Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Con i femminicidi dobbiamo pazientare

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Ven Ago 04, 2017 11:39 am

Promemoria primo messaggio :

http://www.orizzontescuola.it/femminicidi-donghia-necessario-rinnovamento-culturale-parta-dalla-scuola/

“se la scuola è il presidio delle relazioni, è da qui che dobbiamo partire per creare le premesse di un cambiamento culturale che coinvolga l’intera comunità”

Dunque oggi prendiamo un quindicenne, gli spieghiamo ben bene che le femmine non si uccidono (poverino, come potrebbe mai capirlo da solo ?) e quando avrà 30 anni ne raccoglieremo i frutti.

Nel frattempo .....

Io un'alternativa ce l'avrei, ma voi non l'apprezzereste.
Tornare in alto Andare in basso
Online

AutoreMessaggio
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Ven Ago 04, 2017 6:54 pm

mi piace molto questa immagine https://www.youtube.com/watch?v=nwxvJGQNULE
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Ven Ago 04, 2017 7:08 pm

Pensa che rispecchia la mia vita..che imbarazzo per te. Anzi io aiuto me stesso. .
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Ven Ago 04, 2017 7:23 pm

sì sì masaniello, questo video si riferisce a chi ha una relazione di coppia in convivenza.
mi sembra che la tua sia finita
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Ven Ago 04, 2017 7:48 pm

L ho visto di sfuggita.in realtà si riferisce al fatto che un uomo può fare quelle cose tradizionalmente "femminili" e dedicarsi alla famiglia come e piu della madre. Quindi sono io. Sorry.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Ven Ago 04, 2017 7:53 pm

Ire ha scritto:
forse una sola foto no,  immagino tante foto contribuiscano a creare lo stereotipo che contribisce a creare l'idea che nelle menti poco elastiche  (e noi siamo bravissimi ad essere poco elastici) porti alla violenza del "lo devi fare tu perchè si usa così"

Vedendo ogni tanto una foto di mamma che legge mentre papà stende i panni o aiuta i bambini coi compiti o... forse qualcosina appena appena si sposta

D'altra parte non è che la scuola possa fare tanto più di così.  Quello però andrebbe fatto.
Così come andrebbe fatto di condannare comunque quel docente che si permette di commentare con i ragazzi l'isterismo della collega che non ha gradito i commenti sulla camicetta.

(si mi riferisco a quello che ci hanno raccontato qui)-

Il femminicidio deriva da una patologia culturale che va combattuta ovunque e fin da piccoli.  Non solo a scuola ma anche lì
Ok mi avete convinto; d'ora in poi quando scriveranno che la scuola deve promuovere la parità di genere dirò che non è compito mio; facciano libri di testo con le giuste fotografie; io disegno malissimo e quindi mi chiamo fuori.

Mi sembra una soluzione della stessa incisività delle aule colorate per materia.

PS l'espressione "aiuto mia moglie a fare le pulizie" ha anche un'altra accezione rispetto a quella del video (che è sacrosanto): aiuto mia moglie a mantenere gli standard igenici della casa oltre il livello al quale li terrei io, anche se mi sembra un grosso spreco di tempo.

Solo una mamma può essere così cretina da diventare protagonista di questo spot: https://www.youtube.com/watch?v=UHEEKJRjblM
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Ven Ago 04, 2017 8:03 pm

Perché, è un problema se una mamma, un papà, un nonno, lo jedi mette in lavatrice la roba sporca del ragazzino?
Ah,già. .poteva essere sull astronave come la cristoforetti, o a spippolare particelle subatomiche come quell altra.e invece gli stereotipi la costringono a casa.
Per curiosità, queste donne fenomeno i panni se li lavano le uova se le cuociono o hanno i camerieri,uomini, che fanno tutto?
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Ven Ago 04, 2017 8:04 pm

Date il Nobel a questo uomo
https://youtu.be/FgCUtdzDpTQ
La FEMMINILITÀ è una cosa meravigliosa, non una vergogna
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Ven Ago 04, 2017 8:13 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Ire ha scritto:
forse una sola foto no,  immagino tante foto contribuiscano a creare lo stereotipo che contribisce a creare l'idea che nelle menti poco elastiche  (e noi siamo bravissimi ad essere poco elastici) porti alla violenza del "lo devi fare tu perchè si usa così"

Vedendo ogni tanto una foto di mamma che legge mentre papà stende i panni o aiuta i bambini coi compiti o... forse qualcosina appena appena si sposta

D'altra parte non è che la scuola possa fare tanto più di così.  Quello però andrebbe fatto.
Così come andrebbe fatto di condannare comunque quel docente che si permette di commentare con i ragazzi l'isterismo della collega che non ha gradito i commenti sulla camicetta.

(si mi riferisco a quello che ci hanno raccontato qui)-

Il femminicidio deriva da una patologia culturale che va combattuta ovunque e fin da piccoli.  Non solo a scuola ma anche lì
Ok mi avete convinto; d'ora in poi quando scriveranno che la scuola deve promuovere la parità di genere dirò che non è compito mio; facciano libri di testo con le giuste fotografie; io disegno malissimo e quindi mi chiamo fuori.

Mi sembra una soluzione della stessa incisività delle aule colorate per materia.

PS l'espressione "aiuto mia moglie a fare le pulizie" ha anche un'altra accezione rispetto a quella del video (che è sacrosanto): aiuto mia moglie a mantenere gli standard igenici della casa oltre il livello al quale li terrei io, anche se mi sembra un grosso spreco di tempo.

Solo una mamma può essere così cretina da diventare protagonista di questo spot: https://www.youtube.com/watch?v=UHEEKJRjblM

La soluzione è arrivare a considerare la donna un essere umano in grado di autodetermiarsi, in grado di decidere chi e cosa voglia essere.

La modifica dei messaggi editoriali, delle pubblicità ecc ecc ecc è uno dei tanti ambiti di intervento che da soli non risolvono insieme ad altri si.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Ven Ago 04, 2017 8:24 pm

risolvono è una parola troppo grossa
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Ven Ago 04, 2017 11:51 pm

E se nel suo autodeterminarsi decidesse che vuole diventare una cubista, o la mantenuta, cosa succede
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 12:01 am

Masaniello ha scritto:
E se nel suo autodeterminarsi decidesse che vuole diventare una cubista, o la mantenuta, cosa succede
La stessa cosa che succede se un ragazzotto decide di voler diventare un "gamer" o un toy boy.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 12:15 am

Se però lo dice un ragazzo, esprime una libera scelta. Se lo dice una ragazza,che magari e ' da quando ha 10 anni passa le giornate a farsi le foto per avere i mi piace,in realtà è condizionata dai ragazzi cattivoni,mentre dentro di lei si nasconde in realtà una fisica nucleare
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 1:29 am

Masaniello ha scritto:
Se però lo dice un ragazzo, esprime una libera scelta. Se lo dice una ragazza,che magari e ' da quando ha 10 anni passa le giornate a farsi le foto per avere i mi piace,in realtà è condizionata dai ragazzi cattivoni,mentre dentro di lei si nasconde in realtà una fisica nucleare
E su questo siamo d'accordo.

Facciamo un gran parlare degli stereotipi di genere e ci dimentichiamo che anche i maschi ne sono esposti.

I maschi più svegli sanno ragionare con la propria testa, gli altri ... pazienza; idem per le femmine.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa

avatar

Messaggi : 3518
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 7:31 am

Quando mi capita di carpire brandelli di conversazione in cui i ragazzi (maschi e femmine) raccontano le proprie relazioni con l'altro sesso mi rendo conto che spesso manca un vissuto di rispetto reciproco e di parità sostanziale. Con gli strumenti di connettività mi pare che, ancora una volta, si tenda ad andare nella direzione sbagliata.

L'immagine sul libro del maschio che legge il giornale mentre la donna sgobba è molto, ma molto, ma molto meno incisiva della stessa situazione osservata quotidianamente nella vita domestica tra mamma e papà; allo stesso modo a scuola si possono anche fare i discorsi più belli del mondo, ma se la relazione tra i genitori è di un certo tipo è difficile che ci si possa discostare troppo da quell'imprinting.

Il fattore che fa sì che i costumi piano piano evolvano, almeno da una generazione all'altra, è la cultura, intesa sia come conoscenza, sia come scolarizzazione, sia come insieme delle credenze collettive in continuo mutamento. In questo la scuola può fare la sua piccola parte, ricordando però che essa è ormai affiancata da molte altre agenzie formative (tv e internet su tutte); quello che può fare la scuola però non è catechizzare, ma diventare luogo dove alunni e alunne sperimentano relazioni di parità tra i due sessi.

Le relazioni tra uomini e donne sono un fenomeno con una forte componente culturale. In questo senso le ragazze che si allineano allo stereotipo "tutto fisico e niente cervello" mi sembrano essere assai di più dei coetanei maschi che rientrano nello stesso clichè. Da millenni la cultura tradizionale prevede che il maschio possa trovare la propria strada senza fare ricorso alla propria avvenenza fisica, mentre per la femmina storicamente non è così e soprattutto spesso quel "trovare la propria strada" ancora oggi coincide in molti casi con il trovare marito, accasarsi, e in questo la bellezza aiuta. L'idea che le donne raggiungano i propri obiettivi attraverso la propria avvenenza è ancora oggi talmente radicata che, se una donna assume un incarico importante molti pensano che sia perché "l'ha data a qualcuno" oppure, ben che vada, perché sia stata designata da un maschio per essere comandata a bacchetta. Basti pensare a cosa si è detto di alcune ministre.

Se per un uomo è abbastanza comune coltivare l'ambizione di diventare scienziato, scrittore, magistrato, astronauta, politico, capo di azienda ecc., moltissime donne si precludono in partenza questo genere di ambizioni; sia perché il loro orizzonte di vita viene autolimitato nell'ambito relazionale-familiare, sia perché tutto ciò che viene comunemente inteso come "successo" in ambito lavorativo si riferisce ad ambienti tradizionalmente maschili, in cui la presenza delle donne è malvista e ostacolata. Sono passati solo pochi decenni da quando Rosalind Franklin è stata defraudata dai colleghi maschi della scoperta del DNA.

E' proprio per questo che, più nella vita che nella scuola, sarebbe necessario combattere gli stereotipi; uno di quelli più distruttivi per l'emancipazione femminile è a mio avviso quello per una presunta inferiorità delle donne nel ragionamento logico astratto e nei campi matematici e scientifici. Sarebbe quindi opportuno che noi docenti, a scuola, lavorassimo per smontare questo tipo di stereotipo, a cominciare da noi insegnanti maschi. Con l'esempio, con i messaggi più o meno subliminali.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 8:29 am

Masaniello ha scritto:
E se nel suo autodeterminarsi decidesse che vuole diventare una cubista, o la mantenuta, cosa succede
sono fatti esclusivamente suoi.


Decide di fare la cubista, le piace farsi vedere, crede o sa che altri amano guardare le sue forme e le sue movenze.

Decide solo lei chi quando come e perchè dal guardare qualcuno possa passare al prendere o dal farsi vedere abbia voglia di prendere o di farsi prendere

Se fa la mantenuta evidentemente chi la mantiene riceve qualcosa in cambio è un patto tra due tre quattro.... è un patto

Sono solo affari suoi nessuno si può permettere di non accettare se qualcuno (lei o anche l'altra parte) decide di ritirarsi e non farlo più
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 8:48 am

con questi discorsi voi decidete cosa sia bene o male per gli altri basandovi sui vostri principi morali o sull'idea di come debba essere.

La vera libertà, il vero rispetto e la vera emancipazione invece arrivano solo quando questa decisione verrà lasciata al diretto interessato. Maschio o femmina che sia.

Il femminicidio matura in un ambiente dove la decisione la prende il maschio.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
ushikawa

avatar

Messaggi : 3518
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 8:55 am

Non è vero che la professione di spogliarellista o quella di impiegata in banca comportino lo stesso livello di libertà.
La visione dell'individuo come monade che si autodetermina porta anche a questi paradossi.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 8:55 am

Ma infatti faccio umilmente notare che siamo usciti dal seminato.
Il femminicidio nasce nel rapporto di coppia quando la donna decide di troncare. È un PROBLEMA relazionale. Continuo a non capire cosa c entri la predisposizione per la matematica il lavoro fatto da lui e da lei
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 9:06 am

Masaniello ha scritto:
Ma infatti faccio umilmente notare che siamo usciti dal seminato.
Il femminicidio nasce nel rapporto di coppia  quando la donna decide di troncare. È un PROBLEMA relazionale. Continuo a non capire cosa c entri la predisposizione per la matematica   il lavoro fatto da lui e da lei

per un attimo semplifichiamo così la faccenda.

Il femminicidio nasce quando la donna decide di troncare e l'uomo non è d'accordo. Nella mente del maschio la donna non è in grado di fare alcune cose (la matematica è una delle tante) quindi è inferiore quindi non può decidere di troncare.


NON PUOI DECIDERE DI LASCIARMI se lo fai ti ammazzo.

L'immersione costante in una cultura che vede la donna inferiore fa si che si arrivi a questo


Capisci masaniello cosa c'entra la matematica?

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 9:08 am

ushikawa ha scritto:
Non è vero che la professione di spogliarellista o quella di impiegata in banca comportino lo stesso livello di libertà.
La visione dell'individuo come monade che si autodetermina porta anche a questi paradossi.

Perchè?

Perchè se fai la spogiarellista dici: prendetemi e usatemi?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 11:15 am

ushikawa ha scritto:
E' proprio per questo che, più nella vita che nella scuola, sarebbe necessario combattere gli stereotipi; uno di quelli più distruttivi per l'emancipazione femminile è a mio avviso quello per una presunta inferiorità delle donne nel ragionamento logico astratto e nei campi matematici e scientifici. Sarebbe quindi opportuno che noi docenti, a scuola, lavorassimo per smontare questo tipo di stereotipo, a cominciare da noi insegnanti maschi. Con l'esempio, con i messaggi più o meno subliminali.
Non vedo il motivo per cui se la globalità delle donne, nella media, dovesse essere inferiore agli uomini in quell'ambito, le singole donne migliori, 100 volte migliori dell'uomo medio, non dovrebbero ottenere quel che meritano.

Soprattutto non vedo il motivo di sostenere il diritto al merito paventando un'assoluta uguaglianza dei generi ... peraltro probabilmente falsa.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 11:22 am

ushikawa ha scritto:
Non è vero che la professione di spogliarellista o quella di impiegata in banca comportino lo stesso livello di libertà.
La visione dell'individuo come monade che si autodetermina porta anche a questi paradossi.
Esplicita il concetto.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 11:26 am

Avendo lavoricchiato nelle discoteche dal 2001 al 2010 vorrei fare una, doverosa,precisazione.
Anche se nell immaginario collettivo,e qui si,direi maschilista, cubista=spogliarellista=zoccola
Le cose sono molto differenti.
La cubista è una ballerina,con un bel fisico e che si sa muovere. NON tromba con i clienti,NON si fa toccare (il cubo è in alto anche per questo ),NON si accompagna a fine serata con nessuno,a pagamento. Spesso ha un lavoro rispettabile ed arrotonda semplicemente ballando e,si, anche per quell umano piacere di sentirsi guardata ed apprezzata
La SPOGLIARELLISTA lavora nei night, non nelle discoteche tradizionali, si esibisce spesso nuda ed è pagata anche, ovviamente, per farsi toccare da qualche vecchio arrapato. Il contratto prevede questo, N ON prevede che debba fare sesso con i clienti. Se lo fa,lo fa per sua scelta di donna maggiorenne al di fuori del locale.
Le escort si,sono prostitute,possono trovarsi nei locali ma non c entrano nulla ne con le spogliarelliste ne tanto meno con le cubiste.
Un esempio di escort si può vedere cliccando qua https://imganuncios.mitula.net/ford_escort_1992_gasolina_ford_escort_l_1992_8330134491336871910.jpg


Ultima modifica di Masaniello il Sab Ago 05, 2017 11:28 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 11:27 am

Ire ha scritto:
ushikawa ha scritto:
Non è vero che la professione di spogliarellista o quella di impiegata in banca comportino lo stesso livello di libertà.
La visione dell'individuo come monade che si autodetermina porta anche a questi paradossi.

Perchè?

Perchè se fai la spogiarellista dici:  prendetemi e usatemi?
Perchè ? Se fai la puttana sì ? Dici pagatemi, e godete delle mie prestazioni.

Se dovessimo dire che una puttana viene usata perchè gli uomini sono interessati solo al suo corpo e se ne fregano della sua mente, allora dovremmo dire lo stesso delle operaie che con le loro mani muovono oggetti meccanici e chi se ne frega dei loro pensieri.

A poco vale far notare come per muovere le giuste leve serva un po' di mente, perchè nessun uomo farebbe sesso con una bellissima bambola gonfiabile; gli uomini anche quando vanno a puttane apprezzano la professionalità ed il "saperci fare" ovvero un po' di mente.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Con i femminicidi dobbiamo pazientare   Sab Ago 05, 2017 11:46 am

avidodinformazioni ha scritto:
Ire ha scritto:
ushikawa ha scritto:
Non è vero che la professione di spogliarellista o quella di impiegata in banca comportino lo stesso livello di libertà.
La visione dell'individuo come monade che si autodetermina porta anche a questi paradossi.

Perchè?

Perchè se fai la spogiarellista dici:  prendetemi e usatemi?
Perchè ? Se fai la puttana sì ? Dici pagatemi, e godete delle mie prestazioni.

Se dovessimo dire che una puttana viene usata perchè gli uomini sono interessati solo al suo corpo e se ne fregano della sua mente, allora dovremmo dire lo stesso delle operaie che con le loro mani muovono oggetti meccanici e chi se ne frega dei loro pensieri.

A poco vale far notare come per muovere le giuste leve serva un po' di mente, perchè nessun uomo farebbe sesso con una bellissima bambola gonfiabile; gli uomini anche quando vanno a puttane apprezzano la professionalità ed il "saperci fare" ovvero un po' di mente.

Non è questo il discorso avido.

Una donna che decide di vendersi innegabilmente dice:  per quel tot di tempo che mi paghi puoi usarmi.

Le va concesso di:

essere usata secondo il pattuito quindi non le va imposta alcuna prestazione che ella non sia disposta ad accettare

le va concesso di farsi usare solo quando lo desidera.  Non sicuramente se una donna fa la puttana sia ammissibile prenderla e usarla comunque e dovunque perchè tanto lei questo fa.

Ripensandoci:

quel "le va concesso" è ambiguo e mi fa orrore

Meglio dire: ha il diritto di............

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
 
Con i femminicidi dobbiamo pazientare
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» Ricordiamoci di loro: a chi dobbiamo questa meraviglia di legge 40
» DOBBIAMO RICORRERE ALLA FIVET/ICSI
» dobbiamo prendere una decisione, seriamente
» Dobbiamo limitare le nascite?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: