Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
paniscus_2.0



Messaggi : 8568
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 10:58 am

La mitica riforma universitaria del 3+2:

http://www.repubblica.it/scuola/2017/09/02/news/laureati_sempre_in_calo_e_titolo_dopo_i_27_anni_il_flop_della_riforma_3_2-174415693/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T1

Non è vero che è aumentato il numero di laureati, non è vero che si sono velocizzati i tempi di laurea, ma in compenso è sicuro che i contenuti e la serietà dei corsi sono stati affossati in maniera vergognosa...
Tornare in alto Andare in basso
Online
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 11:05 am

Di sicuro è aumentato l esercito degli iscritti all università ,che mi rifiuto di chiamare studenti, che escluso un 20% di studenti veri è un esercito di falliti mantenuti da aperitivo.
Anzi, fedely mi scusi,fallite e falliti,mantenute e mantenuti. .
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 11:12 am

Non ho tanti dati, sicuramente ho mollato la sorveglianza su figlioli e compagni. quello che so è che
sulla quinquennale il figliolo si è laureato a 24 anni e 2 mesi e del suo gruppo di partenza che frequenta casa nostra (cinque ragazzi) solo un altro è già laureato

Sulla triennale il figliolo si è laureato a 22 anni insieme a tutti quelli del suo gruppo (una decina) Di loro solo uno si fermerà, gli altri proseguiranno.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 11:15 am

Ah beh.un buon campione statistico.
Sarebbe più utile il dato sugli studenti fuoricorso. .
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 8568
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 11:32 am

Ma il punto fondamentale è: che valore hanno quei percorsi e quei titoli, rispetto a quelli anche solo di 10 anni fa, ossia gli ultimissimi dell'ordinamento vecchio?

Io ho visto di persona una tesi di laurea (triennale) in storia in cui si confondeva sistematicamente Napoleone III con Napoleone I.

Va bene che poteva anche trattarsi di uno sciagurato errore di trascrizione amplificato dal copia-e-incolla, ma sta di fatto che gliel'hanno lasciato passare, che non se n'è accorto né lo studente né il relatore,e si trattava di una tesi già definitiva e approvata, non di una bozza!

Per quanto riguarda le materie scientifiche, fino a pochi anni fa, per la tesi di laurea, si faceva un vero e proprio lavoro di ricerca che richiedeva circa un anno, magari nulla di avanzatissimo o di completo, ma comunque doveva essere un piccolo contributo originale a un argomento di ricerca vero... adesso vedo in giro solo tesine compilative di 20 o 30 pagine (basta cercarle su internet, è pieno), che a me negli anni Novanta non sarebbero state accettate nemmeno come relazione per un singolo esame!

Gli unici corsi di studio triennali per i quali il giudizio risulta positivo, sia come formazione sia come sbocchi lavorativi, guarda caso, sono quelli delle professioni paramediche... già, peccato che quelli non sono affatto stati introdotti dalla riforma 3+2, ma esistevano già, più o meno identici a come stanno adesso, solo che non si chiamavano "lauree" ma "diplomi universitari", ma sempre corsi triennali qualificanti erano. Invece si è voluta fare, da un lato, la furbata di chiamarli "lauree" per far credere che il livello si fosse innalzato, e dall'altro, quella di equipararli a una serie infinita di altre lauree triennali del tutto surreali, inutili, e inventate pretestuosamente...


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Sab Set 02, 2017 3:29 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 12:43 pm

E' una riflessione che condivido e che ho fatto anche io vedendo le tesi dei miei ragazzi.

Dato per scontato che se arrivi alla laurea e ci arrivi con un punteggio sopra il 100 ti sei guadagnato il titolo, per la laurea quinquennale è stato necessario il lavoro di qualche mese, è stato necessario il confronto continuo con il relatore, è stato necessario spostarsi da casa per ricercare qualcosa che non era di immediata reperibilità. La tesi prodotta era effettivamente portatrice di idee personali e in qualche modo innovative rispetto ad un ambito molto particolare e ancora poco trattato della materia.

La tesi preparata per il triennio era sì ben impostata, sì particolare come approccio ma, a mio parere, era un buon inizio per un lavoro che si sarebbe potuto approfondire molto.

Un incontro con il relatore e una trentina di pagine di elaborato.

Credo che i due anni di specialistica siano indispensabili per una conoscenza spendibile.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
divanetta



Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.08.17

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 12:46 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Non è vero che è aumentato il numero di laureati, non è vero che si sono velocizzati i tempi di laurea, ma in compenso è sicuro che i contenuti e la serietà dei corsi sono stati affossati in maniera vergognosa...

ma se i giovani di oggi non hanno neanche voglia di divertirsi, come possiamo pretendere che si iscrivano all' università???
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 9801
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 12:49 pm

ritaa ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Non è vero che è aumentato il numero di laureati, non è vero che si sono velocizzati i tempi di laurea, ma in compenso è sicuro che i contenuti e la serietà dei corsi sono stati affossati in maniera vergognosa...

ma se i giovani di oggi non hanno neanche voglia di divertirsi, come possiamo pretendere che si iscrivano all' università???

Interessante, rita.

Puoi spiegare meglio questa tua condivisibile osservazione?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
divanetta



Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.08.17

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 1:06 pm

Ire ha scritto:
ritaa ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Non è vero che è aumentato il numero di laureati, non è vero che si sono velocizzati i tempi di laurea, ma in compenso è sicuro che i contenuti e la serietà dei corsi sono stati affossati in maniera vergognosa...

ma se i giovani di oggi non hanno neanche voglia di divertirsi, come possiamo pretendere che si iscrivano all' università???

Interessante, rita.

Puoi spiegare meglio questa tua condivisibile osservazione?

ora vado a mangiare (se no crollo dalla debolezza) e poi ti rispondo con calma

a proposito, devo ringraziare il forum perchè mi sta facilitando la dieta visto che per stare quì mangio di meno e, ovviamente, sono contentissima!!! :-D
Tornare in alto Andare in basso
Masaniello



Messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 26.10.16

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 1:08 pm

La solita cazzata
Tornare in alto Andare in basso
divanetta



Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.08.17

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 1:34 pm

Ire ha scritto:
ritaa ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Non è vero che è aumentato il numero di laureati, non è vero che si sono velocizzati i tempi di laurea, ma in compenso è sicuro che i contenuti e la serietà dei corsi sono stati affossati in maniera vergognosa...

ma se i giovani di oggi non hanno neanche voglia di divertirsi, come possiamo pretendere che si iscrivano all' università???

Interessante, rita.

Puoi spiegare meglio questa tua condivisibile osservazione?

allora, potrei fare diversi esempi (di caxxate secondo Masaniello):

1) quando io ed una mia amica quarantenni andiamo a fare le escursioni in montagna, siamo le uniche o quasi della nostra fascia d' età perchè sono tutti sessantenni e settantenni

2) quando c' è qualche manifestazione in piazza sono tutti dai 50 anni in su

3) anche nei parchi divertimenti (gardaland, mirabilandia, ecc.) si trovano prevalentemente famiglie (genitori con bambini) oppure cinquantenni e oltre...

potrei fare altri esempi ma al momento non me ne vengono altri in testa

cmq, forse ai concerti si trovano i giovani ma generalmente i giovani se ne vanno nei pub a chiacchierare oppure spesso rimangono a casa al computer visto che sono nativi digitali
Tornare in alto Andare in basso
Kuru-nee



Messaggi : 66
Data d'iscrizione : 27.07.17

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 2:00 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Gli unici corsi di studio triennali per i quali il giudizio risulta positivo, sia come formazione sia come sbocchi lavorativi, guarda caso, sono quelli delle professioni paramediche... già, peccato che quelli non sono affatto stati introdotti dalla riforma 3+2, ma esistevano già, più o meno identici a come stanno adesso, solo che non si chiamavano "lauree" ma "diplomi universitari", ma sempre corsi triennali qualificanti erano. Invece si è voluta fare, da un lato, la furbata di chiamarli "lauree" per far credere che il livello si fosse innalzato, e dall'altro, quella di equipararli a una serie infinita di altre lauree triennali del tutto surreali, inutili, e inventate pretestuosamente...

Sono d'accordo su ogni singola parola. Di tutte le mie amiche che hanno completato il 3+2, il 100% ha ammesso che spezzare con quella minitesi dopo i 3 anni è stata solo una perdita di tempo e che senza la specialistica non ci avrebbero fatto niente, quindi tanto valeva lasciare i vecchi 4 anni, o comunque fare un ciclo unico di 5 anni.
La maggior parte di quelle che invece hanno fatto solo i 3 anni (ad eccezione delle professioni sanitarie e in alcuni casi di quelle informatiche/scientifiche) si lamentano a gran voce che con la loro laurea non riescono a farci niente, o che il lavoro che hanno trovato non c'entra con il loro studio e che non le soddisfa. Mi chiedo che grande sbocco lavorativo possa dare una triennale di una qualsiasi materia umanistica in più rispetto al diploma...
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1361
Data d'iscrizione : 15.07.12
Località : Porzione settentrionale della Padania più profonda

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 2:37 pm

Kuru-nee ha scritto:

Mi chiedo che grande sbocco lavorativo possa dare una triennale di una qualsiasi materia umanistica in più rispetto al diploma...

Me lo chiedo anche io e non mi so dare una risposta. Almeno, con la quinquennale, si può insegnare.

La laurea triennale poteva avere un senso come specializzazione volta alla creazione di una categoria di "super-periti".

Ma, come giustamente evidenzia Paniscus, già prima della riforma del 3+2 c'erano i diplomi universitari che svolgevano egregiamente questo compito.

L'inutilità delle lauree triennali è poi riconosciuta anche dallo stesso ministero della pubblica istruzione che non consente ai laureati triennali neppure la possibilità di fare l'ITP, ruolo riservato ai soli diplomati ITIS/IPSIA, con l'assurdo che un ragazzo diplomato all'IPSIA con un 60 ed un calcio del deretano può entrare in classe come docente di "laboratorio di elettronica" mentre un liceale 100 e lode con la triennale di ingegneria presa col massimo dei voti non lo può fare.

Tornare in alto Andare in basso
Erodoto



Messaggi : 366
Data d'iscrizione : 27.07.12

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 2:50 pm

Il fallimento del 3+2 è evidente nei fatti da anni. Alcune facoltà non l'hanno mai adottato e ce ne sono state alcune che conosco che hanno fatto marcia indietro e sono tornate all'antico. Tra le umanistiche purtroppo poco hanno operato questa scelta e i risultati si sono visti. Con una laurea triennale ci si fa poco e l'età media dei laureati non si è abbassata più di tanto.
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2897
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 2:59 pm

ritaa ha scritto:
Ire ha scritto:
ritaa ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Non è vero che è aumentato il numero di laureati, non è vero che si sono velocizzati i tempi di laurea, ma in compenso è sicuro che i contenuti e la serietà dei corsi sono stati affossati in maniera vergognosa...

ma se i giovani di oggi non hanno neanche voglia di divertirsi, come possiamo pretendere che si iscrivano all' università???

Interessante, rita.

Puoi spiegare meglio questa tua condivisibile osservazione?

allora, potrei fare diversi esempi (di caxxate secondo Masaniello):

1) quando io ed una mia amica quarantenni andiamo a fare le escursioni in montagna, siamo le uniche o quasi della nostra fascia d' età perchè sono tutti sessantenni e settantenni

2) quando c' è qualche manifestazione in piazza sono tutti dai 50 anni in su

3) anche nei parchi divertimenti (gardaland, mirabilandia, ecc.) si trovano prevalentemente famiglie (genitori con bambini) oppure cinquantenni e oltre...

potrei fare altri esempi ma al momento non me ne vengono altri in testa

cmq, forse ai concerti si trovano i giovani ma generalmente i giovani se ne vanno nei pub a chiacchierare oppure spesso rimangono a casa al computer visto che sono nativi digitali

Non puoi dire che non si divertano. Non si divertono come piace a te. Nemmeno io apprezzo le escursioni in montagna e gardaland. Preferisco altre attività.
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 2897
Data d'iscrizione : 26.12.14

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 3:08 pm

Erodoto ha scritto:
Il fallimento del 3+2 è evidente nei fatti da anni. Alcune facoltà non l'hanno mai adottato e ce ne sono state alcune che conosco che hanno fatto marcia indietro e sono tornate all'antico. Tra le umanistiche purtroppo poco hanno operato questa scelta e i risultati si sono visti. Con una laurea triennale ci si fa poco e l'età media dei laureati non si è abbassata più di tanto.

Non solo con una laurea triennale umanistica non si fa nulla, ma anche il livello degli apprendimenti si è molto ridotto, con esamini minuscoli ed una tesi inesistente e che nessuno corregge. In diverse università non si discute la tesi della triennale, la si consegna e basta.
Tornare in alto Andare in basso
divanetta



Messaggi : 568
Data d'iscrizione : 30.08.17

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 3:08 pm

chicca70 ha scritto:
ritaa ha scritto:
Ire ha scritto:
ritaa ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Non è vero che è aumentato il numero di laureati, non è vero che si sono velocizzati i tempi di laurea, ma in compenso è sicuro che i contenuti e la serietà dei corsi sono stati affossati in maniera vergognosa...

ma se i giovani di oggi non hanno neanche voglia di divertirsi, come possiamo pretendere che si iscrivano all' università???

Interessante, rita.

Puoi spiegare meglio questa tua condivisibile osservazione?

allora, potrei fare diversi esempi (di caxxate secondo Masaniello):

1) quando io ed una mia amica quarantenni andiamo a fare le escursioni in montagna, siamo le uniche o quasi della nostra fascia d' età perchè sono tutti sessantenni e settantenni

2) quando c' è qualche manifestazione in piazza sono tutti dai 50 anni in su

3) anche nei parchi divertimenti (gardaland, mirabilandia, ecc.) si trovano prevalentemente famiglie (genitori con bambini) oppure cinquantenni e oltre...

potrei fare altri esempi ma al momento non me ne vengono altri in testa

cmq, forse ai concerti si trovano i giovani ma generalmente i giovani se ne vanno nei pub a chiacchierare oppure spesso rimangono a casa al computer visto che sono nativi digitali

Non puoi dire che non si divertano. Non si divertono come piace a te. Nemmeno io apprezzo le escursioni in montagna e gardaland. Preferisco altre attività.

ho capito cosa vuoi dire.
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 1552
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 3:10 pm

Mi sono immatricolato all'università nel 1998.
L'anno dopo il ministro Ortensio Zecchino avrebbe emanato lo sciagurato DM 509/99 con il quale veniva distrutta l'università italiana.
Noi studenti ventenni a cui la sorte aveva attribuito il mesto compito di chiudere la lunga esperienza del vecchio ordinamento fummo sottoposti a una propaganda martellante volta a farci optare per il nuovo ordinamento sfruttando norme transitorie che venivano descritte come assai convenienti.
Ricordo benissimo quelle riunioni, ho ancora in mente tutte le perplessità e le criticità che evidenziammo e che si sono puntualmente manifestate in tutti questi anni.
Quasi nessuno optò per il passaggio al nuovo sistema, eravamo molto giovani ma non fessi, avevamo fiutato la "sola" e per questo preferimmo stare alla larga dal 3+2.
La laurea triennale non è solo un titolo fondamentalmente inutile, ma provoca dei danni nell formazione dello studenti, danni che non è sempre possibile sanare con la specialistica.
Nel penoso tentativo di dare una spendibilità immediata alla triennale, sono stati ridotti all'osso i programmi degli insegnamento di base, sono state abbassate le richieste, sono state semplificate le procedure d'esame (prove parziali anziché esame unico, possibilità di sostenere solo lo scritto,...).
Ma questo, ribadisco, lo si era capito dal 1999. Chi come me in quell'anno era già iscritto all'università era pienamente consapevole del fatto che si stava chiudendo un'epoca e che da lì a poco l'università sarebbe stata  irrimediabilmente distrutta.
Qualcuno invece continua a fare passare questa squallida operazione come una riforma epocale che ci ha messo ail passo con l'Europa, che poi sono gli stessi che vogliono una scuola inclusiva, i licei quadriennali, le medie di due anni...
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 6:35 pm

"«Lo spirito era quello di creare una base molto larga di laureati triennali, i cui profili professionali avrebbero dovuto trovare riscontro immediato nel mercato del lavoro, e una fascia minore di laureati magistrali. Ma le cose sono andate diversamente. Oggi, il 79/80 per cento dei triennalisti prosegue e consegue la laurea magistrale. La laurea triennale, che avrebbe dovuto attirare i diplomati provenienti dagli istituti tecnici e professionali, non è sempre professionalizzante e spesso non trova riscontro nel mercato del lavoro. Il vero tema è questo: riconquistare i giovani dei tecnici e dei professionali che oggi si iscrivono sempre meno all’università»"

Ma questi lo sanno che razza di gente frequenta i professionali ed i tecnici ?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19892
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 6:38 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ma il punto fondamentale è: che valore hanno quei percorsi e quei titoli, rispetto a quelli anche solo di 10 anni fa, ossia gli ultimissimi dell'ordinamento vecchio?

Io ho visto di persona una tesi di laurea (triennale) in storia in cui si confondeva sistematicamente Napoleone III con Napoleone I.
Quante storie ! Sempre sul podio erano, e poi si sa che l'importante è partecipare !
Tornare in alto Andare in basso
Kuru-nee



Messaggi : 66
Data d'iscrizione : 27.07.17

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 7:17 pm

avidodinformazioni ha scritto:
"«Lo spirito era quello di creare una base molto larga di laureati triennali, i cui profili professionali avrebbero dovuto trovare riscontro immediato nel mercato del lavoro, e una fascia minore di laureati magistrali. Ma le cose sono andate diversamente. Oggi, il 79/80 per cento dei triennalisti prosegue e consegue la laurea magistrale. La laurea triennale, che avrebbe dovuto attirare i diplomati provenienti dagli istituti tecnici e professionali, non è sempre professionalizzante e spesso non trova riscontro nel mercato del lavoro. Il vero tema è questo: riconquistare i giovani dei tecnici e dei professionali che oggi si iscrivono sempre meno all’università»"

Ma questi lo sanno che razza di gente frequenta i professionali ed i tecnici ?


Cioè, quindi loro speravano che orde di ragazzi provenienti dall'alberghiero o dall'ITIS prendessero la triennale in lingue, lettere o in filosofia e che solo i soliti liceali continuassero con la magistrale?
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 1552
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Sab Set 02, 2017 8:24 pm

avidodinformazioni ha scritto:
"«Lo spirito era quello di creare una base molto larga di laureati triennali, i cui profili professionali avrebbero dovuto trovare riscontro immediato nel mercato del lavoro, e una fascia minore di laureati magistrali. Ma le cose sono andate diversamente. Oggi, il 79/80 per cento dei triennalisti prosegue e consegue la laurea magistrale. La laurea triennale, che avrebbe dovuto attirare i diplomati provenienti dagli istituti tecnici e professionali, non è sempre professionalizzante e spesso non trova riscontro nel mercato del lavoro. Il vero tema è questo: riconquistare i giovani dei tecnici e dei professionali che oggi si iscrivono sempre meno all’università»"

Ma questi lo sanno che razza di gente frequenta i professionali ed i tecnici ?

Confermo, questo era lo spirito della riforma ed era anche il motivo per cui verso la fine dello scorso millennio consigliavano a noi, ultimi studenti del vecchio ordinamento, di passare al nuovo sistema. Ci prospettavano un ingresso anticipato nel mondo del lavoro, con una preparazione pressoché identica e con un titolo che con molta probabilità sarebbe stato dichiarato equipollente alle vecchie lauree giacché l'idea era quella di considerare il secondo biennio (che allora si chiamava "laurea specialistica") nient'altro che un titolo accademio destinato a pochi e finalizzato principalmente a chi voleva fare carriera all'università (insomma, una sorta di dottorato di ricerca).
Fortunatamente (e lo dico con un pizzico di orgoglio) ad abboccare, optando per il nuovo ordinamento, furono in pochissimi nonostante le norme transitorie per il passaggio apparissero abbastanza favorevoli (gli esami del vecchio ordinamento venivano infatti convertiti con un numero di crediti superiore a quelli attribuiti ai corrispondenti esami del nuovo ordinamento).
Tornare in alto Andare in basso
Erodoto



Messaggi : 366
Data d'iscrizione : 27.07.12

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Dom Set 03, 2017 3:02 pm

comp_xt ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
"«Lo spirito era quello di creare una base molto larga di laureati triennali, i cui profili professionali avrebbero dovuto trovare riscontro immediato nel mercato del lavoro, e una fascia minore di laureati magistrali. Ma le cose sono andate diversamente. Oggi, il 79/80 per cento dei triennalisti prosegue e consegue la laurea magistrale. La laurea triennale, che avrebbe dovuto attirare i diplomati provenienti dagli istituti tecnici e professionali, non è sempre professionalizzante e spesso non trova riscontro nel mercato del lavoro. Il vero tema è questo: riconquistare i giovani dei tecnici e dei professionali che oggi si iscrivono sempre meno all’università»"

Ma questi lo sanno che razza di gente frequenta i professionali ed i tecnici ?

Confermo, questo era lo spirito della riforma ed era anche il motivo per cui verso la fine dello scorso millennio consigliavano a noi, ultimi studenti del vecchio ordinamento, di passare al nuovo sistema. Ci prospettavano un ingresso anticipato nel mondo del lavoro, con una preparazione pressoché identica e con un titolo che con molta probabilità sarebbe stato dichiarato equipollente alle vecchie lauree giacché l'idea era quella di considerare il secondo biennio (che allora si chiamava "laurea specialistica") nient'altro che un titolo accademio destinato a pochi e finalizzato principalmente a chi voleva fare carriera all'università (insomma, una sorta di dottorato di ricerca).
Fortunatamente (e lo dico con un pizzico di orgoglio) ad abboccare, optando per il nuovo ordinamento, furono in pochissimi nonostante le norme transitorie per il passaggio apparissero abbastanza favorevoli (gli esami del vecchio ordinamento venivano infatti convertiti con un numero di crediti superiore a quelli attribuiti ai corrispondenti esami del nuovo ordinamento).

Aggiungo: quando pochi anni dopo l'introduzione del 3+2 un laureato vecchio ordinamento o uno che aveva interrotto gli studi senza conseguire la laurea chiedevano o una seconda laurea o di terminare il percorso con relativo riconoscimento crediti (ecco, la sciagura più grande del 3+2 è proprio questa ca***ta dei crediti) si vedeva stendere ponti d'oro rispetto a un laureato 3+2. Questo credo avvenisse perché gli stessi atenei si rendevano conto che le lauree old style avevano qualcosa in più.
Tornare in alto Andare in basso
astronotus



Messaggi : 163
Data d'iscrizione : 18.08.12

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Dom Set 03, 2017 3:30 pm

Lasciate che vi dica una cosa, c'è penuria, di aria respirabile, c'è penuria di risorse naturali c'è penuria perfino di vini bevibili. Ma non c'è penuria di laureati. Li sforniamo in serie come tanti bulloni. Questo si chiama progresso. La produzione di lauree si chiama progresso. Allora vi dico facciamo tacere questo grido di progresso per i prossimi 10 000 anni!
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 1552
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioTitolo: Re: Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!   Dom Set 03, 2017 3:59 pm

Erodoto ha scritto:

Aggiungo: quando pochi anni dopo l'introduzione del 3+2 un laureato vecchio ordinamento o uno che aveva interrotto gli studi senza conseguire la laurea chiedevano o una seconda laurea o di terminare il percorso con relativo riconoscimento crediti (ecco, la sciagura più grande del 3+2 è proprio questa ca***ta dei crediti) si vedeva stendere ponti d'oro rispetto a un laureato 3+2. Questo credo avvenisse perché gli stessi atenei si rendevano conto che le lauree old style avevano qualcosa in più.

Non fu però solo il riconoscimento di una differente difficoltà degli esami sostenuti.
Gli atenei vengono infatti valutati in maniera "oggettiva" e finanziati in basito all'esito delle valutazioni.
Fra i criteri per stabilire se un'università è buona ci sono il tasso dei fuoricorso e il numero dei laureati che annualmente riesce a sfornare.
Questo spiega sia i ponti d'oro a chi passava dal vecchio al nuovo ordinamento che la minore difficoltà delle lauree nuovo ordinamento.
Tornare in alto Andare in basso
 
Ce lo chiedeva l'Europa... e i risultati si sono visti!
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Risultati istologici ok
» ahhhhhhhhhhhh ho avuto i risultati del toxo test
» centri per ovodonazione in europa
» Risultati Fish Test
» Indipendentismo in europa

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: