Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Debito nonostante il grande impegno

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
Bisetta



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 18.06.17

MessaggioTitolo: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 12:37 am

Promemoria primo messaggio :

Cari docenti,
sono la zia di una ragazzina che ha frequentato quest'anno la V ginnasio e vorrei, se possibile, un parere su mia nipote e sulla sua situazione scolastica.
Mi scuso fin da subito per la prolissità e la dovizia di particolari, ma vorrei farvi capire al meglio quanto è accaduto e sta ancora accadendo.
Gli attori di questa storia sono Eleonora, 16 anni, studentessa del liceo classico, un'insegnante di greco e latino e mia sorella, mamma della ragazzina.

Il percorso scolastico di mia nipote è iniziato lo scorso anno con le difficoltà “normali” di chi affronta il primo anno delle superiori.
Le materie più ostiche, per buona parte della classe, si sono rivelate subito latino e greco con voti che partivano dall'1 e si fermavano al 3.
Il 4 era una conquista, il 5 un sogno che si realizza, il 6 una meta mai raggiunta.

La docente delle suddette materie è un'insegnante abbastanza giovane, la cui competenza didattica mi lascia perplessa: è possibile che ogni anno, in entrambe le classi del biennio dove insegna, ci siano almeno 10-12 a volte anche 14 ragazzi che rimediano il debito in greco e latino?
Sì, è possibile, direte voi.
Se i ragazzi non raggiungono gli obbiettivi minimi vanno rimandati a Settembre.
Ok.
Ma è possibile che tu in un anno non sei in grado di far raggiungere la sufficienza a metà classe?
Il tuo operato da chi e come viene giudicato?

La docente mostra un comportamento volutamente arido con determinati elementi della classe.
Ma non con tutti.
Con alcune (la classe è composta solo esclusivamente da femmine) si mostra molto indulgente, tenera, comprensiva. Con altre è addirittura “amica” su FB dove non disdegna di lasciare commenti particolari che mai ti aspetteresti da un'insegnante (del tipo “ah, se non ci fossi tu in classe come farei!” rivolgendosi alla ragazzina di turno).
Ok.
Non c'è nulla di male neanche in questo.

Con altre ragazze invece il rapporto si mantiene freddo e distante oltre ogni limite.
Mia nipote è fra queste.
Uno potrebbe pensare ad una ragazzina maleducata, che veste in modo provocante o che in classe mostra un comportamento indisponente o inadeguato..
Ecco.
Eleonora è esattamente il contrario.
Forse troppo il contrario, perché è mite, educata, quasi in ombra..

Eleonora non sarà brillante come certe, non avrà la malizia di alcune… però studia.
Studia tanto.
Tantissimo.
Fare il liceo classico è il suo sogno e si impegna molto.
Si impegna davvero.
Fa tutti i compiti, non salta le verifiche, è sempre pronta per essere interrogata.
Non ha grilli per la testa, non ha FB.
Ama la danza, è molto brava e dotata fisicamente, ma rinuncia sempre, volentieri per gli impegni scolastici.
Oltretutto, da Novembre dell'anno scorso, dopo i 2 e i 3 di latino e greco, ha iniziato anche ad andare a ripetizione, un'ora e mezza alla settimana, per fare esercizio, per capire, per rimediare..

Ok, direte voi.
Tutta questa perfezione per dirci cosa?
Per dirvi che non le viene mai riconosciuto l'impegno da parte della sua docente che ha VOLUTO rimandarla a settembre l'anno scorso e anche quest'anno in entrambe le materie.
Latino col 5 e ½, greco col 4.
In entrambi i casi mia nipote ha fatto di tutto per tirare su almeno latino: si è fatta interrogare, si è preparata ogni giorno da metà maggio chiedendo ad ogni lezione di poter essere verificata ancora, ancora e ancora.. La sua insegnante l'ha interrogata perché stufa di sentirla solo Giovedì 8 Giugno (anche perché la classe intera le stava chiedendo come mai non volesse verificare la preparazione di Eleonora e, quasi messa alle strette, ha acconsentito un po' scocciata alla richiesta).
La ragazza ha rimediato un 7- che certo non è bastato ad alzare la media fino al 6.
Ma poco mancava..
Preciso che le altre materie sono tutte ampiamente sopra la sufficienza, con alcuni 8 e un 9.
Comportamento da 10.
Eppure in consiglio è stato deciso di darle il debito.
Ad altre è stata concessa la promozione con l'asterisco, ad alcune addirittura la promozione nonostante avessero voti simili a quelli di mia nipote, alcune hanno avuto solo la materia in cui l'insufficienza era più “grave”.
Lei no.
Però i ragazzi fra loro parlano, conoscono le rispettive situazioni ed è abbastanza palese che la docente faccia figli e figliastri…

Il terzo attore, infine, è mia sorella.
Che, se la figlia è mite, è ancora peggio.
Che ha fiducia nell'operato degli insegnanti, che non vuole intromettersi nelle loro decisioni, che non vuole interferire con la didattica, che non si permette di chiedere colloqui con la preside…
E che soffre da morire perché sente la sua bambina in lacrime dire “Mamma sono una fallita, mamma sono una fallita”.
Durante l'anno, nonostante io la sollecitassi (perché sono la vipera della famiglia), non ha mai voluto parlare con la professoressa oltre i normali colloqui stabiliti (uno per ogni quadrimestre) per non essere “quella che si lamenta” e, forse, anche per non mettere la ragazza in ulteriore cattiva luce.
Non ha mai voluto andare dalla preside per chiedere un chiarimento sull'operato della docente in questione, per far vedere versioni OGGETTIVAMENTE tradotte bene, ma in cui venivano segnati errori INESISTENTI… E quanto dico è provato non da me che ho studiato greco 25 anni fa, ma dalla professoressa che le dà ripetizioni.
A metà anno c'è stato un polverone in classe, molti genitori si sono lamentati per la difficoltà delle versioni che venivano assegnate dalla professoressa e per i 2 che fioccavano in continuazione.
La docente si è giustificata sostenendo che le versioni da lei assegnate sono quelle che il ministero stesso consiglia (ma chi, la Valeria????????????).

Insomma, tutto questo pistolotto per chiedere a voi un consiglio.
Mia sorella parla di cambiare scuola (essendo l'unico liceo cittadino, bisognerebbe fare 20 km ogni mattina per frequentare il liceo più vicino…) o di cambiare proprio indirizzo.
Eleonora è disperata perché è quello che le piace e vorrebbe proprio studiare latino e greco, ma teme di non averne le capacità.
Io consiglio una terza valutazione, che non sia quella dell'insegnante di ripetizione né quella della professoressa di scuola, per capire se le difficoltà ci sono davvero o se invece si tratta di reale accanimento.

Voi cosa fareste?
Andreste a parlare con la preside in questi giorni?
E per dirle cosa?
Mia sorella dopo il colloquio post-quadri, presa da rara furia, ha firmato la rinuncia ai corsi di recupero che offre la scuola e ora teme di aver siglato la bocciatura a settembre della figlia..

Insomma, io vivo un marasma..
Vorrei fare qualcosa per entrambe, perché sto male a vederle soffrire così per la miopia e l'accanimento di un'insegnante che non riesce a dare il giusto valore ad una ragazzina in difficoltà esattamente come altre, cui però non viene regalato nulla e di cui non viene riconosciuta l'abnegazione nello studio..
Il punto è che non so come consigliarle a questo punto.

Qualcuno di voi, che è stato così paziente da leggermi fin qui, avrebbe voglia di darmi un suo parere?
Andateci giù di brutto se ritenete di farlo.
Ho bisogno di un parere esterno che mi faccia capire cosa possiamo e dobbiamo fare.
Grazie a tutti della pazienza.






Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Bisetta



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 18.06.17

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 2:41 pm

@avido
siamo d'accordo.
il punto da cui si può ripartire è una valutazione "esterna" sulla preparazione di Eleonora.
Da lì possono capire quanto c'è da lavorare quest'estate e quanto bisogna migliorare.

Poi inizierà il triennio e, secondo me, sarà un altro mondo :-)

[Non parlarmi di soft skills..
Ho la grande che con le competenze trasversali ci marcerà tutta la vita.
Una capra diciottenne che non sa bene collocare la città di Mantova (di volta in volta può finire in Puglia o nelle Marche... !!) e se lo stato di Israele è nato prima o dopo la Seconda Guerra Mondiale.. però che dire.. le andrà bene, perché valuteranno il suo cacchio di carisma e il pragmatismo... perché fa la rappresentante di istituto, del teatro, della pallavolo... e non contenta coordina le assemblee, la ricreazione, il parcheggio dei motorini..
perché dove va va la prendono a riferimento, magari dice quattro parole in croce (perché non sa nulla penso io..), ma le dice bene e al momento giusto e tutti pensano "questa ne ha e ne sa" e zaac... la piazzano a dirigere e io dico boh..
funziona così???

Mi sa che la lancio in politica...
Al posto della Valeria ci potrebbe quasi stare... ^^
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1395
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 2:55 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
rita 76 ha scritto:
5,5 fosse stato il suo 'reale' voto,  io, il 5,5 l' avrei salito a 6 tenendo conto anche dell' impegno

Cosa si rivede? Il mitico "salire i voti"!

Un grande ritorno!

E' proprio vero che in estate questo forum dà il meglio di sé!

Sei crudele coi fanciulli!

Fai cosi' anche a scuola?
Tornare in alto Andare in basso
Bisetta



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 18.06.17

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 3:03 pm

Citazione :

L'uso di testi di autori minori che non si trovano "neanche a cercarne il nome su internet" è un'OTTIMA strategia per evitare che si attacchino clandestinamente al cellulare durante il compito e che trovino in rete il testo già tradotto.

Se la protesta collettiva serpeggiante tra il gruppone dei ragazzi consisteva davvero nella lamentela che "non lo si trova su internet"... beh, un minimo di sospetto sulla loro buona fede ce l'avrei, indipendentemente che tua nipote fosse coinvolta personalmente o no.

Se si lamentano che il compito è stato più difficile del previsto perché l'autore era sconosciuto, mi sembra che sia una costruzione logica davvero indebita: dove sta scritto che se un autore è poco conosciuto, allora il suo stile di scrittura è più difficile? Magari è il contrario, è rimasto poco conosciuto proprio perché aveva uno stile sciatto e banale che non è stato considerato degno di assurgere al canone della grande letteratura, ma potrebbe anche essere più facile come comprensione!

Mi permetto un ritocco primatologico: trattandosi di guerre puniche, ovvero svoltesi in Nord Africa, è più probabile che tra i testimoni oculari in grado di trasmettere le storie ai loro discendenti attuali negli zoo, ci fossero i macachi di Barberia (quelli che adesso popolano allegramente la rocca di Gibilterra), piuttosto che i gorilla  : - )

La perplessità nasceva dall'idea che un autore del V secolo d.C potesse risultare più ostico di Cesare, ad esempio.
E che, se la tua volontà è quella di far recuperare i ragazzi (intendendo con questo alzare la loro media) forse non è la strategia migliore.

Però capisco dalle tue parole che non è detto che gli autori di tale periodo siano più difficili.

Ora chi fosse costui non lo ricordo.. so che aveva un nome solo.. tipo Agostino, ma non era Agostino..
la ricerca su internet l'abbiamo fatta noi, a posteriori.
per capire chi fosse l'autore.

insomma che la versione di recupero è stata una strage.
Forse 2 sufficienze in tutto.
Chi doveva recuperare s'è attaccato al tram e gli altri si sono visti abbassare la media.

Sorrido per il ritocco :-)


Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2901
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 3:22 pm

Bisetta ha scritto:
Citazione :

L'uso di testi di autori minori che non si trovano "neanche a cercarne il nome su internet" è un'OTTIMA strategia per evitare che si attacchino clandestinamente al cellulare durante il compito e che trovino in rete il testo già tradotto.

Se la protesta collettiva serpeggiante tra il gruppone dei ragazzi consisteva davvero nella lamentela che "non lo si trova su internet"... beh, un minimo di sospetto sulla loro buona fede ce l'avrei, indipendentemente che tua nipote fosse coinvolta personalmente o no.

Se si lamentano che il compito è stato più difficile del previsto perché l'autore era sconosciuto, mi sembra che sia una costruzione logica davvero indebita: dove sta scritto che se un autore è poco conosciuto, allora il suo stile di scrittura è più difficile? Magari è il contrario, è rimasto poco conosciuto proprio perché aveva uno stile sciatto e banale che non è stato considerato degno di assurgere al canone della grande letteratura, ma potrebbe anche essere più facile come comprensione!

Mi permetto un ritocco primatologico: trattandosi di guerre puniche, ovvero svoltesi in Nord Africa, è più probabile che tra i testimoni oculari in grado di trasmettere le storie ai loro discendenti attuali negli zoo, ci fossero i macachi di Barberia (quelli che adesso popolano allegramente la rocca di Gibilterra), piuttosto che i gorilla  : - )

La perplessità nasceva dall'idea che un autore del V secolo d.C potesse risultare più ostico di Cesare, ad esempio.
E che, se la tua volontà è quella di far recuperare i ragazzi (intendendo con questo alzare la loro media) forse non è la strategia migliore.

Però capisco dalle tue parole che non è detto che gli autori di tale periodo siano più difficili.

Ora chi fosse costui non lo ricordo.. so che aveva un nome solo.. tipo Agostino, ma non era Agostino..
la ricerca su internet l'abbiamo fatta noi, a posteriori.
per capire chi fosse l'autore.

insomma che la versione di recupero è stata una strage.
Forse 2 sufficienze in tutto.
Chi doveva recuperare s'è attaccato al tram e gli altri si sono visti abbassare la media.

Sorrido per il ritocco :-)



La maggior parte dei testi degli autori tardi ha una struttura sintattica più semplice rispetto a quella ciceroniana. Quindi verosimilmente l'intento era realmente quello di recuperare. Esistono anche testi di autori minori, semplici compilatori, per alcuni dei quali non è reperibile traduzione italiana, che utilizzo spesso nelle verifiche. Sono la vera cartina tornasole: testi facili ma l'utilizzo di internet per copiare la traduzione è impossibile. Altro sistema anti copiatura è modificare il testo originale, cambiando una struttura sintattica, togliendo o aggiungendo un aggettivo etc: se nella traduzione mi ritrovo il testo originale è chiara prova della copiatura, quindi scatta il 2.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8589
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 3:45 pm

Bisetta ha scritto:

La perplessità nasceva dall'idea che un autore del V secolo d.C potesse risultare più ostico di Cesare, ad esempio.
E che, se la tua volontà è quella di far recuperare i ragazzi (intendendo con questo alzare la loro media) forse non è la strategia migliore.

Però capisco dalle tue parole che non è detto che gli autori di tale periodo siano più difficili.

Faccio presente che io NON insegno latino, e che non ho nemmeno fatto il classico da giovane (un po' di latino l'ho fatto anch'io, ma non al classico, e comunque non lo studio più da quasi 30 anni), quindi non prendere il mio discorso come un parere autorevole professionale.

Semplicemente, a logica non mi torna, che un autore debba essere più difficile solo perché è poco conosciuto, tutto lì. Ci saranno pure stati degli autori che sono rimasti "minori" proprio perché non scrivevano con uno stile poetico sublime (magari  erano più assimilabili ai giornalisti moderni piuttosto che agli scrittori), ma che comunque scrivevano in modo comprensibile, e anche più semplice rispetto a quelli più artistici?

La lamentela di "non averlo trovato su internet", francamente, fa pensare maluccio...

Fra l'altro, ricordo benissimo che, qualche anno fa, il suggerimento pubblico di scegliere versioni da autori minori e poco conosciuti per ridurre il rischio di copiature da fonti accessibili a tutti... arrivò da dei classicisti illustri, e non certo da me.


Citazione :
Sorrido per il ritocco :-)

Quello sulle scimmie?

PRIMATE PRIDE!

Siamo tutti scimmie, ed essere scimmie è bello!  : - )
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 3:55 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Bisetta ha scritto:

La perplessità nasceva dall'idea che un autore del V secolo d.C potesse risultare più ostico di Cesare, ad esempio.
E che, se la tua volontà è quella di far recuperare i ragazzi (intendendo con questo alzare la loro media) forse non è la strategia migliore.

Però capisco dalle tue parole che non è detto che gli autori di tale periodo siano più difficili.

Citazione :
Sorrido per il ritocco :-)

Quello sulle scimmie?

PRIMATE PRIDE!

Siamo tutti scimmie, ed essere scimmie è bello!  : - )

Ulteriore dimostrazione che "in quest' estate il forum da' il meglio di sé".

Grazie per la compagnia, amica mia! ;-)))
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8589
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 4:37 pm

Guarda che c'è un po' di differenza:

l'espressione "salire i voti" è sbagliata, mentre il fatto che siamo tutti primati è vero!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 4:48 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Guarda che c'è un po' di differenza:

l'espressione "salire i voti" è sbagliata, mentre il fatto che siamo tutti primati è vero!

Sì, ma io mi riferivo al fatto che è "è bello essere scimmie".

Mi è venuto da ridere appena l' ho letto ma nel senso positivo, ovviamente!
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1395
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 5:12 pm

Bisetta ha scritto:
Cari docenti,
sono la zia di una ragazzina che ha frequentato quest'anno la V ginnasio e vorrei, se possibile,  un parere su mia nipote e sulla sua situazione scolastica.
Mi scuso fin da subito per la prolissità e la dovizia di particolari, ma vorrei farvi capire al meglio quanto è accaduto e sta ancora accadendo.
Gli attori di questa storia sono Eleonora, 16 anni, studentessa del liceo classico, un'insegnante di greco e latino e mia sorella, mamma della ragazzina.

Il percorso scolastico di mia nipote è iniziato lo scorso anno con le difficoltà “normali” di chi affronta il primo anno delle superiori.
Le materie più ostiche, per buona parte della classe, si sono rivelate subito latino e greco con voti che partivano dall'1 e si fermavano al 3.
Il 4 era una conquista, il 5 un sogno che si realizza, il 6 una meta mai raggiunta.  

La docente delle suddette materie è un'insegnante abbastanza giovane, la cui competenza didattica mi lascia perplessa: è possibile che ogni anno, in entrambe le classi del biennio dove insegna, ci siano almeno 10-12 a volte anche 14 ragazzi che rimediano il debito in greco e latino?
Sì, è possibile, direte voi.
Se i ragazzi non raggiungono gli obbiettivi minimi vanno rimandati a Settembre.
Ok.
Ma è possibile che tu in un anno non sei in grado di far raggiungere la sufficienza a metà classe?
Il tuo operato da chi e come viene giudicato?

La docente mostra un comportamento volutamente arido con determinati elementi della classe.
Ma non con tutti.
Con alcune (la classe è composta solo esclusivamente da femmine) si mostra molto indulgente, tenera, comprensiva. Con altre è addirittura “amica” su FB dove non disdegna di lasciare commenti particolari che mai ti aspetteresti da un'insegnante (del tipo “ah, se non ci fossi tu in classe come farei!” rivolgendosi alla ragazzina di turno).
Ok.
Non c'è nulla di male neanche in questo.

Con altre ragazze invece il rapporto si mantiene freddo e distante oltre ogni limite.
Mia nipote è fra queste.
Uno potrebbe pensare ad una ragazzina maleducata, che veste in modo provocante o che in classe mostra un comportamento indisponente o inadeguato..
Ecco.
Eleonora è esattamente il contrario.
Forse troppo il contrario, perché è mite, educata, quasi in ombra..

Eleonora non sarà brillante come certe, non avrà la malizia di alcune… però studia.
Studia tanto.
Tantissimo.
Fare il liceo classico è  il suo sogno e si impegna molto.
Si impegna davvero.
Fa tutti i compiti, non salta le verifiche, è sempre pronta per essere interrogata.
Non ha grilli per la testa, non ha FB.
Ama la danza, è molto brava e dotata fisicamente, ma rinuncia sempre, volentieri per gli impegni scolastici.
Oltretutto, da Novembre dell'anno scorso, dopo i 2 e i 3 di latino e greco, ha iniziato anche ad andare a ripetizione, un'ora e mezza alla settimana, per fare esercizio, per capire, per rimediare..

Ok, direte voi.
Tutta questa perfezione per dirci cosa?
Per dirvi che non le viene mai riconosciuto l'impegno da parte della sua docente che ha VOLUTO rimandarla a settembre l'anno scorso e anche quest'anno in entrambe le materie.
Latino col 5 e ½, greco col 4.
In entrambi i casi mia nipote ha fatto di tutto per tirare su almeno latino: si è fatta interrogare, si è preparata ogni giorno da metà maggio chiedendo ad ogni lezione di poter essere verificata ancora, ancora e ancora.. La sua insegnante l'ha interrogata perché stufa di sentirla solo Giovedì 8 Giugno (anche perché la classe intera le stava chiedendo come mai non volesse verificare la preparazione di Eleonora e, quasi messa alle strette, ha acconsentito un po' scocciata alla richiesta).
La ragazza ha rimediato un 7- che certo non è bastato ad alzare la media fino al 6.
Ma poco mancava..
Preciso che le altre materie sono tutte ampiamente sopra la sufficienza, con alcuni 8 e un 9.
Comportamento da 10.
Eppure in consiglio è stato deciso di darle il debito.
Ad altre è stata concessa la promozione con l'asterisco, ad alcune addirittura la promozione nonostante avessero voti simili a quelli di mia nipote, alcune hanno avuto solo la materia in cui l'insufficienza era più “grave”.
Lei no.
Però i ragazzi fra loro parlano, conoscono le rispettive situazioni ed è abbastanza palese che la docente faccia figli e figliastri…

Il terzo attore, infine, è mia sorella.
Che, se la figlia è mite, è ancora peggio.
Che ha fiducia nell'operato degli insegnanti, che non vuole intromettersi nelle loro decisioni, che non vuole interferire con la didattica, che non si permette di chiedere colloqui con la preside…
E che soffre da morire perché sente la sua bambina in lacrime dire “Mamma sono una fallita, mamma sono una fallita”.
Durante l'anno, nonostante io la sollecitassi (perché sono la vipera della famiglia), non ha mai voluto parlare con la professoressa oltre i normali colloqui stabiliti (uno per ogni quadrimestre) per non essere “quella che si lamenta” e, forse, anche per non mettere la ragazza in ulteriore cattiva luce.
Non ha mai voluto andare dalla preside per chiedere un chiarimento sull'operato della docente in questione, per far vedere versioni OGGETTIVAMENTE tradotte bene, ma in cui venivano segnati errori INESISTENTI… E quanto dico è provato non da me che ho studiato greco 25 anni fa, ma dalla professoressa che le dà ripetizioni.
A metà anno c'è stato un polverone in classe, molti genitori si sono lamentati per la difficoltà delle versioni che venivano assegnate dalla professoressa e per i 2 che fioccavano in continuazione.
La docente si è giustificata sostenendo che le versioni da lei assegnate sono quelle che il ministero stesso consiglia (ma chi, la Valeria????????????).

Insomma, tutto questo pistolotto per chiedere a voi un consiglio.
Mia sorella parla di cambiare scuola (essendo l'unico liceo cittadino, bisognerebbe fare 20 km ogni mattina per frequentare il liceo più vicino…) o di cambiare proprio indirizzo.
Eleonora è disperata perché è quello che le piace e vorrebbe proprio studiare latino e greco, ma teme di non averne le capacità.
Io consiglio una terza valutazione, che non sia quella dell'insegnante di ripetizione né quella della professoressa di scuola, per capire se le difficoltà ci sono davvero o se invece si tratta di reale accanimento.

Voi cosa fareste?
Andreste a parlare con la preside in questi giorni?
E per dirle cosa?
Mia sorella dopo il colloquio post-quadri, presa da rara furia, ha firmato la rinuncia ai corsi di recupero che offre la scuola e ora teme di aver siglato la bocciatura a settembre della figlia..

Insomma, io vivo un marasma..
Vorrei fare qualcosa per entrambe, perché sto male a vederle soffrire così per la miopia e l'accanimento di un'insegnante che non riesce a dare il giusto valore ad una ragazzina in difficoltà esattamente come altre, cui però non viene regalato nulla e di cui non viene riconosciuta l'abnegazione nello studio..
Il punto è che non so come consigliarle a questo punto.

Qualcuno di voi, che è stato così paziente da leggermi fin qui, avrebbe voglia di darmi un suo parere?
Andateci giù di brutto se ritenete di farlo.
Ho bisogno di un parere esterno che mi faccia capire cosa possiamo e dobbiamo fare.
Grazie a tutti della pazienza.








Versioni oggettivamente tradotte bene in cui venivano segnati errori inesistenti?

Allora non resta che chiedere l'accesso agli atti per accertare l'esistenza di tale comportamento doloso e direi autolesionista da parte della docente.

Se la ragazza pensa di aver fatto progressi e di saper tradurre le lingue morte,non deve sentirsi una fallita.Ha solo avuto la sfortuna di incontrare un'insegnante poco professionale,una docente che traduce in cattivi voti la sua antipatia verso certe alunne;oppure le e' toccata una prof troppo esigente.Se e' così, i suoi meriti saranno riconosciuti nel triennio ed eventualmente all' università.
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2901
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 5:32 pm

balanzoneXXI ha scritto:


Versioni oggettivamente tradotte bene in cui venivano segnati errori inesistenti?

Allora non resta che chiedere l'accesso agli atti per accertare l'esistenza di tale comportamento doloso e direi autolesionista da parte della docente.

Se la ragazza pensa di aver fatto progressi e di saper tradurre le lingue morte,non deve sentirsi una fallita.Ha solo avuto la sfortuna di incontrare un'insegnante poco professionale,una docente che traduce in cattivi voti la sua antipatia verso certe alunne;oppure le e'  toccata una prof troppo esigente.Se e' così, i suoi meriti saranno riconosciuti nel triennio ed eventualmente all' università.

"Versione oggettivamente ben tradotta" significa tutto e nulla. Può essere una traduzione troppo libera con scarso rispetto delle strutture sintattiche latine o greche; può essere una traduzione a senso che suona bene ma non è corretta; può essere in sostanza corretta ma con un uso del lessico molto generico in numerosi punti. Può essere tutto. L'errore "combattere con" al posto di "combattere contro", citato in precedenza, può sembrare molto lieve ma non è così perché rende il testo ambiguo e quindi viene penalizzato. Io (liceo delle scienze umane) tolgo per questo errore 0,25; se lavorassi al classico toglierei mezzo punto. Quindi bastano pochi errori come questo per arrivare ad una sufficienza risicata e, con un errore sintattico o due, si arriva all'insufficienza.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19946
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 5:38 pm

chicca70 ha scritto:
balanzoneXXI ha scritto:


Versioni oggettivamente tradotte bene in cui venivano segnati errori inesistenti?

Allora non resta che chiedere l'accesso agli atti per accertare l'esistenza di tale comportamento doloso e direi autolesionista da parte della docente.

Se la ragazza pensa di aver fatto progressi e di saper tradurre le lingue morte,non deve sentirsi una fallita.Ha solo avuto la sfortuna di incontrare un'insegnante poco professionale,una docente che traduce in cattivi voti la sua antipatia verso certe alunne;oppure le e'  toccata una prof troppo esigente.Se e' così, i suoi meriti saranno riconosciuti nel triennio ed eventualmente all' università.

"Versione oggettivamente ben tradotta" significa tutto e nulla. Può essere una traduzione troppo libera con scarso rispetto delle strutture sintattiche latine o greche; può essere una traduzione a senso che suona bene ma non è corretta; può essere in sostanza corretta ma con un uso del lessico molto generico in numerosi punti. Può essere tutto. L'errore "combattere con" al posto di "combattere contro", citato in precedenza, può sembrare molto lieve ma non è così perché rende il testo ambiguo e quindi viene penalizzato. Io (liceo delle scienze umane) tolgo per questo errore 0,25; se lavorassi al classico toglierei mezzo punto. Quindi bastano pochi errori come questo per arrivare ad una sufficienza risicata e, con un errore sintattico o due, si arriva all'insufficienza.
2+2 fa 4 e di questo sono entusiasta
Tornare in alto Andare in basso
cha



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 21.07.11

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 5:52 pm

Mi permetto di dire che la questione più pregnante, secondo me, è indagare su questo: perché Eleonora dice, in lacrime, «Mamma sono una fallita, mamma sono una fallita».
Sarà una fallita solo se non riuscirà a terminare il liceo classico a cui tiene tanto… e sinora non è; sinora vedo solo una ragazzina che non ritiene sufficiente la propria valutazione del rapporto fatica spesa (tantissima… condita da sonore rinunce) e risultati ottenuti (pochi, con due debiti…). Di ragazzini così ne vediamo un sacco ogni giorno…
Se tiene tanto a questo corso di studi (e, da quanto racconti, è proprio così) studierà quest’estate, supererà latino e greco e ripartirà a settembre più forte di prima. D’altronde il tipo di scuola scelto prevede?, impone? Un sacco di studio pomeridianseralnotturnoinfraweekend.

Capisco la tua vicinanza di zia:
Bisetta ha scritto:
Ma sono preoccupata per la sua salute, per i suoi tanti pomeriggi di studio infaticabile, per le rinunce, per il suo quasi non uscire di casa per essere pronta, l'indomani.
Sono preoccupata perché soffre dei suoi mancati risultati, perché si sente sminuita, senza valore.
Se la frustrazione di non essere stata promossa a fronte di tanto impegno è insopportabile, che cambi sezione/scuola/indirizzo di studi… è meglio farlo adesso che dopo.

Anche questa frase, secondo me, è un po’ stonata:
Bisetta ha scritto:
Forse mia nipote si aspettava, sbagliando, una scuola meno asettica e più empatica.
Anche qui, se la scuola scelta è insopportabilmente troppo arida, le soluzioni per cambiare sono lì sul tavolo.

Quoto, infine, due frasi di avido:
avidodinformazioni ha scritto:
Insisto, la questione più importante che hai posto, l'unica per cui valga la pena di fare le pulci è se le correzioni che la docente fa sono frutto dell'ignoranza di tua nipote o dell'ignoranza della sua docente; questo cambia tutto.
è il suggerimento tecnico che ti stiamo tutti dando: accertati che le correzioni siano… corrette, che esistano griglie di correzione e che siano state seguite e che quindi i voti siano congruenti alle correzioni, che i voti siano stati attribuiti con chiarezza e nei tempi debiti.

Infine, sarà anche cinico, ma è da tener ben presente:
avidodinformazioni ha scritto:
Nella vita di stronzi ne incontrerà a bizzeffe; incontrare la prima stronza della sua vita in un ambiente protetto come la scuola, la aiuterà a sviluppare le competenze relazionali necessarie a gestirli (i fuffopedagoghi le chiamano "soft skill").
Credo si chiami "scuola di vita".

Superare i due esami a settembre sarà un’inesauribile fonte di fiducia in se stessa… (com’è gradevole per l’alunno… ehm... come si può dire con un tono aulico… picchiarlo nel piede ad un insegnante!!!!)


Ultima modifica di cha il Dom Giu 18, 2017 5:54 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
cha



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 21.07.11

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 5:53 pm

gulp, doppio
Tornare in alto Andare in basso
carla75

avatar

Messaggi : 4796
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 6:53 pm

Cara Bisetta, come ti hanno detto tutti questo è un forum di docenti, e quindi sarà difficile trovare ampio conforto.
La scuola superiore è molto diversa rispetto agli altri ordini di scuola, soprattutto perchè deve preparare ad un esame finale, dove lo studente smette di essere tale e diventa candidato, e acquisisce un titolo di Stato che gli riconosce una serie di diritti (accesso a pubblici concorsi, Università, anche esercizio a certe professioni...).
L'offerta formativa in Italia inoltre è molto vasta. Il Liceo, soprattutto il classico, viene considerato uno dei percorsi più difficili tanto da permettere facile accesso a tutte le facoltà universitarie.

Considera inoltre che, fino a 15 anni fa, i licei contavano pochissimi studenti, che erano i migliori delle medie, e comunque si bocciava.
oggi il 60% degli studenti si iscrive al liceo. sono più preparati rispetto a 15 anni fa? i dati ci dicono di no. e' allora possibile che questa insegnante abbia metà classe che va male? per me è anche poco.
forse è una docente che non vuole abbassare il livello di questa scuola, e fa bene.
forse è una docente che ha le sue preferenze: allora bisognava agire prima, gli strumenti ci sono. di fronte ad compito impeccabile non ci può essere un tre.
cambiare sezione o scuola (20km non sono mica tanti se i mezzi ci sono) potrebbe essere una soluzione, forse e soprattutto per valutare se questa è la scuola adatta per la ragazza.
non c'e' nulla di male nel capire che, nonostante la passione personale, quel percorso è troppo ostico per le proprie capacità.
Tornare in alto Andare in basso
sconcertato_1



Messaggi : 731
Data d'iscrizione : 14.12.15

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 7:06 pm

Nel mettere 7 e 8 a tutti si fa la felicità dei genitori e ..... delle zie......
ahahahah
Tornare in alto Andare in basso
fradacla
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 18079
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 8:20 pm

carla75 ha scritto:
Cara Bisetta, come ti hanno detto tutti questo è un forum di docenti, e quindi sarà difficile trovare ampio conforto.

Ho letto tre pagine di commenti, quasi tutti a difesa della categoria; sono fioccati suggerimenti a prendere in considerazione il liceo delle scienze umane, lo scientifico, il pendolarismo. Il tutto per un'alunna di cui ci viene detto che è ampiamente oltre la sufficienza in tutte le altre materie.

Non vi è mai capitato di lavorare nella stessa classe con un collega che non va oltre il 6 (su 25/30 alunni), che distribuisce insufficienze gravi a 3/4 della classe, la cui colonna dei voti nei quadri esposti all'albo contrasta in modo stridente con l'andamento generale di ogni alunno?

Mi si dirà che qui si parla di latino e greco, delle materie più ostiche e alte, dove è normale che un'intera classe abbia problemi.
Non è affatto normale, come non è normale che ci sia il 70% della classe con debito in qualunque altra materia.
Ho insegnato per 36 anni queste materie ostiche e alte, non ero per niente accomodante o indulgente, ma di fronte all'esito negativo generalizzato di una verifica mi chiedevo sempre se ci fosse anche una mia responsabilità, se avessi tenuto in debita considerazione i livelli di partenza. Sì, pur essendomi risparmiata la fuffodidattica degli ultimissimi anni, consideravo anch'io i livelli di partenza per programmare il mio lavoro annuale.

Qualcuno ha detto che probabilmente l'insegnante in questione vuole mantenere alto il livello della scuola in cui lavora. Sarebbe come se alle Olimpiadi, per tenere alto il livello della competizione, l'asticella del salto in alto venisse posta nella fase preliminare a 2,50.

La persona che ha aperto il topic può essere un troll; in questo caso non la si prende sul serio.
Alla fine è poco rilevante, visto che chi ha risposto ha dimostrato di credere che riferisse una situazione reale. Quasi nessuno però ha avanzato il minimo dubbio che ci possa essere qualcosa di sbagliato nell'approccio di quella specifica insegnante. Questo mi pare singolare, tutto qui.
Tornare in alto Andare in basso
fradacla
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 18079
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 8:22 pm

ushikawa ha scritto:
permettetemi:
Di solito difendo tutti i colleghi ma in questo caso l'insegnante, se è vero quanto è stato descritto, è inumana e altrettanto lo è il consiglio di classe che ha avallato le sue decisioni.

Non si rimanda con un 5,5 a fronte di un riconosciuto impegno. Neanche nel classico più selettivo e prestigioso d'Italia. Non ci sono neanche gli estremi legali per farlo.

La difficoltà sono sicuro che ci sia, anche frutto di mancate competenze pregresse. Ma rimandare con un 5,5 di media e con l'ultima interrogazione di 7- (che poi sarà stato sicuramente un otto) non ha senso, se non quello della cattiveria gratuita.

Non sono infrequenti le voci di insegnanti di questo tipo, specie nei classici e negli scientifici, specie nelle materie "elettive" come latino, greco e filosofia. Che senza motivo bullizzano i discenti più timidi e più "trasparenti" tartassandoli con insufficienze che confermano la scarsa opinione che si sono fatti a priori di quegli alunni.

Se fossi io il genitore le cambierei classe o scuola, rimanendo in un liceo classico.

Parlare con il dirigente non ha senso se non dopo aver cambiato scuola, altrimenti la ragazza si beccherebbe anche le ritorsioni.

Perfettamente d'accordo.
Tornare in alto Andare in basso
cha



Messaggi : 240
Data d'iscrizione : 21.07.11

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 8:37 pm

fradacla ha scritto:
Quasi nessuno però ha avanzato il minimo dubbio che ci possa essere qualcosa di sbagliato nell'approccio di quella specifica insegnante. Questo mi pare singolare, tutto qui.

Bisetta ha scritto:
Voi cosa fareste? […]
Vorrei fare qualcosa per entrambe  […]
Ho bisogno di un parere esterno che mi faccia capire cosa possiamo e dobbiamo fare  […]

Bisetta ha raccontato una situazione ed ha chiesto un parere, che è arrivato: può supportare e rinfrancare la nipote, confortare la sorella e attivarsi, in primis per scoprire se le correzioni siano state corrette, con griglie di correzione e che siano state seguite e che quindi i voti siano stati congruenti alle correzioni, attribuiti con chiarezza e nei tempi debiti;
può anche, prima di consigliare di cambiare sezione, indirizzo, scuola informarsi in presidenza se l’insegnante del ginnasio lavorerà ancora sulla classe nel triennio del liceo

fradacla ha scritto:
Quasi nessuno però ha avanzato il minimo dubbio che ci possa essere qualcosa di sbagliato nell'approccio di quella specifica insegnante. Questo mi pare singolare, tutto qui.

posso anche averlo pensato (sì, l’ho pensato) ma adesso…

fradacla ha scritto:
Non vi è mai capitato di lavorare nella stessa classe con un collega che non va oltre il 6 (su 25/30 alunni), che distribuisce insufficienze gravi a 3/4 della classe

ce l’ho!!!
come la si combatte? ai fianchi prima dello scrutinio, con voto di consiglio durante lo scrutinio (ma serve un cdc compatto ed un dirigente abile)


diciamo che non siamo amiche per la pelle
Tornare in alto Andare in basso
carla75

avatar

Messaggi : 4796
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 8:56 pm

fradacla ha scritto:
carla75 ha scritto:
Cara Bisetta, come ti hanno detto tutti questo è un forum di docenti, e quindi sarà difficile trovare ampio conforto.

Ho letto tre pagine di commenti, quasi tutti a difesa della categoria; sono fioccati suggerimenti a prendere in considerazione il liceo delle scienze umane, lo scientifico, il pendolarismo. Il tutto per un'alunna di cui ci viene detto che è ampiamente oltre la sufficienza in tutte le altre materie.
 
Non vi è mai capitato di lavorare nella stessa classe con un collega che non va oltre il 6 (su 25/30 alunni), che distribuisce insufficienze gravi a 3/4 della classe, la cui colonna dei voti nei quadri esposti all'albo contrasta in modo stridente con l'andamento generale di ogni alunno?

Mi si dirà che qui si parla di latino e greco, delle materie più ostiche e alte, dove è normale che un'intera classe abbia problemi.
Non è affatto normale, come non è normale che ci sia il 70% della classe con debito in qualunque altra materia.
Ho insegnato per 36 anni queste materie ostiche e alte, non ero per niente accomodante o indulgente, ma di fronte all'esito negativo generalizzato di una verifica mi chiedevo sempre se ci fosse anche una mia responsabilità, se avessi tenuto in debita considerazione i livelli di partenza. Sì, pur essendomi risparmiata la fuffodidattica degli ultimissimi anni, consideravo anch'io i livelli di partenza per programmare il mio lavoro annuale.

Qualcuno ha detto che probabilmente l'insegnante in questione vuole mantenere alto il livello della scuola in cui lavora. Sarebbe come se alle Olimpiadi, per tenere alto il livello della competizione, l'asticella del salto in alto venisse posta nella fase preliminare a 2,50.

La persona che ha aperto il topic può essere un troll; in questo caso non la si prende sul serio.
Alla fine è poco rilevante, visto che chi ha risposto ha dimostrato di credere che riferisse una situazione reale. Quasi nessuno però ha avanzato il minimo dubbio che ci possa essere qualcosa di sbagliato nell'approccio di quella specifica insegnante. Questo mi pare singolare, tutto qui.
io ho preso in considerazione entrambe le ipotesi dicendo che se la docente è una che mette dei voti ingiusti occorreva muoversi prima perchè un compito da sei non può essere valutato tre.
l'asticella in fase preliminare non la alzi a 2,50. ma non si puo' abbassarla sempre di più perchè tutti devono arrivare a fare il liceo. a meno che non mi si dica che la qualità del liceo Classico di oggi sia identico a quello di 20 anni fa, nonostante la crescita esponenziale degli iscritti e gli sconcertanti esiti delle prove Invalsi.
Tornare in alto Andare in basso
Cozza

avatar

Messaggi : 9029
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 9:00 pm

ho letto con estrema fatica il thread iniziale...
non me ne volere Bisetta ma a questo punto dell'anno leggo qualsiasi cosa a fatica, soprattutto se il tema centrale è il classico "povero alunno i docenti lo odiano".
che sia o meno un troll non mi interessa.
come dico sempre "un troll credibile di disistrollizza da solo e quindi è comunque degno di dibattito e di risposte".
e bisetta è tragicametne un troll credibile.
proprio perché di lettere e storie e racconti simili a giugno se ne sentono a bizzeffe...
non mi interessa nemmeno poi tanto la scelta di campo.
con chi stare? con l'alunna studiosa ma un po' tristanzuola che, mimetizzata con carta da parati pare non esser nemmeno degna di citazioni personalizzate su fb?
con la collega che pare seria a tratti, carognosa nella distribuzione dei voti e con un utilizzo limitato e fuoriviante dei social?
l'alunna è la vittima o la vittima è la collega?
e chi lo sa...
parlare con il ds...
cambiar scuola...
cambiare addirittura indirizzo di scuola...
Bisetta non te la prendere...ma io a 'sta ragazzina farei solo cambiar zia.


rinnovo l'appello che ho personalmente fatto più volte a parenti, amici e conoscenti: mollate questi ragazzetti, lasciateli crescere, lasciategli prendere anche qualche tram in fronte, giusto o sbagliato che sia.
la vita non è sempre giusta.
meglio far pratica, di qualsiasi cosa, a sedici anni che a trenta o quaranta.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 9:16 pm

Giusto tellina, meglio far pratica di qualsiasi cosa..
:)) ;)))
Tornare in alto Andare in basso
Cozza

avatar

Messaggi : 9029
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 9:18 pm

ssssapevo di poter contare su di te per la corretta interpretazione del mio messaggio subliminale.
sei sempre una certezza.
(ahahahhaahahahahhahah)
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 5581
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 9:30 pm

Mah ... qualche commento disordinato.

Autore "tardo" (III secolo d.c.?): per i miei sempre più lontani ricordi personali, gli autori "tardi" sono tutt'altro che semplici, perché il loro latino non è quello "classico" che si studia a scuola. Può esserci l'eccezione, ma è, appunto, un'eccezione. Molto meglio Cesare, da manuale.

Un docente che mette un 7 a una interrogazione di fine anno e poi rimanda ha sbagliato qualcosa. O ha sbagliato il 7, o l'interrogazione che ha portato al 7, o la valutazione finale.

Se un docente si presenta al primo quadrimestre con "3" per mezza classe non c'è DS che non senta un campanello d'allarme. Qua sembra non sia successo nulla. Strano.

Se la ragazza ha tratto giovamento dalle lezioni private (cosa che dovrebbe essere in grado di valutare lei stessa, al di là dei voti) vuol dire che qualcosa però manca(va) e studiare latino e greco forse non è esattamente il suo destino.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19946
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 9:32 pm

tellina ha scritto:
ssssapevo di poter contare su di te per la corretta interpretazione del mio messaggio subliminale.
sei sempre una certezza.
(ahahahhaahahahahhahah)
Ma come, anche al classico ?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19946
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Debito nonostante il grande impegno   Dom Giu 18, 2017 9:35 pm

Ma almeno avete apprezzato che non ho fatto commenti sull'opportunità di studiare greco e latino ?

Non è che non ne avessi voglia eh !
Tornare in alto Andare in basso
 
Debito nonostante il grande impegno
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 4Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» Il grande capo Estiqaatsi
» La più grande invenzione/scoperta dell'uomo?
» finalmente il grande giorno..
» Chi è il più grande Ateo?
» Scoperta stella neutroni piu' grande in Universo

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: