Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 docenti anoressiche

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente
AutoreMessaggio
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 1:05 pm

Promemoria primo messaggio :

si sta ampliando sempre più il fenomeno delle docenti anoressiche. alcune sono veramente spaventose.

io mi chiedo come facciano a lavorare visto che l' anoressia ha conseguenze anche sul cervello e visto che non hanno neanche la forza fisica

alcune di  queste docenti hanno questo problema da poco tempo.

purtroppo questo problema può arrivare anche in età adulta come si legge anche in quest' articolo

http://www.huffingtonpost.it/2017/02/10/anoressia-adulta-stress_n_14672860.html

per come la vedo io, il docente dovrebbe dare agli alunni il buon esempio ed, invece, in questi casi fornisce un 'cattivo' esempio

@ Dec: non so come prenderai questo thread; io l' ho postato come riflessione ma se non lo ritieni utile chiudilo pure quando vuoi. ci tenevo solo a dirti che era mia intenzione aprire un topic 'positivo' e non 'negativo'


Ultima modifica di macchinetta il Sab Ago 26, 2017 6:58 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 5:30 pm

chicca70 ha scritto:
macchinetta ha scritto:
JaneEyre ha scritto:
Ho avuto vari colleghi con tatuaggi per me imbarazzanti o di cattivo gusto.
Tra i colleghi con i denti pieni di tartaro ne ricordo una che aveva sempre addosso gioielli costosi, quindi non era nemmeno giustificabile pensando che non potesse permettersi la pulizia dei denti.
Tra le colleghe imbarazzanti per l'abbigliamento provocante purtroppo ricordo anche qualche vicaria...

io considero imbarazzante anche l' abbigliamento costoso anche se meno di quello provocante

E questa si chiama invidia. Pura e semplice invidia.

magari inconsciamente lo è; sì, lo ammetto!!!
Tornare in alto Andare in basso
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 5:32 pm

chicca70 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Francesca4 ha scritto:
In effetti persino più grandicelli, al liceo, hanno la pessima abitudine di non fare colazione la mattina.
Hai voglia a dirgli che è il modo migliore per prendere peso, infatti durante l'intervallo, presi dalla fame,si riempiono letteralmente di porcherie ricche di grassi e zuccheri, non si cava un ragno dal buco.
Quest'anno in classe ne sono svenute due e mi sono spaventata da morire.
Io non faccio colazione al mattino; sto benissimo e dovrei comunque dimagrire 6 kg.

Non fare colazione porta ad ingrassare. I dietologi consigliano di mangiare "molto" nella prima parte della giornata e poco alla sera.

infatti c' è il detto "colazione da re, pranzo da principe e cena da povero"
Tornare in alto Andare in basso
Galadriel



Messaggi : 1377
Data d'iscrizione : 27.08.15

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 5:42 pm

macchinetta ha scritto:
Galadriel ha scritto:
Macchinetta, tenere eccessivamente alla linea e essere anoressica son cose diverse.
Poi se vogliamo fare commenti sui colleghi.che non ci piacciono... a me non piacciono quelle alte 1.80. Mi ricordano che sono bassa. Uffa.

il mo discorso iniziale era su come docenti eccessivamente magre riuscissero a trovare la forza per lavorare oltre al fatto che una  docente anoressica ci dovrebbe pensare due volte prima di affrontare questo tema in classe

Una "docente anoressica" è una persona con un problema psichico e fisico serio. Da trattare in modo attento. Non si tratta di invitarla a "mangiare di più".
Le persone anoressiche subiscono spesso una forte spinta alla perfezione e, finché le forze fisiche residue non si azzerano, riescono a fare cose che possono apparire quasi impossibili per chi le veda da fuori.
Non è detto che non ne sappiano parlare in classe. D'altra parte, io non è che parli continuamente in classe di anoressia. Se ho ritenuto di dover discutere di abitudini alimentari con qualche studente, l'ho fatto in modo riservato, spesso a tu per tu, e coinvolgendo in modo il più possibile delicato e riservato i genitori. Una lezione di educazione alimentare la può fare una docente con problemi alimentari come una/uno che non li ha.

Posto che parliamo della patologia - come da inizio del post - e non di colleghe magre (buon per loro), non credo che non potrebbero essere buone docenti. Penso che lo farebbero a peso di un notevole stress; so che in certe fasi la patologia rende impossibile lavorare.
Ma non penso che diano né un buon, né un cattivo esempio. Non credo si ammalino per dare un esempio. E se un'adolescente vuol fare la dieta, ha già abbastanza stereotipi intorno per scegliere che "magro è bello". Se arriva ad ammalarsi, è per i problemi suoi (seri e complessi, in genere), non perché la sua prof ha un fisico scheletrico.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8554
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 6:17 pm

macchinetta ha scritto:
Galadriel ha scritto:
Macchinetta, tenere eccessivamente alla linea e essere anoressica son cose diverse.
Poi se vogliamo fare commenti sui colleghi.che non ci piacciono... a me non piacciono quelle alte 1.80. Mi ricordano che sono bassa. Uffa.

il mo discorso iniziale era su come docenti eccessivamente magre riuscissero a trovare la forza per lavorare oltre al fatto che una  docente anoressica ci dovrebbe pensare due volte prima di affrontare questo tema in classe

Perché, le docenti anoressiche sono proprio le stesse che vengono incaricate di parlare di questioni alimentari in classe, o che pretendono di parlare di problemi alimentari in classe senza nessun motivo didattico?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8554
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 6:21 pm

macchinetta ha scritto:
losart ha scritto:
Cioè ad una persona con questo importante problema bisognerebbe togliere anche il lavoro perché non sta bene (=danno il cattivo esempio) che entri in classe? Stiamo scherzando?

cmq, per il cattivo esempio, visto che a scuola si parla di anoressia, non posso io, docente, fare una lezione sulle conseguenze dell' anoressia, quando, io per prima, sono anoressica.

io la penso così

Scusate se mi ripeto:

...perché, secondo te qualsiasi docente di qualsiasi materia dovrebbe avere l'obbligo di tenere una lezione specifica sulle conseguenze dell'anoressia? Se uno non ritiene di avere le competenze necessarie (indipendentemente dalla sua situazione personale in materia di alimentazione) dice di no e basta, dove sta il problema?

Io non sono anoressica, ma non sono nemmeno un'esperta sull'argomento, quindi perché mai dovrebbe essere richiesto proprio a me di fare una lezione sul tema?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8554
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 6:45 pm

macchinetta ha scritto:
chicca70 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Francesca4 ha scritto:
In effetti persino più grandicelli, al liceo, hanno la pessima abitudine di non fare colazione la mattina.
Hai voglia a dirgli che è il modo migliore per prendere peso, infatti durante l'intervallo, presi dalla fame,si riempiono letteralmente di porcherie ricche di grassi e zuccheri, non si cava un ragno dal buco.
Quest'anno in classe ne sono svenute due e mi sono spaventata da morire.
Io non faccio colazione al mattino; sto benissimo e dovrei comunque dimagrire 6 kg.

Non fare colazione porta ad ingrassare. I dietologi consigliano di mangiare "molto" nella prima parte della giornata e poco alla sera.

infatti c' è il detto "colazione da re, pranzo da principe e cena da povero"

Ecco, parliamone pure, di questa colpevolizzazione sistematica di chi non fa colazione la mattina, come se fosse una questione di dovere civico e di perbenismo morale invece che di salute... e come se non esistessero differenze fisiche individuali tra una persona e l'altra

Io non faccio colazione la mattina, per il semplice motivo che se la faccio mi sento fisicamente male, tutto lì. Non l'ho MAI fatta, a partire dalla preadolescenza, non ricordo quale età esatta ma comunque intorno ai 13 anni, ossia alla primissima occasione in cui sono stata in grado di ribellarmi all'obbligo imposto dai genitori di fare colazione perché "la colazione si deve fare" solo perché si deve fare, anche se ti dà fastidio fisico, anche se ti fa venire la nausea, anche se ti fa venire la mappazza allo stomaco per tutte le tre o quattro ore successive.

Tanto più che i genitori a loro volta non la facevano, si accontentavano del caffè preso al volo, però pretendevano che i figli la facessero, perché "gli adulti possono fare come vogliono, ma invece i bambini la devono fare per forza perché i dottori dicono che fa bene"... con l'ovvio risultato che i bambini, oltre che considerarla una fastidiosa imposizione fisica, la consideravano anche un marchio "da piccoli", e quindi non vedevano l'ora di essere considerati abbastanza grandi da poter sfuggire a quell'obbligo, appunto per sentirsi grandi.

Ma comunque, nel mio caso, non mi risulta che sia stata una questione psicologica più di tanto: io sto benissimo così, proprio da un punto di vista fisico. Per tutta la prima parte della giornata, fino all'una o alle due del pomeriggio, posso fare sforzi sia fisici che intellettuali senza il minimo problema, senza aver mangiato nulla dalla sera prima. Se mi riempissi la pancia di mattina presto, mi verrebbe la nausea e il groppo sullo stomaco per tutte quelle ore. Di sicuro non starei al massimo delle energie durante il lavoro. Le uniche situazioni in cui mi riesce a mangiare qualcosa la mattina presto, sono quelle in cui sono in vacanza, senza fretta di impegni obbligatori, e con la prospettiva di non mangiare quasi niente all'ora di pranzo.

Ma appunto, sono fatta così fisicamente, non è che sia una scelta ideologica.

E ancora, a quasi 47 anni, devo sentirmi colpevolizzata dal primo che passa, perché "non fare colazione è una cosa brutta"... e devo sentirmi fare i predicozzi perché dovrei fare lo sforzo di cambiare abitudine?
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3189
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 7:13 pm

Mi auguro però che ai tuoi figli piccoli la colazione tu gliel abbia data..
Gli adulti possono stuprarsi con il veganesimo, l anoressia e altre pazzie. I bambini però vanno nutriti
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 8554
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 7:29 pm

Masaniello ha scritto:
Mi auguro però che ai tuoi figli piccoli la colazione tu gliel abbia data..
Gli adulti possono stuprarsi con il veganesimo, l anoressia e altre pazzie. I bambini però vanno nutriti

A parte il fatto che non capisco cosa c'entri l'anoressia con il non fare colazione, perché si può benissimo mangiare in altri orari, come faccio io normalmente... a proporre la colazione ai figli ci ha pensato il padre, perchè lui (al contrario di me) la fa volentieri e la regge benissimo.

Se ci avessi provato io (cioè, imponendo a forza la colazione ai figli, quando era chiarissimo che io non la facevo e che non la consideravo importante per me), l'unico risultato che avrei ottenuto sarebbe stato esattamente quello ottenuto da mia madre, ossia di far ODIARE ai figli il concetto stesso di colazione, e di fargliela rifiutare per principio, anche nel caso che loro fossero predisposti ad assimilarla bene (al contrario di me).

Io non sono mai stata capace di reggere una parte in cui non credo... quindi sono assolutamente inadatta a indottrinare qualcuno su quanto sia assolutamente importante e indispensabile fare qualcosa che io non faccio e che non considero importante per me.
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3189
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 8:45 pm

Fammi capire. Finisci di mangiare supponiamo alle 21. Se non fai colazione, supponiamo che mangi pranzo alle 14 del giorno dopo ,stai 17 ORE SENZA NUTRIRTI! !!
sei una pianta grassa? Io senza colazione alle 10 del mattino sono in stato comatoso
Tornare in alto Andare in basso
Online
JaneEyre



Messaggi : 1684
Data d'iscrizione : 25.11.11

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 9:19 pm

La colazione va fatta per stare nei tempi scolastici. Molti miei studenti non fanno colazione e poi iniziano a spiluccare dal banco o a chiedere di andare al bagno per uscire e andare al bar. Alle 12 crepano già di fame e sognano polli arrosto. Quando faccio l'argomento cibi e bevande gridano basta prof questa è una tortura.
Per me la colazione prima di uscire non si tocca, quando arrivo a scuola devo andare puntuale in classe e con il cervello funzionante. Molti colleghi vanno al bar alle 8 ed entrano poi in classe in ritardo. Altri si fanno portare cibo e caffè in classe dagli alunni. Ecco, io quelli li licenzierei davvero.
La mia insegnante di italiano mandava sempre una mia compagna a prenderle la cioccolata giustificandosi con un "non ho fatto in tempo a fare colazione". Per me era il massimo della scarsa professionalità.
Se poi ci sono adulti che hanno il cervello perfettamente attivo dalle 8 alle 13 senza aver fatto colazione buon per loro, ma da quello che vedo a scuola sono casi rari...
Tornare in alto Andare in basso
Online
Francesca4



Messaggi : 3512
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 9:29 pm

JaneEyre ha scritto:
La colazione va fatta per stare nei tempi scolastici. Molti miei studenti non fanno colazione e poi iniziano a spiluccare dal banco o a chiedere di andare al bagno per uscire e andare al bar. Alle 12 crepano già di fame e sognano polli arrosto. Quando faccio l'argomento cibi e bevande gridano basta prof questa è una tortura.
Per me la colazione prima di uscire non si tocca, quando arrivo a scuola devo andare puntuale in classe e con il cervello funzionante. Molti colleghi vanno al bar alle 8 ed entrano poi in classe in ritardo. Altri si fanno portare cibo e caffè in classe dagli alunni. Ecco, io quelli li licenzierei davvero.
La mia insegnante di italiano mandava sempre una mia compagna a prenderle la cioccolata giustificandosi con un "non ho fatto in tempo a fare colazione". Per me era il massimo della scarsa professionalità.
Se poi ci sono adulti che hanno il cervello perfettamente attivo dalle 8 alle 13 senza aver fatto colazione buon per loro, ma da quello che vedo a scuola sono casi rari...

Quoto ogni singola parola :-)
Tornare in alto Andare in basso
Online
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 10:13 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
macchinetta ha scritto:
Galadriel ha scritto:
Macchinetta, tenere eccessivamente alla linea e essere anoressica son cose diverse.
Poi se vogliamo fare commenti sui colleghi.che non ci piacciono... a me non piacciono quelle alte 1.80. Mi ricordano che sono bassa. Uffa.

il mo discorso iniziale era su come docenti eccessivamente magre riuscissero a trovare la forza per lavorare oltre al fatto che una  docente anoressica ci dovrebbe pensare due volte prima di affrontare questo tema in classe

Perché, le docenti anoressiche sono proprio le stesse che vengono incaricate di parlare di questioni alimentari in classe, o che pretendono di parlare di problemi alimentari in classe senza nessun motivo didattico?

no, no ma volendo una docente, anche se non deve, può decidere di trattare quest' argomento per ragioni didattiche magari collegandoli ad altri argomenti
Tornare in alto Andare in basso
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 10:15 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
macchinetta ha scritto:
losart ha scritto:
Cioè ad una persona con questo importante problema bisognerebbe togliere anche il lavoro perché non sta bene (=danno il cattivo esempio) che entri in classe? Stiamo scherzando?

cmq, per il cattivo esempio, visto che a scuola si parla di anoressia, non posso io, docente, fare una lezione sulle conseguenze dell' anoressia, quando, io per prima, sono anoressica.

io la penso così

Scusate se mi ripeto:

...perché, secondo te qualsiasi docente di qualsiasi materia dovrebbe avere l'obbligo di tenere una lezione specifica sulle conseguenze dell'anoressia? Se uno non ritiene di avere le competenze necessarie (indipendentemente dalla sua situazione personale in materia di alimentazione) dice di no e basta, dove sta il problema?

Io non sono anoressica, ma non sono nemmeno un'esperta sull'argomento, quindi perché mai dovrebbe essere richiesto proprio a me di fare una lezione sul tema?

a me non è mai stato richiesto di affrontare quest' argomento ma, io alcune volte lo tratto di mia spontanea iniziativa in preparazione degli esami di terza media
Tornare in alto Andare in basso
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 10:18 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Io non faccio colazione la mattina, per il semplice motivo che se la faccio mi sento fisicamente male, tutto lì.

neanch' io la faccio sempre; se ne sento la necessità la faccio altrimenti no e se non la faccio non mi sento male anche perchè esiste cmq la macchinetta della scuola o il bar se ho l' ora libera
Tornare in alto Andare in basso
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 10:20 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
E ancora, a quasi 47 anni, devo sentirmi colpevolizzata dal primo che passa, perché "non fare colazione è una cosa brutta"... e devo sentirmi fare i predicozzi perché dovrei fare lo sforzo di cambiare abitudine?

ovvio che sbaglia chi ti colpevolizza o chi ti fa le prediche (io, al tuo posto, penserei: "ma come si permette?"); a quest' età sai benissimo se è il caso che tu la faccia o meno
Tornare in alto Andare in basso
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 10:21 pm

piperitapatty85 ha scritto:
macchinetta ha scritto:
piperitapatty85 ha scritto:
macchinetta ha scritto:


per come la vedo io, il docente dovrebbe dare agli alunni il buon esempio ed, invece, in questi casi fornisce un 'cattivo' esempio

Quindi un docente anoressico è un cattivo esempio, non una persona affetta da una grave patologia? Accidenti, che serietà. Una persona troppo magra o troppo grassa non è per forza svogliata/pigra/cattiva cuoca/fancazzista. Esistono anche difficoltà di salute, problemi ormonali, malfunzionamenti di tiroide ecc. ecc. ecc.,, oppure caratteristiche della propria costituzione. Non è gridando al cattivo esempio o rompendo per mangiare/non mangiare che si migliora la qualità della vita degli altri, fossero anche amici, eh. Aggiungo anche che "due tue amiche" non mi sembrano un campione rappresentativo del corpo docenti nazionale.

ah... dimenticavo.. che io NON sia una persona seria non c' è dubbio!!!

Ovviamente mi riferivo al discorso, eh :-)

certo ma il discorso l' ho fatto IO :-)
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8554
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 10:26 pm

Masaniello ha scritto:
Fammi capire. Finisci di mangiare supponiamo alle 21. Se non fai colazione, supponiamo che mangi pranzo alle 14 del giorno dopo ,stai 17 ORE SENZA NUTRIRTI! !!
sei una pianta grassa? Io senza colazione alle 10 del mattino sono in stato comatoso

Io no.

Per me è esattamente il contrario.

Se mi riempio la pancia alle 7 o alle 8 di mattina, poi alle 9 o alle 10 ho le fitte di nausea e mi sento una schifezza, e di sicuro non riuscirei a fare lezione come si deve.

Siamo diversi.

Mica dico che io ho ragione e tu sbagli, o viceversa.

Dico solo che siamo diversi, e che possiamo entrambi vivere tranquillamente, ognuno con le abitudini sue, senza farci le prediche a vicenda.

Dove sta il problema?
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2896
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 10:33 pm

JaneEyre ha scritto:
La colazione va fatta per stare nei tempi scolastici. Molti miei studenti non fanno colazione e poi iniziano a spiluccare dal banco o a chiedere di andare al bagno per uscire e andare al bar. Alle 12 crepano già di fame e sognano polli arrosto. Quando faccio l'argomento cibi e bevande gridano basta prof questa è una tortura.
Per me la colazione prima di uscire non si tocca, quando arrivo a scuola devo andare puntuale in classe e con il cervello funzionante. Molti colleghi vanno al bar alle 8 ed entrano poi in classe in ritardo. Altri si fanno portare cibo e caffè in classe dagli alunni. Ecco, io quelli li licenzierei davvero.
La mia insegnante di italiano mandava sempre una mia compagna a prenderle la cioccolata giustificandosi con un "non ho fatto in tempo a fare colazione". Per me era il massimo della scarsa professionalità.
Se poi ci sono adulti che hanno il cervello perfettamente attivo dalle 8 alle 13 senza aver fatto colazione buon per loro, ma da quello che vedo a scuola sono casi rari...

La penso allo stesso modo. Alle 7 non ho molta voglia di mangiare ma, se esco senza aver fatto colazione, alle 9 o 10 al massimo ho i crampi per la fame.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8554
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 11:06 pm

JaneEyre ha scritto:
Se poi ci sono adulti che hanno il cervello perfettamente attivo dalle 8 alle 13 senza aver fatto colazione buon per loro, ma da quello che vedo a scuola sono casi rari...


Bene, io evidentemente sono una di questi.

Non è né un merito né una colpa, è solo un dato di fatto.

Esattamente come lo era sempre stato per i miei genitori (per cui, non escludo che ci sia una predisposizione ereditaria), che per tutti gli anni che ho vissuto in casa con loro non ho MAI visto fare colazione, in assoluto, a parte buttare giù un caffè di corsa... con l'unica differenza che loro pensavano sinceramente di dover imporre la colazione ai figli anche se questi non volevano saperne, e anche ostentando il fatto che loro non la facessero, perché gli adulti potevano evitare la colazione mentre i bambini no.

Il risultato è che mio fratello ha "riscoperto" il gusto di fare colazione solo alla soglia dei 40 anni, mentre io non l'ho MAI riscoperto nemmeno adesso, che i 40 anni li ho superati da un bel po'.

Un'altra bella fissazione sull'argomento, delle famiglie degli anni settanta, era che i bambini dovessero per forza fare la colazione con il latte. Se non avevi preso una tazza di latte, era come se la colazione non fosse valida, qualunque altra cosa avessi mangiato, biscotti, frutta, pane, marmellata, miele, o che altro. Il latte era obbligatorio, anche per quelli a cui faceva schifo, e anche per quelli che non lo digerivano proprio e a cui dava fastidio fisico. All'epoca la maggior parte della gente non sapeva che esistessero le intolleranze al lattosio o le allergie ad altre componenti del latte, semplicemente non era nemmeno considerato immaginabile che a un bambino potesse non piacere il latte (e se anche non gli piaceva, doveva ingozzarselo lo stesso, in base al principio che "lo sanno tutti che la colazione si fa col latte, altrimenti non è una vera colazione") .

Io non credo di essere allergica o intollerante, nel senso che il latte non mi ha mai fatto male, ma semplicemente mi ha sempre fatto schifo... però la cosa non era contemplata, la colazione si doveva fare col latte senza se e senza ma. Ho  sempre tentato disperatamente di mascherarlo con altri sapori, a partire dai cinque o sei anni con il cacao (che però all'epoca era considerato un lusso da centellinare una volta ogni tanto, mica un ingrediente normale), e a partire dagli 11 o 12 con un cucchiaino di caffè di quello che prendevano i genitori, anche in dose minima, ma qualunque cosa era buona pur di ammazzare il sapore del latte, che per me era proprio insostenibile, e lo è tuttora!

E poi ci si stupisce se c'è un sacco di gente della mia generazione che non vuole saperne di colazioni, in generale?!  : - )
Tornare in alto Andare in basso
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 11:14 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Esattamente come lo era sempre stato per i miei genitori (per cui, non escludo che ci sia una predisposizione ereditaria), che per tutti gli anni che ho vissuto in casa con loro non ho MAI visto fare colazione, in assoluto, a parte buttare giù un caffè di corsa...

io, invece, non ho mai bevuto il caffè in vita mia e sto benissimo anche senza...
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2896
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 11:14 pm

paniscus_2.0 ha scritto:


Un'altra bella fissazione sull'argomento, delle famiglie degli anni settanta, era che i bambini dovessero per forza fare la colazione con il latte. Se non avevi preso una tazza di latte, era come se la colazione non fosse valida, qualunque altra cosa avessi mangiato, biscotti, frutta, pane, marmellata, miele, o che altro. Il latte era obbligatorio, anche per quelli a cui faceva schifo, e anche per quelli che non lo digerivano proprio e a cui dava fastidio fisico. All'epoca la maggior parte della gente non sapeva che esistessero le intolleranze al lattosio o le allergie ad altre componenti del latte, semplicemente non era nemmeno considerato immaginabile che a un bambino potesse non piacere il latte (e se anche non gli piaceva, doveva ingozzarselo lo stesso, in base al principio che "lo sanno tutti che la colazione si fa col latte, altrimenti non è una vera colazione") .

Io non credo di essere allergica o intollerante, nel senso che il latte non mi ha mai fatto male, ma semplicemente mi ha sempre fatto schifo... però la cosa non era contemplata, la colazione si doveva fare col latte senza se e senza ma. Ho  sempre tentato disperatamente di mascherarlo con altri sapori, a partire dai cinque o sei anni con il cacao (che però all'epoca era considerato un lusso da centellinare una volta ogni tanto, mica un ingrediente normale), e a partire dagli 11 o 12 con un cucchiaino di caffè di quello che prendevano i genitori, anche in dose minima, ma qualunque cosa era buona pur di ammazzare il sapore del latte, che per me era proprio insostenibile, e lo è tuttora!

E poi ci si stupisce se c'è un sacco di gente della mia generazione che non vuole saperne di colazioni, in generale?!  : - )

Ora capisco. A me il latte piace moltissimo, lo berrei a tutte le ore, salvo alla mattina presto. Di prima mattina, appena sveglia, mi dà la nausea. Molta nausea. Quindi la colazione mia prevede come bevanda una tazza di tè o di tisana che accompagna un cibo dolce o salato. La mia colazione ideale è tè con qualche biscotto, uovo strapazzato con prosciutto e yogurt.
Tornare in alto Andare in basso
dormopoco



Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 12.08.17

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 11:19 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Un'altra bella fissazione sull'argomento, delle famiglie degli anni settanta, era che i bambini dovessero per forza fare la colazione con il latte. Se non avevi preso una tazza di latte, era come se la colazione non fosse valida, qualunque altra cosa avessi mangiato, biscotti, frutta, pane, marmellata, miele, o che altro. Il latte era obbligatorio, anche per quelli a cui faceva schifo, e anche per quelli che non lo digerivano proprio e a cui dava fastidio fisico. All'epoca la maggior parte della gente non sapeva che esistessero le intolleranze al lattosio o le allergie ad altre componenti del latte, semplicemente non era nemmeno considerato immaginabile che a un bambino potesse non piacere il latte (e se anche non gli piaceva, doveva ingozzarselo lo stesso, in base al principio che "lo sanno tutti che la colazione si fa col latte, altrimenti non è una vera colazione".

io, da piccola, prendevo il latte con il nesquik anzi... prendevo il nesquik con il latte che diventava così scuro che non sembrava affatto ci fosse anche il latte.

ora, crescendo, sono passata direttamente alla cioccolata quando ne ho voglia :-P
Tornare in alto Andare in basso
JaneEyre



Messaggi : 1684
Data d'iscrizione : 25.11.11

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 11:38 pm

La storia della colazione con il latte è riuscita a far passare il messaggio che il corpo umano abbia bisogno di latte di vacca. L'industria del latte ringrazia e incassa.
Per fortuna tanta gente si accorge di essere intollerante. Si cresce sani e forti comunque.

Per me non è un problema se qualcuno riesce a lavorare senza aver mangiato, ma gli studenti devono sapere che normalmente abbiamo bisogno di spezzare il digiuno notturno al mattino (breakfast no?), soprattutto se ci attende una giornata lavorativa.

Tornare in alto Andare in basso
Online
Lenar



Messaggi : 1359
Data d'iscrizione : 15.07.12
Località : Porzione settentrionale della Padania più profonda

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 11:40 pm

Masaniello ha scritto:
Non fanno attività fisica perché non hanno massa muscolare.sono deboli. Non riescono nemmeno a tirarsi su una volta sola alla sbarra. Sono gobbi,fragili, hanno la forza di un criceto.

Faccio 20km di bici al giorno (di cui 10 in salita). Non credo che riuscirei a tirarmi su più di una volta alla sbarra. Pur mangiando come un cammello sono, oggettivamente, magro.

Tornare in alto Andare in basso
Online
Lenar



Messaggi : 1359
Data d'iscrizione : 15.07.12
Località : Porzione settentrionale della Padania più profonda

MessaggioTitolo: Re: docenti anoressiche   Ven Ago 25, 2017 11:46 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
macchinetta ha scritto:
chicca70 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Francesca4 ha scritto:
In effetti persino più grandicelli, al liceo, hanno la pessima abitudine di non fare colazione la mattina.
Hai voglia a dirgli che è il modo migliore per prendere peso, infatti durante l'intervallo, presi dalla fame,si riempiono letteralmente di porcherie ricche di grassi e zuccheri, non si cava un ragno dal buco.
Quest'anno in classe ne sono svenute due e mi sono spaventata da morire.
Io non faccio colazione al mattino; sto benissimo e dovrei comunque dimagrire 6 kg.

Non fare colazione porta ad ingrassare. I dietologi consigliano di mangiare "molto" nella prima parte della giornata e poco alla sera.

infatti c' è il detto "colazione da re, pranzo da principe e cena da povero"

Ecco, parliamone pure, di questa colpevolizzazione sistematica di chi non fa colazione la mattina, come se fosse una questione di dovere civico e di perbenismo morale invece che di salute... e come se non esistessero differenze fisiche individuali tra una persona e l'altra


C'è anche chi salta il pranzo e campa benissimo. Personalmente trovo più assurda l'abitudine al pranzo che quella alla colazione. Sprecare un'ora di tempo in mezzo alla giornata per mangiare della roba che, con ogni probabilità non farà altro che renderti più sonnolento per le successive due ore... Personalmente faccio colazione e cena. Il pranzo lo considero un'abitudine di chi ha tempo da perdere.

Tornare in alto Andare in basso
Online
 
docenti anoressiche
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 6Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: