Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 PRESSIONI DELLA COLLEGA..

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
AutoreMessaggio
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Lun Giu 05, 2017 9:13 pm

Promemoria primo messaggio :

L aspetto sarebbe di una severissima e non giovanissima (non le ho chiesto l età, ho utilizzato direttamente il metodo del Carbonio 14) professoressa di italiano d altri tempi. Quelle che ai miei tempi ti terorizzavano al solo entrare in classe.
e invece..... si è già esibita agli scrutini intermedi in incredibili filippiche a favore dei "poveri ragazzi fragili con brutti voti" invitando sostanzialmente tutti ad alzare sempre e comunque i voti..
Addirittura in pieno scrutinio
!era esibita in un numero da circo del tipo "siete sereni quando date dei brutti voti?ricordate che in Finlandia non esiste bocciatura e la scuola è migliore in europa"
Oggi mi chiama preoccupatissima a fine giornata e mi fa "devo parlarti di Pablo Escobar
Chi è Escobar? Alunno di quarta scienze applicate. Famiglia normale, fidanzata a scuola,apparentemente sereno,ha degli amici a scuola. NON FA NULLA. A differenza dei compagni,che se prendono un 4 corrono a recuperare, lui se ne fotte alla grande.mai chiesto di recuperare,non ha un voto superiore a 4 nella mia materia.
OVVIAMENTE FA DEI TEMI MERAVIGLIOSI (come non crederci...) Mistero di Stato come sia arrivato in quarta.
In sostanza,scrive i dati del problema di fisica, stop,dorme, consegna a fine ora.
Oggi l Esimia collega mi comunica che è un ragazzo fragile, depresso,che ha chiesto l incontro con la psicologa.
"Non è che ha che ne so un 4 mezzo almeno che vediamo un po allo scrutinio?"
"No"
"Sono preoccupata per lui,ho paura che bocciarlo gli faccia cadere il terreno sotto i piedi"
Non le rispondo, faccio spallucce.
(Non è bes, dsa, nulla. Ha insufficienze in molte materie)
"Vediamo se la psicologa,dott ssa xxyy mi prepara magari una relazione per gli scrutini, me riparliamo, mi dispiace che perda gli amici in classe.ho paura che crolli "
Ora,due ipotesi.
-è completamente fulminata e crede davvero in quello che dice.
-è immanicata con la vice, spinge all inverosimile per promuovere tutti?
Di sicuro io fottesega. Lo porto con 3.
Metto la mano sul fuoco che tuttavia riuscirà a condizionare a tal punto i colleghi che gli daranno due sole materie a settembre e poi via,promosso di nuovo anche con scena muta.
Ultima ipotesi. Essendo questo fenomeno di collega un ex (carica pubblica ) non vorrei che il pargolo sia figlio dellacugginadellamicadellassessore. ....
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
hypernova

avatar

Messaggi : 473
Data d'iscrizione : 26.05.14

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 10:32 am

Da noi è successo l'anno scorso che una DS ci ha "imposto" di promuovere tutti e la maggioranza dei colleghi ha abbassato la testa per paura di ritorsioni.
Tornare in alto Andare in basso
DammiUnaManu



Messaggi : 34
Data d'iscrizione : 17.12.15

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 11:05 am

mac67 ha scritto:
DammiUnaManu ha scritto:
Oggi ho assistito ad uno scrutinio che mi sembrava una farsa: tutti promossi... (richiesta esplicita della preside), anche quelli che durante l'anno non hanno fatto altro che grattarsi la pancia e scambiavano le lezioni per ore di ricreazione. Per tutto il tempo sentivo lo sciacquone del water sullo sfondo...un'anno intero di lavoro più la mia dignità professionale giù per il water, sono uscita da scuola avvilita e triste

Davanti a un cdc di docenti che hanno compreso il loro ruolo, nessun DS può imporre alcunché.

La colpa è solo vostra.

Ero l'unica in quella stanza che aveva messo dei 4 ed era disposta a bocciare. Quando il segretario ha visto i miei voti si è girato mi ha guardato e ha detto seccamente: "Quattro? Non si può fare", con uno sguardo che voleva aggiungere:"Ma che, ci fai perdere anche tempo?", nessuno ha fiatato. A quel punto le mie proteste erano quasi ridicole...ripeto: triste e avvilita.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 11:37 am

Dall alto della mia precarietà, in quei casi rispondo a tono, fanculizzo elegantemente n persone e mi alzò per verificare che il verbalizzatore verbalizzi che io sono contrario.
Questi sono CRIMINALI e come tali vanno trattati.falso in atto pubblico, sono dei truffatori, se ne vadano a fanculo
Tornare in alto Andare in basso
Nodina



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 16.08.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 11:48 am

Per DammiUnaMano:

Ti capisco perfettamente. Mi è capitato nel mio primo scrutinio 2 giorni fa e sono rimasta schifata: come ho scritto in un mio post, a me non è neanche sembrato uno scrutinio ma quotazioni in Borsa. Con preside presente e molto compiacente, sono stata l'unica ad oppormi alla sufficienza ad una studentessa che alla fine l'ha avuta, ma non grazie a me. Pressioni di ogni tipo sono ILLEGALI e PASSIBILI DI DENUNCIA. Il ritoccamento dei voti, come lo chiamano, è in realtà FALSIFICAZIONE di atto pubblico, come ha detto Masaniello. Concordo con lui, sono dei CRIMINALI.
E criminali sono i dirigenti il cui voto, chissà perché, determina la vittoria in caso di parità. Voto (ovviamente per l'ammissione) dato a gente da loro mai sentita nominare e della quale non conoscono storia scolastica e comportamento. Voto elargito alla cieca, secondo il motto "Tutti passeranno", il che qualificherà la loro scuola come luogo privilegiato di apprendimento inclusivo ed efficace, e loro come presidi capacissimi e attenti ai veri bisogni educativi dei giovani che sono loro affidati. (Bleah!)
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 12:55 pm

L accademia della Crusca ha riconosciuto "todos caballeros " come significato ufficiale della parola "scrutinio"
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 2411
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 1:05 pm

Un attimo eh, prima che magari qualcuno si imbarchi in un'azione legale senza capo nè coda.
Il voto PROPOSTO dal docente è quello che decide il docente, e in quanto proposta di voto non può essere decisa che dal docente.
Il voto finale, quello che VALE realmente per la promozione, invece, è deciso collegialmente dal consiglio di classe, a maggioranza.
In questo contesto l'unica possibilità di commettere una falsificazione è se viene verbalizzato qualcosa di differente da quanto si è discusso e deciso collegialmente.
Tornare in alto Andare in basso
Nodina



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 16.08.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 1:10 pm

Paolo Santaniello ha scritto:
Un attimo eh, prima che magari qualcuno si imbarchi in un'azione legale senza capo nè coda.
Il voto PROPOSTO dal docente è quello che decide il docente, e in quanto proposta di voto non può essere decisa che dal docente.
Il voto finale, quello che VALE realmente per la promozione, invece, è deciso collegialmente dal consiglio di classe, a maggioranza.
In questo contesto l'unica possibilità di commettere una falsificazione è se viene verbalizzato qualcosa di differente da quanto si è discusso e deciso collegialmente.

Non arrampichiamoci sui cavilli legali...la falsificazione del voto avviene nel momento in cui i docenti sono d'accordo nell' alzare il voto a uno studente che non se lo meritava solo per farlo passare...E' questo accordo, questa intesa a modificare il risultato per dare modo allo studente di essere ammesso, ad essere legalmente e moralmente condannabile. Tu stai dicendo che la verbalizzazione di una simile falsificazione è invece legale?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19946
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 3:50 pm

Nodina ha scritto:
Paolo Santaniello ha scritto:
Un attimo eh, prima che magari qualcuno si imbarchi in un'azione legale senza capo nè coda.
Il voto PROPOSTO dal docente è quello che decide il docente, e in quanto proposta di voto non può essere decisa che dal docente.
Il voto finale, quello che VALE realmente per la promozione, invece, è deciso collegialmente dal consiglio di classe, a maggioranza.
In questo contesto l'unica possibilità di commettere una falsificazione è se viene verbalizzato qualcosa di differente da quanto si è discusso e deciso collegialmente.

Non arrampichiamoci sui cavilli legali...la falsificazione del voto avviene nel momento in cui i docenti sono d'accordo nell' alzare il voto a uno studente che non se lo meritava solo per farlo passare...E' questo accordo, questa intesa a modificare il risultato per dare modo allo studente di essere ammesso, ad essere legalmente  e moralmente condannabile. Tu stai dicendo che la verbalizzazione di una simile falsificazione è invece legale?
Evidentemente non sai cosa sia e perchè esista il voto di consiglio.

Secondo la nostra normativa si passa alla classe successiva solo se il ragazzo ottiene tutti 6 (o più) quindi basta un solo 5 per essere bocciati; tradotto: ogni insegnante possiede un diritto di veto sul futuro dei ragazzi; tradotto: esistono 800000 insegnanti, di questi pochi ma non zero sono delinquenti e pochi, ma non zero, sono teste di cazzo, quindi la legge assegna un diritto di veto sul futuro dei ragazzi anche a delinquenti e teste di cazzo.

Può essere una cosa del genere ? Ecco che la legge contempera questo diritto di vita e di morte con un diritto di una collettività di docenti a sindacare sul giudizio del singolo docente.

Il meccanismo formale con cui quest'azione si svolge è il seguente: il singolo docente vede le qualità espresse dall'alunno all'interno della singola materia, ma la promozione deve avvenire con un'analisi più..... olistica (adoro questa parola) che solo il consiglio di classe può espletare e che lo colloca gerarchicamente più in alto rispetto al singolo docente.

E' arrampicarsi sui vetri ? Sì, ma è cosa buona e giusta, almeno nelle intenzioni.

Stabilito che il docente (al 99% persona rispettabile) ha il diritto di proporre quel che la sua testa gli suggerisce, senza dover rendere conto a nessuno, e stabilito che poi si fa quello che il cdc (al 99.99% gruppo rispettabile) decide, ha ragione Santaniello a dire che ciò che di anomalo può avvenire non è la discussione (libera) ma la verbalizzazione (fedele).

Qualsiasi cosa venga detta è libera e quindi giusta; se si dicono fesserie e si scrive di aver detto fesserie il TAR potrà porvi rimedio; se si dicono fesserie e si scrive (falsamente) di aver detto cose giuste, il TAR non potrà porvi rimedio.
A questo punto l'unico modo per avere giustizia sarà l'azione penale di querela di falso (difficile da perseguire).
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 4:01 pm

Affermare che il docente che da un insufficienza ha "potere di rovinare la vita di uno studente" è una cavolata galattica. La bocciatura e rimandatura ha un incredibile effetto positivo ed educativo.
Mi stupisce che tale affermazione derivi da un collega sicuramente preparatissimo,ma entrare di ruolo costringe a rivedere le priorità .
Al di là dell interpretazione dei cavilli normativi,deontologicamente, educativamente, eticamente è una VERGOGNA E UN CRIMINE buttare nel cessò 9 mesi di lavoro,spiegazioni e valutazioni regalando poi sufficienze e promozioni
Tornare in alto Andare in basso
Nodina



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 16.08.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 4:07 pm

Per Avido:
Il linguaggio volgare puoi tenertelo per te, né io né altri dobbiamo essere costretti a subirlo.
Raramente i voti riportati allo scrutinio sono reali, sono già un po' gonfiati. Come fa il consiglio di classe a sapere come un mio alunno si è comportato durante le mie lezioni? Come fa il preside a votare a favore (alla cieca) di un alunno senza conoscere minimamente la sua storia scolastica?
Quando ho chiesto a tutti, all'inizio dello scrutinio, a cosa servisse lo scrutinio, mi è stato risposto: "Ad ammetterli tutti, o la maggior parte possibile".
Quindi lo scrutinio non serve affatto a stabilire chi possa essere ammesso e chi no, ma a gonfiare ulteriormente i voti per ammetterli tutti o quasi. Se tu in questo non ci vedi niente di male va bene per te, ma ti ricordo che chi non gonfia i voti non è sempre un perfido che gode a vedere gli studenti bocciati. Qui le cose si sono ribaltate: ora non è possibile che uno studente mediocre riceva il voto che merita perché nel 99,9% dei casi il voto viene alzato dal consiglio
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19946
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 4:08 pm

Integro quanto sopra, perchè era una mia risposta tagliata sul botta e risposta di Santaniello e Nodina.

Nodina usa l'espressione "falso in atto pubblico" nella sua accezione rigorosa e Santaniello risponde su quello, confutando nodina; io mi schiero dalla parte di Santaniello.

Se l'espressione "falso in atto pubblico" fosse usata come modo di dire, allora avrebbe ragione nodina: troppe volte il cdc (DS compreso) ha motivi sbagliati per modificare i voti del docente ed in tal senso dichiara falsamente che il ragazzo è bravo abbastanza.

Dove sta la falsita-non falsità ? Nel fatto che la valutazione è soggettiva e libera;

se io sono convinto che Gigino vada bocciato ma per qualche ragione (devo formare le classi, la mamma di Gigino me la dà, Gigino è simpatico, ho il timore che la colpa dell'insuccesso di Gigino sia io che non sono bravo a motivarlo) decido di votare per la promozione, allora ho commesso un falso in senso lato.

se io sono convinto che Gigino vada promosso perchè (mille motivi) però mi sbaglio non commetto un falso, commetto un errore valutativo

se io sono convinto che vada bocciato, lo voglio promuovere per sporche ragioni, sono consapevole della sporchezza delle ragioni e dichiaro una falsa ragione pulita, solo per non essere sgamato, commetto vero falso in atto pubblico
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19946
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 4:12 pm

Nodina ha scritto:
Per Avido:
Il linguaggio volgare puoi tenertelo per te, né io né altri dobbiamo essere costretti a subirlo.
Il linguaggio volgare ovvero il linguaggio del volgo ovvero il linguaggio del popolo ovvero il mio linguaggio non lo devi subire, non è una cosa che ferisce o lascia segni; hai letto una parolaccia scritta da me ? All'inizio di tutti i miei post c'è il mio nome; ignorami !

E non parlare a nome della collettività dei docenti che non sei stata autorizzata da nessuno a farlo.

A scanso di equivoci, io ho fatto un discorso di principio, non ho incluso te nè tra i delinquenti nè tra le teste di cazzo, ho solo scritto che questi due (piccoli) gruppi esistono .... ed esistono.
Tornare in alto Andare in basso
Nodina



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 16.08.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 4:14 pm

ora che lo so ti ignorerò
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19946
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 4:15 pm

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/09/17/cagliari-stupra-una-studentessa-davanti-a-una-compagna-arrestato-professore/1123537/

Questo docente può esercitare diritto di veto sul futuro delle sue allieve ?
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 5:03 pm

Abbiamo perso avido.ha saltato il fosso.
Ora l uno su un milione giustifica centinaia di migliaia di voti gonfiati e promozioni facili.
Che ricordo, portano sul lungo periodo DISOCCUPAZIONE E FALLIMENTO LAVORATIVO.
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 1558
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 5:20 pm

Nodina ha scritto:
Paolo Santaniello ha scritto:
Un attimo eh, prima che magari qualcuno si imbarchi in un'azione legale senza capo nè coda.
Il voto PROPOSTO dal docente è quello che decide il docente, e in quanto proposta di voto non può essere decisa che dal docente.
Il voto finale, quello che VALE realmente per la promozione, invece, è deciso collegialmente dal consiglio di classe, a maggioranza.
In questo contesto l'unica possibilità di commettere una falsificazione è se viene verbalizzato qualcosa di differente da quanto si è discusso e deciso collegialmente.

Non arrampichiamoci sui cavilli legali...la falsificazione del voto avviene nel momento in cui i docenti sono d'accordo nell' alzare il voto a uno studente che non se lo meritava solo per farlo passare...E' questo accordo, questa intesa a modificare il risultato per dare modo allo studente di essere ammesso, ad essere legalmente  e moralmente condannabile. Tu stai dicendo che la verbalizzazione di una simile falsificazione è invece legale?

Quelli di Paolo Santaniello non sono cavilli legali, ma l'abc del diritto e delle persone laureate hanno il dovere di porre queste questioni nei giusti termini.

Dal punto di vista morale è giusto indignarsi di fronte ai 4 che magicamente diventano 6, ma lasciamo perdere il falso in atto pubblico che è un qualcosa di sostanzialmente diverso.

Si falsifica un atto pubblico se vengono volutamente  fatte sparire certe valutazioni, se i voti vengono modificati con dolo o se, sempre con dolo, si verbalizza qualcosa differente da quanto deliberato dal consiglio di classe.

Tutto il resto attiene al diritto amministrativo, perché le delibere del consiglio di classe sono appunto atti amministrativi, che possono anche essere dichiarati illegittimi (e in quanto tali annullati dal tar o dal consiglio di stato) senza che ciò implichi la sussistenza di reati.
Tornare in alto Andare in basso
Nodina



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 16.08.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 5:33 pm

Per Comp_xt:

Il dolo c'è alzando il voto, c'è perché si promuove gente incapace, gente che lavorerà (?) e dovrà creare la società futura, c'è perché si premia qualcuno che non lo merita non avendo lavorato come gli altri, c'è perché si rinforza l'odioso messaggio "ma chi me lo fa fare? tanto il 6 me lo danno al consiglio", c'è perchè molti alunni il 6 vero se lo conquistano con tanta fatica,c'è perché umilia il lavoro dell'insegnante serio e i giudizi ai quali è giunto nel corso dell'anno.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19946
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 6:01 pm

Masaniello ha scritto:
Abbiamo perso avido.ha saltato il fosso.
Ora l uno su un milione giustifica centinaia di migliaia di voti gonfiati e promozioni facili.
Che ricordo, portano sul lungo periodo DISOCCUPAZIONE E FALLIMENTO LAVORATIVO.
non ho detto questo, ho detto che quando si parla di falsi in atto pubblico e relative azioni legali allora si sta usando l'espressione nell'accezione stretta ed è un abuso (non è vero che c'è il falso) nella maggior parte dei casi.

L'accezione ampia, che non può originare azioni legali è invece molto praticata e nulla più che immorale.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19946
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 6:05 pm

Nodina ha scritto:
Per Comp_xt:

Il dolo c'è alzando il voto, c'è perché si promuove gente incapace, gente che lavorerà (?) e dovrà creare la società futura, c'è perché si premia qualcuno che non lo merita non avendo lavorato come gli altri, c'è perché si rinforza l'odioso messaggio "ma chi me lo fa fare? tanto il 6 me lo danno al consiglio", c'è perchè molti alunni il 6 vero se lo conquistano con tanta fatica,c'è perché umilia il lavoro dell'insegnante serio e i giudizi ai quali è giunto nel corso dell'anno.
mettere voti è un atto che deve contemperare diverse esigenze, alcune delle quali da te elencate, altre no.

Il dolo è la volontà di ledere, se la volontà non c'è allora quello che indichi può al massimo essere una colpa.

Se a fronte dei guai che indichi si realizzano altre condizioni "buone" allora non è neanche colpa è semplice scelta politica di privilegiare alcuni aspetti su altri.
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 1558
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 6:10 pm

Nodina ha scritto:
Per Comp_xt:

Il dolo c'è alzando il voto, c'è perché si promuove gente incapace, gente che lavorerà (?) e dovrà creare la società futura, c'è perché si premia qualcuno che non lo merita non avendo lavorato come gli altri, c'è perché si rinforza l'odioso messaggio "ma chi me lo fa fare? tanto il 6 me lo danno al consiglio", c'è perchè molti alunni il 6 vero se lo conquistano con tanta fatica,c'è perché umilia il lavoro dell'insegnante serio e i giudizi ai quali è giunto nel corso dell'anno.

Nodina, ma perché ti ostini a voler adattare le norme giuridiche ai tuoi principi morali?
La valutazione è un atto coperto dalla cosiddetta "discrezionalità tecnica" che può essere annullata dal giudice  amministrativo per vizi di legittimità (es.difetto di motivazione) ma mai per questioni di merito.
Il falso in atto pubblico è un'altra cosa, non rendiamoci pertanto ridicoli sostenendo tesi da stupidario giuridico.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 6:52 pm

Non rendiamoci ridicoli.
Ma sentiamoci responsabili della drammatica situazione di disoccupazione giovanile e di fallimento di progetti di vita.
Non facciano gli struzzi : quando regaliamo i voti in una scuola superiore lo sappiamo che questo ragazzo sarà inchiappettato dal mondo del lavoro..
Tornare in alto Andare in basso
@melia

avatar

Messaggi : 1677
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 58
Località : Padova

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 7:42 pm

Cavolo, deve essere una giornata strana! Devo dare ragione a Masaniello!
Quando mi chiedono di gonfiare un voto o di mettere una sufficienza dove proprio non ci può stare, mi sento corresponsabile
Citazione :
della drammatica situazione di disoccupazione giovanile e di fallimento di progetti di vita.
È  vero che un comportamento di aiuto generalizzato è un comportamento sbagliato nei confronti dei ragazzi che dobbiamo valutare, perché li rende più fragili e più soggetti a fallimenti futuri, declassando il valore anche dei diplomi meritati, ma è anche vero che
Citazione :
il falso in atto pubblico è un'altra cosa
.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 7:55 pm

E poi che dire delle "intimidazioni del ds ", o della "paura di ritorsioni"?
Mi viene in mente una sola parola : MAFIA.
trasposto in un aula scolastica, lo stesso identico meccanismo degli appalti pilotati del "sacco di Palermo", degli "sfarzi "dell epoca di Ciancimino, dei funzionari delle Amministrazioni pubbliche costrette a scegliere QUELLA impresa edile e tutte quelle belle e tipiche usanze italiane che forse ci portiamo dietro da secoli....
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8589
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 10:09 pm

Io posso dire di non aver MAI votato a favore dell'innalzamento di un voto quando il collega della materia interessata era veramente contrario. Ma giuro, proprio MAI. Qualche volta mi hanno messa in minoranza, qualche volta no, ma non mi sono mai permessa di contraddire il parere del collega che ne sapeva più di me sul risultato effettivo della singola materia.
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1395
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 11:25 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Io posso dire di non aver MAI votato a favore dell'innalzamento di un voto quando il collega della materia interessata era veramente contrario. Ma giuro, proprio MAI. Qualche volta mi hanno messa in minoranza, qualche volta no, ma non mi sono mai permessa di contraddire il parere del collega che ne sapeva più di me sul risultato effettivo della singola materia.

Moi non plus
Tornare in alto Andare in basso
 
PRESSIONI DELLA COLLEGA..
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 5 di 7Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
 Argomenti simili
-
» Corriere della Sera del 6/10/2010 - COLPO ALLA LEGGE 40
» 8 maggio .... festa della mamma e non solo ...
» La settimana della passione (parlamentare)
» oggi la mia collega....
» Armonia della Perfezione

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: