Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 La motivazione l'avrete persa voi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 11, 12, 13  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: La motivazione l'avrete persa voi   Lun Lug 10, 2017 4:47 pm

Promemoria primo messaggio :

http://www.orizzontescuola.it/stipendio-docenti-italiani-meno-pagati-deuropa-greci-dal-2004-al-2015-salari-scesi-del-7/

Nel focus, come riferito da Repubblica, si evidenzia che i salari hanno un impatto diretto su preparazione e motivazione dei docenti, persa quest’ultima da molti insegnanti del nostro Paese.

La motivazione non dipende dai soldi (anche se ho incontrato docenti anche di questo forum che la pensano così) ma si trova facendo il proprio lavoro seriamente e onestamente ogni giorno consapevoli dell'importanza del nostro ruolo.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
balanzoneXXI



Messaggi : 1473
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 5:23 pm

rita 76 ha scritto:
Masaniello ha scritto:
Vadi avanti lei, balanzone.

Applausi... applausi... applausi!!!

Anzi... io ci aggiungerei pure "DA SOLO"

E io che volevo nominarti presidentessa onoraria!
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3528
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 5:32 pm

Paniscus penso tu abbia confuso avido con me.
Mi pare di ricordare che avido lavorasse alla thyssen, che a Torino ha chiuso. Mi pare buon motivo per cambiare lavoro.
Io ho abbandonato ciò che desideravo già il primo giorno di università (lavorare con gli aerei) per motivi familiari. Non potevo stare mesi all estero, di sicuro.
Tornando alle auto, ho detto che possedere un auto di 11 anni non significa vivere nell indigenza. Potrebbe essere un auto con pochi km che sembra ancora nuova.
Parimenti possedere un auto vecchia non equivale ad essere un morto di fame.potrebbe come nel tuo caso essere solo una scelta dettata dal fatto che a qualcuno della macchina fottesega.
Io invece piuttosto vivo sotto i ponti ma la macchina deve essere impeccabile, curata,pulita ed è al secondo posto delle priorità dopo mio figlio. Diciamo che la adoro e la coccolo....
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8755
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 5:52 pm

Masaniello ha scritto:
Paniscus  penso tu abbia confuso avido con me.


Veramente ho scritto due risposte diverse, una per avido e una per te, proprio perché sono perfettamente capace di distinguervi (e ho anche considerazione umana e intellettuale molto diversa per i due interlocutori).

Su cosa ci sarebbe di male se a qualcuno "della macchina fottesega" (e non gliene frega niente di adorarla e coccolarla, perché la considera solo una scatola, di nessun valore simbolico o emotivo, in cui ci si infila per spostarsi da un posto all'altro strafregandosene del resto), proprio non arrivo a capirlo, e non ho nessuna voglia di commentare...
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20223
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 6:08 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
per Avido: non mi risulta proprio che sia vero, in generale, che chi ha scelto di andare a insegnare l'abbia fatto "perché non era abbastanza bravo per fare altro".

Tu stesso hai sempre riferito di aver abbandonato il lavoro tecnico in azienda, NON perché "non ti sentissi abbastanza bravo per riuscire a farlo", o perché "non eri abbastanza bravo da essere scelto per poterlo fare", ma semplicemente perché non ti andava di sottostare alle condizioni che ti imponeva l'azienda, ossia di trasferirti lontano da casa e di creare disagi alla tua famiglia.
Un momento, io avevo 3 possibilità

1) seguire l'azienda, sai perchè non l'ho fatto

2) cercarmi altro

3) entrare nella scuola

Non ho cercato altro (non è che non l'abbia trovato, non l'ho proprio cercato) perchè sfiduciato dalla situazione economica, perchè avevo un'alternativa dignitosa, e perchè non ero uno di quei super ingegneri che se sono liberi gli saltano tutti addosso.

Serie B, non A, non C, non D ....
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 8755
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 6:16 pm

Appunto, quindi non è vero che quelli che hanno scelto di seguire l'azienda o  di cercare carriere più promettenti in altre aziende "fossero più bravi di te". Semplicemente, avevano meno impegni personali di te, o avevano meno da perdere di te a trasferirsi, il che non c'entra niente con la bravura intrinseca.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9887
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 6:38 pm

avidodinformazioni ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
per Avido: non mi risulta proprio che sia vero, in generale, che chi ha scelto di andare a insegnare l'abbia fatto "perché non era abbastanza bravo per fare altro".

Tu stesso hai sempre riferito di aver abbandonato il lavoro tecnico in azienda, NON perché "non ti sentissi abbastanza bravo per riuscire a farlo", o perché "non eri abbastanza bravo da essere scelto per poterlo fare", ma semplicemente perché non ti andava di sottostare alle condizioni che ti imponeva l'azienda, ossia di trasferirti lontano da casa e di creare disagi alla tua famiglia.
Un momento, io avevo 3 possibilità

1) seguire l'azienda, sai perchè non l'ho fatto

2) cercarmi altro

3) entrare nella scuola

Non ho cercato altro (non è che non l'abbia trovato, non l'ho proprio cercato) perchè sfiduciato dalla situazione economica, perchè avevo un'alternativa dignitosa, e perchè non ero uno di quei super ingegneri che se sono liberi gli saltano tutti addosso.

Serie B, non A, non C, non D ....


PrimA era un lavoro malpagato... ora diventa l'alternativa dignitosa?

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 20223
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 6:52 pm

Ire ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
per Avido: non mi risulta proprio che sia vero, in generale, che chi ha scelto di andare a insegnare l'abbia fatto "perché non era abbastanza bravo per fare altro".

Tu stesso hai sempre riferito di aver abbandonato il lavoro tecnico in azienda, NON perché "non ti sentissi abbastanza bravo per riuscire a farlo", o perché "non eri abbastanza bravo da essere scelto per poterlo fare", ma semplicemente perché non ti andava di sottostare alle condizioni che ti imponeva l'azienda, ossia di trasferirti lontano da casa e di creare disagi alla tua famiglia.
Un momento, io avevo 3 possibilità

1) seguire l'azienda, sai perchè non l'ho fatto

2) cercarmi altro

3) entrare nella scuola

Non ho cercato altro (non è che non l'abbia trovato, non l'ho proprio cercato) perchè sfiduciato dalla situazione economica, perchè avevo un'alternativa dignitosa, e perchè non ero uno di quei super ingegneri che se sono liberi gli saltano tutti addosso.

Serie B, non A, non C, non D ....


PrimA era un lavoro malpagato... ora diventa l'alternativa dignitosa?

Dopo 15 anni di ThissenKrupp avavo una casa per me ed una per mio figlio, una riserva liquida in banca e 40 anni sul groppone; avevo i conti in sicurezza e necessitavo solo di tranquillità; se fossi stato un superingegnere la tranquillità sarebbe arrivata dal gironzolare per le numerose aziende che si sarebbero contese le mie prestazioni, essendo una persona normale ho ritenuto che la tranquillità potesse solo venire dalla "riga 2" del contratto, quella che tu vorresti cancellare unilaterlamente.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 9887
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 7:12 pm

quindi non è malpagato.


Cancellare la non semplice licenziabilità? E' vero, lo vorrei, ma solo per quelli che dicono (e fanno) che con quello stipendio da fame ciò che fanno è anche troppo.

Analizzando bene, tra soldi e garanzie il vostro è un lavoro sicuro e più che dignitosamente retribuito. Se volete di più il libero mercato è a disposizione e pronto ad accogliervi con gli annessi e i connessi.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 20223
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 7:22 pm

Ire ha scritto:
quindi non è malpagato.


Cancellare la non semplice licenziabilità?  E' vero, lo vorrei, ma solo per quelli che dicono (e fanno)  che con quello stipendio da fame ciò che fanno è anche troppo.

Analizzando bene, tra soldi e garanzie il vostro è un lavoro sicuro e più che dignitosamente retribuito. Se volete di più il libero mercato è a disposizione e pronto ad accogliervi  con gli annessi e i connessi.
E' pagato benissimo, infatti tutti lo vogliono fare e solo i migliori riescono a farlo; chi critica questi luminari andrebbe ... spento.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 20223
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 7:24 pm

Ire ha scritto:
Cancellare la non semplice licenziabilità?  E' vero, lo vorrei, ma solo per quelli che dicono (e fanno)  che con quello stipendio da fame ciò che fanno è anche troppo.
Tradotto: vorrei che fossero licenziabili solo quelli che lo meritano.

Giurista di rilievo !
Tornare in alto Andare in basso
Online
carla75

avatar

Messaggi : 4810
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 7:58 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Ire ha scritto:
quindi non è malpagato.


Cancellare la non semplice licenziabilità?  E' vero, lo vorrei, ma solo per quelli che dicono (e fanno)  che con quello stipendio da fame ciò che fanno è anche troppo.

Analizzando bene, tra soldi e garanzie il vostro è un lavoro sicuro e più che dignitosamente retribuito. Se volete di più il libero mercato è a disposizione e pronto ad accogliervi  con gli annessi e i connessi.
E' pagato benissimo, infatti tutti lo vogliono fare e solo i migliori riescono a farlo; chi critica questi luminari andrebbe ... spento.
Applausi!
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3528
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 9:37 pm

Ogni tanto rilancio al Giudice Supremo ire.
Che lavoro fai? Tu sei licenziabile?
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2973
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 9:41 pm

Masaniello ha scritto:
Ogni tanto rilancio al Giudice Supremo ire.
Che lavoro fai? Tu sei licenziabile?

Come risulta evidente, Ire non fa niente. Fa la volontaria in qualche ambito che ha a che vedere con i dsa.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3528
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 9:50 pm

Vivere di volontariato. ..che figo
Tornare in alto Andare in basso
carla75

avatar

Messaggi : 4810
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mar Lug 11, 2017 11:33 pm

Lei disse una volta che faceva la sarta.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 9887
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mer Lug 12, 2017 8:00 am

eccessiva attribuzione di responsabilità (anche quella di dover controllare se il pullman.... )
ambiente di lavoro ostile e penalizzante per chi abbia voglia di impegnarsi e proporre cambiamenti
stigma sociale alimentato da quei quattro imbecilli inamovibili
scuola/azienda


questi secondo me sono i nodi che possono portare (anche un santo)ad essere demotivato.

E non c'è stipendio che tenga per questo.

Un giorno di qualche anno fa, in qualità di rappresentante di classe, mi è capitato di essere chiamata ad ascoltare la coordinatrice (energica, combattiva, indomabile e amatodiata dai ragazzi) sui problemi quotidiani. Aveva parole dure sia sui genitori che sui ragazzi e poteva sembrare che stesse gettando la spugna.  Ci siamo salutate molto preoccupate, ognuna persa nei propri pensieri.  Ero quasi uscita dalla scuola che mi ha richiamata dicendo  "signora,  nonostante questo io li adoro quei ragazzi"

I soldi, lo stipendio:   Che roba è?

(meglio che corregga: i soldi, lo stipendio: indispensabili per vivere. Un aumento: gradito da tutti e utile a tutti. Ma non sono il problema maggiore)


Ultima modifica di Ire il Mer Lug 12, 2017 9:33 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Masaniello



Messaggi : 3528
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mer Lug 12, 2017 8:54 am

Si chiama masochismo quello.
Un insegnante non deve adorare o amare i ragazzi.deve insegnare.almeno alle superiori
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9887
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mer Lug 12, 2017 9:26 am

Lei insegnava e tanto, materia soprattutto ma anche molto altro
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mer Lug 12, 2017 9:28 am

Masaniello ha scritto:
Un insegnante non deve adorare o amare i ragazzi.deve insegnare.almeno alle superiori

Insegnare alle superiori ed ammazzarmi di lavoro per 100 € di più al mese? Che se li tengano pure!

Il lavoro delle medie non è quello delle superiori e mi sta benissimo
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8755
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mer Lug 12, 2017 9:35 am

Ire ha scritto:
I soldi, lo stipendio:   Che roba è?

Solo una persona che per tutta la vita ha campato di rendita o è stata mantenuta da qualcun altro può concepire una battuta di cattivo gusto come questa.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9887
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mer Lug 12, 2017 9:37 am

hai ragione.

sapendo che era male interpretabile ho corretto. Prima del tuo intervento
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
ushikawa

avatar

Messaggi : 3629
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mer Lug 12, 2017 11:01 am

scrivo senza aver letto tutti i commenti, avendo poco tempo.
La premessa è che considero l'insegnamento una professione, non una missione; però come ogni buon professionista cerco di adempierla nel migliore dei modi, con tutti i limiti che posso avere. Non credo che un ingegnere edile ad esempio possa permettersi di fare dei calcoli statici approssimativi perché quella commessa è pagata meno del solito, o un medico tirocinante in sala operatoria possa deliberatamente rinunciare a lavarsi le mani perché è pagato poco.
La retribuzione è solo una parte della soddisfazione di svolgere un certo lavoro, anche se più o meno tutti noi insegnanti riterremmo più congruo uno stipendio che ci possa permettere qualche agio o qualche sfizio in più (una baby sitter, una vacanza un po' meno risicata, qualche serata al ristorante invece che in pizzeria contando i soldi). Io credo che ce lo meriteremmo come categoria, sia per le qualifiche, sia per la mole di lavoro che svolgiamo e la sua importanza. 400-500 euro in più sarebbero giusti, secondo me.
In ogni caso respingo l'idea che lo stipendio di un insegnante non sia sufficiente a garantire una vita dignitosa: ovviamente deve essere corroborato da un secondo stipendio uguale o simile, quindi quello che si deve escludere è che un insegnante possa mantenere oltre ai figli anche il coniuge non lavoratore. Nell'evoluzione del lavoro in Italia, purtroppo, quella dell'insegnante è ancora una figura abbastanza privilegiata, potendo contare, oltre che su uno stipendio ancora dignitoso, sul mitico "posto fisso" sul quale soltanto i fessi o le persone in malafede possono sputare (non considero i benefit secondari, che pure ci sono).
Ricordo di aver letto di varie ricerche che hanno chiarito che retribuzione e motivazione non sono affatto direttamente proporzionali. Le lessi in occasione della 107, come contestazione all'idea (per me farlocca) che i bonus al merito avrebbero migliorato la qualità dell'insegnamento: sappiamo bene che non è così. Respingo del tutto il principio per cui uno si impegna di più se guadagna di più. Contano invece soprattutto la qualità della vita che un lavoro garantisce e la qualità del lavoro.
Riguardo alla qualità della vita l'insegnamento, malgrado affrontato seriamente richieda circa 36 ore a settimana come ogni altro lavoro, permette una gestione personale dei tempi di lavoro.
La qualità del lavoro invece non dipende dalla retribuzione, ma da fattori più soggettivi; elenco quelli che per me sono determinanti.
- un buon ambiente relazionale di lavoro
- la libertà di scegliere e adottare autonomamente le strategie
- la soddisfazione di riscontrare risultati concreti del proprio operato.
- un certo riconoscimento sociale del proprio ruolo, al di là della retribuzione e della macchina posseduta.
Le richieste e le difficoltà che subiamo noi insegnanti, invece, sono fatte apposta per demotivare. Ad esempio le richieste assurde di genitori iperprotettivi, la limitazione della libertà di insegnamento mediante imposizioni didattiche di vario tipo, le forti pressioni che riceviamo sui voti da dirigenti, genitori e colleghi, il carico di assurda burocrazia, il dover sottostare a una burocrazia interna alla scuola, le direttive ministeriali confuse, contraddittorie e liberticide e così via.
Per motivare l'insegnamento occorrerebbero una serie di misure di segno opposto a quelle messe in piedi oggi. Ad esempio ritornare a un protagonismo della figura dell'insegnante nell'ambito degli organi collegiali, diminuire la burocrazia, prevedere corsi di aggiornamento seri, favorire un clima relazionale sano e non quello verticistico che ha imposto il modello aziendale e renziano nelle scuole e così via.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 20223
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mer Lug 12, 2017 12:13 pm

Ire ha scritto:
eccessiva attribuzione di responsabilità (anche quella di dover controllare se il pullman.... )
ambiente di lavoro ostile e penalizzante per chi abbia voglia di impegnarsi e proporre cambiamenti
stigma sociale alimentato da quei quattro imbecilli inamovibili
scuola/azienda


questi secondo me sono i nodi che possono portare (anche un santo)ad essere demotivato.

E non c'è stipendio che tenga per questo.


Un giorno di qualche anno fa, in qualità di rappresentante di classe, mi è capitato di essere chiamata ad ascoltare la coordinatrice (energica, combattiva, indomabile e amatodiata dai ragazzi) sui problemi quotidiani. Aveva parole dure sia sui genitori che sui ragazzi e poteva sembrare che stesse gettando la spugna.  Ci siamo salutate molto preoccupate, ognuna persa nei propri pensieri.  Ero quasi uscita dalla scuola che mi ha richiamata dicendo  "signora,  nonostante questo io li adoro quei ragazzi"

I soldi, lo stipendio:   Che roba è?


(meglio che corregga:   i soldi, lo stipendio:  indispensabili per vivere.  Un aumento:  gradito da tutti e utile a tutti.  Ma non sono il problema maggiore)

Quindi se lo stipendio non serve tanto vale risparmiarselo; tu stiri le camicie ai tuoi figli per sentirti dire grazie ? No ? Quindi se non ti ringraziano va bene !

Le condizioni di lavoro malsane portano il lavoratore all'usura psicofisica, lo danneggiano.
Non pensi che una qualche forma di risarcimento possa essere dovuta ? Non pensi che un lavoratore che ha guadagnato qualche centinaio di euro in più al mese, se si fa una vacanza un po' più lunga, un po' più rilassante, un po' più costosa, stia solamente esercitando un suo diritto ?
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 20223
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mer Lug 12, 2017 12:30 pm

rita 76 ha scritto:
Masaniello ha scritto:
Un insegnante non deve adorare o amare i ragazzi.deve insegnare.almeno alle superiori

Insegnare alle superiori ed ammazzarmi di lavoro per 100 € di più al mese? Che se li tengano pure!

Il lavoro delle medie non è quello delle superiori e mi sta benissimo
Sì, alle superiori ce ne accorgiamo che molti alle medie la pensano così.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: La motivazione l'avrete persa voi   Mer Lug 12, 2017 12:42 pm

avidodinformazioni ha scritto:
rita 76 ha scritto:
Masaniello ha scritto:
Un insegnante non deve adorare o amare i ragazzi.deve insegnare.almeno alle superiori

Insegnare alle superiori ed ammazzarmi di lavoro per 100 € di più al mese? Che se li tengano pure!

Il lavoro delle medie non è quello delle superiori e mi sta benissimo
Sì, alle superiori ce ne accorgiamo che molti alle medie la pensano così.
Mi consolo che non sono l' unica... ;-)
Tornare in alto Andare in basso
 
La motivazione l'avrete persa voi
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 5 di 13Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6 ... 11, 12, 13  Seguente
 Argomenti simili
-
» mi sono persa con i calcoli...
» Ebrei
» Perdere la fede, ritrovarla, capire che e' una trappola, scappare.
» non mi sento una buona madre, mi sono persa
» Motivazione per far frequenze pre e post scuola

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: