Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Scuola per livelli?

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Onestà



Messaggi : 217
Data d'iscrizione : 25.09.16

MessaggioTitolo: Scuola per livelli?   Dom Mar 12, 2017 6:20 pm

Non so voi
ma dalla mia nutrita esperienza come precario girovago
ho capito che le classi per età nella scuola dell'obbligo funzionano male; anzi direi che fanno seri danni.
Un buon 20% non ce la fa a seguire ma frequenta solitamente classi per loro non adeguate (costringendo i docenti a somministrare illegalmente verifiche differenziate a obiettivi ridotti senza che questi alunni abbiano una certificazione DVA o BES);
Un 50% arranca la sufficienza (spesso regalata, giusto per non aver rotture di scatole coi Presidi, con le famiglie e con i colleghi nei C.d.c...).
Il rimanente 30% si attesta su un livello medio (fanno eccezione piccole punte di eccellenza…)

A fronte di questa veloce riflessione,
considerando tutti gli impedimenti legislativi che ostacolano la bocciatura (intesa come possibilità di recupero e/o di completamento del percorso formativo con un ritmo a portata dell’alunno e non viceversa…)
mi chiedo se non sia più utile strutturare la scuola dell’obbligo non per età di frequenza ma per EFFETTIVO livello di apprendimento e per livello cognitivo.
Non sarebbe meglio
avere nello stesso istituto corsi (A – B - C) della stessa disciplina, divisi per livelli indipendentemente dall’età anagrafica così da non mortificare soprattutto i soggetti più deboli con le solite votazioni in bilico e discorsi sterili alle famiglie sulla mancanza d’impegno, ecc.?

Poi (diciamocela tutta) per quello che vale la Licenza Elementare e Media, potremmo anche pensare di rilasciare solo un attestato di frequenza con su attribuiti i soli livelli di competenze e abilità generali (A – B – C) senza stare lì a scimmiottare voti su programmazioni soggettive o discutibili esami di Stato… (cosa ci sarà ancora da testare dopo tre anni di frequenza. Boh!)

Così facendo non sarebbe per noi più facile operare serenamente e andare incontro a tutti realizzando le loro ASPETTATIVE?

Arriveremo mai a fare una sana riflessione su cosa ha funzionato e cosa no
nella scuola dell’obbligo dagli anni ’60 in poi?

SPERIAMO QUANTO PRIMA!

Saluti a tutti

P:S:
La scuola per tutti è un sacrosanto diritto
ma non sempre il dovere di attenersi alle regole e gli standard è stato rispettato dagli alunni (e ancor peggio) e dagli insegnanti in complicità con i dirigenti scolastici e le classi politiche che hanno distrutto questo paese…

W le riforme!
Ammesso che qualcuno ne sappia scrivere di intelligenti e concrete
Torna in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Scuola per livelli?   Dom Mar 12, 2017 6:39 pm

E come lo assegni l'effettivo livello ? Non è equivalente ad una bocciatura ?

Le classi di livello esistono già se le si vuole fare esistere: in terza ci sono quelli di terza bravi e quelli di quarta (o quinta) che sono stati bocciati perchè non adatti alla quarta (o alla quinta).
Torna in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Scuola per livelli?   Dom Mar 12, 2017 6:41 pm

L'esame di stato è imposto dalla Costituzione; la Costituzione è vecchia, è stata scritta quando la scuola era seria.

Ci sono due soluzioni: far tornare la scuola all'antica serietà o cambiare la Costituzione.
Torna in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Scuola per livelli?   Dom Mar 12, 2017 6:44 pm

Onestà ha scritto:
per quello che vale la Licenza Elementare e Media, potremmo anche pensare di rilasciare solo un attestato di frequenza con su attribuiti i soli livelli di competenze e abilità generali (A – B – C) senza stare lì a scimmiottare voti su programmazioni soggettive o discutibili esami di Stato… (cosa ci sarà ancora da testare dopo tre anni di frequenza. Boh!)

Così facendo non sarebbe per noi più facile operare serenamente e andare incontro a tutti realizzando le loro ASPETTATIVE?
E' già così, oggi alle medie viene rilasciato un certificato con i voti gonfiati (di due punti mediamente) che accontenta tutti e che noi docenti delle superiori non caghiamo neanche di striscio; lo prendiamo solo come certificato di frequenza: se c'è accettiamo l'iscrizione senza illusioni e se non c'è non accettiamo l'iscrizione.

Siete voi che vi fate tanti pipponi su voti e certificazioni delle competenze.
Torna in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20663
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Scuola per livelli?   Dom Mar 12, 2017 6:48 pm

Onestà ha scritto:
Arriveremo mai a fare una sana riflessione su cosa ha funzionato e cosa no nella scuola dell’obbligo dagli anni ’60 in poi?
La scuola dell'obbligo ha funzionato finchè era un obbligo per i genitori a mandare i figli che volevano andare, ha smesso di funzionare quando è diventata un obbligo per i figli che non volevano andare.

I figli vogliono andare a scuola quanto più sono piccoli; la scuola ha smesso di funzionare quando l'età dell'obbligo ha superato la soglia della terza media.
Torna in alto Andare in basso
Onestà



Messaggi : 217
Data d'iscrizione : 25.09.16

MessaggioTitolo: Re: Scuola per livelli?   Lun Mar 13, 2017 9:49 am

Ma se le cose stanno così perché non si intavola una sana discussione costruttiva
scevra da ideologismi retrò?

L'innalzamento della scuola dell'obbligo è una bel "progetto" ma se poi nella pratica genera solo caos e abbassamento dei risultati complessivi a cosa serve?
Non sarebbe meglio impiegare le risorse diversamente?
Del resto come si può far cambiare idea e comportamento a chi (vuoi per questioni sociali, culturali, economiche...) non ha "intenzione" di studiare?
O meglio:
è giusto insistere su questa strada chiusa?
Torna in alto Andare in basso
Onestà



Messaggi : 217
Data d'iscrizione : 25.09.16

MessaggioTitolo: Re: Scuola per livelli?   Lun Mar 13, 2017 9:50 am

scusate i refusi...
Torna in alto Andare in basso
Swallow



Messaggi : 722
Data d'iscrizione : 13.01.11

MessaggioTitolo: Re: Scuola per livelli?   Ven Mar 17, 2017 1:13 pm

Sono in gran parte d'accordo con quanto proposto da Onestà. Qualcosa di simile avviene alla primaria steineriana, che segue lo sviluppo, la crescita dell'allievo senza imporgli di imparare concetti che sarebbero troppo complicati in una certa fase della sua crescita. Se non ricordo male i ragazzi sono comunque seguiti da un medico nel loro sviluppo. Poi non saprei se funzioni allo stesso modo in tutte le scuole di questo tipo.
Alle medie si sta abbassando drasticamente il livello, questo va riconosciuto.
Per esempio, si potrebbero organizzare più corsi per una materia. L'allievo X che eccelle in matematica (o è più portato per questa materia), ma è un disastro nelle lingue, potrebbe seguire il corso livello A in matematica e il corso livello C in inglese e seconda lingua. IN questo modo otterrebbe le sue soddisfazioni nella materia preferita e forse riuscirebbe a seguire un corso elementare di lingua, fissando alcuni concetti base. Perché va detto che a un certo punto se io spiego un argomento di civiltà, pur in un semplice inglese, parte delle classe segue, ma chi ha un livello basso inizia a pensare ad altro e l'ora per lui/lei è buttata! D'altra parte non possiamo nemmeno privare i ragazzi "bravi" di avere le loro soddisfazioni e di testare i propri limiti confrontandosi con attività che richiedono il massimo impegno.
Il complicato discorso DSA BES, per quanto le finalità delle misure compensative e dispensative siano nobili, sta diventando più una via per non affrontare determinati problemi che per affrontarli. Spiace dirlo, ma spesso la diagnosi è seguita da una specie di disinteresse/rifiuto di leggere o scrivere anche semplici frasi, e questo purtroppo comporterà inevitabilmente una certa difficoltà negli anni che seguiranno la scuola. Purtroppo sul posto di lavoro spesso un minimo di lettura o scrittura è richiesta, e un minimo di allenamento costante, senza richiami e umiliazioni, personalmente non penso farebbe male a nessuno.
Insomma... Cose che tutti sappiamo e diciamo, ma che purtroppo continueranno e faranno pure danno, probabilmente.
Torna in alto Andare in basso
 
Scuola per livelli?
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» lettera scuola materna
» Cambio scuola o no?
» differenza tra scuola paritaria e parificata
» Mobilità da ente locale a scuola... possibile?
» compatibilità contratto TD scuola e lavoro autonomo Co.co.co con università

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: