Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Student Act...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Student Act...   Gio Mar 30, 2017 12:46 pm

fosse vero....
in una poltiglia putrida di provvedimenti che continuano ad erodere la qualita della scuola e della didattica, forse una luce nel buio.
finalmente compare la meritocrazia: niente tasse univeristarie alle matricole con isee basso ed ottimo profitto.
le tasse universitarie si fanno invece piu alte, come sacrosanto che sia, per i fuoricorso cronici, vale a dire quell esercito di parassiti mantenuti dai genitori per cazzeggiare a vita che infestano le universita italiane, soprattutto in certe facoltà.gente di 29-30 anni che deve ancora dare una decina di esami , e che all'università ci va ogni tanto per scambiare due chiacchiere con gli amici.
che papino li mantenga al cazzeggio e all aperitivo quotidiano va bene, ma ogni studente iscritto è un costo sociale.
ben venga quindi che si premino i volenterosi e si penalizzino i fancazzisti.
piena attuazione del diritto allo studio.
ovviamente tale esercito di cazzeggiatori abusivi , tramite il kollettivo studentesco, è gia sul piede di guerra pronto a demolire qualche aula universitaria per protesta. " rifiutiamo il merito. la legge non valorizza il nostro talento e i nostri sforzi".
il talento ovviamente sta nello starsene seduti al sushi bar vicino alla facoltà......gli sforzi sono quelli che compiono per lanciare pietre e molotov alla polizia quando, presi dalla noia, decidono di distruggere aule e biblioteche...
speriamo che passi...e si riesca a fare un pò di pulizia anche nelle varie facoltà...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8589
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Gio Mar 30, 2017 3:18 pm

Cioè, questi soggetti sarebbero estremisti barricaderos che lanciano molotov alla polizia e contemporaneamente fighetti che sorseggiano l'aperitivo sfizioso al sushi bar alla moda?

Che meravigliosa sovrapposizione di immaginari : - )
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 1558
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Gio Mar 30, 2017 3:31 pm

Secondo me stai analizzando il problema da un punto di vista un po' troppo parziale.
C'erano infatti più fuoricorso 20-30 anni fa che non oggi.
Ogni tanto vado a curiosare nel portale web dell'ordine dei medici, dove è possibile effettuare la ricerca anagrafica dei professionisti iscritti negli ordini di tutta Italia.
Si scoprono cose curiose, tipo che negli anni '80 un medico si laureava mediamente intorno ai 30 anni, mentre oggi l'età media alla laurea è più bassa.
Dovremmo forse concludere che gli studenti di medicina di oggi sono migliori di quelli di 30 anni fa?
O forse 30 anni fa l'università era oggettivamente più difficile?

C'è poi un altro aspetto.
Fino a metà anni '90 il conseguimento della laurea garantiva la spendibilità del titolo, qualunque fosse l'età in cui veniva conseguito.
Che il ritardo fosse dovuto a oggettive difficoltà del corso di studi o al fatto che lo studente fosse un figlio di papà a cui piaceva prendersela comoda, vi era comunque la certezza che gli esami erano stati sostenuti con la dovuta serietà.

Per farla breve, se uno studente si laurea a 30 anni acquisendo comunque una solida preparazione, è un problema per i suoi genitori che sono costretti a sovvenzionarlo.
Se uno studente si laurea a 30 anni e rimane ignorante nonostante il titolo conseguito, è un problema della società.

A mio parere è comunque peggio laurearsi a 23 anni oggi con un libretto pieno di 18 (voto che oramai non si nega a nessuno perché altrimenti le università perdono finanziamenti) che essersi laureati a 30 anni una ventina di anni fa.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Gio Mar 30, 2017 3:56 pm

Da un punto di vista pragmatico,sia il punkabbestia con i dread no global che il figlio del medico fighetto che pasteggia a sushi e fa le serate a Milano sono equivalenti e sono un costo sociale,dal momento in cui sedimentano oziosamente nelle facoltà pur usufruendo dei relativi servizi. Entrambi è giusto che paghino 10000 euro l anno,per invitarli a togliersi dalle palle...
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 4290
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Gio Mar 30, 2017 4:08 pm

A parte la rilevazione storica dei fuori corso, il punto è un altro: e' giusto che i fuoricorsisti paghino più tasse e quelli con ISEE medio basso e meritevoli no? La risposta è SI, anzi sacrosanto!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8589
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Gio Mar 30, 2017 4:12 pm

...e la terza opzione? ossia, l'adulto sereno, tranquillo e indipendente, che lavora, che magari ha famiglia, e che vuole continuare ANCHE gli studi a titolo personale, per i fatti suoi, frequentando poco e studiando solo nei ritagli di tempo libero, ma che le iscrizioni universitarie se le paga da solo e non dà fastidio a nessuno, vorresti penalizzare pure lui?
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 4290
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Gio Mar 30, 2017 4:23 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
...e la terza opzione? ossia, l'adulto sereno, tranquillo e indipendente, che lavora, che magari ha famiglia, e che vuole continuare ANCHE gli studi a titolo personale, per i fatti suoi, frequentando poco e studiando solo nei ritagli di tempo libero, ma che le iscrizioni universitarie se le paga da solo e non dà fastidio a nessuno, vorresti penalizzare pure lui?
Perché no? Ogni cosa ha il suo prezzo. Tra l'altro, e per sua fortuna e/o capacità, è già un adulto sereno, tranquillo e indipendente, che lavora...e studia a tempo perso.
Tornare in alto Andare in basso
Garamond



Messaggi : 103
Data d'iscrizione : 29.10.15

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Gio Mar 30, 2017 4:26 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
...e la terza opzione? ossia, l'adulto sereno, tranquillo e indipendente, che lavora, che magari ha famiglia, e che vuole continuare ANCHE gli studi a titolo personale, per i fatti suoi, frequentando poco e studiando solo nei ritagli di tempo libero, ma che le iscrizioni universitarie se le paga da solo e non dà fastidio a nessuno, vorresti penalizzare pure lui?

Per la maggior parte dei corsi di laurea esiste la possibilità di iscriversi con regime di studio a tempo parziale, in caso si sia impegnati in attività lavorative (vedi D.M. 270/04, art. 5). Questo comporta generalmente una riduzione delle tasse universitarie.
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 4290
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Gio Mar 30, 2017 4:33 pm

Garamond ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
...e la terza opzione? ossia, l'adulto sereno, tranquillo e indipendente, che lavora, che magari ha famiglia, e che vuole continuare ANCHE gli studi a titolo personale, per i fatti suoi, frequentando poco e studiando solo nei ritagli di tempo libero, ma che le iscrizioni universitarie se le paga da solo e non dà fastidio a nessuno, vorresti penalizzare pure lui?

Per la maggior parte dei corsi di laurea esiste la possibilità di iscriversi con regime di studio a tempo parziale, in caso si sia impegnati in attività lavorative (vedi D.M. 270/04, art. 5). Questo comporta generalmente una riduzione delle tasse universitarie.
Per fortuna esiste sempre la via di mezzo...
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Gio Mar 30, 2017 5:39 pm

Quindi il 45 enne che lavora e decide di prendersi una laurea in criminologia così per suo sfizio dovrebbe godere le stesse agevolazioni del 19 promettente e volenteroso, e soprattutto squattrinato?
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 4290
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Gio Mar 30, 2017 5:53 pm

Masaniello ha scritto:
Quindi il 45 enne che lavora e decide di prendersi una laurea in criminologia così per suo sfizio dovrebbe godere le stesse agevolazioni del 19 promettente e volenteroso, e soprattutto squattrinato?
Infatti...
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 57329
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 1:02 am

Masaniello ha scritto:
Da un punto di vista pragmatico,sia il punkabbestia con i dread no global che il figlio del medico fighetto che pasteggia a sushi e fa le serate a Milano sono equivalenti e sono un costo sociale,dal momento in cui sedimentano oziosamente nelle facoltà pur usufruendo dei relativi servizi. Entrambi è giusto che paghino 10000 euro l anno,per invitarli a togliersi dalle palle...

Di quali servizi, se all'università ci vanno solo una volta ogni tanto? A me sembra che più che un costo per le università siano una fonte di guadagno, anche se pagassero le tasse che pagano tutti gli altri (ma per più anni).
Se invece ti riferisci al fatto che non lavorano, non si sposano e non fanno figli, il discorso è diverso, ma suppongo che non lo farebbero nemmeno se si ritirassero dall'università, quindi non capisco l'utilità di questa misura, se non quella di abbassare a livello statistico l'età media per il conseguimento della laurea, cosa che verrebbe presentata come uno straordinario successo di qualche governo o ministro (tanto ormai le riforme si fanno solo per fare propaganda).
Se la smettessimo di giudicare la vita e le scelte degli altri solo perché sono diverse dalle nostre e di sentirci sempre i migliori, sarebbe un grosso passo avanti, ma capisco che per qualcuno è chiedere troppo.
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 6249
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 12:30 pm

Dec ha scritto:
Masaniello ha scritto:
Da un punto di vista pragmatico,sia il punkabbestia con i dread no global che il figlio del medico fighetto che pasteggia a sushi e fa le serate a Milano sono equivalenti e sono un costo sociale,dal momento in cui sedimentano oziosamente nelle facoltà pur usufruendo dei relativi servizi. Entrambi è giusto che paghino 10000 euro l anno,per invitarli a togliersi dalle palle...

Di quali servizi, se all'università ci vanno solo una volta ogni tanto? A me sembra che più che un costo per le università siano una fonte di guadagno, anche se pagassero le tasse che pagano tutti gli altri (ma per più anni).
Se invece ti riferisci al fatto che non lavorano, non si sposano e non fanno figli, il discorso è diverso, ma suppongo che non lo farebbero nemmeno se si ritirassero dall'università, quindi non capisco l'utilità di questa misura, se non quella di abbassare a livello statistico l'età media per il conseguimento della laurea, cosa che verrebbe presentata come uno straordinario successo di qualche governo o ministro (tanto ormai le riforme si fanno solo per fare propaganda).
Se la smettessimo di giudicare la vita e le scelte degli altri solo perché sono diverse dalle nostre e di sentirci sempre i migliori, sarebbe un grosso passo avanti, ma capisco che per qualcuno è chiedere troppo.

Non dimentichiamoci che si abbasserebbero anche le magre entrate dell'Università, che non è scoppi di iscritti, e quindi la qualità del servizio per tutti, sgobboni compresi.
Che ci vuoi fare, mica i tribuni possono mettersi anche a ragionare sui comizietti!
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 1:29 pm

Abbiamo carenze di matricole
Infatti il Politecnico a Torino l hanno raddoppiato,e non basta ancora. Altre università hanno gli studenti costretti a sedersi per terra per mancanza di sedie.
Ma lucetta dice pochi iscritti..sempre meno
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 57329
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 1:36 pm

Che ci sia un calo di iscrizioni lo dicono le statistiche. Che questo non sia di per sé un male posso pensarlo anch'io, a patto che a non iscriversi più siano i non meritevoli e non chi non può permettersi di pagare tasse sempre più salate, come invece temo che sia. Però non è questa l'obiezione che ti avevo fatto io.


Ultima modifica di Dec il Ven Mar 31, 2017 3:00 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 6249
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 1:37 pm

... che palle co' sto Politecnico!
Ma prendi un treno e esci dall'orto: c'è vita là fuori over the rainbow!
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19946
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 2:32 pm

lucetta10 ha scritto:
... che palle co' sto Politecnico!
Ma prendi un treno e esci dall'orto: c'è vita là fuori over the rainbow!
Il Politecnico di Torino è un faro nell'oscurità che abbaglia chiunque lo veda e che impedisce poi di di dedicare la propria attenzione al resto.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8589
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 2:39 pm

giobbe ha scritto:
Masaniello ha scritto:
Quindi il 45 enne che lavora e decide di prendersi una laurea in criminologia così per suo sfizio dovrebbe godere le stesse agevolazioni del 19 promettente e volenteroso, e soprattutto squattrinato?
Infatti...

Di quali agevolazioni si starebbe parlando?

Qua non si è parlato di "agevolazioni" per i meritevoli squattrinati, si è solo parlato di PUNIRE gli altri.

Perché mai l'adulto che lavora e che decide di prendersi una laurea, per interesse personale, a spese proprie, dovrebbe essere costretto a pagare un pedaggio punitivo, solo perché è adulto? Sta danneggiando qualcuno? Sta sottraendo risorse ad altri? Non mi risulta.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 3:07 pm

Lo obbliga qualcuno?
Vuoi fare il bungee jumping?paga 150 euro per un volo di un paio di secondi.altrimenti fai come il Trota
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8589
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 4:12 pm

Il punto non è se lo obbliga qualcuno: il punto è PERCHE' MAI dovrebbe essere penalizzato come se stesse facendo un danno a qualcuno, quando invece non è vero. Se ci impiega troppi anni a laurearsi, la sua penalizzazione la paga GIA', dovendo versare regolarmente sei, sette o dieci anni di tasse accademiche invece di tre, usufruendo complessivamente degli stessi servizi di cui avrebbe usufruito in tre anni. Non vedo proprio perché bisognerebbe ulteriormente punirlo aumentandogli quelle tasse come se stesse facendo qualcosa di male, che deve essere scoraggiato.

Tu sostieni che un quarantenne che lavora, che ha famiglia e che gli studi se li paga da solo, e che per le ragioni personali che meglio crede ha voglia di prendersi una seconda laurea, o di concludere quella che non aveva preso da giovane, stia danneggiando la società e stia approfittando di risorse che verrebbero sottratte a qualcun altro. A me non sembra proprio: nel caso più banale, la sua situazione è del tutto indifferente ai fini dell'impatto sulla società, e nel caso migliore avrà anche un effetto positivo, perché avere in giro persone più istruite e che hanno voglia di formarsi e di aggiornarsi anche da adulte è un bene per tutti, mica solo per chi sta studiando in quel momento.

In sintesi, perché mai ti fa tanta rabbia che una persona adulta ed economicamente indipendente possa scegliere di impiegare una parte del suo tempo libero sui libri invece che in spiaggia o in discoteca, e di investire una parte dei suoi soldi negli studi invece che nel cambiare macchina ogni due anni e smartphone ogni sei mesi?
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 5:05 pm

Lo scopo principale non è punire i fuoricorso ,ma avvantaggiare i meritevoli, per mettere a tacere i soliti cialtroni che affermano che in Italia i meritevoli non possono permettersi l università, che devono fuggire e blabla.
Per inciso,leggevo un articolo del canton Ticino. sulla svizzera:una buona percentuale di prostitute in Svizzera sono italiane .
Quindi non fuggono solo cervelli,ma anche bellavitai della erasmus ed anche altri organi del corpo umano
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 4290
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 5:23 pm

paniscus_2.0 perché parli di penalizzare qualcuno. Il principio economico è molto semplice. Io, università, metto in bilancio un introito di 100.000 euro ricavabile dalle tasse d'iscrizione. Posso far pagare ai miei 100 iscritti, a tutti, 1.000 euro oppure farli pagare in base all'isee e al percorso didattico in modo differenziato. Mi sembra una soluzione giusta e equa.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19946
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 6:23 pm

giobbe ha scritto:
paniscus_2.0 perché parli di penalizzare qualcuno. Il principio economico è molto semplice. Io, università, metto in bilancio un introito di 100.000 euro ricavabile dalle tasse d'iscrizione. Posso far pagare ai miei 100 iscritti, a tutti, 1.000 euro oppure farli pagare in base all'isee e al percorso didattico in modo differenziato. Mi sembra una soluzione giusta e equa.
Non corrisponde a "giusto ed equo" far pagare di più a chi possiede più lauree; avere una laurea non dovrebbe essere penalizzante.

Non è "giusto ed equo" penalizzare sul numero di anni impiegato ma sul numero di anni impiegato in rapporto alla velocità preventivata.

Con il tempo parziale ci si iscrive alla metà dei corsi e inevitabilmente si impiega il doppio degli anni, ma è anche evidente che si intasa l'università ogni anno la metà di quanto non facciano gli altri studenti; 10 anni di parziale non dovrebbero essere penalizzati.

Vi ricordo che per una persona capace e volenterosa la maggiore voce di spesa in ambito universitario, non sono le tasse di iscrizione, nè il costo dei libri, nè l'eventuale affitto in un buco nella città di iscrizione, bensì i mancati stipendi che ne derivano; nella mia prima laurea avrei potuto lavorare all'IBM e non l'ho fatto, mi sono dedicato anima e corpo allo studio e mi sono laureato in 5 anni e mezzo; se non avessi avuto una famiglia alle spalle avrei dovuto lavorare e studiare a rilento.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8589
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 6:55 pm

Quello che contesto è proprio l'idea che il fuoricorso adulto, lavorante ed economicamente indipendente "intasi l'università" o approfitti di servizi che non merita.

Normalmente si tratta di persone che (proprio perché devono lavorare) frequentano pochissimo, seguono prevalentemente corsi di laurea in cui si studia quasi tutto sui libri e non c'è bisogno di attività di laboratorio e strutture costose, non passano le ore a occupare spazio fisico in facoltà (né per studiare, né per cazzeggiare), e non vanno a provare 20 volte lo stesso esame senza riuscirci, affollando inutilmente gli appelli di esame e rallentando le attività anche per gli altri.

Quindi, quale sarebbe il danno arrecato all'università o agli altri studenti da questo genere di soggetti? Giuro che non capisco!

Anzi, come è stato già detto, semmai è il contrario: pagano molti più anni di tasse universitarie rispetto ai normali studenti a tempo pieno, usufruendo in totale degli stessi servizi, o anche di meno, visto che non usufruiscono di tutta quella gamma di servizi che hanno direttamente a che fare con la vita universitaria di tutti i giorni, perché appunto non ci vanno... cosa dovrebbero "intasare", se il loro impatto con le strutture universitarie è minimo?
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Student Act...   Ven Mar 31, 2017 7:13 pm

Come dice giobbe, che ha molta pazienza, le università preventivato un tot. È giusto che questo tot sia ripartito favorendo i giovani maturati volenterosi e brillanti, piuttosto che ,come vidi al politecnico, 50-60 enni diplomati nel 1922 che,in alternativa alla bocciofila,decidono di iscriversi alla università.
Ricordiamo che la università nasce per firmare alte professionalità, in particolare per la industria. Non penso che ,se mai ci arriva,il 62 enne neolaureato in architettura abbia poi molte possibilità di essere assunto.
Tornare in alto Andare in basso
 
Student Act...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 3Vai alla pagina : 1, 2, 3  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: