Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Hoffnung2



Messaggi : 1676
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioTitolo: Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?   Lun Ago 21, 2017 11:27 pm

Sentito forte il terremoto?
Tornare in alto Andare in basso
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?   Lun Ago 21, 2017 11:35 pm

http://m.tecnicadellascuola.it/attualit%C3%A0/item/32209-un-altro-sisma-mortale-agostano-a-ischia-crolli-e-vittime.html

Ho appena letto anch'io.  

Massima solidarietà anche da parte mia ai colleghi e a tutta la popolazione colpita dal terremoto di stasera
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 3528
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?   Mar Ago 22, 2017 12:08 am

pare che siano stata colpiti principalmente i comuni di forio lacco ameno e casamicciola
a procida già non si è sentito
quei crolli di edifici bassi con solo 3.6 gradi richter la dicono lunga su come siano state costruite le case.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3257
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?   Mar Ago 22, 2017 12:20 am

Tenendo conto che la scala è logaritmica 3,6 è una scorreggia .
In Giappone e nuova Zelanda manco se ne sarebbero accorti. .
Purtroppo in Italia abbiamo un edilizia terrificante
Tornare in alto Andare in basso
Hoffnung2



Messaggi : 1676
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioTitolo: Re: Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?   Mar Ago 22, 2017 12:38 am

Masaniello ha scritto:
Tenendo conto che la scala è logaritmica 3,6 è una scorreggia .
In Giappone e nuova Zelanda manco se ne sarebbero accorti. .
Purtroppo in Italia abbiamo un edilizia terrificante

Discorso che non fa una piega, ma ti assicuro che fa paura lo stesso, soprattutto da adulto, quando sei genitore e magari anche docente. La paura ti può bloccare e non te lo puoi permettere.
Si vede che non hai mai 'vissuto'un terremoto. E non te lo auguro.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?   Mar Ago 22, 2017 3:57 pm

ho parenti nell'area flegrea, non hanno quasi sentito.
Da quelle parti sono "abituati" a qualche sommovimento, forse non così forte (anche se la magnitudo non era alta).
Leggo di sfollati, e delle vittime, ovviamente.
Temo che nei crolli sia implicato l'abusivismo edilizio, che, nonostante l'area sia fortemente sismica, è ben radicato e prospero. E questo fa molta rabbia.
Ci sono sindaci e candidati sindaci che fanno campagna sulla promessa di non abbattere le case abusive. Non che sia cosa solo campana, eh. E mi fa rabbia, perché sono luoghi bellissimi e troppo poco valorizzati.
Spero che il fenomeno sismico sia isolato.
Tornare in alto Andare in basso
@melia

avatar

Messaggi : 1676
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 58
Località : Padova

MessaggioTitolo: Re: Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?   Mar Ago 22, 2017 5:00 pm

Hoffnung2 ha scritto:
Si vede che non hai mai 'vissuto'un terremoto. E non te lo auguro.
Concordo. Nel 1976 vivevo in provincia di Venezia, ho sentito il terremoto del Friuli dal terzo piano di un vecchio condominio. Nel momento della scossa ero sicura che non sarei riuscita ad uscirne viva. Tre o quattro anni fa c'è stata una piccola scossa in mattinata, ero a scuola e stavo interrogando. I ragazzi non si sono resi conto che quella era una mini scossa di terremoto, molto leggera, ma molto lunga. La mia faccia deve essere stata molto eloquente perché mi hanno chiesto se stavo male. Ho sentito la mia voce dire: tutti sotto ai banchi e, quando la scossa è finita, tutti fuori. In 2 o 3 minuti eravamo in 6 o 7 cento nel cortile. L'istituto è abbastanza nuovo, in cemento armato, molto elastico, fatto con criteri antisismici, seguiva l'onda della scossa che, ai piani superiori, sembrava amplificata. Infatti gli unici che non erano usciti erano quelli del piano terra.
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2901
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?   Mar Ago 22, 2017 5:02 pm

Hoffnung2 ha scritto:
Masaniello ha scritto:
Tenendo conto che la scala è logaritmica 3,6 è una scorreggia  .
In Giappone e nuova Zelanda manco se ne sarebbero accorti. .
Purtroppo in Italia abbiamo un edilizia terrificante

Discorso che non fa una piega, ma ti assicuro che fa paura lo stesso, soprattutto da adulto, quando sei genitore e magari anche docente. La paura ti può bloccare e non te lo puoi permettere.
Si vede che non hai mai 'vissuto'un terremoto. E non te lo auguro.

Non è solo il terremoto in sè ma anche la situazione in cui lo vivi. Durante una delle scosse più forti del terremoto emiliano del 2012 ero in classe, alle 9, con i ragazzi che, in preda alla paura, non si tenevano, con le crepe nei muri, con l'angoscia di non poter andare via e di non riuscire a chiamare per sapere come stavano i miei familiari e cosa era successo alla scuola di mio figlio ed alla mia casa. Quelle ore in cortile, in attesa che venissero i genitori degli alunni minorenni, sono state molto brutte.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 3533
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?   Mar Ago 22, 2017 10:40 pm

Sono nata nell'area flegrea:si tratta di una zona ad elevato rischio sismico ed eruttivo.
Ci vivono tuttora i miei genitori ed io sono a pochi chilometri di distanza.
Nel terremoto dell'80 ero con la mia famiglia a cena e mentre aiutavo mia madre a imbandire la tavola sentimmo un boato provenire dal basso. Ricordo perfettamente l'atteggiamento di mio padre, uomo estremamente pragmatico intelligente ed ironico che sul ciglio del portoncino d'ingresso dell'appartamento ironizzava con la vicina ad ogni oscillazione del palazzo dicendo:" vedi Erminia, ora veniamo da te, poi tu vieni da noi", e lei nel frattempo recitava qualsiasi preghiera le venisse in mente.
Furono secondi terribili ma da buon napoletano, mio padre, seppe stemperare mirabilmente quegli attimi di tensione. Non ci si abitua mai al terremoto e nemmeno all'idea che si possa morire così, ma si tratta di accadimenti tuttora imprevedibili come tanti accidenti umani con i quali dobbiamo comunque fare i conti se si vive nel napoletano.
Mio fratello vive a Ercolano nei pressi del Vesuvio.
Tornare in alto Andare in basso
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?   Mer Ago 23, 2017 12:38 am

Esperienza indiretta/diretta di questo terremoto 

Stasera sul treno in Emilia Romagna ho conosciuto una coppia scappata da casamicciola , vicino ischia, per il terremoto che loro (i due ragazzi) hanno vissuto in prima persona.  

Mi hanno detto che erano al ristorante e che ad un certo punto c' è stato un boato fortissimo tanto che hanno pensato subito ad un attacco terroristico e che al boato è seguito il blackout con una scossa brevissima

Secondo loro se la scossa fosse durata di più sarebbero morti tutti.

Mi hanno detto che c' è stata una seconda scossa più forte alle 2 ma che questa sia capiva che era il terremoto 

Hanno confermato che le mura erano fatte male e mi hanno fatto vedere le foto nel telefonino con le crepe 

Hanno dormito la notte nella piscina dell' hotel e stamattina sono scappati 

Tutti sono fuggiti; i treni, i voli della Ryanair, i bus, ecc erano pieni di persone che scappavano

Pare che non vogliano fare lì le tendopoli e non si sa perché 

Ho visto nei loro volti il terrore
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?   Mer Ago 23, 2017 8:55 am

Immagino che sia stato spaventoso.
Non ho mai vissuto scosse forti "in diretta". Ne ricordo una, non devastante, durante l'orale del mio esame di maturità: mi spostò con la sedia e tutto. Mi trovai davanti a un altro commissario...
E un'altra, sempre non fortissima, mentre facevo lezione. Studenti in lacrime, tutto a posto ma mi colpì vedere quel terrore nei loro occhi e sentire che in quel momento ero responsabile anche della loro sicurezza.
Il mio compagno è nato durante l'ultimo periodo di forte bradisismo in area flegrea. Sarà per questo che lui i terremoti dice di non sentirli mai?
Spero che riescano a trovare una soluzione per gli sfollati. Ma, vista la situazione dei terremotati dell'anno scorso, ho grossi dubbi sulla celerità.
Tornare in alto Andare in basso
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?   Mer Ago 23, 2017 9:04 am

Io ho vissuto anche se da lontano quello dell' Emilia di alcuni anni fa e quello del centro Italia l' agosto scorso ed ottobre scorso.  Ed ero lontana... eppure l' ho sentito. 

Speriamo finiscano presto. 

Ora vado a fare colazione e poi a godermi l' ultima giornata di vacanza  (anzi mezza perché pomeriggio rientro a casa). 

Buona giornata!
Tornare in alto Andare in basso
 
Colleghi napoletani/ischitani, tutto ok?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» chi o cosa ha creato tutto
» 39+2 e ...tutto tace
» Chi è dio? Chi è che ha "creato" tutto? Ecco una mia teoria
» « Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. »
» "Se Dio non esiste, allora tutto è permesso" - Ivan Karamazov

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: