Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Esami o farse?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Onestà



Messaggi : 188
Data d'iscrizione : 25.09.16

MessaggioTitolo: Esami o farse?   Dom Apr 30, 2017 10:27 am

Da anni mi chiedo:
ha senso dopo un lungo percorso didattico-educativo (Scuole Medie o Superiori) testare ulteriormente gli alunni?
Cosa bisogna stabilire ancora dopo anni di verifiche ed osservazioni sui singoli?
Cosa si spera che succeda durante l’esame soprattutto per quella fetta che arranca la sufficienza: il miracolo?

Molti sostengono che l’esame sia una prova dove l’alunno, vedendosi in un contesto più autorevole (“l’esame di Stato”) esprima il meglio (o il peggio) di sé.
Fin qui potremmo essere anche d'accordo
peccato che alla fine, (diciamoci la verità) le commissioni, formate dagli stessi insegnanti di classe, hanno già stabilito le sorti dei candidati con relativi voti d’uscita.
Allora mi chiedo:
perché bisogna subirsi ogni anno questa farsa?
Perché i sostenitori di questa modalità d’uscita
non chiedono al MIUR un rinnovo “autorevole”:
degli esami stessi con commissioni completamente estranee agli alunni?
Sarebbe anche un buon metodo per applicare quei controlli di qualità che oggi non funzionano perché sono eseguiti da commissioni interne e come tutti gli italiani oramai sanno,
quando il controllato e il controllore appartengono alla stessa cricca se la sonano e se la cantano…

Gli insegnanti, i dirigenti, il MIUR e i referenti politici di turno
hanno paura che gli italiani (che già lo sanno) sentano dirsi UFFICIALMENTE che a scuola non tutto è “fantastico e meraviglioso” come ci vogliono far credere?

A me sembra che ancora una volta lo storytelling del paese non coincide con la realtà

Continuiamo a farci ancora del male
così fra qualche anno (visto l'alta percentuale degli abbandoni, dei giovani disoccupati...) prendiamo in prestito i barconi (o ci facciamo portare direttamente dalle ONG così non fanno il tragitto di ritorno a vuoto...) e andiamo tutti sbucciare le banane in Africa.
Tornare in alto Andare in basso
Benny77



Messaggi : 462
Data d'iscrizione : 19.10.10

MessaggioTitolo: Re: Esami o farse?   Dom Apr 30, 2017 10:57 am

Onestà ha scritto:
Da anni mi chiedo:
ha senso dopo un lungo percorso didattico-educativo (Scuole Medie o Superiori) testare ulteriormente gli alunni?
Cosa bisogna stabilire ancora dopo anni di verifiche ed osservazioni sui singoli?
Cosa si spera che succeda durante l’esame soprattutto per quella fetta che arranca la sufficienza: il miracolo?

Statistiche alla mano (parlo di secondaria di secondo grado) il "miracolo" avviene puntualmente ogni anno.
Il numero di studenti che non passa la maturità è davvero ridicolo! Se non ricordo male si parla di uno 0,5% in cui sono compresi coloro i quali non si presentano affatto che, per esperienza costituiscono il 99% di quello 0,5%.

Onestà ha scritto:
Molti sostengono che l’esame sia una prova dove l’alunno, vedendosi in un contesto più autorevole (“l’esame di Stato”) esprima il meglio (o il peggio) di sé.
Fin qui potremmo essere anche d'accordo
peccato che  alla fine, (diciamoci la verità) le commissioni, formate dagli stessi insegnanti di classe, hanno già stabilito le sorti dei candidati con relativi voti d’uscita.

Fino a prova contraria gli "esterni" ad oggi erano 4 su 7 .... il fatto poi che sia stato già tutto scritto (cioè la promozione) è del tutto secondario. Mi sembra però di ricordare che si vorrebebero commissioni d'esame formate da soli membri interni e che allo scientifico si possano usare formulari, mappe, schede .. .e perché no!?!? internet! ^_^

Onestà ha scritto:
Allora mi chiedo:
perché bisogna subirsi ogni anno questa farsa?
Perché i sostenitori di questa modalità d’uscita
non chiedono al MIUR un rinnovo “autorevole”:
degli esami stessi con commissioni completamente estranee agli alunni?

Perché se muovi acque torbide il primo ad essere investito dal fetore sei tu che le muovi.

Creare una manica di ignoranti è da tempo il piano dei potenti. Governare dei cerebrolesi dipendenti da smartphone social e tv è molto semplice! Fai vedere culi tette e addominali ed il gioco è fatto. Se poi questi interagiscono con un social ..... è il top!!!! Lo hai mai visto un culo usare twitter? o FB? ahaahah


Onestà ha scritto:
Gli insegnanti, i dirigenti, il MIUR e i referenti politici di turno
hanno paura che gli italiani (che già lo sanno) sentano dirsi UFFICIALMENTE che a scuola non tutto è “fantastico e meraviglioso” come ci vogliono far credere?

Ad ogni governo viene promossa una riforma scolastica ...se questo non significa che la scuola sia meravigliosa, ci pensano giornali e giornalisti .... vedi articoli in cui i giovani italiani sono depressi perché carichi di compiti e cagate simili


Onestà ha scritto:
Continuiamo a farci ancora del male
così fra qualche anno (visto l'alta percentuale degli abbandoni, dei giovani disoccupati...) prendiamo in prestito i barconi (o ci facciamo portare direttamente dalle ONG così non fanno il tragitto di ritorno a vuoto...) e andiamo tutti sbucciare le banane in Africa.

Ottima idea.....gli africani vengono da noi e noi andiamo da loro .... scambio culturale? tipo progetto Erasmus?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19943
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Esami o farse?   Dom Apr 30, 2017 11:00 am

Forse non lo sai ma l'esame di stato è previsto (imposto) dalla Costituzione; non ci si chiede se sia giusto o sbagliato senza contemporaneamente chiedersi se siamo intenzionati a modificare la Costituzione.

I padri costituenti hanno ritenuto che quei pochi diplomati che la scuola sfornava nel 48 dovevano essere ben selezionati e che non bisognava consentire che i clientelismi locali influissero su una cosa importante come il conseguimento del diploma; per questo gli esami di stato si tenevano tutti a Roma e lì ti facevano il culo come una capanna.

Oggi esaminare in quel modo così tanti ragazzi avrebbe dei costi notevoli che non tutti si possono permettere; concordo con te che sarebbe bello fare le cose per bene o non farle, solo che punterei a farle per bene e comunque non mi illudo che la Costituzione possa essere modificata in questa cosetta secondaria se non si è riusciti a modificarla per cose più serie.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 2411
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioTitolo: Re: Esami o farse?   Dom Apr 30, 2017 11:36 am

La colpa è dei docenti che all'esame di stato non bocciano mai.
Su questo forum siamo in gran parte docenti, quindi la colpa in definitiva è nostra.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: Esami o farse?   Dom Apr 30, 2017 11:38 am

avidodinformazioni ha scritto:
Forse non lo sai ma l'esame di stato è previsto (imposto) dalla Costituzione; non ci si chiede se sia giusto o sbagliato senza contemporaneamente chiedersi se siamo intenzionati a modificare la Costituzione.

I padri costituenti hanno ritenuto che quei pochi diplomati che la scuola sfornava nel 48 dovevano essere ben selezionati e che non bisognava consentire che i clientelismi locali influissero su una cosa importante come il conseguimento del diploma; per questo gli esami di stato si tenevano tutti a Roma e lì ti facevano il culo come una capanna.

Davvero? In quali anni?
Tornare in alto Andare in basso
Online
balanzoneXXI



Messaggi : 1395
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Esami o farse?   Dom Apr 30, 2017 11:56 am

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Forse non lo sai ma l'esame di stato è previsto (imposto) dalla Costituzione; non ci si chiede se sia giusto o sbagliato senza contemporaneamente chiedersi se siamo intenzionati a modificare la Costituzione.

I padri costituenti hanno ritenuto che quei pochi diplomati che la scuola sfornava nel 48 dovevano essere ben selezionati e che non bisognava consentire che i clientelismi locali influissero su una cosa importante come il conseguimento del diploma; per questo gli esami di stato si tenevano tutti a Roma e lì ti facevano il culo come una capanna.

Davvero? In quali anni?

Ai tempi del fascio, mi sembra.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: Esami o farse?   Dom Apr 30, 2017 11:59 am

balanzoneXXI ha scritto:
mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Forse non lo sai ma l'esame di stato è previsto (imposto) dalla Costituzione; non ci si chiede se sia giusto o sbagliato senza contemporaneamente chiedersi se siamo intenzionati a modificare la Costituzione.

I padri costituenti hanno ritenuto che quei pochi diplomati che la scuola sfornava nel 48 dovevano essere ben selezionati e che non bisognava consentire che i clientelismi locali influissero su una cosa importante come il conseguimento del diploma; per questo gli esami di stato si tenevano tutti a Roma e lì ti facevano il culo come una capanna.

Davvero? In quali anni?

Ai tempi del fascio, mi sembra.

Avido parla di padri costituenti, però.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Esami o farse?   Dom Apr 30, 2017 12:26 pm

Scusate se intervengo con quella cosa demoniaca e da giovinastri di internet.
https://it.m.wikipedia.org/wiki/Esame_di_maturità_(Italia)
C è scritto tutto. .
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Esami o farse?   Dom Apr 30, 2017 12:42 pm

L'Esame di Stato serve a dimostrare la globale preparazione dello studente in tutte le materie; se le commissioni fossero totalmente esterne finirebbe finalmente il fraintendimento di alcuni docenti interni di dover essere i "salvatori della patria"; la bocciatura dipende solo da noi e dai presidenti che spesso evitano in tutti i modi di bocciare; sull'esame di stato non possiamo incolpare genitori o ds.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Esami o farse?   Dom Apr 30, 2017 12:50 pm

È anche vero che dopo cinque anni di facilitazioni, pdp veri e presunti, gite, teatro e mille puttanate che sottraggono spazzo alla didattica,voti di consiglio che trasformano i 4 in 6 (cosa che io considero LA BESTIALITÀ PEGGIORE DELLA SCUOLa ITALIANA) avere commissioni obiettive e severe sarebbe assurdo
Il marcio va estirpato alla radice. La prima elementare e a cascata gli anni successivi
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19943
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Esami o farse?   Dom Apr 30, 2017 2:11 pm

balanzoneXXI ha scritto:
mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Forse non lo sai ma l'esame di stato è previsto (imposto) dalla Costituzione; non ci si chiede se sia giusto o sbagliato senza contemporaneamente chiedersi se siamo intenzionati a modificare la Costituzione.

I padri costituenti hanno ritenuto che quei pochi diplomati che la scuola sfornava nel 48 dovevano essere ben selezionati e che non bisognava consentire che i clientelismi locali influissero su una cosa importante come il conseguimento del diploma; per questo gli esami di stato si tenevano tutti a Roma e lì ti facevano il culo come una capanna.

Davvero? In quali anni?

Ai tempi del fascio, mi sembra.

Si, mi sembrava fosse così anche dopo invece ....

1923 - ministro Giovanni Gentile: Introduzione dell'esame di maturità, un esame di stato svolto al termine degli studi liceali, unici a permettere l'accesso all'università. Quattro prove scritte e orale su tutte le materie dell'intero corso, quindi tre anni per il liceo classico e quattro anni per il liceo scientifico (la riforma Gentile non prevedeva "programmi di studio", bensì "programmi d'esame", da modulare durante i vari anni dell'intero corso; gli insegnanti avevano il compito di preparare gli studenti al superamento degli esami e quindi potevano organizzare le lezioni, nei vari anni del corso, secondo propri metodi). La commissione esaminatrice era costituita esclusivamente da docenti esterni, in gran parte professori universitari, ed era presieduta formalmente dal ministro. Gli esami si tenevano fuori sede (40 sedi su tutto il territorio nazionale per la maturità classica, 20 sedi per la maturità scientifica). La votazione non prevedeva un punteggio unico, ma tanti voti quante erano le materie. Era prevista la sessione di esami di riparazione. Le prime due prove scritte erano italiano e latino, comuni ad entrambi i licei; le altre due prove erano greco e ancora latino (traduzione in latino dall'italiano) al classico, matematica e lingua straniera allo scientifico. L'impatto di questo nuovo esame fu particolarmente pesante: nell'anno scolastico 1924/25 i promossi furono il 59,5% alla maturità classica e 54,9% alla maturità scientifica (l'anno precedente, quello dell'esordio, la percentuale era stata ancora più bassa). L'esame sarà alleggerito negli anni successivi dal ministro Pietro Fedele, sotto la pressione di molti gerarchi fascisti e dell'opinione pubblica in generale.
1940 - ministro Giuseppe Bottai: A causa della guerra, vennero apportate molte semplificazioni nelle procedure dell'esame di maturità di Gentile. Successivamente, il propagarsi del conflitto anche nel territorio italiano, che a partire dal 1943 rese estremamente problematico lo spostamento di studenti e insegnanti e la convocazione stessa delle commissioni esterne, portò a disporre la sostituzione dell'esame con uno scrutinio finale.
1952 - ministro Guido Gonella (Legge 25 luglio 1952, n. 1059): Viene ripristinato l'esame di maturità di Gentile sia per il numero delle prove scritte e per l'orale che per la formazione della Commissione. Uniche novità: introduzione dei membri interni (prima due e poi soltanto uno) e limitazione dei programmi ai due anni precedenti l'ultimo, per i quali venivano richiesti soltanto “cenni”.

Ovviamente l'esistenza dei membri interni significherà che gli esami si facevano nelle rispettive scuole.
Tornare in alto Andare in basso
 
Esami o farse?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Esami genetici
» celiachia esami
» esami ormonali e spermiogramma
» esami per eterologa
» Esami: dosaggi ormonali

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: