Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 PRESSIONI DELLA COLLEGA..

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
AutoreMessaggio
Masaniello



Messaggi : 3164
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Lun Giu 05, 2017 9:13 pm

Promemoria primo messaggio :

L aspetto sarebbe di una severissima e non giovanissima (non le ho chiesto l età, ho utilizzato direttamente il metodo del Carbonio 14) professoressa di italiano d altri tempi. Quelle che ai miei tempi ti terorizzavano al solo entrare in classe.
e invece..... si è già esibita agli scrutini intermedi in incredibili filippiche a favore dei "poveri ragazzi fragili con brutti voti" invitando sostanzialmente tutti ad alzare sempre e comunque i voti..
Addirittura in pieno scrutinio
!era esibita in un numero da circo del tipo "siete sereni quando date dei brutti voti?ricordate che in Finlandia non esiste bocciatura e la scuola è migliore in europa"
Oggi mi chiama preoccupatissima a fine giornata e mi fa "devo parlarti di Pablo Escobar
Chi è Escobar? Alunno di quarta scienze applicate. Famiglia normale, fidanzata a scuola,apparentemente sereno,ha degli amici a scuola. NON FA NULLA. A differenza dei compagni,che se prendono un 4 corrono a recuperare, lui se ne fotte alla grande.mai chiesto di recuperare,non ha un voto superiore a 4 nella mia materia.
OVVIAMENTE FA DEI TEMI MERAVIGLIOSI (come non crederci...) Mistero di Stato come sia arrivato in quarta.
In sostanza,scrive i dati del problema di fisica, stop,dorme, consegna a fine ora.
Oggi l Esimia collega mi comunica che è un ragazzo fragile, depresso,che ha chiesto l incontro con la psicologa.
"Non è che ha che ne so un 4 mezzo almeno che vediamo un po allo scrutinio?"
"No"
"Sono preoccupata per lui,ho paura che bocciarlo gli faccia cadere il terreno sotto i piedi"
Non le rispondo, faccio spallucce.
(Non è bes, dsa, nulla. Ha insufficienze in molte materie)
"Vediamo se la psicologa,dott ssa xxyy mi prepara magari una relazione per gli scrutini, me riparliamo, mi dispiace che perda gli amici in classe.ho paura che crolli "
Ora,due ipotesi.
-è completamente fulminata e crede davvero in quello che dice.
-è immanicata con la vice, spinge all inverosimile per promuovere tutti?
Di sicuro io fottesega. Lo porto con 3.
Metto la mano sul fuoco che tuttavia riuscirà a condizionare a tal punto i colleghi che gli daranno due sole materie a settembre e poi via,promosso di nuovo anche con scena muta.
Ultima ipotesi. Essendo questo fenomeno di collega un ex (carica pubblica ) non vorrei che il pargolo sia figlio dellacugginadellamicadellassessore. ....
Tornare in alto Andare in basso
Online

AutoreMessaggio
paniscus_2.0



Messaggi : 8543
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 11:34 pm

Scusate, ma possiamo tornare alla discussione sulle implicazioni ETICHE, invece che abbarbicarsi solo a quelle LEGALI?

Vogliamo almeno accettare che dare 6 a chi ha 4 è una cosa immorale, e dannosa per lo studente stesso, anche se è legalmente consentita?

Non è che se una cosa "è legale" allora si debba essere obbligati a farla per forza, eh.

Il fatto che sia legale non cambia di una virgola l'evidenza che possa essere discussa eticamente, e che qualcuno sia d'accordo e qualcuno no.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 8543
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Sab Giu 10, 2017 11:44 pm

@melia ha scritto:
Cavolo, deve essere una giornata strana! Devo dare ragione a Masaniello!
Quando mi chiedono di gonfiare un voto o di mettere una sufficienza dove proprio non ci può stare, mi sento corresponsabile
Citazione :
della drammatica situazione di disoccupazione giovanile e di fallimento di progetti di vita.
È  vero che un comportamento di aiuto generalizzato è un comportamento sbagliato nei confronti dei ragazzi che dobbiamo valutare, perché li rende più fragili e più soggetti a fallimenti futuri, declassando il valore anche dei diplomi meritati, ma è anche vero che
Citazione :
il falso in atto pubblico è un'altra cosa

Scusa ma non capisco la conclusione.

Stai dicendo che "siccome non si tratta di un falso in atto pubblico allora ti adegui"...

...o stai dicendo che non ti adegui comunque, perché ANCHE se non si tratta di un falso in atto pubblico, lo consideri immorale lo stesso?

Perché sono due cose molto diverse, spero che sia chiaro!

Io non ho assolutamente l'automatismo di far passare qualsiasi cosa che considero eticamente inaccettabile, solo "perché è legale".
Tornare in alto Andare in basso
Online
balanzoneXXI



Messaggi : 1359
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 2:04 am

hypernova ha scritto:
Da noi è successo l'anno scorso che una DS ci ha "imposto" di promuovere tutti e la maggioranza dei colleghi ha abbassato la testa per paura di ritorsioni.

In che senso vi ha imposto?
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 2401
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 8:04 am

Il dirigente non ha il potere di IMPORRE una promozione. Al massimo può votare per la promozione, e fare da "tie-breaker" in caso di pareggio, ma è la maggioranza a decidere.
Il voto viene infatti deciso ad alzata di mano, non serve l'unanimità. Se ritenete un "falso morale" (non è giuridico come abbiamo appurato) alzare i voti a buffo, allora io sono d'accordo. E' una scorrettezza che chi vuole può non commettere, basta che voti contro.
E alla fine è la maggioranza a decidere.
Anche io non sono contento quando con democratiche elezioni viene eletto il candidato che ritengo non idoneo a vincere (ad es.perchè è un ladro condannato), ma non è che dico che ha vinto coi brogli, semplicemente la maggioranza è stata stupida, superficiale, corrotta. Lo stesso accade in consiglio quando si prende la sciagurata decisione di alzare un voto che non andava alzato; e allora se sono contrario faccio verbalizzare il mio parere contrario di minoranza.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 9:02 am

Paolo Santaniello ha scritto:
e allora se sono contrario faccio verbalizzare il mio parere contrario di minoranza.
Più per orgoglio che per altro; diciamolo, non serve a nulla, spreca inchiostro e 5 preziosi secondi.
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 5558
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 9:40 am

DammiUnaManu ha scritto:
mac67 ha scritto:
DammiUnaManu ha scritto:
Oggi ho assistito ad uno scrutinio che mi sembrava una farsa: tutti promossi... (richiesta esplicita della preside), anche quelli che durante l'anno non hanno fatto altro che grattarsi la pancia e scambiavano le lezioni per ore di ricreazione. Per tutto il tempo sentivo lo sciacquone del water sullo sfondo...un'anno intero di lavoro più la mia dignità professionale giù per il water, sono uscita da scuola avvilita e triste

Davanti a un cdc di docenti che hanno compreso il loro ruolo, nessun DS può imporre alcunché.

La colpa è solo vostra.

Ero l'unica in quella stanza che aveva messo dei 4 ed era disposta a bocciare. Quando il segretario ha visto i miei voti si è girato mi ha guardato e ha detto seccamente: "Quattro? Non si può fare", con uno sguardo che voleva aggiungere:"Ma che, ci fai perdere anche tempo?", nessuno ha fiatato. A quel punto le mie proteste erano quasi ridicole...ripeto: triste e avvilita.

In questi casi la risposta è: "non voglio convincere nessuno a votare come me, ma rimane il mio voto contrario. Nel verbale si scriva che è ammesso a maggioranza".
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 5558
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 10:02 am

paniscus_2.0 ha scritto:
Scusate, ma possiamo tornare alla discussione sulle implicazioni ETICHE, invece che abbarbicarsi solo a quelle LEGALI?

Visto che alcuni sono convinti che attribuire un voto diverso da quello proposto dal docente sia illegale (fesseria) ci tocca discutere anche di questo.

paniscus_2.0 ha scritto:

Vogliamo almeno accettare che dare 6 a chi ha 4 è una cosa immorale, e dannosa per lo studente stesso, anche se è legalmente consentita?

Dipende. Molte volte sì. Però ...

Sono reduce da un cdc con collega chiaramente disturbato mentalmente che ha proposto un voto negativo ad alunno con buoni voti in tutte le materie. Che il collega sia fuori di testa è evidente da tempo a chiunque abbia a che fare con lui. Che facciamo? Lasciamo il 3 proposto dal collega?

Quinto anno: Ciccio studia, ma in matematica (o inglese, o filosofia, o greco, fate voi) non si schioda dal 4. Più di quello non riesce. Ha sbagliato indirizzo, è chiaro, ma è arrivato fin qui (lo so, andava reindirizzato prima, ma ormai la situazione è questa). Lo lasciamo in quinta per questo, solo perché c'è una norma idiota che impone tutti 6, quando anni prima sarebbe stato ammesso all'esame con il suo 4 perché c'era una norma diversa?
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3164
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 10:02 am

Curioso che gli stessi docenti rassegnati, succubi, intimiditi dal "boss" della scuola sono poi quelli che magari propongono progetti sulla legalità,contro le mafie ecc ecc
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3164
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 10:06 am

Ricordo ai "consulenti giuridici" del forum, convinti della bontà del voto di consiglio come arma di difesa dei poveri studenti contro professori disturbati mentalmente che basterebbe la trasparenza delle valutazioni date per garantire il "giusto voto" alla alunno.
Se il professore è disturbato sicuramente lo sono anche le sue verifiche scritte. In tutti gli altri casi è ETICAMENTE SCANDALOSO che alzando un dito si cancellino nove mesi di attività didattica di un collega
Tornare in alto Andare in basso
Online
Hoffnung2



Messaggi : 1672
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 10:07 am

Masaniello ha scritto:
Non rendiamoci ridicoli.
Ma sentiamoci responsabili della drammatica situazione di disoccupazione giovanile e di fallimento di progetti di vita.
Non facciano gli struzzi : quando regaliamo i voti in una scuola superiore lo sappiamo che questo ragazzo sarà inchiappettato dal mondo del lavoro..
Una mia saggia collega ripeteva spesso: 'dove non vi bocceremo noi, vi boccerà la vita'.

L'altro giorno ho assistito ad una lievitazione indegna di voti (4 e 5) portati a 6 PRIMA dello scrutinio, mentre da giorni le colleghe 'fornaie' lamentavano lo scarso profitto. Indecoroso! La mia insufficienza, l'unica, è rimasta, ma ero veramente sconcertata e triste. Che figura facciamo verso quelli studiosi? Ed io che mi facevo scrupoli ad arrotondare a 10 i 9.6.
È mia ferma intenzione curare maggiormente il gruppetto delle eccellenze negli anni futuri, almeno saranno energie ben spese.
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 5558
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 10:13 am

Masaniello ha scritto:
Ricordo ai "consulenti giuridici" del forum, convinti della bontà del voto di consiglio come arma di difesa dei poveri studenti contro professori disturbati mentalmente che basterebbe la trasparenza delle valutazioni date per garantire il "giusto voto" alla alunno.
Se il professore è disturbato sicuramente lo sono anche le sue verifiche scritte. In tutti gli altri casi è ETICAMENTE SCANDALOSO che alzando un dito si cancellino nove mesi di attività didattica di un collega

Se verifiche scritte ne fa. E se non si inventa voti mai comunicati agli allievi.

Casi sporadici, lo so, ma esistono.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3164
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 10:25 am

La soluzione normativa sarebbe la possibilità in CASI ECLATANTI ,già durante l anno scolastico ,per il preside di poter far fare verifiche da ispettori, in tempi rapidi ,su insegnanti palesemente incapaci o che non svolgono attività didattica.
Ma un caso su 5000 non giustifica la norma che è la sostanziale distruzione di 9 mesi di didattica dei colleghi con un dito alzato
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 10:26 am

Masaniello ha scritto:
Ricordo ai "consulenti giuridici" del forum, convinti della bontà del voto di consiglio come arma di difesa dei poveri studenti contro professori disturbati mentalmente che basterebbe la trasparenza delle valutazioni date per garantire il "giusto voto" alla alunno.
Se il professore è disturbato sicuramente lo sono anche le sue verifiche scritte. In tutti gli altri casi è ETICAMENTE SCANDALOSO che alzando un dito si cancellino nove mesi di attività didattica di un collega
Non la puoi fare così semplice
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/09/17/cagliari-stupra-una-studentessa-davanti-a-una-compagna-arrestato-professore/1123537/

In ogni caso, come ben sai la probabilità di un evento congiunto è pari al prodotto delle probabilità degli eventi singoli, e quindi inferiore.

Se i docenti anomali esistono, la probabilità che in un cdc ce ne siano molti e che facciano le porcate che dici tu, è inferiore alla probabilità che un singolo docente faccia le sue porcate autonome.

Se ti affidi alla saggezza del singolo, ti devi affidare ancor più alla saggezza del gruppo.

Io comunque in 10 anni di servizio non ho visto tutto questo votarmi contro o votare contro altri; ho visto numerosissimi "falsi in atto pubblico" (in senso lato), a molti ho contribuito di mia spontanea volontà e l'ho fatto perchè ho valutato la questione da più punti di vista e quella mi è sembrata la cosa più saggia da fare:

Gli regaliamo un diploma con 60/100 ? Per quello che vale !
Se nelle scuolacce (dove si concentrano gli alunni peggiori) si bocciassero tutti coloro che lo meritano si promuoverebbe nell'immediato solo il 5% dei ragazzi e nel medio periodo (dopo aver indotto i ragazzi a dare il meglio e non il peggio) il 20 %; una scuola tipica di 800 ragazzi scenderebbe a 200 e verrebbe chiusa.
La società è marcia nelle fondamenta, impone lo studio a tutti, anche a chi non vorrebbe, impone lo studio di tante cose inutili, impone il possesso del diploma anche per pulire i cessi, quindi impedire ad uno stronzetto da 4 soldi che non ha voluto studiare i polinomi (presenti in ogni scuola) di cucinare una frittata e venderla, per me è più grave che regalargli un immeritatissimo 60/100.
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 5558
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 10:33 am

Masaniello ha scritto:
La soluzione normativa sarebbe la possibilità in CASI ECLATANTI ,già durante l anno scolastico ,per il preside di poter far fare verifiche da ispettori, in tempi rapidi ,su insegnanti palesemente incapaci o che non svolgono attività didattica.
Ma un caso su 5000 non giustifica la norma che è la sostanziale distruzione di 9 mesi di didattica dei colleghi con un dito alzato

Sulla parte in neretto non posso che condividere. E questi sono sempre quei presidi che vogliono la chiamata diretta e più poteri, ma quelli che hanno già non li vogliono usare.

Concentrati sul caso di Ciccio, che è più frequente.

Il problema non è la normativa, è l'interpretazione che ne diamo noi. "Va bene nella mia materia? E allora chi se ne frega se va male in matematica, nemmeno io ci capivo un tubo".
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 8543
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 10:59 am

Discussione con una collega di materie umanistiche, pochi giorni fa, a proposito degli scrutini di ammissione agli esami di una quinta, in cui parecchi dovranno essere ammessi a maggioranza con insufficienze nettissime nelle materie fondamentali di indirizzo:

- "Ma ci sono troppe insufficienze in matematica e fisica, non hai proprio intenzione di passarli a 6"?

- "Di mia iniziativa prima dello scrutinio, assolutamente no... poi semmai in consiglio se ne discute!"

- "E poi che figura ci facciamo con i commissari esterni, se vedono che ci sono tutti questi ammessi a maggioranza?"

- "Ci facciamo la figura realistica di come è davvero il livello della classe, che problema c'è?"

- "Ma non puoi essere così esigente da far sputare sangue per strappare un 6, devi capire che la matematica è difficileeeee!"

- "Ti dirò, credo di saperlo già benissimo, sicuramente molto più di te"  : - )

Il problema è che questa gente, che trova la matematica tanto difficile (e che trova prontamente sponda da parte di questi miei colleghi che ragionano così) ha scelto di fare il liceo scientifico, anzi, in particolare ha scelto di fare il corso di scienze applicate, in cui ci sono ancora più ore di materie scientifiche rispetto all'ordinario.

Classe in cui almeno sei o sette persone sono sempre state rimandate in matematica, o in fisica, o in informatica, o in una assortita combinazione lineare di due o tre di queste materie messe insieme, e poi sempre promosse con voto di consiglio CONTRO il parere degli insegnanti delle materie interessate, nonostante non avessero recuperato nulla e si fossero presentate all'esame di recupero in condizioni anche peggiori che a giugno. 

E io devo preoccuparmi della figuraccia che ci farei io a presentarli con l'insufficienza?
Tornare in alto Andare in basso
Online
Hoffnung2



Messaggi : 1672
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 11:19 am

Hai perfettamente ragione! La collega è troppo buonista! Spesso le 'umaniste' sono più larghe di manica, ma ti prego, non incaselliamoci in categorie predefinite.
Tornare in alto Andare in basso
Online
DammiUnaManu



Messaggi : 34
Data d'iscrizione : 17.12.15

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 11:53 am

Masaniello ha scritto:
La soluzione normativa sarebbe la possibilità in CASI ECLATANTI ,già durante l anno scolastico ,per il preside di poter far fare verifiche da ispettori, in tempi rapidi ,su insegnanti palesemente incapaci o che non svolgono attività didattica.
Ma un caso su 5000 non giustifica la norma che è la sostanziale distruzione di 9 mesi di didattica dei colleghi con un dito alzato

Esatto! Il voto del Cdc o ispezioni su casi eclatanti dovrebbero servire a "proteggere" i ragazzi da tipi strani (per non dire altro) come questi, non a premiare ragazzi che si comportano da strafottenti e calpestano noi e l'istruzione che gli diamo! La norma funzionerebbe se tutti fossimo integri in quello che facciamo!!!!
Tornare in alto Andare in basso
disorientata71



Messaggi : 275
Data d'iscrizione : 14.01.14

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 12:26 pm

Sono reduce da un CdC a mio parere surreale... Ragazzi con 4 o 5 materie insufficienti per la situazione dei quali alcuni docenti hanno iniziato a sollevare tanti di quei dubbi, etici e legali insieme, da protrarre la riunione oltre le 2 ore.... E la cosa più odiosa, a mio parere, è stata la prepotenza con la quale alcuni colleghi sono intervenuti nel merito delle valutazioni di altri colleghi, sindacandone le virgole...
Inutile dire come è finita, potete immaginarlo.

La ciliegina sulla torta è stato il DS che, intervenuto in un'altra occasione, ha richiamato tutti quanti alla responsabilità di valutare gli alunni tenendo conto anche e soprattutto del fatto che potrebbero tentare gesti insani in conseguenza di una bocciatura... E si riferiva agli adolescenti TUTTI, non solo a casi particolari o conosciuti.

Se il metro per decidere se bocciare o promuovere è questo però.... lasciamo perdere proprio il concetto di valutazione. Se ogni volta che io mi metto in condizione di farmi la domanda "questo ragazzo ha le competenze per proseguire in questo percorso di  studi?" devo anche pensare "questo ragazzo potrà arrivare a fare un gesto insano?", è chiaro che deciderò di promuovere e di evitare danni esistenziali.
Ora, che l'adolescenza sia una fase critica, è un dato assodato.
Che i casi di ragazzi con evidenti problemi esistano, e che molto spesso noi ne conosciamo le situazioni anche grazie ai colloqui con le famiglia, è vero, ed è assolutamente giusto tenere conto di tutte le informazioni di cui disponiamo per decidere il meglio per loro (o quello che crediamo essere il meglio).
Ma un discorso così, generico e indifferenziato, quasi di principio, come quello che ha fatto il DS mi ha lasciato un po' interdetta....
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8543
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 12:33 pm

E comunque, credo che il problema si risolverebbe, o si attenuerebbe di molto, se venisse consentito di promuovere a maggioranza ANCHE con qualche materia che rimane insufficiente, come si faceva fino a pochi anni fa alle medie inferiori, e come tornerà a essere negli anni prossimi per l'ammissione agli esami di stato. Ecco, un sistema del genere lo estenderei anche a tutti gli altri anni di corso, sia alle medie che alle superiori. Non è quello che ci chiedono insistentemente da anni, ovvero di certificare le competenze vere? Fosse per me, manterrei il potere dl voto a maggioranza del consiglio di classe solo sulla decisione se promuovere o bocciare nei casi dubbi, ma non sul modificare i voti delle singole materie contro il parere del docente interessato. Così lo studente scarso, o lo studente volutamente selettivo sulle materie che gli piacciono o non gli piacciono, l'anno scolastico se lo salva ugualmente, ma sulla pagella ci rimane scritto che in certe materie aveva 4, e quel voto fa media come un 4 e non come un 6... se la cosa si ripete per diversi anni, alla fine l'impatto sui crediti finali e sul voto di esame si fa sentire.

Certo che anche in quel caso non si potrebbe comunque fare nulla contro la massa di colleghi buonisti che passerebbero i 4 a 6 di loro spontanea iniziativa, perchè pensano sinceramente che scrivere un 4 sulla pagella sia troppo brutto e rovini l'autostima, anche se non porta alla bocciatura, ma almeno non sarebbe possibile costringere anche chi non è d'accordo a subire un cambio forzato dei propri voti.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 8543
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 12:41 pm

disorientata71 ha scritto:
alla responsabilità di valutare gli alunni tenendo conto anche e soprattutto del fatto che potrebbero tentare gesti insani in conseguenza di una bocciatura... E si riferiva agli adolescenti TUTTI, non solo a casi particolari o conosciuti.
SOPRATTUTTO? Cioè, il ds pensa davvero che il rischio di suicidio o di gesti violenti sia la norma per la maggioranza degli adolescenti, e che non sia un caso estremo del tutto eccezionale? Ma santa pazienza, quanti ne avete conosciuti, voi, di adolescenti che si sono suicidati o che hanno tentato di farlo, o che hanno sbroccato di testa aggredendo altri, e non solo a causa di una bocciatura, ma per qualsivoglia altra causa, una lite familiare, una delusione d'amore, o che altro? A me sembra che siano (per fortuna) pochissimi, e quasi sempre con un quadro conclamato di depressione o di disturbi psichici già esistenti da tempo. E adesso viene fuori che chiunque si permetta di dare un'insufficienza è un criminale che induce al suicidio? Ma che se ne andassero a spigare...


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Dom Giu 11, 2017 1:05 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
disorientata71



Messaggi : 275
Data d'iscrizione : 14.01.14

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 12:42 pm

Esatto Panuscus.... infatti io sono rimasta interdetta da questa sua affermazione......
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3164
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 12:46 pm

"I propri voti" che per inciso sono il frutto di 9 mesi di valutazione oggettiva delle conoscenze dell alunno,e GIÀ TENGONO CONTO DI DIFFICOLTÀ FAMILIARI E DI OGNI COSA POSSIBILE IMMAGINABILE POSSA CREARE IL MINIMO DISAGIO AL FANCIULLO, ovviamente compresi dsa, bes, certificazione, morte del gatto, aiutini, compassioni, recuperi e controrecuperi.
Ma non basta. Con una pila di verifiche valutate secondo una griglia, si parte comunque da zero e sempre a salire con i voti
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3164
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 12:48 pm

E se fossero invece le frustrazioni dei docenti post scrutinio a istigare gli stessi soldi sgonfiare le gomme dell auto del preside? ?
Tornare in alto Andare in basso
Online
Paolo Santaniello



Messaggi : 2401
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 1:02 pm

Eventuali illazioni di carattere psicologico (suicidi, autostima etc), anche se fossero fondate ESULANO dalla funzione docente, perchè i docenti non hanno le competenze adatte per valutare questi fattori. In tal senso, anche se il consiglio vuole tenere conto di una situazione generale, penso non sia consigliabile usare questi argomenti per motivare ammissioni.
Tornare in alto Andare in basso
seasparrow



Messaggi : 2393
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 58
Località : Venezia

MessaggioTitolo: Re: PRESSIONI DELLA COLLEGA..   Dom Giu 11, 2017 1:14 pm

anche io ho ricevuto pressioni dalla vicepreside di alzare i voti di informatica alla 1a futuri ipotetici geometri (CAT costruzione ambiente territorio) (posso anche capire che molte delle ragazzine dell'indirizzo moda e i ragazzi dell'indirizzo agrario possano essere un poco negate/i con Excel e programmazione)
la motivazione: non hanno potuto apprendere bene perche' in classe ci sono state molte ore di caos perche' io non sapevo gestire bene la classe cioe' la colpa invece di essere dei telefonini e giochini vari sempre in mano e del fallimento educativo dei genitori e delle signore maestre sarebbe mia che non sono riuscito a fare lezioni coinvolgenti e divertenti al Parco Giochi Istituto Tecnico XXX-YYY

>oggi mi chiama preoccupatissima a fine giornata e mi fa "devo parlarti di Pablo Escobar"

alle ore 11 durante la festa di fine anno a scuola

>Mistero di Stato come sia arrivato in quarta

mistero di stato come possono essere usciti dalla 3a media certi studenti

>ora, ci sono due ipotesi (a) e' completamente fulminata e crede davvero in quello che dice (b) promuovere tutti per guadagnare clienti /studenti?

probabilmente SI (b)

(3787)
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
PRESSIONI DELLA COLLEGA..
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 6 di 7Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
 Argomenti simili
-
» Corriere della Sera del 6/10/2010 - COLPO ALLA LEGGE 40
» 8 maggio .... festa della mamma e non solo ...
» La settimana della passione (parlamentare)
» oggi la mia collega....
» Armonia della Perfezione

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: