Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Fedeli: Stanare chi non sa insegnare

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
AutoreMessaggio
durbans2



Messaggi : 96
Data d'iscrizione : 13.06.17

MessaggioTitolo: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mer 23 Ago 2017 - 12:31

Promemoria primo messaggio :

L’insegnamento, ha detto, “non serve a creare posti di lavoro”.
Come fare? “si vedrà” afferma il Ministro, ma chiarisce “non voglio discriminazioni, ma reciproca consapevolezza”. “Magari rendendo più agevole il percorso che porta all’individuazione del docente incompatibile con la cattedra e la formazione.”

Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Sab 26 Ago 2017 - 19:36

paniscus_2.0 ha scritto:
macchinetta ha scritto:
Citazione :
io penso che sia giusto utilizzare anche i quaderni per motivi vari tra cui quello che spesso i libri si gettano o si vendono mentre i quaderni vengono conservati più facilmente

EEHHHHH? Buttano via i libri ma conservano i quaderni? A me pare molto più comune il contrario, sono convinti che gli esercizi dell'anno scorso non servano più a nulla e li fanno sparire subito, anche quando si tratta di materie fortemente sequenziali in cui gli argomenti vecchi servono eccome!

da me capita quasi sempre che vendano i libri e, siccome, io faccio comprare ed utilizzare un apposito quaderno per regole, lessico e magari civiltà, consiglio loro di conservare almeno questo (il quaderno) visto che il libro viene venduto nell' 80% dei casi se, non, addirittura, nel 90%.

preferisco fare conservare il quaderno anzichè il libro anche per una questione di spazio

cmq mi riferisco al quaderno delle regole, ecc; di quello degli esercizi non mi interessa più di tanto
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8589
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Sab 26 Ago 2017 - 20:09

Dalle mie parti, almeno alle medie, il problema della vendita dei libri non esiste, perché molti libri sono in volume unico che dura tre anni, e molti altri vengono conciati talmente male che nessuno li comprerebbe usati. Per le superiori, boh, non ho affatto l'impressione che l'abitudine di vendere i libri sia tanto diffusa tra i miei studenti. Anche perché ci pensano le case editrici a renderla impraticabile, cambiando continuamente i codici delle ristampe e facendo in modo che il libro risalente a solo un anno fa sia quasi inutilizzabile (o facendo CREDERE agli acquirenti che sia così, anche quando non è vero).

Quest'anno ho usato per la prima volta un libro di testo che girava da qualche anno, ma che a me non era mai capitato di usare personalmente, perche erano diversi anni che non avevo avuto classi di quell'anno di corso.

Bene, io ho scoperto che di copie saggio, in casa, offertemi dai venditori negli ultimi anni, ne avevo due, le cui uniche differenze, a parte la legittima correzione di alcuni errori di battitura o di calcolo dell'edizione precedente, erano la sfumatura di colore della copertina (in un caso tendente al giallo, in un altro al verde), il posizionamento grafico di qualche immagine, oltre naturalmente alla solita furbesca LIEVE rimodulazione della numerazione di pagina e dell'ordine degli esercizi, in maniera da rendere difficoltosa la consultazione, anche se la sostanza era veramente identica. Magari adesso va di moda cambiare solo il restyling dell'edizione digitale (ossia del DVD allegato al libro, o del sito web associato, che di fatto non si usa), e lasciare uguale tutto il resto.

Se qualche ragazzo mi avesse chiesto se andava bene l'edizione vecchia, gli avrei sicuramente risposto di sì, purchè si prendesse l'impegno di controllare l'equivalenza delle consegne da svolgere nei casi dubbi, e magari di chiedere conferma a me visto che li avevo tutti e due... ma nessuno me l'ha chiesto, tutti hanno comprato in massa quello nuovo senza minimamente pensare di cercarlo usato!
Tornare in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 1720
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Sab 26 Ago 2017 - 22:15

non vorrei essere pedante se dico che l'innominabile non sa fare ironia ma continua a volerla fare su battute scontate. chissà magari "è pronta ma ha bisogno di tempo per tornare". nel frattempo che è "assente" sarebbe il caso che capisse di non doversi più attaccare ai miei post. Ci vorrà un link della treccani anche per far capire questo o ce la farà a capirlo da sola?
Tornare in alto Andare in basso
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Dom 27 Ago 2017 - 5:35

può essere che basti anche un 'mini link' (= dizionario tascabile della Treccani ma non solo) :-P
Tornare in alto Andare in basso
JaneEyre



Messaggi : 1692
Data d'iscrizione : 25.11.11

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Dom 27 Ago 2017 - 7:47

Ma voi cosa intendete per "prendere appunti" e quanto tempo dedicate a questa attività?
Può avere senso se il docente dice qualcosa di nuovo rispetto al libro, fa una sintesi personale, mette in evidenza concetti particolari, ma se si tratta di dettare ore e ore per tenere buoni gli studenti non vedo quale sia l'obiettivo finale. Soprattutto se la presa di appunti è proprio sotto dettatura.
Questo "metodo" non insegna assolutamente nulla agli studenti. In materie come inglese, letteratura, storia, scienze, arte, diritto è una perdita di tempo a mio parere. Io ho vissuto questo pseudo-metodo in prima persona, persino per matematica e fisica, e proprio per questo motivo uso sempre il libro e lo integro se necessario, senza però dettare o far copiare dalla lavagna per ore e ore.
Per forza gli studenti sono poi deboli nella comprensione del testo e nella rielaborazione dei contenuti, passano ore a prendere appunti e voglio vedere chi poi da solo a casa studia sul libro e riflette su quanto ha letto.
Ho scoperto che ci sono anche docenti di inglese che dettano la grammmatica pur avendo fatto comprare agli studenti un libro di grammatica da 25 euro. Ma cosa potrà mai mancare nella grammatica che va integrato con dettature continue? E le competenze comunicative come si sviluppano? Non oso pensare ai poveri dsa che devono prendere gli appunti di grammatica inglese!
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2901
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Dom 27 Ago 2017 - 8:13

Prendere appunti significa prendere appunti, come si fa all'università. Se non imparano a farlo alle superiori, quando imparano? Io non detto, parlo normalmente, non velocemente perché non parlo mai velocemente e perché non ho imparato a memoria la lezione. Contemporaneamente faccio alla lavagna una mappa concettuale di quello che dico.
A cosa serve spiegare, altrimenti? Se devo fare la parafrasi del libro, tanto vale assegnare le pagine e basta. Se non spiegassi a modo mio, dando più importanza a certe parti e meno ad altre, facendo un discorso come piace a me e non come piace all'autore del libro, da un lato mi sentirei inutile, dall'altro avrei l'impressione di non lavorare. Anche per la grammatica latina... È vero, sul libro ci sono le stesse cose, ma se io scrivo alla lavagna una declinazione o una coniugazione e spiego meccanismi e strategie mnemoniche, i ragazzi, copiando, iniziano ad imparare. Quello che si legge soltanto si impara peggio rispetto a quello che si scrive. Dovendo scegliere un testo di letteratura, mi interessano solo i passi antologici riportati, tanto all'introduzione storico letteraria ed al commento ci penso io. Magari la poesia X è commentata meglio su un testo ed io propongo quel commento, la poesia Y è commentata meglio su un altro manuale ed io la spiego in riferimento ad esso.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa

avatar

Messaggi : 3533
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Dom 27 Ago 2017 - 13:22

vero...
Tornare in alto Andare in basso
Online
Benny77



Messaggi : 462
Data d'iscrizione : 19.10.10

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Dom 27 Ago 2017 - 14:10

macchinetta ha scritto:
...
che dire??? complimenti per l' intervento!!!


macchinetta ha scritto:


se commenti un topic dell' innominabile rischi di diventare ancora PIU' "confusa"... :-P

Da qualche parte ho letto che errare è umano e perseverare ... è da idioti. I docenti non dovrebbero essere degli idioti.

Come può un idiota insegnare qualcosa che sia diverso dall'idiozia?

Ci sono interventi pieni apostrofi al posto degli accenti ed il messaggio che passa è che l'errore, se di lieve entità (e chi lo stabilisce? l'idiota di turno incapace di usare uno smartphone??) può essere omesso e iterato.

ah, ps: se non sai come scrivere la u accentata da tastiera, tendendo premuto alt digita nel tastierino numerico 0217: il risultato sarà Ù. Da smartphone è molto più semplice
Tornare in alto Andare in basso
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Dom 27 Ago 2017 - 14:56

Benny77 ha scritto:
macchinetta ha scritto:
...
che dire??? complimenti per l' intervento!!!


macchinetta ha scritto:


se commenti un topic dell' innominabile rischi di diventare ancora PIU' "confusa"... :-P

Da qualche parte ho letto che errare è umano e perseverare ... è da idioti. I docenti non dovrebbero essere degli idioti.

Come può un idiota insegnare qualcosa che sia diverso dall'idiozia?

Ci sono interventi pieni apostrofi al posto degli accenti ed il messaggio che passa è che l'errore, se di lieve entità (e chi lo stabilisce? l'idiota di turno incapace di usare uno smartphone??) può essere omesso e iterato.

ah, ps: se non sai come scrivere la u accentata da tastiera, tendendo premuto alt digita nel tastierino numerico 0217: il risultato sarà Ù. Da smartphone è molto più semplice

lo smartphone ultimamente non funziona come dovrebbe.

in ogni caso ti ringrazio ugualmente per avermelo detto; mi sarà utile per il computer e anche per il telefonino quando me ne comprerò uno nuovo (chissà quando)
Tornare in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 1720
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Lun 28 Ago 2017 - 17:07

balanzoneXXI ha scritto:

balanzone ma c'ero anche io in quel thread?
Tornare in alto Andare in basso
*monià*



Messaggi : 278
Data d'iscrizione : 08.05.12

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 14:02

In questa discussione avevo seraficamente dato per scontato che la Fedeli è di passaggio. Bene, leggendo questo....mi sono chiarita: è l'opposto.

http://espresso.repubblica.it/palazzo/2017/09/08/news/marco-minniti-fenomenologia-di-un-potente-1.309339?ref=fbpe

[Minniti] non ha neppure un portavoce, il suo staff si riassume in una sola persona, l’ex senatore del Pd Achille Passoni, marito della ministra Valeria Fedeli
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3288
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 14:46

Ha un marito............... 0_o
Ma ...cioè. ..quindi si baciano....fanno sesso. ...


Ultima modifica di Masaniello il Mar 12 Set 2017 - 14:52, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
sempreconfusa1



Messaggi : 1720
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 14:48

geloso? ahahah nientemeno senatore
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2901
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 14:51

Masaniello ha scritto:
Ha un marito............... 0_o

E, per l'età che ha, è anche un signore di aspetto piacevole.
Accade abbastanza spesso.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3288
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 14:59

Dico solo una cosa.
Il mondo è bello perché è vario.
Io per esempio ogni tanto sogno di accoppiarmi con uno yak Himalayano.
Zoppo.
Senza un occhio
Tornare in alto Andare in basso
Online
sempreconfusa1



Messaggi : 1720
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 15:03

avrà parlato mica bbbiutifuuul ahahah...comunque questa cosa che per amare si deve essere prestanti a masanié e più luogo comune di così non ce n'è, e poi si passa solo alle contrade
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19948
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 15:04

Masaniello ha scritto:
Dico solo una cosa.
Il mondo è bello perché è vario.
Io per esempio ogni tanto sogno di accoppiarmi con uno yak Himalayano.
Zoppo.
Senza un occhio
E' la stesso yak che ho puntato io ? Ti taglio la faccia se ci provi con lei !
Tornare in alto Andare in basso
Online
chicca70



Messaggi : 2901
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 15:10

Tutte le mie amiche single sono veramente belle ragazze, addirittura una ex collega, mai fidanzata in vita sua, è proprio fuori classifica, sembra una diva. Al contrario noi normali o un po' brutterelle siamo accoppiate. Forse Masaniello dovrebbe rivedere alcune convinzioni.
Tornare in alto Andare in basso
sempreconfusa1



Messaggi : 1720
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 15:21

avidodinformazioni ha scritto:
Masaniello ha scritto:
Dico solo una cosa.
Il mondo è bello perché è vario.
Io per esempio ogni tanto sogno di accoppiarmi con uno yak Himalayano.
Zoppo.
Senza un occhio
E' la stesso yak che ho puntato io ? Ti taglio la faccia se ci provi con lei !

ahahah....ma voi che vivete nella stessa città, vi siete mai incontrati almeno? o scontrati, se preferite...
comunque anche io frequentavo una amica qualche tempo fa (molto bella, come ragazza), però un poco algida nei rapporti con l'altro sesso, e dunque molto selettiva.
Che ci vogliamo fare, il mondo è bello perché vario, appunto

Comunque la fedeli s'è fatta rossa, dunque non credo sia tanto algida ;-)
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19948
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 15:40

sempreconfusa1 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Masaniello ha scritto:
Dico solo una cosa.
Il mondo è bello perché è vario.
Io per esempio ogni tanto sogno di accoppiarmi con uno yak Himalayano.
Zoppo.
Senza un occhio
E' la stesso yak che ho puntato io ? Ti taglio la faccia se ci provi con lei !

ahahah....ma voi che vivete nella stessa città, vi siete mai incontrati almeno? o scontrati, se preferite...
comunque anche io frequentavo una amica  qualche tempo fa (molto bella, come ragazza), però  un poco algida nei rapporti con l'altro sesso, e dunque molto selettiva.
Che ci vogliamo fare, il mondo è bello perché vario, appunto

Comunque la fedeli s'è fatta rossa, dunque non credo sia tanto algida ;-)
Se è Algida va leccata dalla testa ai piedi, poi vedi come si scioglie !
Tornare in alto Andare in basso
Online
sempreconfusa1



Messaggi : 1720
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 15:47

eheh...già..ancora è estate d'altronde...l'Algida gradisco anch'io, molto ;-)
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3288
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 15:52

Un conto è cercare una ragazza prestante.
Un conto è avere nel letto una che ti suscita le stesse sensazioni di quando a 12 anni ti guardi da solo in casa la sera in vhs "Texas chainsaw massacre " o "la chiesa " di Dario argento
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 19948
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 16:17

Masaniello ha scritto:
Un conto è cercare una ragazza prestante.
Un conto è avere nel letto una che ti suscita le stesse sensazioni di quando a 12 anni ti guardi da solo in casa la sera in vhs "Texas chainsaw massacre " o "la chiesa " di Dario argento
Esagerato ! Il Signore nella sua infinita saggezza ha inventato il buio della notte; basta non rovinare la sua opera accendendo la luce.
Tornare in alto Andare in basso
Online
sempreconfusa1



Messaggi : 1720
Data d'iscrizione : 05.08.11

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mar 12 Set 2017 - 16:31

ahhaah...avido, adesso ci hai preso gusto alle battute religiose...sì è proprio così, poi però la mattina...
comunque, dalla fedeli ai fedeli il passo è breve...lo sai che ho conosciuto atei che sono diventati agnostici ;-)
Tornare in alto Andare in basso
ludmilla72



Messaggi : 657
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioTitolo: Re: Fedeli: Stanare chi non sa insegnare   Mer 13 Set 2017 - 20:08

paniscus_2.0 ha scritto:
Però scusate un attimo, eh... questa fissazione con il dovere morale di usare il più possibile il libro di testo "per rispetto alle famiglie che l'hanno pagato" presupporrebbe che l'insegnante, in prima battuta, sia convintissimo della bontà di quel libro e l'abbia scelto personalmente con consapevolezza.

Questo era possibile quando ad ogni singolo insegnante era riconosciuta l'autonomia di adottare personalmente il libro per la sua propria classe (e quindi anche di prendersi la responsabilità della propria scelta),

ma siccome adesso nella maggior parte delle scuole la prassi è quella di deliberare all'interno del dipartimento disciplinare e adottare in blocco lo stesso libro per tutte le sezioni, alla maggior parte di noi può succedere facilmente di ritrovarsi costretti a usare un libro che non ci piace e che non avremmo mai scelto di nostra iniziativa.

E' vero che l'adozione di massa per tutto il dipartimento è solo una prassi e non è obbligatoria, e che quindi se uno è davvero determinato può pretendere di fare personalmente una scelta diversa... ma siccome non esiste più nemmeno l'abitudine alle cattedre verticali sulle sezioni, chi glielo fa fare, visto che non ha nessuna garanzia di riavere proprio quelle classi? Oltretutto la scelta non si fa per la propria classe che va avanti di un anno di corso, ma per la classe successiva della stessa sezione che avrà lo stesso "nome" l'anno dopo: anche se si riavrà la classe propria per continuità, ma non quella nuova, che senso ha? Cioè, se io ho attualmente la terza C che andrà in quarta, ma non ho la seconda C che andrà in terza, a me viene chiesto di scegliere il libro nuovo non per la mia classe, con la quale lavorerei davvero con un libro scelto da me, ma per la seconda che diventerà la nuova terza, e che non ho idea se daranno a me o no! Quindi a che serve?

Per cui, francamente, se mi ritrovo con un libro di testo che non mi piace e alla cui scelta ero contraria, mi sento liberissima di usarlo poco, e non mi sento per niente responsabile di "aver fatto spendere soldi alle famiglie" per qualcosa che si usa poco, perché appunto non sono stata io a imporglielo. Al limite si potrebbe anche comunicare alle famiglie che quell'acquisto non è obbligatorio, ma appunto, come si dovrebbe fare, visto che le liste dei libri vengono pubblicate molto prima dell'assegnazione delle cattedre, e che (anche se si è di ruolo) non si è mai sicuri di quali classi si avranno?

Ti quoto integralmente perché da anni ormai mi ritrovo in questa situazione. Nel mio Dipartimento ci sono colleghe estremamente vincolate al libro di testo, che non vogliono cambiare, nonostante per me abbia un'infinità di difetti :è ripetitivo, disordinato - un argomento affrontato a pag.30 viene ripreso a pag. 140, ripetendo i 3/4 dei concetti -, a volte usa paroloni che costringono a fare la (noiosissima!) parafrasi, perché non sono assolutamente nel vocabolario di uno studente del professionale. A me interessa che i ragazzi capiscano i concetti essenziali, perciò (ed anche per non incorrere in sanzioni, suggerendo un altro libro) semplifico io l'argomento, corredandolo di mappe concettuali. Dall'anno scorso però tutti mi fanno pressioni perché utilizzo troppe fotocopie, quindi quest'anno dovrò costringere tutti gli alunni ad usare il digitale.

P.S. Scusate se ignoro alcuni commenti e riporto il topic su binari prettamente inerenti alla didattica... ;-)
Tornare in alto Andare in basso
 
Fedeli: Stanare chi non sa insegnare
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 5Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
 Argomenti simili
-
» insegnare una lingua straniera al bimbo
» Varie
» Aprire un centro di formazione
» Prete guarito da un male alla gamba per i fedeli è un miracolo di Wojtyla
» I fedeli fanno la carità, ma il parroco si oppone

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: