Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Comunicare ai genitori il disturbo del figlio

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Violaxxx



Messaggi : 680
Data d'iscrizione : 08.09.11

MessaggioOggetto: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Lun Feb 13, 2017 3:04 pm

Come comunicare ai genitori in modo efficace che il proprio figlio ha problemi comportamentali e che si suggerisce un colloquio con uno psicologo dell'infanzia?
Trattasi in particolare di un bambino con un disturbo comportamentale (iperattività), con genitori che scaricano le colpe sugli insegnanti dicendo che sono eccessive nei giudizi negativi e che si offendono se gli nomina la parola "psicologo"...
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 785
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Mar Feb 14, 2017 4:42 pm

L'iperattività non è una patologia, ma un modo di essere "scomodo" in determinati contesti. Per intenderci, in una palestra chi farebbe caso all'iperattività? Nessuno! Quindi perché medicalizzare a tutti i costi con gli psicologi che li faranno considerare malati e li certificheranno come "sbagliati"? Molti colleghi ragionano così e contribuiscono alla medicalizzazione della scuola che diventa sempre più un centro di igiene mentale.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9070
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Mar Feb 14, 2017 5:12 pm

visto che lo psicologo non è un medico, non concordo affatto con il tuo discorso.

Come comunicarlo? mi sembra che qualcuno di voi gliene abbia già parlato visto che sai che si offendono se lo fate.
Provare a farlo insieme al dirigente?

Le cose da dire sono quelle che hai detto qui, magari senza diagnosticare l'iperattività (che va diagnosticata da figure diverse da voi) ma raccontando le giornate del bambino a scuola, spiegando che lo vedete poco sereno, che vi sembra sempre un po' in ansia e che vorreste capire se c'è qualcosa di efficace che possiate fare e che vada oltre la vostra buona volontà che comunque mettete sempre

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Violaxxx



Messaggi : 680
Data d'iscrizione : 08.09.11

MessaggioOggetto: Re: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Gio Feb 16, 2017 5:22 pm

I genitori rispondono che un po' di vivacità non é nulla di male, che siamo noi che ci accaniamo,  non capendo che è impossibile portare avanti una lezione con un alunno che disturba di continuo lui stesso e tutta la classe.
Ho parlato di psicologo perché la mia collega ha pensato ad un percorso psico educativo che potesse aiutarlo.
Io non ci avevo ancora parlato coi genitori perché non ero la sua insegnante lo scorso anno, ma le niente colleghe mi hanno messa in guardia ed effettivamente avevano ragione.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9070
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Gio Feb 16, 2017 7:51 pm

c'è proprio poco da fare.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
ushikawa

avatar

Messaggi : 2754
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Gio Feb 16, 2017 7:54 pm

"un po' di vivacità non è nulla di male": giusto
"siete voi docenti che vi accanite": sbagliato

Purtroppo quando un genitore, per iperprotettività o per ansia, inizia a pensare che i docenti si accaniscano contro il figlio è finita. E' impossibile ricondurlo alla ragione e fargli considerare l'eventualità che quello che lamentano gli insegnanti possa essere un problema reale innanzitutto per il pargolo, un problema che gli impedisce di sviluppare delle modalità relazionali adeguate con insegnanti e resto della classe.

Questi genitori si autodifendono perché un po' si sentono accusati, un po' si sentono in colpa, un po' sanno che se ammettessero un problema nel figlio dovrebbero cambiare qualcosa in loro stessi, modificare alcuni equilibri. L'estraneo che si impiccia della loro vita è visto male, sia esso l'insegnante, sia lo psicologo.
Tornare in alto Andare in basso
Violaxxx



Messaggi : 680
Data d'iscrizione : 08.09.11

MessaggioOggetto: Re: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Lun Feb 20, 2017 2:28 pm

Il problema è che questi casi sono sempre più frequenti al giorno d'oggi, i genitori non riconoscono quando la vivacità del figlio sfocia in maleducazione, anche verso gli insegnanti, e non è adeguata ad una situazione d'apprendimento. Capita anche che, se al figlio viene assegnato un compito di punizione, i genitori in questione non glielo facciano fare perché considerano la punizione ingiusta e addirittura vengono a scuola per parlare all'insegnante lamentandosi dell'accaduto. Io non ci sto ad essere trattata così e a dover stare agli ordini dei signori perché "se no si arrabbiano". Guarda caso poi alle superiori non si permettono di dare contro ad un professore o mettere in dubbio il suo operato..
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9070
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Lun Feb 20, 2017 3:00 pm

Citazione :
Guarda caso poi alle superiori non si permettono di dare contro ad un professore o mettere in dubbio il suo operato..


Se mettono in dubbio non cambia assolutamente nulla tra scuola dell'infanzia e superiori, tranquilla.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Paolo Santaniello



Messaggi : 2178
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Lun Feb 20, 2017 3:18 pm

Violaxxx ha scritto:
Io non ci sto ad essere trattata così e a dover stare agli ordini dei signori perché "se no si arrabbiano". Guarda caso poi alle superiori non si permettono di dare contro ad un professore o mettere in dubbio il suo operato..

Quando i genitori iniziano a dire che anche loro non ci stanno a prendere ordini da te... vuol dire che anche i figli si sentiranno legittimati a non accettare più la tua autorità
Tornare in alto Andare in basso
Violaxxx



Messaggi : 680
Data d'iscrizione : 08.09.11

MessaggioOggetto: Re: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Lun Feb 20, 2017 4:20 pm

Scusate ma secondo voi questo è giusto? Se ci troviamo di fronte a genitori rimasti bambini nell'animo, che si offendono se il figlio prende la nota, qualcuno dovrebbe prendere provvedimenti, altrimenti se li possono anche tenere a casa i figli per quanto mi riguarda ed educarli come meglio credono!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 7795
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Lun Feb 20, 2017 8:47 pm

Violaxxx ha scritto:
Guarda caso poi alle superiori non si permettono di dare contro ad un professore o mettere in dubbio il suo operato..

Stai prendendo in giro, VERO??????
Tornare in alto Andare in basso
Mairu

avatar

Messaggi : 201
Data d'iscrizione : 14.03.16

MessaggioOggetto: Re: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Lun Feb 20, 2017 10:33 pm

Scuola70 ha scritto:
L'iperattività non è una patologia, ma un modo di essere "scomodo" in determinati contesti. Per intenderci, in una palestra chi farebbe caso all'iperattività? Nessuno!

Se permetti, non condivido affatto. In palestra il bambino iperattivo (o meglio, presunto tale, visto che alla scuola dell'infanzia è quasi impossibile che ci sia già un certificazione) si vede esattamente come quando lo metti a fare un lavoro seduto al tavolo. Il bambino iperattivo fa difficoltà a seguire quasi ogni gioco che gli proponi, a rispettare le regole, a muoversi in maniera funzionale all'obiettivo che si pone, è spesso maldestro, frettoloso, si stanca in fretta e vuole cambiare attività velocemente. Il bambino iperattivo incontra problemi pressoché in ogni contesto, tanto in palestra tanto in sezione. Spesso e volentieri il bambino iperattivo ha problemi anche nel gioco libero (ancora peggio se gioca in gruppo), perché non si sa organizzare, non porta a termine quasi nessuna attività, sembra quasi che non riesca a controllarsi a livello motorio.
L'iperattività non è solo un problema per chi circonda il bambino, ma anche e soprattutto per il bambino stesso.
Rendere i genitori consapevoli di questa cosa dovrebbe essere scontato, senza avere l'intento di medicalizzare nessuno. L'unico intento è sempre e solo quello di aiutare il bambino ad essere il più sereno possibile in situazioni che per forza di cose lo mettono a disagio, perché il vivere insieme impone dei paletti a cui il bambino iperattivo spesso non riesce ad adeguarsi.
Tornare in alto Andare in basso
Violaxxx



Messaggi : 680
Data d'iscrizione : 08.09.11

MessaggioOggetto: Re: Comunicare ai genitori il disturbo del figlio   Mar Feb 21, 2017 2:01 pm

Esatto ed i genitori fano finta di non capire quanto questo comportamento sia di disagio anche per il resto della classe durante le situazioni d'apprendimento...I genitori si oppongono a fargli fare visite neuropsichiatriche, di conseguenza tutto è difficile...
Tornare in alto Andare in basso
 
Comunicare ai genitori il disturbo del figlio
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Mantenere i proprio genitori
» Ovodonazione, donazione si sperma, single: come dirlo al figlio...quando sara'?!?
» Genitori atei
» Battesimo, delucidazioni
» Mio figlio venuto da lontano

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: