Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
AutoreMessaggio
mariella59



Messaggi : 616
Data d'iscrizione : 12.09.10

MessaggioTitolo: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 18, 2017 5:46 pm

Promemoria primo messaggio :

http://www.orizzontescuola.it/i-600-accademici-non-conoscono-il-lavoro-degli-insegnanti-si-occupino-di-universita-lettera/
1000 standing ovation
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Masaniello



Messaggi : 3275
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Ven Feb 24, 2017 6:55 pm

DIFESA DEL TERRITORIO?
abbiamo una Guardia costiera che fa da taxi tra Libia e Italia trasportando clandestini..in che modo si esplica la difesa del territorio?
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19935
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Ven Feb 24, 2017 7:36 pm

Francesca4 ha scritto:
magari conoscessero i loro diritti, sarebbe il primo passo per poter procedere nella direzione del riconoscimento degli obblighi e dei doveri.
I loro diritti li conoscono spesso molto bene quindi il primo passo lo farei proprio in direzione dei doveri.

Poi ti faccio notare che aver fatto un passo non significa che avrai voglia di farne 100 altri, soprattutto se il primo passo è in discesa ed i successivi sono in salita.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19935
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Ven Feb 24, 2017 7:38 pm

Masaniello ha scritto:
DIFESA DEL TERRITORIO?
abbiamo una Guardia costiera che fa da taxi tra Libia e Italia trasportando clandestini..in che modo si esplica la difesa del territorio?
Noi difendiamo il territorio, quello è maritorio, che c'entra ?
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 3533
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 11:07 am

Ogni volta che si affrontano argomenti relativi ai compiti istituzionali per uno Stato, ossia istruzione, sanità e difesa del territorio ...si comincia con le critiche a tutto spiano.
A volta mi sembra di essere in classe quando esorto i ragazzi a conoscere il sistema prima di lanciarsi in critiche superficiali e qualunquistiche.
La guardia costiera non fa il taxi tra Libia e Italia per trasportare clandestini, salva vite umane in ottemperanza a trattati internazionali ai quali l'Italia ha aderito a cominciare dalla Convenzione di Ginevra sui rifugiati del 1951 e seguenti. Dopo il salvataggio, il meccanismo prevede l'identificazione dei migranti e solo dopo l'accertamento dei requisiti previsti dalla normativa vigente ossia lo status di rifugiato, lo status di protezione sussidiaria o lo status di protezione umanitaria i profughi potranno rimanere legittimamente nel territorio italiano. Diversamente ai sensi del D.L. n. 12 del 10.02.2017 saranno indirizzati presso i centri per il rimpatrio e, previo accordo con i paesi di provenienza(quando sia possibile farlo) si attiveranno le procedure d'espulsione.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19935
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 11:56 am

Francesca4 ha scritto:
Ogni volta che si affrontano argomenti relativi ai compiti istituzionali per uno Stato, ossia istruzione, sanità e difesa del territorio ...si comincia con le critiche a tutto spiano.
A volta mi sembra di essere in classe quando esorto i ragazzi a conoscere il sistema prima di lanciarsi in critiche superficiali e qualunquistiche.
La guardia costiera non fa il taxi tra Libia e Italia per trasportare clandestini, salva vite umane in ottemperanza a trattati internazionali ai quali l'Italia ha aderito a cominciare dalla Convenzione di Ginevra sui rifugiati del 1951 e seguenti. Dopo il salvataggio, il meccanismo prevede l'identificazione dei migranti e solo dopo l'accertamento dei requisiti previsti dalla normativa vigente ossia lo status di rifugiato, lo status di protezione sussidiaria o lo status di protezione umanitaria i profughi potranno rimanere legittimamente nel territorio italiano. Diversamente ai sensi del D.L. n. 12 del 10.02.2017 saranno indirizzati presso i centri per il rimpatrio e, previo accordo con i paesi di provenienza(quando sia possibile farlo) si attiveranno le procedure d'espulsione.
Brava, sai recitare la litania in maniera ineccepibile; senti un po', cosa significa "salvare" ?

Nel mio immaginario "salvare" significa questo:

Dalla Libia un'imbarcazione parte con l'intenzione di compiere una traversata di circa 500 km, poi l'imbarcazione ha un cedimento ed a metà strada le persone rischiano di affogare; per fortuna nei paraggi c'è una nave e le persone vengono salvate.

Mi sembra che invece succeda questo.

Dalla Libia un gommone totalmente inadatto alla navigazione parte con l'intenzione di fare pochi chilometri; il gommone a volte ha un cedimento a volte no ma comunque è in grande rischio di affondamento e per fortuna nei paraggi c'è una nave e le persone vengono salvate.

La differenza è che nel primo caso la partenza ha come obiettivo il giungere sulle coste, nel secondo ha come obiettivo il falsi salvare. Riesci a comprenderne la differenza ? Capisci perchè così tanta gente parla di Taxi ?
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 3533
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 12:25 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Francesca4 ha scritto:
Ogni volta che si affrontano argomenti relativi ai compiti istituzionali per uno Stato, ossia istruzione, sanità e difesa del territorio ...si comincia con le critiche a tutto spiano.
A volta mi sembra di essere in classe quando esorto i ragazzi a conoscere il sistema prima di lanciarsi in critiche superficiali e qualunquistiche.
La guardia costiera non fa il taxi tra Libia e Italia per trasportare clandestini, salva vite umane in ottemperanza a trattati internazionali ai quali l'Italia ha aderito a cominciare dalla Convenzione di Ginevra sui rifugiati del 1951 e seguenti. Dopo il salvataggio, il meccanismo prevede l'identificazione dei migranti e solo dopo l'accertamento dei requisiti previsti dalla normativa vigente ossia lo status di rifugiato, lo status di protezione sussidiaria o lo status di protezione umanitaria i profughi potranno rimanere legittimamente nel territorio italiano. Diversamente ai sensi del D.L. n. 12 del 10.02.2017 saranno indirizzati presso i centri per il rimpatrio e, previo accordo con i paesi di provenienza(quando sia possibile farlo) si attiveranno le procedure d'espulsione.
Brava, sai recitare la litania in maniera ineccepibile; senti un po', cosa significa "salvare" ?

Nel mio immaginario "salvare" significa questo:

Dalla Libia un'imbarcazione parte con l'intenzione di compiere una traversata di circa 500 km, poi l'imbarcazione ha un cedimento ed a metà strada le persone rischiano di affogare; per fortuna nei paraggi c'è una nave e le persone vengono salvate.

Mi sembra che invece succeda questo.


Dalla Libia un gommone totalmente inadatto alla navigazione parte con l'intenzione di fare pochi chilometri; il gommone a volte ha un cedimento a volte no ma comunque è in grande rischio di affondamento e per fortuna nei paraggi c'è una nave e le persone vengono salvate.

La differenza è che nel primo caso la partenza ha come obiettivo il giungere sulle coste, nel secondo ha come obiettivo il falsi salvare. Riesci a comprenderne la differenza ? Capisci perchè così tanta gente parla di Taxi ?

Non sono io a recitare l'invocazione d'aiuto,ma tutte quelle persone che pur di salvarsi la vita accettano d'intraprendere un viaggio non privo di rischi: il mediterraneo è ormai la tomba di troppi migranti. Il taxi, per continuare la metafora, porta a destinazione certa e sicura, quel viaggio no. Sono fiera di appartenere ad una Stato che è stato tra i primi firmatari della Convenzione di Ginevra che all'art. 1 così definisce lo status di rifugiato:
"Chiunque nel giustificato timore d'essere perseguitato per ragioni di razza, religione, cittadinanza, appartenenza a un determinato gruppo sociale o per opinioni politiche, si trova fuori dello Stato di cui possiede la cittadinanza e non può o, per tale timore, non vuole domandare la protezione di detto Stato; oppure chiunque, essendo apolide e trovandosi fuori dei suo Stato di domicilio in seguito a tali avvenimenti, non può o, per il timore sopra indicato, non vuole ritornarvi. "

Troppo spesso dimentichiamo di essere umani e di dover educare alla solidarietà ed all'accoglienza; quest'ultima non in maniera indiscriminata ma rispettando le regole fissate dalla legge per cui chi possiede i requisiti deve essere accolto ed integrato attraverso un'equa ridistribuzione dei flussi su tutto il territorio europeo (auspicando una revisione del trattato di Dublino, che si annuncia imminente). Diversamente quando si accerti l'insussistenza dei requisiti devono essere attivate, quando possibile, le procedure di espulsione e rimpatrio.
Se non saremo capaci di fare questo salteranno i principi ispiratori dell' Unione europea e la stessa non avrà ragione di continuare ad esistere.
Secondo me sul tavolo della risoluzione della questione migranti si giocherà il destino dell' Europa unita.
Mi spiace, ma non capisco perché persone attrezzate di un patrimonio culturale notevole debbano cedere a chiacchiere da bar e non accedere ad informazioni nella disponibilità di chiunque voglia farlo.
Forse non capisco...forse il populismo ed il qualunquismo sono destinati a fare da padroni anche nelle conversazioni di persone che dovrebbero essere deputate a stimolare un ragionamento critico ed indipendente.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19935
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 12:53 pm

Francesca4 ha scritto:
Troppo spesso dimentichiamo di essere umani e di dover educare alla solidarietà ed all'accoglienza; ....
solidarietà ed accoglienza che devono essere fatte con intelligenza o è peggio.

E' più tossico il curaro o la nicotina ? Lo saprai, il curaro, e di molto.
Si muore di più di curaro o di nicotina ? Lo saprai, di nicotina; la gente teme il curaro e non teme la nicotina ... e schiatta.

E' più pericoloso un tornante o una curva veloce ? Lo saprai, il tornante.
Si muore di più su un tornante o su una curva veloce ? Lo saprai, sulla curva veloce; la gente teme il tornante e rallenta.

E' più pericoloso affrontare un viaggio di 500 km su questa nave

https://www.google.it/imgres?imgurl=http%3A%2F%2Fwww.remocontro.it%2Fwp-content%2Fuploads%2F2014%2F12%2FTriton-carretta-del-mare-sito.jpg&imgrefurl=http%3A%2F%2Fwww.remocontro.it%2F2014%2F12%2F11%2Ffrontex-vergogna-i-soccorsi-in-mare-costano-fate%2F&docid=XwskBHlRkHWTKM&tbnid=jX-1f6GvwZpZNM%3A&vet=1&w=1606&h=1086&bih=572&biw=1164&q=carretta%20del%20mare&ved=0ahUKEwjhkvKilqvSAhUmJMAKHREuAoMQMwhMKB0wHQ&iact=mrc&uact=8

o 50 km su questa ?

https://www.google.it/imgres?imgurl=http%3A%2F%2Fqn.quotidiano.net%2Fcronaca%2F2012%2F07%2F11%2F742374%2Fimages%2F1366729-immigraz.JPG&imgrefurl=http%3A%2F%2Fqn.quotidiano.net%2Fcronaca%2F2012%2F07%2F11%2F742374-immigrati-sbarchi-morti-mare-italia-libia.shtml&docid=ArMz4RIWIBkCXM&tbnid=2LvsrGugmy7FmM%3A&vet=1&w=680&h=380&bih=572&biw=1164&q=carretta%20del%20mare&ved=0ahUKEwjhkvKilqvSAhUmJMAKHREuAoMQMwhYKCkwKQ&iact=mrc&uact=8

Capisci che quando attendevamo clandestini, rifugiati, migranti, qualunque cosa siano, che arrivassero a Lampedusa con la prima carretta del mare, succedeva che morissero decine di persone all'anno, mentre ora sui gommoni ne muoiono migliaia all'anno ?

Lo capisci che se oggi muoiono moltissime persone in più è solo perchè le andiamo a prendere a 10 km dal loro imbarco e perchè così gli permettiamo di prendere il largo sui gommoni invece che sulle navi ?
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3275
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 1:10 pm

La francesca -boldrini, esultante perché l Italia accoglie e mantiene numeri enormi di giovani africani,tra cui pochisdimi bambini e donne, ne ospita qualcuno a casa sua?
DA MESI PONGO QUESTA DOMANDA A CHI APPLAUDE ALLA ACCOGLIENZA INDISCRIMINATA.. NESSUNA RISPOSTA FINORA.
di recente,in un paese della val Susa le mamme spaventate di scolari di scuola elementare si sono rivolte al sindaco in quanto da tempo i "finti profughi" ,annoiandosi forse, avevano preso abitudine di sostare davanti al cancello di uscita osservando i bambini.
Parliamo di marcantoni africani,non di reduci da campi di concentramento.
TU FRANCESCA, I FATTI LI VEDI? SE DAVANTI ALLA scuola DEI TUOI FIGLI TROVASSI CINQUE O SEI AFRICANI CHE FISSANO TUO FIGLIO COSA FARESTI?
RISPONDI O GLISSI COME GLI ALTRI BUONISTI DEL FORUM .
quando senti di rivolte davanti agli alberghi da parte di sta gente,che devastano tutto perché il WiFi è lento,recati sul posto ed offriti di ospitarli A CASA TUA.
ALTRIMENTI FORSE MEGLIO TACERE!
Tornare in alto Andare in basso
Online
Francesca4



Messaggi : 3533
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 4:01 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Francesca4 ha scritto:
Troppo spesso dimentichiamo di essere umani e di dover educare alla solidarietà ed all'accoglienza; ....
solidarietà ed accoglienza che devono essere fatte con intelligenza o è peggio.

E' più tossico il curaro o la nicotina ? Lo saprai, il curaro, e di molto.
Si muore di più di curaro o di nicotina ? Lo saprai, di nicotina; la gente teme il curaro e non teme la nicotina ... e schiatta.

E' più pericoloso un tornante o una curva veloce ? Lo saprai, il tornante.
Si muore di più su un tornante o su una curva veloce ? Lo saprai, sulla curva veloce; la gente teme il tornante e rallenta.

E' più pericoloso affrontare un viaggio di 500 km su questa nave

https://www.google.it/imgres?imgurl=http%3A%2F%2Fwww.remocontro.it%2Fwp-content%2Fuploads%2F2014%2F12%2FTriton-carretta-del-mare-sito.jpg&imgrefurl=http%3A%2F%2Fwww.remocontro.it%2F2014%2F12%2F11%2Ffrontex-vergogna-i-soccorsi-in-mare-costano-fate%2F&docid=XwskBHlRkHWTKM&tbnid=jX-1f6GvwZpZNM%3A&vet=1&w=1606&h=1086&bih=572&biw=1164&q=carretta%20del%20mare&ved=0ahUKEwjhkvKilqvSAhUmJMAKHREuAoMQMwhMKB0wHQ&iact=mrc&uact=8

o 50 km su questa ?

https://www.google.it/imgres?imgurl=http%3A%2F%2Fqn.quotidiano.net%2Fcronaca%2F2012%2F07%2F11%2F742374%2Fimages%2F1366729-immigraz.JPG&imgrefurl=http%3A%2F%2Fqn.quotidiano.net%2Fcronaca%2F2012%2F07%2F11%2F742374-immigrati-sbarchi-morti-mare-italia-libia.shtml&docid=ArMz4RIWIBkCXM&tbnid=2LvsrGugmy7FmM%3A&vet=1&w=680&h=380&bih=572&biw=1164&q=carretta%20del%20mare&ved=0ahUKEwjhkvKilqvSAhUmJMAKHREuAoMQMwhYKCkwKQ&iact=mrc&uact=8

Capisci che quando attendevamo clandestini, rifugiati, migranti, qualunque cosa siano, che arrivassero a Lampedusa con la prima carretta del mare, succedeva che morissero decine di persone all'anno, mentre ora sui gommoni ne muoiono migliaia all'anno ?

Lo capisci che se oggi muoiono moltissime persone in più è solo perchè le andiamo a prendere a 10 km dal loro imbarco e perchè così gli permettiamo di prendere il largo sui gommoni invece che sulle navi ?

Allora secondo te se non li soccorressimo desisterebbero dal fuggire dalle persecuzioni o da paesi in guerra nei quali la leva obbligatoria vuol dire morte sicura?
Quale sarebbe la tua strategia, visto che continuo a non capire?
Gradirei una risposta chiara.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 3533
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 4:14 pm

Masaniello ha scritto:
La francesca -boldrini, esultante perché l Italia accoglie e mantiene numeri enormi di giovani africani,tra cui pochisdimi bambini e donne, ne ospita qualcuno a casa sua?
DA MESI PONGO QUESTA DOMANDA A CHI APPLAUDE ALLA ACCOGLIENZA INDISCRIMINATA..  NESSUNA RISPOSTA FINORA.
di recente,in un paese della val Susa le mamme spaventate di scolari di scuola elementare si sono rivolte al sindaco in quanto da tempo i "finti profughi" ,annoiandosi forse, avevano preso abitudine di sostare davanti al cancello di uscita osservando i bambini.
Parliamo di marcantoni africani,non di reduci da campi di concentramento.
TU FRANCESCA, I FATTI LI VEDI? SE DAVANTI ALLA scuola DEI TUOI FIGLI TROVASSI CINQUE O SEI AFRICANI CHE FISSANO TUO FIGLIO COSA FARESTI?
RISPONDI O GLISSI COME GLI ALTRI BUONISTI DEL FORUM .
quando senti di rivolte davanti agli alberghi da parte di sta gente,che devastano tutto perché il WiFi è lento,recati sul posto ed offriti di ospitarli A CASA TUA.
ALTRIMENTI FORSE MEGLIO TACERE!

Premesso che in una conversazione tra pari decido da sola se tacere o meno, non puoi risolvere tutto pensando che io abbia le risorse e gli strumenti di uno Stato.
La risposta al fenomeno non può essere individuale altrimenti non ci sarebbe bisogno di una comunità internazionale che ha il dovere di dare le risposte e deve farlo quanto più rapidamente sia possibile, perché è inconcepibile che la Turchia per controllare la rotta balcanica abbia avuto 3 miliardi di euro, mentre le risorse destinate all'Italia, per il controllo di quella mediterranea, siano molto più scarse.
Inoltre proprio per sopire le proteste di cui ti fai portatore, nel recente D.L. si fa riferimento alla possibilità di impiegare queste persone in lavori socialmente utili in attesa del riconoscimento del loro status.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3275
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 4:20 pm

E sul numero, quanti sono gli africani? Quanto è vasta l Africa ,in alcuni stati già sovrappopolata? E quanto è vasta l Italia?
I lavori socialmente utili non pensi debbano essere affidati ai disoccupati?
Nel 2017 sono previsti altri 180000 profughi..una catastrofe. .cosa fanno in 180000 più le centinaia di migliaia che già ci sono? Adfobbano gli alberi di natale?
Per inciso, se ti informassi sui dati noterete che un altissima percentuale NON provengono da zone di guerra. Sono benestanti in grado di pagarsi il viaggio per venire a saccheggiare l Europa.
Quindi chi salviamo?dove sono i corpi scavati da guerre e carestie?dove sono donne e bambini? Sono marcantoni ben nutriti con smartphobe e Nike. Io li vedo con i miei occhi.tu li vedi o riferisci le notizie di regime?
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3275
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 4:30 pm

Dopodiché, pensi io sia razzista?
Si,lo sono,ma contro i bianchi!
L ETNIA europea decadente non si sta opponendo a questa invasione,che sarà catastrofica per noi e per loro. L italiano medio scende in piazza per uno stadio o un fuorigioco,mai per questioni importanti.e noi saremmo superiori ai profughi?stiamo smantellando centinaia di anni di lavoro e sacrifici dei nostri avi, e pensiamo a chi comprerà la fiorentina il prossimo anno.
Ce l ho con le popolazioni che rimangono inerti di fronte al disfacimento di millenni di cultura e valori,di storia e religione.
Ce l ho contro i politici,Lega in primis , che hanno lucrato e lucrano sul problema immigrazione da 20 anni senza aver mai fatto nulla di concreto.
NON ce l ho contro i profughi. NON ce l ho con rom. La colpa è solo.nostra.
Nessuno e dico NESSUN POLITICO EUROPEO ha attuato interventi seri di sviluppo IN LOCO,AFRICA E MEDIORIENTE, per aiutare le popolazioni locali e proteggere la nostra cultura.
Incredibile.la soluzione più semplice viene sempre scartata.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Francesca4



Messaggi : 3533
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 4:32 pm

Masaniello ha scritto:
E sul numero, quanti sono gli africani? Quanto è vasta l Africa ,in alcuni stati già sovrappopolata? E quanto è vasta l Italia?
I lavori socialmente utili non pensi debbano essere affidati ai disoccupati?
Nel 2017 sono previsti altri 180000 profughi..una catastrofe. .cosa fanno in 180000 più le centinaia di migliaia che già ci sono? Adfobbano gli alberi di natale?
Per inciso, se ti informassi sui dati noterete che un altissima percentuale NON provengono da zone di guerra. Sono benestanti in grado di pagarsi il viaggio per venire a saccheggiare l Europa.
Quindi chi salviamo?dove sono i corpi scavati da guerre e carestie?dove sono donne e bambini? Sono marcantoni ben nutriti con smartphobe e Nike. Io li vedo con i miei occhi.tu li vedi o riferisci le notizie di regime?

Le tue affermazioni suonano come provocazioni ed incitano all'odio razziale, pertanto sono altamente destabilizzanti per la pace sociale.
Ti ho già risposto che per coloro che non hanno i requisiti devono essere attivate procedure d'espulsione più efficaci (così funziona in uno Stato di diritto).
Sinceramente queste persone non mi sembrano così ben messe, anche perché penso che a nessuno venga in mente di lasciare il proprio paese se viva una condizione agiata come quella che riferisci.
Quale è la fonte dei tuoi dati? Sei sicuro ci si riferisca esclusivamente ai flussi per l'Italia?
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 3533
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 4:39 pm

Masaniello ha scritto:
Dopodiché, pensi io sia razzista?
Si,lo sono,ma contro i bianchi!
L ETNIA europea decadente non si sta opponendo a questa invasione,che sarà catastrofica per noi e  per loro. L italiano medio scende in piazza per uno stadio o un fuorigioco,mai per questioni importanti.e noi saremmo superiori ai profughi?stiamo smantellando centinaia di anni di lavoro e sacrifici dei nostri avi, e pensiamo a chi comprerà la fiorentina il prossimo anno.
Ce l ho con le popolazioni che rimangono inerti di fronte al disfacimento di millenni di cultura e valori,di storia e religione.
Ce l ho contro i politici,Lega in primis , che hanno lucrato e lucrano sul problema immigrazione da 20 anni senza aver mai fatto nulla di concreto.
NON  ce l ho contro i profughi. NON ce l ho con rom. La colpa è solo.nostra.
Nessuno e dico NESSUN POLITICO EUROPEO ha attuato interventi seri di sviluppo IN LOCO,AFRICA E MEDIORIENTE, per aiutare le popolazioni locali e proteggere la nostra cultura.
Incredibile.la soluzione più semplice viene sempre scartata.

Quello che penso non ha alcuna importanza, ognuno è responsabile per i suoi comportamenti.
La politica di sostegno a queste popolazioni andava fatta con incisività nel secolo scorso, ma non è stata attuata nella errata convinzione che si trattava di problemi che non ci riguardassero.
Ora non c'è più tempo ed accanto ad una ripresa del sostegno a quelle economie, dobbiamo seriamente ripensare a strategie comuni, europee e mondiali per una concreta soluzione del problema.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 6:01 pm

Bisogna a mio avviso sfatare il mito che aiutare le popolazioni "in loco" sia così semplice, innanzitutto perchè queste forme di aiuto possono essere vissute come una forma di neocolonialismo (oppure possono esserlo effettivamente) inoltre perchè all'interno della nazione "da aiutare" possono esserci forze che si oppongono militarmente a questa forma di aiuto; Saddam Hussein ha consentito solo in extremis all'aiuto delle popolazioni irachene e non è nemmeno l'esempio di uno dei governanti medio-orientali o africani peggiori.

Attualmente le soluzioni possibili sono poche o nulle (ma ripeto: erano poche o nulle anche prima) e sicuramente alcune di esse possono obbligarci a rimettere in gioco i concetti base della nostra politica e cultura; in quale direzione ciò sarà non sta a me indovinarlo, posso solo auspicarmi che la soluzione preveda l'omogeneità di fini e mezzi (fini umanitari e mezzi umanitari).
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8588
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 6:09 pm

Masaniello ha scritto:
Nessuno e dico NESSUN POLITICO EUROPEO ha attuato interventi seri di sviluppo IN LOCO,AFRICA E MEDIORIENTE, per aiutare le popolazioni locali e proteggere la nostra cultura.

Cioè, esattamente quale?
Tornare in alto Andare in basso
Online
sconcertato_1



Messaggi : 727
Data d'iscrizione : 14.12.15

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 6:13 pm

Masaniello ha scritto:
La francesca -boldrini, esultante perché l Italia accoglie e mantiene numeri enormi di giovani africani,tra cui pochisdimi bambini e donne, ne ospita qualcuno a casa sua?
DA MESI PONGO QUESTA DOMANDA A CHI APPLAUDE ALLA ACCOGLIENZA INDISCRIMINATA..  NESSUNA RISPOSTA FINORA.
di recente,in un paese della val Susa le mamme spaventate di scolari di scuola elementare si sono rivolte al sindaco in quanto da tempo i "finti profughi" ,annoiandosi forse, avevano preso abitudine di sostare davanti al cancello di uscita osservando i bambini.
Parliamo di marcantoni africani,non di reduci da campi di concentramento.
TU FRANCESCA, I FATTI LI VEDI? SE DAVANTI ALLA scuola DEI TUOI FIGLI TROVASSI CINQUE O SEI AFRICANI CHE FISSANO TUO FIGLIO COSA FARESTI?
RISPONDI O GLISSI COME GLI ALTRI BUONISTI DEL FORUM .
quando senti di rivolte davanti agli alberghi da parte di sta gente,che devastano tutto perché il WiFi è lento,recati sul posto ed offriti di ospitarli A CASA TUA.
ALTRIMENTI FORSE MEGLIO TACERE!

Purtroppo siamo circondati da ipocriti che parlano di accoglienza che GLI ALTRI dovrebbero subire. Loro non interessa dei problemi nelle città, specue al nord, invase da extracomunitari che hanno reso l'ambiente invivibile e gettato nel degrado quartieri che prima erano tranquilli e per uso residenziale. Intere zone in mano a delinquenti e strappate alle famiglie che possono solo subire. Loro non interessa dei continui atti di violenza che dobbiamo subire con stupri e furti ad opera di queste risorse. Spaccio a cielo aperto con parchi resi invivibili. Petulanti che chiedono in modo insistente soldi ogni due passi che fai con i tuoi figli.
Loro non interessa se le scuoke del nord, spexue le primarie, siano piene di extracomunitari che non conoscono la lingua e che ci sono classi con 2/3 bambini italiani che subiscono il ribasso della didattica ad uso e xonsumo dei nuovu arrivati.
Parla proprio francesca, il peggior acquisto che la scuola abbia mai ricevuto, che alla prima occasione ha abbandonato la scuoka del nord in pie a emergenza extracomunitari per tornarsene a casetta sua.

Loro parlano e predicano i sacrifici che altri devono fare salvo poi tacciarti con l'accusa di razzismo se solo ti permetti di lamentarti.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8588
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 6:31 pm

Ah, allora ho capito, la "difesa della nostra cultura" consisterebbe nella difesa della nobilissima dignità identitaria di chi si esprime così:


Citazione :
Loro non interessa dei problemi nelle città, specue al nord, invase da extracomunitari che hanno reso l'ambiente invivibile e gettato nel degrado quartieri che prima erano tranquilli e per uso residenziale. 


Loro non interessa se le scuoke del nord, spexue le primarie, siano piene di extracomunitari che non conoscono la lingua e che ci sono classi con 2/3 bambini italiani che subiscono il ribasso della didattica ad uso e xonsumo dei nuovu arrivati.

Evidentemente la cultura gliel'hanno rubata i "finti profughi che hanno lo smartphone".
Tornare in alto Andare in basso
Online
Francesca4



Messaggi : 3533
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 6:34 pm

sconcertato_1 ha scritto:
Masaniello ha scritto:
La francesca -boldrini, esultante perché l Italia accoglie e mantiene numeri enormi di giovani africani,tra cui pochisdimi bambini e donne, ne ospita qualcuno a casa sua?
DA MESI PONGO QUESTA DOMANDA A CHI APPLAUDE ALLA ACCOGLIENZA INDISCRIMINATA..  NESSUNA RISPOSTA FINORA.
di recente,in un paese della val Susa le mamme spaventate di scolari di scuola elementare si sono rivolte al sindaco in quanto da tempo i "finti profughi" ,annoiandosi forse, avevano preso abitudine di sostare davanti al cancello di uscita osservando i bambini.
Parliamo di marcantoni africani,non di reduci da campi di concentramento.
TU FRANCESCA, I FATTI LI VEDI? SE DAVANTI ALLA scuola DEI TUOI FIGLI TROVASSI CINQUE O SEI AFRICANI CHE FISSANO TUO FIGLIO COSA FARESTI?
RISPONDI O GLISSI COME GLI ALTRI BUONISTI DEL FORUM .
quando senti di rivolte davanti agli alberghi da parte di sta gente,che devastano tutto perché il WiFi è lento,recati sul posto ed offriti di ospitarli A CASA TUA.
ALTRIMENTI FORSE MEGLIO TACERE!

Purtroppo siamo circondati da ipocriti che parlano di accoglienza che GLI ALTRI dovrebbero subire. Loro non interessa dei problemi nelle città, specue al nord, invase da extracomunitari che hanno reso l'ambiente invivibile e gettato nel degrado quartieri che prima erano tranquilli e per uso residenziale. Intere zone in mano a delinquenti e strappate alle famiglie che possono solo subire. Loro non interessa dei continui atti di violenza che dobbiamo subire con stupri e furti ad opera di queste risorse. Spaccio a cielo aperto con parchi resi invivibili. Petulanti che chiedono in modo insistente soldi ogni due passi che fai con i tuoi figli.
Loro non interessa se le scuoke del nord, spexue le primarie, siano piene di extracomunitari che non conoscono la lingua e che ci sono classi con 2/3 bambini italiani che subiscono il ribasso della didattica ad uso e xonsumo dei nuovu arrivati.
Parla proprio francesca, il peggior acquisto che la scuola abbia mai ricevuto, che alla prima occasione ha abbandonato la scuoka del nord in pie a emergenza extracomunitari per tornarsene a casetta sua.

Loro parlano e predicano i sacrifici che altri devono fare salvo poi tacciarti con l'accusa di razzismo se solo ti permetti di lamentarti.

Devo necessariamente difendermi da accuse destituite da ogni fondamento, oltre ad essere palesemente ostili e denigratorie.
Sono a casa mia in utilizzazione straordinaria provvisoria, questo vuol dire che ero in esubero  nella provincia del nord, e se non bastasse lo ero persino nella mia stessa scuola poiché vi ero stata assegnata dall'ufficio scolastico provinciale in esubero rispetto alle richieste della scuola stessa.
Queste condizioni mi hanno dato la possibilità di fare domanda in utilizzo nella mia provincia, esattamente come hanno fatto tutti coloro che si trovavano nella mia situazione al nord come al sud e come è sempre stato.
Capisco che il tuo livore nei miei confronti si scateni in una rabbia insostenibile che non riesci a contenere al punto dare di esprimere giudizi sulla qualità della mia assunzione e mi amareggia pensare che tu non perda occasione per poterti lanciare all'attacco.
Deve essere una condizione davvero dolorosa la tua.
Per quanto mi riguarda me ne farò una ragione.


Ultima modifica di Francesca4 il Sab Feb 25, 2017 6:43 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
sconcertato_1



Messaggi : 727
Data d'iscrizione : 14.12.15

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 6:41 pm

Francesca4 ha scritto:
sconcertato_1 ha scritto:
Masaniello ha scritto:
La francesca -boldrini, esultante perché l Italia accoglie e mantiene numeri enormi di giovani africani,tra cui pochisdimi bambini e donne, ne ospita qualcuno a casa sua?
DA MESI PONGO QUESTA DOMANDA A CHI APPLAUDE ALLA ACCOGLIENZA INDISCRIMINATA..  NESSUNA RISPOSTA FINORA.
di recente,in un paese della val Susa le mamme spaventate di scolari di scuola elementare si sono rivolte al sindaco in quanto da tempo i "finti profughi" ,annoiandosi forse, avevano preso abitudine di sostare davanti al cancello di uscita osservando i bambini.
Parliamo di marcantoni africani,non di reduci da campi di concentramento.
TU FRANCESCA, I FATTI LI VEDI? SE DAVANTI ALLA scuola DEI TUOI FIGLI TROVASSI CINQUE O SEI AFRICANI CHE FISSANO TUO FIGLIO COSA FARESTI?
RISPONDI O GLISSI COME GLI ALTRI BUONISTI DEL FORUM .
quando senti di rivolte davanti agli alberghi da parte di sta gente,che devastano tutto perché il WiFi è lento,recati sul posto ed offriti di ospitarli A CASA TUA.
ALTRIMENTI FORSE MEGLIO TACERE!

Purtroppo siamo circondati da ipocriti che parlano di accoglienza che GLI ALTRI dovrebbero subire. Loro non interessa dei problemi nelle città, specue al nord, invase da extracomunitari che hanno reso l'ambiente invivibile e gettato nel degrado quartieri che prima erano tranquilli e per uso residenziale. Intere zone in mano a delinquenti e strappate alle famiglie che possono solo subire. Loro non interessa dei continui atti di violenza che dobbiamo subire con stupri e furti ad opera di queste risorse. Spaccio a cielo aperto con parchi resi invivibili. Petulanti che chiedono in modo insistente soldi ogni due passi che fai con i tuoi figli.
Loro non interessa se le scuoke del nord, spexue le primarie, siano piene di extracomunitari che non conoscono la lingua e che ci sono classi con 2/3 bambini italiani che subiscono il ribasso della didattica ad uso e xonsumo dei nuovu arrivati.
Parla proprio francesca, il peggior acquisto che la scuola abbia mai ricevuto, che alla prima occasione ha abbandonato la scuoka del nord in pie a emergenza extracomunitari per tornarsene a casetta sua.

Loro parlano e predicano i sacrifici che altri devono fare salvo poi tacciarti con l'accusa di razzismo se solo ti permetti di lamentarti.

Devo necessariamente difendermi da accuse destituite da ogni fondamento, oltre ad essere palesemente ostili e denigratorie.
Sono a casa mia in utilizzazione straordinaria provvisoria, questo vuol dire che ero in esubero  nella provincia del nord, e se non bastasse lo ero persino nella mia stessa scuola poiché vi ero stata assegnata dall'ufficio scolastico provinciale in esubero rispetto alle richieste della scuola stessa.
Queste condizioni mi hanno dato la possibilità di fare domanda in utilizzo nella mia provincia, esattamente come hanno fatto tutti coloro che si trovavano nella mia situazione al nord come al sud e come è sempre stato.
Capisco che il tuo livore nei miei confronti si scateni in una rabbia insostenibile che non riesci a contenere al punto dare di esprimere giudizi sulla qualità della mia assunzione e mi amareggia pensare che tu non perda occasione per poterti lanciare all'attacco.
Deve essere una condizione davvero dolorosa la tua.
Per quanto mi riguarda me ne farò una ragione.

In esubero na non costretta ad abbandonare la provincia assegnata. Cerca di essere meno ipocrita e ammetti che hai abbandonato armi e bagagli e te ne sei andata alla prima occasione. Ho anche letto che pensi di lasciare l'insegnamento se non ti garantiscono il posto sotto casa. Speriamo accada presto.

Per il resto fai quello che vuoi, manda pure i tuoi figli alla scuola cattolica, cone hai fatto, ma non permetterti di chiamare razzista chi difende la propria terra e i propri figli.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3275
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 6:41 pm

Paniscus, questo è un troll inseritosi per buttar in caciara e distrarre da una discussione che io ho portato avanti con dati ed esperienze personali.
E tu ci stai dietro, è quello che lui vuole.
Per quanto riguarda la nostra cultura,tu vivendo a Firenze dovresti risponderti da sola.
Non mi pare che la "cultura africana " possa esibire altrettanto .
Tornando su precario,concordo che questi spesso non vogliono farsi aiutare..vedi missione interforze nel 93 a Mogadiscio .
Questo non vuol dire dover dire addio ed autodistruggere l Europa però .
Francesca,ho capito cosa vuoi dire..pensiamoci, prendiamo tempo, aspettiamo l Europa,calma,..
Anche l ing Biadene e l ing Semenza dicevano di aspettare..di valutare...di non allarmarsi..
Erano i responsabili della Sade, azienda che costrui ' la diga del Vajont.
Nel 63 fu una valanga di acqua e fango.
Oggi è una valanga umana,numeri terribili per una piccola penisola come la nostra. .
Però. ..aspettiamo..valutiamo. .analizziamo. ..
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 8588
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 6:53 pm

Masaniello ha scritto:
Per quanto riguarda la nostra cultura,tu vivendo a Firenze dovresti risponderti da sola.

Proprio perché vivo a Firenze (che è una città abbastanza grande e storica da avere un sacco di pretese di eccellenza illustre, ma anche abbastanza piccola e provinciale perchè tutti i personaggi rilevanti si conoscano di persona o quasi, e le meschinità politiche, amministrative e delinquenziali si vengano a sapere subito), ho perso da molto tempo qualsiasi illusione sul mito glorioso della "nostra cultura".

http://kelebeklerblog.com/2016/11/07/camorristi-e-alberi-di-natale/

http://kelebeklerblog.com/2015/12/30/amare-e-odiare-firenze/


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Sab Feb 25, 2017 8:29 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
Francesca4



Messaggi : 3533
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 6:53 pm

sconcertato_1 ha scritto:


In esubero na non costretta ad abbandonare la provincia assegnata. Cerca di essere meno ipocrita e ammetti che hai abbandonato armi e bagagli e te ne sei andata alla prima occasione. Ho anche letto che pensi di lasciare l'insegnamento se non ti garantiscono il posto sotto casa. Speriamo accada presto.

Per il resto fai quello che vuoi, manda pure i tuoi figli alla scuola cattolica, cone hai fatto, ma non permetterti di chiamare razzista chi difende la propria terra e i propri figli.

Non vedo per quale motivo debba illuminarti sulle mie scelte personali.
Continui ad essere molto, forse troppo, informato delle mie vicende i cui esiti, possibilmente avversi, alimentano le tue speranze.
Mi spiace debba andare sempre così con te e non capisco perché mi abbia scelto quale bersaglio delle tue invettive.
Tranquillo... non lascerò la scuola per assecondare i tuoi desideri.

Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19935
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 8:02 pm

Francesca4 ha scritto:
Quale sarebbe la tua strategia, visto che continuo a non capire?
Gradirei una risposta chiara.
Sicuramente se non li soccorressimo a 10 km dalla costa si rifiuterebbero di salire su un gommone perchè saprebbero di morire con certezza; i trafficanti di esseri umani vedendosi mancare il flusso di denaro tornerebbero a fornire barconi d'altura e questo ridurrebbe i morti.

Basterebbe annunciare il ritiro delle navi soccorso dalle coste libiche e metterlo in atto; tempo 2 giorni (e 2 stragi) e non partirebbe più un gommone
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3275
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università    Sab Feb 25, 2017 8:32 pm

..come fa Malta
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
I 600 accademici non conoscono il lavoro degli insegnanti, si occupino di Università
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 8Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
 Argomenti simili
-
» chiedo info su certificato di malattia per ovodonazione
» I Cattolici conoscono la religione peggio degli atei
» cerco lavoro come onicotecnoca a Napoli
» Richiesta abilitazione - Problematiche degli Onicotecnici
» Dove acquistare un tavolo da lavoro?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: