Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Sfida ai letterati

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Sfida ai letterati   Gio Mag 04, 2017 10:02 pm

Vi sottopongo questa sfida o letterati.

Per ragioni legate al tempo la tendenza è terminare il programma di letteratura italiana al Neorealismo o non molto più in là: vorrei chiedervi di indicare 5 autori che ritenete già classici e che hanno pubblicato le loro opere più importanti dal 1975 a oggi da sottoporre agli studenti; è unicamente una mia curiosità personale perchè da quella data in poi non saprei chi indicare.
Tornare in alto Andare in basso
seasparrow



Messaggi : 2414
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 58
Località : Venezia

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Gio Mag 04, 2017 10:50 pm

precario_acciaio. ha scritto:
vi sottopongo questa sfida o letterati: indicare autori importanti dal 1975 a oggi da sottoporre agli studenti
rispondo in base a gli esami di organizzazione aziendale del mio piano di studi con un significato di letteratura molto libero

http://www.corriere.it/opinioni/16_marzo_07/profilo-operaio-digitale-fabbrica-intelligente-charlot-441a0d9c-e3c8-11e5-aa1e-c06fd7dc1288.shtml

http://www.lastampa.it/2016/05/12/edizioni/biella/premio-biella-letteratura-e-industria-ecco-i-finalisti-uvV7UePX7uWRGCOYrJxsbI/pagina.html

http://www.lafeltrinelli.it/libri/vittorio-mascherpa/lean-philosophy-dallo-zen-metodo/9788862505079
Tornare in alto Andare in basso
Online
chicca70



Messaggi : 2896
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Gio Mag 04, 2017 10:50 pm

Dal 1975 in poi è davvero difficile indicare un classico. Più che ad autori, io penserei a singole opere. Per attenermi alla tua richiesta, direi... Sanguineti per la poesia, Per la prosa Eco, Benni, Tondelli, Camilleri.
Tornare in alto Andare in basso
Dubia



Messaggi : 97
Data d'iscrizione : 30.08.12

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Gio Mag 04, 2017 11:06 pm

D'acchito mi vengono in mente questi:
Sebastiano Vassalli
Umberto Eco
Stefano Benni
Andrea Camilleri
Elena Ferrante
Però l'argomento proposto meriterebbe qualche riflessione in più.
Tornare in alto Andare in basso
seasparrow



Messaggi : 2414
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 58
Località : Venezia

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Gio Mag 04, 2017 11:11 pm

questo libro serve per capire perche' la letteratura italiana sulla fabbrica e' quasi finita

https://www.ibs.it/bric-brasile-russia-india-cina-libro-andrea-goldstein/e/9788815150615

sara' questo il rinascimento per i pochi operai ultraspecializzati del futuro?

http://www.economia.rai.it/articoli/industria-4-0-uomini-e-macchine-nella-fabbrica-digitale/33250/default.aspx
Tornare in alto Andare in basso
Online
franco71



Messaggi : 1268
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Gio Mag 04, 2017 11:29 pm

Aggiungerei Dario Fo e, dopo il nobel a Dylan, perchè no anche la canzone d'autore italiana, senza indicare un nome in particolare.
Tornare in alto Andare in basso
JaneEyre



Messaggi : 1684
Data d'iscrizione : 25.11.11

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 12:18 am

Posso partecipare come pseudoletterata con un solo autore?

Antonio Tabucchi

(La testa perduta di Damasceno Monteiro mi è piaciuto molto e credo possa piacere anche agli studenti)
Tornare in alto Andare in basso
Online
ludmilla72



Messaggi : 656
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 12:48 am

Tra quelli già citati concordo su Vassalli, Eco, Tondelli e Tabucchi. Io aggiungerei Roberto Saviano per la prosa e Gianni D'Elia per la poesia.

Ho trovato straordinario il breve racconto di Michele Mari "Io venia pien d'angoscia a rimirarti", ma le altre sue cose non sono all'altezza, quindi non lo considererei un classico.

Walter Siti mi intriga moltissimo per il lavoro sulla scrittura, estremamente raffinato e quasi per addetti ai lavori, che non toglie nulla alla scorrevolezza del testo; però non so quanto sarebbe leggibile a scuola.

Alessandro Baricco e Erri De Luca si trovano già in parecchie antologie, ma io li considero entrambi piuttosto "sciatti" nello scrivere: mi dà fastidio che siano tanto prevedibili da risultare noiosi.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6236
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 8:58 am

chicca70 ha scritto:
Dal 1975 in poi è davvero difficile indicare un classico. Più che ad autori, io penserei a singole opere. Per  attenermi alla tua richiesta, direi... Sanguineti per la poesia, Per la prosa Eco, Benni, Tondelli, Camilleri.

di questi direi solo Tondelli e Sanguineti.
Indicare come "classici" (ma anche come autori da storia della letteratura scolastica) Camilleri e Benni mi pare francamente troppo. Best seller sicuramente.
Eco diventerà classico nostro malgrado..., speriamo non ci arrivino anche Baricco e Calasso...
Direi invece Del Giudice e Vassalli, Magris (?). Per la poesia anche Pagliarani. Per singole opere si possono "consigliare" letture poco battute, senza pretesa di classico: Goliarda Sapienza, Fausta Cialente.
Per il secondo Novecento è necessario uscire d'Italia, lì trovi quelli destinati a diventare classici, e che forse già lo sono: Oz, Yehoshua, Murakami, De Lillo, Saramago, ma anche più giovani come Franzen o Foster Wallace... è la globalizzazione bellezza! Solo a fare questi nomi si capisce come sia imparagonabile il panorama contemporaneo italiano


Ultima modifica di lucetta10 il Ven Mag 05, 2017 9:21 am, modificato 3 volte
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 6236
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 9:01 am

ludmilla72 ha scritto:
Tra quelli già citati concordo su Vassalli, Eco, Tondelli e Tabucchi. Io aggiungerei Roberto Saviano per la prosa e Gianni D'Elia per la poesia.

Ho trovato straordinario il breve racconto di Michele Mari "Io venia pien d'angoscia a rimirarti", ma le altre sue cose non sono all'altezza, quindi non lo considererei un classico.

Walter Siti mi intriga moltissimo per il lavoro sulla scrittura, estremamente raffinato e quasi per addetti ai lavori, che non toglie nulla alla scorrevolezza del testo; però non so quanto sarebbe leggibile a scuola.

Alessandro Baricco e Erri De Luca si trovano già in parecchie antologie, ma io li considero entrambi piuttosto "sciatti" nello scrivere: mi dà fastidio che siano tanto prevedibili da risultare noiosi.

di Michele Mari ti consiglio anche "Tutto il ferro delle Torre Eiffel". Anche i racconti di "Tu sanguinosa infanzia" sono notevoli.
"Io venia..." sarebbe perfetto da leggere insieme a Leopardi: variazioni sul tema
Tornare in alto Andare in basso
Online
chicca70



Messaggi : 2896
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 11:05 am

lucetta10 ha scritto:
chicca70 ha scritto:
Dal 1975 in poi è davvero difficile indicare un classico. Più che ad autori, io penserei a singole opere. Per  attenermi alla tua richiesta, direi... Sanguineti per la poesia, Per la prosa Eco, Benni, Tondelli, Camilleri.

di questi direi solo Tondelli e Sanguineti.
Indicare come "classici" (ma anche come autori da storia della letteratura scolastica) Camilleri e Benni mi pare francamente troppo. Best seller o

Il fatto che un autore venda bene non mi pare motivo sufficiente per svalorizzarlo. Certo, non tutto Camilleri nè tutto Benni hanno un livello alto. Non inserirei i gialli di Montalbano in una storia della letteratura ma "Il nipote del negus" sì.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6236
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 4:45 pm

chicca70 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
chicca70 ha scritto:
Dal 1975 in poi è davvero difficile indicare un classico. Più che ad autori, io penserei a singole opere. Per  attenermi alla tua richiesta, direi... Sanguineti per la poesia, Per la prosa Eco, Benni, Tondelli, Camilleri.

di questi direi solo Tondelli e Sanguineti.
Indicare come "classici" (ma anche come autori da storia della letteratura scolastica) Camilleri e Benni mi pare francamente troppo. Best seller o

Il fatto che un autore venda bene non mi pare motivo sufficiente per svalorizzarlo. Certo, non tutto Camilleri nè tutto Benni hanno un livello alto. Non inserirei i gialli di Montalbano in una storia della letteratura ma "Il nipote del negus" sì.

No certo, sono d'accordo, ma per essere "commerciali" bisogna pur vendere bene e saper sfruttare una certa "serialità".
Non è il caso di tutti, voleva essere una nota a margine, non ritengo comunque il livello di Camilleri (francamente tutti) o Benni tale da segnalarli in questo caso come classici
Tornare in alto Andare in basso
Online
nakamura



Messaggi : 257
Data d'iscrizione : 08.04.15

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 5:56 pm

"Classico" non può prescindere da un riconoscimento del pubblico e, soprattutto, della critica.

Direi che i citati Tabucchi, Eco (non fosse altro per come svetta la sua opera di saggista), Camilleri fanno parte del gruppo. A questi, per arrivare a cinque, aggiungerei Riccarelli e De Luca.

Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6236
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 6:26 pm

nakamura ha scritto:
"Classico" non può prescindere da un riconoscimento del pubblico e, soprattutto, della critica.

Direi che i citati Tabucchi, Eco (non fosse altro per come svetta la sua opera di saggista), Camilleri fanno parte del gruppo. A questi, per arrivare a cinque, aggiungerei Riccarelli e De Luca.



Veramente la nozione di classico prescinde dal pubblico e esistono classici che non legge nessuno ma che indubbiamente lo sono (o vogliamo dire che Gadda è uno da classifica? o non è classico? E D'Arrigo? e le "ossa" di Parini?). Sulla nozione ci sono studi critici ormai solidi, basterebbe Asor Rosa.
De Luca per quale opera cardine e quale contributo imprescindibile? Riccarelli...? Per i vivi ci si dovrebbe chiedere: per quanto tempo ci si ricorderà di loro? Avrà degli emuli?
L'opera saggistica di Eco svetta? Per Mike Bongiorno? Ha furoreggiato in epoca di moda (che in quanto moda non è classica) semiologia, ma più che altro è stato divulgatore piacevole. Per la saggistica citiamo Camporesi o Debenedetti che si leggono meglio di tanti romanzi!
Camilleri veramente non so perché a parte le vendite: l'uso del dialetto è convenzionale e manierato, le trame non hanno nulla di notevole. Onesto anche lui, ma classico? Perché ha un Meridiano? Convincetemi!
Tornare in alto Andare in basso
Online
baustelle



Messaggi : 521
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 7:32 pm

con classico si intende un autore che nelle sue opere ha dato voce a una visione nuova del mondo e che ha costituito un modello per chi è venuto dopo. Non penso che si possano considerare tali Camilleri, Benni, De Luca, tanto meno la Ferrante, fermo restando che alcuni di questi autori sono piacevoli da leggere.
Tornare in alto Andare in basso
Online
franco71



Messaggi : 1268
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 8:39 pm

lucetta10 ha scritto:
Camilleri veramente non so perché a parte le vendite: l'uso del dialetto è convenzionale e manierato, le trame non hanno nulla di notevole. Onesto anche lui, ma classico? Perché ha un Meridiano? Convincetemi!
Non perchè mi interessi difendere Camilleri o l'ufficio promozione della Mondadori, ma il "suo" meridiano esiste.
Per un tentativo di definizioni di un classico, rimanderei alla lettura di Calvino "Perché leggere i classici".
Gli autori citati hanno tutti diritto ad esistere in un'antologia scolastica, non farei classifiche, ed anche in misura diversa in una storia della letteratura. Eco lo metterei tra gli autori maggiori è stato un romanziere a tutto tondo.
Negli attuali testi di storia della letteratura italiana (scuole superiori) quali autori tra quelli proposti sono già presenti? Lo chiedo in modo particolare a chi insegna lettere.
La domanda di precario comunque ruotava attorno alla/e definizione/i di autore classico, difficile da dare e secondo me molto soggettiva. Anche nei testi scolastici, tranne che per i "mostri sacri", e penso soprattutto per al novecento italiano, gli autori sono trattati in modo più o meno approfondito a seconda dell'impostazione del critico letterario.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6236
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 8:42 pm

Lo so che esiste il meridiano... Chiedevo se bastasse averlo... Eco romanziere "a tutto tondo"! Cioè? Boh... La definizione di classico è per sua natura non personale ma anzi collettivo, universale anche se poi il canone si costruisce anche su bassi interessi editoriali (che hanno fatto la fortuna di presunti mostri sacri tipo Vittorini o Calvino e ora di Eco) e imposizioni ideologiche di scuola (Chi avrebbe mai contestato croce?)
Per il resto sono d'accordo con baustelle
Tornare in alto Andare in basso
Online
franco71



Messaggi : 1268
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 8:56 pm

lucetta10 ha scritto:
Lo so che esiste il meridiano... Chiedevo se bastasse averlo... Eco romanziere "a tutto tondo"! Cioè? Boh... La definizione di classico è per sua natura non personale ma anzi collettivo, universale.
Sono d'accordo con baustelle
Anche nel senso che dal punto di vista didattico i suoi romanzi offrono chiavi di lettura storica, filosofica e politica direi che non è poco ... al di là dell'autore specifico, che allo stesso modo non mi interessa difendere.
Riguardo alla definizione di classico, è chiaro che è necessario "qualcosa" di condiviso, ma lo stesso Calvino, nel libro citato, con prudenza parla di proposte di definizione.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6236
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 9:13 pm

franco71 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Lo so che esiste il meridiano... Chiedevo se bastasse averlo... Eco romanziere "a tutto tondo"! Cioè? Boh... La definizione di classico è per sua natura non personale ma anzi collettivo, universale.
Sono d'accordo con baustelle
Anche nel senso che dal punto di vista didattico i suoi romanzi offrono chiavi di lettura storica, filosofica e politica direi che non è poco ... al di là dell'autore specifico, che allo stesso modo non mi interessa difendere.
Riguardo alla definizione di classico, è chiaro che è necessario "qualcosa" di condiviso, ma lo stesso Calvino, nel libro citato, con prudenza parla di proposte di definizione.

ci sono anche pessimi romanzi che possono essere sfruttati a fini didattici, per aspetti della trama o altro, ma direi che si parla di un'altra cosa. Qui il criterio estetico è imprescindibile.
Mi impressionava la definizione di Eco come romanziere a tutto tondo, come avesse scritto un'opera-mondo!
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa

avatar

Messaggi : 3498
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 9:21 pm

che parruccona!
Tornare in alto Andare in basso
Online
franco71



Messaggi : 1268
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 9:28 pm

Il (solo) criterio estetico è, a mio modesto parere, soggettivo e limitante. Se rileggi i post precedenti noterai come autori (aspiranti classici) che ad alcuni piacciono ad altri risultino noiosi. Anche il fattore tempo o fortuna contribuiscono a definire un classico.
Tornare in alto Andare in basso
baustelle



Messaggi : 521
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 9:36 pm

Ribadisco che classico è qualcosa che lascia un segno, in seguito al quale le cose non possono più essere uguali a prima. Non c'entra bello o non bello. Ciò non vuol dire che gli autori qui oggetto di discussione non possano essere proposti come letture, ma difficilmente possono rientrare in un canone letterario.
Tornare in alto Andare in basso
Online
franco71



Messaggi : 1268
Data d'iscrizione : 14.11.14

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 9:58 pm

baustelle ha scritto:
Ribadisco che classico è qualcosa che  lascia un segno, in seguito al quale le cose non possono più essere uguali a prima. Non c'entra bello o non bello. Ciò non vuol dire che gli autori qui oggetto di discussione non possano essere proposti come letture, ma difficilmente possono rientrare in un canone letterario.
A quali autori, in particolare, ti riferisci?
Cosa significa canone letterario? Che gli autori siano inseriti in un manuale di letteratura? Chiedo giusto per capire, in quanto la discussione è interessante, e le riflessioni di ciascuno di noi posson aiutare ad inquadrare il problema su cosa sia un classico.
Ad esempio, il libro "Cuore" è un classico della letteratura per ragazzi, ma finito il mito del Risorgimento, il suo successo è andato scemando. Chi di voi ha studiato De Amicis alle superiori solo inquadrato in una corrente letteraria? Destino simile per Collodi ma il suo Pinocchio è un classico sempreverde.Collodi ha toccato dei paradigmi della vita umana, ma anche De Amicis ha rappresentato temi universali. Come vedete basta poco per cambiare la fortuna di un libro.


Ultima modifica di franco71 il Ven Mag 05, 2017 10:02 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 6236
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 10:02 pm

ushikawa ha scritto:
che parruccona!

Una discussione sul canone letterario è roba assolutamente da parrucconi, da crociani! O così o niente!
Poi per carità, si può anche fare il contro-canone pop
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 6236
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioTitolo: Re: Sfida ai letterati   Ven Mag 05, 2017 10:07 pm

franco71 ha scritto:
Il (solo) criterio estetico è, a mio modesto parere, soggettivo e limitante. Se rileggi i post precedenti noterai come autori (aspiranti classici) che ad alcuni piacciono ad altri risultino noiosi. Anche il fattore tempo o fortuna contribuiscono a definire un classico.  

Trovo Manzoni insopportabile, non per questo ne nego lo statuto di classico.
Parlare di criterio estetico non significa appiattirsi sul like.
L'aspetto del segno, ma anche dell'inserirsi in una tradizione letteraria (sia pure in forma dirompente, espressionista, canzonatoria, futurista o come volete) mi pare invece ineludibile. Il canone non è qualcosa di necessariamente fisso, se ne esce e si entra. C'è stato un tempo in cui Tommaso Grossi, Aleardo Aleardi erano "classici"
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
Sfida ai letterati
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Per chi ama Poirot
» REGINA - La rapper italiana che sfida il vaticano
» Vicinissima alla prossima sfida
» Sfida fra pre: Shindo e Dissanayake prime impressioni

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: