Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Genitori insegnanti che difendono i figli

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
rita 76

avatar

Messaggi : 7326
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : mare e spiaggia

MessaggioTitolo: Genitori insegnanti che difendono i figli   Ven Gen 20, 2017 6:50 pm

Promemoria primo messaggio :

È  risaputo che oggi i genitori  difendono i figli anche a torto  ma quando sono docenti a farlo per me è  inaccettabile.  Con quale scusa, poi? Che "sono stanchi". A gennaio??? E a maggio cosa esce fuori???
Tornare in alto Andare in basso
Online

AutoreMessaggio
lucetta10



Messaggi : 6089
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 2:46 pm

rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
Ire ha scritto:
Però ci starebbe una bella lettera come quella che ha fatto la ds al vostro collega.

Questa volta al genitore: perchè ha telefonato al compagno di classe?

Ci sono ds che non permettono che noi docenti ultimi arrivati  facciamo lettere contro genitori e contro i colleghi di cui loro (ds) hanno bisogno e se ci permettiamo a farlo se la prendono  con noi anziché  con loro.

La vita è  solo una questione  di  interesse, purtroppo:-(


direi che c'è un bella differenza tra che lo faccia un DS e un insegnante, primo, secondo o ultimo arrivato.
Non c'è bisogno che lo permetta un dirigente e mi pare abbastanza evidente: a ciascuno il suo ruolo e le sue responsabilità. Aspiri a scrivere lettere contro i genitori? Non mi pare molto furbo...

No, assolutamente  no ma contro i colleghi  che fanno quello che  vogliono  e se ne approfittano  sì: qualche  volta ci vorrebbe  proprio!

... Se senti questa esigenza e ti sembra una cosa saggia e motivata, non vedo come un ds possa impedire una comunicazione rivolta a lui contro un collega. Basta che si sappia che quando si scrive tutto rimane. "Ci vorrebbe" cosa significa? Non scrivi mica una nota sul registro a un alunno!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8156
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 2:52 pm

rita 76 ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Però io devo ammettere che tutta questa insistenza da parte di genitori che sono anche insegnanti non l'ho mai vista. Di solito hanno proprio l'atteggiamento che descrivevo sopra, cioè sono talmente insofferenti a loro volta delle intromissioni arbitrarie dei genitori rompiscatole, da non avere la minima voglia di imitarli. Di mamma-insegnante veramente rompiscatole me ne è capitata una sola, parecchi anni fa...

Alle superiori  si intromettono molto di meno che alle medie.

Per quanto mi riguarda, la combinazione peggiore è quella della mamma insegnante che lavora alle medie (preferibilmente in materie umanistiche), che non ha mai visto da vicino una scuola superiore da quando era a sua volta studentessa (e che non ha mai visto in assoluto una scuola superiore di indirizzo scientifico o tecnico)...

...e che quando si ritrova col figlio alle superiori non riesce a concepire, nella maniera più assoluta, che i criteri possano essere diversi da quelli a cui è abituata lei nel suo lavoro (cioè, proteggere, coccolare e difendere gli alunni il più possibile, e non dare quasi mai insufficienze a nessuno).

Per cui, è convinta che la scuola debba essere una succursale dei servizi sociali, che il coordinatore di classe debba avere chissà quale potere taumaturgico di confidenza, consolazione e analisi psicologica (per cui, si scandalizza se il coordinatore lo fa un insegnante di una materia "minore" che ha solo due o tre ore a settimana, mentre alle superiori è normale), e che un 5 sia una vera e propria tragedia cosmica (e rifiuta di capire che alle superiori anche beccarsi qualche 5 può essere normale).

Però, ripeto, per fortuna ne ho avuti pochi, di casi del genere...
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6089
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 2:55 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Però io devo ammettere che tutta questa insistenza da parte di genitori che sono anche insegnanti non l'ho mai vista. Di solito hanno proprio l'atteggiamento che descrivevo sopra, cioè sono talmente insofferenti a loro volta delle intromissioni arbitrarie dei genitori rompiscatole, da non avere la minima voglia di imitarli. Di mamma-insegnante veramente rompiscatole me ne è capitata una sola, parecchi anni fa...

Alle superiori  si intromettono molto di meno che alle medie.

Per quanto mi riguarda, la combinazione peggiore è quella della mamma insegnante che lavora alle medie (preferibilmente in materie umanistiche), che non ha mai visto da vicino una scuola superiore da quando era a sua volta studentessa (e che non ha mai visto in assoluto una scuola superiore di indirizzo scientifico o tecnico)...

...e che quando si ritrova col figlio alle superiori non riesce a concepire, nella maniera più assoluta, che i criteri possano essere diversi da quelli a cui è abituata lei nel suo lavoro (cioè, proteggere, coccolare e difendere gli alunni il più possibile, e non dare quasi mai insufficienze a nessuno).

Per cui, è convinta che la scuola debba essere una succursale dei servizi sociali, che il coordinatore di classe debba avere chissà quale potere taumaturgico di confidenza, consolazione e analisi psicologica (per cui, si scandalizza se il coordinatore lo fa un insegnante di una materia "minore" che ha solo due o tre ore a settimana, mentre alle superiori è normale), e che un 5 sia una vera e propria tragedia cosmica (e rifiuta di capire che alle superiori anche beccarsi qualche 5 può essere normale).

Però, ripeto, per fortuna ne ho avuti pochi, di casi del genere...


... che ci vuoi fare?
Quando i ragazzi entrano nella "vita vera", tutta fatica e impegno, serietà e regole implacabili, e le cose devono guadagnarsele col sudore della fronte e ore sui libri, le mamme italiane non resistono a difendere i loro cuccioli!
Tornare in alto Andare in basso
ludmilla72



Messaggi : 607
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 2:57 pm

lucetta10 ha scritto:



ma da quando in qua il problema è chi telefona e non chi risponde?
E' normale che durante la lezione, i ragazzi rispondano a messaggi/telefonate? Escludo che possa esistere un regolamento di istituto in cui sia concesso ai ragazzi rispondere al telefono durante la lezione. Che la signora chiami non è affar nostro e non abbiamo potere di ammonimento, che il ragazzo risponda è un altro paio di maniche: territorio di nostra pertinenza!

Il ragazzo aveva il telefono acceso e già questo è da sanzionare; genitori che non rispettano il tempo-scuola, in cui i loro figli sono evidentemente impegnati e non possono rispondere al cellulare, spiegano il motivo per cui i ragazzi si comportano con tanto menefreghismo.
Di solito, quando suona un cellulare ed il ragazzo mi annuncia: "E' mia madre: posso rispondere?", io mi faccio passare il cellulare e rispondo io. In alcuni casi, quando evidentemente non è la madre, l'alunno in questione preferisce chiudere immediatamente la chiamata piuttosto che passarmi lo scocciatore.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ludmilla72



Messaggi : 607
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 2:58 pm

ludmilla72 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:



ma da quando in qua il problema è chi telefona e non chi risponde?
E' normale che durante la lezione, i ragazzi rispondano a messaggi/telefonate? Escludo che possa esistere un regolamento di istituto in cui sia concesso ai ragazzi rispondere al telefono durante la lezione. Che la signora chiami non è affar nostro e non abbiamo potere di ammonimento, che il ragazzo risponda è un altro paio di maniche: territorio di nostra pertinenza!

Il ragazzo aveva il telefono acceso e già questo è da sanzionare; genitori che non rispettano il tempo-scuola, in cui i loro figli sono evidentemente impegnati e non possono rispondere al cellulare, spiegano il motivo per cui i ragazzi si comportano con tanto menefreghismo.
Di solito, quando suona un cellulare ed il ragazzo mi annuncia: "E' mia madre: posso rispondere?", mi faccio passare l'apparecchio e rispondo io. In alcuni casi, quando evidentemente non è la madre, l'alunno in questione preferisce chiudere immediatamente la chiamata piuttosto che passarmi lo scocciatore.
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 6089
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 3:02 pm

ludmilla72 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:



ma da quando in qua il problema è chi telefona e non chi risponde?
E' normale che durante la lezione, i ragazzi rispondano a messaggi/telefonate? Escludo che possa esistere un regolamento di istituto in cui sia concesso ai ragazzi rispondere al telefono durante la lezione. Che la signora chiami non è affar nostro e non abbiamo potere di ammonimento, che il ragazzo risponda è un altro paio di maniche: territorio di nostra pertinenza!

Il ragazzo aveva il telefono acceso e già questo è da sanzionare; genitori che non rispettano il tempo-scuola, in cui i loro figli sono evidentemente impegnati e non possono rispondere al cellulare, spiegano il motivo per cui i ragazzi si comportano con tanto menefreghismo.
Di solito, quando suona un cellulare ed il ragazzo mi annuncia: "E' mia madre: posso rispondere?", io mi faccio passare il cellulare e rispondo io. In alcuni casi, quando evidentemente non è la madre, l'alunno in questione preferisce chiudere immediatamente la chiamata piuttosto che passarmi lo scocciatore.

Fammi capire: quindi l'implacabile scuola superiore, al cospetto della quale la mamma di scuola media trema, non sa imporre una regola di quelle basilari? Mai successo che un ragazzino di scuola media ricevesse un comando al cellulare DURANTE LA LEZIONE, non al bagno di straforo. Le mamme menefreghiste non sono affar nostro. In tutte le scuole in cui sono stata il cellulare sarebbe stato sequestrato, anche perché vige l'obbligo di tenerlo spento (lo silenziano soltanto e on lo so? Di certo non mi chiedono di rispondere visto che silenziarlo è un sotterfugio che è meglio non pubblicizzare).
Domandiamoci allora, quanto menefreghismo spalleggiamo noi stessi con le nostre regole da operetta che si sa benissimo che non vengono applicate?
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 7326
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : mare e spiaggia

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 3:03 pm

lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
Ire ha scritto:
Però ci starebbe una bella lettera come quella che ha fatto la ds al vostro collega.

Questa volta al genitore: perchè ha telefonato al compagno di classe?

Ci sono ds che non permettono che noi docenti ultimi arrivati  facciamo lettere contro genitori e contro i colleghi di cui loro (ds) hanno bisogno e se ci permettiamo a farlo se la prendono  con noi anziché  con loro.

La vita è  solo una questione  di  interesse, purtroppo:-(

direi che c'è un bella differenza tra che lo faccia un DS e un insegnante, primo, secondo o ultimo arrivato.
Non c'è bisogno che lo permetta un dirigente e mi pare abbastanza evidente: a ciascuno il suo ruolo e le sue responsabilità. Aspiri a scrivere lettere contro i genitori? Non mi pare molto furbo...

No, assolutamente  no ma contro i colleghi  che fanno quello che  vogliono  e se ne approfittano  sì: qualche  volta ci vorrebbe  proprio!

... Se senti questa esigenza e ti sembra una cosa saggia e motivata, non vedo come un ds possa impedire una comunicazione rivolta a lui contro un collega. Basta che si sappia che quando si scrive tutto rimane. "Ci vorrebbe" cosa significa? Non scrivi mica una nota sul registro a un alunno!

E invece ti assicuro che minacciano noi che scriviamo contro i colleghi e fanno in modo tale da impedirci quest' azione perché le note contro gli alunni le capiscono e le accettano, quelle contro i colleghi no.

Sono ds fragili che hanno paura di mettersi contro i docenti di ruolo perché sanno che possono essere trasferiti loro stessi (ds) per primi e per salvarsi il posto se la prendono con noi che dobbiamo continuare a subire ingiustizie.

Viviamo veramente in un mondo di m...
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 6089
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 3:06 pm

rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
Ire ha scritto:
Però ci starebbe una bella lettera come quella che ha fatto la ds al vostro collega.

Questa volta al genitore: perchè ha telefonato al compagno di classe?

Ci sono ds che non permettono che noi docenti ultimi arrivati  facciamo lettere contro genitori e contro i colleghi di cui loro (ds) hanno bisogno e se ci permettiamo a farlo se la prendono  con noi anziché  con loro.

La vita è  solo una questione  di  interesse, purtroppo:-(

direi che c'è un bella differenza tra che lo faccia un DS e un insegnante, primo, secondo o ultimo arrivato.
Non c'è bisogno che lo permetta un dirigente e mi pare abbastanza evidente: a ciascuno il suo ruolo e le sue responsabilità. Aspiri a scrivere lettere contro i genitori? Non mi pare molto furbo...

No, assolutamente  no ma contro i colleghi  che fanno quello che  vogliono  e se ne approfittano  sì: qualche  volta ci vorrebbe  proprio!

... Se senti questa esigenza e ti sembra una cosa saggia e motivata, non vedo come un ds possa impedire una comunicazione rivolta a lui contro un collega. Basta che si sappia che quando si scrive tutto rimane. "Ci vorrebbe" cosa significa? Non scrivi mica una nota sul registro a un alunno!

E invece ti assicuro che minacciano noi che scriviamo contro i colleghi e fanno in modo tale da impedirci quest' azione perché  le note contro gli alunni le capiscono  e le accettano, quelle contro i colleghi no.

Sono ds fragili che hanno paura di mettersi contro i docenti di ruolo perché  sanno che  possono essere trasferiti  loro stessi (ds) per primi e per salvarsi il posto se la prendono con noi che dobbiamo continuare  a subire ingiustizie.

Viviamo veramente  in un  mondo di m...

... guarda che note contro i colleghi non ne puoi mettere! Se vuoi scrivere scrivi, che un ds ti domandi "sei sicuro" mi pare saggio, non "fragile"
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 7326
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : mare e spiaggia

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 3:14 pm

lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
Ire ha scritto:
Però ci starebbe una bella lettera come quella che ha fatto la ds al vostro collega.

Questa volta al genitore: perchè ha telefonato al compagno di classe?

Ci sono ds che non permettono che noi docenti ultimi arrivati  facciamo lettere contro genitori e contro i colleghi di cui loro (ds) hanno bisogno e se ci
permettiamo a farlo se la prendono  con noi anziché  con loro.

La vita è  solo una questione  di  interesse, purtroppo:-(

direi che c'è un bella differenza tra che lo faccia un DS e un insegnante, primo, secondo o ultimo arrivato.
Non c'è bisogno che lo permetta un dirigente e mi pare abbastanza evidente: a ciascuno il suo ruolo e le sue responsabilità. Aspiri a scrivere lettere contro i genitori? Non mi pare molto furbo...

No, assolutamente  no ma contro i colleghi  che fanno quello che  vogliono  e se ne approfittano  sì: qualche  volta ci vorrebbe  proprio!

... Se senti questa esigenza e ti sembra una cosa saggia e motivata, non vedo come un ds possa impedire una comunicazione rivolta a lui contro un collega. Basta che si sappia che quando si scrive tutto rimane. "Ci vorrebbe" cosa significa? Non scrivi mica una nota sul registro a un alunno!

E invece ti assicuro che minacciano noi che scriviamo contro i colleghi e fanno in modo tale da impedirci quest' azione perché  le note contro gli alunni le capiscono  e le accettano, quelle contro i colleghi no.

Sono ds fragili che hanno paura di mettersi contro i docenti di ruolo perché  sanno che  possono essere trasferiti  loro stessi (ds) per primi e per salvarsi il posto se la prendono con noi che dobbiamo continuare  a subire ingiustizie.

Viviamo veramente  in un  mondo di m...

... guarda che note contro i colleghi non ne puoi mettere! Se vuoi scrivere scrivi, che un ds ti domandi "sei sicuro" mi pare saggio, non "fragile"

Lo so che non si possono mettere note contro i colleghi ma quando si vogliono scrivere lettere contro i colleghi alcuni ds non chiedono se si è sicuri ma minacciano di farla pagare a noi se lo facciamo (e conoscendolo lo fanno); per cui per evitare problemi grossi noi non possiamo scrivere lettere contro i colleghi
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 6089
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 3:17 pm

rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
Ire ha scritto:
Però ci starebbe una bella lettera come quella che ha fatto la ds al vostro collega.

Questa volta al genitore: perchè ha telefonato al compagno di classe?

Ci sono ds che non permettono che noi docenti ultimi arrivati  facciamo lettere contro genitori e contro i colleghi di cui loro (ds) hanno bisogno e se ci
permettiamo a farlo se la prendono  con noi anziché  con loro.

La vita è  solo una questione  di  interesse, purtroppo:-(

direi che c'è un bella differenza tra che lo faccia un DS e un insegnante, primo, secondo o ultimo arrivato.
Non c'è bisogno che lo permetta un dirigente e mi pare abbastanza evidente: a ciascuno il suo ruolo e le sue responsabilità. Aspiri a scrivere lettere contro i genitori? Non mi pare molto furbo...

No, assolutamente  no ma contro i colleghi  che fanno quello che  vogliono  e se ne approfittano  sì: qualche  volta ci vorrebbe  proprio!

... Se senti questa esigenza e ti sembra una cosa saggia e motivata, non vedo come un ds possa impedire una comunicazione rivolta a lui contro un collega. Basta che si sappia che quando si scrive tutto rimane. "Ci vorrebbe" cosa significa? Non scrivi mica una nota sul registro a un alunno!

E invece ti assicuro che minacciano noi che scriviamo contro i colleghi e fanno in modo tale da impedirci quest' azione perché  le note contro gli alunni le capiscono  e le accettano, quelle contro i colleghi no.

Sono ds fragili che hanno paura di mettersi contro i docenti di ruolo perché  sanno che  possono essere trasferiti  loro stessi (ds) per primi e per salvarsi il posto se la prendono con noi che dobbiamo continuare  a subire ingiustizie.

Viviamo veramente  in un  mondo di m...

... guarda che note contro i colleghi non ne puoi mettere! Se vuoi scrivere scrivi, che un ds ti domandi "sei sicuro" mi pare saggio, non "fragile"

Lo so  che  non si possono mettere note contro i colleghi ma quando si vogliono scrivere lettere contro i colleghi alcuni ds non chiedono se si è  sicuri ma minacciano di farla pagare a noi se lo facciamo (e conoscendolo lo fanno); per cui per evitare problemi grossi noi non possiamo  scrivere lettere contro i colleghi

allora sono autoritari, altro che fragili! e chi dice che hai ragione tu e non i colleghi? che lo dica tu mi apre ovvio... scrivi e vai! il ds valuterà, tanto tu hai messo per iscritto e fatto protocollare
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 7326
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : mare e spiaggia

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 3:24 pm

lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
Ire ha scritto:
Però ci starebbe una bella lettera come quella che ha fatto la ds al vostro collega.

Questa volta al genitore: perchè ha telefonato al compagno di classe?

Ci sono ds che non permettono che noi docenti ultimi arrivati  facciamo lettere contro genitori e contro i colleghi di cui loro (ds) hanno bisogno e se ci
permettiamo a farlo se la prendono  con noi anziché  con loro.

La vita è  solo una questione  di  interesse, purtroppo:-(

direi che c'è un bella differenza tra che lo faccia un DS e un insegnante, primo, secondo o ultimo arrivato.
Non c'è bisogno che lo permetta un dirigente e mi pare abbastanza evidente: a ciascuno il suo ruolo e le sue responsabilità. Aspiri a scrivere lettere contro i genitori? Non mi pare molto furbo...

No, assolutamente  no ma contro i colleghi  che fanno quello che  vogliono  e se ne approfittano  sì: qualche  volta ci vorrebbe  proprio!

... Se senti questa esigenza e ti sembra una cosa saggia e motivata, non vedo come un ds possa impedire una comunicazione rivolta a lui contro un collega. Basta che si sappia che quando si scrive tutto rimane. "Ci vorrebbe" cosa significa? Non scrivi mica una nota sul registro a un alunno!

E invece ti assicuro che minacciano noi che scriviamo contro i colleghi e fanno in modo tale da impedirci quest' azione perché  le note contro gli alunni le capiscono  e le accettano, quelle contro i colleghi no.

Sono ds fragili che hanno paura di mettersi contro i docenti di ruolo perché  sanno che  possono essere trasferiti  loro stessi (ds) per primi e per salvarsi il posto se la prendono con noi che dobbiamo continuare  a subire ingiustizie.

Viviamo veramente  in un  mondo di m...

... guarda che note contro i colleghi non ne puoi mettere! Se vuoi scrivere scrivi, che un ds ti domandi "sei sicuro" mi pare saggio, non "fragile"

Lo so  che  non si possono mettere note contro i colleghi ma quando si vogliono scrivere lettere contro i colleghi alcuni ds non chiedono se si è  sicuri ma minacciano di farla pagare a noi se lo facciamo (e conoscendolo lo fanno); per cui per evitare problemi grossi noi non possiamo  scrivere lettere contro i colleghi

allora sono autoritari, altro che fragili! e chi dice che hai ragione tu e non i colleghi? che lo dica tu mi apre ovvio... scrivi e vai! il ds valuterà, tanto tu hai messo per iscritto e fatto protocollare

esatto: alcuni sono autoritari e duri


Ultima modifica di rita 76 il Sab Gen 21, 2017 3:26 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 6089
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 3:26 pm

rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
Ire ha scritto:
Però ci starebbe una bella lettera come quella che ha fatto la ds al vostro collega.

Questa volta al genitore: perchè ha telefonato al compagno di classe?

Ci sono ds che non permettono che noi docenti ultimi arrivati  facciamo lettere contro genitori e contro i colleghi di cui loro (ds) hanno bisogno e se ci
permettiamo a farlo se la prendono  con noi anziché  con loro.

La vita è  solo una questione  di  interesse, purtroppo:-(

direi che c'è un bella differenza tra che lo faccia un DS e un insegnante, primo, secondo o ultimo arrivato.
Non c'è bisogno che lo permetta un dirigente e mi pare abbastanza evidente: a ciascuno il suo ruolo e le sue responsabilità. Aspiri a scrivere lettere contro i genitori? Non mi pare molto furbo...

No, assolutamente  no ma contro i colleghi  che fanno quello che  vogliono  e se ne approfittano  sì: qualche  volta ci vorrebbe  proprio!

... Se senti questa esigenza e ti sembra una cosa saggia e motivata, non vedo come un ds possa impedire una comunicazione rivolta a lui contro un collega. Basta che si sappia che quando si scrive tutto rimane. "Ci vorrebbe" cosa significa? Non scrivi mica una nota sul registro a un alunno!

E invece ti assicuro che minacciano noi che scriviamo contro i colleghi e fanno in modo tale da impedirci quest' azione perché  le note contro gli alunni le capiscono  e le accettano, quelle contro i colleghi no.

Sono ds fragili che hanno paura di mettersi contro i docenti di ruolo perché  sanno che  possono essere trasferiti  loro stessi (ds) per primi e per salvarsi il posto se la prendono con noi che dobbiamo continuare  a subire ingiustizie.

Viviamo veramente  in un  mondo di m...

... guarda che note contro i colleghi non ne puoi mettere! Se vuoi scrivere scrivi, che un ds ti domandi "sei sicuro" mi pare saggio, non "fragile"

Lo so  che  non si possono mettere note contro i colleghi ma quando si vogliono scrivere lettere contro i colleghi alcuni ds non chiedono se si è  sicuri ma minacciano di farla pagare a noi se lo facciamo (e conoscendolo lo fanno); per cui per evitare problemi grossi noi non possiamo  scrivere lettere contro i colleghi

allora sono autoritari, altro che fragili! e chi dice che hai ragione tu e non i colleghi? che lo dica tu mi apre ovvio... scrivi e vai! il ds valuterà, tanto tu hai messo per iscritto e fatto protocollare

esatto: alcuni sono autoritari e duri

cmq, sono contenta di non essere più in quella scuola anche se ci sono stata due anni. avrei dovuto accorgermi prima di questa ds autoritaria che mi ha impedito di mettere per iscritto e fare protocollare quanto avrei voluto


... quindi adesso non parliamo più della tipologia umana molto "diffusa" dei ds "fragili", ma di un singolo ds autoritario che stava in una tua scuola di due anni fa? tanto per capirci
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 7326
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : mare e spiaggia

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 3:27 pm

lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
Ire ha scritto:
Però ci starebbe una bella lettera come quella che ha fatto la ds al vostro collega.

Questa volta al genitore: perchè ha telefonato al compagno di classe?

Ci sono ds che non permettono che noi docenti ultimi arrivati  facciamo lettere contro genitori e contro i colleghi di cui loro (ds) hanno bisogno e se ci
permettiamo a farlo se la prendono  con noi anziché  con loro.

La vita è  solo una questione  di  interesse, purtroppo:-(

direi che c'è un bella differenza tra che lo faccia un DS e un insegnante, primo, secondo o ultimo arrivato.
Non c'è bisogno che lo permetta un dirigente e mi pare abbastanza evidente: a ciascuno il suo ruolo e le sue responsabilità. Aspiri a scrivere lettere contro i genitori? Non mi pare molto furbo...

No, assolutamente  no ma contro i colleghi  che fanno quello che  vogliono  e se ne approfittano  sì: qualche  volta ci vorrebbe  proprio!

... Se senti questa esigenza e ti sembra una cosa saggia e motivata, non vedo come un ds possa impedire una comunicazione rivolta a lui contro un collega. Basta che si sappia che quando si scrive tutto rimane. "Ci vorrebbe" cosa significa? Non scrivi mica una nota sul registro a un alunno!

E invece ti assicuro che minacciano noi che scriviamo contro i colleghi e fanno in modo tale da impedirci quest' azione perché  le note contro gli alunni le capiscono  e le accettano, quelle contro i colleghi no.

Sono ds fragili che hanno paura di mettersi contro i docenti di ruolo perché  sanno che  possono essere trasferiti  loro stessi (ds) per primi e per salvarsi il posto se la prendono con noi che dobbiamo continuare  a subire ingiustizie.

Viviamo veramente  in un  mondo di m...

... guarda che note contro i colleghi non ne puoi mettere! Se vuoi scrivere scrivi, che un ds ti domandi "sei sicuro" mi pare saggio, non "fragile"

Lo so  che  non si possono mettere note contro i colleghi ma quando si vogliono scrivere lettere contro i colleghi alcuni ds non chiedono se si è  sicuri ma minacciano di farla pagare a noi se lo facciamo (e conoscendolo lo fanno); per cui per evitare problemi grossi noi non possiamo  scrivere lettere contro i colleghi

allora sono autoritari, altro che fragili! e chi dice che hai ragione tu e non i colleghi? che lo dica tu mi apre ovvio... scrivi e vai! il ds valuterà, tanto tu hai messo per iscritto e fatto protocollare

esatto: alcuni sono autoritari e duri

cmq, sono contenta di non essere più in quella scuola anche se ci sono stata due anni. avrei dovuto accorgermi prima di questa ds autoritaria che mi ha impedito di mettere per iscritto e fare protocollare quanto avrei voluto


... quindi adesso non parliamo più della tipologia umana molto "diffusa" dei ds "fragili", ma di un singolo ds autoritario che stava in una tua scuola di due anni fa? tanto per capirci

guarda, preferisco non andare oltre...
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 8156
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 3:30 pm

lucetta10 ha scritto:
Fammi capire: quindi l'implacabile scuola superiore, al cospetto della quale la mamma di scuola media trema, non sa imporre una regola di quelle basilari? Mai successo che un ragazzino di scuola media ricevesse un comando al cellulare DURANTE LA LEZIONE, non al bagno di straforo. Le mamme menefreghiste non sono affar nostro. In tutte le scuole in cui sono stata il cellulare sarebbe stato sequestrato, anche perché vige l'obbligo di tenerlo spento (lo silenziano soltanto e on lo so? Di certo non mi chiedono di rispondere visto che silenziarlo è un sotterfugio che è meglio non pubblicizzare).
Domandiamoci allora, quanto menefreghismo spalleggiamo noi stessi con le nostre regole da operetta che si sa benissimo che non vengono applicate?


A me personalmente non frega niente se il cellulare è tenuto spento o solamente silenziato, per me è esattamente uguale, basta che NON lo usino durante le ore di lezione. Oltretutto, non mi è quasi mai capitato di avere squilli di cellulare durante la lezione, e quelle pochissime volte che è capitato, il ragazzo NON HA risposto, e si è immediatamente scusato per aver dimenticato di silenziare la suoneria, quindi non vedo dove stia il problema.

Il problema esiste solo quando vengono beccati a usarlo direttamente durante la lezione, e in tal caso la nota disciplinare parte immediatamente.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6089
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 3:41 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Fammi capire: quindi l'implacabile scuola superiore, al cospetto della quale la mamma di scuola media trema, non sa imporre una regola di quelle basilari? Mai successo che un ragazzino di scuola media ricevesse un comando al cellulare DURANTE LA LEZIONE, non al bagno di straforo. Le mamme menefreghiste non sono affar nostro. In tutte le scuole in cui sono stata il cellulare sarebbe stato sequestrato, anche perché vige l'obbligo di tenerlo spento (lo silenziano soltanto e on lo so? Di certo non mi chiedono di rispondere visto che silenziarlo è un sotterfugio che è meglio non pubblicizzare).
Domandiamoci allora, quanto menefreghismo spalleggiamo noi stessi con le nostre regole da operetta che si sa benissimo che non vengono applicate?


A me personalmente non frega niente se il cellulare è tenuto spento o solamente silenziato, per me è esattamente uguale, basta che NON lo usino durante le ore di lezione. Oltretutto, non mi è quasi mai capitato di avere squilli di cellulare durante la lezione, e quelle pochissime volte che è capitato, il ragazzo NON HA risposto, e si è immediatamente scusato per aver dimenticato di silenziare la suoneria, quindi non vedo dove stia il problema.

Il problema esiste solo quando vengono beccati a usarlo direttamente durante la lezione, e in tal caso la nota disciplinare parte immediatamente.

... e mi pare ovvio.
Ma qui non si parla di silenziare o no, ma di rispondere DURANTE LA LEZIONE e addirittura di partire per una missione commissionata durante la detta conversazione telefonica avvenuta nel corso della lezione.
La mamma che ha telefonato è bollata di menefreghismo ed è incontestabile, ma una mamma menefreghista non telefona al figlio DURANTE LA LEZIONE se la scuola gli garantisce che nessuno risponderà o che prenderà una nota.
A casa della signora nessuno di noi ha giurisdizione, nell'aula, DURANTE LA LEZIONE siamo noi i responsabili. Se un alunno, oltre a rispondere, parte lancia in resta a eseguire il comando di mammina significa che la scuola glielo ha concesso e che tutte le mamme menefreghiste sono giustificate nel loro menefreghismo: altro che scuola che diffonde il terrore! Ma per favore!
Le scuole superiori stanno diventando sempre più il luogo del "qui si può", dove anche quelle quattro regole dei gradi inferiori cadono.
E non parliamo di uscire in fila per due, chiedere di andare in bagno o cretinate del genere: divieto di fumo? divieto di utilizzo del cellulare? autorizzazione a uscite/attività? uscita anticipata? vogliamo parlare di quest'ultimo punto? A Roma lo scorso lunedì moltissime scuole sono state evacuate. Il 99% di quelle superiori hanno fatto uscire DA SOLI i ragazzi, anche dei primi anni, senza accompagnamento: la regola dice che il minore quindicenne se ne torna a casa da solo durante un terremoto?
Come al solito però, la scuola non ha colpe per la sua perdita di autorevolezza
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 7326
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : mare e spiaggia

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 3:54 pm

lucetta10 ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Fammi capire: quindi l'implacabile scuola superiore, al cospetto della quale la mamma di scuola media trema, non sa imporre una regola di quelle basilari? Mai successo che un ragazzino di scuola media ricevesse un comando al cellulare DURANTE LA LEZIONE, non al bagno di straforo. Le mamme menefreghiste non sono affar nostro. In tutte le scuole in cui sono stata il cellulare sarebbe stato sequestrato, anche perché vige l'obbligo di tenerlo spento (lo silenziano soltanto e on lo so? Di certo non mi chiedono di rispondere visto che silenziarlo è un sotterfugio che è meglio non pubblicizzare).
Domandiamoci allora, quanto menefreghismo spalleggiamo noi stessi con le nostre regole da operetta che si sa benissimo che non vengono applicate?


A me personalmente non frega niente se il cellulare è tenuto spento o solamente silenziato, per me è esattamente uguale, basta che NON lo usino durante le ore di lezione. Oltretutto, non mi è quasi mai capitato di avere squilli di cellulare durante la lezione, e quelle pochissime volte che è capitato, il ragazzo NON HA risposto, e si è immediatamente scusato per aver dimenticato di silenziare la suoneria, quindi non vedo dove stia il problema.

Il problema esiste solo quando vengono beccati a usarlo direttamente durante la lezione, e in tal caso la nota disciplinare parte immediatamente.

... e mi pare ovvio.
Ma qui non si parla di silenziare o no, ma di rispondere DURANTE LA LEZIONE e addirittura di partire per una missione commissionata durante la detta conversazione telefonica avvenuta nel corso della lezione.
La mamma che ha telefonato è bollata di menefreghismo ed è incontestabile, ma una mamma menefreghista non telefona al figlio DURANTE LA LEZIONE se la scuola gli garantisce che nessuno risponderà o che prenderà una nota.
A casa della signora nessuno di noi ha giurisdizione, nell'aula, DURANTE LA LEZIONE siamo noi i responsabili. Se un alunno, oltre a rispondere, parte lancia in resta a eseguire il comando di mammina significa che la scuola glielo ha concesso e che tutte le mamme menefreghiste sono giustificate nel loro menefreghismo: altro che scuola che diffonde il terrore! Ma per favore!

la colpa non è solo della mamma che ha chiamato ma anche del ragazzo che ha risposto e del docente che l' ha permesso
Tornare in alto Andare in basso
Online
rita 76

avatar

Messaggi : 7326
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : mare e spiaggia

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 3:57 pm

ludmilla72 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:



ma da quando in qua il problema è chi telefona e non chi risponde?
E' normale che durante la lezione, i ragazzi rispondano a messaggi/telefonate? Escludo che possa esistere un regolamento di istituto in cui sia concesso ai ragazzi rispondere al telefono durante la lezione. Che la signora chiami non è affar nostro e non abbiamo potere di ammonimento, che il ragazzo risponda è un altro paio di maniche: territorio di nostra pertinenza!

Il ragazzo aveva il telefono acceso e già questo è da sanzionare; genitori che non rispettano il tempo-scuola, in cui i loro figli sono evidentemente impegnati e non possono rispondere al cellulare, spiegano il motivo per cui i ragazzi si comportano con tanto menefreghismo.
Di solito, quando suona un cellulare ed il ragazzo mi annuncia: "E' mia madre: posso rispondere?", io mi faccio passare il cellulare e rispondo io. In alcuni casi, quando evidentemente non è la madre, l'alunno in questione preferisce chiudere immediatamente la chiamata piuttosto che passarmi lo scocciatore.

da noi non esiste una cosa del genere. se il genitore ha bisogno di parlare col proprio figlio lo chiama a scuola, i bidelli vanno a chiamarlo in classe e lui si allontana per andare a rispondere al genitore . questo, ovviamente, succede in casi d' emergenza
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 6089
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Sab Gen 21, 2017 4:01 pm

rita 76 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Fammi capire: quindi l'implacabile scuola superiore, al cospetto della quale la mamma di scuola media trema, non sa imporre una regola di quelle basilari? Mai successo che un ragazzino di scuola media ricevesse un comando al cellulare DURANTE LA LEZIONE, non al bagno di straforo. Le mamme menefreghiste non sono affar nostro. In tutte le scuole in cui sono stata il cellulare sarebbe stato sequestrato, anche perché vige l'obbligo di tenerlo spento (lo silenziano soltanto e on lo so? Di certo non mi chiedono di rispondere visto che silenziarlo è un sotterfugio che è meglio non pubblicizzare).
Domandiamoci allora, quanto menefreghismo spalleggiamo noi stessi con le nostre regole da operetta che si sa benissimo che non vengono applicate?


A me personalmente non frega niente se il cellulare è tenuto spento o solamente silenziato, per me è esattamente uguale, basta che NON lo usino durante le ore di lezione. Oltretutto, non mi è quasi mai capitato di avere squilli di cellulare durante la lezione, e quelle pochissime volte che è capitato, il ragazzo NON HA risposto, e si è immediatamente scusato per aver dimenticato di silenziare la suoneria, quindi non vedo dove stia il problema.

Il problema esiste solo quando vengono beccati a usarlo direttamente durante la lezione, e in tal caso la nota disciplinare parte immediatamente.

... e mi pare ovvio.
Ma qui non si parla di silenziare o no, ma di rispondere DURANTE LA LEZIONE e addirittura di partire per una missione commissionata durante la detta conversazione telefonica avvenuta nel corso della lezione.
La mamma che ha telefonato è bollata di menefreghismo ed è incontestabile, ma una mamma menefreghista non telefona al figlio DURANTE LA LEZIONE se la scuola gli garantisce che nessuno risponderà o che prenderà una nota.
A casa della signora nessuno di noi ha giurisdizione, nell'aula, DURANTE LA LEZIONE siamo noi i responsabili. Se un alunno, oltre a rispondere, parte lancia in resta a eseguire il comando di mammina significa che la scuola glielo ha concesso e che tutte le mamme menefreghiste sono giustificate nel loro menefreghismo: altro che scuola che diffonde il terrore! Ma per favore!

la colpa non è solo della mamma che ha chiamato ma anche del ragazzo che ha risposto e del docente che l' ha permesso

Appunto, ma quale dei tre soggetti non è di nostra pertinenza? eppure con quale ce la prendiamo?
Tornare in alto Andare in basso
boston



Messaggi : 763
Data d'iscrizione : 16.09.10

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Lun Gen 23, 2017 1:00 am

chicca70 ha scritto:
A me è capitato un padre che sosteneva di essere insegnante senza esserlo. Mi ha detto di insegnare nell'istituto tecnico in cui lavora una mia amica ma in quella scuola risulta assolutamente sconosciuto.

Ahhhahhhaaaa che sfigato ahhhhh
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 2987
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Lun Gen 23, 2017 5:11 am

abbiate pazienza ma questa discussione è penosa.
Una che apre l topic contro i genitori-insegnanti ma poi il problema è il preside autoritario anzi fragile di tanti anni fa anzi di quest'anno. L'altra che fa sempre la finta scandalizzata e attacca la pippa con le regole. Tutti che dimenticano che scuola che vai usanza che trovi e tutti che pensano che in ogni scuola funzioni come la propria; pochi che ricordano che tra elementarie, medie e superiori ci sono tre modi di lavorare differenti e non si possono fare generalizzazioni.
Bah.
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 7326
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : mare e spiaggia

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Lun Gen 23, 2017 8:33 am

Il topic delle lamentele dei colleghi che se ne approfittano e che si permettono di intromettersi nella didattica altrui non è affatto penoso ma REALE.

Se tu questo problema non c'è l' hai beato te. Evidentemente i colleghi non si permettono perché ti temono che è ben diverso dallo stimare.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa

avatar

Messaggi : 2987
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Lun Gen 23, 2017 9:12 am

Non c'è l'ho il problema perché non mi interessa né essere temuto né essere stimato.
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 7326
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : mare e spiaggia

MessaggioTitolo: Re: Genitori insegnanti che difendono i figli   Lun Gen 23, 2017 9:34 am

ushikawa ha scritto:
Non c'è l'ho il problema perché non mi interessa né essere temuto né essere stimato.

Ok, allora trattenuti dal formulare giudizi PERSONALI, che non corrispondono a quelli di tanti altri, tipo questo della penosita' del topic
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
Genitori insegnanti che difendono i figli
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» Mantenere i proprio genitori
» Avete visto il servizio delle Iene di ieri dei bambini tolti ai genitori?
» Genitori atei
» Salendo i gradini con i nomi dei miei figli
» vacanze per genitori single

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: