Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
» L'ADHD e il DOP sono malattie fittizie, inventate?
Oggi alle 9:18 pm Da arrubiu

» Quota 100: latest news
Oggi alle 9:15 pm Da Procopio

» ora di mensa
Oggi alle 9:09 pm Da fischietto

» Indire e bilancio iniziale competenze
Oggi alle 9:04 pm Da VITAK

» Responsabile trasparenza e dati personali
Oggi alle 8:48 pm Da fischietto

» Voto massimo verifica scritta
Oggi alle 8:35 pm Da triny84

» prove di evacuazione
Oggi alle 7:55 pm Da Tiria

» Posti disponibili
Oggi alle 7:50 pm Da Dillo

» Requisiti TFA sostegno
Oggi alle 7:33 pm Da Aglaia18

Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Quando ha avuto inizio la stretta sulle bocciature alle medie?

Andare in basso 
AutoreMessaggio
wandering



Messaggi : 9
Data d'iscrizione : 28.09.10

MessaggioTitolo: Quando ha avuto inizio la stretta sulle bocciature alle medie?   Ven Giu 16, 2017 2:07 pm

Come da topic, mi domando, visto l'andazzo a cui assisto ormai da anni:

1) quando è stata introdotto l'obbligo, per il coordinatore di classe delle medie, di avvertire telefonicamente le famiglie degli alunni bocciati PRIMA che vengano affissi i cartelloni?

2) quando è stata introdotta l'usanza, sempre alle medie, di inserire nei cartelloni soltanto i nomi dei promossi, omettendo i nomi dei bocciati?

Trovo tutto questo molto ridicolo, perché la scuola primaria non boccia praticamente nessuno. Si arriva addirittura a presentare, nel passaggio dalla quinta elementare alla prima media, degli alunni con 4 a italiano e 4 a matematica, come niente fosse. Al contrario, alle superiori vengono messi sui cartelloni i voti per ogni singola materia, o viene scritto, senza mezzi termini, in barba a una privacy che effettivamente non ha ragione di essere, che il tale è rimandato o bocciato.

La domanda che sorge spontanea è: come si dovrebbero gestire, in prima media, degli alunni che non hanno la minima competenza nelle due materie fondamentali (italiano e matematica), per non parlare delle altre materie? O li bocciamo, tragicamente (tragicamente perché è un bel casino far recuperare in un anno quello che non hanno imparato nei cinque anni delle elementari), o li promuoviamo a oltranza tollerando il loro pascolare per tre anni alle medie, arrivando in terza a modificare i loro voti per farli ammettere e a falsificare le loro prove d'esame, Invalsi compreso (perché, diciamolo chiaramente, l'Invalsi è falsificabile sia durante la prova, sia durante la correzione, sia durante l'immissione dei dati), per far loro avere sei, se non addirittura sette.

Mi sembra poi di capire che, salvo il caso dei licei più esigenti, neppure alle superiori gli alunni più ignoranti vengano bocciati. Quindi che razza di ignoranti finiscono col prendere la maturità?

Per tornare alla mia esperienza, mi è appena capitato di ammettere all'esame di terza media praticamente chiunque (salvo quelli che non hanno raggiunto i 3/4 di giorni di frequenza), portando molti voti dal quattro e dal cinque al sei. In un solo caso è stata bocciata, a forte maggioranza del consiglio, un alunno che, malgrado le capacità, aveva insufficienze in tutte le materie delle quattro prove scritte. Fatta la telefonata, il coordinatore ha visto arrivare inviperiti i genitori dell'alunno, che hanno offeso pesantemente il coordinatore e il vicepreside, negando fra l'altro di essere mai stati informati sull'andamento del figlio (cosa falsa, perché le comunicazioni sullo scarso impegno e rendimento dell'alunno sono stati sistematici). Il dirigente, vista la reazione, si è incacchiato con i docenti del consiglio di classe, il che mi fa intuire che dal prossimo anno ci sarà, nella scuola dove insegno, una definitiva stretta sulle bocciature.

Ma se così accadrà, che partecipazione alle attività scolastiche si potrà mai sperare di avere, se appunto la promozione e il diploma di licenza media saranno inevitabilmente assicurati?

Il refrain dei dirigenti è sempre lo stesso: "a cosa serve può servire per l'alunno tal dei tali una bocciatura?". Il refrain mio è: "ma perché si deve promuovere, falsificando la realtà dei fatti, chi non si impegna per niente, neppure nelle attività di recupero, e si fa quasi un vanto della propria ignoranza?" (esempi di ignoranza: alunni che in terza non sanno chi è il nostro presidente della Repubblica e il nostro presidente del Consiglio, non sanno cosa sia il G7, non sanno che cosa si festeggi il 25 aprile e il 2 giugno, non sanno quali stati siano a sud e a nord degli USA, non sanno andare oltre il "my name is..." a inglese...).
Torna in alto Andare in basso
avvocatodeldiavolo



Messaggi : 1161
Data d'iscrizione : 22.01.12

MessaggioTitolo: Re: Quando ha avuto inizio la stretta sulle bocciature alle medie?   Ven Giu 16, 2017 2:53 pm

E' più facile vedere i colleghi che mettono i voti a matita nei compiti per poi aspettare il risultato dell'invalsi per ufficializzare
Torna in alto Andare in basso
 
Quando ha avuto inizio la stretta sulle bocciature alle medie?
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» normativa bocciature
» ....lista per Icsi, a Dicembre si parte!
» inizio??????????????
» vestiti premaman, come e quando?
» Gli zingari lasciano dei segni misteriosi sulle porte?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Vai verso: