Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 fisica del cambio olio e filtro

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
seasparrow



Messaggi : 2452
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 58
Località : Venezia

MessaggioTitolo: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 4:15 pm

salve a tutte/i

devo riconoscere che e' stata questa traccia a farmi ricordare argomenti studiati da giovane con la passione per gli aerei

http://www.orizzontescuolaforum.net/t145410-matematica-dal-benzinaro

questi argomenti pero' sono utili anche alla vita di tutti i giorni

quando si deve cambiare l'olio?

un consiglio che si sente molte volte e' 10000km

https://www.puntopro.it/cambio-olio/

si pero' in realta' precisa i motori si consumano nel tempo o nello spazio?

nel tempo! dove serve la precisione tipo ambiente nautico aeronautico o dove il motore gira da fermo sempre tipo gruppi elettrogeni o molte volte tipo trattori ci sono i contaore

https://www.sangiorgiosein.it/easystore/SchedeVedi.asp?SchedaID=74

passiamo quindi da km a ore (funzionamento) con una velocita' MEDIA sul lungo periodo da percorso prevalentemente citta' : 50km/h

10000km/(50km/h) = 200h

(nota: con le ipotesi presenti, se il motore dura prima di avere troppi problemi 100000km implica che la casa costruttice ha costruito il motore per una vita di 2000h)

problemino facile facile

se uno per lavoro compie prevalentemente percorsi autostradali a una v media di 100km/h ogni quanti km e' giusto cambiare l'olio? (per il proprietario auto e l'ambiente, non per l'officina)

http://www.leonardocompany.com/documents/63265270/70008257/body_IQS006_LOG_CARD_Istruzioni.pdf


Ultima modifica di seasparrow il Mer Ago 16, 2017 7:48 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19943
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 4:20 pm

La cosa più saggia da fare sarebbe analizzare l'olio e verificare se sia ancora rispondente ai requisiti minimi.

Sono anche convinto che l'olio "esausto" per un motore nuovo potrebbe essere tranquillamente riusato in un motore vecchio, destinato alla rottamazione entro pochi anni per altri motivi.
Tornare in alto Andare in basso
udl



Messaggi : 2020
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 4:33 pm

A mio avviso con questo utilizzo "ideale" l'olio può essere cambiato ogni 20-30000 km: come tutti i componenti meccanici, ad essere particolarmente gravosi sono i "transitori", cioè i periodi di funzionamento lontani dalle condizioni ideali (per temperatura, viscosità ecc.)
Con un utilizzo prevalentemente cittadino, fatto di brevi distanze percorse, in cui né il motore né, tantomeno, l'olio e gli altri componenti raggiungono la temperatura di regime, ogni anno è buona norma sostituire olio e filtro.
Infine, non tutti i motori sono uguali: facendo sempre un discorso statistico, di grandi numeri, ad esempio i motori Fiat consumano pochissimo olio e reggono disinvoltamente intervalli, fra un cambio d'olio e l'altro, amplissimi.
I possessori di blasonatissime altre auto, invece, devono recarsi spessissimo in officina per effettuare, fra le altre cose, anche rabbocchi/sostituzioni dell'olio
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 5:11 pm

Scusa, mi sai dire su quale manuale BMW, m ercedes o audi è prescritta una sostituzione olio così frequente?
Seasparrow, io faccio molta autostrada, ma vm =100 km/h non si può sentire. Forse mio zio con la panda 750...
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 5:18 pm

Seasparrow, ma quando mai sulle auto moderne si cambia l olio ogni 10000 km? Cosa c entra la log card della westland riferita agli elicotteri? Alcuni motori hanno radiatore olio, altri no. La degradazione delle caratteristiche dell olio lubrificanti è un processo chimico. Che minestrone stai facendo?
Tornare in alto Andare in basso
Online
udl



Messaggi : 2020
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 6:25 pm

Masaniello ha scritto:
Scusa, mi sai dire su quale manuale BMW, m ercedes o audi è prescritta una sostituzione olio così frequente?

Nelle auto di queste marche, come in molte altre, la sostituzione dell'olio e' "suggerita" dal computer di bordo: questo è estremamente prudenziale, sovrastimando (o, perlomeno, dando un peso notevole) ai transitori, in modo da accorciare notevolmente i tempi fra un cambio olio e l'altro.
Se questo ha sicuramente un benefico effetto sul motore, non si può dire che abbia un effetto altrettanto benefico sulle tasche del proprietario.
Ovviamente il proprietario medio di queste auto non è il proprietario medio di Fiat, Opel o Ford (ad esempio), per cui questi costi elevati di manutenzione vengono accettati senza battere ciglio.
D'altra parte, se c'è qualcosa in cui queste Case sono sicuramente insuperabili e' in quello che si chiama "marketing"
...
Tornare in alto Andare in basso
udl



Messaggi : 2020
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 6:29 pm

Sono con il cellulare, il "quote" e' uscito male ma penso si capisca
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19943
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 7:33 pm

Masaniello ha scritto:
Scusa, mi sai dire su quale manuale BMW, m ercedes o audi  è prescritta una sostituzione olio così frequente?
Seasparrow, io faccio molta autostrada, ma vm =100 km/h non si può sentire. Forse mio zio con la panda 750...
In ogni caso l'olio deperisce per le alte temperature prolungate nel tempo; l'uso autostradale è molto più gravoso di quello cittadino a pari km; se parto alle 7 del mattino e guido per mezz'ora a basso regime, l'olio si scalda per 15 minuti e poi si raffredda, in un viaggio autostradale rimane a temperatura massima per ore.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 8:13 pm

Direi proprio di no. La città è l utilizzo peggiore possibile per un auto,con motore e lubrificante soggetti a continui transitori tra bassa ed alta temperatura che ne accelerano la trasformazione e l usura. Per non parlare dei problemi di rigenerazione dpf. Nell uso cittadino è prevista una sostituzione olio più frequente
In autostrada a velocità costante ,motore ,refrigerante e lubrificante lavorano nel giusto punto di funzionamento con temperatura costante,cioè il toccasana. Il notevole flusso di aria sul radiatore mantiene la temperatura del refrigerante a valori ottimali. Ovviamente parlo di tratti di pianura a velocità non eccessive.
Un po come gli aerei che fanno tratte brevi più volte al giorno. Subiscono in un certo lasso di tempo molti più cicli di pressurizzazione /depressurizzazione, atterraggio. Tutte le strutture sono più sollecitate. In passato casi più o meno catastrofici di rotture fusoliera in volo dovute a fatica si sono verificati su aerei a corto raggio con cicli frequenti.
Infatti i piani di manutenzione hanno uno scaglionamento sia chilometrico che ciclico.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19943
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 8:16 pm

Masaniello ha scritto:
Direi proprio di no. La città è l utilizzo peggiore possibile per un auto,con motore e lubrificante soggetti a continui transitori tra bassa ed alta temperatura che ne accelerano la trasformazione e l usura. Per non  parlare dei problemi di rigenerazione dpf. Nell uso cittadino è prevista una sostituzione olio più frequente  
In autostrada a velocità costante ,motore ,refrigerante e lubrificante lavorano nel giusto punto di funzionamento con temperatura costante,cioè il toccasana. Il notevole flusso di aria sul radiatore mantiene la temperatura del refrigerante a valori ottimali. Ovviamente parlo di tratti di pianura a velocità non eccessive.
Un po come gli aerei che fanno tratte brevi più volte al giorno. Subiscono in un certo lasso di tempo molti più cicli di pressurizzazione /depressurizzazione, atterraggio. Tutte le strutture sono più sollecitate. In passato casi più o meno catastrofici di rotture fusoliera in volo dovute a fatica si sono verificati su aerei a corto raggio con cicli frequenti.
Infatti i piani di manutenzione hanno uno scaglionamento sia chilometrico che ciclico.
parliamo di olio non di motore nel suo complesso; il cracking è legato alla temperatura non ai suoi transitori.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 8:41 pm

Non ho dato sperimentali, ma penso che la temperatura dell olio di mantenga più bassa in autostrada piuttosto che nella uso cittadino ,fermi in coda, soprattutto in estate.
Il motivo per cui lè Case prevedono cambi più frequenti dell olio nell uso cittadino è sicuramente sperimentale, e penso sia dovuto al fatto che il motore gira spesso freddo,quando la lubrificazione è insufficiente e il motore si usura di più, rilasciando impurità che poi vengono raccolte dall olio
Tornare in alto Andare in basso
Online
udl



Messaggi : 2020
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 9:05 pm

Sono d'accordo con Masaniello, come d'altra parte era chiaro dai miei post precedenti: l'utilizzo in autostrada e' quello ideale per un motore e quindi per l'olio, come in generale e' ideale per i motori l'uso a regime costante, come nel caso dei motori per generatori o macchine operatrici.
L'utilizzo peggiore è quello cittadino, con frequenti transitori e temperature non a regime.
Si stima che nei motori moderni il 70-80% dell'usura si abbia all'avviamento, oltre che per le temperature anche perché nei primi istanti il motore funziona praticamente senza lubrificazione.
A regime costante con temperature di acqua e olio costanti e ideali un motore potrebbe girare in teoria quasi indefinitamente, fino allo stato di usura limite dei suoi componenti
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19943
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 9:25 pm

udl ha scritto:
Sono d'accordo con Masaniello, come d'altra parte era chiaro dai miei post precedenti: l'utilizzo in autostrada e' quello ideale per un motore e quindi per l'olio, come in generale e' ideale per i motori l'uso a regime costante, come nel caso dei motori per generatori o macchine operatrici.
L'utilizzo peggiore è quello cittadino, con frequenti transitori e temperature non a regime.
Si stima che nei motori moderni il 70-80% dell'usura si abbia all'avviamento, oltre che per le temperature anche perché nei primi istanti il motore funziona praticamente senza lubrificazione.
A regime costante con temperature di acqua e olio costanti e ideali un motore potrebbe girare in teoria quasi indefinitamente, fino allo stato di usura limite dei suoi componenti
Ma si stava parlando di usura del motore o di invecchiamento dell'olio ?
Tornare in alto Andare in basso
udl



Messaggi : 2020
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 9:33 pm

Praticamente le due cose coincidono: l'utilizzo in autostrada, con abbondante ventilazione dinamica, mantiene l'olio ad una temperatura costante e ideale, ed il motore funziona alle condizioni ottimali.
L'utilizzo cittadino con frequenti transitori e' il peggiore
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 9:45 pm

Sono correlati, in quanto la perdita progressiva della capacità dell olio di lubrificare, raffreddare,tenere puliti i componenti meccanici e non rilasciare residui porta alla lunga all usura prematura motore.
A tal proposito,a partire dal 2007 circa, con l euro 4 diesel, tutte le auto hanno dpd o fap. Un fenomeno secondario al dispositivo è il miscelamento dell olio con il gasolio.
Riporto a tal fine :
"Le post combustioni necessarie a riscaldare opportunamente il FAP e il DPF nella fase di rigenerazione, provocano inevitabilmente una progressiva diluizione dell'olio motore a causa della percentuale di gasolio iniettato in ritardo che, restando incombusto, cola lungo le pareti dei cilindri e si deposita in coppa olio.
Questo fenomeno indesiderato è direttamente proporzionale alla frequenza delle rigenerazioni ed è intuitivo che sarà di maggiore entità nelle vetture sottoposte a frequenti percorsi nel traffico urbano o brevi percorrenze giornaliere a bassa velocità."
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19943
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Mer Ago 16, 2017 11:34 pm

udl ha scritto:
Praticamente le due cose coincidono: l'utilizzo in autostrada, con abbondante ventilazione dinamica, mantiene l'olio ad una temperatura costante e ideale, ed il motore funziona alle condizioni ottimali.
L'utilizzo cittadino con frequenti transitori e' il peggiore
Dunque vediamo se ho capito, motore spento ed olio a 15°C, lo accendo, faccio 1 km e poi spengo perchè sono arrivato, l'olio che è stato fabbricato per resistere a 120°C arriva ad 80 e poi si raffredda; il motore va presto a puttane perchè le continue accensioni con scarsa lubrificazione iniziale, come hai detto sono molto gravose per la meccanica, e poichè le due cose coincidono va a puttane anche l'olio nonostante la sua temperatura massima rimanga molto sotto il massimo operativo e la temperatura media sia tale da poterci mettere dentro le mani.

Qualcosa non mi torna.

Il motore si usura per le molte accensioni, questo è vero ed è penalizzante per i percorsi cittadini; l'olio si degrada per il raggiungimento delle temperature alte e per lungo tempo.

L'olio degradato non rovina il motore .... se lo sostituisci come il programma di manutenzione prevede.

Se cambi l'olio ogni giorno il motore si usura lo stesso; certo si usura di più se lasci che l'olio diventi catrame e non intervieni, ma non era di questo che si parlava, si parlava di quando sostituirlo mantenendolo buono e non sprecandolo.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Gio Ago 17, 2017 12:07 am

L ossidazione termica è solo uno dei fattori di degradazione dell olio.la contaminazione con morchie ed altre particelle metalliche è più rilevante.
Un olio 100% sintetico moderno sopporta molto bene le alte temperature. Se tieni conto che deve lubrificare, laddove presente,il gruppo turbocompressore caldissimo,capisci che oggi le alte temperature,immagino di un paio di centinaia di gradi,non sono un problema.
Ti ripeto che un giro in città con continui cambi marcia,soste ai semafori ed accelerazioni scalda l olio di più che a regime a 120 km/h costanti in autostrada
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19943
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Gio Ago 17, 2017 12:34 pm

Masaniello ha scritto:
L ossidazione termica è solo uno dei fattori di degradazione dell olio.la contaminazione con morchie ed altre particelle metalliche è più rilevante.
Un olio 100% sintetico moderno sopporta molto bene le alte temperature. Se tieni conto che deve lubrificare, laddove presente,il gruppo turbocompressore caldissimo,capisci che oggi le alte temperature,immagino di un paio di centinaia di gradi,non sono un problema.
Ti ripeto che un giro in città con continui cambi marcia,soste ai semafori ed accelerazioni scalda l olio di più che a regime a 120 km/h costanti in autostrada
Verissimo, nel senso che prima si cambiava ogni 10000 km ed ora magari ogni 30000.

Le morchie e le particelle metalliche rovinerebbero l'olio rapidamente se non esistesse il filtro dell'olio, che però esiste ed è totalmente inefficace rispetto alle modificazioni chimiche che l'olio subisce per effetto del calore prolungato.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19943
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Gio Ago 17, 2017 12:36 pm

Quando compri l'olio è trasparente; quando lo smaltisci è nero; pensi che sia dovuto a particelle in sospensione ? Pensi che con un adeguato filtraggio riavresti dell'olio trasparente da riversare nel motore ? Manco per sogno !
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3282
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: fisica del cambio olio e filtro    Gio Ago 17, 2017 3:14 pm

Se hai un auto diesel ti rendi conto che pochi km dopo il cambio olio esso è già scuro.ed è normale. Il colore dell'olio quindi non è un parametro certo di "giovinezza " dell olio.
Ho trovato su un forum opel i criteri di funzionamento dell algoritmo del sistema di monitoraggio dell olio.
Parametri che influiscono sul chilometraggio del tagliando:
1) chilometri percorsi
2) Velocità media
3) Potenza media erogata
4) Numero di cicli di guida
5) Temperatura (media) del liquido di raffreddamento
6) Temperatura (media) dell'olio motore
Anche qua i cicli cittadini influiscono negativamente
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
fisica del cambio olio e filtro
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Cambio dottore cambiato tutto?
» fisica quantistica di lipton e braden
» attività fisica: perchè?
» Olio 31 per raffreddore
» olio di cannabis

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: