Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 5:38 pm

http://www.orizzontescuola.it/prevenzione-uso-alcol-droga-protocollo-intesa-miur-presidenza-del-consiglio/

"attività di formazione delle e degli insegnanti"

"una piaga che può compromettere la crescita e lo sviluppo dei ragazzi e delle ragazze"

Dunque fatemi capire, quando c'è da formarsi le femmine vengono prima e quando c'è da rimbecillirsi vengono prima i maschi ?

Lo dico con la massima sincerità: queste cose mi fanno ridere non indignare; tutte le buffonate mi fanno ridere.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 6:00 pm

in Svezia per risolvere la questione del genere avevano inventato un pronome neutro per umani (hen, al posto di han-lui e hon-lei). Non lo usa nessuno.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 6:18 pm

Puttanate
Patetiche
Femminismo becero, ridicolo, patetico
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 6:20 pm

In risposta a questa discriminazione sessista
Beccatevi questo
https://www.tvsvizzera.it/tvs/frontaliere-del-sesso_in-ticino-una-prostituta-su-cinque-è-italiana/43120678
Eccellenze femminili italiane all'estero
Vulve in fuga
Fedeli dove sei?hai letto?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 6:31 pm

Masaniello ha scritto:
In risposta a questa discriminazione sessista
Beccatevi questo
https://www.tvsvizzera.it/tvs/frontaliere-del-sesso_in-ticino-una-prostituta-su-cinque-è-italiana/43120678
Eccellenze femminili italiane all'estero
Vulve in fuga
Fedeli dove sei?hai letto?
Certo, vuoi mica che se lo siano portato via le prostitute !
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 6:33 pm

Ma si dice le giovani o le giovane ?
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 6:34 pm

Ah,scusate..usiamo il Fedel gergo.
Prima il femminile.
"Numericamente prevalenti in Svizzera prostitute e prostituti italiane e italiani....."
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 6:41 pm

Masaniello ha scritto:
Ah,scusate..usiamo il Fedel gergo.
Prima il femminile.
"Numericamente prevalenti in Svizzera prostitute e prostituti italiane e italiani....."
Questo è favoreggiamento della prostituzione.
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1382
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 7:27 pm

Masaniello ha scritto:
In risposta a questa discriminazione sessista
Beccatevi questo
https://www.tvsvizzera.it/tvs/frontaliere-del-sesso_in-ticino-una-prostituta-su-cinque-è-italiana/43120678
Eccellenze femminili italiane all'estero
Vulve in fuga
Fedeli dove sei?hai letto?

Dove sta il problema? Hai paura che non ne restino abbastanza per te?
In Iran c'è il matrimonio a tempo.Li' le mogli hanno la scadenza come i latticini. Trasferisciti in
quel fortunato paese. Questo paese pieno di africani e radical chic non ti merita.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 7:35 pm

Nessun problema. Si portava un esempio di eccellenza femminile italiana all estero
Tornare in alto Andare in basso
geo&geo



Messaggi : 1094
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 8:31 pm

Masaniello ha scritto:

In risposta a questa discriminazione sessista
Beccatevi questo
https://www.tvsvizzera.it/tvs/frontaliere-del-sesso_in-ticino-una-prostituta-su-cinque-è-italiana/43120678

Masaniello ha scritto:
Ah,scusate..usiamo il Fedel gergo.
Prima il femminile.
"Numericamente prevalenti in Svizzera prostitute e prostituti italiane e italiani....."

e meno male che insegni matematica...
Comunque, la forza lavoro italiana ha semplicemente superato quella spagnola in un paese che si trova al confine dell'Italia e a 600 chilometri dal confine spagnolo... Non c'è niente di cui vantarsi, e nemmeno (lo dico per Masaniello) da preoccuparsi. Se lo stesso risultato l'avessimo raggiunto ad Andorra, allora sarebbe stato da segnalare come significativo
Tornare in alto Andare in basso
geo&geo



Messaggi : 1094
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 8:51 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Lo dico con la massima sincerità: queste cose mi fanno ridere non indignare; tutte le buffonate mi fanno ridere.

rido anche io
Però devi dare atto alla Fedeli di essere coerente: lei dice sempre prima il femminile e poi il maschile.
E' la Boschi che si è distratta...
Tornare in alto Andare in basso
Hoffnung2



Messaggi : 1673
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Lun Ago 07, 2017 9:35 pm

geo&geo ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Lo dico con la massima sincerità: queste cose mi fanno ridere non indignare; tutte le buffonate mi fanno ridere.

rido anche io
Però devi dare atto alla Fedeli di essere coerente: lei dice sempre prima il femminile e poi il maschile.
E' la Boschi che si è distratta...
Mi spiegate, GRAMMATICALMENTE PARLANDO, cosa ci sia di strano? Avete mai sentito un discorso politico in tedesco? È normale usare il femminile e poi il maschile. Perché in italiano no?
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 57265
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Mar Ago 08, 2017 2:24 am

No, non conosco il tedesco, però così ci metti il doppio del tempo per dire una cosa che si capisce lo stesso: se entri in classe e trovi confusione, dici "ragazzi, in silenzio e a posto" o "ragazze e ragazzi, in silenzio e a posto"? Immagino la prima delle due e nessuno dubiterebbe del fatto che ti stai rivolgendo sia ai maschi sia alle femmine, ma vuoi porre l'accento su "in silenzio e a posto". Anzi io devo stare sempre un po' attento con le classi totalmente femminili o a larga maggioranza femminili (in cui magari in quel momento quei pochi maschi sono tranquilli) perché mi viene più naturale usare il maschile e in quel caso non ha senso.
Comunque non è una moda recente, ma una tradizione della sinistra: anche nei discorsi di Berlinguer o di Craxi, si sente sempre l'espressione "care compagne e cari compagni".
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Mar Ago 08, 2017 8:09 am

Dec ha scritto:
No, non conosco il tedesco, però così ci metti il doppio del tempo per dire una cosa che si capisce lo stesso: se entri in classe e trovi confusione, dici "ragazzi, in silenzio e a posto" o "ragazze e ragazzi, in silenzio e a posto"? Immagino la prima delle due e nessuno dubiterebbe del fatto che ti stai rivolgendo sia ai maschi sia alle femmine, ma vuoi porre l'accento su "in silenzio e a posto". Anzi io devo stare sempre un po' attento con le classi totalmente femminili o a larga maggioranza femminili (in cui magari in quel momento quei pochi maschi sono tranquilli) perché mi viene più naturale usare il maschile e in quel caso non ha senso.
Comunque non è una moda recente, ma una tradizione della sinistra: anche nei discorsi di Berlinguer o di Craxi, si sente sempre l'espressione "care compagne e cari compagni".

E se tu dicessi, semplicemente, "buongiorno, silenzio e a posto" ? : - )

Ma, chiedo, davvero questa cosa esce dai discorsi estivi sul web e arriva nelle classi?

Davvero pensi che gli alunni si farebbero problemi a sentire prima nominare maschi o femmine o non nominare o.. ?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
enricat



Messaggi : 2015
Data d'iscrizione : 27.11.10

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Mar Ago 08, 2017 8:25 am

Dec ha scritto:
No, non conosco il tedesco, però così ci metti il doppio del tempo per dire una cosa che si capisce lo stesso: se entri in classe e trovi confusione, dici "ragazzi, in silenzio e a posto" o "ragazze e ragazzi, in silenzio e a posto"? Immagino la prima delle due e nessuno dubiterebbe del fatto che ti stai rivolgendo sia ai maschi sia alle femmine, ma vuoi porre l'accento su "in silenzio e a posto". Anzi io devo stare sempre un po' attento con le classi totalmente femminili o a larga maggioranza femminili (in cui magari in quel momento quei pochi maschi sono tranquilli) perché mi viene più naturale usare il maschile e in quel caso non ha senso.
Comunque non è una moda recente, ma una tradizione della sinistra: anche nei discorsi di Berlinguer o di Craxi, si sente sempre l'espressione "care compagne e cari compagni".

Infatti non è una moda, è la lingua italiana che è sessuata e prevede il maschile e il femminile.
Il maschile plurale non è neutro, è maschile plurale.
Non capisco proprio perchè gli uomini, non solo ma soprattutto, facciano così fatica a seguire le regole dell'italiano quando si tratta di declinare al femminile.
Se è così indifferente come dite, usiamo il femminile plurale come neutro.
Che tu dica "ragazzi silenzio e a posto" è un errore, è una consuetudine che sarebbe bene abbandonare, e non costa niente farlo. Puoi anche dire semplicemente "fate silenzio". Sono accortezze che non costano nulla.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Mar Ago 08, 2017 9:12 am

..e non servono a un cazzo.
Immaginiamo che ,con strade percorribili sono in Italia, io diventi primario di odontostomatologia .
Non ne so nulla. Di nulla.
L unica cosa che faccio, come primario ignorante,è decidere che la cena dei degenti venga servita prima alle donne e poi agli uomini.
Ecco. Questo è esattamente ciò che sta facendo la fedeli. Non sa cosa fare, poverina, fa l unica cosa che sapeva fare:la sindacalista, la femminista. ..
Tornare in alto Andare in basso
enricat



Messaggi : 2015
Data d'iscrizione : 27.11.10

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Mar Ago 08, 2017 9:43 am

Masaniello ha scritto:
..e non servono a un cazzo.
Immaginiamo che ,con strade percorribili sono in Italia, io diventi primario di odontostomatologia .
Non ne so nulla. Di nulla.
L unica cosa che faccio, come primario ignorante,è decidere che la cena dei degenti venga servita prima alle donne e poi agli uomini.
Ecco. Questo è esattamente ciò che sta facendo la fedeli. Non sa cosa fare, poverina, fa l unica cosa che sapeva fare:la sindacalista, la femminista. ..

Si parla di lingua italiana. Questa prevede il maschile e il femminile. Non lo dice Fedeli, non lo dicono "le femministe" ( tra l'altro sono femminista e Fedeli è l'ultimo dei miei riferimenti, anzi la disprezzo proprio).
Preditela con la lingua italiana
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2897
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Mar Ago 08, 2017 9:56 am

enricat ha scritto:
Dec ha scritto:
No, non conosco il tedesco, però così ci metti il doppio del tempo per dire una cosa che si capisce lo stesso: se entri in classe e trovi confusione, dici "ragazzi, in silenzio e a posto" o "ragazze e ragazzi, in silenzio e a posto"? Immagino la prima delle due e nessuno dubiterebbe del fatto che ti stai rivolgendo sia ai maschi sia alle femmine, ma vuoi porre l'accento su "in silenzio e a posto". Anzi io devo stare sempre un po' attento con le classi totalmente femminili o a larga maggioranza femminili (in cui magari in quel momento quei pochi maschi sono tranquilli) perché mi viene più naturale usare il maschile e in quel caso non ha senso.
Comunque non è una moda recente, ma una tradizione della sinistra: anche nei discorsi di Berlinguer o di Craxi, si sente sempre l'espressione "care compagne e cari compagni".

Infatti non è una moda, è la lingua italiana che è sessuata e prevede il maschile e il femminile.
Il maschile plurale non è neutro, è maschile plurale.
Non capisco proprio perchè gli uomini, non solo ma soprattutto, facciano così fatica a seguire le regole dell'italiano quando si tratta di declinare al femminile.
Se è così indifferente come dite, usiamo il femminile plurale come neutro.
Che tu dica "ragazzi silenzio e a posto" è un errore, è una consuetudine che sarebbe bene abbandonare, e non costa niente farlo. Puoi anche dire semplicemente "fate silenzio". Sono accortezze che non costano nulla.

Ma a te importa veramente??? Voglio dire che è una tale sciocchezza... Ma cosa mi importa se vengo chiamata con un nome maschile plurale o femminile plurale? Io sono una donna al 100 % e sono io. Poi potrei essere anche sindaco (e mai sindaca), ministro (e mai ministra). Io vengo chiamata costantemente con un soprannome che è un nome di animale maschile e vengono usati aggettivi o participi sempre al maschile; sopravvivo benissimo nè mi sento offesa perché sono a mio agio con la mia femminilità, non ho bisogno che venga sottolineata in modo collettivo e neppure individuale.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Mar Ago 08, 2017 11:22 am

Hoffnung2 ha scritto:
geo&geo ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Lo dico con la massima sincerità: queste cose mi fanno ridere non indignare; tutte le buffonate mi fanno ridere.

rido anche io
Però devi dare atto alla Fedeli di essere coerente: lei dice sempre prima il femminile e poi il maschile.
E' la Boschi che si è distratta...
Mi spiegate, GRAMMATICALMENTE PARLANDO, cosa ci sia di strano? Avete mai sentito un discorso politico in tedesco? È normale usare il femminile e poi il maschile. Perché in italiano no?
perchè è prolisso ed andrebbe usato solo se in caso contrario verrebbe da pensare che l'affermazione sia diretta solo ad un genere.

"Ragazzi se piove ricordatevi di prendere l'ombrello se no vi bagnate". Se non cito le ragazze significa che loro sono immuni alla pioggia ?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Mar Ago 08, 2017 11:27 am

enricat ha scritto:
Dec ha scritto:
No, non conosco il tedesco, però così ci metti il doppio del tempo per dire una cosa che si capisce lo stesso: se entri in classe e trovi confusione, dici "ragazzi, in silenzio e a posto" o "ragazze e ragazzi, in silenzio e a posto"? Immagino la prima delle due e nessuno dubiterebbe del fatto che ti stai rivolgendo sia ai maschi sia alle femmine, ma vuoi porre l'accento su "in silenzio e a posto". Anzi io devo stare sempre un po' attento con le classi totalmente femminili o a larga maggioranza femminili (in cui magari in quel momento quei pochi maschi sono tranquilli) perché mi viene più naturale usare il maschile e in quel caso non ha senso.
Comunque non è una moda recente, ma una tradizione della sinistra: anche nei discorsi di Berlinguer o di Craxi, si sente sempre l'espressione "care compagne e cari compagni".

Infatti non è una moda, è la lingua italiana che è sessuata e prevede il maschile e il femminile.
Il maschile plurale non è neutro, è maschile plurale.
Non capisco proprio perchè gli uomini, non solo ma soprattutto, facciano così fatica a seguire le regole dell'italiano quando si tratta di declinare al femminile.
Se è così indifferente come dite, usiamo il femminile plurale come neutro.
Che tu dica "ragazzi silenzio e a posto" è un errore, è una consuetudine che sarebbe bene abbandonare, e non costa niente farlo. Puoi anche dire semplicemente "fate silenzio". Sono accortezze che non costano nulla.
Declinare al femminile non è un problema, a patto di definirlo una volta per tutte, sindaca e non sindachessa e possibilmente senza fare gli stronzi, sindaca e professora, non sindaca e professoressa.

Invece raddoppiare le parole è da imbecilli: a tutte le studentesse e gli studenti.
Tornare in alto Andare in basso
enricat



Messaggi : 2015
Data d'iscrizione : 27.11.10

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Mar Ago 08, 2017 12:22 pm

avidodinformazioni ha scritto:
enricat ha scritto:
Dec ha scritto:
No, non conosco il tedesco, però così ci metti il doppio del tempo per dire una cosa che si capisce lo stesso: se entri in classe e trovi confusione, dici "ragazzi, in silenzio e a posto" o "ragazze e ragazzi, in silenzio e a posto"? Immagino la prima delle due e nessuno dubiterebbe del fatto che ti stai rivolgendo sia ai maschi sia alle femmine, ma vuoi porre l'accento su "in silenzio e a posto". Anzi io devo stare sempre un po' attento con le classi totalmente femminili o a larga maggioranza femminili (in cui magari in quel momento quei pochi maschi sono tranquilli) perché mi viene più naturale usare il maschile e in quel caso non ha senso.
Comunque non è una moda recente, ma una tradizione della sinistra: anche nei discorsi di Berlinguer o di Craxi, si sente sempre l'espressione "care compagne e cari compagni".

Infatti non è una moda, è la lingua italiana che è sessuata e prevede il maschile e il femminile.
Il maschile plurale non è neutro, è maschile plurale.
Non capisco proprio perchè gli uomini, non solo ma soprattutto, facciano così fatica a seguire le regole dell'italiano quando si tratta di declinare al femminile.
Se è così indifferente come dite, usiamo il femminile plurale come neutro.
Che tu dica "ragazzi silenzio e a posto" è un errore, è una consuetudine che sarebbe bene abbandonare, e non costa niente farlo. Puoi anche dire semplicemente "fate silenzio". Sono accortezze che non costano nulla.
Declinare al femminile non è un problema, a patto di definirlo una volta per tutte, sindaca e non sindachessa e possibilmente senza fare gli stronzi, sindaca e professora, non sindaca e professoressa.

Invece raddoppiare le parole è da imbecilli: a tutte le studentesse e gli studenti.

Invece è un problema, è un problema per molte persone e non capisco perchè. Nel commento sopra si dice che ministra non va bene, la femminilità non si perde se si viene chiamate ministro, ma che accidenti c'entra la femminilità ( ma poi cos'è???). Maestra va bene e ministra no solo perchè prima le ministre non esistevano, ma sono termini che provengono dalla stessa radice.

Le regole ci sono e sono chiare. Il profilo -essa ad esempio non andrebbe mai usato. Professoressa è rimasto per convenzione, ma non è correttissimo.
Ci sono le raccompadazioni per l'uso corretto della lungua italiana nella pubblica amministraizone. Quelle più famose di Alma Sabbatini risalngono agli anni 70.
Ci sono le indicazioni dell'accademia della crusca.
Ma basta seguire le regole della nostra lingua. Non capisco veramente perchè ci si ostini a non capire, a fare iroia, o figure pessime come il pediatra che fuori dallo studio mise il cartello "pediatro" a suo dire per andare contro Boldrini. Ignorantecome una capra.
Tornare in alto Andare in basso
enricat



Messaggi : 2015
Data d'iscrizione : 27.11.10

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Mar Ago 08, 2017 12:26 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Hoffnung2 ha scritto:
geo&geo ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Lo dico con la massima sincerità: queste cose mi fanno ridere non indignare; tutte le buffonate mi fanno ridere.

rido anche io
Però devi dare atto alla Fedeli di essere coerente: lei dice sempre prima il femminile e poi il maschile.
E' la Boschi che si è distratta...
Mi spiegate, GRAMMATICALMENTE PARLANDO, cosa ci sia di strano? Avete mai sentito un discorso politico in tedesco? È normale usare il femminile e poi il maschile. Perché in italiano no?
perchè è prolisso ed andrebbe usato solo se in caso contrario verrebbe da pensare che l'affermazione sia diretta solo ad un genere.

"Ragazzi se piove ricordatevi di prendere l'ombrello se no vi bagnate". Se non cito le ragazze significa che loro sono immuni alla pioggia ?

Ci sono miriadi di linee guida che invitano a non usare il maschile non marcato.
Non è prolisso dire ragazzi e ragazze.
Oppure non si dice "uomini" per intendere il genere umano. E' sbagliato.

Se proprio ti è tanto prolisso diciamo solo ragazze. Va bene? Io ci ho provato in classe e i tre/quattro uomini presenti son saltati dalla sedia rivendicando che loro erano uomini.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Mar Ago 08, 2017 1:26 pm

enricat ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Hoffnung2 ha scritto:
geo&geo ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Lo dico con la massima sincerità: queste cose mi fanno ridere non indignare; tutte le buffonate mi fanno ridere.

rido anche io
Però devi dare atto alla Fedeli di essere coerente: lei dice sempre prima il femminile e poi il maschile.
E' la Boschi che si è distratta...
Mi spiegate, GRAMMATICALMENTE PARLANDO, cosa ci sia di strano? Avete mai sentito un discorso politico in tedesco? È normale usare il femminile e poi il maschile. Perché in italiano no?
perchè è prolisso ed andrebbe usato solo se in caso contrario verrebbe da pensare che l'affermazione sia diretta solo ad un genere.

"Ragazzi se piove ricordatevi di prendere l'ombrello se no vi bagnate". Se non cito le ragazze significa che loro sono immuni alla pioggia ?

Ci sono miriadi di linee guida che invitano a non usare il maschile non marcato.
Non è prolisso dire ragazzi e ragazze.
Oppure non si dice "uomini" per intendere il genere umano. E' sbagliato.

Se proprio ti è tanto prolisso diciamo solo ragazze. Va bene? Io ci ho provato in classe e i tre/quattro uomini presenti son saltati dalla sedia rivendicando che loro erano uomini.
Se decidessimo di usare solo parole al femminile mi starebbe bene; l'anno scorso mi hanno chiamato professoressa 4 volte ed ho la barba; non mi sono offeso nessuna delle 4 volte, anzi ho sorriso, e sorridere fa bene.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 3527
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)   Mar Ago 08, 2017 2:21 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Se decidessimo di usare solo parole al femminile mi starebbe bene; l'anno scorso mi hanno chiamato professoressa 4 volte ed ho la barba; non mi sono offeso nessuna delle 4 volte, anzi ho sorriso, e sorridere fa bene.

Wow, che ricordi Avido!
Ricordo ancora il mio prof. di filosofia che quando era chiamato professoressa in maniera estremamente femminile si voltava verso di noi e simulando una vocina stridula da donna rispondeva siiiiiiii.... e noi rosse per l'imbarazzo.
Grazie per avermelo ricordato.
Tornare in alto Andare in basso
 
Violenza di genere (tra il serio ed il faceto)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 4Vai alla pagina : 1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» Esiste un genere musicale migliore di un altro?
» Cerco andrologo serio Vicenza, Verona o Padova
» quando mi chiedono una rico del genere!!
» b a n a l i t à _ dei forumisti ed in genere
» Eliminare con l'educazione le distinzioni di genere?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: