-integrazioni-al-doveroso.html

Interessantissimo link.

Quindi se io correggo un errore di ortografia, sarei uno sgherro al servizio della reazione.

Dunque se voto per far sospendere 15 giorni un bulletto naziskin quasi maggiorenne
che taglieggia i compagni , sarei un nostalgico del mascellone come un C80 qualsiasi.

Davvero siamo al livello degli sciocchini sbarbatelli che 50 anni fa sventolavano il libretto rosso di Mao mentre servivano il pollo; sciocchini o magari furbetti filibustieri in erba che si facevano le ossa per le future arrampicate dirigenziali .

Povero Marx!

Evidentemente anche i grandi hanno le loro defaillances.Ho letto che l' inventore del tubo catodico credeva allo spiritismo.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 2169
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Gio Gen 12, 2017 2:00 pm

I naziskin esistevano negli anni 90. .non certo ora
Tornare in alto Andare in basso
geo&geo



Messaggi : 949
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Gio Gen 12, 2017 5:18 pm

balanzoneXXI ha scritto:
Quindi se io correggo un errore di ortografia, sarei uno sgherro al servizio della reazione.

Ma hai letto la posizione sull'insegnamento dell'ortografia di De Mauro? Ci ha scritto sopra dei libri, non la frase citata (con vari tagli) da quelli di Firenze. Ne ho citato un pezzo sopra: ti sembra che dica quello che riporti tu?

balanzoneXXI ha scritto:
Dunque se voto per far sospendere 15 giorni un bulletto naziskin quasi maggiorenne che taglieggia i compagni , sarei un nostalgico del mascellone come un C80 qualsiasi.

Quella di De Mauro è  la risposta (al solito tagliata) ad uno del gruppo di Firenze che si riferiva alle elementari ed alle medie, dicendo tra l'altro che alle elementari "si moltiplicano con frequenza e ubiquità (mi sono stati riportati anche da altre città) fenomeni di teppismo sessuale infantile con bambini che mostrano in pubblico il piccolo pene, mimano sulle bambine, in genere turbate e spaventate, un atto di violenza, accompagnato da insulti volgari e oscenità apprese probabilmente dai fratelli più grandi, da adulti incoscienti, da spettacoli televisivi, cinematografici od altro la società mass-mediatica offra ai loro occhi (http://www.repubblica.it/online/scuola_universita/condotta/pirani/pirani.html)" . Se anche fosse vero (e non mi sembra, almeno per il poco che vedo io), sono problemi che si risolvono con il sette in condotta?
Boh, le critiche a De Mauro sono legittime, e ci mancherebbe altro, ma quelle riportate mi sembrano - loro sì - piuttosto ideologiche
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 2992
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Gio Gen 12, 2017 5:28 pm

geo&geo, purtroppo casi del genere non sono affatto infrequenti, lo so io come lo sai tu.

Si risolvono con il sette in condotta (o con il sei)? Direi di no.
Si risolvono attraverso l'inclusione? Direi, altrettanto, di no.
Con un po' di onestà occorre riconoscere il fallimento di un certo modo di intendere l'inclusione degli alunni "a rischio", inclusione che si è tradotta quasi esclusivamente nell'abbassamento dell'asticella anche in fatto di educazione e capacità di convivere civilmente.

Dove sta scritto che debba essere la scuola a farsi carico di ogni disagio sociale? Dove sta scritto che la scuola debba essere intesa come servizio sociale e non debba invece spendere le proprie migliori energie per dedicarsi all'istruzione e all'educazione?
Tornare in alto Andare in basso
Online
geo&geo



Messaggi : 949
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Gio Gen 12, 2017 6:32 pm

ushikawa ha scritto:
geo&geo, purtroppo casi del genere non sono affatto infrequenti, lo so io come lo sai tu.

Si risolvono con il sette in condotta (o con il sei)? Direi di no.
Si risolvono attraverso l'inclusione? Direi, altrettanto, di no.
Con un po' di onestà occorre riconoscere il fallimento di un certo modo di intendere l'inclusione degli alunni "a rischio", inclusione che si è tradotta quasi esclusivamente nell'abbassamento dell'asticella anche in fatto di educazione e capacità di convivere civilmente.

Visto che mi sto facendo una full-immersion nel De Mauro-pensiero (che manco sapevo quasi chi era...):

http://www.repubblica.it/online/scuola_universita/condotta/demauro/demauro.html
Giornalista:La scuola è stata chiamata a risolvere tutti i problemi che derivano dai difetti della società.
De Mauro: "Su questo argomento condivido quello che ha detto il leader della Lega Umberto Bossi. Quando un gruppo di adolescenti uccise una suora disse: "La scuola può combattere la disgregazione sociale, ma non può risolvere tutto". Come in altra occasione ebbe a dire il ministro Umberto Veronesi, quando ha parlato dello spinello a scuola: l' istituzione scolastica non può risolvere il problema, sempre che lo spinello faccia male. Dove la scuola ha un'importanza vitale è nelle aree a rischio: i quartieri spagnoli a Napoli, lo Zen a Palermo, le zone dove impera la 'ndrangheta e altre nei dintorni di Milano. Lì, il sacrificio dei professori rende la scuola un polo d'attrazione e non solo per i giovani. Anche le famiglie cominciano a sentire la scuola, a partire dalle mura, dalle aule, una cosa loro. Una cosa che va difesa dal degrado".

Tra risolvere tutto e risolvere niente c'è il "risolvere qualcosa", tra essere sportello 24H di servizio sociale per 5 ragazzi e fornire solo istruzione "altissima e purissima" agli altri 20 ci sono molte possibilità nel mezzo, a volerci lavorare.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 2992
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Tullio De Mauro   Gio Gen 12, 2017 8:17 pm

In quel mezzo su cui ci si lavora e ci si vuole lavorare, veramente, ci siamo un po' tutti.

Poi arriva l'alunno che in una scorribanda notturna ti devasta la scuola. Se vuoi conservare un minimo di credibilità a calci in culo metaforici lo devi prendere; invece in molti casi la tendenza è giustificare, sopire, dimenticare, accogliere ecc. ecc.
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
Tullio De Mauro
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3
 Argomenti simili
-
» mauro biglino e il "dio alieno" della bibbia
» Mauro Repetto. Parliamone un po'.

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: