Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Oggi è il turno di alcuni linguisti.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 17561
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 10:03 am

Premetto che nonostante io insegni matematica e fisica al liceo scientifico e che avrei titolo per dire "la mia materia è la più importante" come alcuni docenti fanno o pensano anche se insegnano ginnastica, io dico sempre che inglese è la materia più importante, in ogni scuola di ogni ordine e grado.

Oggi esce questo.

http://www.orizzontescuola.it/didattica-europa-2020-ma-italia-90-nelle-scuole-medie-molti-alunni-tornano-a-studiare-una-sola-lingua-straniera-come-si-faceva-15-anni-fa/

"Peccato che, di solito, quando si rinuncia a qualcosa, si dovrebbe avere anche qualcos’altro in cambio. Ma in questo caso questa “regola logica” non vale.

Perché? Perché sulla carta il livello di uscita in Lingua Inglese per un alunno che ne ha scelto il potenziamento rimane l’A2, esattamente come l’alunno che ha mantenuto le tre ore curricolari approfittando dell’opportunità di raggiungere un livello almeno A1 in Francese, Spagnolo o Tedesco"


Non mi sembra un appunto intellettualmente onesto, si basa sull'analisi della carta non della realtà; cosa me ne frega a me che con le tre ore standard si riesca a raggiungere sulla carta il livello A2 quando poi non è così ?
Raggiungere l'A2 veramente è una conquista che può valere la rinuncia ad un ridicolo A1 in tedesco già sapendo che poi il tedesco non lo farò mai più.

Più seria l'accusa (che non giudico campata in aria)

"I colleghi di Lingua Inglese delle scuole superiori poi, nella maggior parte dei casi, segnalano di non riconoscere negli alunni che arrivano nelle loro scuole una sufficiente disparità di livello tra i due casi che giustifichi una scelta di questo tipo, senza contare il fatto che lì i programmi tornano ad essere esattamente gli stessi per gli uni e per gli altri."

Ma questa s'inquadra in un contesto più ampio; i ragazzi non sanno parlare, scrivere e capire in italiano dopo 13 anni di scuola di lingua italiana

http://www.orizzontescuola.it/verifiche-nazionali-periodiche-su-saper-leggere-e-scrivere-una-proposta-contro-il-declino-dellitaliano-a-scuola/

Quindi, nulla di nuovo sotto il sole.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5859
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 12:28 pm

Non arrivare a un livello B significa non raggiungere un livello soglia, quindi comunque ridicolo, tra un A1 e un A2 poco cambia.
Meglio di gran lunga 5 ore di una sola lingua (quella che vi pare) che l'inutile seconda lingua, che con due ore si deve smazzare la rogna degli stessi obiettivi della prima lingua, chiaramente irrealizzabili.
Alle scuole elementari, con alunni di una età fertilissima per l'apprendimento delle lingue, soprattutto per la fonetica, l'inglese ha una sola ora a settimana (religione due...) con un insegnante spesso non qualificato.
2 ore settimanali in classi di 25 alunni (privi di motivazione): vi iscrivereste mai a un corso di lingua di questo tipo? Paghereste un'ora di lezione per il vostro bambino di 7 anni in un gruppo di 25 bambini e con un'insegnante che nella migliore delle ipotesi ha una certificazione B2?
Tornare in alto Andare in basso
forza
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 5295
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 1:03 pm

INUTILE SECONDA LINGUA? punti di vista.....
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5859
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 1:52 pm

forza ha scritto:
INUTILE SECONDA LINGUA?   punti di vista.....

Non ci fermiamo a quale lingua e a quale sia prima o seconda.
Trovi veramente che alla scuola media proporre due lingue, una a 3 ore e l'altra a 2 sia il migliore dei mondi possibili e che farne invece 5 di una sola (quella che vi pare), considerando il contesto in cui avviene l'apprendimento linguistico, non sia meglio?
Me lo motivi per favore? Posso capire quali siano i benefici di questa impostazione? Sappiamo bene quali livelli di competenza linguistica si raggiungano alla fine della terza nella seconda lingua: valgono la fatica che fanno i docenti di seconda lingua comunitaria? I loro sforzi non meriterebbero di più?
Tornare in alto Andare in basso
evelyn83



Messaggi : 125
Data d'iscrizione : 09.06.12

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 2:28 pm

"Meglio di gran lunga 5 ore di una sola lingua (quella che vi pare) che l'inutile seconda lingua, che con due ore si deve smazzare la rogna degli stessi obiettivi della prima lingua, chiaramente irrealizzabili. "
Lucetta10 : non so tu cosa insegni, ma io insegno sia inglese che seconda lingua alle medie, e ti assicuro che s'impegna riesce a comunicare tranquillamente in entrambe le lingue senza particolari sforzi su argomenti inerenti il proprio quotidiano IN ENTRAMBE LE LINGUE. Non mi sembra che questo possa essere considerato inutile, anzi, mi sembra vergognoso anche solo pensarlo.

"Non arrivare a un livello B significa non raggiungere un livello soglia, quindi comunque ridicolo, tra un A1 e un A2 poco cambia. "
Allora dovremmo eliminare ed. tecnica perché non diventano dei geometri? Ed. Artistica perché non diventano degli artisti? Ed. Fisica perché non diventano campioni di salto in lungo o giocatori della nazionale di pallavolo?

Mah...vabbè...torneremo a fare italiano, storia e matematica allora...come negli anni 50 (o forse ancora prima), che ne dite? ;-)

Tornare in alto Andare in basso
evelyn83



Messaggi : 125
Data d'iscrizione : 09.06.12

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 2:52 pm

[quote="avidodinformazioni"]Premetto che nonostante io insegni matematica e fisica al liceo scientifico e che avrei titolo per dire "la mia materia è la più importante" come alcuni docenti fanno o pensano anche se insegnano ginnastica, io dico sempre che inglese è la materia più importante, in ogni scuola di ogni ordine e grado.

Oggi esce questo.

http://www.orizzontescuola.it/didattica-europa-2020-ma-italia-90-nelle-scuole-medie-molti-alunni-tornano-a-studiare-una-sola-lingua-straniera-come-si-faceva-15-anni-fa/

"Peccato che, di solito, quando si rinuncia a qualcosa, si dovrebbe avere anche qualcos’altro in cambio. Ma in questo caso questa “regola logica” non vale.

Perché? Perché sulla carta il livello di uscita in Lingua Inglese per un alunno che ne ha scelto il potenziamento rimane l’A2, esattamente come l’alunno che ha mantenuto le tre ore curricolari approfittando dell’opportunità di raggiungere un livello almeno A1 in Francese, Spagnolo o Tedesco"


Non mi sembra un appunto intellettualmente onesto, si basa sull'analisi della carta non della realtà; cosa me ne frega a me che con le tre ore standard si riesca a raggiungere sulla carta il livello A2 quando poi non è così ?
Raggiungere l'A2 veramente è una conquista che può valere la rinuncia ad un ridicolo A1 in tedesco già sapendo che poi il tedesco non lo farò mai più.

Più seria l'accusa (che non giudico campata in aria)

"I colleghi di Lingua Inglese delle scuole superiori poi, nella maggior parte dei casi, segnalano di non riconoscere negli alunni che arrivano nelle loro scuole una sufficiente disparità di livello tra i due casi che giustifichi una scelta di questo tipo, senza contare il fatto che lì i programmi tornano ad essere esattamente gli stessi per gli uni e per gli altri."

Ma perché, credi che le due cose (livello dichiarato e reale di uscita denunciato dagli insegnanti delle superiori) non siano relazionate l'una con l'altra?? Prova ad insegnare una lingua con 25 alunni in classe di media...credi che due ore in più facciano la differenza che i genitori si aspettano quando scelgono "l'inglese potenziato" per i propri figli?? Credi che gli insegnanti di inglese usino libri di testo diversi? Che ciascun alunno parli più di due minuti in più per ora??

No. Chi non parla durante le 3 ore perché "timido" o poco volenteroso non lo farà nemmeno nelle altre due...la realtà è questa, e lo sappiamo bene
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 7591
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 4:09 pm

Oltretutto, ci vogliamo provare a uscire da questo pregiudizio mistificatorio secondo cui le lingue straniere (e in particolare l'inglese) sarebbero solo "strumenti utili per trovare lavoro nel mondo di oggi" e non dei potentissimi canali di sviluppo di capacità comunicative generali, che rendono la mente più elastica e che potenziano mille altre competenze? In tal modo, la si pianterebbe anche di sostenere che l'unica cosa importante in tutto ll'universo mondo è "sapere l'inglese", perché quello sì che è utile, mentre le altre lingue sono solo giocherelli vezzosi che non servono a nulla...

Essere esposti da giovanissimi a una PLURALITA' di suoni sconosciuti alla propria lingua madre e di strutture grammaticali diverse da quelle abituali (e per pluralità intendo la consapevolezza che le strutture linguistiche possibili sono tante, e che non esiste solo la possibilità di "commutare" alternativamente tra due uniche modalità, cioè la modalità-madrelingua, che è solo l'italiano, e la modalità-lingua-straniera, che è solo l'inglese)... aiuta a sviluppare una flessibilità mentale che noi non possiamo manco sognarci, ANCHE se poi queste linguenon si padroneggiano veramente bene, e non si continueranno a studiare a lungo!

Se poi si arriva a sostenere che alla scuola media di primo grado sia più importante "imparare il più possibile l'inglese perché serve per trovare lavoro", piuttosto che lasciare aperte varie possibilità di ricchezza comunicativa e di elasticità mentale da specializzare poi negli anni successivi, beh, io non so cosa dire.

Ma MAGARI fossi stata esposta a 11 anni a qualche assaggio minimale di due o tre lingue diverse OLTRE all'inglese, fossero pure il russo, lo hindi o lo swahili!
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 4613
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 4:11 pm

lucetta10 ha scritto:
forza ha scritto:
INUTILE SECONDA LINGUA?   punti di vista.....

Non ci fermiamo a quale lingua e a quale sia prima o seconda.
Trovi veramente che alla scuola media proporre due lingue, una a 3 ore e l'altra a 2 sia il migliore dei mondi possibili e che farne invece 5 di una sola (quella che vi pare), considerando il contesto in cui avviene l'apprendimento linguistico, non sia meglio?
Me lo motivi per favore? Posso capire quali siano i benefici di questa impostazione? Sappiamo bene quali livelli di competenza linguistica si raggiungano alla fine della terza nella seconda lingua: valgono la fatica che fanno i docenti di seconda lingua comunitaria? I loro sforzi non meriterebbero di più?

Molti ragazzi di scuola media prendono la seconda lingua sottogamba perché sanno di non studiarla alle superiori.

Ovviamente sbagliano ma così è
Tornare in alto Andare in basso
Online
rita 76

avatar

Messaggi : 4613
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 4:13 pm

forza ha scritto:
INUTILE SECONDA LINGUA?   punti di vista.....

La seconda lingua è utile se la si continua alle superiori altrimenti passando nel dimenticatoio serve a ben poco
Tornare in alto Andare in basso
Online
rita 76

avatar

Messaggi : 4613
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 4:23 pm

evelyn83 ha scritto:
"Meglio di gran lunga 5 ore di una sola lingua (quella che vi pare) che l'inutile seconda lingua, che con due ore si deve smazzare la rogna degli stessi obiettivi della prima lingua, chiaramente irrealizzabili. "
Lucetta10 : non so tu cosa insegni, ma io insegno sia inglese che seconda lingua alle medie, e ti assicuro che s'impegna riesce a comunicare tranquillamente in entrambe le lingue senza particolari sforzi su argomenti inerenti il proprio quotidiano IN ENTRAMBE LE LINGUE. Non mi sembra che questo possa essere considerato inutile, anzi, mi sembra vergognoso anche solo pensarlo.

Nessuno mette in dubbio che anche nella seconda lingua si riesca a chiedere e a dare le informazioni basilari che servono nella vita quotidiana ma secondo me è meglio farne una e bene anziché due 'così è così'.

Piuttosto dovrebbero inserire la seconda lingua obbligatoria anche alle superiori perché studiarla in questo modo ha senso fino ad un certo punto
Tornare in alto Andare in basso
Online
rita 76

avatar

Messaggi : 4613
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 4:27 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ma MAGARI fossi stata esposta a 11 anni a qualche assaggio minimale di due o tre lingue diverse OLTRE all'inglese, fossero pure il russo, lo hindi o lo swahili!

Purtroppo ai nostri tempi si studiava solo una lingua obbligatoria alle scuole medie.

Cmq hai ragione, studiare e conoscere le lingue implica una certa flessibilità mentale
Tornare in alto Andare in basso
Online
rita 76

avatar

Messaggi : 4613
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 5:24 pm

evelyn83 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Premetto che nonostante io insegni matematica e fisica al liceo scientifico e che avrei titolo per dire "la mia materia è la più importante" come alcuni docenti fanno o pensano anche se insegnano ginnastica, io dico sempre che inglese è la materia più importante, in ogni scuola di ogni ordine e grado.

Oggi esce questo.

http://www.orizzontescuola.it/didattica-europa-2020-ma-italia-90-nelle-scuole-medie-molti-alunni-tornano-a-studiare-una-sola-lingua-straniera-come-si-faceva-15-anni-fa/

Prova ad insegnare una lingua con 25 alunni in classe di media...credi che due ore in più facciano la differenza che i genitori si aspettano quando scelgono "l'inglese potenziato" per i propri figli?? Credi che gli insegnanti di inglese usino libri di testo diversi? Che ciascun alunno parli più di due minuti in più per ora??

sì, due ore in più fanno la differenza.

Anche una in più fa la differenza tanto che il livello raggiunto nella seconda lingua non è lo stesso raggiunto in inglese; a maggior ragione due ore in più
Tornare in alto Andare in basso
Online
rita 76

avatar

Messaggi : 4613
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 5:30 pm

evelyn83 ha scritto:
Allora dovremmo eliminare ed. tecnica perché non diventano dei geometri? Ed. Artistica perché non diventano degli artisti? Ed. Fisica perché non diventano campioni di salto in lungo o giocatori della nazionale di pallavolo

cosa c' entrano l' educazione artistica, tecnica, ed fisica ed io aggiungo anche musica che tu non hai citato?

Queste sono discipline che implicano meno impegno da parte dei ragazzi i quali hanno pure bisogno di disegnare, suonare uno strumento, giocare, ecc.

le lingue sono molto impegnative (quindi anche la seconda lingua per quanto si faccia meno dell' inglese) e comportano un certo livello di attenzione che i ragazzi non possono possedere per 5 ore consecutive.

ecco perchè chi produce l' orario dovrebbe tenere conto di questo e unire discipline più impegnative con discipline meno impegnative
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 7591
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 5:51 pm

rita 76 ha scritto:
evelyn83 ha scritto:
Allora dovremmo eliminare ed. tecnica perché non diventano dei geometri? Ed. Artistica perché non diventano degli artisti? Ed. Fisica perché non diventano campioni di salto in lungo o giocatori della nazionale di pallavolo

cosa c' entrano l' educazione artistica, tecnica, ed fisica ed io aggiungo anche musica che tu non hai citato?

Queste sono discipline che implicano meno impegno da parte dei ragazzi i quali hanno pure bisogno di disegnare, suonare uno strumento, giocare, ecc.


Quindi secondo te quelle materie si fanno solo per far giocare i ragazzi e alleggerire le loro faticose giornate di studi con qualche piacevole intermezzo in cui non c'è nessun bisogno di impegnarsi?
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 4613
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 6:02 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
evelyn83 ha scritto:
Allora dovremmo eliminare ed. tecnica perché non diventano dei geometri? Ed. Artistica perché non diventano degli artisti? Ed. Fisica perché non diventano campioni di salto in lungo o giocatori della nazionale di pallavolo

cosa c' entrano l' educazione artistica, tecnica, ed fisica ed io aggiungo anche musica che tu non hai citato?

Queste sono discipline che implicano meno impegno da parte dei ragazzi i quali hanno pure bisogno di disegnare, suonare uno strumento, giocare, ecc.


Quindi secondo te quelle materie si fanno solo per far giocare i ragazzi e alleggerire le loro faticose giornate di studi con qualche piacevole intermezzo in cui non c'è nessun bisogno di impegnarsi?

no, si fanno ANCHE per fare respirare i ragazzi un po di più. ovvio che devono studiare anche la storia dell' arte della musica, ecc. ma di solito questi colleghi fanno un' ora di teoria ed un' ora di pratica.

anche le attività di disegno, ecc. richiedono un certo impegno ma non è lo stesso impegno che bisogna avere quando si deve ascoltare una spiegazione, ecc.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 7591
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 6:38 pm

Ma chi l'ha detto che la PRATICA sia qualcosa di giocoso, divertente e poco impegnativo? E dai, rita, 'sta cosa non si può sentire, eh... ma pensi davvero che le materie "leggere" (ossia, detto larvatamente, le materie "meno importanti") siano state messe lì apposta solo per far tirare il fiato per un'ora di q*zzeggio ai poveri ragazzini, massacrati da spiegazioni tostissime di matematica o di italiano? E allora, se le cose stessero così, tanto varrebbe non fargliele fare affatto e ridurre il numero di ore in assoluto, no?
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 4613
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 6:45 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ma chi l'ha detto che la PRATICA sia qualcosa di giocoso, divertente e poco impegnativo? E dai, rita, 'sta cosa non si può sentire, eh... ma pensi davvero che le materie "leggere" (ossia, detto larvatamente, le materie "meno importanti") siano state messe lì apposta solo per far tirare il fiato per un'ora di q*zzeggio ai poveri ragazzini, massacrati da spiegazioni tostissime di matematica o di italiano? E allora, se le cose stessero così, tanto varrebbe non fargliele fare affatto e ridurre il numero di ore in assoluto, no?

Io non ho detto che si tratta di attività giocose ma sicuramente richiedono meno attenzione rispetto ad una lezione teorica.

Quando disegnano i ragazzi 'chiacchierano', si confrontano e, cmq, non necessitano un' attenzione costante, attenzione che viene richiesta durante l' ascolto di una qualsiasi lezione.

Questo succede nella realtà e lo vedo anche io quando chiedo di disegnare qualcosa.

Anche nei lavori di gruppo tendono a distrarsi, cosa che non succede quando l' insegnante fa lezione

Per dirla in parole povere: se ci si distrae mentre si disegna non è un grosso problema perché continua tranquillamente mentre se ci si distrae mentre il docente spiega può diventare il problema perché poi il ragazzo può non riuscire a seguire il resto del discorso


Ultima modifica di rita 76 il Dom Feb 05, 2017 6:49 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
gugu

avatar

Messaggi : 27085
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 6:48 pm

Bisognerebbe ripensare tutto l'insegnamento delle lingue straniere, a mio avviso è la materia che ancora oggi è insegnata peggio. Occorre migliorare la formazione dei docenti (la pronuncia non è un optional, solo per dirne una!) e trasferire sul campo l'esperienza degli studenti (viaggi, stage, incontri con madrelingua anche in Italia).
Per quanto riguarda la quantità di lingue, studiarne due per tutto il percorso di studi sarebbe l'ideale. Ritornando verso il francese e il tedesco, sorpassando un po' la moda dello spagnolo, e aggiungendo almeno il russo e il cinese per permettere scelte ampie.
Ai nostri tempi si studiava una sola lingua, è vero. Per fortuna che dopo essere stato "messo" in una sezione a francese la scuola attivava i corsi di inglese al pomeriggio.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 2627
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 6:49 pm

rita 76 ha scritto:
evelyn83 ha scritto:
Allora dovremmo eliminare ed. tecnica perché non diventano dei geometri? Ed. Artistica perché non diventano degli artisti? Ed. Fisica perché non diventano campioni di salto in lungo o giocatori della nazionale di pallavolo

cosa c' entrano l' educazione artistica, tecnica, ed fisica ed io aggiungo anche musica che tu non hai citato?

Queste sono discipline che implicano meno impegno da parte dei ragazzi i quali hanno pure bisogno di disegnare, suonare uno strumento, giocare, ecc.

le lingue sono molto impegnative (quindi anche la seconda lingua per quanto si faccia meno dell' inglese) e comportano un certo livello di attenzione che i ragazzi non possono possedere per 5 ore consecutive.

ecco perchè chi produce l' orario dovrebbe tenere conto di questo e unire discipline più impegnative con discipline meno impegnative

A parte che la distinzione tra materie importanti e secondarie va rigettata in toto, da orarista ti dico che non è possibile fare giornate perfettamente equilibrate tra cosiddetta materie leggere e cosiddette materie pesanti: a meno che i docenti non inizino ad accettare, per un presunto bene degli alunni, di beccarsi cinque o sei ore di buco. Quello che si può fare molto più facilmente è che i docenti regolino all'interno del proprio orario attività leggere e attività più impegnative, a partire dai docenti di italiano e matematica.
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 4613
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 6:51 pm

ushikawa ha scritto:
rita 76 ha scritto:
evelyn83 ha scritto:
Allora dovremmo eliminare ed. tecnica perché non diventano dei geometri? Ed. Artistica perché non diventano degli artisti? Ed. Fisica perché non diventano campioni di salto in lungo o giocatori della nazionale di pallavolo

cosa c' entrano l' educazione artistica, tecnica, ed fisica ed io aggiungo anche musica che tu non hai citato?

Queste sono discipline che implicano meno impegno da parte dei ragazzi i quali hanno pure bisogno di disegnare, suonare uno strumento, giocare, ecc.

le lingue sono molto impegnative (quindi anche la seconda lingua per quanto si faccia meno dell' inglese) e comportano un certo livello di attenzione che i ragazzi non possono possedere per 5 ore consecutive.

ecco perchè chi produce l' orario dovrebbe tenere conto di questo e unire discipline più impegnative con discipline meno impegnative

A parte che la distinzione tra materie importanti e secondarie va rigettata in toto, da orarista ti dico che non è possibile fare giornate perfettamente equilibrate tra cosiddetta materie leggere e cosiddette materie pesanti: a meno che i docenti non inizino ad accettare, per un presunto bene degli alunni, di beccarsi cinque o sei ore di buco. Quello che si può fare molto più facilmente è che i docenti regolino all'interno del proprio orario attività leggere e attività più impegnative, a partire dai docenti di italiano e matematica.

vero. io intendevo 'per quanto possibile'
Tornare in alto Andare in basso
Online
rita 76

avatar

Messaggi : 4613
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 6:57 pm

gugu ha scritto:
Bisognerebbe ripensare tutto l'insegnamento delle lingue straniere, a mio avviso è la materia che ancora oggi è insegnata peggio. Occorre migliorare la formazione dei docenti (la pronuncia non è un optional, solo per dirne una!) e trasferire sul campo l'esperienza degli studenti (viaggi, stage, incontri con madrelingua anche in Italia).
Per quanto riguarda la quantità di lingue, studiarne due per tutto il percorso di studi sarebbe l'ideale. Ritornando verso il francese e il tedesco, sorpassando un po' la moda dello spagnolo, e aggiungendo almeno il russo e il cinese per permettere scelte ampie.
Ai nostri tempi si studiava una sola lingua, è vero. Per fortuna che dopo essere stato "messo" in una sezione a francese la scuola attivava i corsi di inglese al pomeriggio.

la pronuncia è una vera e propria tragedia in tutte le scuole dove vado ed anche il lessico non scherza...

a recuperare il più possibile ci si impiega tempo ed energie.

per quanto riguarda la seconda lingua lo spagnolo viene molto richiesto perchè considerato semplice (che, poi, non lo è) perchè 'simile' all' italiano.

cmq, per imparare bene le lingue, ci vuole tempo. io ho due amiche che insegnano alle elementari (per fortuna sostegno) che hanno sempre studiato francese a scuola e che alla laurea in scienze della formazione primaria hanno sostenuto esami d' inglese. Bene, entrambe affermano di NON conoscere l' inglese o, cmq, non a sufficienza da poterlo insegnare tanto che una delle due, quando insegnava sulla classe, se lo studiava privatamente (dopo l' università, ovviamente)
Tornare in alto Andare in basso
Online
@melia

avatar

Messaggi : 1201
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 7:13 pm

ushikawa ha scritto:

A parte che la distinzione tra materie importanti e secondarie va rigettata in toto, da orarista ti dico che non è possibile fare giornate perfettamente equilibrate tra cosiddetta materie leggere e cosiddette materie pesanti: a meno che i docenti non inizino ad accettare, per un presunto bene degli alunni, di beccarsi cinque o sei ore di buco. Quello che si può fare molto più facilmente è che i docenti regolino all'interno del proprio orario attività leggere e attività più impegnative, a partire dai docenti di italiano e matematica.
Infatti, è proprio quello che stavo per dire io: alla quinta ora cerco di fare la correzione degli esercizi per casa di matematica o di fisica, oppure laboratorio. Non sempre è possibile, ma quando si può.
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 4613
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 7:16 pm

@melia ha scritto:
ushikawa ha scritto:

A parte che la distinzione tra materie importanti e secondarie va rigettata in toto, da orarista ti dico che non è possibile fare giornate perfettamente equilibrate tra cosiddetta materie leggere e cosiddette materie pesanti: a meno che i docenti non inizino ad accettare, per un presunto bene degli alunni, di beccarsi cinque o sei ore di buco. Quello che si può fare molto più facilmente è che i docenti regolino all'interno del proprio orario attività leggere e attività più impegnative, a partire dai docenti di italiano e matematica.
Infatti, è proprio quello che stavo per dire io: alla quinta ora cerco di fare la correzione degli esercizi per casa di matematica o di fisica, oppure laboratorio.  Non sempre è possibile, ma quando si può.

All' ultima ora tutti cerchiamo di fare qualcosa di più leggero visto che i ragazzi sono stanchi
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 7591
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 7:28 pm

Siccome l'ultima ora qualcuno deve pur beccarsela, non mi pare il caso di abbassare sistematicamente i livelli della didattica o la serietà del codice di comportamento perché "i ragazzi sono stanchi".

Oltretutto, nel mio caso, ho pure gioco più facile, perché nella mia scuola ci sono sia sezioni a settimana corta (che quindi hanno 6 ore tutti i giorni) sia sezioni a settimana lunga (che ne hanno 5).

Se qualche classe prova a lamentarsi che "non si può fare una spiegazione impegnativa di matematica alla sesta ora, perché sono stanchi", io ribatto immediatamente che non sono stata io a scegliere di avere proprio la sesta ora con loro, mentre sono stati LORO a scegliere il corso col sabato libero, sapendo che avrebbero avuto la sesta ora tutti i giorni, e quindi adesso pedalano...
Tornare in alto Andare in basso
rita 76

avatar

Messaggi : 4613
Data d'iscrizione : 04.07.11
Località : Casa mia

MessaggioOggetto: Re: Oggi è il turno di alcuni linguisti.   Dom Feb 05, 2017 7:36 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Siccome l'ultima ora qualcuno deve pur beccarsela, non mi pare il caso di abbassare sistematicamente i livelli della didattica o la serietà del codice di comportamento perché "i ragazzi sono stanchi".

Oltretutto, nel mio caso, ho pure gioco più facile, perché nella mia scuola ci sono sia sezioni a settimana corta (che quindi hanno 6 ore tutti i giorni) sia sezioni a settimana lunga (che ne hanno 5).

Se qualche classe prova a lamentarsi che "non si può fare una spiegazione impegnativa di matematica alla sesta ora, perché sono stanchi", io ribatto immediatamente che non sono stata io a scegliere di avere proprio la sesta ora con loro, mentre sono stati LORO a scegliere il corso col sabato libero, sapendo che avrebbero avuto la sesta ora tutti i giorni, e quindi adesso pedalano...

Certo ma non penso tu abbia SEMPRE la sesta ora nella stessa classe

Io mi regolo che spiego quando ho le prime ore e quando ho le ultime faccio quello che capita (li porto in sala informatica, faccio esercizi o letture e comprensione, ecc.)

Perché io devo spiegare all' ultima ora quando posso organizzarmi e farlo quando ho le prime ore? Io preferisco regolarmi così
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
Oggi è il turno di alcuni linguisti.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» osteopata: oggi è il turno della paura
» Oggi al posto al sole
» Oggi il mio piccolo compie 3 mesi
» oggi mi sento felice!!!!!
» Buona domenica:cosa cucinate oggi?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: