Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividi | 
 

 Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.

Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
elirpe



Messaggi : 561
Data d'iscrizione : 02.08.17

MessaggioTitolo: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Lun Set 18, 2017 7:29 pm

Promemoria primo messaggio :

http://www.orizzontescuola.it/sostegno-anief-record-la-volta-docenti-organico-diritto-superano-quota-100mila-un-alunno-tre-continua-ad-supplente/

Come risolvereste il problema del sostegno, in cui ancora restano 40 mila cattedre scoperte, anche per oggettiva carenza di specializzati?
Torna in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
michetta

avatar

Messaggi : 5003
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Mer Ott 04, 2017 7:59 pm

Sono d'accordo con arrubiu. Se passasse il vincolo decennale sul sostegno, credo che non sarebbero poi così numerosi gli abilitati che avranno voglia di intraprendere il percorso di specializzazione.
Ricordo inoltre che si tratta di un percorso molto impegnativo su tutti i fronti, in termini di tempo, di studio e di costi (parliamo di almeno 3000 euro), con prove selettive di accesso anche piuttosto difficili.
Sono sincera: nel 2013 quando mi sono iscritta alla prima prova di accesso, se avessi avuto chiaro di dover restare sul sostegno per 10 anni, con l'incognita di non sapere se mi sarebbe piaciuto lavorare sul sostegno, non avrei sicuramente tentato.
Sull'incentivo economico: personalmente non ritengo giusto prendere uno stipendio maggiore rispetto ai curricolari, ma sono certa che tanti potrebbero essere invogliati. Non vedo differenze di carico di lavoro che giustifichino discrepanze salariali. Ho fatto per 10 anni circa la curricolare e il sostegno da poco più di due anni. Non mi sento ora più oberata di prima, né meno di prima.
Torna in alto Andare in basso
michetta

avatar

Messaggi : 5003
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Mer Ott 04, 2017 8:10 pm

Cozza ha scritto:
eh ma arrubbiu...sarebbe comunque uan continuità a tempo, dopo 5 anni...via tutti di corsa come al solito. no?

http://www.istruzione.lombardia.gov.it/milano/movimenti-scuola-secondaria-di-primo-grado-a-s-20172018/

questa è la mobilità Milano - Primo Grado. Per la provinciale: 513 nominativi - 10 passaggi da sostegno a materia

generalizzare con "via tutti" forse è un tantino eccessivo


Torna in alto Andare in basso
A0quarantasette



Messaggi : 3330
Data d'iscrizione : 29.08.12

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Gio Ott 05, 2017 3:16 pm

michetta ha scritto:
Sono d'accordo con arrubiu. Se passasse il vincolo decennale sul sostegno, credo che non sarebbero poi così numerosi gli abilitati che avranno voglia di intraprendere  il percorso di specializzazione.
Ricordo inoltre che si tratta di un percorso molto impegnativo su tutti i fronti, in termini di tempo, di studio e di costi (parliamo di almeno 3000 euro), con prove selettive di accesso anche piuttosto difficili.
Sono sincera: nel 2013 quando mi sono iscritta alla prima prova di accesso, se avessi avuto chiaro di dover restare sul sostegno per 10 anni, con l'incognita di non sapere se mi sarebbe piaciuto lavorare sul sostegno, non avrei sicuramente tentato.
Sull'incentivo economico: personalmente non ritengo giusto prendere uno stipendio maggiore rispetto ai curricolari, ma sono certa che tanti potrebbero essere invogliati. Non vedo differenze di carico di lavoro che giustifichino discrepanze salariali. Ho fatto per 10 anni circa la curricolare e il sostegno da poco più di due anni. Non mi sento ora più oberata di prima, né meno di prima.

Sì, ma la differenza salariale è giustificata da una professionalità diversa. Non sempre (anzi quasi mai) lo stipendio corrisponde al carico di lavoro, altrimenti un medico guadagnerebbe meno di un comune impiegato.
Il corso di specializzazione, che tra l'altro è obbligatorio, vale sicuramente una differenza di stipendio.
Torna in alto Andare in basso
michetta

avatar

Messaggi : 5003
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Gio Ott 05, 2017 7:58 pm

A047 hai fatto un esempio mettendo a confronto due professionalità completamente differenti (e non solo per carico di lavoro-tra l'altro conosco medici, compreso il mio di base che svolgono monte orario anche superiore alle 36/39 ore di un impiegato. Poi ci sono certamente anche le situazioni che hai citato, ma il tuo paragone, a mio parere, è improponibile)
Attualmente, quando parliamo di insegnanti di sostegno e curricolari non possiamo che confrontarci invece con un'identica figura professionale, il cui carico di lavoro e il cui stipendio sono regolati da un comune contratto di lavoro e la cui professione è regolata dalla medesima normativa.
La specializzazione è di sicuro qualcosa in più, un valore aggiunto dal punto di vista professionale. Chi l'ha presa, però, lo ha fatto del tutto volontariamente, consapevole di spendere tempo (tanto) e soldi (tanti). Non è che il mio titolo "in più" mi deve in qualche modo essere ripagato dal mio datore di lavoro (e dalla comunità dunque). Due insegnanti di matematica, scuola media, sono pagati allo stesso modo, anche se uno ha una laurea in biologia e l'altro ne ha due, una in Matematica e una in Fisica nucleare.
Così è per la maestra della primaria che è in ruolo grazie alla sua laurea in scienze della formazione e per la sua collega che si è diplomata alle magistrali nel 1975.
Intendo che non è un titolo in più a decretare la necessità di differenziare i rispettivi stipendi. Sempre dal mio punto di vista, ovvio. Rispetto anche il tuo (e in parte lo comprendo).
Nonostante ciò, in questa sorta di "fantascuola" credo che se il miur differenziasse gli stipendi delle due figure, metti ...500 euro in più agli specializzati, sono certa che le iscrizioni ai tfa avrebbero un cospicuo incremento.. e molti, ti dico molti, digerirebbero d'un botto anche l'aumento del vincolo a 10 anni.
io non sono tra quei molti.
Torna in alto Andare in basso
Cozza

avatar

Messaggi : 9209
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Gio Ott 05, 2017 8:25 pm

michetta ha scritto:
Cozza ha scritto:
eh ma arrubbiu...sarebbe comunque uan continuità a tempo, dopo 5 anni...via tutti di corsa come al solito. no?

http://www.istruzione.lombardia.gov.it/milano/movimenti-scuola-secondaria-di-primo-grado-a-s-20172018/

questa è la mobilità Milano - Primo Grado. Per la provinciale: 513 nominativi - 10 passaggi da sostegno a materia

generalizzare con "via tutti" forse è un tantino eccessivo


mi fido di te.
dici che il fenomeno del "viatuttidicorsa" si è ridottonegli ultimi anni?
ne sarei ben felice...anche se ormai non mi tocca più direttamente come invece ha fatto nei miei anni di precariato...
Torna in alto Andare in basso
michetta

avatar

Messaggi : 5003
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Gio Ott 05, 2017 8:35 pm

Cozza ha scritto:
michetta ha scritto:
Cozza ha scritto:
eh ma arrubbiu...sarebbe comunque uan continuità a tempo, dopo 5 anni...via tutti di corsa come al solito. no?

http://www.istruzione.lombardia.gov.it/milano/movimenti-scuola-secondaria-di-primo-grado-a-s-20172018/

questa è la mobilità Milano - Primo Grado. Per la provinciale: 513 nominativi - 10 passaggi da sostegno a materia

generalizzare con "via tutti" forse è un tantino eccessivo


mi fido di te.
dici che il fenomeno del "viatuttidicorsa" si è ridottonegli ultimi anni?
ne sarei ben felice...anche se ormai non mi tocca più direttamente come invece ha fatto nei miei anni di precariato...

ho controllato la situazione dei trasferimenti sostegno/materia di numerose province e la tendenza rispetto al passato mi sembra proprio questa (onestamente credo abbia influito il discorso degli ambiti e del potenziamento che in un certo senso scoraggiano i cambiamenti)
Comunque tra quei 10 la tua materia ha ancora una bella percentuale...
Torna in alto Andare in basso
arrubiu
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 14336
Data d'iscrizione : 24.10.14
Località : Casteddu70

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Gio Ott 05, 2017 10:00 pm

Devo dire che mi trovo quasi sempre d'accordo con michetta:)
Torna in alto Andare in basso
michetta

avatar

Messaggi : 5003
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Sab Ott 07, 2017 12:09 pm

arrubiu ha scritto:
Devo dire che mi trovo quasi sempre d'accordo con michetta:)

la cosa è reciproca ;-)
Torna in alto Andare in basso
Cozza

avatar

Messaggi : 9209
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Dom Ott 08, 2017 10:12 am

Ah giusto!
Meglio una cattedra di sostegno certa in scuola certa... di una cattedra su potenziamento magari ovunque con gestione vaga e approssimativa, supplenze comprese.
La mia materia avrà ancora un bel numero perché noi di arte siamo sognatori... A prescindere!
Torna in alto Andare in basso
A0quarantasette



Messaggi : 3330
Data d'iscrizione : 29.08.12

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Lun Ott 09, 2017 3:41 pm

michetta ha scritto:
A047 hai fatto un esempio mettendo a confronto due professionalità completamente differenti (e non solo per carico di lavoro-tra l'altro conosco medici, compreso il mio di base che svolgono monte orario anche superiore alle 36/39 ore di un impiegato. Poi ci sono certamente anche le situazioni che hai citato, ma il tuo paragone, a mio parere, è improponibile)
Attualmente, quando parliamo di insegnanti di sostegno e curricolari non possiamo che confrontarci invece con un'identica figura professionale, il cui carico di lavoro e il cui stipendio sono regolati da un comune contratto di lavoro e la cui professione è regolata dalla medesima normativa.
La specializzazione è di sicuro qualcosa in più, un valore aggiunto dal punto di vista professionale. Chi l'ha presa, però, lo ha fatto del tutto volontariamente, consapevole di spendere tempo (tanto) e soldi (tanti). Non è che il mio titolo "in più" mi deve in qualche modo essere ripagato dal mio datore di lavoro (e dalla comunità dunque). Due insegnanti di matematica, scuola media, sono pagati allo stesso modo, anche se uno ha una laurea in biologia e l'altro ne ha due, una in Matematica e una in Fisica nucleare.
Così è per la maestra della primaria che è in ruolo grazie alla sua laurea in scienze della formazione e per la sua collega che si è diplomata alle magistrali nel 1975.  
Intendo che non è un titolo in più a decretare la necessità di differenziare i rispettivi stipendi. Sempre dal mio punto di vista, ovvio. Rispetto anche il tuo (e in parte lo comprendo).
Nonostante ciò, in questa sorta di "fantascuola" credo che se il miur differenziasse gli stipendi delle due figure, metti ...500 euro in più agli specializzati, sono certa che le iscrizioni ai tfa avrebbero un cospicuo incremento.. e molti, ti dico molti, digerirebbero d'un botto anche l'aumento del vincolo a 10 anni.
io non sono tra quei molti.

Invece secondo me, il titolo in più va ripagato se si tratta di un titolo obbligatorio richiesto dal profilo professionale. Faccio l'esempio degli ITP: molti di loro sono laureati, però il loro stipendio è più basso di quello degli altri insegnanti; ciò perché il titolo di laurea nel loro caso non è richiesto. Lo stesso si potrebbe dire ad esempio di un dottorato: è un titolo in più, ma non obbligatorio.
Nel caso dei docenti di sostegno invece il titolo è obbligatorio.
Torna in alto Andare in basso
michetta

avatar

Messaggi : 5003
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Mar Ott 10, 2017 8:03 pm


ho letto questa novità
https://www.orizzontescuola.it/concorso-2018-superamento-procedura-sostegno-permette-accesso-anche-classe-concorso/

chi supererà il concorso/Fit per il sostegno automaticamente supererà anche quello per la classe di concorso di accesso e potrà scegliere su quale posto continuare il percorso.

Sono abbastanza incredula, questa non me l'aspettavo
Torna in alto Andare in basso
verdeacqua



Messaggi : 2165
Data d'iscrizione : 24.05.13

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Mar Ott 10, 2017 8:31 pm

A0quarantasette ha scritto:
michetta ha scritto:
A047 hai fatto un esempio mettendo a confronto due professionalità completamente differenti (e non solo per carico di lavoro-tra l'altro conosco medici, compreso il mio di base che svolgono monte orario anche superiore alle 36/39 ore di un impiegato. Poi ci sono certamente anche le situazioni che hai citato, ma il tuo paragone, a mio parere, è improponibile)
Attualmente, quando parliamo di insegnanti di sostegno e curricolari non possiamo che confrontarci invece con un'identica figura professionale, il cui carico di lavoro e il cui stipendio sono regolati da un comune contratto di lavoro e la cui professione è regolata dalla medesima normativa.
La specializzazione è di sicuro qualcosa in più, un valore aggiunto dal punto di vista professionale. Chi l'ha presa, però, lo ha fatto del tutto volontariamente, consapevole di spendere tempo (tanto) e soldi (tanti). Non è che il mio titolo "in più" mi deve in qualche modo essere ripagato dal mio datore di lavoro (e dalla comunità dunque). Due insegnanti di matematica, scuola media, sono pagati allo stesso modo, anche se uno ha una laurea in biologia e l'altro ne ha due, una in Matematica e una in Fisica nucleare.
Così è per la maestra della primaria che è in ruolo grazie alla sua laurea in scienze della formazione e per la sua collega che si è diplomata alle magistrali nel 1975.  
Intendo che non è un titolo in più a decretare la necessità di differenziare i rispettivi stipendi. Sempre dal mio punto di vista, ovvio. Rispetto anche il tuo (e in parte lo comprendo).
Nonostante ciò, in questa sorta di "fantascuola" credo che se il miur differenziasse gli stipendi delle due figure, metti ...500 euro in più agli specializzati, sono certa che le iscrizioni ai tfa avrebbero un cospicuo incremento.. e molti, ti dico molti, digerirebbero d'un botto anche l'aumento del vincolo a 10 anni.
io non sono tra quei molti.

Invece secondo me, il titolo in più va ripagato se si tratta di un titolo obbligatorio richiesto dal profilo professionale. Faccio l'esempio degli ITP: molti di loro sono laureati, però il loro stipendio è più basso di quello degli altri insegnanti; ciò perché il titolo di laurea nel loro caso non è richiesto. Lo stesso si potrebbe dire ad esempio di un dottorato: è un titolo in più, ma non obbligatorio.
Nel caso dei docenti di sostegno invece il titolo è obbligatorio.
Sono d'accordo!
Tra l'altro sono una maestra e non trovo giusto che io, laureata in SFP, guadagno di meno dei colleghi laureati della secondaria, proprio in virtù del fatto che oggi (già da molti anni) il titolo per insegnare alla scuola primaria/infanzia è la laurea!
Per tornare al sostegno, in qualunque professione viene riconosciuto un titolo/specializzazione aggiuntivo come è quello del sostegno.
Sono d'accordo che un incentivo economico farebbe diminuire il flusso da sostegno a materia, non è necessario che sia enorme, anche un quid in più...giusto per sottolineare la differenza (o per invogliare a specializzarsi).
Torna in alto Andare in basso
michetta

avatar

Messaggi : 5003
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Mar Ott 10, 2017 8:54 pm

verdeacqua. quant'è la differenza di stipendio tra primaria e secondaria?
Te lo chiedo perché davvero non lo so e non credevo neppure ce ne fosse.
Per quanto ne so (mi correggerai se sbaglio perchè di primaria non so davvero niente) la laurea in SFP oltre ad essere titolo di accesso è anche un titolo abilitante, quindi una volta laureato potevi (fino a qualche anno fa) entrare di diritto nelle gae o comunque partecipare al concorso.(A parte il concorso 2012 che fu permesso anche ai non abilitati)
Con la laurea in lettere o in lingue o in qualsiasi altra disciplina hai solo titolo di accesso alle graduatorie di istituto, non potevi entrare nelle gae. Dopo il concorso del 1999 per abilitarti ci fu la ssis (altri due anni) e dopo il 2009 il tfa. Cioè dopo la laurea dovevi acquisire un'abilitazione con un ulteriore percorso universitario di 2 o 1 anno.
Anche questo, per stare nel tuo ragionamento, è un titolo obbligatorio richiesto, in più rispetto ai laureati in SFP. Senza polemica, ti assicuro che non è mio intento. Lo specifico perché scrivendo e non parlando di persona spesso i nostri interventi e le reali intenzioni possono essere travisati.
Torna in alto Andare in basso
Stefania Biancani



Messaggi : 3807
Data d'iscrizione : 01.07.16

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Mar Ott 10, 2017 9:07 pm

Qui ci sono gli stipendi lordi e netti:

http://www.scuolainforma.it/portale/2017/08/14/quanto-guadagna-davvero-un-docente-della-scuola-tabella-stipendio-al-netto.html
Torna in alto Andare in basso
A0quarantasette



Messaggi : 3330
Data d'iscrizione : 29.08.12

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Mar Ott 10, 2017 9:12 pm

Vedo che nella secondaria di II grado tra un docente laureato e uno diplomato c'è una differenza di circa 140 euro lordi.
Si potrebbe pensare ad una differenza simile tra un docente non specializzato e uno specializzato, a patto però che quello specializzato sia realmente in servizio su posto di sostegno.
Una specie di indennità da togliere nel momento in cui il docente chiede trasferimento su posto comune.
Torna in alto Andare in basso
michetta

avatar

Messaggi : 5003
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Mar Ott 10, 2017 9:13 pm

grazie Stefi
quindi nella prima fascia (sotto i 9 anni) ci sono circa un'ottantina di euro di differenza (al mese) tra primaria e secondaria.
Torna in alto Andare in basso
Stefania Biancani



Messaggi : 3807
Data d'iscrizione : 01.07.16

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Mar Ott 10, 2017 10:12 pm

Quando arriverà la ricostruzione di carriera dovremo cambiare casa per i sacchi di denaro che entreranno!!!

Comunque per tutte queste domande c'è la sezione apposita del Forum, dove la moderatrice FraDaCla è espertissima. ;-)
Torna in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Mer Ott 11, 2017 9:19 am

michetta ha scritto:

ho letto questa novità
https://www.orizzontescuola.it/concorso-2018-superamento-procedura-sostegno-permette-accesso-anche-classe-concorso/

chi supererà il concorso/Fit per il sostegno automaticamente supererà anche quello per la classe di concorso di accesso e potrà scegliere su quale posto continuare il percorso.

Sono abbastanza incredula, questa non me l'aspettavo

La prova scritta per il sostegno è aggiuntiva, rispetto a quelle previste per la propria classe di concorso. Quindi mi sembra equo che se uno supera entrambe possa scegliere quale percorso FIT fare. Se sceglie il percorso per il sostegno, però, sarà messo in ruolo su sostegno.
Immagino che sceglierà il sostegno (1) chi è motivato a fare l'insegnante di sostegno e (2) chi dovrebbe comunque aspettare anni per entrare a fare il FIT su classi di concorso estremamente lente, per le quali i posti saranno pochissimi. Come adesso, quindi.
Torna in alto Andare in basso
michetta

avatar

Messaggi : 5003
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Mer Ott 11, 2017 1:18 pm

geo&geo ha scritto:
michetta ha scritto:

ho letto questa novità
https://www.orizzontescuola.it/concorso-2018-superamento-procedura-sostegno-permette-accesso-anche-classe-concorso/

chi supererà il concorso/Fit per il sostegno automaticamente supererà anche quello per la classe di concorso di accesso e potrà scegliere su quale posto continuare il percorso.

Sono abbastanza incredula, questa non me l'aspettavo

La prova scritta per il sostegno è aggiuntiva, rispetto a quelle previste per la propria classe di concorso. Quindi mi sembra equo che se uno supera entrambe possa scegliere quale percorso FIT fare. Se sceglie il percorso per il sostegno, però, sarà messo in ruolo su sostegno.
Immagino che sceglierà il sostegno (1) chi è motivato a fare l'insegnante di sostegno e (2) chi dovrebbe comunque aspettare anni per entrare a fare il FIT su classi di concorso estremamente lente, per le quali i posti saranno pochissimi. Come adesso, quindi.

capito, grazie
La mia incredulità si basa(va) sul fatto che è ormai da tempo che si parla di fare del sostegno una classe di concorso ben distinta, a sé stante. Non avevo letto con attenzione la tipologia delle prove (ora l'ho fatto). Effettivamente stando così la situazione, la possibilità di scelta è equa. Se il miur intende formare davvero gli insegnanti secondo il reale fabbisogno dovrà però mettere a bando per il sostegno numeri molto, molto alti. Spero che non faccia come per il tfa...
Torna in alto Andare in basso
A0quarantasette



Messaggi : 3330
Data d'iscrizione : 29.08.12

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Ven Ott 20, 2017 4:48 pm

verdeacqua ha scritto:
A0quarantasette ha scritto:
michetta ha scritto:
A047 hai fatto un esempio mettendo a confronto due professionalità completamente differenti (e non solo per carico di lavoro-tra l'altro conosco medici, compreso il mio di base che svolgono monte orario anche superiore alle 36/39 ore di un impiegato. Poi ci sono certamente anche le situazioni che hai citato, ma il tuo paragone, a mio parere, è improponibile)
Attualmente, quando parliamo di insegnanti di sostegno e curricolari non possiamo che confrontarci invece con un'identica figura professionale, il cui carico di lavoro e il cui stipendio sono regolati da un comune contratto di lavoro e la cui professione è regolata dalla medesima normativa.
La specializzazione è di sicuro qualcosa in più, un valore aggiunto dal punto di vista professionale. Chi l'ha presa, però, lo ha fatto del tutto volontariamente, consapevole di spendere tempo (tanto) e soldi (tanti). Non è che il mio titolo "in più" mi deve in qualche modo essere ripagato dal mio datore di lavoro (e dalla comunità dunque). Due insegnanti di matematica, scuola media, sono pagati allo stesso modo, anche se uno ha una laurea in biologia e l'altro ne ha due, una in Matematica e una in Fisica nucleare.
Così è per la maestra della primaria che è in ruolo grazie alla sua laurea in scienze della formazione e per la sua collega che si è diplomata alle magistrali nel 1975.  
Intendo che non è un titolo in più a decretare la necessità di differenziare i rispettivi stipendi. Sempre dal mio punto di vista, ovvio. Rispetto anche il tuo (e in parte lo comprendo).
Nonostante ciò, in questa sorta di "fantascuola" credo che se il miur differenziasse gli stipendi delle due figure, metti ...500 euro in più agli specializzati, sono certa che le iscrizioni ai tfa avrebbero un cospicuo incremento.. e molti, ti dico molti, digerirebbero d'un botto anche l'aumento del vincolo a 10 anni.
io non sono tra quei molti.

Invece secondo me, il titolo in più va ripagato se si tratta di un titolo obbligatorio richiesto dal profilo professionale. Faccio l'esempio degli ITP: molti di loro sono laureati, però il loro stipendio è più basso di quello degli altri insegnanti; ciò perché il titolo di laurea nel loro caso non è richiesto. Lo stesso si potrebbe dire ad esempio di un dottorato: è un titolo in più, ma non obbligatorio.
Nel caso dei docenti di sostegno invece il titolo è obbligatorio.
Sono d'accordo!
Tra l'altro sono una maestra e non trovo giusto che io, laureata in SFP, guadagno di meno dei colleghi laureati della secondaria, proprio in virtù del fatto che oggi (già da molti anni) il titolo per insegnare alla scuola primaria/infanzia è la laurea!
Per tornare al sostegno, in qualunque professione viene riconosciuto un titolo/specializzazione aggiuntivo come è quello del sostegno.
Sono d'accordo che un incentivo economico farebbe diminuire il flusso da sostegno a materia, non è necessario che sia enorme, anche un quid in più...giusto per sottolineare la differenza (o per invogliare a specializzarsi).


Ecco qua!

Vedo che qualcuno ci ha già pensato...

https://www.orizzontescuola.it/contratto-entro-meta-dicembre-aumento-medio-85-euro-lordi-premi-insegnanti-lavorano-sostegno-scuole-frontiera-educazione-adulti/


Leggiamo infatti “Nella contrattazione proporremo premi per i docenti che lavorano sul sostegno, nelle scuole di frontiera, nell’educazione degli adulti e per la continuità didattica generale”.


Torna in alto Andare in basso
giovanna onnis

avatar

Messaggi : 19606
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Ven Ott 20, 2017 7:02 pm

Anche noi docenti curricolari lavoriamo sul sostegno considerando che:

1- gli alunni H sono chiaramente anche nostri alunni e non essendo "coperti" dal docente di sostegno per l'intero orario settimanale lavoriamo anche noi con loro in modo individualizzato con tutte le difficoltà legate alla gestione contemporanea di un'intera classe

2- facciamo sostegno ai numerosissimi alunni DSA, BES con elaborazionbe del PDP, attivazione di percorsi personalizzati ad hoc e predisposizione di materiale facilitato

Torna in alto Andare in basso
arrubiu
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 14336
Data d'iscrizione : 24.10.14
Località : Casteddu70

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Ven Ott 20, 2017 7:05 pm

giovanna onnis ha scritto:
Anche noi docenti curricolari lavoriamo sul sostegno considerando che:

1- gli alunni H sono chiaramente anche nostri alunni e non essendo "coperti" dal docente di sostegno per l'intero orario settimanale lavoriamo anche noi con loro in modo individualizzato con tutte le difficoltà legate alla gestione contemporanea di un'intera classe

2- facciamo sostegno ai numerosissimi alunni DSA, BES con elaborazionbe del PDP,  attivazione di percorsi personalizzati ad hoc e predisposizione di materiale facilitato

Beh per sostegno ovviamente si intende altro.
Ma a parte questo particolare, hai perfettamente ragione.
Sono contrario alla differenziazione economica, la funzione docente è una.
Torna in alto Andare in basso
enricat



Messaggi : 2057
Data d'iscrizione : 27.11.10

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Sab Ott 21, 2017 11:55 am

arrubiu ha scritto:
Il sostegno è una gigantesca eccezione nel sistema scolastico.
Non ci sono insegnanti a sufficienza, molti lo usano come scorciatoia, sicuramente.
Ma se non ci fosse questa possibilita probabilmente avremmo ancora meno insegnanti.
Non so quanto sia praticabile un qualche incentivo economico (e forse non sarei d'accordo).

Io su questa cosa non ci metterei la mano sul fuoco. Per me usano come scorciatoia il sostegno i non specializzati, accumulano punti e poi entrano sulla materia. Gli specializzati rimangono incastrati nel sostegno.

Sull'incentivo economico invece sono d'accordo. Ho una specializzazione in più, ho studiato di più, mi paghi di più.
Torna in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 3333
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 28

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Sab Ott 21, 2017 3:23 pm

elirpe ha scritto:
http://www.orizzontescuola.it/sostegno-anief-record-la-volta-docenti-organico-diritto-superano-quota-100mila-un-alunno-tre-continua-ad-supplente/

Come risolvereste il problema del sostegno, in cui ancora restano 40 mila cattedre scoperte, anche per oggettiva carenza di specializzati?

Per risolvere il problema delle scoperture di organico (problema endemico nelle grandi città del nord italia) occorrerebbe avere personale docente residente effettivamente  in provincia e che non veda il nord come tappa temporanea di passaggio per poi chiedere il prima possibile trasferimento.

Per ottenere questo però occorrerebbe PAGARE di più chi lavora a scuola se necessario introducendo una sorta di gabbia salariale.
1400 euro a Milano non sono 1400 euro a Palermo.
Il problema della scarsità di docenti al sud non esiste, anzi nel mezzogiorno ce ne sono anche troppi.
Ora se facessimo finta che la scuola sia un ente totalmente privato a scarsità di lavoratori (non c'è offerta di prestare lavoro di sostegno in modo stabile e continuativo) il datore di lavoro DOVREBBE alzare le paghe per aumentare l'offerta di chi presta il proprio tempo in cambio di una retribuzione. Questo sarebbe l'unico modo veramente efficace per avere docenti di sostegno nel nord italia, alzare l'appetibilità della carriera lavorativa nel settore scolastico.
Torna in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 3333
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 28

MessaggioTitolo: Re: Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.   Sab Ott 21, 2017 3:36 pm

arrubiu ha scritto:
giovanna onnis ha scritto:
Anche noi docenti curricolari lavoriamo sul sostegno considerando che:

1- gli alunni H sono chiaramente anche nostri alunni e non essendo "coperti" dal docente di sostegno per l'intero orario settimanale lavoriamo anche noi con loro in modo individualizzato con tutte le difficoltà legate alla gestione contemporanea di un'intera classe

2- facciamo sostegno ai numerosissimi alunni DSA, BES con elaborazionbe del PDP,  attivazione di percorsi personalizzati ad hoc e predisposizione di materiale facilitato

Beh per sostegno ovviamente si intende altro.
Ma a parte questo particolare, hai perfettamente ragione.
Sono contrario alla differenziazione economica, la funzione docente è una.

Bisognerebbe riflettere su un elemento oggettivo:

se a Milano (città dove lavoro io) ci sono oltre 3800 posti vacanti di sostegno per la primaria (se non ricordo male) è perchè alle condizioni date NON E' CONVENIENTE (o gran parte delle persone non reputano conveniente, il che è lo stesso) imbarcarsi nella professione del docente di sostegno, perchè ci sono ALTRE alternative più appetibili e appaganti sul piano economico e di carriera (e questo nonostante una crisi economica che ha picchiato duro)
Infatti chi abbiamo a Milano che fa il docente di sostegno?
CHi non ha alternativa, cioè i docenti che vengono da Sicilia, Calabria, Campania, Puglia etc, in pratica dalle regionitra le più depresse d'europa, escludendo forse alcune regioni dell'est europa (che in questi anni però solitamente son cresciute in termini di tasso di incremento di pil).
Se la mia analisi è corretta, al netto di divieti, leggi, vincoli (che poi IMMANCABILMENTE vengono derogati e vanificati in sede di contrattazione con i sindacati o direttamente in parlamento, vedere emendamento Puglisi o dagli interessati con l'escamotage della 104 che è diventato il viatico per il trasferimento al paesello d'origine) FORSE per avere personale docente sul sostegno (e non solo) occorrerebbe usare proprio la LEVA di una retribuzione quantomeno adeguata e dignitosa.

Voglio dire: se accettiamo che il salario sia ANCHE determinato in base alla scarsità (troppi lavoratori-> il datore di lavoro abbassa il livello salariale) perchè a scarsità di lavoratori non c'è il fenomeno inverso (non trovo docenti al nord gli alzo le paghe?)
Torna in alto Andare in basso
 
Ancora 40 mila posti scoperti sul sostegno.
Torna in alto 
Pagina 2 di 3Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» Adeguamento dell'organico e posti in deroga sostegno
» Insegnare diritto da zero
» Posti di sostegno in deroga
» insegnante di sostegno: è obbligatorio?
» 10 posti per chat su Skype con la Psicologa del Forum per i soli iscritti alla Onlus

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: